Rifiuti IT, la Cina si arrende alla UE

Beijing regolamenterà al più presto lo smaltimento e la produzione di rifiuti hi-tech, adeguandosi alle direttive europee. Il regime teme il crollo delle esportazioni verso l'Occidente


Beijing (Cina) – Niente cadmio, mercurio, piombo o cromo in tutti i prodotti tecnologici. La nostra Terra tirerà finalmente un sospiro di sollievo? Bruxelles riesce a raffreddare il drago cinese, nel momento in cui le incessanti esportazioni di tessili cinesi stanno fiaccando le economie del vecchio continente. Beijing mostra finalmente maggiore attenzione verso le tematiche ambientali: purtroppo non è un interesse dettato dalla situazione catastrofica in cui versano l’aria, le acque e le terre del Regno di Mezzo.

La Cina ha infatti annunciato di volersi adeguare ai requisiti della direttiva WEEE ( Waste Electrical and Electronic Equipment ), obbligatori a partire dall’agosto del 2005 in tutti i 25 stati dell’Unione Europea. Nonostante questo, molti paesi dell’Unione sono ancora in ritardo. Le disposizioni UE proibiranno il commercio e la produzione di oggetti elettronici costruiti con componenti non riciclabili e tossici (vedi anche: La lunga via del piombo ).

Huang Jianzhong, responsabile del Dipartimento Cinese per la Riforma Economica, ha dichiarato che entro il 2006 la Cina disporrà di una legislazione affine a quella europea. “Stiamo tentando di fare il nostro meglio per seguire l’Unione Europea, per fare qualcosa di uguale, o almeno simile”. Si tratta di un compito affatto semplice. Il governo cinese deve infatti fare i conti con un intero settore della propria economia, pari al 70% delle esportazioni totali , che rischia di crollare.

Ed è qualcosa che tocca da vicino tutti: basti pensare che in tutte le case italiane sono già oggi certamente presenti computer, lettori DVD e telefonini altamente inquinanti. Secondo quanto riportato dagli organi stampa di Beijing, infatti, il 50% dei prodotti ad alta tecnologia made in China non è conforme agli standard europei . Il drago asiatico si trova alle strette del mercato: il Partito Comunista Cinese rischia di subire un durissimo colpo economico. Beijing è immediatamente corsa ai ripari. Il risultato delle decisioni cinesi, ottenute dopo numerose pressioni da parte della WTO , sarà un innalzamento dei prezzi al dettaglio che forse non eccederà i 10-20 euro.

Ma il problema non sparirà. La Cina è afflitta da un inquinamento, non solo high-tech, che spaventa il mondo intero. Tuttavia le autorità cinesi confidano in una buona riuscita della loro strategia. Huang Jianzhong annuncia l’uso del pugno duro, come da tradizione orientale: sono previste pene durissime per tutti i trasgressori .

Tra le industrie che si sono rifiutate di rilasciare commenti sulla notizia, vanno ricordate la Fuji-Xerox, la General Electric e la Ningbo Bird (leader cinese per la produzione di telefonini).

Al momento il grande paese asiatico è la più grande discarica di prodotti tecnologici. Esiste un intero sottosistema economico, assai sviluppato, che si alimenta dei rifiuti provenienti dall’estero (sopratutto USA, Giappone e Corea del Sud). Vengono estratte, per una successiva riutilizzazione, materie prime dai componenti elettronici. Gli operai spesso lavorano in condizioni disumane, utilizzando solventi chimici ed abrasivi pericolosissimi senza alcuna misura di sicurezza.

I rifiuti giungono sopratutto da Hong Kong, Guangzhou, Shanghai e Ningbo, grandi porti della zona sudorientale. Si calcola che ogni utente informatico, annualmente, produca circa 15kg di rifiuti che ruotano attorno al mondo del silicio e dei circuiti integrati. Metalli, plastiche ed imballaggi. Senza calcolare gli interessi della criminalità organizzata .

La tecnologia, nel nuovo millennio, diventa sempre più insostenibile per il precario equilibrio terrestre. Bastano regolamenti calati dall’alto e regole di mercato per sanare l’ambiente? E’ davvero questa la via da percorrere? O più semplicemente basterebbe maggiore informazione?

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    idiota!
    "Macromedia dovrebbe "liberare" completamente la piattaforma di sviluppo multimediale, rendendola simile all'HTML. In questa maniera sarebbe possibile avere uno sviluppo dirompente delle potenzialità creative degli utenti in Rete."Ma questo insegna a Stanford lol
    • Anonimo scrive:
      Re: idiota!
      chi sei tu per giudicare? chi ti da il diritto di giudicare se nemmeno hai capito cio' che ha detto?Perche' anziche' fare il troll e disinformazione non sbatti la testa contro il muro per fare del bene alla societa'? l'hai gia' sbattuta? ... si vede.
  • Anonimo scrive:
    Jihad è ambiguo
    Meglio non usarlo.Anche Crociata potrebbe essere ambiguo, c'è stata almeno una Crociata pacifica (Federico II).Quindi meglio sciogliere ogni ambiguità, chiamiamola Guerra Santa.Ora si tratta di trovare un don che dia l'assoluzione preventiva per eventuali violenze commesse nel corso di essa, così da sciogliere le remore delle anime pie e far sì che non si imboschino quando c'è da faticare a fare legna per i roghi.Temo però che il "Ballmer in porchetta" finirà tutto nei rifiuti anche se invitiamo i Papua, c'è un limite anche al loro stomaco.@^ (troll1) (troll2) (troll3)
  • Anonimo scrive:
    Ho provato a prendere il brevetto
    Io ho studiato Ing. Meccanica prima di lavorare per aziende che producono software.E qualche anno fa ho disegnato un sistema di raffreddamento a olio a base siliconica non elettroconduttivo e a basso coeficiente di dilatazione. Un progetto carino perche' in uno spazio ristretto metteva insieme ventola davanti al radiatore con la pompa sullo stesso asse di rotazione, e il radiatore ha una valvola semplice ed un vaso di espansione simile alla vasca di recupero della pompa del freno di una moto, pur restando sigillato.Utilissimo per il raffreddamento di CPU per computer ma anche transistor finali di potenza, valvole e ovunque si usino comuni scambiatori di calore ad olio.Oggi ci sono stupidi ed ingombranti sistemi ad acqua o si continua con dissipatori e ventole.Mi sono informato per prendere il brevetto.Per riuscire ad essere coperto in almeno il 60% dei paesi industrializzati, nel 1998-99 ci volevano quasi 10milioni di vecchie lire. Perche' esistono 3 tipi di brevetto, quello che ti copre solo a livello nazionale, quello della convenzione di Washington che prevede alcuni paesi e quello della convenzione di Ginevra che ne copre altri. Se fai quello di una delle convenzioni che prevede il tuo paese hai la copertura automatica sul tuo paese e non ti serve quello nazionale.Oggi a distanza di 7 anni credo il costo sia mooolto aumentato.Capirai che da solo non puoi riuscire a prendere il brevetto per essere tutelato in tutti i paesi piu' importanti.Figuriamoci se prendi piu' di un brevetto, e figuriamoci se la tua invenzione utilizza idee gia' brevettate e i tocca pagare anche delle royalty a qualcuno per usare quelle idee.Quando ho provato a chiedere in giro ad aziende del settore meccanico ed elettonico se mi volevano finanziare, ho trovato solo cinesi e taiwanesi che mi scrivevano da uffici in USA che volevano gia' disegni e dettagli per studiare se ne valeva la pena.Le grosse aziende non erano interessate perche' avevano le risorse per progettare da se quando e se sarebbe stato richiesto questo tipo di oggetto dal mercato.Chi mi aveva scritto interessato se non erano cinesi che volevano vedere i disegni, mi ha mandato degli esempi di contratto dove avremmo dovuto metterci daccordo su quale diritto di sfruttamento e per quanto tempo ne avrebbe avuto l'azienda finanziatrice.Alla fine ho mollato tutto in un cassetto ed ho accettato un lavoro per l'allora gruppo Olivetti che mi dava un buon stipendio per campare dignitosamente.Volevo provare a far da me con le mie forze e sono comunque finito alle dipendenze di una grande azienda.Ma adesso che c'e' crisi e dopo varie acquisizioni e ristrutturazioni aziendali il mio lavoro e' a rischio.E' difficile brevettare per un privato. Le aziende comunque raggiunto il monopolio smettono di innovare e non necessitano neppure piu' di nuova forza lavoro.Come si fa a vivere in queste condizioni?Penso che i brevetti siano una beffa nei confronti dell'intelligenza umana.E sono convinto che un sistema simile al software libero sia la strada migliore da percorrere perche' se non altro con Linux ha dimostrato di funzionare egregiamente.---Roberto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho provato a prendere il brevetto
      concordo su cio' che hai detto. Ma sarebbe corretto brevettare il tuo sistema di raffreddamento. I brevetti sul software sono differenti: qui si vogliono brevettare i sistemi di raffreddamento in generale, non quello particolare o specifico come il tuo.Capirai che un brevetto come il tuo, non potrebbe essere brevettabile in questo modo perche' violerebbe il brevetto "sistemi di raffreddamento" (in genere).Un carrello elettronico fatto da zero da un programmatore potrebbe essere paragonato al tuo particolare sistema di raffreddamento. I brevetti sul software permettono il brevetto dell'idea "carrello elettronico", quindi ogni particolare specifico o quello che volete carrello violerebbe tale brevetto.Io mi chiedo come si fa ad essere pro' a questa direttiva.O si e' ignoranti o si e' troppo stupidi.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho provato a prendere il brevetto
        - Scritto da: Anonimo
        concordo su cio' che hai detto. Ma sarebbe
        corretto brevettare il tuo sistema di
        raffreddamento. I brevetti sul software sono
        differenti: qui si vogliono brevettare i sistemi
        di raffreddamento in generale, non quello
        particolare o specifico come il tuo.Si ma anche fosse giusto per me brevettare il mio sistema chi me li da tutti quei soldi per un brevetto?Ho sempre piu' l'idea che il sistema dei brevetti sia stato disegnato dalle aziende per loro uso e abuso. Non per tutelare gli inventori. Questa e' una grossa bugia. Tanto vale che lo regalo alla comunita'.Penso che sarebbe utile a tal fine un registro di opere basilari o donate e non brevettabili.Inventori che decidono di regalare le loro idee e queste vengono come bloccate e nessuno puo' rubarle e brevettarle.E questo bloccaggio non deve costare proprio nulla perche' l'idea viene regalata a tutti e tutti possono utilizzarla comprese le aziende. Sarebbe una cosa senza senso far pagare per poter regalare qualcosa.Ciao.Roberto
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho provato a prendere il brevetto

          Si ma anche fosse giusto per me brevettare il mio
          sistema chi me li da tutti quei soldi per un
          brevetto?visto che si sta parlando di brevetti software di ho solo spiegato il motivo del perche' sono sbagliati anche escludendo la giusta motivazione che hai posto. Non so chi potra' darti tutti quei soldi. Questo e' un problema anche per il piccolo sfigato che vuole brevettare l'idea del "bere il bicchier d'acqua".
          Ho sempre piu' l'idea che il sistema dei brevetti
          sia stato disegnato dalle aziende per loro uso e
          abuso. Non per tutelare gli inventori. Questa e'
          una grossa bugia. concordo in pieno con te.
          Tanto vale che lo regalo alla comunita'.
          Penso che sarebbe utile a tal fine un registro di
          opere basilari o donate e non brevettabili.forse Microsoft si sta battendo per evitare questo. Secondo microsoft chi prima arriva a brevettare e quindi chi ha i soldini prima alloggia.
          Inventori che decidono di regalare le loro idee e
          queste vengono come bloccate e nessuno puo'
          rubarle e brevettarle.
          E questo bloccaggio non deve costare proprio
          nulla perche' l'idea viene regalata a tutti e
          tutti possono utilizzarla comprese le aziende.
          Sarebbe una cosa senza senso far pagare per poter
          regalare qualcosa.
          hai pienamente ragione. mi hai trovato per caso contrariato in cio' che hai detto?
        • Mechano scrive:
          Re: Ho provato a prendere il brevetto
          - Scritto da: Anonimo
          Tanto vale che lo regalo alla comunita'.
          Penso che sarebbe utile a tal fine un registro di
          opere basilari o donate e non brevettabili.
          Inventori che decidono di regalare le loro idee e
          queste vengono come bloccate e nessuno puo'
          rubarle e brevettarle.
          E questo bloccaggio non deve costare proprio
          nulla perche' l'idea viene regalata a tutti e
          tutti possono utilizzarla comprese le aziende.
          Sarebbe una cosa senza senso far pagare per poter
          regalare qualcosa.Wow!Questa si e' un'idea geniale!Un registro delle idee donate alla comunita' e non brevettabili... Mi piace l'idea.Esiste il concetto di prior art. Ma giustamente e' piu' facilmente applicabile al software che agli oggetti.Sai che Micro$oft vuole proporre il sistema del "chi prima brevetta, l'idea e' sua"? Anche idee gia' esistenti da tempo. Il primo che depreda tutto e lo brevetta se lo accaparra.Una cosa semplicemente allucinante!Follia allo stato puro!E c'e' gente che ancora da credito a quell'azienda.__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: Ho provato a prendere il brevetto

            Wow!
            Questa si e' un'idea geniale!
            Un registro delle idee donate alla comunita' e
            non brevettabili... Mi piace l'idea.
            Esiste il concetto di prior art. Ma giustamente
            e' piu' facilmente applicabile al software che
            agli oggetti.

            Sai che Micro$oft vuole proporre il sistema del
            "chi prima brevetta, l'idea e' sua"? Anche idee
            gia' esistenti da tempo. Il primo che depreda
            tutto e lo brevetta se lo accaparra.
            Una cosa semplicemente allucinante!
            Follia allo stato puro!

            E c'e' gente che ancora da credito a
            quell'azienda.

            __
            Mr. Mechano
            IBM ha molti più brevetti di Microsoft perchè non lanomini mai?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho provato a prendere il brevetto
          ...
          Penso che sarebbe utile a tal fine un registro di
          opere basilari o donate e non brevettabili.
          Inventori che decidono di regalare le loro idee e
          queste vengono come bloccate e nessuno puo'
          rubarle e brevettarle.
          E questo bloccaggio non deve costare proprio
          nulla perche' l'idea viene regalata a tutti e
          tutti possono utilizzarla comprese le aziende.....per il sw c'e' la gpl.Lo so che stiamo parlando di brevetti e non di copyright, ma non mi risulta che un algoritmo gpl possa anche essere brevettato.Quindi imho la gpl ha il duplice scopo di tutelare il diritto d' autore e contemporaneamente l' indebita brevettabilita'.Non mi risulta esista una sorta di gpl anche per l'hardware.La gpl la ha scritta stallman, e ha avuto un ottimo successo, perche' non scriverne una anche per l'hardware ?Magari vieni pure coperto di soldi da qualche produttore hw per rimangiarti tutto quanto .... ma oggi il mercato sembra funzionare cosi', a colpi di terrorismo psicologico ....s.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho provato a prendere il brevetto
        - Scritto da: Anonimo
        Un carrello elettronico fatto da zero da un
        programmatore potrebbe essere paragonato al tuo
        particolare sistema di raffreddamento. I brevetti
        sul software permettono il brevetto dell'idea
        "carrello elettronico", quindi ogni particolare
        specifico o quello che volete carrello violerebbe
        tale brevetto.su molte aspetti dei brevetti non sono d'accordo, ma nemmeno con la tua ipotesi secondo cui sarebbe possibile brevettare il "carrello", altrimenti in america qualcuno lo avrebbe già fattoin realtà invece si potrebbe brevettare una "procedura" particolare di carrello innovativa... magari con qualche funzionalità finora sconosciuta e rivoluzionaria. Su questo si potrebbe pure discutere, magari con un brevetto a breve scadenza oppure con delle royalties modeste...
        Io mi chiedo come si fa ad essere pro' a questa
        direttiva.
        O si e' ignoranti o si e' troppo stupidi.
        Salutise continuate a utilizzare questi atteggiamenti presuntuosi, difficilmente riuscirete a farvi ascoltare
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho provato a prendere il brevetto

          su molte aspetti dei brevetti non sono d'accordo,
          ma nemmeno con la tua ipotesi secondo cui sarebbe
          possibile brevettare il "carrello", altrimenti in
          america qualcuno lo avrebbe già fatto
          non e' una ipotesi e' realta':http://l2.espacenet.com/espacenet/viewer?PN=EP0803105http://l2.espacenet.com/espacenet/viewer?PN=EP738446http://l2.espacenet.com/espacenet/viewer?PN=EP807891... e tanti altri ... ricordi ad es. la storia del "bruciamo le GIF" ?
          in realtà invece si potrebbe brevettare una
          "procedura" particolare di carrello innovativa...
          magari con qualche funzionalità finora
          sconosciuta e rivoluzionaria.che lavoro fai?
          Su questo si
          potrebbe pure discutere, magari con un brevetto a
          breve scadenza oppure con delle royalties
          modeste...
          guarda ... se si potesse discutere e rendere legale cio' che si dice in un forum mi andrebbe anche bene. Ma qui, cio' che diciamo e' aria fritta.Dall'alto non discutono, i "potenti" stanno rovinando il settore a favore delle 2 o 3 multinazionali e a discapito di gente che lavora (e questo non riguarda nulla l'open source).Non c'e' tempo di discutere, la direttiva sta passando nel peggiore dei modi e a discapito di tutti.
          se continuate a utilizzare questi atteggiamenti
          presuntuosi, difficilmente riuscirete a farvi
          ascoltarepurtroppo sono arrivato a questa conclusione perche' continuo a parlare con gente che non ha voglia di informarsi di conseguenza: o e' ignorante o e' stupida.Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Ho provato a prendere il brevetto
          .....
          su molte aspetti dei brevetti non sono d'accordo,
          ma nemmeno con la tua ipotesi secondo cui sarebbe
          possibile brevettare il "carrello", altrimenti in
          america qualcuno lo avrebbe già fatto
          la realta' e' infinitamente peggiore del tuo peggior incubo:http://webshop.ffii.org/ma dove haissuto fino ad oggi ? su marte ?s.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho provato a prendere il brevetto
        ....
        Io mi chiedo come si fa ad essere pro' a questa
        direttiva.
        O si e' ignoranti o si e' troppo stupidi.Oppure si e' bulimici di soldi e allegici al lavoro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho provato a prendere il brevetto
      - Scritto da: Anonimo

      Io ho studiato Ing. Meccanica prima di lavorare
      per aziende che producono software.

      E qualche anno fa ho disegnato un sistema di
      raffreddamento a olio a base siliconica non...complimentoni!!!
      Mi sono informato per prendere il brevetto.ecco un'altra volpe...
      Capirai che da solo non puoi riuscire a prendere
      il brevetto per essere tutelato in tutti i paesi
      piu' importanti....un'altra volpe che non riesce ad afferrare l'uva...
      Penso che i brevetti siano una beffa nei
      confronti dell'intelligenza umana.... e che alla fine si giustifica dicendo che l'uva è acerba

      ---
      Roberto---ciccillo cacace
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho provato a prendere il brevetto
        - Scritto da: Anonimo

        Capirai che da solo non puoi riuscire a prendere

        il brevetto per essere tutelato in tutti i paesi

        piu' importanti.

