Ricette elettroniche: partenza, pronti?

Saranno i medici di famiglia della Valle d'Aosta i primi a sperimentare il nuovo sistema di trasmissione dei dati relativi alle prescrizioni mediche. Ma in regioni come il Piemonte non si è ancora giunti alla piena sperimentazione

Roma – Ad inaugurarne la definitiva implementazione sarà per prima la Valle d’Aosta, seguita a ruota dall’Emilia Romagna e poi da Abruzzo, Campania e Piemonte. Il decreto emesso dal ministero dell’Economia e delle Finanze – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale in data 5 marzo – darà così avvio all’adozione nazionale delle cosiddette ricette elettroniche.

Una nuova incombenza telematica per i vari medici di famiglia del Belpaese, che dovranno ora trasmettere allo stesso ministero delle Finanze tutti quei dati relativi alla quotidiana prescrizione delle ricette . La pratica verrà effettuata tramite il predisposto Sistema di accoglienza centrale (Sac).

Ma quali dati verranno inviati al ministero dai medici di famiglia? Il pacchetto di informazioni da trasmettere comprenderà il codice fiscale del paziente, il codice specifico della ricetta, i dati relativi ad eventuali esenzioni . Ma anche la data di compilazione e l’indicazione del tipo di visita effettuata.

Dal prossimo primo aprile saranno così i medici della Valle d’Aosta a prendere dimestichezza con il sistema di trasmissione voluto dal governo, seguiti dai loro colleghi dell’Emilia Romagna (primo maggio) e poi – a partire dal prossimo primo luglio – dalle regioni Campania, Molise, Abruzzo e Piemonte.

Stando alle direttive stabilite dal decreto, i medici saranno costretti a trasmettere i dati relativi ad almeno l’80 per cento delle ricette prescritte ogni mese . Altrimenti “è prevista – come spiegato dal segretario nazionale della Federazione medici di famiglia Giacomo Milillo – una riduzione del compenso pari all’1,15 per cento. Ma i camici bianchi saranno sanzionabili solo se in possesso di tutti gli strumenti idonei a far funzionare il sistema”.

E proprio su questo stesso funzionamento è scoppiata la polemica. “A parte la Lombardia – ha continuato Milillo – dove da tempo la ricetta elettronica è già una realtà, nelle altre regioni i medici non sono ancora in grado di partire con le ricette online. Ad esempio in Piemonte è stata condotta una sperimentazione incompleta”.

Il ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione Renato Brunetta aveva già parlato di un risparmio pari al 30 per cento sulla spesa farmaceutica dei pazienti. Una parte di questo stesso risparmio – circa 800/900 milioni di euro – deriverebbe dal taglio della carta.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Charlie Sheen scrive:
    hanno scoperto l'acqua calda...
    le web app sono nate ben prima delle app, poi per una app che utilizza per forza internet che serve una app!Dai su kazaa un po' di pubblicita' non fa mai male, bello il trucchettino della notizia farlocca.Idem per tutti i giornali XXXXX che piagnucolano, web app, che ce vo'
  • MacBoy scrive:
    240$ l'anno
    Ci hanno già provato con questi servizi "all inclusive", ma non mi sembra che il modello abbia preso piede.D'altra parte il calcolo è semplice: uno comprerebbe 240 canzoni l'anno? Tutti gli anni?Mi sembra difficile. E poi neanche ti rimangono, visto che sono in streaming. Le 240 dell'Apple store rimarrebbero tue per sempre.
    • Gasogen scrive:
      Re: 240$ l'anno
      Fino alla perdita dei file (evenienza non troppo rara anche con sistemi di backup casalinghi come TimeMachine) che Apple non permette di riscaricare da iTunes dopo averli comprati e scaricati una volta (anche se girerebbero rumors che Apple voglia permettere ulteriori download anche dopo il primo)
      • Funz scrive:
        Re: 240$ l'anno
        - Scritto da: Gasogen
        Fino alla perdita dei file (evenienza non troppo
        rara anche con sistemi di backup casalinghi come
        TimeMachine) che Apple non permette di
        riscaricare da iTunes dopo averli comprati e
        scaricati una volta (anche se girerebbero rumors
        che Apple voglia permettere ulteriori download
        anche dopo il
        primo)Cosa cosa cosa?Non compro da itunes, quindi non sapevo questa cosa. Ma è vero? A me pare una cretinata di proporzioni immani...
        • Gasogen scrive:
          Re: 240$ l'anno
          - Scritto da: Funz
          Cosa cosa cosa?
          Non compro da itunes, quindi non sapevo questa
          cosa. Ma è vero? A me pare una cretinata di
          proporzioni
          immani...Forse interpreto male io, il link è questohttp://support.apple.com/kb/HT1469
        • ruppolo scrive:
          Re: 240$ l'anno
          - Scritto da: Funz
          Cosa cosa cosa?
          Non compro da itunes, quindi non sapevo questa
          cosa.Tante cose non sai.
          Ma è vero? A me pare una cretinata di
          proporzioni
          immani...Beh, prova a farti ridare un CD perduto...
          • lordream scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Funz

