Red Hat e Oracle: Linux è desktop

Le due aziende si dicono pronte a dare al client di Red Hat Linux la potenza dei database Oracle e i tool per collaborazione e condivisione. Nuova linfa per la battaglia campale che vuole un Linux potente e versatile sul desktop


San Francisco (USA) – La conferma della collaborazione avviata da Oracle e Red Hat per un grande progetto di sviluppo su Linux per il desktop smuove ulteriormente le acque in cui nuota un instancabile Pinguino.

Se fino a poco tempo fa il mercato desktop era visto dalle aziende legate a Linux come un terreno ostile e quasi impenetrabile, oggi le cose stanno rapidamente cambiando. A dimostrarlo, oltre alla recente nascita di realtà come Lindows, Xandros ed altre società che trovano il loro core business nell’offerta di soluzioni desktop basate su Linux, c’è l’ingresso in questo nuovo spazio di storici distributori come Red Hat e SuSE o, ancora, il recente annuncio con cui Sun ha delineato una nuova strategia che prevede la vendita di workstation Linux basate sull’architettura standard dei PC.

Una certa parte dell’industria si va dunque convincendo che per Linux sia effettivamente arrivato il momento tanto atteso: porsi come un’alternativa credibile a Windows anche in un mercato, quello dei PC desktop, dove il sistema operativo di Microsoft gode oggi di una posizione quasi monopolistica.

Red Hat, che con il recente rilascio della versione 8.0 della propria distribuzione ha già dimostrato di voler corteggiare con molta più convinzione, rispetto al passato, gli utenti desktop, è ora intenzionata ad espandere la propria strategia con l’aiuto di Oracle.

Insieme alla partner, l’azienda dal cappello rosso ha infatti annunciato di voler migliorare la versione client della propria distribuzione dando la possibilità agli utenti Linux di far girare il software di Oracle sui PC desktop e i notebook.

La strategia si tradurrà nel porting verso la versione desktop di Red Hat Linux di due software chiave di Oracle: Enterprise Manager, una suite di prodotti per la gestione dei database, e Oracle Collaboration Suite, un insieme di applicativi per la collaborazione aziendale che includono funzionalità di calendario e messaggistica.

Matthew Szulik, presidente e CEO di Red Hat, sostiene che rispetto al passato Linux ha ora tutti gli strumenti per ben figurare nel desktop. E ritiene che software come Mozilla, KDE e Gnome abbiano ormai raggiunto un buon livello di maturità e siano pronti per dare agli utenti desktop una valida alternativa a Windows. Nonostante questo, Szulik è convinto che il cammino verso questa meta è appena iniziato e il lavoro da fare è ancora tanto.

Il boss di Red Hat sostiene che le grandi società open source che puntano al mercato desktop devono innanzitutto essere sicure di poter crearsi solide basi nel settore dei server, al momento assai più remunerativo: in questo modo, secondo Szulik, diviene possibile affrontare con più lucidità e incisività la sfida rappresentata dall’introduzione del Pinguino sui PC di case e uffici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E chi l'ha appena comprato a 449euro?
    ...vorrei sapere cosa diranno i magnati a chi ha appena comperato un palmare PocketPC a 449e (o più) dalle caratteristiche equivalenti a quelli reclamizzati a 199$ della Dell ...insomma ...credo che più che vendita sia "imbroglio" alle tasche degli acquirenti... non si può da un mese all'altro cambiare così il prezzo! :(CiauuSpank
    • Anonimo scrive:
      Re: E chi l'ha appena comprato a 449euro?

