Riparte l'ADSL senza linea voce

Le attivazioni tornano a fluire spedite, dopo settimane di intoppi. Telecom: c'era un bug nei sistemi, l'abbiamo risolto. I provider ne parlano in esclusiva a Punto Informatico


Roma – Dopo il calvario , la resurrezione. Attivare l’ADSL nelle case e negli uffici dove non c’è una linea voce di Telecom Italia è di nuovo possibile senza grossi intoppi . Pare infatti che Telecom Italia abbia risolto, nei giorni scorsi, un errore tecnico nei propri sistemi, che bloccava le attivazioni.

“Un responsabile Telecom ci ha chiamati, si è scusato, ci ha detto che la colpa era di un bug che è adesso stato risolto” – dice a Punto Informatico Luca Spada, amministratore delegato di NGI . Telecom conferma a PI. “E infatti negli ultimi giorni non ci sono stati più problemi di attivazione delle ADSL senza linea voce. Avevamo 800 richieste ferme e ora si sono sbloccate”, dice Spada.

Come noto , per alcune settimane è stato molto difficile attivare ADSL senza linea voce: Telecom il più delle volte respingeva la richiesta comunicando al provider l’errore di “rete satura”. Telecom diceva insomma di non avere più doppini, nella zona dell’utente, per portargli l’ADSL su cavo aggiuntivo (operazione necessaria in mancanza di linea telefonica voce).

“Allora abbiamo deciso di fare una prova. Abbiamo chiesto a quattro utenti, che avevano questo problema, di ordinare una linea voce di Telecom Italia. A nostre spese. Bene, Telecom gliel’ha portata, dimostrando così che le risorse di rete c’erano; non era vero che mancavano i doppini”. Non solo, per colmo “in tre dei quattro casi ha anche attivato di default Alice Free sulla linea, senza ovviamente la richiesta del nostro utente”.

“Allora ci siamo arrabbiati – dice Spada – e abbiamo mandato a Telecom una diffida . Pochi giorni dopo ci ha risposto, dicendo di avere scoperto la causa di quegli errori: un bug nel sistema di fornitura dell’ADSL mandava in un limbo le richieste di ADSL senza linea voce. Non venivano insomma gestite. Ma d’ora in avanti non ci saranno più problemi, le attivazioni saranno tutte portate avanti”.

NGI canta vittoria: ha subito mandato un’e-mail ai propri utenti, spiegando che la causa dei disservizi era stata risolta. Esordisce con un “Gentile Cliente, GRAZIE!!!! Ti ringraziamo per il sostegno che hai dato a NGI nella battaglia”. E poi: “Questo significa che tutti gli ordini di attivazione di ADSL su cavo dati senza fonia verranno evasi. In particolare, gli ordini che attualmente sono in lavorazione presso Telecom Italia saranno processati con un occhio di riguardo e in tempi brevi”.

“In effetti negli ultimi tre giorni abbiamo visto che le attivazioni delle ADSL senza linea voce stanno andando meglio , procedono più spedite e con meno intoppi”, nota anche Gaetano Piazza, responsabile commerciale di SiAdsl .



La novità, positiva, non cambia la sostanza della questione, che resta irrisolta: a Telecom Italia non sta bene fornire le ADSL senza linea voce. Almeno non ai prezzi attuali , che sono gli stessi applicati agli operatori per le ADSL attivate dove la linea di Telecom è presente. È un tipo di offerta che è prevista nei contratti firmati con i provider e quindi al momento Telecom non può non fornirla. Però, finché non sarà trovato un accordo che vada bene a tutte le parti i problemi continueranno a presentarsi, in diverse forme. Perché è soltanto obtorto collo che Telecom attiva adesso le ADSL senza linea voce. La questione è insomma soltanto rimandata.

“Proprio in questi giorni discuterò con Telecom le condizioni del nuovo contratto all’ingrosso, perché il vecchio è scaduto – dice infatti Spada – E temo che Telecom cercherà di alzare i prezzi delle ADSL senza linea voce , a noi come agli altri provider che offrono questo servizio”.

Il punto è che anche Telecom ha le sue ragioni. Portare il doppino aggiuntivo dove va attivata l’ADSL ha un certo costo a monte : per inviare i tecnici che lo installeranno, per la manutenzione. È una spesa che Telecom dice di non riuscire a recuperare se la affronta per un utente che non paga il canone.

Un problema che è diventato attuale soprattutto da quando, quest’anno, c’è stato il boom del VoIP . I provider possono adesso offrire voce (su VoIP) e dati (ADSL) all’utente che non paga il canone di Telecom. Ne esce insomma una specie di full unbundling di fatto.

