RIM, la stangata del brevetto

L'azienda canadese dovrà risarcire Mformation per lo sfruttamento indebito di una tecnologia per la gestione in remoto dei BlackBerry in dotazione aziendale. 8 dollari a dispositivo, per un totale di quasi 150 milioni

Roma – I vertici di Research in Motion (RIM) dovranno pagare una maxi-multa da 147,2 milioni di dollari per violazione di brevetto. Risarcire una piccola società del New Jersey – Mformation, specializzata in soluzioni per la gestione dei dispositivi mobile – per aver sfruttato indebitamente una tecnologia risalente all’anno 2001.

Mformation aveva ottenuto un brevetto – numero 6,970,917 – per tutelare il proprio “sistema di gestione e controllo remoto dei dispositivi senza filo”. In sostanza, una tecnologia molto simile a quella implementata anni dopo da RIM nel suo BlackBerry Enterprise Server con il software che permette alle varie aziende di gestire in remoto i dispositivi offerti ai dipendenti .

Il calcolo applicato dal giudice californiano non rappresenta una buona notizia per il colosso canadese. Un totale di 8 dollari per ciascun BlackBerry venduto a livello aziendale negli Stati Uniti , ovvero 18,4 milioni di unità che hanno attualmente accesso ad Enterprise Server in violazione di brevetto. Totale, quasi 150 milioni di dollari.

Una mazzata per RIM, già alle prese con tagli del personale e drastici cali azionari . Raggiunto dalla redazione di Bloomberg , l’avvocato di Mformation Amar Thakur ha ipotizzato una sanzione ancora più pesante per la società nordamericana. Si potrebbe infatti sfiorare quota 500 milioni di dollari se considerate le vendite al di fuori degli Stati Uniti e la distribuzione nei tanti uffici governativi degli States .

I legali di RIM sono sulle barricate , intenzionati ad appigliarsi alle stesse regole dello United States Patent and Trademark Office (USPTO) sulle idee “ovvie”, non tutelabili a livello brevettuale. Stando alle dichiarazioni di Mformation, i vertici di RIM avrebbero ricevuto in passato una proposta di licensing per lo sfruttamento del software di controllo dei dispositivi .

Rifiutato l’accordo di distribuzione autorizzata, RIM avrebbe implementato la tecnologia in questione a livello enterprise . Nel 2008, Mformation si scagliava contro la società canadese con una denuncia per violazione brevettuale. Così come il CEO Thorsten Heins sembra sicuro del roseo futuro dei BlackBerry, la stessa RIM parla di “brevetti non validi” che porteranno all’annullamento della maxi-sanzione.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Isaac Levi scrive:
    APPLE... APPLE... APPLE...
    Beh... una cosa del genere esiste già, è il sistema chiuso e puritano di Apple! Onore al merito!
    • cen sore scrive:
      Re: APPLE... APPLE... APPLE...
      - Scritto da: Isaac Levi
      Beh... una cosa del genere esiste già, è il
      sistema chiuso e puritano di Apple! Onore al
      merito!attenzione... hai nominato la mela marcia: quanto scommetti che LA TENTAZIONE DEL CENSORE (che già si è manifestata per altri commenti a questo articolo e che è pratica moooooolto diffusa su questa "rivista") si abbatterà presto anche su questo thread?
  • attonito scrive:
    vi siete seduti nudi sulla finestra
    Quindi non lamentatevi se il primo che passa vi si incula.
  • controlli scrive:
    microchip sottopelle
    Perchè non ci facciamo direttamente impiantare dei microchip così da facilitare il lavoro dei """""tutori dell'ordine""""" (tra mille virgolette)?? Anzi, perchè non riempiamo completamente il territorio di videocamere che riprendano tutto e tutti 24 su 24, tanto cosa abbiamo da nascondere?? Le peggiori storie di fantascienza si stanno avverando sotto i nostri occhi.
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: microchip sottopelle
      - Scritto da: controlli
      Perchè non ci facciamo direttamente impiantare
      dei microchip così da facilitare il lavoro dei
      """""tutori dell'ordine""""" (tra mille
      virgolette)?? Anzi, perchè non riempiamo
      completamente il territorio di videocamere che
      riprendano tutto e tutti 24 su 24, tanto cosa
      abbiamo da nascondere?? Le peggiori storie di
      fantascienza si stanno avverando sotto i nostri
      occhi.Nei paesi anglosassoni si è già ultra spiati da tempo. Ma tu vivi in Italia? E allora non usare facebook e simili. Qui in Italia la privacy è rispettata. Il pericolo al massimo viene da Internet e dalle aziende straniere che offrono determinati servizi.
      • cognome scrive:
        Re: microchip sottopelle