        ...un'altra volpe che non riesce ad afferrare
        l'uva...


        Penso che i brevetti siano una beffa nei

        confronti dell'intelligenza umana.

        ... e che alla fine si giustifica dicendo che
        l'uva è acerbaPerche' mi dici questo? Sei una persona cattiva.Secondo te essere intelligenti o avere un'idea brillante una volta nella vita implica automaticamente l'avere piu' di 10 milioni di lire per poterla brevettare?Vogliamo essere daccordo coi brevetti? E allora perche' sono cosi' inaccessibili ai piccoli inventori e artigiani?Anche chi guadagna 3milioni al mese, lo stipendio medio di un ingegnere, non potrebbe permettersi di brevettare piu' di una idea l'anno. Senza contare le spese per poter fare i prototipi, tutti i test e finalmente riuscire a farla produrre.Anche col software come hanno dimostrato anche grandi aziende come Nokia, e' assolutamente impossibile fare una ricerca rapida e dettagliata di tutti i brevetti che si possono infrangere durante la creazione di un programma.L'ho detto e lo ripeto, il sistema brevettuale oggi nel nostro paese (ma anche tanti altri in base a quello che sento in giro) e' inadatto potersi permettere l'ottenimento di un brevetto.Questo sistema e' talmente costoso e difficile da usare per i comuni hobbisti e inventori che ci fa sospettare che sia stato progettato esclusivamente per tutelare le aziende e di queste solo quelle piu' ricche e legalmente dotate.CiaoRoberto
    • Anonimo scrive:
      Re: Ho provato a prendere il brevetto
      - Scritto da: Anonimo

      Io ho studiato Ing. Meccanica prima di lavorare
      per aziende che producono software.

      E qualche anno fa ho disegnato un sistema di
      raffreddamento a olio a base siliconica non
      elettroconduttivo e a basso coeficiente di
      dilatazione. Un progetto carino perche' in uno
      spazio ristretto metteva insieme ventola davanti
      al radiatore con la pompa sullo stesso asse di
      rotazione, e il radiatore ha una valvola semplice
      ed un vaso di espansione simile alla vasca di
      recupero della pompa del freno di una moto, pur
      restando sigillato.
      Utilissimo per il raffreddamento di CPU per
      computer ma anche transistor finali di potenza,
      valvole e ovunque si usino comuni scambiatori di
      calore ad olio.
      Oggi ci sono stupidi ed ingombranti sistemi ad
      acqua o si continua con dissipatori e ventole.

      Mi sono informato per prendere il brevetto.
      Per riuscire ad essere coperto in almeno il 60%
      dei paesi industrializzati, nel 1998-99 ci
      volevano quasi 10milioni di vecchie lire. Perche'
      esistono 3 tipi di brevetto, quello che ti copre
      solo a livello nazionale, quello della
      convenzione di Washington che prevede alcuni
      paesi e quello della convenzione di Ginevra che
      ne copre altri. Se fai quello di una delle
      convenzioni che prevede il tuo paese hai la
      copertura automatica sul tuo paese e non ti serve
      quello nazionale.

      Oggi a distanza di 7 anni credo il costo sia
      mooolto aumentato.

      Capirai che da solo non puoi riuscire a prendere
      il brevetto per essere tutelato in tutti i paesi
      piu' importanti.

      Figuriamoci se prendi piu' di un brevetto, e
      figuriamoci se la tua invenzione utilizza idee
      gia' brevettate e i tocca pagare anche delle
      royalty a qualcuno per usare quelle idee.

      Quando ho provato a chiedere in giro ad aziende
      del settore meccanico ed elettonico se mi
      volevano finanziare, ho trovato solo cinesi e
      taiwanesi che mi scrivevano da uffici in USA che
      volevano gia' disegni e dettagli per studiare se
      ne valeva la pena.
      Le grosse aziende non erano interessate perche'
      avevano le risorse per progettare da se quando e
      se sarebbe stato richiesto questo tipo di oggetto
      dal mercato.

      Chi mi aveva scritto interessato se non erano
      cinesi che volevano vedere i disegni, mi ha
      mandato degli esempi di contratto dove avremmo
      dovuto metterci daccordo su quale diritto di
      sfruttamento e per quanto tempo ne avrebbe avuto
      l'azienda finanziatrice.

      Alla fine ho mollato tutto in un cassetto ed ho
      accettato un lavoro per l'allora gruppo Olivetti
      che mi dava un buon stipendio per campare
      dignitosamente.
      Volevo provare a far da me con le mie forze e
      sono comunque finito alle dipendenze di una
      grande azienda.

      Ma adesso che c'e' crisi e dopo varie
      acquisizioni e ristrutturazioni aziendali il mio
      lavoro e' a rischio.

      E' difficile brevettare per un privato. Le
      aziende comunque raggiunto il monopolio smettono
      di innovare e non necessitano neppure piu' di
      nuova forza lavoro.

      Come si fa a vivere in queste condizioni?

      Penso che i brevetti siano una beffa nei
      confronti dell'intelligenza umana.
      E sono convinto che un sistema simile al software
      libero sia la strada migliore da percorrere
      perche' se non altro con Linux ha dimostrato di
      funzionare egregiamente.

      ---
      Roberto
      Quindi non hai potuto avere il tuo brevetto e ritieniche i brevetti vadano eliminati. Mah.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ho provato a prendere il brevetto
        - Scritto da: Anonimo[...]
        Quindi non hai potuto avere il tuo brevetto e
        ritieni
        che i brevetti vadano eliminati. Mah.Direi che l'acume mostrato nel tuo post è secondo solo al quoting che hai utilizzato...
  • Anonimo scrive:
    Brevetti? Morte industria IT in Europa
    Come hanno avuto modo di sostenere ripetutamentee sin dall'inizio tramite le loro organizzazioni di rappresentanza, le centinaia di migliaia di PMI europee legate al settore sono, non solo contrarie, ma disposte a lottare fino all'ultimo contro l'approvazione definitiva di questalegge illiberale e antidemocratica (nessuno la vuole,in quattro o cinque l'approvano, come nel medioevo)Questa legge, cosi com'è, senza gli emendamentiapportati dal parlamento europeo (unico organorappresentativo in sede europea, che tra l'altro ha poideciso all'unanimità di ridiscuterla da zero, in conseguenzadell'enorme protesta in tutto il continente di tutti gli addettiai lavori, decisione ignorata dal consiglio ristretto deiministri, NON eletti da nessuno in Europa) è chiaramentedistruttiva nei confronti del tessuto produttivo europeo,fatto di piccole e medie imprese.In Europa vige gia la legislazione del copyright, a difesadell'innovazione. Una legge dei brevetti, specie se cosifumosa e in grado di permettere tutto, come quella in oggetto, consegnerebbe l'INTERA INDUSTRIA IT dell'europa nelle mani di alcune corporation. Brevettare, inqueste condizioni, significherebbe, non solo spenderedecine di migliaia di euro in registrazioni, ma soprattuttoinvestire somme esorbitanti in procedimenti legali che solograndi aziende possono permettersiNO AI MONOPOLI SULLE ATTIVITA' ECONOMICHE EUROPEE, NO ALL'AZZERAMENTO DELL'INDUSTRIAIT IN EUROPA, NO ALLA CANCELLAZIONE DELLEIMPRESE E DEI POSTI DI LAVORO PER FORAGGIAREDUE-TRE GRANDI IMPRESEVOGLIAMO UN'EUROPA LIBERALE, CON REGOLEGIUSTE, NON UN POSTO DA SACCHEGGIARE PERPOCHI INTERESSI PARTICOLARI
  • Anonimo scrive:
    PERCHE' I BREVETTI SONO SBAGLIATI
    1) Il meccanismo dei brevetti puo' portare a brevettare idee che bloccherebbero aziende e sviluppo.Tanto per fare un esempio, dare la possibilita' di brevettare l'idea del "negozio online", sarebbe disastroso. Si immagini ad esempio:a) se l'azienda che possiede il brevetto sul negozio on-line o sul carrello elettronico imponesse agli altri di non utilizzare piu' l'idea. I negozi on line sparirebbero.b) imponessero il pagamento di una cifra altissima per una idea di questo tipo (ricordate le GIF?). Io come piccolo imprenditore smetterei di fare negozi on-line perche' o non troverei piu' clienti (data la lievitazione dei prezzi) o non avrei i fondi necessari per andare contro cause legali contro colossi ecc...Il problema dei brevetti e' la brevettazione delle idee non dell'implementazione di una idea.E' l'implementazione che e' giusto proteggere non l'idea.Non e' giusto copiare il codice che crea un carrello elettronico, ma ricreare da zero un codice che realizza un carrello elettronico secondo i miei schemi e le mie idee e' giusto.Ho possibilita' di esprimermi (e i veri informatici sanno cosa intendo), sviluppando qualcosa di mio, e realizzando una idea astratta che come tale appartiene a tutti.E' come se uno brevettasse un genere romanzesco o un genere musicale... a me non sembra molto giusto. A voi si?Non credete ai brevetti di questo tipo... bene un negozio on-line potrebbe violarne ben 20: http://webshop.ffii.org/2) La legge dei brevetti cosi' com'e' non difende il piccolo imprenditoreImmagino il povero sfigatello che ha un'idea brillante ma deve fare un mutuo di 50000 euro per pagarsi il brevetto senza sapere se ha ritorno economico. Immagino il piccolo sfigatello pagarsi avvocati contro il colosso Microsoft che puo' permettersi di pagare un esercito di avvocati e puo' permettersi di stroncare lo sfigatello (in Italia poi siamo abituati a queste cose) cosa riuscira' a raccimolare.Immagino invece Micro$oft stra ricca che puo' permettersi il brevetto su migliaia di scemenze per stroncare la piccola potenziale concorrenza (doppio click, barra di avanzamento ecc.). Chissa' quanti studi e sacrifici hanno portato la scoperta del doppio click.3) L'america ha dato l'esempio di come le poche grosse aziende sfruttino i brevetti:non per innovare ma solo per distruggere il potenziale piccolo concorrente ed assicurarsi cosi' il settore.Essere pro brevetti e' da sciocchi. Probabilmente chi lo e' non ha ancora capito la gravita' della cosa e probabilmente non lavora nel settore oppure semplicemente non la vuole capire perche' "drogato" da Microsoft e tutte le storielle.Visto i vari messaggi stupidi che ho letto dico: "che Dio ci liberi dai brevetti sulle idee".P.S. troll se volete rispondere fatelo in maniera civile e corretta e non sentenziando senza dare dimostrazione delle scemenze che dite. Non perdete tempo please.
    • Anonimo scrive:
      Re: PERCHE' I BREVETTI SONO SBAGLIATI

      Immagino il povero sfigatello che ha un'idea
      brillante ma deve fare un mutuo di 50000 euro per
      pagarsi il brevetto senza sapere se ha ritorno
      economico. Immagino il piccolo sfigatello pagarsi
      avvocati contro il colosso Microsoft che puo'
      permettersi di pagare un esercito di avvocati e
      puo' permettersi di stroncare lo sfigatello (in
      Italia poi siamo abituati a queste cose) cosa
      riuscira' a raccimolare.tanto per fare un esempio di come e' la realta': causa Microsoft-Eolas.Mi sembra che il piccolo (Eolas) pur avendo ragione ha perso o quasi la battaglia contro il colosso Microsoft.Questi sono i brevetti che portano solo vantaggi alle grosse aziende. Le piccole non continueranno a lungo.
      • Anonimo scrive:
        Re: PERCHE' I BREVETTI SONO SBAGLIATI
        - Scritto da: Anonimo
        tanto per fare un esempio di come e' la realta':
        causa Microsoft-Eolas.
        Mi sembra che il piccolo (Eolas) pur avendo
        ragione ha perso o quasi la battaglia contro il
        colosso Microsoft.
        Questi sono i brevetti che portano solo vantaggi
        alle grosse aziende. Le piccole non continueranno
        a lungo.Ci terrei ad aggiungere, che quando un piccolo ha vinto ed e' riuscito a prendere qualche milioncino di $$ e' stato perche' il grande lo ha lasciato vincere.Sembra una cosa incredibile o una mia ipotesi strampalata, ma la verita' e' che c'e' comunque interesse da parte di grandi aziende come Microsoft a far vedere che in fondo il sistema dei brevetti funziona ed e' valido.Ed ogni tanto pagano e sembrano far vincere una piccola azienda che detiene un brevettino minore giusto per dare un contentino alla societa' quando questa inzia a diventare un po' diffidente sui brevetti e la loro opportunita'.
    • Anonimo scrive:
      Si e' perso il significato di brevetto
      In effetti i brevetti intesi come sono intesi oggi bloccano lo sviluppo e sono un danno!Lo scopo principe di un sistema di brevettazione era e dovrebbe ancora essere quello di stimolare la creazione e lo sviluppo di una idea originale ed innovativa senza per questo giustificare il furto e la copia indiscriminata.Dovrebbe cioe' proteggere una implementazione e per tempo limitato ma assolutamente non l'idea in se, il concetto sottostante, rendendo possibile l'innovaziona, anzi nello spirito originale, addirittura stimolare l'innovazione!I tre punti fondamentali sono:1) Proteggere una implementazione e non l'idea stessa.2) Proteggere l'implementazione di una idea solo per un tempo limitato.3) Il tempo di copertura deve variare dinamicamente in base al contesto. Chiaro che non puo' essere lo stesso per una tecnologia spaziale, meccanica, informatica, automobilistica etc... deve essere inversamente proporzionale alla velocita' di sviluppo del settore coinvolto. In informatica non si possono avere brevetti decennali... chiaro che diventano un freno e no nun propulsore!:-)
      • SiNuS scrive:
        Re: Si e' perso il significato di brevet
        - Scritto da: Anonimo
        In effetti i brevetti intesi come sono intesi
        oggi bloccano lo sviluppo e sono un danno!

        Lo scopo principe di un sistema di brevettazione
        era e dovrebbe ancora essere quello di stimolare
        la creazione e lo sviluppo di una idea originale
        ed innovativa senza per questo giustificare il
        furto e la copia indiscriminata.Secondo me non si è perso il significato di brevetto. Semplicemente in informatica non ha senso. In informatica l'innovazione nel software significa quasi esclusivamente migliorare qualcosa di esistente e le invenzioni veramente innovative risalgono agli albori di questa scienza.Stimolare l'iinovazione cosa significa? Bloccare qualcun'altro che sta sviluppando la stessa idea a meno che non paghi? Non mi pare che una cosa funzioni molto in una situazione come quella attuale.Inoltre se uno deve proteggere il suo lavoro mi pare che esista già uno strumento per farlo e si chiama per chi non lo sapesse copyright. L'informatica sarebbe l'unico settore dove vengono adottate entrambe le protezioni. Se io dovessi scegliere tra le 2 preferisco qualla che comunque lascia agli altri la libertà di arrivare alla stessa soluzione.
        Dovrebbe cioe' proteggere una implementazione e
        per tempo limitato ma assolutamente non l'idea in
        se, il concetto sottostante, rendendo possibile
        l'innovaziona, anzi nello spirito originale,
        addirittura stimolare l'innovazione!Abbassando i limiti ad un periodo ragionevole (2 anni, che sono cmq troppi in info) ed alzando la soglia d'innovazione per la brevettabilità, non ci vuole molto a capire che una legge come questa non servirebbe a niente, e non incentiverebbe più della situazione attuale

        I tre punti fondamentali sono:

        1) Proteggere una implementazione e non l'idea
        stessa.Se non proteggi l'idea ma l'implementazione, allora proteggi il codice. Ma proteggere il codice nell'informatica è come brevettare l'alfabeto. E poi i brevetti sono qualcosa che per la maggiorparte si applica a oggetti di produzione industriale. La produzione in larga scala di un programma la può fare chiunque abbia un computer.Secondo me se si vuole tutelare l'innovazione a tutti i costi, il brevetto non è efficace, in quanto per favorire da una parte qualcuno, svantaggia pesantemente tutti gli altri.
  • Anonimo scrive:
    Win 95...
    Saranno anche tutte vere queste argomentazioni (mah) ma vorrei ricordare che lo strumento che ha messo il PC alla "portata" di tutti è stato Win 95.Funzionava male? Ora fà ridere? Si ma ha conquistato tutti.E non fate i finti snob altolocati, perchè al tempo (parlo di PC) non esisteva niente di paragonabile da proporre al consumatore medio in termini di appetibilità.Non ho detto efficenza: col tempo questa è stata acquisita da WinXP.Certo, MS mica lo ha fatto per fare un voto alla madonna. Ci ha straguadagnato. E allora?? Chi ha impedito ad OS/2 di fare altrettanto? E non credo che IBM si sarebbe fatta intimorire da questioni di monopolio...Probabilmente attualmente esistono altri SO che potrebbero rimpiazzare lo stesso XP e a costi inferiori...ma manca l'informazione per l'untente. E questa COOOOSTA. E' la pubblicità.Il consumatore non sa cosa farsene di "grandi prestazioni" se qualcuno non gliele spiega e non le rende "facili".E se altri pensano di poter fare a meno dei cosiddetti "utonti" per diffondere la propria religione...bhe poi non si lamenti se resterà confinato alla sua cantina.La gente non ha paura di spendere per un prodotto che ritiene "consciuto": è lo sconosciuto che spaventa, anche se gratis. E se poi di sconosciuti, invece che uno solo, ce ne sono tanti, tutti simili ma anche diversi, con distribuzioni diverse....
    • Anonimo scrive:
      Re: Win 95...
      - Scritto da: Anonimo
      Saranno anche tutte vere queste argomentazioni
      (mah) ma vorrei ricordare che lo strumento che ha
      messo il PC alla "portata" di tutti è stato Win
      95.
      Funzionava male? Ora fà ridere? Si ma ha
      conquistato tutti.
      E non fate i finti snob altolocati, perchè al
      tempo (parlo di PC) non esisteva niente di
      paragonabile da proporre al consumatore medio in
      termini di appetibilità.sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da usare come e più di win95....
      Non ho detto efficenza: col tempo questa è stata
      acquisita da WinXP.
      mah, non mi pare proprio...
      Certo, MS mica lo ha fatto per fare un voto alla
      madonna. Ci ha straguadagnato. E allora?? Chi ha
      impedito ad OS/2 di fare altrettanto? E non credo
      che IBM si sarebbe fatta intimorire da questioni
      di monopolio...

      Probabilmente attualmente esistono altri SO che
      potrebbero rimpiazzare lo stesso XP e a costi
      inferiori...ma manca l'informazione per
      l'untente. E questa COOOOSTA. E' la pubblicità.
      Il consumatore non sa cosa farsene di "grandi
      prestazioni" se qualcuno non gliele spiega e non
      le rende "facili".
      E se altri pensano di poter fare a meno dei
      cosiddetti "utonti" per diffondere la propria
      religione...bhe poi non si lamenti se resterà
      confinato alla sua cantina.

      La gente non ha paura di spendere per un prodotto
      che ritiene "consciuto": è lo sconosciuto che
      spaventa, anche se gratis. E se poi di
      sconosciuti, invece che uno solo, ce ne sono
      tanti, tutti simili ma anche diversi, con
      distribuzioni diverse....... l'ignoto fa paura, imparare costa fatica... tutto molto bello,,, ma che c'entra coi brevetti ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Win 95...
        - Scritto da: Anonimo
        sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da usare
        come e più di win95....Si BeOS in quel periodo non aveva i driver per una marea di hardware
        • Anonimo scrive:
          Re: Win 95...
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da
          usare

          come e più di win95....