I provider, con l’espediente di portare l’ADSL su doppino aggiuntivo e grazie al VoIP, riescono a dare all’utente servizi che sarebbero invece tipici del full unbundling: dati e voce senza Telecom. Il tutto senza bisogno di investire in infrastruttura e senza noleggiare il doppino degli utenti (come richiederebbe l’unbundling), ma limitandosi a rivendere il servizio che Telecom offre all’ingrosso. È questo il punto che a Telecom non va bene e che, tra gli effetti collaterali, potrebbe forse anche rallentare lo sviluppo dell’unbundling in Italia (quello vero).

D’altra parte i provider sostengono che non si possono permettere di fare unbundling in tutta Italia (e per i piccoli è impossibile coprire anche soltanto Roma o Milano). E che i costi dell’ADSL all’ingrosso sono così alti che già bastano a ripagare Telecom della spesa necessaria a portare il doppino aggiuntivo.

L’arrivo del Bitstream , la promessa nuova offerta all’ingrosso che potrebbe dimezzare i prezzi dell’ADSL , forse avrà il potere di ammorbidire le posizioni dei provider. In ogni caso, quello che farebbe comodo agli utenti è soprattutto che i duellanti smettessero di accapigliarsi e arrivassero a un compromesso. Se lo raggiungeranno sarà però con la mediazione del Garante delle Telecomunicazioni . Telecom ha infatti bisogno dell’approvazione del Garante prima di sottoporre ai provider i nuovi contratti dove ci siano ritocchi di prezzo per le ADSL senza linea voce.

Nei prossimi giorni e settimane si attendono nuovi sviluppi della contesa. Nel frattempo, buona ADSL senza linea voce a tutti.

Alessandro Longo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma nn è illegale ancora ??
    ma il wi-fi in aree pubbliche libere nn è illegale in italia ?? spiegatemi un pò voi...
    • Anonimo scrive:
      Re: ma nn è illegale ancora ??
      - Scritto da: Anonimo
      ma il wi-fi in aree pubbliche libere nn è
      illegale in italia ?? spiegatemi un pò voi...Dipende, se i permessi delle autorità competenti...
  • Anonimo scrive:
    GIRARE CON IL PORTATILE?
    MA A CHE E A CHI SERVE?Ma che si pensi ad abbassare i prezzi se si vuol diffondere .E a portare la banda in tutta Italia!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: GIRARE CON IL PORTATILE?

      MA A CHE E A CHI SERVE?
      Ma che si pensi ad abbassare i prezzi se si vuol
      diffondere .
      E a portare la banda in tutta Italia!!!!!!!!!!!!e il comune di roma che puo' fare per questo?comprare un lotto di connessioni fastweb da regalare?
    • Anonimo scrive:
      Re: GIRARE CON IL PORTATILE?
      - Scritto da: Anonimo
      MA A CHE E A CHI SERVE?
      Ma che si pensi ad abbassare i prezzi se si vuol
      diffondere .
      E a portare la banda in tutta Italia!!!!!!!!!!!!per telefonare gratis ovunque, per esempiosveglia, che il medioevo è finito
      • Anonimo scrive:
        Re: GIRARE CON IL PORTATILE?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        MA A CHE E A CHI SERVE?

        Ma che si pensi ad abbassare i prezzi se si vuol

        diffondere .

        E a portare la banda in tutta Italia!!!!!!!!!!!!

        per telefonare gratis ovunque, per esempio
        sveglia, che il medioevo è finitoIo ci credo poco alle telefonate gratis ovunque.Vi ricordate quando da internet si potevano mandare sms gratis?Ecco Skype da noi farà quella fine lì...
        • Anonimo scrive:
          Re: GIRARE CON IL PORTATILE?