        Nei paesi anglosassoni si è già ultra spiati da
        tempo. Vero!
        Qui in Italia la privacy è
        rispettata. Abbastanza vero. Il garante della privacy è l'unica cosa decente che l'Italia ha e che gli altri non hanno all'estero.
        Il pericolo al massimo viene da
        Internet e dalle aziende straniere che offrono
        determinati
        servizi.E' assolutamente corretto. Le multinazionali (americane) sono il vero problema per la privacy di tutti. Infatti un Facebook o un Google "made in italy" non potrebbe mai esistere.
        • Sgabbio scrive:
          Re: microchip sottopelle
          - Scritto da: cognome
          E' assolutamente corretto. Le multinazionali
          (americane) sono il vero problema per la privacy
          di tutti. Infatti un Facebook o un Google "made
          in italy" non potrebbe mai
          esistere.Mica tanto corretto, però e del fatto che un facebook o un gooole italiano non ci sarebbe mai e in parte esatto.In italia avevamo molte realtà del web, che sono state tutte fagogitate da qualche azzienducola spara schifezze nel web (dada o telecom) ed ha ucciso il tutto.Splinder e l'ultimo in ordine di tempo.
          • cognome scrive:
            Re: microchip sottopelle
            Allora preciso, un Google o un Facebook italiano non sarebbe mai potuto esistere perché:- in Italia le leggi sulla privacy esistono, invece negli USA tutto è conXXXXX (pubblicità online, tracciamento senza limiti, forse rivendere i dati personali o riutilizzarli per altri scopi, farli vedere all'FBI per amicizia è sicuramente conXXXXX e benvenuto...). E aziende del genere, si basano tutte sulla raccolta di dati personali. In Italia avrebbero una vita difficile.- in Italia per avere fondi è possibile rivolgersi solo alle banche. Negli USA puoi andare dal tuo vicino di casa e se a lui interessa quello che fai, ti puo' dare una valanga di soldi con una specie di azionariato-per-piccoli. E in Italia le banche lavorano più per spremere le aziende che aiutarle davvero.- in Italia le aziende sono supermegaextra tassate e tartassate dallo Stato.- in Italia le grandi aziende nazionali e innovative (tipo Olivetti elettronica) vengono sempre smembrate per, alla fine, fare qualche regalo a qualcuno (e a chi? boh, saranno regali per i competitori e per altri che ci guadagnano dalla distruzione di un'azienda).- in Italia molti imprenditori si scocciano della situazione e vendono le loro aziende per liberarsene!! Spesso a chi è poi incapace di mantenerle.
          • andro scrive:
            Re: microchip sottopelle
            - Scritto da: cognome
            - in Italia per avere fondi è possibile
            rivolgersi solo alle banche. Negli USA puoi
            andare dal tuo vicino di casa e se a lui
            interessa quello che fai, ti puo' dare una
            valanga di soldi con una specie di
            azionariato-per-piccoli.Questo anche in itaGlia, se hai gli amici degli amici giusti :D
            - in Italia le aziende sono supermegaextra
            tassate e tartassate dallo
            Stato.Tipo d&g con sede in lussemburgo? :D
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: microchip sottopelle
            - Scritto da: andro
            - Scritto da: cognome

            - in Italia per avere fondi è possibile

            rivolgersi solo alle banche. Negli USA puoi

            andare dal tuo vicino di casa e se a lui

            interessa quello che fai, ti puo' dare una

            valanga di soldi con una specie di

            azionariato-per-piccoli.