          Si BeOS in quel periodo non aveva i driver per
          una marea di hardwarequelli per la Toshiba si, ma M$ gli ha segato le gambe... ricordi i 4 anni di processo etc,etc ?
        • Mechano scrive:
          Re: Win 95...
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo

          sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da
          usare

          come e più di win95....

          Si BeOS in quel periodo non aveva i driver per
          una marea di hardwareC'era un CD demo che a me ha sempre funzionato su quasi tutti i PC dove l'ho provato.E' ovvio che restavano fuori scanner economici, winmodem e winprinter.Ma se si fosse diffuso, non vedo perche' non sarebbero cresciute le aziende che lo avrebbero supportato.Ed invece non si e' potuto diffondere perche' Micro$oft ricattava i produttori di PC che installavano anche BeOS.Il ricatto consisteva nella minaccia di aumentare il costo delle licenze di Win che era comunque il piu' venduto, o addirittura il divieto di vendere PC con Win OEM preinstallato.E questa non e' una mia invenzione, ma gli atti dell'accordo extragiudiziario tra Be Inc. e Micro$oft.Con queste minaccie mi sembra ovvio che nessuno voleva rischiare e quindi si e' smesso di proporre BeOS.BeOS era incredibile per l'epoca. Aveva il sistema grafico interamente OpenGL ed era velocissimo.Su una macchina di classe Pentium e Pentium II potevi aprire 4 finestre con animazioni OpenGL calcolate in tempo reale, e per quanto velocemente tu potessi prendere col mouse e muovere una finestra lui era stato comunque in grado di renderizzare 3-4 fotogrammi dell'animazione mentre che continuava a renderizzare nelle altre finestre aperte.Credo ancora nessun sistema operativo sia arrivato a tanta efficienza.Questo e' l'esempio di come il monopolio non porti proprio a nessun vantaggio per l'innovazione, anzi affossi prodotti ottimi come BeOS.E il monopolio Micro$oft e' uno dei peggiori del mondo dell'informatica.__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: Win 95...
            Ad ogni modo Be non ha saputo attivare uno straccio di campagna pubblicitaria. E questo, in campo commerciale, si paga a caro prezzo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Win 95...

        sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da usare
        come e più di win95....Si certo: il "famosissimo" BeOS.


        Non ho detto efficenza: col tempo questa è stata

        acquisita da WinXP.



        mah, non mi pare proprio...
        E perchenno? Non si impalla mai, mi permette di fare tutto quello che mi serve, è estremamente ergonomico...e con lecenze studenti o OEM consta anche decisamente poco.La versione Home praticamente te la regalano.
        tutto molto bello,,, ma che c'entra coi brevetti ?
        Che si parlava forse di MS con il "grande satana" che distribuisce il Male nel Mondo?
        • Anonimo scrive:
          Re: Win 95...
          - Scritto da: Anonimo


          sbagliato, esisteva BeOS; che era facile da
          usare

          come e più di win95....

          Si certo: il "famosissimo" BeOS.
          ... ah certo che se non lo conosci tu, allora non serve a niente...




          Non ho detto efficenza: col tempo questa è
          stata


          acquisita da WinXP.






          mah, non mi pare proprio...



          E perchenno? Non si impalla mai, mi permette di
          fare tutto quello che mi serve, è estremamente
          ergonomico...e con lecenze studenti o OEM consta
          anche decisamente poco.boh ! potrei dire (anzi, dico!) le stesse cose di Linux...
          La versione Home praticamente te la regalano.... chissà perchè se si regala Linux si attenta al libero mercato, se invece M$ 'regala' winXP fa del bene all'umanità...


          tutto molto bello,,, ma che c'entra coi
          brevetti ?



          Che si parlava forse di MS con il "grande satana"
          che distribuisce il Male nel Mondo?no, al limite dice al ministro degli esteri danese che se non appoggia la direttiva sui brevetti sw in europa, gli 800 posti di lavoro di M$ in danimarca potrebbero saltare...robetta...
    • Anonimo scrive:
      Re: Win 95...
      qui si parla di brevetti, non di Microsoft.Ti suggerirei prima di postare di:1) informarti meglio2) informarti3) informarti in maniera decente
      • Anonimo scrive:
        Re: Win 95...
        - Scritto da: Anonimo
        qui si parla di brevetti, non di Microsoft.
        Ti suggerirei prima di postare di:
        1) informarti meglio
        2) informarti
        3) informarti in maniera decenteNon si parla di MS? Ma sei sicuro? A me pare di aver letto di MS e Macromedia....Cmq Win95 è il tipico esempio di prodotto commerciale, proprietario, che ha avuto grande diffusione e condenso da parte del pubblico....pur NON essendo gratis o "open".
  • Anonimo scrive:
    Re: non è fanatismo (di Mechano)
    - Scritto da: Mechano
    Accusare di fanatismo un insigne professore
    universitario, esperto avvocato e fine pensatore,
    che sa quel di cui sta parlando perche' ha
    intuito i pericoli insiti nei brevetti e nelle
    azioni della Micro$oft e', oltre stupido, anche
    segno di ignoranza o di malafede.Cioè la reputazione di una persona si basa esclusivamente sul suo titolo di studio? Sapessi qaunti professori "emeriti idioti" ho conosciuto...E non certo solo a detta mia.Invece cosa si potrebbe dire di te che scrivi Microsoft con il $ ? La solita polemica da bar dell'angolo.

    Perche' se c'e' qualcuno che puo' avvisare il
    mondo opensource del pericolo che correra' entro
    poco tempo e della pericolosita' di aziende
    impazzite come la Micro$oft che sta corrompendo
    politici e comprando favori dai governi di mezzo
    mondo e dai loro uffici brevetti,MS non mi sembra poi cosi impazzita...Dal suo punto di vista per lo meno. Guarda come se la spassa. Evidentemente sa il fatto suo. Ciò a dimostrare che molti eventi prevedono diversi punti di vista di analisi.Riguardo al corrompere...chissa: di sicuro la "comunità" Open Source non avrebbe i mezzi per poterselo permettere ehheheheCaspita e poi uhhh ma sono proprio dei santi al servizio dell'umanità questi della "open" che passano tutto il loro tempo in cantina a salvare il mondo.Mi piacerebbe vedere che fine farebbe il progetto Linux senza i soldi di IBM o HP, che ci marciano per poter avere un SO per i loro Server che rimpiazzi Unix, senza dover imbastire un team di ingegneri per studiare qualcosa si nuovo e proprietario.

    questo e' proprio il Professor Lessig.

    __
    Mr. MechanoPS (per la redazione): ma cambiate le regole di partecipazione al Forum ogni giorno?????????????Ora non si può piu rispondere ad utenti registrati se non lo si è a propria volta?
    • Mechano scrive:
      Re: non è fanatismo (di Mechano)
      - Scritto da: Anonimo
      Cioè la reputazione di una persona si basa
      esclusivamente sul suo titolo di studio? Sapessi
      qaunti professori "emeriti idioti" ho
      conosciuto...E non certo solo a detta mia.Ma non si ottiene una cattedra in legge in una prestigiosa universita' se si e' degli "emeriti idioti". E mi dispiace per te se conosci solo quel tipo di professori.Lessig ha dimostrato ampiamente al mondo sia opensource che commerciale, di conoscere il fatto suo, attraverso i numerosi articoli scritti in oltre un decennio di attivita' anche a favore delle community opensource.Se tu avessi solo letto qualcuno dei suoi articoli non verresti qui a sputare sentenze e cercare di screditarlo.
      Invece cosa si potrebbe dire di te che scrivi
      Microsoft con il $ ? La solita polemica da bar
      dell'angolo.Micro$oft, Micro$ozz, Microzot, Microsput, sono solo nomignoli della stessa azienda truffaldina, plupregiudicata e condannata.Essendo il vero nome di tale azienda un marchio registrato, il nomignolo rende l'idea, fa capire di chi si parla, ma permette di non incorrere in qualsivoglia guaio giudiziario...
      MS non mi sembra poi cosi impazzita...Dal suo
      punto di vista per lo meno. Guarda come se la
      spassa. Evidentemente sa il fatto suo. Ciò a
      dimostrare che molti eventi prevedono diversi
      punti di vista di analisi.Ma come ci e' arrivata? Acquisendo aziende e chiudendole regalando prodotti e facendo fallire i concorrenti, ricattando i produttori di PC che installavano sistemi operativi concorrenti, introducendo variazioni agi standard per far funzionare solo i propri prodotti, non aggiornando bug e problemi finche' non lo riteneva conveniente, corrompendo politici e tribunali.Non c'e' che dire, sa proprio il fatto suo...
      Riguardo al corrompere...chissa: di sicuro la
      "comunità" Open Source non avrebbe i mezzi per
      poterselo permettere ehheheheQuindi la corruzione e' una cosa che giustifichi e che ti appare normale?
      Caspita e poi uhhh ma sono proprio dei santi al
      servizio dell'umanità questi della "open" che
      passano tutto il loro tempo in cantina a salvare
      il mondo.No, spendono il loro tempo per dare a se stessi e agli altri un sistema a misura d'uomo che appartenga a noi e non sia guidato dai capricci di un'azienda truffaldina.
      Mi piacerebbe vedere che fine farebbe il progetto
      Linux senza i soldi di IBM o HP, che ci marciano
      per poter avere un SO per i loro Server che
      rimpiazzi Unix, senza dover imbastire un team di
      ingegneri per studiare qualcosa si nuovo e
      proprietario.Linux ha avuto una sua evoluzione dal 1992 al 2002 senza i fondi e gli aiuti di IBM, HP e company.Il denaro, le strutture e i macchinari che questi hanno fornito sono serviti ad accelerare lo sviluppo di quelle componenti che a queste aziende servivano rapidamente. Specie UMA e il supporto multiprocessore per i server di IBM.Se nessuno gli mette gli bastoni tra le ruote il software libero va avanti da se, non necessita di nulla che non abbia gia'.
      PS (per la redazione): ma cambiate le regole di
      partecipazione al Forum ogni giorno?????????????
      Ora non si può piu rispondere ad utenti
      registrati se non lo si è a propria volta?Bellissimo sistema anti-troll, anti-idioti, anti-astroturfer.Sono daccordo a poter lockare i thread.E voi troll ne aprite uno nuovo perche' non avete il coraggio di apparire col vostro nick e confrontarvi.Bruciereste immediatamente il vostro nick alla prima dimostrazione di malafede e interesse...__Mr. Mechano
    • Mechano scrive:
      Re: non è fanatismo (di Mechano)
      - Scritto da: Anonimo
      Cioè la reputazione di una persona si basa
      esclusivamente sul suo titolo di studio? Sapessi
      qaunti professori "emeriti idioti" ho
      conosciuto...E non certo solo a detta mia.Ma non si ottiene una cattedra in legge in una prestigiosa universita' se si e' degli "emeriti idioti".Lessig ha dimostrato ampiamente al mondo sia opensource che commerciale, di conoscere il fatto suo, attraverso i numerosi articoli scritti in oltre un decennio di attivita'.Se tu avessi letto qualcuno dei suoi articoli non verresti qui a cercare di screditarlo.
      Invece cosa si potrebbe dire di te che scrivi
      Microsoft con il $ ? La solita polemica da bar
      dell'angolo.Micro$oft, Micro$ozz, Microzot, Microsput, sono solo nomignoli qualcuno li associa ad un'azienda immaginaria truffaldina, plupregiudicata e condannata.Il nomignolo rende l'idea, fa capire di chi si parla, ma permette di non incorrere in qualsivoglia guaio giudiziario...
      MS non mi sembra poi cosi impazzita...Dal suo
      punto di vista per lo meno. Guarda come se la
      spassa. Evidentemente sa il fatto suo. Ciò a
      dimostrare che molti eventi prevedono diversi
      punti di vista di analisi.Ma come ci e' arrivata? Acquisendo aziende e chiudendole regalando prodotti e facendo fallire i concorrenti, ricattando i produttori di PC che installavano sistemi operativi concorrenti, introducendo variazioni agi standard per far funzionare solo i propri prodotti, non aggiornando bug e problemi finche' non lo riteneva conveniente, e forse corrompendo politici e tribunali.Non sono mie illazioni, ma accuse reali per le quali e' stata condannata in primo grado.Non c'e' che dire, sa proprio il fatto suo...
      Riguardo al corrompere...chissa: di sicuro la
      "comunità" Open Source non avrebbe i mezzi per
      poterselo permettere ehheheheQuindi la corruzione e' una cosa che giustifichi e che ti appare normale?
      Caspita e poi uhhh ma sono proprio dei santi al
      servizio dell'umanità questi della "open" che
      passano tutto il loro tempo in cantina a salvare
      il mondo.No, spendono il loro tempo per dare a se stessi e agli altri un sistema a misura d'uomo che appartenga a noi e non sia guidato dai capricci di aziende truffaldine.
      Mi piacerebbe vedere che fine farebbe il progetto
      Linux senza i soldi di IBM o HP, che ci marciano
      per poter avere un SO per i loro Server che
      rimpiazzi Unix, senza dover imbastire un team di
      ingegneri per studiare qualcosa si nuovo e
      proprietario.Linux ha avuto una sua evoluzione dal 1992 al 2002 senza i fondi e gli aiuti di IBM, HP e company.Il denaro, le strutture e i macchinari che questi hanno fornito sono serviti ad accelerare lo sviluppo di quelle componenti che a queste aziende servivano rapidamente. Specie UMA e il supporto multiprocessore per i server di IBM.Se nessuno gli mette i bastoni tra le ruote il software libero va avanti da se, non necessita di nulla che non abbia gia'.
      PS (per la redazione): ma cambiate le regole di
      partecipazione al Forum ogni giorno?????????????
      Ora non si può piu rispondere ad utenti
      registrati se non lo si è a propria volta?Bellissimo sistema anti-troll, anti-idioti, anti-astroturfer.Sono daccordo con P.I. e mi piace poter lockare i thread piu' importanti.E i troll ne aprono uno nuovo perche' non hanno il coraggio di apparire col loro nick e confrontarsi.Brucierebbero immediatamente il loro nick alla prima dimostrazione di malafede e interesse...Perche' una volta capito che sono dei perditempo nessuno gli darebbe piu' credito.__Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        Re: non è fanatismo (di Mechano)

        Micro$oft, Micro$ozz, Microzot, Microsput, sono
        solo nomignoli qualcuno li associa ad un'azienda
        immaginaria truffaldina, plupregiudicata e
        condannata.
        Il nomignolo rende l'idea, fa capire di chi si
        parla, ma permette di non incorrere in
        qualsivoglia guaio giudiziario...
        Quindi se dico "Mechanozozz è un idiota" posso andare tranquillo. Sei proprio un coglione.
  • Anonimo scrive:
    sperequazini dei prezzi in europa
    dando un occhiata tra le varie offerte telefonichee adsl mi e' capitata l'offerta che fa telecom italia29.95 euro comprendente linea adsl 8 mega e telefonate illimitate, un sogno direte voi, nn e' un sogno ragazzi a meno che voi nn abitiate a parigi oppure a marsiglia.L'offerta infatti e' destinata dalla telecom italia france per il mercato francese. Il motico e' presto spiegato, in francia evidentemente c'e' il libero mercato per le telecomunicazioni e quindi per attirare clienti bisogna fare offerte pazzesche.La domanda che un qualsiasi uomo medio si pone e' questa:Come mai fanno un'offerta cosi allettante visto che sicuramente hanno dovuto sopportare un'enorme sforzo economico per andare ad offrire servizi in francia, mentre in italia che ormai i costi delle strutture sono state ampliamente ripagate, allora nn fanno offerte simili? semplice da spiegarsi, qui nn c'e' concorrenza e fanno come vogliono.dopo aver visto la suddetta offerta sicuramente sarete incazzati neri andate prima per incazzarvi :http://offres.aliceadsl.fr/alice/ep/programView.do?channelId=-536881518&programId=536891245e dopo se vi va di sfogarvi andate qui:http://www.striscialanotizia.it/sosgabibbo.shtmle se volete che le vostre proteste abbiano un seguito linkate a tutti i vostri amici.
  • gattosiamese scrive:
    Lessig
    tuo sudditogattosiamese
  • Anonimo scrive:
    questo forum..
    ... è pieno zeppo di dipendenti M$ ! ma come si fa a ragionare con gente che ti parla di "pericolo di software senza regole", gente che si esalta per click e doppi click brevettati... roba da matti...
  • miomao scrive:
    Le prove della macchinazione in Europa
    Personalmente non approvo alcun genere di estremismo, come quello che vorrebbe tutto il software distribuito secondo license open-source.Non ho preconcetti nemmeno contro la globalizzazione, che può significare tante cose positive e negative.Vi invito comunque a seguire il mio ragionamento...Non appena il Consiglio dei Ministri Europeo approva la direttiva sui brevetti del software, Microsoft si fa portavoce di una riforma del sistema dei brevetti USA.Tra gli obiettivi della riforma, quello di allineare il sistema statunitense con quello europeo.http://www.microsoft.com/presspass/features/2005/mar05/03-10PatentReform.aspUn portavoce di IBM è ancora più esplicito nell'affermare di desiderare la globalizzazione dei brevetti sul software.http://www.technologyreview.com/articles/03/05/schwartz0503.asp?p=3Perciò domandiamoci:Come può avvenire la globalizzazione di una pratica che attualmente è ammessa solo negli USA e in Giappone?Semplicemente, occorre prima introdurla nel resto del mondo e quindi rendere compatibili le varie normative.Il Consiglio UE, introducendo la brevettazione del software in Europa, sta perciò creando i presupposti per l'importazione di circa 300.000 brevetti USA.Il proposito di armonizzare le legislazioni nazionali all'interno della UE è solo un pretesto.Tantopiù che hanno dimostrato di infischiarsene della volontà dei cittadini e del Parlamento che li rappresenta.Le corporations possiedono anni di vantaggio nell'accumulare brevetti e nel realizzare le strutture necessarie alla loro produzione.Con una simile quantità di brevetti, di cui la maggioranza relativi a metodi banali e generici, il gioco sarà finito prima di iniziare.Vi basta fare 2 + 2 per capire che non si tratta di fantasiose teorie cospiratorie.
  • Anonimo scrive:
    al thread di mechano
    Scritto da: Mechano
    Accusare di fanatismo un insigne professore
    universitario, esperto avvocato e fine pensatore,sono sempre insigni professori e fini pensatori quando si scagliano contro ms o società closed source..quando però persone dello stesso calibro culturale trovano da ridire sull'opensource diventano corrotti, schiavi e via dicendo....ma va a cag...
    che sa quel di cui sta parlando perche' ha
    intuito i pericoli insiti nei brevettiper ogniuno che parla di pericolo brevetti ne trovi un'altro che parla di pericolo software senza regole!i brevetti sono una cosa giustissima!ricordi la storiella di meucci e bell?no certo tu sei per il tutto open, peccato che questa filosofia la vuoi applicare solo in campo informatico e non in tutti i settori!credi che l'informatica sia un mondo ultradimensionale?che possa vivere ed evolvere senza soldi in un mondo in cui servono soldi anche per la medicine?spiegaci come mai meucci e porto pieno di debiti e bell ricco sfondato?uno aveva il brevetto sul telefono l'ìaltro nO! e nelle
    azioni della Micro$oft e', oltre stupido, anche
    segno di ignoranza o di malafede.malafade è la tua!non puoi lustrare le scarpe ad ogniuno che dice quello che vuoi sentirti dire e dare dell'imbecille a quelli (docenti, informatici, produttori hardware, giuristi, società di indagine statistiche) che invece hanno da dire qualcosa di diverso (con ugual diritto e competenza!)

