Rilasciato Mozilla 1.0 RC3

Mozilla.org esita a lanciare la 1.0 definitiva


Roma – Da pochi giorni è possibile scaricare la release di Mozilla 1.0 Release Candidate 3. Questa release dovrebbe essere quella che precede il rilascio finale di Mozilla 1.0. Il “temporeggiamento” di Mozilla.org nel rilascio della versione 1.0 del proprio browser è dovuto alla necessità risolvere quei piccoli bug e problemi che vengono segnalati dalla vastissima comunità dei “beta tester”.

Per comprendere e partecipare a tutte le fasi di testing e contribuire a migliorare ulteriormente il browser del drago è stata pubblicata una pagina dedicata con tutte le informazioni necessarie .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Scott Tiger
    Gli Oracoli hanno preso una tranvata in faccia?
  • Anonimo scrive:
    professionisti...
    perche non immagino che ci lavoravano sopra dei "smanettoni"...
    • Anonimo scrive:
      Re: professionisti...
      Mah, non è mica detto che sia opera di professionisti. E' gente che conosce bene i sistemi, ma può anche essere un 16enne appassionato...
      • Anonimo scrive:
        Re: professionisti...
        intendevo chi ha messo su i sistemi...non chi e entrato...;-)- Scritto da: Federico
        Mah, non è mica detto che sia opera di
        professionisti. E' gente che conosce bene i
        sistemi, ma può anche essere un 16enne
        appassionato...
    • Anonimo scrive:
      Re: professionisti...
      Ma non si diceva che i costosi professionisti nell'IT oggi non servono piu' a niente...che basta cliccare di qua e di la ed e' subito tutto pronto ?bah !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: professionisti...