          Io ci credo poco alle telefonate gratis ovunque.
          Vi ricordate quando da internet si potevano
          mandare sms gratis?
          Ecco Skype da noi farà quella fine lì...non credo proprio. se non sarà skype sarà un sofware analogo, l'unica cosa che conta è che tu sia connesso ad internet.
  • Anonimo scrive:
    Per tecnici: Ma come lavora l'AP?
    Scusate, dovrei porre una domanda che sembra banale ma quando vi troverete a rare una risposta vi renderete conto che non lo è affatto, anzi:Nell'articolo si legge che sono stati installati un certo numero di AP, e fin qui tutto ok.Sicuramente saranno collegati ad un server centrale che gestirà le autenticazioni ad internet, e qui ancora ok.Ma c'è un problema da superare, e non ti poco conto: se gli Access Point fossero dei comunissimi AP si comporterebbero da AP, mi spiego: un ap, oltre a fare da hot-spot fa principalmente da router, quindi tutte le risorse condivise degli utenti collegati sarebbero in condivisione, vale a dire che se un utente volesse condividere un file server, volesse crearsi la sua piccola tv o radio di quartiere, o avesse una connessione adsl, la potrebbe condividere senza problema. Così come stampanti e via dicendo. Questo appunto perchè gli AP fanno da router via radio, è la loro funzione naturale.La domanda è: come vengono impostati quindi questi AP per comportarsi da HOT-SPOT evitando di comportarsi da AP? Ovvero, esiste una funzione per snaturarli?Oppure, se non hanno installato dei veri e propri AP quale altro dispositivo è stato installato?Grazie a tutti, come vedete la domanda sembra banale ma non è delle più semplici.
    • DomFel scrive:
      Re: Per tecnici: Ma come lavora l'AP?
      La domanda e' formulata piuttosto male, comunque eccoti la risposta. Innanzitutto un AP non deve necessariamente comportarsi ANCHE da router, ma puo' essere usato anche solo come gateway.Per disabilitare la condivisione delle risorse basta semplicemente attivare la AP Isolation nei settaggi degli AP, cioe' disabilitare le capacita' di contattare altri computer in rete dalla rete stessa. Ad ogni modo anche il server stesso dovrebbe essere configurato per evitare qualsiasi condivisione.In piu' dovresti configurare la tua rete con dominio, subnet mask e nome rete per condividere la tua roba, e non penso lo faresti comunque.
  • vb scrive:
    Molti dubbi
    A Philadelphia suscitò una grande discussione, sia sui giornali locali che sulle varie liste internazionali che si occupano di questi temi, il commento di un cittadino che si chiese a cosa servisse il Wi-Fi gratis nei parchi per gli yuppie, quando poi la città non aveva i soldi per mantenere le strade e i servizi sociali.Effettivamente, questo tipo di servizi è molto "trendy", ma quanti cittadini possono permettersi di andare al parco in pieno giorno con un portatile per passare un'oretta connessi a Internet? Si tratta di una iniziativa che impatta su una fascia di popolazione ridotta, che ha un alto reddito, un'alta scolarizzazione e una occupazione di alto livello; se si volesse impattare sulle fasce sociali più basse, sarebbe meglio spendere quei soldi in PC connessi a Internet nelle scuole e nelle biblioteche, ad esempio.In più, sia che sia gratuito, sia che sia a pagamento, un servizio del genere "ammazza" la competizione e la possibilità di sviluppare aziende private che offrano connettività wireless; e l'esperienza dimostra che i servizi offerti dal nostro apparato statale in regime di monopolio non sono mai nè efficienti nè all'avanguardia.Insomma: ma siamo sicuri che tra i compiti istituzionali di un Comune ci sia quello di fornire connettività wireless ai cittadini?
    • Anonimo scrive:
      Re: Molti dubbi


      In più, sia che sia gratuito, sia che sia a
      pagamento, un servizio del genere "ammazza" la
      competizione e la possibilità di sviluppare
      aziende private che offrano connettività
      wireless; e l'esperienza dimostra che i servizi
      offerti dal nostro apparato statale in regime di
      monopolio non sono mai nè efficienti nè
      all'avanguardia.

      Insomma: ma siamo sicuri che tra i compiti
      istituzionali di un Comune ci sia quello di
      fornire connettività wireless ai cittadini?Tra una decina d'anni, quando tutte le città saranno coperte da un servizio simile, ti chiederai come sia possibile che una città possa essere ancora scoperta.La radio la puoi sentire ovunque, la TV idem, il segnale TV e GPS dal satellite arriva ovunque, perchè internet non dovrebbe ?Si ok, i grossi problemi sono altri ... ma questo è solo un modo per non affrontarne nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Molti dubbi

        Tra una decina d'anni, quando tutte le città
        saranno coperte da un servizio simile, ti
        chiederai come sia possibile che una città possa
        essere ancora scoperta.che ne sai te di come sarà tra una decina di anni in Italia.... da come sta nadando l' andamento socio-economico mi sembra che si metta male per i prossimi anni (IMHO cmq)
        La radio la puoi sentire ovunque, la TV idem, il
        segnale TV e GPS dal satellite arriva ovunque,
        perchè internet non dovrebbe ?si certo, infatti quando vai al parco vedi gente che guarda la TV.... il discorso è che c' è ancora mezza Italia che sta senza banda larga, siamo il paese più analfabetizzato informaticamente parlando.Forse come hai detto prima, tra 10 anni avremmo tutti il portatile (anche mio nonno?), ma nella situazione attuale mi sembra una mossa molto inadeguata per una città italiana.... a Tokio posso capirlo (ma li siamo lontani anni luce dall' Italia).che pensino a coprire tutto il territorio prima di pensare ai parchi di Roma.
        • Anonimo scrive:
          Re: Molti dubbi

          che pensino a coprire tutto il territorio prima
          di pensare ai parchi di Roma.