            Questo anche in itaGlia, se hai gli amici degli
            amici giusti
            :D


            - in Italia le aziende sono supermegaextra

            tassate e tartassate dallo

            Stato.

            Tipo d&g con sede in lussemburgo? :DMa infatti anche le aziende della silicon valley mettono la sede fiscale in stati diversi dalla California. E' un po' come da noi con Lussemburgo e Irlanda.Quelli che chiama pieni di soldi sono gli Angel Investors. E da noi mancano i Venture Capitalist(che sono un settore regolamentato, non è un tizio che una mattina si sveglia e dice sono un capitalista di ventura!), ce ne sono solo un paio ma investono soprattutto nel settore della medicina e comunque sono troppo pochi. Da noi alla fine ci sono solo le banche che danno i soldi ai palazzinari per fare uffici e grattacieli che rimangono vuoti. Una tradizione che deriva da Cuccia che ha fatto rimanere questo paese al cinema muto. Per Cuccia negli anni '80 era impensabile investire nelle televisioni perché se poi fallivano cosa gli prendevi? "L'antenna?", mentre un opificio era un opificio. Oppure quando si cercavano fondi per Omnitel disse che la STET li avrebbe fatti a pezzi.
  • MegaJock scrive:
    Affermazione errata
    "Ognuno di noi sarebbe disposto a sospendere lo stato di diritto in nome di una giusta condanna dei pedofili che insidino i nostri figli."Parla per te: non c'è bisogno di sospendere lo stato di diritto. Le leggi esistono, è una questione di farle applicare. Non c'è bisogno di "sospendere lo stato di diritto" perchè sia fatta giustizia, basta ridurre inefficienze e tempi morti.Servono poche leggi applicate con severità. Meno leggi ci sono, meglio è. Idealmente, il libro delle leggi dovrebbe essere grande quanto un Topolino dei vecchi tempi.Meno tutela, più responsabilità. Chi non è d'accordo è libero di spararsi. ;)
    • me medesimo scrive:
      Re: Affermazione errata
      mi sa che siamo in pochi a pensarla così.
      • MegaJock scrive:
        Re: Affermazione errata
        - Scritto da: me medesimo
        mi sa che siamo in pochi a pensarla così.No. È che gli XXXXXXXXX urlano sempre.
    • panda rossa scrive:
      Re: Affermazione errata
      - Scritto da: MegaJock
      "Ognuno di noi sarebbe disposto a sospendere lo
      stato di diritto in nome di una giusta condanna
      dei pedofili che insidino i nostri
      figli."

      Parla per te: non c'è bisogno di sospendere lo
      stato di diritto. Non ci deve MAI essere bisogno di sospendere lo stato di diritto.Nel momento in cui lo sospendi, significa che non funziona.
      Le leggi esistono, è una questione di farle applicare.Esatto.
      Non c'è bisogno di
      "sospendere lo stato di diritto" perchè sia fatta
      giustizia, basta ridurre inefficienze e tempi
      morti.Sacrosanto.
      Servono poche leggi applicate con severità. Meno
      leggi ci sono, meglio è. Idealmente, il libro
      delle leggi dovrebbe essere grande quanto un
      Topolino dei vecchi
      tempi.Il topolino dei vecchi tempi era molto piu' ricco di quelli di oggi che hanno meno storie e piu' pubblicita'.
      Meno tutela, più responsabilità. Chi non è
      d'accordo è libero di spararsi.
      ;)O di andarsene.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: Affermazione errata
        - Scritto da: panda rossa

        Le leggi esistono, è una questione di farle
        applicare.
        Esatto.Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato di diritto e di conseguenza tu sia a favore dell'applicazione della legge contro chi distribuisce file coperti da diritto d'autore senza averne diritto. E che in proposito vuoi l'applicazione ferrea della legge :D
        • andro scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: panda rossa


          Le leggi esistono, è una questione di
          farle

          applicare.

