Red Hat offre in prova il kernel 2.6

Grazie ad un aggiornamento non ufficiale diffuso da uno sviluppatore dello staff dell'azienda dal cappello rosso, gli utenti di Red Hat 9 più impazienti possono già saggiare le potenzialità del nuovo kernel Linux 2.6
Grazie ad un aggiornamento non ufficiale diffuso da uno sviluppatore dello staff dell'azienda dal cappello rosso, gli utenti di Red Hat 9 più impazienti possono già saggiare le potenzialità del nuovo kernel Linux 2.6


Raleigh (USA) – Red Hat ha rilasciato un aggiornamento “non ufficiale” che permette agli utenti di Red Hat Linux 9 di provare una versione preliminare del nuovo kernel 2.6, lo stesso che negli scorsi giorni è entrato in quella fase di test che entro pochi mesi dovrebbe portare al rilascio della release finale 2.6.0.

L’aggiornamento, disponibile qui sotto forma di file RPM, si basa sulla versione 2.6.0-test1.1 del kernel Linux ed è stato adattato per Red Hat Linux 9 dallo sviluppatore di Red Hat Arjan van de Ven.

Sebbene il nuovo kernel sia ancora in fase di test, Linus Torvalds ha invitato il maggior numero possibile di aziende e distributori a provarlo e saggiarne la stabilità, questo anche in previsione di una più rapida adozione sul mercato nel momento del suo rilascio ufficiale.

L’Open Source Development Lab (OSDL), lo stesso consorzio in cui lavora da poche settimane Torvalds, sostiene già da mesi che il kernel 2.5 (ora divenuto 2.6) sia pronto per il testing in ambienti di produzione. L’OSDL ha dato un cospicuo contributo al processo di testing e maturazione del kernel 2.5 attraverso il progetto Linux Stabilization , un’iniziativa partita ufficialmente lo scorso gennaio con l’obiettivo di aiutare la comunità a rendere stabile il kernel 2.5 e accelerare così il rilascio del 2.6. I risultati del progetto vengono periodicamente pubblicati qui . Fra i test utilizzati ci sono quelli del Linux Test Project, un progetto finanziato da SGI, IBM, Bull, Wipro e lo stesso OSDL per fornire alla comunità open source una suite di strumenti con cui verificare l’affidabilità, la robustezza e la stabilità di Linux.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 07 2003
Link copiato negli appunti