      ...vorrei sapere cosa diranno i magnati a
      chi ha appena comperato un palmare PocketPC
      a 449e (o pi?) dalle caratteristiche
      equivalenti a quelli reclamizzati a 199$
      della Dell
      ...insomma ...credo che pi? che vendita sia
      "imbroglio" alle tasche degli acquirenti...
      non si pu? da un mese all'altro cambiare
      cos? il prezzo! :(Lo ha fatto anche palm quando tagli? del 40% il prezzo del palmIIIc in USA in mezza giornata per l'uscita del Prism... quindi microsoft ha solo preso ad esempio il suo rivale.Certo da questa lotta ? l'utente ad uscire perdente, condivido.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Quando telecom lo fece con l'accesso ad internet
    fu multata. Microsoft putroppo non è una azienda italiana. E' facile regalare quando si hanno i soldi, così però si monopolizza il mercato. Lo si può anche ritenere giusto ma io lo ritengo sbagliato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quando telecom lo fece con l'accesso ad internet
      - Scritto da: Piratone
      fu multata. Microsoft putroppo non è una
      azienda italiana. E' facile regalare quando
      si hanno i soldi, così però si monopolizza
      il mercato. Lo si può anche ritenere giusto
      ma io lo ritengo sbagliato.Mi spieghi cosa, nello specifico, sta regalando MS? Thanx
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra una svolta
    Vedo che tra tablet pc e pocketpc finalmente qualcosa si muove. Curioso che a muovere il tutto sia Microsoft. Avanti cosi'.
    • Anonimo scrive:
      Re: il futuro e HW non SW
      - Scritto da: Frankie
      Vedo che tra tablet pc e pocketpc finalmente
      qualcosa si muove. Curioso che a muovere il
      tutto sia Microsoft. Avanti cosi'.il futuro e nell'HW l'IBM l'aveva capito molto tempo fa ed ora anche con ritardo la MS comincia a muoversi (ricordate Internet).Cosa ci porterà il futuro, spero prodotti altamente tecnologici e a basso costo
  • Anonimo scrive:
    Come si fa a programmare su un palm ?
    Salve, io sono un felicissimo proprietario di Palm da anni, ultimamente pero' un mio cliente mi ha chiesto una piccola applicazione per consultare un database esportato dal suo gestionale.Ho subito trovato un programmatore per Visual Basic in versione, ovviamente, pocketpc; se e' cosi' facile trovare strumenti per il pocketpc, qualcuno mi segnala una risorsa analoga per il caro Palm ?Sarei ben felice di proporre una soluzione "palm based" piuttosto che il solito windows !P.S. forse e' un po' off topic questo messaggio, ma la morale e': la diffusione la fa il dispositivo stesso o il parco software a corredo ??? E' un po' come il tormentone play2 xbox, quest'ultimo e' molto meglio come qualita'/prezzo della cuginetta sony, ma se la sogna la moltitudine di titoli disponibili. ciao !
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si fa a programmare su un palm ?

      Ho subito trovato un programmatore per
      Visual Basic in versione, ovviamente,
      pocketpc; se e' cosi' facile trovare
      strumenti per il pocketpc, qualcuno mi
      segnala una risorsa analoga per il caro Palm
      ?Non ne ho la piu' pallida idea... ma secondo me con Google ed un po' voglia la fonte delle risorse la trovi :)Male che vada ho un (quasi)amico che lavora per una societa' specializzata nella fornitura di soluzioni software per Palm... Credo che lui conosca tutte le risorse disponibili.
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si fa a programmare su un palm ?
      Se vuoi programmare in VB (mmmhhh....) c'è appforgeSe vuoi fare applicazioni serie (ma devi essere bravo) c'è CodeWarrior (C++).Ci sono anche soluzioni Java per il palmare (mi sembra che la VM Java si chiami waba ma non ricordo bene)Ciaomichele
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si fa a programmare su un palm ?
      Se vuoi programmare in basic su palmare puoi usare nsbasic http://www.nsbasic.com/.ciaoSImone
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si fa a programmare su un palm ?
      Puoi usare j2me magari basandoti anche su Oracle lite. Ho un m100 e sto facendo qualche programmino in j2me...considerà che è il modello più economico. Come ide vedi il sito sun o ibm o borland.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si fa a programmare su un palm ?