          il territorio lo devono coprire i privati, non il comuneprenditela con telecom,con fastweb con tiscali o chi cazzo ti parema il comune non c'entra
          • Anonimo scrive:
            Re: Molti dubbi
            devi sperare che arrivi perchè a quel punto il cellulare lo butti e non paghi niente per le telefonate...vedi skype per palmari ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Molti dubbi
          - Scritto da: Anonimo


          Tra una decina d'anni, quando tutte le città

          saranno coperte da un servizio simile, ti

          chiederai come sia possibile che una città possa

          essere ancora scoperta.

          che ne sai te di come sarà tra una decina di anni
          in Italia.... da come sta nadando l' andamento
          socio-economico mi sembra che si metta male per i
          prossimi anni (IMHO cmq)



          La radio la puoi sentire ovunque, la TV idem, il

          segnale TV e GPS dal satellite arriva ovunque,

          perchè internet non dovrebbe ?

          si certo, infatti quando vai al parco vedi gente
          che guarda la TV.... il discorso è che c' è
          ancora mezza Italia che sta senza banda larga,
          siamo il paese più analfabetizzato
          informaticamente parlando.
          Forse come hai detto prima, tra 10 anni avremmo
          tutti il portatile (anche mio nonno?), ma nella
          situazione attuale mi sembra una mossa molto
          inadeguata per una città italiana.... a Tokio
          posso capirlo (ma li siamo lontani anni luce
          dall' Italia).

          che pensino a coprire tutto il territorio prima
          di pensare ai parchi di Roma.

          hai una visione limitata di internethttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=1028252&tid=1027572&p=1&r=PI#1028252
    • Anonimo scrive:
      Re: Molti dubbi
      Veltroni non è Rutelli ma anche a Lui piace fare il bello, cosa resa possibile solo con i soldi dei suoi concittadini.Intanto a Roma i meccanici fanno soldi per cambiare gli ammortizzatori dei veicoli, che si suicidano ogni giorno in strade disastrate...Internet nei parchi di Roma come a Filadelphia? vedrete quante teste spaccate dai soliti rumeni o albanesi per rubare i notebook a ragazzi indifesi...Cassandra
      • Anonimo scrive:
        Re: Molti dubbi

        Veltroni non è Rutelli ma anche a Lui piace fare
        il bello, cosa resa possibile solo con i soldi
        dei suoi concittadini.
        e con quali dovrebbe farlo?con i suoi?ma basta co ste pugnette da repubblicano americanopago le tasse quindi pretendosemmai i problemi sono altriad esempio le zone blu senza adeguata copertura per chi e' costretto ad andarcio senza ottenere nessuno sconto o vantaggio a lasciare l'auto a casa
        Intanto a Roma i meccanici fanno soldi per
        cambiare gli ammortizzatori dei veicoli, che si
        suicidano ogni giorno in strade disastrate...
        che spesso sono disastrate perche nessun romano rinuncia alla propria automobile, nenache per fare i famosi 4 passiper cui strade sottoposte a traffico intenso tutto il giornoe impossibilita di chiuderle per fare i lavori causa disservizio eccessivo e traffico in aumento vertiginoso sui percorsi alternativi
        Internet nei parchi di Roma come a Filadelphia?
        vedrete quante teste spaccate dai soliti rumeni o
        albanesi per rubare i notebook a ragazzi
        indifesi...
        ho dei dubbi che siano solo rumeniho dei dubbi che i ragazzi siano indifesiio in villa (pamphili) ci vado da + di 20 annil'unico pericolo sono i bucatini la notte che scavalcanotutti italianissimiil giorno passa la vigilanzaed e' pieno di bambini che giocano in pacefortuna che ce le abbiamo le ville!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Molti dubbi

          ho dei dubbi che siano solo rumeni
          ho dei dubbi che i ragazzi siano indifesi
          io in villa (pamphili) ci vado da + di 20 anni
          l'unico pericolo sono i bucatini la notte che
          scavalcano
          tutti italianissimi
          il giorno passa la vigilanza
          ed e' pieno di bambini che giocano in pace
          fortuna che ce le abbiamo le ville!!!Riporto un fatto, senza nessuna vis polemica o intento politico.
          . Questo, lo diceva il mio vicino di casa, ferroviere comunista.Ma da quando uno zingaro gli ha spezzato la gamba investendolo con la sua mercedes sgangherata, ha cominciato a votare Rauti...:D:D
          • Anonimo scrive:
            Re: Molti dubbi