        Ma non si diceva che i costosi
        professionisti nell'IT oggi non servono piu'
        a niente...infatti mi riferivo a questo...chi ha messo su i sistemi non li pagavano di certo con buoni da mcdonalds...eppure il risultato e sotto gli occhi di tutti...professionisti per chi ha messo su il sistema intendevo...era ironico...ma come laureati, master, professionisti, ecc...eppure ecco qua...
        • Anonimo scrive:
          Re: professionisti...
          - Scritto da: blah
          professionisti per chi ha messo su il
          sistema intendevo...era ironico...ma come
          laureati, master, professionisti,
          ecc...Il tuo ragionamento è fallace ed incompleto, e non dimostra nulla, se non la tua impreparazione in logica proposizionale e la stupidità delle generalizzazioni decostruttiviste fatte a casaccio. Se il possesso di un titolo d'istruzione superiore non garantisce la professionalità, figuriamoci la sua mancanza...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            Il tuo ragionamento è fallace ed incompleto,
            e non dimostra nulla, se non la tua
            impreparazione in logica proposizionale e la
            stupidità delle generalizzazioni
            Se il possesso di un titolo d'istruzione
            superiore non garantisce la professionalità,
            figuriamoci la sua mancanza...è uno dei post più belli letti quest'anno!
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            è uno dei post più belli letti quest'anno!tra professionisti ci si da la carica no ????;-)(notare che non ho messo le virgolette)
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            Il tuo ragionamento è fallace ed incompleto,
            e non dimostra nulla, se non la tua
            impreparazione in logica proposizionale e la
            stupidità delle generalizzazioni
            decostruttiviste fatte a casaccio. e sempre qualcosa...
            Se il possesso di un titolo d'istruzione
            superiore non garantisce la professionalità,
            figuriamoci la sua mancanza...allora almeno vorrei vedere dei "professionisti" che se la tirano di meno...invece vedo solo gente del tipo "non c'e un'altro piu bello, piu intelligente, piu fiko, ecc di me"...e non e detto che chi non ha due lauree e 10 master non sia in grado di fare nulla...(fatto l'universita per la cronaca)ti do solo un'esempio...c'era un matematico indiano...vai a cercare vediamo se riesci a trovare almeno il nome...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: blah
            c'era un matematico
            indiano...vai a cercare vediamo se riesci a
            trovare almeno il nome...Quando avremo un matematico dilettante all'altezza di Pierre de Fermat, ne riparleremo: peccato che siano più di 80 anni che nessun "fai-da-te" scopre qualcosa di veramente importante, o insolubile, in Matematica pura. Tra parentesi, gli indiani ci hanno abbondantemente rotto le palle, con le pubblicità occulte e revisionistiche alla Gheverghese...In ogni caso, l'informatica applicata è ben più destrutturata delle Scienze Matematiche, e non c'entra un beneamato col tuo esempino. I "dilettanti" di successo nella ICT si contano sulle dita di una mano, fin dai tempi di Dana Scott...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            Quando avremo un matematico dilettante
            all'altezza di Pierre de Fermat, ne
            riparleremo: peccato che siano più di 80
            anni che nessun "fai-da-te" scopre qualcosa
            di veramente importante, o insolubile, in
            Matematica pura. ecco il classico esempio di professionista...tra parentesi...
            I "dilettanti" di successo nella ICT si
            contano sulle dita di una mano, fin dai
            tempi di Dana Scott...invece tutti i professionisti (tra virgolette) hanno sfondato...vedo che con te si parla tanto per parlare...ciaso...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: blahQED. A te non interessano i fatti. In un elenco degli informatici più significativi degli ultimi 30 anni, i dilettanti sono meno di una dozzina, e questo è un fatto. Che non ha alcuna attinenza con la presenza, e la proliferazione negli ultimi 10-15 anni, di laureati mediocri, eppure supponenti e pieni di sè. Il che pare un tratto sociologicamente distintivo degli under 30 che gravitano intorno alla ICT, in genere, ed al mondo *net in particolare.Studiare e laurearsi è condizione necessaria, ma non sufficiente, per accedere allo status di professionista. La sola passione non è certamente sufficiente, per quanto sia necessaria (e spesso mancante a troppi "dottorini" dell'ultima ora).EOT
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            Studiare e laurearsi è condizione
            necessaria, ma non sufficiente, per accedere
            allo status di professionista. La sola
            passione non è certamente sufficiente, per
            quanto sia necessaria (e spesso mancante a
            troppi "dottorini" dell'ultima ora).uno che riceve una preparazione di livello universitario (intendo reale preparazione) pur non essendo laureato...come lo definisci ???? dilettante o professionista...cos'e uno cosi ???? i dilettanti di cui parlavi prima sono proprio questi...oppure uno secondo te non e in grado di comprendere certi concetti se non segue un certo iter (certificato) ????(e proprio qua il punto fondamentale...io definisco professionista uno che pur non essendo laureato ha una grande passione e ha compresso tutti i concetti chiave...e non definisco professionista molti laureati...anzi, quasi tutti, pur senza generalizzare...ho visto certi asini laurearsi col massimo dei voti...quelli non dovevano proprio finire - anzi neanche iniziare -, altro che 110 e lode)...e quando vedo uno laureato col 110 e lode o e un genio (1%) o ........ (99%)...la possibilita di prendere il genio e abbastanza ridotta...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: blahNei primi anni '80, quando ho iniziato ad occuparmi di IT, lo skill mix era piuttosto semplice e ben noto: c'era un 30% di laureati in discipline tecniche e scientifiche (non prettamente informatiche: matematici, ingegneri elettronici, fisici applicativi, e poi spiccioli - biologia, chimica, e&c...), un buon 50% di personaggi "intermedi" che avevano frequentato almeno il biennio di ingegneria o matematica, il resto varia umanità. Questo in generale: ovviamente nella ricerca applicata o nei controlli life-critical le percentuali si ribaltavano, com'è vero che nell'EDP classico o nel settore office il mix relativo era ben diverso, con preponderanza dei non laureati.Verso la fine degli anni '90 le cose sono cambiate radicalmente: ci sono moltissimi laureati (sulla carta), incapaci all'atto pratico e sicuramente molto supponenti. Ci sono anche grandi masse di incompetenti, con vari gradi di (im)preparazione universitaria, che hanno invaso i settori più "semplici" e massivi, come il *net. Questo rende maledettamente difficile il lavoro degli head hunters, costretti a scovare persone capaci a prescindere dal completamento degli studi (a quanto pare, chi ha solo un diploma e non ha mai visto un'aula magna costituisce ancora oggi una percentuale elevata), e soprattutto rende la materia caotica, a causa della indebita appropriazione di qualifiche professionali da parte di soggetti inadeguati. Inadeguati, ovviamente, per conclamata incapacità personale, non grazie o a causa di un pezzo di carta.Resta il fatto che, in alcuni settori "non-massivi", un serio background universitario di tipo scientifico (non semplicemente d'indirizzo tecnologico) è assolutamente fondamentale, oltre ad una sana dose di qualità personali superiori alla media. Vero è che, per usare programmi e tecnologie creati da altri, risolvendo problematiche standard a livelli d'astrazione sempre più alti, non ci vogliono dei guru, ma solo dei buoni esecutori in possesso di esperienza, sensibilità media ed metodo di lavoro razionale. E quindi, la (im)preparazione standard degli altri paesi europei, tre annetti con corsi trimestrali all'acqua di rose ed un bel calcione finale, è più che sufficiente per l'80% dei profili ICT. La necessità di Programmatori, con una solida base di conoscenze di architettura ed hardware, di ingegneria del software e di teoria dei linguaggi di programmazione sta diminuendo esponenzialmente da vent'anni a questa parte, e questo è un altro fatto. Quanto alle considerazioni sui curricula e sui voti, la questione non si pone: esistono solamente due Istituti, in Italia, dei cui voti ci si può fidare ad occhi chiusi. E, normalmente, chi esce da tali Scuole non transita per il mondo del lavoro, e certo non per i canali convenzionali. In altri casi, la valutazione è sempre relativa, ed è vero solo in alcuni casi che a voto maggiore corrisponde minore capacità critica. Ma si tratta di eccezioni, NON di regole.
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            Questo rende maledettamente difficile il
            lavoro degli head hunters, costretti a
            scovare persone capaci a prescindere dal
            completamento degli studi (a quanto pare,
            chi ha solo un diploma e non ha mai visto
            un'aula magna costituisce ancora oggi una
            percentuale elevata), e soprattutto rende la
            materia caotica, a causa della indebita
            appropriazione di qualifiche professionali
            da parte di soggetti inadeguati. Inadeguati,
            ovviamente, per conclamata incapacità
            personale, non grazie o a causa di un pezzo
            di carta.quello che dicevo io...il sistema di certificazione delle conoscenze ORMAI NON REGGE PIU...poi ci sono gli ambiti dove ogniuno protegge la sua "casta" (vedi economia per esempio e le facolta economiche)
            Resta il fatto che, in alcuni settori
            "non-massivi", un serio background
            universitario di tipo scientifico (non
            semplicemente d'indirizzo tecnologico) è
            assolutamente fondamentale, oltre ad una
            sana dose di qualità personali superiori
            alla media. e chiaro che se vai a fare ingegneria aero-spaziale non lo fai alla cieca...
            Vero è che, per usare programmi e tecnologie
            creati da altri, risolvendo problematiche
            standard a livelli d'astrazione sempre più
            alti, non ci vogliono dei guru, ma solo dei
            buoni esecutori in possesso di esperienza,
            sensibilità media ed metodo di lavoro
            razionale.questo tipo di lavoro e il 90% (????) del lavoro...e piano piano perdera importanza...o sei uno davvero in gamba o fuori dalle palle...anche se non vorrei arrivare ad un mondo dove la gente viene sterminata perche non abbastanza bella o intelligente (okey Off Topic)
            E quindi, la (im)preparazione
            standard degli altri paesi europei, tre
            annetti con corsi trimestrali all'acqua di
            rose ed un bel calcione finale, è più che
            sufficiente per l'80% dei profili ICT.io sono dell'idea che o una cosa si fa seriamente o e meglio lasciar perdere...ma pochi la pensano come me...
            La necessità di Programmatori, con una
            solida base di conoscenze di architettura ed
            hardware, di ingegneria del software e di
            teoria dei linguaggi di programmazione sta
            diminuendo esponenzialmente da vent'anni a
            questa parte, e questo è un altro fatto. bhe ormai e tutto interfaccia grafica...basta vedere quanti lavorano sul kernel di linux...saranno una cinquantina di persone...
            Quanto alle considerazioni sui curricula e
            sui voti, la questione non si pone: esistono
            solamente due Istituti, in Italia, dei cui
            voti ci si può fidare ad occhi chiusi.sarebbero ????;-)tanto per sapere...
            normalmente, chi esce da tali Scuole non
            transita per il mondo del lavoro, e certo
            non per i canali convenzionali. quello che dicevo sopra...fanno parte di quel 10 % di "lit"...ma anche li diciamo la verita ci sono i buffoni...
            In altri casi, la valutazione è sempre
            relativa,piu che relativa...
            ed è vero solo in alcuni casi che
            a voto maggiore corrisponde minore capacità
            critica.nah questo e vero quasi sempre...
            Ma si tratta di eccezioni, NON di
            regole. appunto...
          • Anonimo scrive:
            OT Re: professionisti...
            Interessante notare una cosa in questa sequenza di post vostri.blah alle 10.31+ORC alle 10.40blah alle 10.49blah alle 10.51+ORC alle 11.06blah alle 11.08+ORC alle 11.22blah alle 11.32+ORC alle 12.03blah alle 12.54uhm...e quello che dite io ritengo che sia off topic con l'articolo anche perché siete caduti entrambi in una flame in cui avete visioni differenti e sarebbe difficile convincere l'uno o l'altro arrivando ad un concetto comune che vada bene ad entrambi, come ogni persona difendereste a spada tratta ciò in cui credete sia la verità.Ma mi domando, una sola cosa...avete molto tempo da sprecare entrambi per passare una mattinata intera o quasi, dalle 10.30 fino alle 13 circa con scarti solo di 20 minuti nemmeno, a controllare e scrivere in continuazione nel forum di PI.Uhm svelatemi questo arcano, siete entrambi della redazione di PI? :) lavoro troppo noioso? in ferie prima del tempo? :) no ci sono arrivato, giorno di riposo il lunedì mattina? :) Cmq mi ritengo + vicino alle opinioni di blah che a quelle di +ORC, conosco di persona universitari, laureati in ingegneria informatica o altro nel campo ICT, a livello teorico possono sapere anche molto, pratico davvero poco. Ritengo che la chiave di tutto sia proprio la vera passione per quello che si fa al di là dei pezzi di carta e quindi c'è chi dimostra davvero che il pezzo di carta che ha gli interessa e chi invece dimostra che ha scelto una professione solo per opportunismo e domanda elevata in quel campo. Decisamente non mi sento di dire chi appartiene all'una e all'altra categoria questo lo si dimostra solo a livello pratico quando ci si adopera nei vari progetti.
          • Anonimo scrive:
            Re: OT Re: professionisti...

