Riciclaggio PC? Paghino i consumatori

Anche negli USA si fa largo questa concezione del problema. La si può vedere in tanti modi ma è comunque una prima risposta ad un problema irrisolto e urgentissimo


Roma – C’è qualcosa di europeo nella decisione assunta da un importante comitato americano sullo smaltimento e il riciclaggio dei rifiuti informatici ed elettronici. Come previsto dalla recente normativa UE , anche nella futura legislazione statunitense in materia al consumatore finale si chiederà di contribuire ai costi del riciclaggio.

Secondo i 45 membri della National Electronics Product Stewardship Initiative le nuove leggi sul riciclaggio dovranno prevedere una forma di collaborazione tra imprese produttrici e consumatori, collaborazione che si potrà esplicare proprio a partire dalla suddivisione degli oneri. D’altra parte proprio i produttori stanno spingendo da qualche tempo sul fronte del riciclaggio, segnale che l’industria è “pronta” a muoversi.

Il parere del Comitato è tutt’altro che secondario. Della NEPSI , infatti, fanno parte rappresentanti del Governo, esponenti dell’industria nonché gruppi ambientalisti. E sono proprio loro a formulare le bozze della normativa che verrà poi presentata e discussa al Congresso.

Nonostante i molti punti da chiarire, e il prezzo maggiorato dei prodotti che probabilmente intaccherà la propensione alla spesa dell’utente finale, da più parti viene apprezzato il tentativo di risolvere una delle conseguenze più gravi e inquietanti della rivoluzione dell’era digitale. Gli scandali che negli USA si sono succeduti sul traffico internazionale di rifiuti elettronici e la enorme produzione di dispositivi hi-tech da smaltire potrebbero spingere rapidamente all’approvazione una normativa basata sulla “collaborazione agli oneri”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    incoraggiare lamer
    1) il buon cracker non lascia traccia2) queste news incoraggiano i ragazzini a provocare danni (e a farsi beccare)Un vero cracker non si fa beccare (qui sta l'abilita') e questi articoli vengono letti da migliaia di *sognatori* che poi fanno le peggio cazzate andandoci di mezzo.ciao./P0ng0
  • Anonimo scrive:
    Re: La legge del "contrabbasso":
    Forse "contrabbasso" è legato a "trombano".che ne dici?
  • Anonimo scrive:
    Re: La legge del "contrabbasso":
    Io la trovo una pena intelligente
  • Anonimo scrive:
    Re: La legge del "contrabbasso":
    sarebbero in galera, giustamente
  • Anonimo scrive:
    Re: gli è andata bene
    - Scritto da: Anonimo
    se erano in cina li uccidevano...c'è la pena
    di morte per cose del genere.....animali
    comunisti...In USA, invece, ti beccavi solo l'ergastolo. Viva la liberta' !
  • Anonimo scrive:
    Re: La legge del "contrabbasso":
    - Scritto da: Anonimo
    se si fanno bucare il sito se li "trombano"da noi sarebbero in galera
  • Anonimo scrive:
    Re: La legge del "contrabbasso":
    "Contrappasso" magari.- Viva me -
  • Anonimo scrive:
    La legge del "contrabbasso":
    se si fanno bucare il sito se li "trombano"
  • Anonimo scrive:
    gli è andata bene
    se erano in cina li uccidevano...c'è la pena di morte per cose del genere.....animali comunisti...
Chiudi i commenti