            Cosa cosa cosa?

            Non compro da itunes, quindi non sapevo questa

            cosa.

            Tante cose non sai.detto da te è paradossale


            Ma è vero? A me pare una cretinata di

            proporzioni

            immani...

            Beh, prova a farti ridare un CD perduto...quale attinenza potrebbe avere questa risposta?.. senza contare che un cd è un supporto fisico
          • Funz scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Funz

            Cosa cosa cosa?

            Non compro da itunes, quindi non sapevo questa

            cosa.

            Tante cose non sai.Guarda, di quella mer*a di iTunes ci tengo a saperne il meno possibile, ma questa è assurda!

            Ma è vero? A me pare una cretinata di

            proporzioni

            immani...

            Beh, prova a farti ridare un CD perduto...Solito esempio che non c'entra una cippa di niente.Un CD se non altro è un bene fisico, anche se detieni solo una licenza d'uso sul suo contenuto. (tra l'altro hai tutto il diritto di rippartelo e tenerti il contenuto anche se il contenitore è danneggiato o perso).Un MP3? L'unica cosa che compri è una licenza d'uso. Che senso ha non permetterti di riscaricartelo? Sono così pezzenti alla Apple da non potersi permettere la banda? E' una cosa che non sta né in cielo né in terra, ma non pretendo che uno come te capisca...come al solito hai una mentalità servile nei confronti di qualunque ca**ata faccia Apple
      • ruppolo scrive:
        Re: 240$ l'anno
        - Scritto da: Gasogen
        Fino alla perdita dei file (evenienza non troppo
        rara anche con sistemi di backup casalinghi come
        TimeMachine)Mi piacerebbe sapere come fa una persona a perdere contemporaneamente i file dal iPod/iPhone (o quello che è) Mac e backup. Me lo spieghi?
        che Apple non permette di
        riscaricare da iTunes dopo averli comprati e
        scaricati una volta (anche se girerebbero rumors
        che Apple voglia permettere ulteriori download
        anche dopo il
        primo)Chi ha perso tutto in un colpo ha potuto riscaricare tutto ciò che aveva comprato. Ovviamente ha dovuto contattare direttamente Apple, per gli accertamenti del caso.
        • Charlie Sheen scrive:
          Re: 240$ l'anno
          - Scritto da: ruppolo
          Chi ha perso tutto in un colpo ha potuto
          riscaricare tutto ciò che aveva comprato.
          Ovviamente ha dovuto contattare direttamente
          Apple, per gli accertamenti del
          caso.confermo. Ho mandato una email e ho potuto riscaricare le cose avevo perso in quella ciofecca di hardisk lacie.
        • Gasogen scrive:
          Re: 240$ l'anno
          - Scritto da: ruppolo
          Mi piacerebbe sapere come fa una persona a
          perdere contemporaneamente i file dal iPod/iPhone
          (o quello che è) Mac e backup. Me lo
          spieghi?Basta che crepino TimeMachine e Mac/PC con i backup dell'iPod/Phone dentro e la musica comprata la puoi recuperare dall'iPod/Phone solo con Yamipod o simili.Illuminami se esiste un modo per recuperare la musica dall'iPod tramite iTunes, senza riscaricarla o prenderla da altre fonti, l'unica concessa è l'iPod/Phone dove le canzoni sono memorizzate.
          Chi ha perso tutto in un colpo ha potuto
          riscaricare tutto ciò che aveva comprato.
          Ovviamente ha dovuto contattare direttamente
          Apple, per gli accertamenti del
          caso.Sei sempre legato all'assistenza che può tranquillamente rifiutare la proposta. Come mai le applicazioni per iPhone possono essere riscaricate infinite volte anche se acquistate a pagamento e canzoni/film no?
          • Aleph72 scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: Gasogen
            Come mai
            le applicazioni per iPhone possono essere
            riscaricate infinite volte anche se acquistate a
            pagamento e canzoni/film
            no?Perché le case discografiche non vogliono??Oppure pensi che sia Jobs che non voglia?
          • Funz scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: Aleph72
            - Scritto da: Gasogen

