Ridley Scott torna alla fantascienza

Il geniale regista di capolavori del cinema sci-fi come Blade Runner e Alien torna dopo molti anni su quel fortunato genere. Ecco come

Roma – Un uomo, un soldato, combatte il suo nemico nello spazio profondo. Alcuni mesi di guerra intensa, defatigante, alla fine dei quali torna in patria, ma scopre che sono passati venti anni, e il suo mondo non è più quello di prima, né lo riconosce. C’è una spruzzata di Omero e guerra nel Vietnam in Forever War , un racconto di fantascienza di Joe Haldeman, celebrato classico di settore che da molti anni è nel mirino dell’industria del cinema, e che ora si avvia verso il grande schermo sotto la guida di Ridley Scott.

da Blade Runner Questo l’annuncio che ha fatto rapidamente il giro della rete: per Scott, come sottolinea Variety si tratta di un ritorno agli albori e ad un genere che ha fatto la sua fortuna e contribuito moltissimo alla sua fama. Il celebre regista, infatti, ha firmato capolavori della fantascienza come Alien e pietre miliari del cinema come Blade Runner (uno shot nell’immagine qui a lato).

Un ritorno allo sci-fi che il regista vive con un senso di attesa: “Ho inseguito Forever War per la prima volta 25 anni fa, e il libro da allora è divenuto sempre più attuale e sempre più importante. È un racconto epico di fantascienza, c’è qualcosa dell’ Odissea e qualcosa di Blade Runner , costruito attorno ad una premessa brillante e spiazzante”.

Scott arriva buon secondo nel tentativo di portare quella novella così celebre al cinema, ammaliato dal digitale in cui sono sempre più immerse molte delle produzioni sci-fi: i diritti sono stati acquistati da Richard Edlund, che aveva già tentato di farne un successo televisivo. Non avendo centrato l’obiettivo, ha accettato un accordo con Fox 2000 e Scott.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guybrush scrive:
    Cambia solo la porta
    Ahemm... non e' che le mail normali siano meno insicure delle webmail. Cambia solo la porta dove viaggiano i dati e il modo in cui il client parla col server, ma il testo, gli header e tutto il resto viaggia sempre in chiaro.Anzi: SMTP e' pure piu' facile da leggere il testo del messaggio.GT-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 ottobre 2008 03.05-----------------------------------------------------------
    • individuo scrive:
      Re: Cambia solo la porta
      Quello che pensavo anch'io...
    • Lemon scrive:
      Re: Cambia solo la porta
      - Scritto da: Guybrush
      Ahemm... non e' che le mail normali siano meno
      insicure delle webmail. Cambia solo la porta dove
      viaggiano i dati e il modo in cui il client parla
      col server, ma il testo, gli header e tutto il
      resto viaggia sempre in
      chiaro.

      Anzi: SMTP e' pure piu' facile da leggere il
      testo del
      messaggio.
      Credo che sia un discorso diverso, con le webmail se riesci a beccare nome utente e password allora vedi anche le vecchie mail e puoi ricollegarti quando vuoi, con POP3 scaricato sul client invece riesci a vedere solo quello che passa in quel momento. Credo sia questa l'interpretazione da dare all'articolo, poi, dal punto di vista tecnico, sono daccordo con te che è più facile sniffare ed interpretare pop3, smtp e imap piuttosto che http.Non so se mi sono spiegato...
      • Enrico204 scrive:
        Re: Cambia solo la porta
        - Scritto da: Lemon
        riesci a vedere solo quello che passa in quel
        momento. Il che include anche nome utente e password.Enrico
        • Lemon scrive:
          Re: Cambia solo la porta
          - Scritto da: Enrico204
          - Scritto da: Lemon

          riesci a vedere solo quello che passa in quel

          momento.

          Il che include anche nome utente e password.

