Regno Unito, in tribunale alla ricerca di guai

Giurata condannata per aver cercato online il nome dell'imputato e aver condiviso quanto trovato con gli altri chiamati a decidere la sua sorte

Roma – Il reato “oltraggio alla corte” può assumere una nuova forma: cercare online notizie sull’imputato quando si svolge il ruolo di giurato andando a compromettere la propria neutralità di giudizio e influenzando la giuria.

L’ultimo caso che ha visto la tecnologia in veste di protagonista osteggiata nelle sale di tribunale vede, appunto, un giurato di una corte britannica condannato perché ha cercato online informazioni che non avrebbero dovuto influenzare la sentenza .

Durante il processo che aveva come imputato Barry Medlock, infatti, una donna della giuria, la 34enne britannica di origine greca docente di psicologia Theodora Dallas, ha consultato Internet arrivando ad informazioni che potrebbero aver influenzato la capacità di giudizio sua e del resto della giuria da lei successivamente informata di quanto scoperto .

L’imputato era accusato di aver provocato “gravi danni fisici”, linguaggio specifico che per la normativa britannica configura tutte quelle situazioni in cui vengono causate ferite gravi. Proprio per chiarirsi il preciso significato di tali parole, tuttavia, Dallas avrebbe provveduto a cercare online tale formula, in inglese “grievous bodily harm”. Poi, forse spinta dalla curiosità, avrebbe affinato la ricerca aggiungendo la parola “Luton”, nome della città dove si svolgeva il processo.

A quel punto è incappata in un articolo di giornale che raccontava di una precedente accusa di stupro mossa nei confronti dell’imputato Medlock: accusa che non avrebbe dovuto influenzare il caso, in quanto l’uomo ne era stato assolto.

Nonostante questo, e non sapendo neanche che fosse proibito ai giurati cercare informazioni su Internet sul caso, Dallas avrebbe a quel punto ritenuto importante informare gli altri giurati di quanto scoperto. Uno di loro, tuttavia, ha informato della delazione il giudice che si è visto costretto ad abbandonare il processo (continuato poi con una giuria diversa e conclusosi con la condanna di Medlock) e a rinviare la donna a giudizio per oltraggio alla corte.

In pratica, nei tribunali che chiedono l’intervento di una giuria popolare, ai giurati si chiede di agire come dietro un “velo di ignoranza”: una tabula rasa che lascia a valutare il caso solo il senso comune, ignorando fatti non presentati da accusa e difesa ed eventuali discriminazioni legate ad altri fattori.

Dallas aveva invece disobbedito a questo principio e a quanto prescritto ai giurati dal giudice (in particolare per quanto riguarda la proibizione di cercare online notizie sul procedimento) ed in questo modo avrebbe influenzato la giuria ed arrecato un danno all’amministrazione della giustizia .
Per questo la donna è stata condannata a 6 mesi di carcere .

Mentre prima bastava chiudere il gruppo di giurati in una stanza provvedendo ad escluderli da quello che succede fuori, con l’attuale diffusione di smartphone e dispositivi mobile il controllo è, se non impossibile, quantomeno molto difficile: nel caso in esame solo la condivisione delle informazioni trovate con altri ha portato ad individuare il comportamento scorretto.

Oltre a questo caso, poi, sono diverse le forme di interferenza tra sistema giudiziario e tecnologia: l’ episodio più curioso vede un cittadino statunitense chiamato a svolgere il ruolo di giurato cercare di scampare all’onere aggiungendo ai propri amici l’imputato (salvandosi per un pelo dalla condanna alla prigione); in un altro un procedimento della Corte Suprema statunitense ha deciso di ripetere un procedimento perché uno dei giurati, pur non entrando nel merito ma limitandosi a parlare di caffè e tempo, ha utilizzato il suo smarpthone per twittare.

A differenza di questi casi statunitensi, Dallas rischia, neanche fosse la protagonista di un mito greco, di veder tutta la sua vita compromessa dalla sua curiosità : per lei niente clemenza dalla Corte, tanto che la pena non è stata sospesa dal giudice. E i sei mesi di prigione rischiano ora di mettere a repentaglio la sua carriera d’insegnante: ha già dato le dimissioni dal suo attuale posto di lavoro.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Technology Liberation Front scrive:
    3D Printing: The Future is Here
    http://www.techliberation.com/2011/06/10/3d-printing-the-future-is-here 3D Printing: The Future is Here
  • Torrent Freak scrive:
    3D Printed Pirate Bay Ship Arrives
    https://www.torrentfreak.com/first-downloaded-and-3d-printed-pirate-bay-ship-arrives-120205 First Downloaded and 3D Printed Pirate Bay Ship Arrives
  • The Pirate Bay scrive:
    The Pirate Bay lancia i Physibles
    http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/02/02/news/pirate_bay_lancia_i_pysbles_oggetti_reali_da_stampare_in_3d-29087296 The Pirate Bay lancia i Physibles oggetti reali da stampare in 3D
  • bertuccia scrive:
    you wouldn't download a shoe
    <b
    </b
  • Wolf01 scrive:
    L'avevo detto io
    Appena iniziano a COPIARE pure la materia e non più solo i dati, ecco accuse di pirateria anche lì.Attendo il replicatore di Star Trek.
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: L'avevo detto io
      https://www.torrentfreak.com/paramount-cease-and-desist-targets-3d-printer-pirate-110628 Paramount Cease and Desist Targets 3D Printer "Pirate" p)
    • pjt scrive:
      Re: L'avevo detto io
      Dubito molto che si riuscirà a scasricare un iPad... ;)
      • PiruPiru scrive:
        Re: L'avevo detto io
        - Scritto da: pjt
        Dubito molto che si riuscirà a scasricare un
        iPad... ;)ma magari un correttore ortografico si ;-)
  • Simple scrive:
    Ladri di scarpe !!!
    Ma quando questo accadrà, i venditori di scarpe diventeranno come i videotecari e daranno del ladro di scarpe chiunque se le scaricherà? :)
    • non e detto scrive:
      Re: Ladri di scarpe !!!
      - Scritto da: Simple
      Ma quando questo accadrà, i venditori di scarpe
      diventeranno come i videotecari e daranno del
      ladro di scarpe chiunque se le scaricherà?