            Come mai

            le applicazioni per iPhone possono essere

            riscaricate infinite volte anche se acquistate a

            pagamento e canzoni/film

            no?

            Perché le case discografiche non vogliono??
            Oppure pensi che sia Jobs che non voglia?Sai che ce ne frega di chi è la colpa? Resta il fatto che è un servizio di mer*a.
          • Aleph72 scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: Funz
            Sai che ce ne frega di chi è la colpa? Resta il
            fatto che è un servizio di
            mer*a.Il tuo medico ti ha obbligato ad usarlo?Il mio dice che posso scegliere quale servizio usare.
          • Funz scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: Aleph72
            - Scritto da: Funz


            Sai che ce ne frega di chi è la colpa? Resta il

            fatto che è un servizio di

            mer*a.

            Il tuo medico ti ha obbligato ad usarlo?
            Il mio dice che posso scegliere quale servizio
            usare.Infatti non lo uso, son mica scemo :pIndipendentemente da questo, resta il fatto che è un servizio di mer*a :p
          • Gasogen scrive:
            Re: 240$ l'anno
            - Scritto da: Aleph72
            Perché le case discografiche non vogliono??
            Oppure pensi che sia Jobs che non voglia?Strano che proprio tutte le case discografiche non lo permettono... Altrimenti sarebbe stato scritto nel link sulle faq Apple un qualcosa come "non è possibile riscaricare le canzoni comprate per gli accordi con le case discografiche", no?Se non sceglie Jobs saranno gli altri appartenenti al CDA.Potresti obbiettare dicendo che sarebbe una cosa talmente ovvia da non doverla scrivere, ma stiamo parlando degli stessi Stati Uniti dove su una confezione di caffè bollente del bar è scritto "Attenzione! Caldo!", suvvia...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 marzo 2011 17.03-----------------------------------------------------------
    • Santo Subito scrive:
      Re: 240$ l'anno
      Ho qualche dubbio in più sul modello di business di Kazaa, piuttosto che sui canali distributivi: i soldi risparmiati lavorando al di fuori dell'app store possono essere investiti in pubblicità per rendere popolare la loro offerta (cosa che, sull'app store non sarebbe affatto socntata), ma 20 dollari al mese per sentire musica in streaming mi paiono una cifra fuori mercato: a parte la pirateria (che può piacere o meno, ma esiste), ci sono varie opzioni per ascoltare un brano musciale in modo legale e gratuito. Senza contare che ascoltare in streaming significa aver bisogno di connessione perpetua e abbonamento dati illimitato o quasi...Insomma, qualche dubbio sul modello di business proposto da Kazaa è spontaneo, app store o meno... Certo costasse 2 dollari al mese invece che 20, sarebbe tutto un'altro paio di maniche.
    • ziovax scrive:
      Re: 240$ l'anno
      - Scritto da: MacBoy
      Ci hanno già provato con questi servizi "all
      inclusive", ma non mi sembra che il modello abbia
      preso
      piede.

