Riaperto il grande occhio di Hubble

Risolto uno dei problemi agli impianti di ripresa del telescopio orbitante che garantirà la prosecuzione dell'attuale missione. Del futuro, però, non v'è certezza: dal 2007 Hubble a rischio
Risolto uno dei problemi agli impianti di ripresa del telescopio orbitante che garantirà la prosecuzione dell'attuale missione. Del futuro, però, non v'è certezza: dal 2007 Hubble a rischio

Hubble torna a vedere. Grazie all’intervento degli ingegneri NASA, una delle sue principali cam è nuovamente attiva, consentendo così al celebre telescopio spaziale di inviare nuovamente immagini dallo spazio a piena capacità.

Al termine della scorsa settimana gli ingegneri sono passati all’alimentazione di riserva, riattivando la Advanced Camera for Surveys, fuori uso da una quindicina di giorni, permettendo la ripresa delle osservazioni scientifiche.

La cam di Hubble era inattiva dal 19 giugno ma non vi è chiarezza sulle cause del problema. Gli ingegneri avevano ipotizzato che il problema fosse insito proprio nel voltaggio dell’alimentazione di riserva ma temevano anche che un impatto avesse danneggiato la memoria della fotocamera.

L’ The Register , ha in sostanza raddoppiato le capacità visive di Hubble guardando attraverso lo spettro di luce visibile, ultravioletto ed infrarosso. La NASA si è detta soddisfatta di constatare l’effettiva efficienza dei sistemi ridondanti, grazie ai quali sta portando avanti la sua missione quinquennale .

La supergigante rossa V838 Monocerotis vista da Hubble Tirano un grosso sospiro di sollievo alla NASA, visti i molti problemi in cui Hubble è incorso negli ultimi anni: “È la migliore notizia possibile” dichiara Ed Ruitberg, vice direttore associato per la divisione di astrofisica al Goddard Space Flight Centre della NASA. “Speravamo di risolvere il problema alla cam ed ora possiamo tornare a fare incredibili ricerche in campo scientifico”.

Dal 2007 Hubble sarà impegnato in una nuova missione di servizio ma i molti problemi del telescopio fanno temere che non potrà essere portata a compimento. Hubble necessita infatti di gravose riparazioni ai dispositivi che lo tengono in orbita: se i problemi dello Shuttle non verranno risolti, consentendo così missioni di recupero, il telescopio rischia di terminare la propria carriera e morire con il destabilizzarsi della propria orbita. A rendere le cose ancora più difficili il fatto che NASA, il cui budget è ormai ridotto all’osso, sembra poco propensa ad impegnarsi in missioni non direttamente collegate all’attività sulla Stazione Spaziale Internazionale .

Vincenzo Gentile

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 07 2006
Link copiato negli appunti