REPowerEU: piano per accelerare la transizione verde

REPowerEU: piano per accelerare la transizione verde

La Commissione europea ha illustrato in dettaglio il piano REPowerUE che prevede l'obbligo di installare pannelli solari sui tetti degli edifici.
La Commissione europea ha illustrato in dettaglio il piano REPowerUE che prevede l'obbligo di installare pannelli solari sui tetti degli edifici.

Dopo la bozza di inizio marzo, la Commissione europea ha presentato il piano dettagliato per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi e accelerare la transizione verde. L’obiettivo di REPowerEU è attuare una serie di misure che permetteranno di risparmiare energia, diversificare l’approvvigionamento e incrementare la diffusione delle energie rinnovabili.

REPowerEU: 600 GW di energia solare nel 2030

La guerra in Ucraina ha causato un aumento esponenziale dei prezzi dell’energia, dovuto principalmente alla dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili della Russia. Il piano REPowerEU prevede quindi la diversificazione dell’approvvigionamento e soprattutto l’accelerazione della transizione verde. Le misure a breve e medio termine consentiranno di raggiungere tre obiettivi principali: efficienza energetica, diversificazione delle fonti e diffusione delle energie rinnovabili.

Quest’ultima misura riguarda più direttamente i cittadini europei. La Commissione ha proposto di incrementare dal 40% al 45% l’obiettivo per l’uso delle rinnovabili entro il 2030. Ciò significa che la capacità solare fotovoltaica dovrà raggiungere i 600 GW. Una delle iniziative prevede l’obbligo di installare pannelli solari sui tetti degli edifici pubblici e commerciali entro il 2026, e sui tetti dei nuovi edifici residenziali entro il 2029.

Per quanto riguarda i grandi progetti, la Commissione ha pubblicato una raccomandazione per velocizzare le procedure di autorizzazione. Altre iniziative riguardano la diffusione delle pompe di calore, la produzione di idrogeno rinnovabile e un piano di azione per il biometano.

La dipendenza dalla Russia può essere ridotta anche puntando alla diminuzione dei consumi. Il piano REPowerUE prevede un aumento dal 9% al 13% dell’obiettivo per l’efficienza energetica. Gli Stati membri devono avviare campagne informative rivolte a famiglie e industrie. Possono inoltre applicare misure fiscali per favorire il risparmio energetico, come aliquote IVA ridotte sui sistemi di riscaldamento efficienti, l’isolamento degli edifici e i prodotti efficienti sotto il profilo energetico.

I cittadini italiani possono già oggi contribuire alla riduzione della dipendenza dai combustibili fossili della Russia. Su Amazon sono disponibili diversi kit per l’installazione di pannelli fotovoltaici e solari termici per la produzione di energia elettrica e acqua calda.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 mag 2022
Link copiato negli appunti