      D'altra parte il calcolo è semplice: uno
      comprerebbe 240 canzoni l'anno? Tutti gli
      anni?
      Mi sembra difficile. E poi neanche ti rimangono,
      visto che sono in streaming. Le 240 dell'Apple
      store rimarrebbero tue per
      sempre.Bhà, non è tanto questo l'argomento principale della notizia... il servizio di kazaa è quel che è, fra l'altro non è nemmeno tra i migliori (grooveshark fa lo stesso gratis, zune e play.me costano meno e ti permettono un tot di download mensili), ma il fatto è che c'è chi non ritiene un valore aggiunto avere un'app e permettere al proprietario del market di intascare una percentuale: ma come, facciamo la lotta agli intermediari di oggi ed invece li sostituiamo con altri?Non vedo nessuna difficoltà ad usare un servizio web piuttosto che quello fornito da un'app, anzi, se si risparmia ed è comunque comodo, sono ben lieto di usarlo.
  • Findi scrive:
    sono curioso...
    Chissà cosa succederà adesso....:-)secondo voi, quale sarà la reazione di Apple?
    • MeX scrive:
      Re: sono curioso...
      una XXXXXXXXX con iFart
      • culiOS scrive:
        Re: sono curioso...
        - Scritto da: MeX
        una XXXXXXXXX con iFartWOW, se è Apple lo voglio! Quanto devo pagare per fare scoregge cool?
        • lordream scrive:
          Re: sono curioso...
          - Scritto da: culiOS
          - Scritto da: MeX

          una XXXXXXXXX con iFart

          WOW, se è Apple lo voglio! Quanto devo pagare per
          fare scoregge
          cool?il primogenito e un pancreas
    • mmmm scrive:
      Re: sono curioso...
      casualmente safari avrà problemi ad aprirlo dalla prossima versione...(rotfl)
  • ruoppolo scrive:
    Sbagliato.
    Le app sono la migliore esperienza possibile per l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le app sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore esperienza possibile per l'utente.
    • Talking Head scrive:
      Re: Sbagliato.
      Il problema è che, parodia a parte, è vero che le App sono la miglior soluzione per l'utente. Proprio per questo è assurdamente monopolista la proposta di Apple: chi non paga, parte da una posizione di svantaggio rispetto alla App di casa. Sarebbe come se Telecom facesse pagare a Tiscali, come costo per l'uso della linea, il costo di un abbonamento Alice corrispondente. Buona fortuna poi a crearci sopra un prodotto commerciale.Il fatto che Kazaa, per poter creare un prodotto commercialmente competitivo, non possa offrirmi la soluzione più comoda ma mi costringa a andare sul browser, sarebbe per me un danno. Se avessi un iPhone.
    • Rover scrive:
      Re: Sbagliato.
      Le app sono la moda del momento, cha apple sta disperatamente tentando di imporre armi in pugno.
    • deactive scrive:
      Re: Sbagliato.
      un esempio di servilismo spinto all'estremo. Io son ben felice invece che ora ci si ingegni per aggirare le policies di Apple.Ha voluto il giro di vite? Ecco, queste sono le conseguenze.pS. mi sono accorto ora che si trattava di Ruoppolo e non Ruppolo ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 09 marzo 2011 12.43-----------------------------------------------------------
      • idea scrive:
        Re: Sbagliato.
        vuoi comprare X?X costa 1 se lo scarichi dal browser e 2 se lo prendi dall'app.Se lo compri direttamente guadagno 1, se lo compri dall'appstore guadagno 1,4.Win-Win :D
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Sbagliato.
          win-win a spese dell'utente...e se lo prendi da youtube? Spesa: 0
          • ruppolo scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: uno qualsiasi
            win-win a spese dell'utente...