    Perche' se c'e' qualcuno che puo' avvisare il
    mondo opensource del pericolo che correra' entro
    poco tempo e della pericolosita' di aziende
    impazziteimpazzito sarai tu!ms e macromedia fanno politica imprenditoriale non hobbismo.. e si regolano di conseguenza....solo che loro hanno prodotto software è innovazione (e sono pieni di soldi), tu invece sei sempre qui ad evangelizzare!perchè non ci mostri la tua competenza e tiri fuori software innovativo (magiri opensource così poi lo copio lo compilo e non ti pago un cent) come la Micro$oft che sta corrompendo
    politiciovviamente è una tua opinione, certo ad avere prove si potrebbero portare in tribunale..ma come fare ad avere prove che le fogne americane sono popolate da coccodrilli?basta continuare a riperlo nei forum per farlo avverare? e comprando favori dai governi di mezzo
    mondo e dai loro uffici brevetti,l'ufficio brevetti non esiste mica solo per ms!e neanche solo per l'informatica!attorno i brevetti (soldi derivati dal loro sfruttamento) ruota tutta la ricerca mondiale in ogni campo: cure per l'aids, cure per il cancro, motori ad idrogeno, ricerca aerospaziale etc...ovvio tu vivi nel mondo della cantina-turchina e vorresti una realtà parallela per l'informatica.realtà fatta di tanti hobbisti malpagati e con conoscenze frammentarie..

    questo e' proprio il Professor Lessig.

    __
    Mr. Mechano
    • Anonimo scrive:
      Re: al thread di mechano
      - Scritto da: Anonimo
      sono sempre insigni professori e fini pensatori
      quando si scagliano contro ms o società closed
      source..vediamo un po': MS detiene il 94% del mercato MONDIALE del desktop. A scuola mi hanno insegnato che questo è un quasi monopolismo assunto grazie a una posizione dominante.
      ricordi la storiella di meucci e bell?
      spiegaci come mai meucci e porto pieno di debiti
      e bell ricco sfondato?senti facciamo così: io ti posto qui il link per scaricare Free Culture di Lawrence Lessinghttp://www.free-culture.cc/freeculture.pdfe tu mi fai il favore di leggerlo, soffermandoti su pag. 19 della introduzione, dove viene introdotta la storia tragica di Edwin Howard Armstrong, inventore della radio FM.
    • Anonimo scrive:
      Re: al thread di mechano

      i brevetti sono una cosa giustissima!i brevetti non sono il motore dello sviluppo. E' il genio, la creatività a generare sviluppo. Nessuno conosce l'inventore della ruota, del bronzo, e a quei tempi non esistevano di certo i brevetti!Oggi pare che gli scrittori, i cantautori non possano e non vogliano scrivere musica o romanzi senza sentirsi tutelati dai diritti d'autore e dai brevetti. Mi chiedo come abbia fatto Dante Alighieri allora a trovare "l'ispirazione" per scrivere la Divina Commedia, visto che non esisteva né la SIAE né uno straccio di editore (non esisteva nemmeno la stampa).Oh poveri amanuensi! I primi copioni della storia! Oggi quei poveri frati sarebbero tutti in galera!Tu hai portato l'esempio di Meucci per perorare la causa dei brevetti, ma lo sai che Meucci è stata una vittima della legge sulla brevettazione usata da Bell per rivendicare a sé la paternità dell'invenzione e dei suoi enormi benefici economici? E che solo nel 2003 il Congresso americano ha messo fine a questa triste storia, dando giustizia all'inventore italiano?
      • The_GEZ scrive:
        Re: al thread di mechano
        Ciao Anonimo !
        Tu hai portato l'esempio di Meucci per perorare
        la causa dei brevetti, ma lo sai che Meucci è
        stata una vittima della legge sulla brevettazione
        usata da Bell per rivendicare a sé la paternità
        dell'invenzione e dei suoi enormi beneficiGià.Ma nella mente progressista ed innovatrice dell' autore del post tra Meucci e Bell il figo non è Meucci che ha ivuto l' idea e la ha realizzata ma Bell che la ha fregata e ch ha fatto un sacco di soldi alla faccia sua.Bell 'idea di innovazione !COMPLINASI ALL' AUTORE !
        • Anonimo scrive:
          Re: al thread di mechano
          - Scritto da: The_GEZ
          Ciao Anonimo !


          Tu hai portato l'esempio di Meucci per perorare

          la causa dei brevetti, ma lo sai che Meucci è

          stata una vittima della legge sulla
          brevettazione

          usata da Bell per rivendicare a sé la paternità

          dell'invenzione e dei suoi enormi benefici

          Già.
          Ma nella mente progressista ed innovatrice dell'
          autore del post tra Meucci e Bell il figo non è
          Meucci che ha ivuto l' idea e la ha realizzata ma
          Bell che la ha fregata e ch ha fatto un sacco di
          soldi alla faccia sua.
          Bell 'idea di innovazione !
          COMPLINASI ALL' AUTORE !Se meucci avesse potuto brevettare la sua invenzione, Bell non gliel'avrebbe fregata.Questo era il senso della discussione.In questo caso il brevetto sarebbe stato per lui uno strumento di tutela, proprio per evitare che il "primo pirla" arrivasse e gli fregasse l'idea.Ragionamento per assurdo: togliamo tutti i brevetti cosi nessuno puo fregare niente a nessuno. Si ok e io "povero inventore" che faccio: campo di aria e buone intenzioni?Nessuno vorebbe pagarmi per un'idea che può tranquillamente scopiazzare ovunque.
          • Mechano scrive:
            Re: al thread di mechano
            - Scritto da: Anonimo
            Ragionamento per assurdo: togliamo tutti i
            brevetti cosi nessuno puo fregare niente a
            nessuno. Si ok e io "povero inventore" che
            faccio: campo di aria e buone intenzioni?
            Nessuno vorebbe pagarmi per un'idea che può
            tranquillamente scopiazzare ovunque.Perche' il tuo ragionamento si ferma giusto 20cm piu' avanti del tuo naso?Perche' le uniche parole che conosci sono arricchirsi, fregare, mangiare, scopiazzare?Prima di tutto, chi inventa non lo fa perche' spinto dalla sete di denaro e arricchimento. E' il mondo capitalista e industriale che ha introdotto questi concetti e questa capacita'. Ma di recente c'e' un concetto diverso.Chi inventa ha obbligatoriamente bisogno di tanto denaro per riuscire a far evolvere un'invenzione, anche solo per depositarne il brevetto. Gli unici che glielo permettono sono aziende con tali risorse che anche se ti assumono e ti danno questa possibilita' diventano automaticamente padrone di quel brevetto.Infatti oggi quando parliamo dei brevetti, parliamo (cito due aziende giusto per esempio) dei brevetti di Micro$oft e quelli di IBM, non quelli di John Smith dipendente Micro$oft e Robert Lowe dipendente di IBM. Anche se hanno inventato loro quell'algoritmo importante, l'azienda gli riconosce qualche ottimo dividendo, ma restano comunque licenziabili e per nulla padroni di quel brevetto. Infatti se gli appartenessero e potessero portarseli via vedremmo le aziende rubarsi i dipendenti, ma questo non avviene, non se ne sente parlare, perche' secondo te? Il sistema dei brevetti ha davvero tutelato i rispettivi inventori o solo le aziende che li hanno registrati.Se non fossero esistiti i brevetti all'epoca di Meucci e Bell, entrambi come anche altri bravi ingegneri di tutto il mondo avrebbero potuto creare delle piccole aziende produttrici di quell'oggetto. La gente avrebbe detto: "il telefono e' utile noi lo vogliamo e vi finanziamo per darcelo".Se non esistessero i brevetti le idee ci verrebbero "rubate"? Ma anche noi ne potremmo "rubare" migliaia di altre inventate da altri inventori.La gente dell'India, dell'America, dell"Europa avrebbe finanziato aziende a loro locali per farsi produrre il telefono. E non si sarebbe arrichito nessuno, non al livello di Bell, ma certamente quell'idea avrebbe dato lavoro a tantissima gente in giro per il mondo e dato un oggetto utilissimo a tantissima altra, ad un costo irrisorio.__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: al thread di mechano
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo


            Ragionamento per assurdo: togliamo tutti i

            brevetti cosi nessuno puo fregare niente a

            nessuno. Si ok e io "povero inventore" che

            faccio: campo di aria e buone intenzioni?

            Nessuno vorebbe pagarmi per un'idea che può

            tranquillamente scopiazzare ovunque.

            Perche' il tuo ragionamento si ferma giusto 20cm
            piu' avanti del tuo naso?
            Perche' le uniche parole che conosci sono
            arricchirsi, fregare, mangiare, scopiazzare?perchè il mondo va così!se poi davvero vivi in una cantina non so...ma nel mondo reale si fregano persino le scoperte teoriche in fisica quantistica ed in nobel (e mi riferisco a casi reali)...quindi siccome per lavorarci anni non ho fatto altro vorrei anche guadagnare (sai com'è il muto la spesa le bollette) per poter campare...vorrei essere TUTELATO!

            Prima di tutto, chi inventa non lo fa perche'
            spinto dalla sete di denaro e arricchimento.SVEGLIAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!! E'
            il mondo capitalista e industriale che ha
            introdotto questi concetti e questa capacita'.si marx....però ti ricordo che ci vivi nel mondo capitalista ed industriale...o il mondo cambia in toto o lasci stare, non puoi pretendere di avere una filosofia pseudo-comunista nel campo informatico quando il resto del mondo intorno a te è capitalista! Ma
            di recente c'e' un concetto diverso.si, che bello! :)))))in grecia c'era un concetto diverso!platone non ha mai dovuto vendere niente, ma neanche proccuparsi di come mantenersi; le persone colte erano mantenute per produrre cultura....Di recente c'è solo la fame: niente soldi per il tuo lavoro = miseria; no brevetti = no tutela contro il primo farabutto che ti scopiazza tutto e si arrichisce!

            Chi inventa ha obbligatoriamente bisogno di tanto
            denaro per riuscire a far evolvere un'invenzione,
            anche solo per depositarne il brevetto.non è chiaro cosa vuoi dire Gli unici
            che glielo permettono sono aziende con tali
            risorse che anche se ti assumono e ti danno
            questa possibilita' diventano automaticamente
            padrone di quel brevetto.che stai a dì?se hai il brevetto non devi farti assumere da nessuno, ne tantomeno ragalarlo al tuo padrone (ma marx ti piace proprio allora)... se hai il brevetto le aziende ti pagheranno dei diritti per poterlo sfruttare!e così che funziona (al massimo cercheranno di acquistarlo) dovresti almeno parlare solo delle cose che conosci..o sei in malafede?
            Infatti oggi quando parliamo dei brevetti,
            parliamo (cito due aziende giusto per esempio)
            dei brevetti di Micro$oft e quelli di IBM,esistono miliardi di brevetti non ms, non ibm e neanche informatici.sei tu a credere che brevetto sia sinonimo di ms....persino i macchinari per il pet (campo medico) inventati in italia sono stati prima brevettati e poi prodotti!il brevetto protegge il tuo lavoro e facendo questo fa si che si possano investire anni in lavoro senza rischiare di rimanere con il culo per terra..questa si chiama ricerca ed è un anello fontamentale dello sviluppo..non so in che favoletta vivi ma nel mondo reale tutti i ricercatori vivono sui brevetti ed anche le società che finanziano le ricerche....no brevetti = no ricerche... non
            quelli di John Smith dipendente Micro$oft e
            Robert Lowe dipendente di IBM. se sei dipendente di una società è giusto che sia la società ad avere il brevetto: chi ti ha pagato durante gli anni che conducevi le tue ricerche? chi ha investito?ci mancherebbe che j.smith lavorando per ms per una ricerca si prende i soldi (la paga), fa spendere a ms i soldi per il materiale e poi si frega il brevetto!se j. smith vuole brevettara qualche cosa inizi a lavorarci per conto suo e con i suoi soldi, vedrà che ms non avrà voce in capitolo!
            Anche se hanno inventato loro quell'algoritmo
            importante, l'azienda gli riconosce qualche
            ottimo dividendo, ma restano comunque
            licenziabili e per nulla padroni di quel
            brevetto.come sopra Infatti se gli appartenessero e
            potessero portarseli via vedremmo le aziende
            rubarsi i dipendenti, ma questo non avviene, non
            se ne sente parlare, perche' secondo te? Il
            sistema dei brevetti ha davvero tutelato i
            rispettivi inventori o solo le aziende che li
            hanno registrati.

            Se non fossero esistiti i brevetti all'epoca di
            Meucci e Bell, entrambi come anche altri bravi
            ingegneri di tutto il mondo avrebbero potuto
            creare delle piccole aziende produttrici di
            quell'oggetto.con i se non si fa la storia!i brevetti esistono perchè esistono i soldi!i brevetti servono a farti ritornare i soldi investiti (se non altro in forma di tempo) in tasca!meucci non avrebbe avuto nessuna azienda perchè non aveva i soldi per mettere su un'azienda...avrebbe invece potuto trarre profitto dall'uso del suo brevetto ad opera della bell...CAPISCI ORA PERCHE' I BREVETTI TUTELANO?certo se poi facciamo sparire i soldi ti do ragione...ma nel caso non lo avessi notato nel mondo reale i soldi servo anche per fare ricerche! La gente avrebbe detto: "il
            telefono e' utile noi lo vogliamo e vi finanziamo
            per darcelo".semplicista! esci dalle favolette!senza i soldi delle multinazionali farmaceutiche persino la ricerca contro l'aids sarebbe ferma!la gente magari fa donazioni ma la ricerca non vive di elemosine (bisognosa di miliardi e non di bruscoletti)..la gente non avrebbe pagato un cent..perchè meucci non ha prodotto niente (non aveva i soldi) e senza prodotto non paghi (favolette escluse)

            Se non esistessero i brevetti le idee ci
            verrebbero "rubate"? Ma anche noi ne potremmo
            "rubare" migliaia di altre inventate da altri
            inventori.allora è questo quello che volete?pigrizia mentale?Senza guadagni niente investimenti. senza investimenti niente ricerce. senza ricerche niente invenzioni e niente inventori.be fatta esclusione per l'ennesimo clone di dc++ che richiede 10 minuti di programmazione e una conoscenza informatica da tutorial in rete!

            La gente dell'India, dell'America, dell"Europa
            avrebbe finanziatosenti ma sti finanziamente tu come gli immagini?questue alla per favore fatemi una donazione come in tanti appz opensource?il brevetto assicura dei 'finanziamenti retroattivi' cosa che il sistema della beneficenza non può fare! aziende a loro locali per
            farsi produrre il telefono. E non si sarebbe
            arrichito nessuno, non al livello di Bell, ma
            certamente quell'idea avrebbe dato lavoro a
            tantissima gente in giro per il mondoma il lavoro lo ha dato lo stesso e al medesimo numero di persone e dato un
            oggetto utilissimo a tantissima altra, ad un
            costo irrisorio.

            __
            Mr. Mechano
      • Anonimo scrive:
        [OT] Re: al thread di mechano
        - Scritto da: Anonimo

        i brevetti sono una cosa giustissima!

        i brevetti non sono il motore dello sviluppo. E'
        il genio, la creatività a generare sviluppo.
        Nessuno conosce l'inventore della ruota, del
        bronzo, e a quei tempi non esistevano di certo i
        brevetti!Mi hai fatto venire in mente un libro divertente:"Il piu' grande uomo scimmia del pleistocene"Ne consiglio la lettura (sopratutto all'autore del thread)Qui un breve sunto:http://www.merraigan.it/pleistocene.htm
    • Giambo scrive:
      Re: al thread di mechano
      - Scritto da: AnonimoNon ti e' mai passato per la mente che se Mechano ha aperto un thread per utenti registrati, e' proprio per evitare che anonimi come te' ci si infilino dentro ?Ma tu guarda ...
      • Anonimo scrive:
        Re: al thread di mechano
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: Anonimo

        Non ti e' mai passato per la mente che se Mechano
        ha aperto un thread per utenti registrati, e'
        proprio per evitare che anonimi come te' ci si
        infilino dentro ?
        Ma tu guarda ...Insomma: bel modo per essere "democratici" ed "aperti a nuove proposte". Propongo (o impongo?)il mio modo di vedere le cose e non accetto critiche.....Certo che qui si predica contro l'arroganza di certe multinazioniali...in modo molto ARROGANTE
        • Mechano scrive:
          Re: al thread di mechano
          - Scritto da: Anonimo
          Insomma: bel modo per essere "democratici" ed
          "aperti a nuove proposte". Propongo (o
          impongo?)il mio modo di vedere le cose e non
          accetto critiche.....
          Certo che qui si predica contro l'arroganza di
          certe multinazioniali...in modo molto ARROGANTENon fare il finto tonto...Siamo democratici e aperti, ma vogliamo discutere con chi conosciamo, non con un provocatore anonimo. La provocazione ci fa perdere solo tempo.Restare anonimi significa solo poter continuare a provocare.Sei registrato? Vuoi criticare un mio post?Loggati, mostrati ai miei occhi, e criticami. Io ti rispondero' a tono e faremo un dibattito.Se avrai ragione tu, io ne terro' atto e anzi sara' un modo per imparare cose nuove. Se avro' ragione io lo stesso sara' per te.La provocazione e la malafede si riconoscono immediatamente ed e' per questo che molti volete restare anonimi. Perche' siete in malafede sapendo di esserlo e provocate o per divertimento o per interesse.__Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: al thread di mechano
            - Scritto da: Mechano

            - Scritto da: Anonimo


            Insomma: bel modo per essere "democratici" ed

            "aperti a nuove proposte". Propongo (o

            impongo?)il mio modo di vedere le cose e non

            accetto critiche.....

            Certo che qui si predica contro l'arroganza di

            certe multinazioniali...in modo molto ARROGANTE

            Non fare il finto tonto...

            Siamo democratici e aperti,si vedema vogliamo discutere
            con chi conosciamo,?????? che apertura mentale non con un provocatore
            anonimo.chi la pensa diversamente è un provocatore? La provocazione ci fa perdere solo
            tempo.avere diversi punti di vista non fa perdere tempo....se po vuoi solo sentirti dire: che bravo sei il mio alter-ego .. be scusa se ho infranto il tuo momento di gloria da 4 soldi

            Restare anonimi significa solo poter continuare a
            provocare.??? magari non ho voglia di registarmi per fatti che sono miei!Tu non sei meno anonimo di me, mechano non vol dire una cippa!tu hai un nomignolo scelto e io la scritta anonimo, non cambia poi molto sai.....cmq si può provocare anche essendo registrati sai?

            Sei registrato? Vuoi criticare un mio post?
            Loggati, mostrati ai miei occhi, e criticami.perchè se invece di trinity leggi anonimo ti cambia? Io
            ti rispondero' a tono e faremo un dibattito.altrimenti snobbi?