            Ma da quando uno zingaro gli ha spezzato la gamba
            investendolo con la sua mercedes sgangherata, ha
            cominciato a votare Rauti...
            :D:Dla gente va dietro al ventocome quelli che votano rauti, fanno campagne contro la droga e poi si fanno le cannene sono pieni i centri della destra giovanilenessuno oggi e' piu' in grado di difendere un'idea quando questa idea gli porta degli svantaggi personali
    • Anonimo scrive:
      Re: Molti dubbi

      In più, sia che sia gratuito, sia che sia a
      pagamento, un servizio del genere "ammazza" la
      competizione e la possibilità di sviluppare
      aziende private che offrano connettività
      wireless; e l'esperienza dimostra che i servizi
      offerti dal nostro apparato statale in regime di
      monopolio non sono mai nè efficienti nè
      all'avanguardia.No no, non e' cosi', leggi l'articolo fino in fondo.Il servizio verra' appaltato ai 'privati' .... ma ROTFL ! ..... nella italietta feudale i privati cui la 'legge' consente di fare questo sono ...... massimo CINQUE !Bisogna leggere tra le righe, questi articoli, tradotti da stampa estera, dove hanno piu' liberta' e meno monopolio: per esempio questo articolo si legge cosi':
      Nel primo caso l'amministrazione comunale contratta gli sforzi economici di un operatore che gestisce la infrastruttura,significa:Nel primo caso l'amministrazione comunale contratta gli sforzi economici di Telecom Italia.Operatori ....... bawwwwww ......... facciamo ridere il mondo intero con queste cose .... ma quali operatori ???WiFi nei parchi in un paese dove vige ancora il monopolio delle TLC ..... ma che vadano a zappare la terra .... buffoni .....Comunque, bell'intervento.S.
  • Anonimo scrive:
    a me sembra una figata
    A me sembra una cosa bella, finalmente roma come Central Park? E' ovvio poi che ci sono anche mille altri problemi in una città....ma questa novità mi piace sandy
  • Anonimo scrive:
    e' ora
    :) questo e' il momento per far partire winmax invece di coprire una villa con 15 hotsop puoi usare la tecnologia winmax e usare gia' i ponti della telefonia mobile gia' installati,non dovrai piazzare 7000 antenne in una citta' come roma quando con 2 fai tutto?aggiungendo solo delle piccole antenne ,copriremo raggi d'azione di 50km.Perche' spendere soldi per una tecnologia meno potente e meno retribuitiva (sapendo che con winmax potrai anche fornire adsl residenziale)che poi saprai che dovrai abbandonare per la tecnologia piu' nuova?
    • DomFel scrive:
      Re: e' ora
      Perche' magari saresti l'unico ad avere una scheda di rete wireless 802.11n o WiMax.
    • Anonimo scrive:
      Re: e' ora
      - Scritto da: Anonimo
      :) questo e' il momento per far partire winmax
      invece di coprire una villa con 15 hotsop puoi
      usare la tecnologia winmax e usare gia' i ponti
      della telefonia mobile gia' installati,non dovrai
      piazzare 7000 antenne in una citta' come roma
      quando con 2 fai tutto?aggiungendo solo delle
      piccole antenne ,copriremo raggi d'azione di
      50km.
      Perche' spendere soldi per una tecnologia meno
      potente e meno retribuitiva (sapendo che con
      winmax potrai anche fornire adsl residenziale)che
      poi saprai che dovrai abbandonare per la
      tecnologia piu' nuova?premesso xhe è WIMAX, non winmax, il corso degli investimenti economici a volte segue una logica non molto logica
  • Anonimo scrive:
    I turisti ringraziano ..
    i veri beneficiari saranno loro ...e i romani che abitano nelle zone limitrofe ai parchi ...E SONO TANTIio tra loro :D
  • Anonimo scrive:
    Un volta al parco
    Non so voi ma io una volta al parco ci andavo per limonare con la ragazzina...Oggi c'è il portatile e il WiFi per fare cybersesso e chat...Come cambiano i tempi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Un volta al parco
      GRANDE!!! hai perfettamente ragione!!!!!!! hihihi ke bella la tecnologia ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Un volta al parco
        - Scritto da: Anonimo
        GRANDE!!! hai perfettamente ragione!!!!!!! hihihi
        ke bella la tecnologia ;)Io al parco ci vado per giocare a calcio, farmi un giro in bici e farmi una corsetta e divertirmi un po' :-)
    • DomFel scrive:
      Re: Un volta al parco
      In teoria il parco serve come momento di svago e a prendere un po' di sole, ma a quanto pare ti vogliono far controllare la mail anche sotto un albero.Cazzo ci devi fare, non lo so.
      • Anonimo scrive:
        Re: Un volta al parco
        - Scritto da: DomFel
        In teoria il parco serve come momento di svago e
        a prendere un po' di sole, ma a quanto pare ti
        vogliono far controllare la mail anche sotto un
        albero.

