Rifiuti hi-tech, il Belpaese inizia a riciclare?

Risultati incoraggianti per l'iniziativa ecologica di CDC, gigante nostrano dell'informatica di consumo: in poco più di un anno, ben 60 tonnellate di rifiuti tecnologici sono stati recuperati e smaltiti


Pisa – Per ridurre l’ impatto ambientale dei rifiuti ad alta tecnologia , grande problema spesso sottovalutato, l’appoggio dell’industria informatica è fondamentale. Le direttive europee sullo smaltimento dei rifiuti elettronici, senza un partner nel mondo aziendale, sono infatti destinate a rimanere lettera morta.

In Italia, il gruppo CDC , proprietario del marchio Computer Discount e membro del consorzio Ecoqual’IT , sta velocemente affermandosi come il punto di riferimento cercato dall’Unione Europea nel recupero della ferraglia tecnologica .

Aiutato da una capillare presenza sul territorio nazionale, il leader nel settore della vendita al dettaglio di prodotti hi-tech è riuscito a recuperare oltre sessanta tonnellate di rifiuti altrimenti destinati alla raccolta non differenziata. Ferraglia , ma non solo: l’insieme di prodotti informatici ormai esauriti e gestiti dall’iniziativa “Ecodigitale” di CDC, quantificato in circa 22.300 unità differenti , è costituito da cartucce, toner e circuiti integrati d’ogni tipo.

“Da quando abbiamo lanciato la nostra iniziativa nel luglio del 2004”, fa sapere il responsabile Flavio Catelani, “contribuiamo a diffondere il valore della responsabilità sociale nella raccolta di prodotti informatici a fine vita”. Un’attività che fa bene all’ambiente, ma anche alle tasche dei consumatori e dei rivenditori: il 54% dei toner e delle cartucce recuperate, ad esempio, vengono rigenerati e rivenduti.

“Aumentiamo la soddisfazione dei nostri clienti grazie ad un servizio a valore aggiunto, unico nel suo genere”, specifica Catelani. La raccolta dei rifiuti avviene direttamente nei negozi della catena Computer Discount, dove i tecnici valutano, caso per caso, la possibilità di “ringiovanire” o smaltire in maniera sostenibile i materiali recuperati.

Ma CDC non è la sola azienda impegnata nella riduzione dei danni provocati dei rifiuti tecnologici, un dovere che richiede il coinvolgimento in prima persona d’istituzioni, produttori e consumatori. In Italia, per il momento, ben 17 pesi massimi del settore ITC stanno collaborando per realizzare un sistema collettivo di gestione rifiuti : marchi come Canon , Toshiba , Epson e Lexmark .

Questo perché, come ricordano i membri di Legambiente , la direttiva europea per il recupero dei rottami hi-tech prevede che i produttori si accollino i costi dell’intero processo di raccolta, smaltimento ed eventuale riciclaggio dei prodotti esauriti.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • WILLICOYOTE scrive:
    Microsoft investiga sui negozi UK
    Non esistono modi imposti a forza in grado di far desistere dalla pirateria gli utenti o i cracker che hanno la voglia di praticarla.A meno che non si abbassino i prezzi a livelli ragionevoli dei prodotti al fine da farli diventare concorrenziali rispetto al tempo che si impiega ad ottenere le copie piratateVedasi ad esempio (linux).Quante sono le copie "piratate" (sigh!!!) di questi sistemi operativi nelle diverse distribuzioni disponibili a livello mondiale???Pressochè nulle.Ma la filosofia è mooooolto diversa.Buona fortuna. Linux
  • Anonimo scrive:
    Re: Caro Bill, vai a Milano zona Brera..
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    Caro Bill,

    se vuoi far scendere la pirateria fai un saltino

    a Milano in zona Brera. Noterai tanti
    simpatici

    senegalesi -con il commercio nel sangue- che da

    anni vendono CD con giochi film musica a 5 euro

    al pezzo (sconti per quantità).



    Magari riesci a convincere vigili poliziotti

    carabinieri che il tutto fa molto "colore" ma
    non

    è il massimo della legalità.

    Mi sai che non hai capito il punto.
    Se un utente decide di comprarsi un versione
    pirata di Windows XP, per MS non è una perdita!
    Questo semplicemente per il fatto che l'utente in
    ogni caso non lo avrebbe mai comprato e quindi
    MS non lo conta come "revenue" mancata.

    Se invece un rivenditore incentiva la vendita dei
    sui PC offrendo il software a prezzo "0", allora
    è qui che ci sta la "perdita" di MS e/o altri. E'
    qui che si manifesta il fenomeno della pirateria!

    Ce n'è più di quanto una persona possa immaginare!WOW! :o
  • vannaraptus scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    Grazie! :) - Scritto da: francescor82
    - Scritto da: vannaraptus

    A si? E quali sarebbero?

    Davvero, se qualcuno conosce a Bologna un
    negozio

    in cui quando chiedi hardware che funzioni senza

    problemi con linux non ti facciano un sorrisino

    ebete me lo dica che gli procura dei clienti.