            Se avrai ragione tu, io ne terro' atto e anzi
            sara' un modo per imparare cose nuove. Se avro'
            ragione io lo stesso sara' per te.vale esattamente la stessa cosa con un anonimo

            La provocazione e la malafede si riconoscono
            immediatamente ed e' per questo che molti volete
            restare anonimi.malafede sarà la tua!restare anonimo è una possibilità offerta dal forum e voglio sfruttarla! quando non sarà + possibile vedremo.. Perche' siete in malafede
            sapendo di esserlo e provocate o per divertimento
            o per interesse.mi sai che hai solo paura di confrontarti con chi è fuori dal tuo circolo!la tua apertura mentale è prossima allo zero

            __
            Mr. Mechano
          • Anonimo scrive:
            Re: al thread di mechano
            alla fine questi sono solo troll perditempo.Suggerirei di lasciarli stare e inviterei la redazione di PI ad imporre una registrazione per scrivere sui forum ormai devastati dai soliti 2 o 3 trolletti provocatori.
        • Anonimo scrive:
          Re: al thread di mechano
          si e' giusto essere democratici, ma non e' giusto venire qui a sparare cretinate. Allora dato che ci sono i soliti 2 o 3 troll che vengono qui a sentenziare dicendo SCEMENZE e' giusto fare cosi'.Tu, TROLL, puoi sempre parlare democraticamente e dire le tue scemenze, basta che ti registri con un nome (e dovresti gia' avere dei nomi regostrati visto che voti i tuoi messaggi anonimi da solo)Vergognati
          • Anonimo scrive:
            Re: al thread di mechano
            - Scritto da: Anonimo
            si e' giusto essere democratici, ma non e' giusto
            venire qui a sparare cretinate.ovviamente in quanto depositario della verità assoluta sei tu a decidere quali sono cretinate e quali discorsi seri Allora dato che
            ci sono i soliti 2 o 3 troll che vengono qui a
            sentenziare dicendo SCEMENZEscemenze possono benissimo essere le tue! e' giusto fare
            cosi'.se vuoi discutere in maniera privata non postare in un forum pubblico, ci sono le chat!l'alternativa sarebbe rendere invisibili i post privati a non registrati (ma poi che senso ha?)...altrimenti mi aspetto il diritto di replicare alle tue di scemenze!
            Tu, TROLL, puoi sempre parlare democraticamente e
            dire le tue scemenze, basta che ti registri con
            un nome e che cambia?(e dovresti gia' avere dei nomi
            regostrati visto che voti i tuoi messaggi anonimi
            da solo)non ho votato un bel niente ne ho intenzione di registrarmi ad un forum frequentato da cafoni ed arroganti vome te
            Vergognativergognati tu!scrivi senza neanche cognizione di causa.solo per luoghi comuni!
    • The_GEZ scrive:
      Re: al thread di mechano
      Ciao Anonimo ! (anonimo)
      quando però persone dello stesso calibro
      culturale trovano da ridire sull'opensource
      diventano corrotti, schiavi e via dicendo....
      ma va a cag...Argometare ?Traduco, chi è l' illustre pensatore che ha trovato da ridire sull' open source ?
      che possa vivere ed evolvere senza soldi in un
      mondo in cui servono soldi anche per la medicine?
      spiegaci come mai meucci e porto pieno di debiti
      e bell ricco sfondato?
      uno aveva il brevetto sul telefono l'ìaltro nO!Hmmm ... Se il non capire una mazza fosse brevettato tu saresti in mutande ...No, no ho capito benissimo quello che vuoi dire.Ma stai tranquillo i brevetti passeranno e così potrai andare a dormile la notte senza il problema odiosissimo di vovere aggiornare il tuo software invece di limitarti a venderlo.Tanto il tuo concetto di innovazione è questo, no ?AH !Mechano ha fatto bene a tenerti fuori dal suo thread, dato che ti piaccionio tanto le regole, prova ad adeguarti a qualcuna !(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: al thread di mechano

        AH !
        Mechano ha fatto bene a tenerti fuori dal suo
        thread, dato che ti piaccionio tanto le regole,
        prova ad adeguarti a qualcuna !
        (troll)Tutta qui la tua replica: mettere l'icona del troll? Che sa anche di fuori moda ormai..
        • Anonimo scrive:
          Re: al thread di mechano
          - Scritto da: Anonimo

          (troll)

          Tutta qui la tua replica: mettere l'icona del
          troll? Che sa anche di fuori moda ormai..Un troll e' un troll,come un cretino e' un cretino.Da quando in qua e' diventato fuori moda ricordarglielo.
    • Anonimo scrive:
      Re: al thread di mechano
      Allora:- non sai scrivere in italiano corretto (rileggi cio' che hai scritto)- non sei ben informato- ti arroghi il diritto di digitare quelle 4 scemenze e pubblicarle in un luogo pubblico grazie alle fatiche di persone che hanno deciso di non lucrare sulle proprie invenzionisecondo me dovresti vergognarti anche se immagino tu non riuscirai a farlo. Del resto si sa', lo studio apre la mente, io ti suggerirei di iniziare a farlo. Saluti.
      • Anonimo scrive:
        Re: al thread di mechano
        - Scritto da: Anonimo
        Allora:
        - non sai scrivere in italiano corretto (rileggi
        cio' che hai scritto)
        - non sei ben informato
        - ti arroghi il diritto di digitare quelle 4
        scemenze e pubblicarle in un luogo pubblico
        grazie alle fatiche di persone che hanno deciso
        di non lucrare sulle proprie invenzioni
        secondo me dovresti vergognarti anche se immagino
        tu non riuscirai a farlo. Del resto si sa', lo
        studio apre la mente, io ti suggerirei di
        iniziare a farlo. Saluti.Per lo meno ha avuto la decenza di argomentare sulle sue idee. Tu oltre che insultarlo cosa hai fatto?Luogo pubblico in cui non si lucra? Ma dove? Il forum di PI? Scusa ma non hai mai "buttato l'occhio" sulla valanga di pubblicità presente nelle varie pagine?Se invece ti riferisci alle tecnologie informatiche....che magari alcuni non ci hanno guadagnato soldi ma...la notorietà dove la mettiamo?Non si fa tutto per soldi a questo mondo...ma ci sono degli ottimi surrogati!
        • Anonimo scrive:
          Re: al thread di mechano
          e tu lo chiami argomentare quello che ha detto. Ma su finitela trolletti perditempo (pagati - spero - da Micro$oft, altrimenti sareste troppo stupidi)
    • Anonimo scrive:
      Re: al thread di mechano
      Allora:- non sai scrivere in italiano corretto (rileggi cio' che hai scritto)- non sei ben informato- ti arroghi il diritto di digitare quelle 4 scemenze su argomenti che non conosci e pubblicarle in un luogo pubblico grazie alle fatiche di persone che hanno deciso di non lucrare sulle proprie invenzionisecondo me dovresti vergognarti anche se immagino tu non riuscirai a farlo. Non contento di questo, come tipico troll dei forum di PI ora hai preso pure a darti dei voti da solo chissa' forse per far credere alla gente che c'e' approvazione in quello che dici: forse non hai capito che la gente e' comunque ben informata ed e' inutile che perdi tempo a votarti.Del resto si sa', lo studio apre la mente, io ti suggerirei di iniziare a farlo. Saluti.
    • Anonimo scrive:
      Re: al thread di mechano

      sono sempre insigni professori e fini pensatori
      quando si scagliano contro ms o società closed
      source..quelle persone a differenza di te hanno studiato.
      quando però persone dello stesso calibro
      culturale trovano da ridire sull'opensource
      diventano corrotti, schiavi e via dicendo....
      ma va a cag...e chi? tipo quella che ha studiato della Yankee Group.Fammi dei nomi di VERI ricercatori e non la feccia comune.Mah
      per ogniuno che parla di pericolo brevetti ne
      trovi un'altro che parla di pericolo software
      senza regole!
      i brevetti sono una cosa giustissima!e io sono babbo natale
      ricordi la storiella di meucci e bell?vattela a rivedere
      no certo tu sei per il tutto open, peccato che
      questa filosofia la vuoi applicare solo in campo
      informatico e non in tutti i settori!
      credi che l'informatica sia un mondo
      ultradimensionale?mi chiedo: ma che titolo di studio hai?
      che possa vivere ed evolvere senza soldi in un
      mondo in cui servono soldi anche per la medicine?
      spiegaci come mai meucci e porto pieno di debiti
      e bell ricco sfondato?
      uno aveva il brevetto sul telefono l'ìaltro nO!

      e nelle

      azioni della Micro$oft e', oltre stupido, anche

      segno di ignoranza o di malafede.

      malafade è la tua!
      non puoi lustrare le scarpe ad ogniuno che dice
      quello che vuoi sentirti dire e dare
      dell'imbecille a quelli (docenti, informatici,
      produttori hardware, giuristi, società di
      indagine statistiche) che invece hanno da dire
      qualcosa di diverso (con ugual diritto e
      competenza!)nessuno di quelli che citi hanno da dire qualcosa di diverso ... a meno che questi non abbiano altri motivi o non abbiano raggiunto certe posizioni per certi motivi.
      impazzito sarai tu!
      ms e macromedia fanno politica imprenditoriale
      non hobbismo.. e si regolano di
      conseguenza....solo che loro hanno prodotto
      software è innovazione (e sono pieni di soldi),infatti internet, protocolli che tu stesso usi (per dire scemenze) senza nemmeno sapere cosa sono e tutto il resto e' stata inventata da loro?
      tu invece sei sempre qui ad evangelizzare!
      perchè non ci mostri la tua competenza e tiri
      fuori software innovativo (magiri opensource così
      poi lo copio lo compilo e non ti pago un cent)
      non e' solo lui, ma il 99% delle persone: quelle dotate di cervello. Tu comunque non puoi capire perche' non ne fai parte.non rispondo al resto perche' sei troppo stupido e io sto perdendo tempo.Non mi resta che augurarti di rimanere cosi'.Saluti
    • Mechano scrive:
      (1) al thread di Mechano
      - Scritto da: Anonimo
      quando però persone dello stesso calibro
      culturale trovano da ridire sull'opensource
      diventano corrotti, schiavi e via dicendo....
      ma va a cag...Quali persone dello stesso calibro culturale hanno da ridire sull'opensource, che non siano solo avvocati che trarrebbero benefici dai litigi tra aziende closed detentrici di brevetti e quelle opensource da schiacciare.E dai politici che non ne hanno capito nulla delle implicazioni di questa storia, e gli interessa per le cifre che le aziende gli possono versare se loro fanno cio' che queste desiderano.O dai dottori in economia e commercio o i manager rampanti che non sono ne' piu' ne meno che dei venditori e il loro scopo e' solo accumulare capitali.
      per ogniuno che parla di pericolo brevetti ne
      trovi un'altro che parla di pericolo software
      senza regole!Il software opensource ha regole sue ed e' ben coordinato.E' un mondo a se che non ha nulla a che fare con il software closed, salvo il fatto che fa all'incirca le stesse cose. In alcuni casi e' migliore in altri non e' ancora all'altezza.Se a te non piace il software libero non lo usare e non rilasciare quello che scrivi tu in questa forma.Ma non puoi neppure negare alla gente di scegliere quello e acquistare solo il tuo.Quel che da fastidio a chi odia il software opensource e' solo il vedersi rubacchiare un po' di mercato e non sapersi adeguare al cambiamento.O non avere proprio capito cosa e' la filosofia del software libero.
      i brevetti sono una cosa giustissima!
      ricordi la storiella di meucci e bell?
      no certo tu sei per il tutto open, peccato che
      questa filosofia la vuoi applicare solo in campo
      informatico e non in tutti i settori!La filosofia open e' applicabile solo al settore della conoscenza.Non si possono condividere oggetti fisici. Poiche' costano di materiali ed energia per la trasformazione.Ma si possono condividere le idee che stanno alla base della creazione di questi oggetti. Progetti, disegni, prototipi, sono le idee e la conoscenza per la fabbricazione di tutto.Se le idee sono liberamente disponibili, chiunque localmente nella propria provincia potra' farsi fabbricare qualcosa preso da internet. E sara' libero di farlo come desidera, e questi oggetti potranno diventare i migliori in assoluto, perche' il problema attuale della scienza e della tecnica e' il non poter fabbricare un oggetto che unisce le caratteristiche migliori di tutti quelli esistenti, perche' spesso queste sono brevettate.Quando tutte queste idee sono libere, anche un semplice elettrodomestico puo' essere il frutto di una libera evoluzione e unione della migliore tecnologia finora evoluta colaborando.E' troppo difficile l'idea di un mondo dove non esistono piu' Sony, Philips e Panasonic ma ingegneri e progettisti pagati da consorzi di piccole aziende e consumatori che vogliono un oggetto ben fatto.Dove gli stati finanziano nuovamente la ricerca coi soldi dei contribuenti, non come in un sistema comunista, ma come in quello mecenatista, che non vuol dire un tornare indietro, ma uno spostare gli interessi da quelli economici delle aziende che vogliono guadagare dalla vendita degli oggetti, a quelli dell'umanita' che desidera questi oggetti e che li vuole a misura d'uomo.
      credi che l'informatica sia un mondo
      ultradimensionale?
      che possa vivere ed evolvere senza soldi in un
      mondo in cui servono soldi anche per la medicine?Eppure se fosse libero lo sviluppo e la progettazione una delle cose che incredibilmente potrebbe scendere fino a diventare bassissimo, sarebbe proprio il costo di acquisto, comprese le medicine.Perche' se la progettazione di una molecola fosse libera, con l'unione di tutti i chimici e ricercatori dei vari paesi, finanziati ognuno dalla propria gente, dai propri governi.Non solo si avrebbe una maggiore velocita' nello sviluppo di qualsiasi cosa, ma i costi di ricerca e sviluppo sarebbero talmente diluiti in questa comunita' di individui che investono ognuno un po' del loro tempo e delle proprie risorse da risultare nulli.Non resta altro da fare che avere farmacie locali con i macchinari per la trasformazione delle sostanze fino ad ottenere le molecole per le medicine e il costo di queste sarebbe delle sole sostanze e la loro trasformazione nelle farmacie locali.
      spiegaci come mai meucci e porto pieno di debiti
      e bell ricco sfondato?
      uno aveva il brevetto sul telefono l'ìaltro nO!Meucci e' proprio l'esempio di come il sistema dei brevetti sia il vero problema e di come si possa derubare una persona e a comunita' di un'idea e imbrigliarla dentro ad un sistema economico.Il sistema brevettuale e' manifestazione dell'egoismo umano.Da un brevetto ne hanno vantaggi una comunita' ristretta, solitamente un individuo od un'azienda e cio' che le ruota intorno quindi qualche partner in affari ed i loro dipendenti.Da un sistema libero ne giova tutta la comunita'.Perche' se qualcosa e' libero, lo e' per tutti.E ci sono i presupposti per l'abolizione del concetto di denaro e forse anche di quello di lavoro.Perche' la gente comunque farebbe cio' per la quale e' portata, cio' da cui e' attratta. E cio' nella maggior parte dei casi e' qualcosa nel campo della tecnica o della cultura.Non importa cosa faccia questa persona, l'importante e' che questa cosa sia utile, traducibile in idea e concetti e lo rilasci libero.Il mondo si riempira' talmente tanto di "cose" libere e riutilizzabili, che non e' possibile che tutti non trovino cio' di cui hanno bisogno. CONTINUA...
    • Mechano scrive:
      (2) al thread di Mechano
      ...SEGUITO
      malafade è la tua!
      non puoi lustrare le scarpe ad ogniuno che dice
      quello che vuoi sentirti dire e dare
      dell'imbecille a quelli (docenti, informatici,
      produttori hardware, giuristi, società di
      indagine statistiche) che invece hanno da dire
      qualcosa di diverso (con ugual diritto e
      competenza!)Competenza di chi?Di chi ha solo interessi economici in cio' che dice?Di chi e' fortemente influenzato da persone e aziende a cui deve qualcosa o da cui dipende?Che competenza puo' mostrare chi non e' libero di dare una reale opinione derivante da vere confutazioni e analisi? E non e' influenzata affinche' i risultati non dispiacciano a chi di dovere?
      impazzito sarai tu!
      ms e macromedia fanno politica imprenditoriale
      non hobbismo.. e si regolano di
      conseguenza....solo che loro hanno prodotto
      software è innovazione (e sono pieni di soldi),Non hai ancora capito che il sistema capitalistico ha fallito?Lo scopo delle corporation, le cosiddette S.p.A. nel concetto della rivoluzione industriale era quello di utilizzare il denaro e le risorse dei singoli individui per metterli insieme ai fini della realizzazione di un'idea.Si acquistano azioni e si finanziano aziende affinche' queste ci diano innovazione e oggetti per la vita di tutti i giorni, sempre migliori. Che ci portino nello spazio, che ci aiutino a sconfiggere le malattie.E' successo che l'egoismo umano ha preso il sopravvento.Queste aziende non fanno piu' il bene della collettivita' ma sono diventate degli enormi accumulatori di risorse economiche.Una volta raggiunta la condizione di monopolio, l'azienda smette di innovare e continua a vendere gli stessi oggetti e le stesse idee continuamente. Perche' ad un tratto se ne infischia dei desideri della collettivita' e tende a fare solo gli interessi della piccola collettivita' composta dai soli dirigenti, dipendenti ed investitori in quell'azienda.
      tu invece sei sempre qui ad evangelizzare!
      perchè non ci mostri la tua competenza e tiri
      fuori software innovativo (magiri opensource così
      poi lo copio lo compilo e non ti pago un cent)Uno dei problemi del mondo sono le persone egoiste e maligne, quelle che vogliono prendere un "software innovativo, magari opensource" cosi' lo copiano lo compilano e non danno un cent a nessuno.E quello e' il valore di queste persone: nemmeno un cent.Tornando ai miei software presto ci saranno una procedura di rendicontazione aziendale e altre in settori di nicchia della pubblica amministrazione.Ma alcune non saranno libere se non lo decideranno i committenti... Spettera' a loro decidere il tipo di licenza.E poi sarei curioso di sapere cosa te ne farai di un programma di diagnostica per malattie infettive equine, una gestione di un canile ed un gattile ASL e la relativa cartella clinica degli animali. Settori talmente di nicchia che sarei curioso anche a chi andresti a venderli e sperare di restare anche impunito quando questi vedranno che il mio e' identico a quello che mi avresti copiato senza darmi nemmeno un cent, come scrivi tu.
      l'ufficio brevetti non esiste mica solo per ms!
      e neanche solo per l'informatica!
      attorno i brevetti (soldi derivati dal loro
      sfruttamento) ruota tutta la ricerca mondiale in
      ogni campo: cure per l'aids, cure per il cancro,
      motori ad idrogeno, ricerca aerospaziale etc...
      ovvio tu vivi nel mondo della cantina-turchina e
      vorresti una realtà parallela per l'informatica.
      realtà fatta di tanti hobbisti malpagati e con
      conoscenze frammentarie..Interessante come la storia non ti abbia insegnato perche' dagli egizi, ai mesopotami e gli aztechi e poi i romani e poi l'oscurantismo medievale, per poi passare allo splendore risorgimentale, l'umanita' abbia avuto comunque un'evoluzione senza averlo neppure mai immaginato il concetto di brevetto.Ed ora tu ti permetti di dichiararlo come irrinunciabile e come l'unico motore del progresso umano.Perche' non solo non e' cosi', ma mai lo sara'.Il brevetto e' solo manifestazione di egoismo, e serve per gli interessi di pochi a discapito dell'evoluzione dell'umanita'.P.s. Non si scrive "ogniuno" ma ognuno. Il che la dice lunga su quale cultura ti spinge a fare certe affermazioni... Meno male che resti anonimo.__Mr. Mechano==================================Modificato dall'autore il 08/04/2005 23.27.30
  • Anonimo scrive:
    ms allo sbando disposta a tutto
    Quest'azienda che in cambio di montagnedi denaro produce pochissimo e di qualitàscadente, perde tutti i giorni pezzi di continentee nazioni intere. Ne vedremo presto delle belle:altro che innovazione, altro che cornoni oclusterini, se continua a perdere tanto batteràla strada, in grande, della sua finanziata SCO.Giù le mani dall'oss in Europa, no Banana Union,noi vogliamo un'industria europea indipendente del sw, non i brevetti sul doppio click del mouse,noi vogliamo un continente liberale in cui leinformazioni circolano in modo trasparente,gestite da sw che sappiamo realmente quelloche fa, non un monopolista che cerchi in tuttii modi di affossarla e di riempirci i computer di robaccia di cui ormai più nessuno al mondo si fida.Abbiamo gia dato ! Persino i maggiori intellettualiamericani sono schifati da questa gente. La settimanascorsa il direttore del Media Center del MIT ha scrittoa Lula di migrare tutto verso l'oss, non solo quasi tutto,come sembrava volesse fare. Avanti così, sono alla frutta.
    • Anonimo scrive:
      Re: ms allo sbando disposta a tutto
      - Scritto da: Anonimo
      Quest'azienda che in cambio di montagne
      di denaro produce pochissimo e di qualità
      scadente, perde tutti i giorni pezzi di continente
      e nazioni intere. Ne vedremo presto delle belle:
      altro che innovazione, altro che cornoni o
      clusterini, se continua a perdere tanto batterà
      la strada, in grande, della sua finanziata SCO.
      Giù le mani dall'oss in Europa, no Banana Union,
      noi vogliamo un'industria europea indipendente
      del sw,
      non i brevetti sul doppio click del mouse,
      noi vogliamo un continente liberale in cui le
      informazioni circolano in modo trasparente,
      gestite da sw che sappiamo realmente quello
      che fa, non un monopolista che cerchi in tutti
      i modi di affossarla e di riempirci i computer di
      robaccia di cui ormai più nessuno al mondo si
      fida.
      Abbiamo gia dato ! Persino i maggiori
      intellettuali
      americani sono schifati da questa gente. La
      settimana
      scorsa il direttore del Media Center del MIT ha
      scritto
      a Lula di migrare tutto verso l'oss, non solo
      quasi tutto,
      come sembrava volesse fare. Avanti così, sono
      alla frutta.Ma che sei dei Verdi? Fanatici per parlano solo per grandi e pittoresche immagini assolutamente utopistiche?MS allo sbando? Da un'occhiata all'ultima distribuzione dei dividendi delle azioni...Produce poco? Ti riferisci alla diffusione di prodotti distribuiti o alla loro diversificazioni? In entrambi i casi mi sa che non ci siamo.Un terzo di tutto il fatturato MS deriva da Office: secondo te lo useranno in tanti o in pochi?
      • Anonimo scrive:
        Re: ms allo sbando disposta a tutto