          Esatto.

          Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato
          di diritto e di conseguenza tu sia a favore
          dell'applicazione della legge contro chi
          distribuisce file coperti da diritto d'autore
          senza averne diritto. E che in proposito vuoi
          l'applicazione ferrea della legge
          :DLui è un fermo sostenitore del "le leggi, per gli amici si interpretano, per tutti gli altri si applicano" :D
        • MegaJock scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: Dottor Stranamore.

          Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato
          di diritto e di conseguenza tu sia a favore
          dell'applicazione della legge contro chi
          distribuisce file coperti da diritto d'autore
          senza averne diritto. E che in proposito vuoi
          l'applicazione ferrea della legge
          :DStato di diritto == stato in cui vigono leggi scritte da rappresentati dal Popolo, approvate dal Popolo e a favore del medesimo.Stato di diritto != stato in cui vigono leggi scritte dai lobbisti e approvate da gente bustarellata dai lobbisti e a favore dei medesimi.Difficile da capire per i cerebrolesi e i dipendenti SIAE. Ma sto ripetendomi...
        • Sgabbio scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato
          di diritto e di conseguenza tu sia a favore
          dell'applicazione della legge contro chi
          distribuisce file coperti da diritto d'autore
          senza averne diritto. E che in proposito vuoi
          l'applicazione ferrea della legge
          :DTe la canti e te la suoni da sola.Essere contrari ad una criminalizzazione, non vuol dire essere contrari allo stato di diritto.E come dire che se tu sei contro una legge discriminatoria contro gli omosessuali, sei di consequenza il sostenitore di un nuovo ordine totalitario.
        • ruppolo scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: panda rossa


          Le leggi esistono, è una questione di
          farle

          applicare.

          Esatto.

          Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato
          di diritto e di conseguenza tu sia a favore
          dell'applicazione della legge contro chi
          distribuisce file coperti da diritto d'autore
          senza averne diritto. E che in proposito vuoi
          l'applicazione ferrea della legge
          :DMa lui parlava ovviamente DEGLI ALTRI.
        • Funz scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: Dottor Stranamore
          - Scritto da: panda rossa


          Le leggi esistono, è una questione di
          farle

          applicare.

          Esatto.

          Mi fa piacere apprendere che tu sia per lo stato
          di diritto e di conseguenza tu sia a favore
          dell'applicazione della legge contro chi
          distribuisce file coperti da diritto d'autore
          senza averne diritto. E che in proposito vuoi
          l'applicazione ferrea della legge
          :Dquella legge siamo tutti d'accordo che è sbagliata, obsoleta e inapplicabile, e che andrebbe immediatamente abrogata...
    • shevathas scrive:
      Re: Affermazione errata
      - Scritto da: MegaJock
      "Ognuno di noi sarebbe disposto a sospendere lo
      stato di diritto in nome di una giusta condanna
      dei pedofili che insidino i nostri
      figli."