            e se lo prendi da youtube? Spesa: 0Sei io prendo il tuo computer, quanto mi costa?
          • culiOS scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi

            win-win a spese dell'utente...



            e se lo prendi da youtube? Spesa: 0

            Sei io prendo il tuo computer, quanto mi costa?Attinenza?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Sbagliato.
            Nessuna, come al solito, quando ruppolo no sa come rispondere.
          • pippO scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi

            win-win a spese dell'utente...



            e se lo prendi da youtube? Spesa: 0

            Sei io prendo il tuo computer, quanto mi costa?Solo se apple però, se no non sai usarlo ;)
          • lordream scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: uno qualsiasi

            win-win a spese dell'utente...



            e se lo prendi da youtube? Spesa: 0

            Sei io prendo il tuo computer, quanto mi costa?quanto costa a me dirai.. ogni pallottola che ti sparo mi costa 1.20 euro
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Sbagliato.
            Se riesci a prenderlo senza toglierlo a me, zero.Se io te lo do volontariamente, zero.Altrimenti, vedrai il sole a scacchi.Io non tolgo i brani a youtube, e youtube me li dà volontariamente. Come la mettiamo?
        • deactive scrive:
          Re: Sbagliato.
          non voglio fare quello contro ad ogni costo, ma preferisco guadagnare meno piuttosto che pagare il dazio a apple.
        • Wankel scrive:
          Re: Sbagliato.
          Se ricordo bene, i prezzi tra in-app e "out-of-app" devono essere gli stessi.
          • Gasogen scrive:
            Re: Sbagliato.
            Ricordo che nel contratto di AppStore era inserita una clausola che prevedeva che l'applicazione dovesse avere il prezzo minore sull'AppStore e non altrove, se no ciao ciao permanenza su piattaforma iOs.Se Apple raggiungesse una posizione dominante sul mercato (e detto da loro hanno il 90% del mercato tablet) una causa per turbativa di mercato non gliela leverebbe nessuno. Per questo è vitale per Apple essere seconda ad Android.
          • ruppolo scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: Gasogen
            Ricordo che nel contratto di AppStore era
            inserita una clausola che prevedeva che
            l'applicazione dovesse avere il prezzo minore
            sull'AppStore e non altrove, se no ciao ciao
            permanenza su piattaforma
            iOs.

            Se Apple raggiungesse una posizione dominante sul
            mercato (e detto da loro hanno il 90% del mercato
            tablet) una causa per turbativa di mercato non
            gliela leverebbe nessuno. Per questo è vitale per
            Apple essere seconda ad
            Android.Finché quel 90% è l'1% della distribuzione dei contenuti, nessuna turbativa può esistere.
          • Gasogen scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: ruppolo
            Finché quel 90% è l'1% della distribuzione dei
            contenuti, nessuna turbativa può
            esistere.Hanno bastonato MS per molto meno... E non l'hanno fatto per il preinstallato, aggiungo.
          • krane scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: Gasogen
            - Scritto da: ruppolo

            Finché quel 90% è l'1% della distribuzione dei

            contenuti, nessuna turbativa può esistere.
            Hanno bastonato MS per molto meno... E non
            l'hanno fatto per il preinstallato, aggiungo.In effetti l'anno in cui avrebbe dovuto essere processata per quello ha dovuto pagare meta' della campagna elettorale di entrambi i candidati presidenti (i dati dei finanziamenti ai candidati sono pubblici in usa)
          • lordream scrive:
            Re: Sbagliato.
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Gasogen

            - Scritto da: ruppolo


            Finché quel 90% è l'1% della distribuzione dei


            contenuti, nessuna turbativa può esistere.