        Ma che sei dei Verdi? Fanatici per parlano solo
        per grandi e pittoresche immagini assolutamente
        utopistiche?
        MS allo sbando? Da un'occhiata all'ultima
        distribuzione dei dividendi delle azioni...
        Produce poco? Ti riferisci alla diffusione di
        prodotti distribuiti o alla loro
        diversificazioni? In entrambi i casi mi sa che
        non ci siamo.
        Un terzo di tutto il fatturato MS deriva da
        Office: secondo te lo useranno in tanti o in
        pochi?Mi chiedo chi sei tu, che ami tanto individui di questa specie....http://www.tarmo.fi/arc/monkeydance.mpeg
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Dio ci liberi dall'ottusità
    di quelli che davanti a chi grida perché è calpestato un diritto, sono infastiditi dal grido, non dal fatto che un diritto sia calpestato.
    • The_GEZ scrive:
      Re: Dio ci liberi dall'ottusità
      Ciao Gatto Selvaggio !
      di quelli che davanti a chi grida perché è
      calpestato un diritto, sono infastiditi dal
      grido, non dal fatto che un diritto sia
      calpestato.Non credo che si tratti di semplice ottusità, opterei piuttosto per ... PAURA !Molti vedono nell' open source una opprtunità ... qualcuno uno spauracchio !
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dall'ottusità
        - Scritto da: The_GEZ
        Non credo che si tratti di semplice ottusità,
        opterei piuttosto per ... PAURA !
        Molti vedono nell' open source una opprtunità ...
        qualcuno uno spauracchio !Chiamala anche malafede.L'astroturfing e' ai massimi livelli quest'anno.E' qua di dipendenti Microzozz o di aziende partner e che basano il loro business sulle porcherie di Redmond ne e' pieno zeppo cosi'.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Dio ci liberi dall'ottusità
        opportunitàdi usare software gratuito.pauradi perdere quote di mercato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dall'ottusità
      - Scritto da: Gatto Selvaggio
      di quelli che davanti a chi grida perché è
      calpestato un diritto, sono infastiditi dal
      grido, non dal fatto che un diritto sia
      calpestato....e da coloro che per far valere un diritto ne calpestano altri, a loro piacimento, considerati "meno importanti".Nessun riferimento particolare, ma dato che si parla per argomenti generici....
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: Dio ci liberi dall'ottusità


        di quelli che davanti a chi grida perché è

        calpestato un diritto, sono infastiditi dal

        grido, non dal fatto che un diritto sia

        calpestato.Il diritto in questione è la libertà di scelta, la libertà di non soggiacere al volere di chi ha i soldi e il potere che ne deriva, e usa tale potere per fare il gioco sporco (concorrenza sleale, unzione di politici per far passare leggi di comodo)
        ...e da coloro che per far valere un diritto ne
        calpestano altri, a loro piacimento, considerati
        "meno importanti".
        Nessun riferimento particolare, ma dato che si
        parla per argomenti generici....Quale potrebbe essere questo diritto "meno importante"? Lavorare in santa pace senza che salti su uno a distribuire gratis un programma equivalente a quello che uno vende a 29.99. Ma ai consumatori conviene il gratis.Dallo stesso punto di vista del libero mercato, con cui il capitalismo giustifica le proprie nefandezze, l'OS c'è e vince perché conviene. Allo stesso modo per cui le imprese spostano gli stabilimenti in Cina perché conviene.Di fronte a un fenomeno che, proprio perché conviene, non verrà certo fermato dai tentativi monopolistici di far approvare leggi ad hoc, o creare un sistema dei brevetti illogico blindato a proprio favore, sono possibili due soli atteggiamenti fondamentali: capire la realtà o non capirla.E non dico sia facile: da quando non ho lavoro perché c'è gente che fa siti web per 100 euro sono ancora qui che cerco di capire cosa posso fare, ma non posso impedire ad altri di farsi pagare quanto trovano accettabile essere pagati.Se poi il diritto cui hai accennato è un altro, sarei curioso di sapere quale.==================================Modificato dall'autore il 09/04/2005 12.39.48-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 novembre 2006 17.10-----------------------------------------------------------
  • Mechano scrive:
    Non e' fanatismo!
    Accusare di fanatismo un insigne professore universitario, esperto avvocato e fine pensatore, che sa quel di cui sta parlando perche' ha intuito i pericoli insiti nei brevetti e nelle azioni della Micro$oft e', oltre stupido, anche segno di ignoranza o di malafede.Perche' se c'e' qualcuno che puo' avvisare il mondo opensource del pericolo che correra' entro poco tempo e della pericolosita' di aziende impazzite come la Micro$oft che sta corrompendo politici e comprando favori dai governi di mezzo mondo e dai loro uffici brevetti,questo e' proprio il Professor Lessig.__Mr. Mechano
    • Giambo scrive:
      Re: Non e' fanatismo!
      - Scritto da: MechanoE' sempre un piacere leggerti, Mechano ;)==================================Modificato dall'autore il 08/04/2005 14.51.42
      • The_GEZ scrive:
        Re: Non e' fanatismo!
        Ciao Giambo !
        E' sempre un piacere leggerti, Mechano ;)Mi unisco ai complimenti.Ed aggiungo che hai fatto bene a non lascire che certi "anonimi" ma saranno davvro tali ? Sparassero le loro vaccate nel tuo thread.;)
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Non e' fanatismo!

      questo e' proprio il Professor Lessig.Autore, fra l'altro, di uno splendido libro free:http://www.free-culture.org/
  • Anonimo scrive:
    Senza parole
    http://images.google.it/images?q=tbn:xirmrBSRCMoJ:a.wholelottanothing.org/junkdrawer/lessig.jpg
  • Anonimo scrive:
    Dio ci liberi dal fanatismo
    Che li rinchiudano in manicomio quelli della jihad e tutti pazzi dell'open source...Macromedia e microsoft sono due aziende con scopo di lucro che per molti anni non hanno avuto grandi rivali e adesso spunta un tale Lessig fondamentalista che si arroga il diritto di decidere chi deve rimanere in gioco e chi no.Sto vomitando
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      Forse non ti accorgi che nel momento stesso in cui scrivi, ti contraddici, mettendo in evidenza il tuo fanatismo e la tua intolleranza.Blin! Accendi il cervello più che rivolgerti a Dio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dal fanatismo
        - Scritto da: Anonimo
        Forse non ti accorgi che nel momento stesso in
        cui scrivi, ti contraddici, mettendo in evidenza
        il tuo fanatismo e la tua intolleranza.ho capito... quindi anche churchill era un fanatico quando diceva che hitler era un pazzo da manicomio

        Blin! Accendi il cervello più che rivolgerti a
        Dio.quello per me è solo un modo di dire... e comunque non sarai di certo tu a dire a chi dovrò rivolgermi
        • Anonimo scrive:
          Re: Dio ci liberi dal fanatismo
          - Scritto da: Anonimo

          Forse non ti accorgi che nel momento stesso in

          cui scrivi, ti contraddici, mettendo in evidenza

          il tuo fanatismo e la tua intolleranza.

          ho capito... quindi anche churchill era un
          fanatico quando diceva che hitler era un pazzo da
          manicomioA maggior ragione Lessig che e' un avvocato esperto ed insigne professore universitario ha il diritto di accusare i monopoli e le tecnologie pericolose di aziende truffaldine.
          quello per me è solo un modo di dire... e
          comunque non sarai di certo tu a dire a chi dovrò
          rivolgermiSono affari tuoi a chi rivolgerti ma di certo agli occhi di tanti diventi solo blasfemo e ci fa la figura di una persona maleducata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      e questi sarebbero i tuoi argomenti?Preferisco Lessig, almeno ha le idee chiare e parla con cognizione di causa, altro che fanatismo
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      - Scritto da: Anonimo
      Che li rinchiudano in manicomio quelli della
      jihad e tutti pazzi dell'open source...Quindi per te un esperto avvocato e professore universitario che conosce bene il mondo legale dietro allo sviluppo software, quando afferma che il mondo e' in grande pericolo a causa di aziende come Macromedia e Microsoft, sarebbe solo un fanatico?Ma chi cacchio sei tu per potere affermare cio'? Ciccio o panettiere?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dal fanatismo
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Che li rinchiudano in manicomio quelli della

        jihad e tutti pazzi dell'open source...

        Quindi per te un esperto avvocato e professore
        universitario che conosce bene il mondo legale
        dietro allo sviluppo software, quando afferma che
        il mondo e' in grande pericolo a causa di aziende
        come Macromedia e Microsoft, sarebbe solo un
        fanatico?si

        Ma chi cacchio sei tu per potere affermare cio'?
        Ciccio o panettiere?
        una persona liberae tu chi minchia sei?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dal fanatismo
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Che li rinchiudano in manicomio quelli della

        jihad e tutti pazzi dell'open source...

        Quindi per te un esperto avvocato e professore
        universitario che conosce bene il mondo legale
        dietro allo sviluppo software, quando afferma che
        il mondo e' in grande pericolo a causa di aziende
        come Macromedia e Microsoft, sarebbe solo un
        fanatico?

        Ma chi cacchio sei tu per potere affermare cio'?forse un dipendente delle societa citate ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Dio ci liberi dal fanatismo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          Che li rinchiudano in manicomio quelli della


          jihad e tutti pazzi dell'open source...



          Quindi per te un esperto avvocato e professore

          universitario che conosce bene il mondo legale

          dietro allo sviluppo software, quando afferma
          che

          il mondo e' in grande pericolo a causa di
          aziende

          come Macromedia e Microsoft, sarebbe solo un

          fanatico?



          Ma chi cacchio sei tu per potere affermare cio'?

          forse un dipendente delle societa citate ?
          forse... oppure uno che dice ciò che pensa
          • The_GEZ scrive:
            Re: Dio ci liberi dal fanatismo
            Ciao Anonimo !
            forse... oppure uno che dice ciò che pensaPiù o meno come Lessig, ma con alcune differenze.1) Lui ha argomentato quello che ha detto tu no.2) Lui ci ha messo la "faccia" tu no (anonimo)Nessuno vuole affermare che ciò che Lessig dice sia la verità assoluta ed inpoppugnabile, ma se critica ci deve essere che sia almeno motivata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      - Scritto da: Anonimo[CUT baggianate]La stupidità mostrata da questo anonimo è addirittura abissale. Mi chiedo chi possa essere tanto stupido da dare un voto positivo all'imbecille di questo thread. Evidentemente l'italia è composta da molti più imbecilli di quanto pensassi. Non solo, tali imbecilli sono anche più stupidi di quanto ritenessi possibile.Bye, Luca
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dal fanatismo
        - Scritto da: Segfault
        - Scritto da: Anonimo
        [CUT baggianate]

        La stupidità mostrata da questo anonimo è
        addirittura abissale. Mi chiedo chi possa essere
        tanto stupido da dare un voto positivo
        all'imbecille di questo thread. Evidentemente
        l'italia è composta da molti più imbecilli di
        quanto pensassi. Non solo, tali imbecilli sono
        anche più stupidi di quanto ritenessi possibile.

        Bye,
        Lucaio sto veramente cominciando a pensare alla storia degli astrotufer o come si chiamano... non c'è altra spiegazione per chi rinuncia alla propria libertà (digitale) pur di sorreggere un monopolio...
        • Anonimo scrive:
          Re: Dio ci liberi dal fanatismo
          - Scritto da: Anonimo
          io sto veramente cominciando a pensare alla
          storia degli astrotufer o come si chiamano... non
          c'è altra spiegazione per chi rinuncia alla
          propria libertà (digitale) pur di sorreggere un
          monopolio...Guarda, io ritengo che siano semplicemente stupidi. Perché vedi, potrei anche accettare il fatto che ci siano dei corrotti che in cambio di denaro raccontano menzogne pur sapendo di mentire... seppur moralmente discutibile come comportamento almeno è comprensibile. Ma sinceramente credo che questi siano semplicemente degli stupidi che non si rendono conto di quello che fanno o che dicono. Non si rendono conto che proteggendo gli interessi delle multinazionali NON stanno facendo i propri interessi. Non si rendono conto che si stanno dando la mazza sui piedi... insomma... persino il mio gatto saprebbe fare i propri interessi meglio di questi stupidi.Quindi, in sintesi, non credo tanto alla storia dei "dipendenti pagati per sparare cazzate" (è tuttavia possibile certo), credo solo che chi posta messaggi simili sia stupido. Tutto qui.Bye, Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      - Scritto da: Anonimo[CUT]Sinceramente non capisco perché il moderatore sposti la mia risposta al thread. Se io vedo uno stupido gli do dello stupido, le sue parole dimostrano inconfutabilmente che lo è. Sarebbe come spostare il post perché ho dato dell'ignorante ad un ciuco.Bye, Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      Tu non conosci le fatiche per raggiungere certi obiettivi, le soddisfazioni che si provano a creare qualcosa, e quelle che si provano ad imparare e conoscere.Una persona come te merita di restare nella piu' completa ignoranza... quindi ti auguro ti rimanerci.P.S.: bella l'idea di darsi dei voti da soli. Ma non hai altro da fare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      che lavoro fai? e che titolo di studio hai? pura curiosita' ...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      - Scritto da: Anonimo
      Che li rinchiudano in manicomio quelli della
      jihad e tutti pazzi dell'open source...

      Macromedia e microsoft sono due aziende con scopo
      di lucro che per molti anni non hanno avuto
      grandi rivali e adesso spunta un tale Lessig
      fondamentalista che si arroga il diritto di
      decidere chi deve rimanere in gioco e chi no.