            Ma mi domando, una sola cosa...avete molto
            tempo da sprecare entrambi per passare una
            mattinata intera o quasi, dalle 10.30 fino
            alle 13 circa con scarti solo di 20 minuti
            nemmeno, a controllare e scrivere in
            continuazione nel forum di PI.
            Uhm svelatemi questo arcano, siete entrambi
            della redazione di PI? :) lavoro troppo
            noioso? in ferie prima del tempo? :) no ci
            sono arrivato, giorno di riposo il lunedì
            mattina? :) semplicemente orario molto flessibile (non e strano che vada a dormire alle 5 di mattina e di svegliarmi alle 7 oppure di svegliarmi alle 10 come oggi)...;-)tutto qua...poi orc non so...
            campo. Decisamente non mi sento di dire chi
            appartiene all'una e all'altra categoria
            questo lo si dimostra solo a livello pratico
            quando ci si adopera nei vari progetti.(pure a modo mio) io chiedevo una istruzione piu reale (quello che si fa in universita per il 70% e del tutto inutile) e dei metodi di valutazione REALI delle conoscenze...per esempio dei test standard (cioe tutti la stessa cosa) MOLTO DIFFICILI (intendo problemi reali difficili, senza perdere punti perche hai interpretato male una virgola nella domanda che occupa 50 righe), senza nome in bella vista per chi corregge i compiti come sui lavori universitari, ed esami con personale esterno per esempio (a cui non stai sulle palle o a cui non frega nulla che non hai seguito le sue lezioni o non sei andato ai suoi appuntamenti)...comunque sarebbe un miglioramento...anche se non sarebbe comunque perfetto (l'uomo e imperfetto ricordiamocelo)...cioe:- conoscenze reali...- metodi piu giusti di valutazione...(naturalmente senza che qualcuno rilasci diplomi come fanno le scuole private, o che altri facciano il lavoro per te e cosi via verso l'infinito)
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: +ORC