      Salve, io sono un felicissimo proprietario
      di Palm da anni, ultimamente pero' un mio
      cliente mi ha chiesto una piccola
      applicazione per consultare un database
      esportato dal suo gestionale.

      Ho subito trovato un programmatore per
      Visual Basic in versione, ovviamente,
      pocketpc; se e' cosi' facile trovare
      strumenti per il pocketpc, qualcuno mi
      segnala una risorsa analoga per il caro Palm
      ?
      puoi provare a guardare http://www.palmos.com/dev/tools/http://www.falch.net/ciao
  • Anonimo scrive:
    perdendo soldi
    "La nostra azienda - ha commentato Nagel - prospererà nonostante la pressione dei prezzi e la volontà di Microsoft". Una Microsoft che, secondo il boss di PalmSource, "sta perdendo soldi su ogni Pocket PC venduto".e che vuoi che gliene freghi? quando avra' svenduto sottocosto milioni di pocketpc, bruciando l'1% delle sue risorse, e voi sarete al lumicino, passera' all'incasso e guadagnera' 10 volte quello che ha perso.Solita strategia...avanti il prossimomicrosoft... chi vuoi far fallire oggi?
    • Anonimo scrive:
      Re: perdendo soldi
      c'è da dire però che ho notato diversi utenti Palm passare a Pocket Pc per via deio loro schermi colorati , per via delle belle icone, per poi rivenderli e riaqcuistare il loro bel palmare perchè è semplice, è potente ed ha tutto quello che può servire a quella classe di utenti
    • Anonimo scrive:
      Re: perdendo soldi

      "La nostra azienda - ha commentato Nagel -
      prospererà nonostante la pressione dei
      prezzi e la volontà di Microsoft". Una
      Microsoft che, secondo il boss di
      PalmSource, "sta perdendo soldi su ogni
      Pocket PC venduto".pazzescoadesso ci si lamenta perche' i prezzi calano....a me che MS ci perda o no me ne frega pocopero' xbox a 200 euro e' a un prezzo incredibileora la comprerei a 399 se la tenevanocosi' sara' forse con i palm/pocket pc..se pocket pc comincera' a costare di piu' di qualcosa concorrente, la gente si spostera'.Il portafogli ha ancora un peso nelle valutazioni.E poi scusami.Facciamo un esempio.Linux, e tutti i *BSD sono gratis.Eppure hanno basi di installato molto piu' basse rispetto ai sistemi commerciali a pagamento.Allora non e' detto che cio' che costa meno sia sempre preferito...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: perdendo soldi
        - Scritto da: maks

        "La nostra azienda - ha commentato Nagel -

        prospererà nonostante la pressione dei

        prezzi e la volontà di Microsoft". Una

        Microsoft che, secondo il boss di

        PalmSource, "sta perdendo soldi su ogni

        Pocket PC venduto".

        pazzesco
        adesso ci si lamenta perche' i prezzi
        calano....
        a me che MS ci perda o no me ne frega poco
        pero' xbox a 200 euro e' a un prezzo
        incredibile
        ora la comprerei a 399 se la tenevano
        cosi' sara' forse con i palm/pocket pc..
        se pocket pc comincera' a costare di piu' di
        qualcosa concorrente, la gente si spostera'.
        Il portafogli ha ancora un peso nelle
        valutazioni.
        E poi scusami.
        Facciamo un esempio.
        Linux, e tutti i *BSD sono gratis.
        Eppure hanno basi di installato molto piu'
        basse rispetto ai sistemi commerciali a
        pagamento.
        Allora non e' detto che cio' che costa meno
        sia sempre preferito...