      :)non e detto. per esempio un venditore di pentole può impedirti di usare le stesse specifiche di progettazione della "sua" pentola ma non può impediti di creartene "una" pentola
      • bubba scrive:
        Re: Ladri di scarpe !!!
        - Scritto da: non e detto
        - Scritto da: Simple

        Ma quando questo accadrà, i venditori di
        scarpe

        diventeranno come i videotecari e daranno del

        ladro di scarpe chiunque se le scaricherà?





        :)
        non e detto. per esempio un venditore di pentole
        può impedirti di usare le stesse specifiche di
        progettazione della "sua" pentola ma non può
        impediti di creartene "una"
        pentolae CASUALMENTE ci saranno 8 milioni di combinazioni di pentole brevettate, quindi defacto sara' difficilissimo non violare i brevetti (e il copyright ,se si parla dei file relativi, realizzati da qlc) per farti la "tua" pentola. Storia gia vista :)
        • PiruPiru scrive:
          Re: Ladri di scarpe !!!
          - Scritto da: bubba
          e CASUALMENTE ci saranno 8 milioni di
          combinazioni di pentole brevettate, quindi
          defacto sara' difficilissimo non violare i
          brevetti (e il copyright ,se si parla dei file
          relativi, realizzati da qlc) per farti la "tua"
          pentola. Storia gia vista :)In relatà brevetteranno oggetto atto a cuocere ... così hanno più margine di manovra per bloccare
      • panda rossa scrive:
        Re: Ladri di scarpe !!!
        - Scritto da: non e detto
        - Scritto da: Simple

        Ma quando questo accadrà, i venditori di
        scarpe

        diventeranno come i videotecari e daranno del

        ladro di scarpe chiunque se le scaricherà?





        :)
        non e detto. per esempio un venditore di pentole
        può impedirti di usare le stesse specifiche di
        progettazione della "sua" pentola ma non può
        impediti di creartene "una"
        pentolaPer esempio apple ti proibira' di fare teglie rettangolari con gli angoli stondati.
  • The Pirate Bay scrive:
    Evolution: New category
    https://www.thepiratebay.org/blog/203 Evolution: New category We're always trying to foresee the future a bit here at TPB. One of the things that we really know is that we as a society will always share. Digital communication has made that a lot easier and will continue to do so. And after the internets evolutionized data to go from analog to digital, it's time for the next step.Today most data is born digitally. It's not about the transition from analog to digital anymore. We don't talk about how to rip anything without losing quality since we make perfect 1 to 1 digital copies of things. Music, movies, books, all come from the digital sphere. But we're physical people and we need objects to touch sometimes as well!We believe that the next step in copying will be made from digital form into physical form. It will be physical objects. Or as we decided to call them: Physibles. Data objects that are able (and feasible) to become physical. We believe that things like three dimensional printers, scanners and such are just the first step. We believe that in the nearby future you will print your spare sparts for your vehicles. You will download your sneakers within 20 years.The benefit to society is huge. No more shipping huge amount of products around the world. No more shipping the broken products back. No more child labour. We'll be able to print food for hungry people. We'll be able to share not only a recipe, but the full meal. We'll be able to actually copy that floppy, if we needed one.We believe that the future of sharing is about physible data. We're thinking of temporarily renaming ourselves to The Product Bay - but we had no graphical artist around to make a logo. In the future, we'll download one.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Disruptions: 3-D Printing Free-for-All
    http://bits.blogs.nytimes.com/2011/11/13/disruptions-the-3-d-printing-free-for-allDisruptions: The 3-D Printing Free-for-All p)
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Adding Our Way to Abundance
    http://www.hplusmagazine.com/2011/02/14/adding-our-way-to-abundance Adding Our Way to Abundance p)
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    Pirate Bay Wants You To Download A Car
    https://www.torrentfreak.com/the-pirate-bay-wants-you-to-really-download-a-car-120124 The Pirate Bay Wants You To Really Download A Car p)
Chiudi i commenti