    Grazie.

    http://www.linuxsi.com/

    Ciao! :)
  • Kheru scrive:
    Re: Microsoft
    si e_sauri_scono a vicenza ? :| :o :D==================================Modificato dall'autore il 21/02/2006 17.29.22
  • Anonimo scrive:
    Re: Microsoft
    - Scritto da: ishitawa
    non solo, è anche l'unica ditta che si permette
    di dire ai suoi clienti "i miei precedenti
    prodotti facevano schifo"ma ora....esci dalla
    preistoria... e compra il nuovo Office
    te lo garantiamo noi, questo va bene, non come
    gli altri...Pensi che Sauro e Saura :p ehm ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    - Scritto da: vannaraptus
    A si? E quali sarebbero? Do' per scontato che in paesi più informatizzati di noi la situazione sia meno penosa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    Io con la mia Radeon ho dovuto fare con linux la stessa identica trafila che con Windows, all'inizio ha installato automaticamente i driver 2d, poi ho installato a mano quelli 3d, anzi, con linux, se il modulo 3d "radeon" fosse stato nell'elenco disponibile nell'installatore, avrei avuto i driver 3d subito, in meno tempo rispetto a Windows.
  • ishitawa scrive:
    Re: Microsoft
    non solo, è anche l'unica ditta che si permette di dire ai suoi clienti "i miei precedenti prodotti facevano schifo"ma ora....esci dalla preistoria... e compra il nuovo Officete lo garantiamo noi, questo va bene, non come gli altri...
  • francescor82 scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    - Scritto da: vannaraptus
    A si? E quali sarebbero?
    Davvero, se qualcuno conosce a Bologna un negozio
    in cui quando chiedi hardware che funzioni senza
    problemi con linux non ti facciano un sorrisino
    ebete me lo dica che gli procura dei clienti.
    Grazie.http://www.linuxsi.com/Ciao! :)
  • interceptor scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    Oddio non che con windows tu abbiala certezza matematica che il componentehardware funzioni al primo colpo...Io con la mia scheda ATI ne ho dovutiinstallare di driver prima di avere quelli stabilie che facessero funzionare il DVI (parlo di 3-4 anni fa)Se invece vuoi una macchina con già linux installatoc'e qualche grosso costruttore (es. HP) che te lo dagià installato, ma l'hardware e la distribuzione la decidonoloro, per garantirti l'affidabilità
  • nattu_panno_dam scrive:
    Re: Microsoft
    - Scritto da: pierpaolopezzo
    Io spero che finalmente VISTA e HDMI(o come
    diavoli si scrive) siano definitivamente
    blindati, così una volta per tutte, gli utenti,
    il software, saranno costretti ad acquistarlo.Ricordo che LaGrande e Presidio sono tempestate di brevetti e con specifiche chiuse, quindi difficilmente l' Open Source e il Free Software puo' spostarsi anche sul mercato del DRM e TCPA, come invece puo' fare Vista. Torvald è troppo ottimista.
  • Anonimo scrive:
    Caro Bill, vai a Milano zona Brera...
    Caro Bill,se vuoi far scendere la pirateria fai un saltino a Milano in zona Brera. Noterai tanti simpatici senegalesi -con il commercio nel sangue- che da anni vendono CD con giochi film musica a 5 euro al pezzo (sconti per quantità).Magari riesci a convincere vigili poliziotti carabinieri che il tutto fa molto "colore" ma non è il massimo della legalità.
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Bill, vai a Milano zona Brera..
      - Scritto da: Anonimo

      Caro Bill,
      se vuoi far scendere la pirateria fai un saltino
      a Milano in zona Brera. Noterai tanti simpatici
      senegalesi -con il commercio nel sangue- che da
      anni vendono CD con giochi film musica a 5 euro
      al pezzo (sconti per quantità).

      Magari riesci a convincere vigili poliziotti
      carabinieri che il tutto fa molto "colore" ma non
      è il massimo della legalità.Mi sai che non hai capito il punto.Se un utente decide di comprarsi un versione pirata di Windows XP, per MS non è una perdita! Questo semplicemente per il fatto che l'utente in ogni caso non lo avrebbe mai comprato e quindi MS non lo conta come "revenue" mancata.Se invece un rivenditore incentiva la vendita dei sui PC offrendo il software a prezzo "0", allora è qui che ci sta la "perdita" di MS e/o altri. E' qui che si manifesta il fenomeno della pirateria! Ce n'è più di quanto una persona possa immaginare!
  • vannaraptus scrive:
    Re: Come far fare una "magra" a MS
    A si? E quali sarebbero? Davvero, se qualcuno conosce a Bologna un negozio in cui quando chiedi hardware che funzioni senza problemi con linux non ti facciano un sorrisino ebete me lo dica che gli procura dei clienti. Grazie.- Scritto da: Anonimo
    Segnalargli come sospetti negozi che in realtà
    installano linux: poi vorrei vedere se avrebbero
    il coraggio di pubblicare i risultati delle
    ispezioni.
  • Anonimo scrive:
    Come far fare una "magra" a MS
    Segnalargli come sospetti negozi che in realtà installano linux: poi vorrei vedere se avrebbero il coraggio di pubblicare i risultati delle ispezioni.
  • pierpaolopezzo scrive:
    Re: Microsoft
    Io spero che finalmente VISTA e HDMI(o come diavoli si scrive) siano definitivamente blindati, così una volta per tutte, gli utenti, il software, saranno costretti ad acquistarlo.Linux potrebbe finalmente dilagare e spartirsi equamente il mercato con OSX e Windows, non sarebbe male un mondo diviso almeno fra tre competitori.
  • Anonimo scrive:
    Re: Microsoft
    - Scritto da: Anonimo
    lo fa pure google e in maniera alquanto subdola,
    ma a voi linari va bene, giusto?frustrato,Chiavi in mano?!?
  • Anonimo scrive:
    Re: Microsoft
    lo fa pure google e in maniera alquanto subdola, ma a voi linari va bene, giusto?
  • Anonimo scrive:
    Microsoft
    è una delle poche ditte esistenti che possono permettersi di spiare e fare cause ai propri clienti e di continuare a mungere da essi.Se lo facesse una ditta qualsiasi il cliente alzerebbe i tacchi e si rivolgerebbe altrove.Il potere del Monopolio.
Chiudi i commenti