        Cazzo ci devi fare, non lo so.Per telefonare gratis (anche) .SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA
        • DomFel scrive:
          Re: Un volta al parco
          Guarda che se vai su parla.it hai VoIP e con 20 euro al mese ci parli in tutta Europa. Di certo non vado col portatile in parco a rompermi le palle con le cuffiette solo perche' apro Skype o Xten per fare una telefonata gratis (ma tra chi? Tra utenti Skype?? Falla a casa, funziona pure col dialup pirlaaaaaaaaaa)Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
          • Anonimo scrive:
            Re: Un volta al parco
            - Scritto da: DomFel
            Guarda che se vai su parla.it hai VoIP e con 20
            euro al mese ci parli in tutta Europa. Di certo
            non vado col portatile in parco a rompermi le
            palle con le cuffiette solo perche' apro Skype o
            Xten per fare una telefonata gratis (ma tra chi?
            Tra utenti Skype?? Falla a casa, funziona pure
            col dialup pirlaaaaaaaaaa)

            Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaperchè a te non viene nemmeno in mente che ad internet si possa accedere anche con un telefoninoin futuro (non troppo lontano) sarà così
  • Anonimo scrive:
    W il WiFi di STATO !
    Lo stato ci regala il Wi Fi.Bello.Allora perche' non ci regala anche da mangiare, una casa, una macchina e piu' pilo per tutti ?S.
    • Anonimo scrive:
      Re: W il WiFi di STATO !
      - Scritto da: Anonimo

      Lo stato ci regala il Wi Fi.

      Bello.

      Allora perche' non ci regala anche da mangiare,
      una casa, una macchina e piu' pilo per tutti ?Perchè è giusto così, ossia darti gli strumenti per trovare da te da mangiare.Con un collegameno a internet puoi lavorare meglio e mentre sei fuori, comprare e rivendere su ebay e o dove vuoi tu.E quando hai tempo vai pure in chat o nei siti di scambisti e ti torvi pure tuttu u 'pilu' che vuoi...
      • Anonimo scrive:
        Re: W il WiFi di STATO !

        Perchè è giusto così, ossia darti gli strumenti
        per trovare da te da mangiare.ma senza mangiare e senza casa che cacchio me ne faccio del wi fi ?Ah giusto ! chi non ha la casa puo' andare a vivere al parco di villa borghese, si mangia i piccioni arrosto, mentre si cerca lavoro via internet col wifi ..... ma vaaaaaa
        Con un collegameno a internet puoi lavorare meglio e mentre sei fuori, comprare e rivendere su ebay e o dove vuoi tu.comprare e rivendere ? rotfl.siamo tutti imprenditori qui eh ?anzi, meglio, INTERMEDIARI, la creme dell'imprenditoria.Quasi quasi costituisco la Body Rental Villa Borghese Engeenering ! Affittiamo i piccioni come CoCoPro, diciamo che sono piccioni viaggiatori e rimpiaziamo tutti i collegamenti internet, tanto vanno piu' veloci della rete Telecom Italia.Agli scoiattoli gli facciamo fare i programmatori Java, tanto peggio di quelli che ho visto in giro non possono fare.Ma, curiosita': ti ha mai detto nessuno che se tu puoi comprare qualcosa via internet, lo puo' fare anche il fesso cui cerchi di appioppare il bidone ?????--------------A parte gli scherzi, bisognerebbe imparare a diffidare delle promesse dei politici, avere UN MINIMO di senso critico), capire che finche' le promesse non le tocchi con mano, E' SOLO LA SOLITA, TRITA E RITRITA, CAMPAGNA ELETTORALE: dico questo soprattutto a PI, campione nel mettere in prima pagina l'ennesima ANSA-BUFALA, che non si avverera' mai, se non nella maniera italiota, ossia dopo anni, dopo aver MAGNATO miliardi su miliardi, ci forniscono una tecnologia OBSOLETA ( mai sentito parlare di WI MAX ? ) e in un modo estremamente STATALISTA: hai mai pensato di tirare su un TUO Access Point e offrire servizi al pubblico, come privato cittadino, eh ?Perche' e' questo il traguardo da raggiungere: la completa liberalizzazione del Wi Fi, altro che 'spalle larghe' e minchionate varie che non fanno altro che togliere i diritti che la scienza, la natura e il progresso ci offrono gratis.Contento tu .... contento solo tu.
        • Anonimo scrive:
          Re: W il WiFi di STATO !
          sicuramente affidare un documento a un piccione o a uno scoiattolo sarebbe un sistema di crittografia migliore di quello che usano gli americani, mettendo gli omissis sui documenti pdf ;)
  • Anonimo scrive:
    Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
    Si, ma compratevi prima il PORTATILE!!Ahahah, VELTRONI VERGOGNA
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
      - Scritto da: Anonimo
      Si, ma compratevi prima il PORTATILE!!

