Rilasciato FreeBSD 5.3

Prima versione stabile del ramo 5.x


Roma – Lo scorso sabato è stato annunciato il rilascio di FreeBSD 5.3, nuova major release del famoso Unix open source.

La nuova versione è particolarmente importante perché rappresenta la prima release stabile del ramo di sviluppo 5.x: il team di sviluppo ha incoraggiato gli utenti a migrare i propri sistemi di produzione verso la nuova versione.

Le principali novità della nuova release, insieme ai link per il download, si trovano qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E lo strict?
    Il requisito 1 della Legge Stanca prevede l'uso di un doctype di tipo rigoroso(strict), quindi quel cms così com'è allo stato attuale non è utilizzabile.
  • Anonimo scrive:
    Cosa interessante
    Forse anche nella PA Italiana qualcosa si muove nella direzione giusta.Speriamo duri.
  • gimmel scrive:
    Lavoro interessante, però...
    Sarebbe carino inserire anche i credits di chi ha sviluppato il CMS. Il sistema presentato come eZPA è infatti completamente basato su eZ publish, CMS open source (vedi http://ez.no/).'eZPA' viene presentato come lavoro originale, senza neanche citare eZ publish, effettuando un vero e proprio rebrand (anche il logo usato si basa su quello di eZ publish): non si aiuta, così, il mondo open source...
    • Anonimo scrive:
      Re: Lavoro interessante, però...
      - Scritto da: gimmel
      Sarebbe carino inserire anche i credits di
      chi ha sviluppato il CMS. Il sistema
      presentato come eZPA è infatti
      completamente basato su eZ publish, CMS open
      source (vedi ez.no /).
      'eZPA' viene presentato come lavoro
      originale, senza neanche citare eZ publish,
      effettuando un vero e proprio rebrand (anche
      il logo usato si basa su quello di eZ
      publish): non si aiuta, così, il
      mondo open source...com'è andota a Ferrara? no perchè da come ne parli sembra che tu sappia già la versione definitiva come sarà e cosa hanno detto i responsabili del progetto
  • peppe2 scrive:
    Tante parole, pochi fatti
    A parte il fatto che non mi sembra niente di straordinario, la grafica e l'impaginazione lasciano MOLTO a desiderare, direi che è una brutta copia di EZPublish http://ez.no/ez_publish
  • Anonimo scrive:
    .doc
    ... e quel file . doc nella sezione bilancio che c'azzecca conl'accessibilita' ?
    • Anonimo scrive:
      Re: .doc
      - Scritto da: Anonimo
      ... e quel file . doc nella sezione
      bilancio che c'azzecca con
      l'accessibilita' ?
      è un presagio.. tu puoi fare il portale accessibile quanto vuoi, ma la PA non si smuoverà dai formati proprietari...
  • Anonimo scrive:
    Che tristezza
    Già vedo tutti i comuni alla ricerca del portalone gratis da far pesare di brutto nel bilancioEcco, vi presento l'open source :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Che tristezza
      - Scritto da: Anonimo
      Già vedo tutti i comuni alla ricerca
      del portalone gratis da far pesare di brutto
      nel bilancio

      Ecco, vi presento l'open source :(più che altro ci presenti le PA italiane...stranamente all'estero queste cose avvengono di rado e li l'opensource è molto più diffuso che in italia...
  • baldomax scrive:
    Solo pubblicita'
    n capisco proprio questo annuncio...e' mera pubblicita' occulta.Esistono decine di portali pa OpenSource con il codice con licenza gpl.http://www.comune.pontedera.pi.it ad esempioC'e' di piu': sono anni che ci sono proposte di legge e indicazioni ministeriali per l'utilizzo di OS nella pa!Insomma....se fate pubblicita' scrivetelo chiaramente!Massi
Chiudi i commenti