            - Scritto da: blah

            professionisti per chi ha messo su il

            sistema intendevo...era ironico...ma come

            laureati, master, professionisti,

            ecc...

            Il tuo ragionamento è fallace ed incompleto,
            e non dimostra nulla, se non la tua
            impreparazione in logica proposizionale e la
            stupidità delle generalizzazioni
            decostruttiviste fatte a casaccio.

            Se il possesso di un titolo d'istruzione
            superiore non garantisce la professionalità,
            figuriamoci la sua mancanza...Sei sicuro???Anni fa stavo conducendo una inchiesta per una nota rivista sul fatto che ci fosse stato un improvviso incremento di ricerche di neolaureati nelle piu' svariate discipline.Andammo quindi a fare delle domande ai responsabili del personale di grandi aziende, chiedendo se queste ricerche corrispondessero a nuovi progetti particolari di sviluppo.E mi ricordo la risposta che mi diede il dirigente dell'IBM :"Perche' stiamo cercando laureati in ingegneria, informatica, ecc?? Perche' a noi interessa che sappiano almeno leggere e scrivere;poi ci pensiamo noi!"Conosco tanti non laureati ( me compreso) che si mangiano a colazione due laureati bagnati nel cappuccino.L'istruzione superiore è una baggianata, salvo forse per materie come chimica, fisica, dove devi veramente sapere.D'altronde, non sai nulla delle tesi conto terzi?Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...