      Sto vomitandoApprovo: piena solidarietà.Che va in giro predicando "verità assolute", sostenute da un solo punto di vista (il suo, ovviamente) difficilmente merita di essere preso sul serio.Il "bene" sta sempre "nel mezzo" e non certo tutto da una parte, come appare da questi vaneggiamenti pseudo-sinistro-comunistoidi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dio ci liberi dal fanatismo
        - Scritto da: Anonimo
        Approvo: piena solidarietà.
        Che va in giro predicando "verità assolute",
        sostenute da un solo punto di vista (il suo,
        ovviamente) difficilmente merita di essere preso
        sul serio.Non ti passa per la testa il fatto che queste prediche arrivino da un importante avvocato e professore di una famosa universita', e non da un semplice opinionista?E che se e' arrivato ad affermare cio' lo abbia fatto dopo un'attenta analisi del settore in cui e' esperto?
    • Anonimo scrive:
      Re: Dio ci liberi dal fanatismo
      - Scritto da: Anonimo
      Che li rinchiudano in manicomio quelli della
      jihad e tutti pazzi dell'open source......invece questa gente è sana di mente, eh?http://www.tarmo.fi/arc/monkeydance.mpeg
  • Anonimo scrive:
    brevetti MS? MA LA IBM?
    "Secondo il professore, l'impero creato da Bill Gates sarebbe una "minaccia" per l'intero sistema economico. Infatti, grazie ai brevetti, Microsoft starebbe minando lo sviluppo dell'informatica."Che bella confusione che fanno, e punto informatico non aiuto sicuramente a discernere.Monopolio è una cosa, i Brevetti sono un'altra, dove li mettiamo tutti i brevetti della IBM paladina delle libertà e sponsor di Linux? IBM ha moooooolti più brevetti sul software rispetto a Microsoft, quindi non finisco neanche di leggere cosa dice il nuovo vate gran visir della Libertà, non ne vale la pena.
    • Anonimo scrive:
      Re: brevetti MS? MA LA IBM?
      - Scritto da: Anonimo
      Monopolio è una cosa, i Brevetti sono un'altra,
      dove li mettiamo tutti i brevetti della IBM
      paladina delle libertà e sponsor di Linux? IBM ha
      moooooolti più brevetti sul software rispetto a
      Microsoft, quindi non finisco neanche di leggere
      cosa dice il nuovo vate gran visir della Libertà,
      non ne vale la pena.nel 2004 IBM ha ottenuto la registrazione di 3248 brevetti, riconfermandosi prima nella classifica delle aziende più attente a brevettare le proprie scoperte e innovazioni. MS si attesta come 30sima nella classifica. Davvero strano, visto che l'azienda di Redmond spende all'incirca 6 miliardi di dollari in R&D. Ed infatti la spiegazione si trova nelle righe di un articolo dell'Economist"Ironically, for years Microsoft took no active interest in patenting its technologies, relying instead on much looser ?trade secrets? protections."Ma, sempre secondo l'articolo dell'Economist, la politica della MS sta cambiando ed entro la fine del decennio spodesterà IBM nella classifica dei brevetti ottenuti.
      • Anonimo scrive:
        Re: brevetti MS? MA LA IBM?
        oops, scusate: ecco il lonk all'articolo:http://www.economist.com/business/displayStory.cfm?story_id=3675679
    • Anonimo scrive:
      Re: brevetti MS? MA LA IBM?
      - Scritto da: Anonimo
      Monopolio è una cosa, i Brevetti sono un'altra,
      dove li mettiamo tutti i brevetti della IBM
      paladina delle libertà e sponsor di Linux? IBM ha
      moooooolti più brevetti sul software rispetto a
      Microsoft, quindi non finisco neanche di leggere
      cosa dice il nuovo vate gran visir della Libertà,
      non ne vale la pena.Ma IBM non ha mai criticato il mondo opensource. E non solo ha gli ha gia' dato numerosi brevetti (non tanti a dire il vero) ma ha anche firmato un accordo di non belligeranza con le community opensource.Poi mantiene l'OSDL ed anzi e' il maggiore finanziatore.Non ho una grande stima di IBM, ma in questo caso c'e' una situazione in cui quell'azienda e' entrata in simbiosi col mondo opensource, dove lo sviluppo e il porting di Linux sulle macchine IBM costituisce un'alternativa a basso costo ad altri sistemi operativi, e in fondo aiuta nella vendita di un po' piu' di ferramenta.E' come la simbiosi che c'e' tra coltivatore e sciame di coccinelle.O tra le formiche e le afidi che queste allevano per trarne sostanze zuccherine.O i grandi cetacei e i loro pesci pulitori.Ognuno serve all'altro e ci si aiuta a vicenda.Ma Micro$oft e' ne piu' ne meno che uno sciacallo ed un'azienda che alla qualita' dei prodotti ha preferito la strada del marketing, il ricatto (dei produttori di PC), la corruzione politica, la brevettazione e la belligeranza con FUD e presto azioni legali e litigiosita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: brevetti MS? MA LA IBM?

        Non ho una grande stima di IBM, ma in questo caso
        c'e' una situazione in cui quell'azienda e'
        entrata in simbiosi col mondo opensource, dove lo
        sviluppo e il porting di Linux sulle macchine IBM
        costituisce un'alternativa a basso costo ad altri
        sistemi operativi, e in fondo aiuta nella vendita
        di un po' piu' di ferramenta.Timeo danaos et dona ferentes
        • Anonimo scrive:
          Re: brevetti MS? MA LA IBM?
          - Scritto da: Anonimo
          Timeo danaos et dona ferentesInfatti e' quello che ho scritto e non e' positivo per IBM.L'unica cosa positiva e' che IBM non sta dando fastidio al mondo opensource e se e' sincera a quanto pare avrebbe promesso di non farlo in futuro.Ha dato dei brevetti, sta finanziando. Ma e' chiaro che UMA e JFS sono componenti utili a far funzionare bene Linux sui suoi server. E i finanziamenti sono mirati a sviluppatori che lavorano al porting e alla scrittura di driver e componenti utili a fare funzionare bene Linux sui suoi hardware. Quindi IBM sta comunque facendo i propri interessi.Ma questo puo' anche andare bene.Se un'azienda che produce scanner finanziasse driver e integrazione di un backend in KDE o Gnome.E una che produce stampanti e macchine tipografiche finanziasse un sistema cromatico tipo il Pantone da integrare nel sistema operativo e nelle GUI.E una che produce digitalizzatori video e schede DVB facesse altrettanto per il supporto al video. E cosi' via...Il sistema migliorerebbe di conseguenza in varie componenti e sarebbe la piattaforma ideale per tutti questi lavori con questi hardware.Non e' una cosa negativa questo tipo di aiuti.Da lavoro a tanti programmatori, mette a disposizione un sistema operativo che lavora bene con gli hardware dei finanziatori.E gli utenti preferiranno quegli hardware se sanno che c'e' un sistema ottimizzato per loro.
    • miomao scrive:
      Re: brevetti MS? MA LA IBM?

      Monopolio è una cosa, i Brevetti sono un'altra,
      dove li mettiamo tutti i brevetti della IBM
      paladina delle libertà e sponsor di Linux? IBM ha
      moooooolti più brevetti sul software rispetto a
      Microsoft, quindi non finisco neanche di leggere
      cosa dice il nuovo vate gran visir della Libertà,
      non ne vale la pena.IBM da sola possiede più di 40.000 brevetti.Circa 30.000 brevetti europei, eventualmente legalizzati dalla direttiva ora in discussione al Parlamento.Circa 300.000 brevetti statunitensi che nelle intenzioni di aziende ed istituzioni USA saranno esportati in tutto il mondo.Per la serie:"Quanto è bello passeggiar nel campo minato...":-s
    • lorenzaccio scrive:
      Re: brevetti MS? MA LA IBM?
      Una volta ebbi già modo di dire che molte volte un'azienda deve fare brevetti non tanto per pretendere poi tangenti da chi vuole usarli, ma anche per difendersi da chi gli copia le idee, le brevetta e poi gli fa causa. Così capitò all'azienda in cui lavoravo, e così fu che incominciammo a fare brevetti. Io li chiamo 'brevetti difensivi', e penso che che IBM stia seguendo questa strada.
      • miomao scrive:
        Re: brevetti MS? MA LA IBM?

        Una volta ebbi già modo di dire che molte volte
        un'azienda deve fare brevetti non tanto per
        pretendere poi tangenti da chi vuole usarli, ma
        anche per difendersi da chi gli copia le idee, le
        brevetta e poi gli fa causa. Così capitò
        all'azienda in cui lavoravo, e così fu che
        incominciammo a fare brevetti. Io li chiamo
        'brevetti difensivi', e penso che che IBM stia
        seguendo questa strada. Nel rapporto annuale di Nokia (sostenitore dei brevetti) c'è scritto chiaramente che è impossibile prevedere se un prodotto viola qualche brevetto.Nonostante queste aziende spendono svariati milioni di Euro l'anno per penali, license e dispute sui brevetti.Se non ricordo male, la Ericsson spende 1,5 miliardi di Euro.Perciò, se non ci riesce una multinazionale... come fa un programmatore a sapere quanti e quali brevetti viola il suo progetto?Nemmeno con il programmino che visualizza "Hello World!" sullo schermo sono al riparo dai brevetti.Come faccio a scrivere un gestionale?
      • Anonimo scrive:
        Re: brevetti MS? MA LA IBM?
        - Scritto da: lorenzaccio
        Una volta ebbi già modo di dire che molte volte
        un'azienda deve fare brevetti non tanto per
        pretendere poi tangenti da chi vuole usarli, ma
        anche per difendersi da chi gli copia le idee, le
        brevetta e poi gli fa causa. Così capitò
        all'azienda in cui lavoravo, e così fu che
        incominciammo a fare brevetti. Io li chiamo
        'brevetti difensivi', e penso che che IBM stia
        seguendo questa strada. E il problema si risolve automaticamente rendendo illegali i brevetti software (o meglio... non rendendoli legali). Se una cosa non la puoi brevettare tu... non la può brevettare nemmeno il tuo "nemico" e quindi farti causa. Risolto il problema.Bye, Luca
  • Anonimo scrive:
    precisazioni...
    ... ormai è più che necessario conoscere esattamente quali brevetti potrebbe infrangere Linux e correre ai ripari anticipatamente, è una questione di sopravvivenza, non possiamo trovarci con l'acqua alla gola.
    • Anonimo scrive:
      Re: precisazioni...
      - Scritto da: Anonimo
      ... ormai è più che necessario conoscere
      esattamente quali brevetti potrebbe infrangere
      Linux e correre ai ripari anticipatamente, è una
      questione di sopravvivenza, non possiamo trovarci
      con l'acqua alla gola.Certo che se Micro$oft riuscisse a far approvare la sua proposta di cambiamento del sistema brevettuale il resto del mondo sarebbe messo proprio male.Far sparire il concetto di novita' ed introdurre quello di chi prima brevetta anche idee gia' diffuse e' una cosa allucinante...E Micro$oft si e' permessa di chiedere questo.Significherebbe che se il concetto di ruota e' banale e gia' ampiamente conosciuto ed utilizzato (quindi non una novita'), non importa, il primo che arriverebbe a brevettarlo (e ci sono gia' riusciti in Australia per farsi beffa del sistema brevettuale) potrebbe mettere in ginocchio il mondo intero e tutte le aziende che producono macchine che usano qualcosa di tondo che gira.E' un esempio ma quel che vuole fare Micro$oft e' il riuscire ad arrivare ad una condizione in cui il mondo opensource non riesca, nonostante tutti i suoi sponsor e l'impegno dei singoli sviluppatori, ad ottenere cosi' tanti brevetti da coprire le migliaia di software importanti e ben fatti che produce.In maniera da poterli attaccare anche se tutt'ora non ne avrebbe la possibilita'...
    • Anonimo scrive:
      Re: precisazioni...
      Primo, non puoi correre ai ripari. I brevetti software sono brevetti sulle idee, e per le idee non esiste via alternativa, si tratta solo di rimuovere. Quindi, siccome i brevetti sono decine di migliaia, e coprono le cose anche più banali, ti ritrovi con un qualcosa che a stento può far apparire sul monitor una scritta, nulla piùSecondo, vorrei fosse chiaro a tutti quelli che, piccoli, medi o grandi in italia producono software proprietario... busseranno anche alla vostra porta!!! Il problema brevetti software è un problema di tutti, software libero o proprietario.Ed inoltre, non ultimo, è un problema di libertà di espressione e di pensiero.salutiMarco Menardi
  • Anonimo scrive:
    flash è il nemico
    mazza poi ci si lamente delle affermazioni ms.....questo qui è fanatico allo stato puro!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    fsf europa.
    Mi aspetto una bella risposta da http://www.italy.fsfeurope.org/index.it.htmlmagari sul prossimo numero di pi e su tutti i giornali d'informatica liberi.Qualche bella idea per guidare tante delle risorse sparse sul territorio convogliandole grazie alla Rete, sarebbe gradita.Devo ancora iscrivermi alla fsf, ma ora lo faro' al piu' presto. Di persone disposte a fare qualcosa ce ne sono molte, e appassionate.Io, intanto contattero' i verdi, sono piu' disponibili dei ds, a destra non ho presente un partito intero impegnato su questo fronte, "troppi libri possono far diventare pazzo un uomo"... eppure potrebbe venirne fuori un forte alleanza nazionale per il free soft :D :D gia' e come glielo spieghi a quelli? Ok, scherzavo, prendete il buono, se ce n'e'.
  • Mechano scrive:
    Fase importante la corruzione
    "Microsoft farà di tutto per proteggere la propria posizione, utilizzerà risorse finanziarie ben oltre la comune immaginazione"E di questo ce ne siamo accorti.La guerra totale per il dominio del mondo dell'IT si svolgera' in alcune fasi ben distinte, con qualche attivita' di contorno...La fase 1 e' l'accumulo di brevetti. Anche i piu' idioti, anche molto simili a qualcosa di gia' esistente, purche' si foraggi gli enti appositi pe farli passare. Ovviamente obbligatoria la vaghezza e la maggiore genericita' possibile del brevetto.La fase 2 la piu' importante e' la forte corruzione politica, per far approvare leggi di tutela del suo monopolio e dei brevetti.A tal proposito e' semplicemente allucinante la sua proposta di permettere il brevetto anche di cio' che gia' esiste, ne acquisisce i diritti il primo che ci arriva...Questa e' una fase importante negli USA sia per comprare sentenze altrimenti disastrose, sia per garantirsi liberta' di azione. Tristemente famosi DMCA e sistema dei brevetti USA.In Europa e' il prossimo passo con foraggiamento dei vertici della commissione UE e di importanti figure politiche nei paesi il cui voto e' piu' importante e dove i politici sono tristemente famosi per essere dei gran figli di buona donna... Specie uno con bandiera a tre colori che inizia col verde e finisce col rosso.La fase 3 sono i forti investimenti legali.Non in R&D, neppure in test e correzione di bug. Solo in assunzione di avvocati ed esperti legali in materia di brevetto e copyright.La fase 4 dopo che i foraggiamenti politici avranno dato i frutti sperati e si sara' minato il campo, e' l'attacco contro i software e le aziende piu' fastidiose.Ci sara' lo scompiglio piu' assoluto nel corso del 2006. Organi di stampa e informazione completamente asserviti che distoglieranno l'attenzione della gente comune dal problema, come la cosa non li toccasse. E' fin troppo facile in Italia dove questi si sono gia' trasformati in una merce perfettamente acquistabile come qualsiasi altra. Cause e minacce legali ben mirate nei confronti di prodotti pericolosi per il suo business. Il primo sara' Samba, poi la volta dei player multimediali, subito dopo gli emulatori come Wine e compagnia.Anche Mono non ha proprio da stare allegro...I software che e' piu' importante abbattere, ma anche i piu' difficili sono i DB e Apache. E li non so se ci riuscira'...Ma alla fine un sistema castrato di molte potenzialita' potra' essere relegato a strumento di nicchia.Siamo ancora in piena fase corruzione.I politici specie quelli italiani non hanno mai mostrato grande intelligenza e lungimiranza.Ma spero tanto nelle persone come noi. Siamo noi che dobbiamo dimostrare di non essere una massa informe di consumatori ignoranti e disorganizzati.Qua ci sarebbe davvero da imbracciare le armi, ma quelle vere...__Mr. Mechano
    • The_GEZ scrive:
      Re: Fase importante la corruzione
      Ciao Mechano !
      A tal proposito e' semplicemente allucinante la
      sua proposta di permettere il brevetto anche di
      cio' che gia' esiste, ne acquisisce i diritti il
      primo che ci arriva...Dvvero ...Se non è delirio questo, il fatto è che c'è quna serratutra in qualsiasi porta e, di solito, è a forma di $
      donna... Specie uno con bandiera a tre colori che
      inizia col verde e finisce col rosso.Per quandto mi sforzi non riesco a capire di quale pese tu stia parlando .... A parte gli scherzi la tua a nalisi è tanto lucida quanto terrificate, e purtroppo i fatti ti danno ragione, lo vedrebbe anche un cieco.
      Qua ci sarebbe davvero da imbracciare le armi, ma
      quelle vere...Le uniche che potrebbero avere qualche effetto contro questi "signori" ...
  • Anonimo scrive:
    jihad....
    cambiate quel termine per favore...
    • Anonimo scrive:
      Re: jihad....
      - Scritto da: Anonimo
      cambiate quel termine per favore...Guarda che non ha il significato che erroneamente le danno molti giornalisti.
    • Anonimo scrive:
      Re: jihad....
      - Scritto da: Anonimo
      cambiate quel termine per favore...http://en.wikipedia.org/wiki/Jihad
      • Anonimo scrive:
        Re: jihad....
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        cambiate quel termine per favore...

        http://en.wikipedia.org/wiki/Jihadsi già perchè qui il senso attribuito è ovviamente di "to strive", cioè "sforzo estremo"....
    • Anonimo scrive:
      Re: jihad....
      - Scritto da: Anonimo
      cambiate quel termine per favore...scusa ma quando scrivono "guerra alla pirateria" chiedi che cambino la parola "guerra" con qualcos'altro ?
      • Anonimo scrive:
        Re: jihad....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        cambiate quel termine per favore...

        scusa ma quando scrivono "guerra alla pirateria"
        chiedi che cambino la parola "guerra" con
        qualcos'altro ?Perche' pirateria ti sembra adeguata? Siamo insultati tutti i giorni e in tutti i modi, quando qualcuno usa le parole con criterio il nostro cervello non le accetta piu' e chiede di censurarle, siamo ridotti male, tutti, ma moltissimi non se ne rendono conto. Ok, non e' da adesso che siamo cosi', fa qualche differenza?
        • Anonimo scrive:
          Re: jihad....
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          cambiate quel termine per favore...



          scusa ma quando scrivono "guerra alla pirateria"

          chiedi che cambino la parola "guerra" con

          qualcos'altro ?

          Perche' pirateria ti sembra adeguata? Siamo
          insultati tutti i giorni e in tutti i modi,
          quando qualcuno usa le parole con criterio il
          nostro cervello non le accetta piu' e chiede disei uno di quelli a cui piace perdere tempo sul metodo di comunicazione invece che sul contenuto della comunicazione. tutto tempo perso.
          censurarle, siamo ridotti male, tutti, mase parli di te ti do ampiamente ragione, io mi sento benissimo
          moltissimi non se ne rendono conto. neanche tu ti rendi conto delle seghe mentali che ti fai. guarda al significato delle cose e non al colore.
          Ok, non e' da adesso che siamo cosi', fa qualche
          differenza?l'evoluzione continua, nonostante alcuni intoppi....
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....


            censurarle, siamo ridotti male, tutti, ma

            se parli di te ti do ampiamente ragione, io mi
            sento benissimonaturalmente secondo te questo non e' un insulto gratuito


            moltissimi non se ne rendono conto.

            neanche tu ti rendi conto delle s**e mentali che
            ti fai. guarda al significato delle cose e non al
            colore.Vorrebbe dire? colore? Magari leggi un po', poco, mi rendo conto che non avrai molto tempo, ma potresti provare, un modesto consiglio:http://www.emsf.rai.it/scripts/documento.asp?id=159&tabella=anagraficohttp://www.tmcrew.org/archiviochomsky/
            l'evoluzione continua, nonostante alcuni
            intoppi....questo non e' un altro insulto gratuito, deduco, fa piacere saperlo. E se fossi tu l'intoppo? Hai un po' d'autocritica o la notte ti ha scippato il consiglio? Puo' essere utile, rare volte, pensare che chi ha comunicato prima di te abbia anche pensato a quel che scriveva e sia disponibile, anzi entusiasta, di metterlo in discussione, un po' meno di perder tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo


            censurarle, siamo ridotti male, tutti, ma



            se parli di te ti do ampiamente ragione, io mi

            sento benissimo

            naturalmente secondo te questo non e' un insulto
            gratuito





            moltissimi non se ne rendono conto.



            neanche tu ti rendi conto delle s**e mentali che

            ti fai. guarda al significato delle cose e non
            al

            colore.