          EnricoSapevo di non esser stasto chiaro. Provo a spiegarmi meglio: un utente che usa la webmail ha quasi sempre tutta la sua posta disponibile, quella arrivata in passato, quella inviata, a volte anche le rubriche o i calendari ecc. Un utente che invece la consulta in pop3 spesso (ma non sempre) ha impostato lo scaricamento in locale. Un attaccante ha maggiori informazioni nel caso di accesso ad una webmail quindi, anche se ottenesse le credenziali pop3 dovrebbe collegarsi spesso per scaricarsi (senza cancellare dal server) la posta dell'utente da spiare lasciando tra l'altro numerosi log nel server di posta (in gergo si dice genera più "rumore"). Inoltre non avrebbe accesso alla posta inviata ad esempio. Ad essere ulteriormente pignoli si può anche dire che l'accesso ad una webmail si può fare anche dietro proxy anonimo mentre non sempre l'accesso al pop3 è possibile con servizi proxy di questo genere. Adesso è più chiaro?
    • tuba scrive:
      Re: Cambia solo la porta
      mah dipende dall'utenteio uso un mio server di posta su un mio server in housingcomputer miosistema operativo mioserver mail miossl per l'autenticazionecriptazione a chiave asimmetricace li voglio vedere i cracker da 4 soldi a ricattarmi! se proprio riescono a vedere i dati tra il mio client e il server vedono solo dati criptati
  • Fisico scrive:
    webmail insicura ?
    dipende, solitamente sta su https, quella seria.è più facile intercettare la posta imap e pop3 casomai.
    • vrooom scrive:
      Re: webmail insicura ?
      Mah, gmail usa https per l'autenticazione (sul browser compare il lucchetto e il sito va con https) ma poi tutto il traffico sembra in chiaro, il lucchetto non c'è più e il traffico va su banale http.Se conosci una webmail in cui tutto il traffico va su https fammela conoscere.
      • antonio scrive:
        Re: webmail insicura ?
        - Scritto da: vrooom
        Mah, gmail usa https per l'autenticazione (sul
        browser compare il lucchetto e il sito va con
        https) ma poi tutto il traffico sembra in chiaro,
        il lucchetto non c'è più e il traffico va su
        banale
        http.Vero, se non metti "https" quando richiami l'URL.Prova ad andare su:https://mail.google.com/ed avrai una bella sorpresa :-)
      • neuroxide scrive:
        Re: webmail insicura ?
        - Scritto da: vrooom
        Mah, gmail usa https per l'autenticazione (sul
        browser compare il lucchetto e il sito va con
        https) ma poi tutto il traffico sembra in chiaro,
        il lucchetto non c'è più e il traffico va su
        banale
        http.

        Se conosci una webmail in cui tutto il traffico
        va su https fammela
        conoscere.Gmail: vai nelle impostazioni e metti l'opzione di usare sempre https.
        • vrooom scrive:
          Re: webmail insicura ?
          Azz... l'impostazione era nell'ultima riga e non vi avevo fatto caso anche perchè i primi tempi era così di default. Grazie!!!!
          • neuroxide scrive:
            Re: webmail insicura ?
            - Scritto da: vrooom
            Azz... l'impostazione era nell'ultima riga e non
            vi avevo fatto caso anche perchè i primi tempi
            era così di default.Infatti non è moltissimo che hanno introdotto questa possibilità, mi sembra sia possibile da luglio.
            Grazie!!!!Prego.
        • Vlad scrive:
          Re: webmail insicura ?


          Se conosci una webmail in cui tutto il traffico

          va su https fammela

          conoscere.

          Gmail: vai nelle impostazioni e metti l'opzione
          di usare sempre
          https.Gran consiglio! grazie mille!
    • q.a. scrive:
      Re: webmail insicura ?
      è possibile impostare la cifratura TLS o SSL anche dei canali POP3 e IMAP però quasi nessun server la prevede
      • Venkman scrive:
        Re: webmail insicura ?
        Il mio mail server personale utilizza solo canali TLS/SSL su POP e Web, quindi anche entrando sulla mia rete wifi (cosa ardua dato che uso WPA2 e cambio la password una volta al mese) l'eventuale "orecchia pelosa" si attacca...Anche in ufficio abbiamo una webmail con accesso solo su canale SSL. Ma questo dovrebbe essere la prassi...
      • Carlotta scrive:
        Re: webmail insicura ?
        giàbello avere un server tutto mio da inet sulla 100mbit con i servizi confati come voglio e *solo* il ssl
      • insicuro scrive:
        Re: webmail insicura ?
        Su Gmail si può fare: quando sotto "Impostazioni-
        Inoltro e POP/IMAP" attivate uno dei due servizi, l'accesso avviene tramite TLS.Lo stesso con SMTP.
    • passante scrive:
      Re: webmail insicura ?
      - Scritto da: Fisico
      dipende, solitamente sta su https, quella seria.
      è più facile intercettare la posta imap e pop3
      casomai.si appunto.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    E che c'è di nuovo ?
    Ma perchè non fate un'articolo su quello che vi ho commentato ieri invece di portare articoli banali ?Se venite a Civitanova Marche vi accompagno a fare un po' di Wardriving e vi faccio vedere quello che si becca li fuori !!!!!Altro che alberghi !
Chiudi i commenti