      Parla per te: non c'è bisogno di sospendere lo
      stato di diritto. Le leggi esistono, è una
      questione di farle applicare. Non c'è bisogno di
      "sospendere lo stato di diritto" perchè sia fatta
      giustizia, basta ridurre inefficienze e tempi
      morti.
      pienamente d'accordo. Sarebbe stato giusto sospendere lo stato di diritto e appendere, non appena formalizzate le accuse, le maestre di Rignano Flaminio ? Lo stato di diritto non serve a tutelare i delinquenti, serve a tutelare TUTTI ed evitare applicazioni "ad XXXXXXXm" del diritto. Che anche i delinquenti ne possano approffittare è purtroppo un effetto collaterale non eliminabile. Il sospendere lo stato di diritto è geniale tanto quanto il voler chiudere tutti gli ospedali per eliminare i casi di malasanità.
    • prova123 scrive:
      Re: Affermazione errata
      - Scritto da: MegaJock
      Servono poche leggi applicate con severità. Meno
      leggi ci sono, meglio è. Idealmente, il libro
      delle leggi dovrebbe essere grande quanto un
      Topolino dei vecchi
      tempi.
      Non solo, devono essere formulate in maniera molto chiara e diretta, invece i politici volutamente le definiscono in maniera fumosa. Aggiungerei che in qualche caso, soprattutto per quanto riguarda la salute/sicurezza pubblica sarebbe il caso di rendere valido il principio che tutto ciò che non è contemplato dalla legge è proibito senza deroghe. Ma per i politici significherebbe metterli al riparo dai malvagi corruttori ... sarebbe bello anche equiparare corruzione e concussioni, si risolverebbero molti prroblemi.
      • Maancheno scrive:
        Re: Affermazione errata
        - Scritto da: prova123
        - Scritto da: MegaJock


        Servono poche leggi applicate con severità.
        Meno

        leggi ci sono, meglio è. Idealmente, il libro

        delle leggi dovrebbe essere grande quanto un

        Topolino dei vecchi

        tempi.



        Non solo, devono essere formulate in maniera
        molto chiara e diretta, invece i politici
        volutamente le definiscono in maniera fumosa.La lingua stessa è prona ad ambiguità e interpretazioni. L'unica sarebbe formulare le leggi in qualche linguaggio di programmazione e poi debuggarle :D
        Aggiungerei che in qualche caso, soprattutto per
        quanto riguarda la salute/sicurezza pubblica
        sarebbe il caso di rendere valido il principio
        che tutto ciò che non è contemplato dalla legge è
        proibito senza deroghe. Ci sono tante di quelle cose nella zona "grigia", che comporterebbe tanti di quegli abusi che non ti immagini. Anche solo restando nell'informatica, i cinesi ne fanno un problema di sicurezza pubblica e vedi com'è andare in rete lì.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Affermazione errata
      - Scritto da: MegaJock
      "Ognuno di noi sarebbe disposto a sospendere lo
      stato di diritto in nome di una giusta condanna
      dei pedofili che insidino i nostri
      figli."

      Parla per te: non c'è bisogno di sospendere lo
      stato di diritto. Le leggi esistono, è una
      questione di farle applicare. Non c'è bisogno di
      "sospendere lo stato di diritto" perchè sia fatta
      giustizia, basta ridurre inefficienze e tempi
      morti.

      Servono poche leggi applicate con severità. Meno
      leggi ci sono, meglio è. Idealmente, il libro
      delle leggi dovrebbe essere grande quanto un
      Topolino dei vecchi
      tempi.

