Register.it applaude la rivoluzione dei domini

Register.it applaude la rivoluzione dei domini

La società italiana che registra domini internet sostiene che con la scomparsa della Naming Authority ora sarà tutto più facile. Nelle mani della Registration Authority
La società italiana che registra domini internet sostiene che con la scomparsa della Naming Authority ora sarà tutto più facile. Nelle mani della Registration Authority


Roma – Ieri Register.it, nota società del Gruppo Dada impegnata nel business della registrazione dei domini internet, ha fatto sapere non solo di essere felice per la clamorosa cancellazione della Naming Authority (NA) ma di ritenere che ora si apra una nuova epoca per il settore in Italia.

Secondo Register, l'accorpamento di tutte le funzioni all'interno della Registration Authority (RA), che fino ad oggi delegava alla NA la determinazione delle regole dei domini.it, significa seguire quello che già accade in altri paesi europei e garantire “più trasparenza per gli utenti, più intransigenza nei confronti degli operatori che non rispettano gli adempimenti previsti dal nuovo contratto”.

Secondo Register.it, le attuali difficoltà dei domini italiani possono essere sottolineate da un raffronto tra i dati nostrani e quelli tedeschi: se in Italia si sono registrati meno di 750mila domini.it, in Germania si sono registrati 6 milioni di domini.de. Dati che non sono però accompagnati dal dettaglio di quanti italiani hanno registrato domini internet,.it o internazionali.

Ad ogni modo l'azienda sostiene che “il modello che si va realizzando è lo stesso adottato con successo dalle più importanti authority europee, con un Registro pienamente responsabile, nel bene e nel male, di tutto quello che ha a che fare con la gestione dei servizi di registrazione e mantenimento dei nomi a dominio.it, regole e procedure tecniche incluse”.

In particolare, insiste Register.it, la divisione dei compiti tra Naming e Registration Authority portava come “ovvie conseguenze” la “difficile attribuzione di responsabilità” e “un complessivo rallentamento nelle procedure”.

L'azienda ha poi sottolineato come il nuovo contratto tra RA e provider-mantainer prevede che la durata di un nome a dominio sia pari ad un anno dalla data della sua registrazione (non più ad anno solare come avveniva in precedenza).

“Non possiamo che rallegrarci di queste novità che premiano gli operatori seri a scapito di quei pochi che si approfittavano della scarsa conoscenza delle regole e delle procedure da parte degli utenti finali” – ha dichiarato Bruno Piarulli, presidente di Register.it – “Auspichiamo che la Registration Authority Italiana completi la strada intrapresa con la redazione di questo nuovo contratto istituendo al suo interno un “Comitato delle Regole” aperto a tutte le componenti che ruotano attorno al mondo dei nomi a dominio, come da noi caldeggiato fin dall'estate 2001″.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 12 2002
Link copiato negli appunti