            Hanno bastonato MS per molto meno... E non

            l'hanno fatto per il preinstallato, aggiungo.

            In effetti l'anno in cui avrebbe dovuto essere
            processata per quello ha dovuto pagare meta'
            della campagna elettorale di entrambi i candidati
            presidenti (i dati dei finanziamenti ai candidati
            sono pubblici in
            usa)oh.. ma guarda chi ha finanziato la campagna di obama.. lol
        • ziovax scrive:
          Re: Sbagliato.
          - Scritto da: idea
          vuoi comprare X?

          X costa 1 se lo scarichi dal browser e 2 se lo
          prendi
          dall'app.
          Se lo compri direttamente guadagno 1, se lo
          compri dall'appstore guadagno
          1,4.
          Win-Win :DSpero vivamente che sia una risposta sarcastica...
      • Rover scrive:
        Re: Sbagliato.
        Azz, non me n'ero accorto, della quasi omonimia!
    • Funz scrive:
      Re: Sbagliato.
      - Scritto da: ruoppolo
      Le app sono la migliore esperienza possibile per
      l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le app
      sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve
      estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore
      esperienza possibile per
      l'utente.Ne avessi detta una azzeccata (rotfl)
      • ruppolo scrive:
        Re: Sbagliato.
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: ruoppolo

        Le app sono la migliore esperienza possibile per

        l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le app

        sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve

        estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore

        esperienza possibile per

        l'utente.

        Ne avessi detta una azzeccata (rotfl)le ha azzeccate quasi tutte.L'unica non azzeccata è che il browser è vecchio e superato. Non lo è ancora, ma di certo nulla può un browser contro una app scritta appositamente.
        • lordream scrive:
          Re: Sbagliato.
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Funz

          - Scritto da: ruoppolo


          Le app sono la migliore esperienza possibile
          per


          l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le
          app


          sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve


          estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore


          esperienza possibile per


          l'utente.



          Ne avessi detta una azzeccata (rotfl)

          le ha azzeccate quasi tutte.
          L'unica non azzeccata è che il browser è vecchio
          e superato. Non lo è ancora, ma di certo nulla
          può un browser contro una app scritta
          appositamente.una app per il sito a.. una per il sito aa.. una per il sito aaa.. una per il sito aaaa.. e cosi via.. non ci capisci nulla di informatica ruppolo.. non ne azzecchi una manco per errore
    • embe scrive:
      Re: Sbagliato.
      - Scritto da: ruoppolo
      Le app sono la migliore esperienza possibile per
      l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le app
      sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve
      estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore
      esperienza possibile per
      l'utente.E' vero, c'hai ragione! Bisognerebbe donare ad Apple non solo il 30%, ma il 99% di quello che transita per le sue app! E' così gentile ad offire una visibilità a sviluppatori sfigati e quotidiani demodè che dovrebbero pagare per poter avere l'onore di avere un'app su iTunes! (troll)
      • krane scrive:
        Re: Sbagliato.
        - Scritto da: embe
        - Scritto da: ruoppolo

        Le app sono la migliore esperienza possibile per

        l'utente. Il browser è vecchio, superato. Le app

        sono il futuro. Kazaa è un dinosauro che deve

        estinguersi. Poi c'è già iTunes, la migliore

        esperienza possibile per l'utente.
        E' vero, c'hai ragione! Bisognerebbe donare ad
        Apple non solo il 30%, ma il 99% di quello che
        transita per le sue app! E' così gentile ad
        offire una visibilità a sviluppatori sfigati e
        quotidiani demodè che dovrebbero pagare per poter
        avere l'onore di avere un'app su iTunes!
        (troll)Ma quale visibilita': vanno trattati come Pirate Bay quegli infrangitori di licenze !!!
Chiudi i commenti