      Meno tutela, più responsabilità. Chi non è
      d'accordo è libero di spararsi.
      ;)Allora il discorso "i diritti dei bambini prima di tutto" l'ho sempre trovato fallace, perchè pecca di mancanza di lungimiranza: Un giorno i "bambini" che vogliamo proteggere fino all'ossessione, diventeranno adulti e che mondo troveranno ? Una spece di mega dittatura globale, fatta solo per difendere i bambini ? Cioè se guardate è una idiozia unica.Comunque sono d'accordo che la giustizia, almeno in italia andrebbe rivista per renderla efficente, garanzie, tutele ci stanno, ma tutto deve andare in tempi umani ragionevoli. Non è che anche per una causa civile devo aspettare ANNI per il primo grado...
      • MegaJock scrive:
        Re: Affermazione errata
        - Scritto da: Sgabbio
        Allora il discorso "i diritti dei bambini prima
        di tutto" l'ho sempre trovato fallace, perchè
        pecca di mancanza di lungimiranzaNon solo, è completamente sbagliato. I "diritti dei bambini" non esistono, esistono i "diritti delle persone". Non è che uno per una questione di età si ritrova magicamente trasformato in qualcosa di completamente diverso. Un po' come i "diritti dei gay" e i "diritti degli handicappati". Ci sono diritti umani e stop, a meno che non si voglia considerarla categoria "diversamente umane"."Diritti dei bambini", come "terrorismo" e "posti di lavoro" sono segni di stop semantico, da invocare quando si vuole chiudere il discorso. Sono le parole che spengono la ragione e accendono gli animi. Sono l'argomento di chi non ne ha.Quando qualcuno li invoca, ridetegli in faccia.
        • Maancheno scrive:
          Re: Affermazione errata
          - Scritto da: MegaJock
          Non solo, è completamente sbagliato. I "diritti
          dei bambini" non esistono, esistono i "diritti
          delle persone". Non è che uno per una questione
          di età si ritrova magicamente trasformato in
          qualcosa di completamente diverso. Un po' come i
          "diritti dei gay" e i "diritti degli
          handicappati". Ci sono diritti umani e stop, a
          meno che non si voglia considerarla categoria
          "diversamente
          umane".In generale è vero, ma il problema è quando i gay (per prendere uno dei tuoi esempi) nella pratica NON hanno i diritti che hanno tutti gli altri (esempio: riconoscimenti legali per il partner) e devono combattere per il loro diritti, che dovrebbero essere quelli di tutti. Quindi quando si parla di "diritti di..." non vuol dire per forza diritti speciali o categoria diversamente umana. Come non lo è quando si parla del diritto di voto o di studio delle donne dove non c'è.
          "Diritti dei bambini", come "terrorismo" e "posti
          di lavoro" sono segni di stop semantico, da
          invocare quando si vuole chiudere il discorso.
          Sono le parole che spengono la ragione e
          accendono gli animi. Sono l'argomento di chi non
          ne
          ha.

          Quando qualcuno li invoca, ridetegli in faccia.Oppure cerchiamo di capire prima cosa intendono e cosa stanno dicendo.
          • MegaJock scrive:
            Re: Affermazione errata
            - Scritto da: Maancheno
            In generale è vero, ma il problema è quando i gay
            (per prendere uno dei tuoi esempi) nella pratica
            NON hanno i diritti che hanno tutti gli altri... Allora il problema non è CREARE dei diritti per una categoria a parte (già discriminatorio) ma riconoscere che le persone sono persone indipendentemente dall'orientamento sessuale, colore, etnia, credo o capacità fisica.

            Oppure cerchiamo di capire prima cosa intendono e
            cosa stanno
            dicendo.Se uno dice che il Sole gira attorno alla Terra, non cerchi di capire cosa intende: gli ridi in faccia. Se ancora insiste, gli tiri una ginocchiata nello stomaco e gli sbatti la testa contro uno spigolo o un muro fino ad avvenuta frantumazione craniale.Poi fai rotolare via i resti con una pedata e chiedi: "OK, qualcun altro?"
          • Leguleio scrive:
            Re: Affermazione errata
            - Scritto da: MegaJock
            - Scritto da: Maancheno


            In generale è vero, ma il problema è quando i
            gay

            (per prendere uno dei tuoi esempi) nella pratica

            NON hanno i diritti che hanno tutti gli altri

            ... Allora il problema non è CREARE dei diritti
            per una categoria a parte (già discriminatorio)
            ma riconoscere che le persone sono persone
            indipendentemente dall'orientamento sessuale,
            colore, etnia, credo o capacità
            fisica.Hai un lessico da scaricatore di porto. E non solo il lessico.I diritti non si creano. I diritti si riconoscono, quando la maggioranza dei legislatori ritiene che sia opportuno farlo. Nel caso preso in esempio, poi, i diritti <B
            si estendono </B
            anche a coloro che precedentemente non li avevano. Quando, l'8 marzo del 1975, l'Italia abbassò la maggiore età da 21 a 18 anni, non "creò da zero" un diritto di voto per le persone dai 18 e i 20 anni. Estese un diritto preesistente anche a questa categoria.
  • cideine scrive:
    cideine
    Grazie per la condivisione![img]http://www.digoko.info./kv.gif[/img]
Chiudi i commenti