        ciaoConfermo e sottoscrivo: sono un felicissimo possessore di iPAQ 3130 (Ancora in B/N!!!)...E mi alletta il nuovo prodotto della dell, che dovrebbe costre 199$...Vedremo...PSTomTom Citymaps per PocketPC è una figata! :)
      • Anonimo scrive:
        Re: perdendo soldi
        - Scritto da: maks
        pazzesco
        adesso ci si lamenta perche' i prezzi
        calano....non mi lamento che i prezzi calino. Mi lamento del fatto che appena palm non esistera' piu', torneranno a crescere.
        a me che MS ci perda o no me ne frega poco
        pero' xbox a 200 euro e' a un prezzo
        incredibile
        ora la comprerei a 399 se la tenevanoio me ne frego e grazie a xbox mi compro a meno una ps2.
        cosi' sara' forse con i palm/pocket pc..
        se pocket pc comincera' a costare di piu' di
        qualcosa concorrente, la gente si spostera'.
        Il portafogli ha ancora un peso nelle
        valutazioni.vero
        E poi scusami.
        Facciamo un esempio.
        Linux, e tutti i *BSD sono gratis.
        Eppure hanno basi di installato molto piu'
        basse rispetto ai sistemi commerciali a
        pagamento.non sui server
        Allora non e' detto che cio' che costa meno
        sia sempre preferito...si chiama soglia di ingresso sul mercato.e solitamente tale soglia e' mooolto alta quando il mercato cade nelle mani di microsoft.non che microsoft sia l'unica, s'intende, ma e' l'unica ad avere la capacita' economica per prendere il mercato altrui a forza di vendite sottocosto di prodotti proprietari e volutamente incompatibili.
        • Anonimo scrive:
          Re: perdendo soldi


          pazzesco

          adesso ci si lamenta perche' i prezzi

          calano....

          non mi lamento che i prezzi calino. Mi
          lamento del fatto che appena palm non
          esistera' piu', torneranno a crescere.
          chi ha detto Palm non esistera' piu'?e perche' Palm non fa qualcosa?la colpa della crisi della Fiat di chi e'?delle altre case che hanno fatto modelli migliori?

          a me che MS ci perda o no me ne frega poco

          pero' xbox a 200 euro e' a un prezzo

          incredibile

          ora la comprerei a 399 se la tenevano

          io me ne frego e grazie a xbox mi compro a
          meno una ps2.
          appuntograzie a pocket pc domani un palm costera' meno...ti dispiace?a me no...e grazie alla concorrenza le console oggi scendono di przzo molto velocemente e la qualita e' certamente superiore al periodo di monopolio PS/PS2

          Allora non e' detto che cio' che costa
          meno

          sia sempre preferito...

          si chiama soglia di ingresso sul mercato.
          e solitamente tale soglia e' mooolto alta
          quando il mercato cade nelle mani di
          microsoft.
          non che microsoft sia l'unica, s'intende, ma
          e' l'unica ad avere la capacita' economica
          per prendere il mercato altrui a forza di
          vendite sottocosto di prodotti proprietari e
          volutamente incompatibili.
          palm non mi pare sia una piattaforma aperta...cosi' come non lo e' symbian se sviluppi per uno sei incompatibile con l'altro..ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: perdendo soldi

          si chiama soglia di ingresso sul mercato.
          e solitamente tale soglia e' mooolto alta
          quando il mercato cade nelle mani di
          microsoft.
          non che microsoft sia l'unica, s'intende, ma
          e' l'unica ad avere la capacita' economica
          per prendere il mercato altrui a forza di
          vendite sottocosto di prodotti proprietari e
          volutamente incompatibili.
          ci sono stati (e forse ci sono ancora) palmari e hand held con su linux.Cosi' si tagliano i costi del software si diceva.Non hanno mai attecchito.E non li regalavano neanche.Ovvero, le previsioni di diminuzione dei costi non si sono avverate.E questo certamente non per colpa di linux, ma perche' i produttori dell'hardware hanno continuato a credere di poter lucrare su questo mercato, ancora in espansione e fatto da geek pronti a spendere qualsiasi cifra per avere l'ultimo feticcio digitale.
Chiudi i commenti