            E mi ricordo la risposta che mi diede il
            dirigente dell'IBM :
            "Perche' stiamo cercando laureati in
            ingegneria, informatica, ecc?? Perche' a noi
            interessa che sappiano almeno leggere e
            scrivere;poi ci pensiamo noi!"SI MA POI DICONO...TUTTI DA NOI SONO LAUREATI...;-)pure la segretaria...
            D'altronde, non sai nulla delle tesi conto
            terzi?stendiamo un velo pietoso...su questo e su tanti altri argomenti...
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: wow

            Conosco tanti non laureati ( me compreso)
            che si mangiano a colazione due laureati
            bagnati nel cappuccino. L'istruzione
            superiore è una baggianata, salvo forse per
            materie come chimica, fisica, dove devi
            veramente sapere.
            D'altronde, non sai nulla delle tesi conto
            terzi?Non saprei. Io mi sono laureato in Matematica nel 1982, la tesi stranamente me la son dovuta fare da solo, e sì, in vent'anni di informatica ho incontrato decine di autodidatti da mangiare a colazione, oltre a tanti ingegnerucoli ed informatici di serie C. Quello che ho imparato in Università mi è servito per intraprendere una strada innovativa nel settore dei controlli avanzati di processo, qui senza una solida preparazione teorica in calcolo numerico, controllo stocastico ed ottimizzazione puoi solo andare a finire all'ufficio fotocopie. Sarà che le minoranze non fanno statistica... ma con una laurea scientifica presa seriamente puoi fare cose che per molti sono semplicemente inaccessibili.
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            hai perfettamente ragione quando dici che una buona laurea ti fa arrivare a fare cose inaccessibili a molti, ma non mi venire a dire che per mettere su una rete agganciata a internet con buoni criteri di sicurezza serva un master in ingegneria nucleare! basta solo studiare bene la materia e una sufficiente esperienza nel settore, suvvia...
            Non saprei. Io mi sono laureato in
            Matematica nel 1982, la tesi stranamente me
            la son dovuta fare da solo, e sì, in
            vent'anni di informatica ho incontrato
            decine di autodidatti da mangiare a
            colazione, oltre a tanti ingegnerucoli ed
            informatici di serie C.
            Quello che ho imparato in Università mi è
            servito per intraprendere una strada
            innovativa nel settore dei controlli
            avanzati di processo, qui senza una solida
            preparazione teorica in calcolo numerico,
            controllo stocastico ed ottimizzazione puoi
            solo andare a finire all'ufficio fotocopie.
            Sarà che le minoranze non fanno
            statistica... ma con una laurea scientifica
            presa seriamente puoi fare cose che per
            molti sono semplicemente inaccessibili.
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            - Scritto da: astelix
            hai perfettamente ragione quando dici che
            una buona laurea ti fa arrivare a fare cose
            inaccessibili a molti, ma non mi venire a
            dire che per mettere su una rete agganciata
            a internet con buoni criteri di sicurezza
            serva un master in ingegneria nucleare!
            basta solo studiare bene la materia e una
            sufficiente esperienza nel settore,
            suvvia...Mai sostenuto niente del genere. Anzi, un paio di post fa, ho scritto:"Vero è che, per usare programmi e tecnologie creati da altri, risolvendo problematiche standard a livelli d'astrazione sempre più alti, non ci vogliono dei guru, ma solo dei buoni esecutori in possesso di esperienza, sensibilità media ed metodo di lavoro razionale. E quindi, la (im)preparazione standard degli altri paesi europei, tre annetti con corsi trimestrali all'acqua di rose ed un bel calcione finale, è più che sufficiente per l'80% dei profili ICT."Mi pare sufficientemente chiaro, anche che in quell'80% rientrano a pieno titolo il mondo *net e le applicazioni correlate, ovvero il filone numericamente più consistente (il che non dice nulla sulla qualità, anzi...) della ICT odierna. Ovviamente non siamo strettamente in-topic, il discorso si è allargato ad una prospettiva leggermente più ampia.
          • Anonimo scrive:
            Re: professionisti...
            vero. tanto "professionalità" ormai pare significhi "conoscere qualche ditta produttrice a cui dare la colpa"!ciaogodz
Chiudi i commenti