            Vorrebbe dire? colore? Magari leggi un po', poco,
            mi rendo conto che non avrai molto tempo, ma
            potresti provare, un modesto consiglio:

            http://www.emsf.rai.it/scripts/documento.asp?id=15

            http://www.tmcrew.org/archiviochomsky/


            l'evoluzione continua, nonostante alcuni

            intoppi....

            questo non e' un altro insulto gratuito, deduco,
            fa piacere saperlo. E se fossi tu l'intoppo? Hai
            un po' d'autocritica o la notte ti ha scippato il
            consiglio?
            Puo' essere utile, rare volte, pensare che chi ha
            comunicato prima di te abbia anche pensato a quel
            che scriveva e sia disponibile, anzi entusiasta,
            di metterlo in discussione, un po' meno di perder
            tempo.Voto: divertente
    • Anonimo scrive:
      Re: jihad....
      - Scritto da: Anonimo
      cambiate quel termine per favore...mi associo alla richiesta
      • Anonimo scrive:
        Re: jihad....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        cambiate quel termine per favore...

        mi associo alla richiestanon capisco, sono in gioco le libertà digitali dell'intera umanità e voi state a goicare con le parole ?
        • Anonimo scrive:
          Re: jihad....
          - Scritto da: Anonimo
          non capisco, sono in gioco le libertà digitali
          dell'intera umanità e voi state a goicare con le
          parole ?e tu credi faccia bene al movimento per le libertà digitali essere associato a un termine (jihad) che, a prescindere dalle sue origini e al suo reale significato, oggi è entrato nell'immaginario collettivo come sinonimo di fanatismo, terrorismo, stragi e faida continua?Ci sono già sufficienti accuse contro il movimento da parte di chi vuole demonizzarlo, al solo scopo di far percepire alla opinione pubblica che tale movimento e i suoi obiettivi sono "cattivi". Ora ci si mette anche un articolista con un spiccato senso di "sensazionalismo" ad alimentare i pregiudizi attorno ai diritti digitali e ai suoi più accesi sostenitori (Lessing in questo caso).Se permetti, la lotta è già dura di per sé, senza i pregiudizi.
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            non capisco, sono in gioco le libertà digitali

            dell'intera umanità e voi state a goicare con le

            parole ?

            e tu credi faccia bene al movimento per le
            libertà digitali essere associato a un termine
            (jihad) che, a prescindere dalle sue origini e al
            suo reale significato, oggi è entrato
            nell'immaginario collettivo come sinonimo di
            fanatismo, terrorismo, stragi e faida continua?
            Ci sono già sufficienti accuse contro il
            movimento da parte di chi vuole demonizzarlo, al
            solo scopo di far percepire alla opinione
            pubblica che tale movimento e i suoi obiettivi
            sono "cattivi". Ora ci si mette anche un
            articolista con un spiccato senso di
            "sensazionalismo" ad alimentare i pregiudizi
            attorno ai diritti digitali e ai suoi più accesi
            sostenitori (Lessing in questo caso).
            Se permetti, la lotta è già dura di per sé, senza
            i pregiudizi. guarda che l'informazione è già sufficientemente 'guidata' dai soliti interessi; hai sentito una, una sola parola quando be.inc è fallita ? no, hai sentito un trambusto quando Netscape ha denunciato M$... guardacaso netscape aveva le risorse ($$$) per rendere il caso interessante ai media, be.inc no. In definitiva, il free software sarà bollato dai media come conviene a chi sgancia di più, se M$ decide che il free software è male, i media si 'adegueranno' comunque... hai voglia a fare il signore con eleganza di linguaggio contro questa gente.
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo
            hai
            voglia a fare il signore con eleganza di
            linguaggio contro questa gente.mi dispiace davvero constatare che solo io e l'autore di questa discussione condividiamo l'idea "comune" di voler tenere distinto il movimento delle libertà informatiche dall'idea di una "guerra santa", capace di spingere la gente a gesti estremi.Vuol dire da oggi che i sostenitori delle libertà informatiche non potranno contare su coloro che, in buona fede ma con molta presunzione, hanno creduto al taglio giornalistico dell'articolo, all'associazione "jihad-difesa dei diritti digitali"; o vedranno ingrossare le proprie fila da chi viene spinto, sempre in buona fede ma con molta presunzione, a dare il suo contributo di "guerrigliero del bene" per difendere alcuni diritti e calpestarne molti altri, come fanno appunto i "terroristi islamici", i quali difendono il proprio diritto di esistere togliendolo a molti altri.
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            hai

            voglia a fare il signore con eleganza di

            linguaggio contro questa gente.

            mi dispiace davvero constatare che solo io e
            l'autore di questa discussione condividiamo
            l'idea "comune" di voler tenere distinto il
            movimento delle libertà informatiche dall'idea di
            una "guerra santa", capace di spingere la gente a
            gesti estremi.
            Vuol dire da oggi che i sostenitori delle libertà
            informatiche non potranno contare su coloro che,
            in buona fede ma con molta presunzione, hanno
            creduto al taglio giornalistico dell'articolo,
            all'associazione "jihad-difesa dei diritti
            digitali"; o vedranno ingrossare le proprie fila
            da chi viene spinto, sempre in buona fede ma con
            molta presunzione, a dare il suo contributo di
            "guerrigliero del bene" per difendere alcuni
            diritti e calpestarne molti altri, come fanno
            appunto i "terroristi islamici", i quali
            difendono il proprio diritto di esistere
            togliendolo a molti altri.sono curioso di sapere in che modo chi la pensa come me calpesta i diritti di qualcun altro...
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo

            o vedranno ingrossare le proprie fila

            da chi viene spinto, sempre in buona fede ma

            con

            molta presunzione, a dare il suo contributo di

            "guerrigliero del bene" per difendere alcuni

            diritti e calpestarne molti altri, come fanno

            appunto i "terroristi islamici", i quali

            difendono il proprio diritto di esistere

            togliendolo a molti altri.

            sono curioso di sapere in che modo chi la pensa
            come me calpesta i diritti di qualcun altro...anche io sono curioso di sapere in quale parte del mio discorso io mi sia riferito a te, citandoti in prima persona, come a un fanatico di guerre sante-digitali...
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....

            sono curioso di sapere in che modo chi la pensa
            come me calpesta i diritti di qualcun altro...scusa ma è tanto difficile capire che con articoli come questo la gente come me, e come te, spenderà molto più tempo a dare spiegazioni su cosa NON E' il movimento (non è una jihad, Lessing non ha il turbante) mentre potrebbe impegnare più proficuamente il suo tempo a spiegare cosa effettivamente E' una libertà digitale?
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            non capisco, sono in gioco le libertà digitali

            dell'intera umanità e voi state a goicare con le

            parole ?

            e tu credi faccia bene al movimento per le
            libertà digitali essere associato a un termine
            (jihad) che, a prescindere dalle sue origini e al
            suo reale significato, oggi è entrato
            nell'immaginario collettivo come sinonimo di
            fanatismo, terrorismo, stragi e faida continua?
            Ci sono già sufficienti accuse contro il
            movimento da parte di chi vuole demonizzarlo, al
            solo scopo di far percepire alla opinione
            pubblica che tale movimento e i suoi obiettivi
            sono "cattivi". perdonami, ma mi pare che l'open source non abbia bisogno di questi estremisti (vedi. Lessig) per far notare la sua componente fanatica
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: Anonimo
            perdonami, ma mi pare che l'open source non abbia
            bisogno di questi estremisti (vedi. Lessig) per
            far notare la sua componente fanaticati perdono perché non sai chi è Lessing (docente alla Stanford University); che cosa ha fatto (i Creative Commons); cos'ha scritto (Free Culture tra gli altri libri). Ti perdono perché viviamo nell'era dell'informazione a basso costo che è uno dei requisiti per essere informati. L'altro requisito è il tempo, quello impiegato per approfondire seriamente le notizie, nonostante un giornalismo di bassa lega e senza deontologia professionale. Tempo che tu non hai impiegato per capire chi hai, troppo frettolosamente, etichettato come "estremista".
    • Anonimo scrive:
      Re: jihad....
      - Scritto da: Anonimo
      cambiate quel termine per favore...E perchè non ci si dovrebbero fare "sforzi contro monopoli e brevetti"?C'è qualcosa che ti disturba nel fare sforzi o impegnarti in qualcosa?
    • The_GEZ scrive:
      Re: jihad....
      Ciao Anonimo !
      cambiate quel termine per favore... Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito. Mi ricorda un thread di qualche giorno fa sul fumo ...;)
      • Anonimo scrive:
        Re: jihad....
        - Scritto da: The_GEZ
        Quando il saggio indica la luna lo stolto
        guarda il dito.se permetti correggo la frase:quando il saggio indica la luna, dicendo allo stolto: "Guarda, quello è il sole!", lo stolto gli risponde: "Piglia per il c%$o qualcun altro. So' stolto ma ci vedo benissimo!"
        • The_GEZ scrive:
          Re: jihad....
          Ciao Anonimo !
          se permetti correggo la frase:

          quando il saggio indica la luna, dicendo allo
          stolto: "Guarda, quello è il sole!", lo stolto
          gli risponde: "Piglia per il c%$o qualcun altro.
          So' stolto ma ci vedo benissimo!"??????????Cosa c'entra ?
          • Anonimo scrive:
            Re: jihad....
            - Scritto da: The_GEZ
            ??????????
            Cosa c'entra ?appunto: cosa c'entra la Jihad e gli anatemi con quello che ha detto Lessing?
  • Anonimo scrive:
    eh?
    "difensori dell'open source, unitevi!"Non so, traete un po' voi le conclusioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: eh?
      - Scritto da: Anonimo
      "difensori dell'open source, unitevi!"

      Non so, traete un po' voi le conclusioni...A bruciapelo due suggerimenti:1) Smettetela di sfornare distro su distro che nessuno si fila, e concentratevi su due al massimo 3 distribuzioni per diversi range.2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà, iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa solitament el'utente Windows. La semplicità alla quale è abituato.
      • Anonimo scrive:
        Re: eh?

        1) Smettetela di sfornare distro su distro che
        nessuno si fila, e concentratevi su due al
        massimo 3 distribuzioni per diversi range.Basta lsb, uno standard a cui aderiscono solo alcune delle piu' importanti, per il resto se hanno questo in comune possono essere anche infinite, ognuno trovera' la sua, il bello e' anche la personalizzazione.
        2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che
        caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà,
        iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa
        solitament el'utente Windows. La semplicità alla
        quale è abituato.Hai ragione ma i motivi che stanno alla base della scelta sono diverse, per ora, e quelli che utilizzano w$ non sono disposti ad impegnarsi, anche se la cosa e' terribilmente seria, mettici anche quelli interessati economicamente ( cosa giustissima, se non fosse che poi ci rimettono gli altri, ma gli altri si sa... ) . La semplicita' dell'interfaccia grafica di un mac e' fuori dal comune ( leggi w$ ) , quella di linux un po' meno e puo' richiedere lo stesso tempo di w$ , anche se poi la conoscenza e' piu' profonda anche a livelli superficiali, per essere usata. Cosa vuol fare solitamente l'utente w$, non andare a cercarsene troppe, cosa che gli accadrebbe anche se avesse cominciato con linux, ma non e' stato cosi' e lui non cerca di complicarsi la vita, giusto, ma a che prezzo?
        • Anonimo scrive:
          Re: eh?
          -
          Basta lsb, uno standard a cui aderiscono solo
          alcune delle piu' importanti, per il resto se
          hanno questo in comune possono essere anche
          infinite, ognuno trovera' la sua, il bello e'
          anche la personalizzazione.
          Si ma poi non lamentarti se TUTTI gli oem installanol'unico SO di MS E NON IL CENTINAIO DI LINUX Hai ragione ma i motivi che stanno alla base
          della scelta sono diverse, per ora, e quelli che
          utilizzano w$ non sono disposti ad impegnarsi,
          anche se la cosa e' terribilmente seria, mettici
          anche quelli interessati economicamente ( cosa
          giustissima, se non fosse che poi ci rimettono
          gli altri, ma gli altri si sa... ) . La
          semplicita' dell'interfaccia grafica di un mac e'
          fuori dal comune ( leggi w$ ) , quella di linux
          un po' meno e puo' richiedere lo stesso tempo di
          w$ , anche se poi la conoscenza e' piu' profonda
          anche a livelli superficiali, per essere usata.
          Cosa vuol fare solitamente l'utente w$, non
          andare a cercarsene troppe, cosa che gli
          accadrebbe anche se avesse cominciato con linux,
          ma non e' stato cosi' e lui non cerca di
          complicarsi la vita, giusto, ma a che prezzo?
          Qui posso solo dire che se scrivessi MS senza ildollarino guadagneresti in credibilità.
      • SiNuS scrive:
        Re: eh?
        - Scritto da: Anonimo
        A bruciapelo due suggerimenti:

        1) Smettetela di sfornare distro su distro che
        nessuno si fila, e concentratevi su due al
        massimo 3 distribuzioni per diversi range.Il bello del mondo gnu è proprio il fatto di avere infinite possibilità di scelta in base al proprio gusto. Inoltre i progressi che vengono fatti in una distro vengono poi propagati a tutte le altre che ne traggono vantaggio, questo per via del tipo di licenza adottata. Inoltre esistono anche collaborazioni vere e proprie: esempio banale ubuntu e debian che sviluppano a braccetto. Inoltre se proprio vogliamo fare i pignoli quasi tutte le distro installabili si basano su tre pilastri che sono: debian, red-hat, slackware. Quindi francamente mi pare che tu non sappia di cosa stai parlando.
        2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che
        caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà,
        iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa
        solitament el'utente Windows. La semplicità alla
        quale è abituato.Ultimamente mi pare che dovrebbe invece che ci sia bisogno della cosa opposta. Gli utenti windows se ne sbattono di questi attacchi al software libero perchè tanto non lo usano?Può essere corretto ma è stupido.Sarebbe come lasciar cadere la libertà di parola e di pensiero solo perchè non ne abbiamo mai usufruito.E poi non capisco come si possa ancora oggi dire che la semplicità di windows è imbattibile. Se uno si installa Gnome 2.10 completo ha un completo sistema funzionante con applicazioni integrate tra di loro ala windows. lettore multimediale predefinito browser predefinito, instant messenger predefinito. Solo che rimane ancora la possibilità di scegliere. Anzi a dire il vero ci sono molte comodità che io trovo su gnome che invece non esistono su win.Inoltre installare un programma su debian non è minimamente paragonabile a installare qualcosa su windows: è troppo più semplice. Apri il programma di installazione scegli il programma che vuoi installare e premi invio. E aggiornare è ancora più semplice.L'unica cosa che fa l'utente (medio) windows è non informarsi e non scegliere. E grazie a questo tutti ne sconteranno le conseguenze negative.
      • Anonimo scrive:
        Re: eh?
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        "difensori dell'open source, unitevi!"



        Non so, traete un po' voi le conclusioni...

        A bruciapelo due suggerimenti:

        1) Smettetela di sfornare distro su distro che
        nessuno si fila, e concentratevi su due al
        massimo 3 distribuzioni per diversi range.Questione di punti di vista... tu come ti troveresti se ci fossero solo due o al massimo tre modelli di macchina per ogni segmento di mercato ? Non ti sembrerebbe un po' limitativo ?
        2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che
        caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà,Secondo te dare del 'coglione' a chi fa commenti tipo quello al quale tu hai risposto vuol dire essere arroganti ? Fammelo sapere, così mi posso regolare...
        iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa
        solitament el'utente Windows. La semplicità alla
        quale è abituato.Scambiare la potenza e la stabilità di Linux per la semplicità secondo me sarebbe un grave errore. Ben venga quindi la facilità d'uso, ma non a scapito di altre caratteristiche. D'altronde non ci trovo nulla di sbagliato (anzi...) in una coesistenza di più sistemi operativi ciascuno con le sue caratteristiche (e quindi alcuni adatti per un'utenza poco preparata ed altri per un'utenza più esperta).
        • matcion scrive:
          Re: eh?



          2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che

          caratterizza gli "utenti" di Linux e, con
          umiltà,

          Secondo te dare del 'coglione' a chi fa commenti
          tipo quello al quale tu hai risposto vuol dire
          essere arroganti ? Fammelo sapere, così mi posso
          regolare...
          In un thread così, in cui si sono tenuti toni pacati dall'inizio, dare del coglione più che arroganza è maleducazione.Riservati il coglione al prossimo che scrive "opensorciari tornate in cantina".
        • Anonimo scrive:
          Re: eh?
          - Scritto da: Anonimo
          Secondo te dare del 'coglione' a chi fa commenti
          tipo quello al quale tu hai risposto vuol dire
          essere arroganti ? Fammelo sapere, così mi posso
          regolare... Quindi per te Lessing è addirittura un coglione! eh ma un po' di rispetto ed educazione!
      • Giambo scrive:
        Re: eh?
        - Scritto da: Anonimo
        1) Smettetela di sfornare distro su distro che
        nessuno si fila, e concentratevi su due al
        massimo 3 distribuzioni per diversi range.Se avessero seguito il tuo consiglio qualche anno fa', non ci sarebbe stata Unbuntu, Gentoo e Knoppix. E staremmo usando tutti redHat, SuSE e Mandrake.
        2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che
        caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà,
        iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa
        solitament el'utente Windows. La semplicità alla
        quale è abituato.KDE e' semplice. Gnome ancora di piu'.E poi, alla fine, ognuno produce il soft come piu' gli aggrada, non ha nessun padrone al quale rendere conto.
      • francescor82 scrive:
        Re: eh?

        A bruciapelo due suggerimenti:

        1) Smettetela di sfornare distro su distro che
        nessuno si fila, e concentratevi su due al
        massimo 3 distribuzioni per diversi range.Per curiosità, che problema ti dà che esistano tante distro? In un certo senso, ognuna è già tarata per un certo range. Uno dei lati positivi del mondo GNU/Linux è proprio questo, poter scegliere quello che più ti aggrada, dalla distro al desktop manager (o windows manager).E grazie al tipo di licenza usata (per lo più GPL) tutti i progressi fatti da una distro possono essere assorbiti facilmente dalle altre, quindi alla fine non è che siano poi infinitamente diverse tra di loro.
        2) Liberatevi dalla supponenza ed arroganza che
        caratterizza gli "utenti" di Linux e, con umiltà,
        iniziate a cercare di capire cosa vuole e cosa fa
        solitament el'utente Windows. La semplicità alla
        quale è abituato.Questo è un atteggiamento di alcuni utenti GNU/Linux, ma ti prego di non generalizzare. Io ho imparato ad usare GNU/Linux grazie ad un magnifico gruppo di studenti/dottorandi/ricercatori della mia Università, che sono stati sempre gentilissimi e disponibili per risolvere i problemi che io e i miei compagni abbiamo avuto, e che hanno fondato il SaLUG (Salento GNU/Linux User Group) prima come gruppo di volontari e poi come associazione culturale, di cui sono orgogliosamente socio.Ti posso quindi portare la testimonianza di tante persone, tanti utenti che sono tutt'altro che arroganti.Poi ti invito a provare una delle ultime release di KDE o di Gnome; non so cosa fa, il tuo utente Windows di riferimento, ma se vuole navigare, ricevere e scrivere posta, scrivere un documento o una presentazione, ascoltare musica, vedere un film... si tratta solo di sapere come si chiama il programma corrispondente, ma anche KDE e Gnome hanno un "menu Start". ;-) E dovrai aprire XMMS invece di Windows Media Player, Writer invece di Word... ma non puoi pretendere che i nomi siano gli stessi, Lindows ha dovuto cambiare il suo nome in Linspire perchè QUALCUNO ha fatto causa.
  • Anonimo scrive:
    Vlc e i brevetti
    DTS è stata la prima azienda a rompere le scatole a vlc per i brevetti e così vlc in via cautelativa ha tolto il supporto DTS
Chiudi i commenti