      Ahahah, VELTRONI VERGOGNACazzo!E il computer con il quale di colleghi ora a pagamento chi te l'ha comprato?Ma Veltroni è comunista e quindi deve regalare tutto al popolo, no?Ma vaffanculo.Scusate la scurrilità a certi imbecilli non ci può rispondere diversamente.Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
      Per la censura: fa più danni quello che ha detto il simpaticone di sopra che una parolaccia.Secondo me eravamo entrambi da passare alle x rosse (cos'è il forum dei comunisti?è lo spazio dove potranno accedere solo i comunisti che si collegano da roma su wi-fi?).La parolaccia è immagine un post è sostanza e ovviamente nel 2005 la finta morale pulisce ancora sol la faccia.Ciao e comunque grande PI (detto sinceramente).
    • Anonimo scrive:
      Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
      - Scritto da: Anonimo
      Si, ma compratevi prima il PORTATILE!!

      Ahahah, VELTRONI VERGOGNAIl principio di uno Stato e' che deve fornire servizi ai cittadini, in modo il piu' possibile equo. la sanita' e' un servizio, la scuola e' un servizio, l'anagrafe e' un servizio, la televisione pubblica e' un (brutto) servizio, la telefonia era un pubblico servizio. il gas, l'acqua la luce eccetera sono/erano pubblici servizi, l'immondizia e' un pubblico servizio. il wi-fi e' un pubblico servizio.Si parla sempre di servizi. Mai di beni. In altri termini, lo Stato ti da' accesso a dei servizi, come, facciamo un esempio, l'allacciamento della luce, ma non ti paga la luce. Analogamente, ti fornisce la tv pubblica, ma non ti paga l'apparecchio ne' l'antenna ne' l'antennista. Uno Stato ben funzionante e' un buon fornitore di servizi, un kernel, un application server. i processi sono i cittadini e le aziende.Per questo e' una autentica schifezza che si sia dato l'incentivo di 700 euro per l'ADSL a chi era gia' coperto (e quindi poteva di conseguenza risparmiare notevolmente scegliendo questa soluzione) mettendolo in ql a chi non ha la copertura, che oltre a non vedersi coperto da tale servizio, deve pagare salato (molto) un servizio piu' scadente (connessione a 56k).
      • Anonimo scrive:
        Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
        - Scritto da: munehiro
        Per questo e' una autentica schifezza che si sia
        dato l'incentivo di 700 euro per l'ADSL a chi era
        gia' coperto (e quindi poteva di conseguenza
        risparmiare notevolmente scegliendo questa
        soluzione) mettendolo in ql a chi non ha la
        copertura, che oltre a non vedersi coperto da
        tale servizio, deve pagare salato (molto) un
        servizio piu' scadente (connessione a 56k).Anche a volerlo fare credo che la commissione europea avrebbe bloccato un finanziamento di stato ad una azienda privata, il problema e' infrastrutturale.Non vi scordate che 10 anni fa l'ISDN era quasi un sogno, i cavi telefonici e le strutture non si costruiscono da sole.bye Mdx4
        • Anonimo scrive:
          Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
          - Scritto da: Anonimo
          Anche a volerlo fare credo che la commissione
          europea avrebbe bloccato un finanziamento di
          stato ad una azienda privata.quest'europa ha scassato la minchia.
          il problema e' infrastrutturale.allora... a questo punto basta. I cessi degli uffici della PA restino sporchi, l'azienda di pulizie (privata) non puo' essere finanziata dallo stato italiano.
          Non vi scordate che 10 anni fa l'ISDN era quasi
          un sogno, i cavi telefonici e le strutture non si
          costruiscono da sole.per certa gente lo e' ancora.
          • Anonimo scrive:
            Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE

            per certa gente lo e' ancora.evviva il capitalismoalmeno telecom da monopolista di stato era COSTRETTA a portare il telefono a tuttioggi fastweb non lo e' se non le convienepensi che negli USA sia diverso?
          • Anonimo scrive:
            Re: Gratis contro il DIGITAL DIVIDE
            Credo che negli USA non si spremano i portafogli dei cittadini, come fossero vacche da mungere.E penso anche che lì, non ci sia l'ostruzionismo che c'è qui, nel momento in cui si affacciano nuove tecnologie che potrebbero rendere la vita più semplice e risolvere molti problemi.
  • Anonimo scrive:
    Roma città da terzo mondo
    La sera può capitare di aspettare anche un'ora per un autobus. Se il giorno è festivo, state certi che passano almeno due ore buone. E muoversi con l'autobus è necessario a Roma, ove non ci sono parcheggi e gli ausiliari del traffico scaricano sugli automobilisti, in modi inumani e vessatori, le responsabilità dell'amministrazione comunale.Invece assistiamo alla solita iniziativa veltroniana dannosa ed inutile. Per ricchi e borghesotti radical-chic, quelli che possono permettersi il portatile e il modem wi-fi.Abbiamo votato questo sindaco perché la sinistra si dice vicina al popolo. Immaginavamo che la città cominciasse ad assomigliare a Ferrara o a Bologna. Invece Veltroni tutti i soldi dell'amministrazione non li ha spesi per migliorare i servizi pubblici e l'urbanistica, ma per-notti bianche-concerti e concertoni-pseudomanifestazioni culturali radical-chic-assunzioni indiscriminate di parassiti nel comune-sgombero delle occupazioni e pagamento di alberghi per gli occupanti sgomberati (con quei soldi si potevano costruire 10.000 case popolari), ma che dopo qualche mese sono ritornati in mezzo alla strada-giornate della memoria-iniziative per la pace, per la bellezza, ecc eccVeltroni vergognati, invece di stare vicino alla povera gente ti sei trasformato (o sei sempre stato) il capo dei conformisti e dei benpensanti. Certo, lo so, è più facile sentirsi dire "bravo" dal papa o dal rabbino se vai in Bolivia o in Israele a schiamazzare
    , oppure se metti una cazzo di connessione wi-fi nel parco che non servirà ad un cazzo di nessuno. "Oh, iniziativa grandissima, Roma su tutti i giornali". MA NELLE BIBLIOTECHE COMUNALI E NELLE SCUOLE CI SONO POCHISSIMI COMPUTER IN RETE. Il povero di certo non si comprerà il portatile e non andrà al parco (col rischio di bagnarselo e distrugggerselo con la pioggia o con i giochi dei bambini), ma proverà in una biblioteca. Ma ormai Veltroni è troppo distante dalla gente comune per poter capire certe cose.
    • Anonimo scrive:
      Re: Roma città da terzo mondo
      davero complimenti per il coraggio e la schiettezza della tua critica forse anche ampiamente accettata anche se...purtroppo non ho trovato la firma, la tua, tu che sei così bravo a criticare.Me la indichi?grazie
      • Anonimo scrive:
        Re: Roma città da terzo mondo
        - Scritto da: Anonimo
        davero complimenti per il coraggio e la
        schiettezza della tua critica forse anche
        ampiamente accettata anche se...

        purtroppo non ho trovato la firma, la tua, tu che
        sei così bravo a criticare.
        Me la indichi?

        grazieda che pulpito ..... :s
        • Anonimo scrive:
          Re: Roma città da terzo mondo
          Io sono di Roma, ed emigrato per lavoro proprio melle città (Boologna prima e Ferrara poi) che tu ai citato quale termine di paragone: posso dirti con estrema franchezza che si vive decisamente meglio a Roma.I servizi lasciano a desiderare anche qui, non credere, ma soprattutto, il razzismo lo puoi toccare con mano.Hanno una falsa cordialità, ti danno del tu, ma prova ad esprire le tue idee.......ti risponderanno sempre che sei del sud e con ciò chiudono il discorso.Cordialmente.Mauro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            - Scritto da: Anonimo
            Io sono di Roma, ed emigrato per lavoro proprio
            melle città (Boologna prima e Ferrara poi) che tu
            ai citato quale termine di paragone: posso dirti
            con estrema franchezza che si vive decisamente
            meglio a Roma.
            I servizi lasciano a desiderare anche qui, non
            credere, ma soprattutto, il razzismo lo puoi
            toccare con mano.
            Hanno una falsa cordialità, ti danno del tu, ma
            prova ad esprire le tue idee.......ti
            risponderanno sempre che sei del sud e con ciò
            chiudono il discorso.
            Cordialmente.
            Mauro.Io non parlo del razzismo; sono in accordo totale col tuo pensiero su questo. Non ho detto che i romani dovrebbero trasformarsi in ferraresi o bolognesi. Parlo solo del modello di città e di amministrazione che ho in mente, e di amministrazioni di sinistra che hanno fatto bene e che stanno facendo bene.Se proprio vuoi un'opinione spassionata da un romano, utente 360/365 dei mezzi pubblici ATAC, non c'è proprio paragone fra l'efficienza della mobilità emiliana e il servizio da terzo mondo che è reso a Roma...
          • Anonimo scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            - Scritto da: Anonimo
            Se proprio vuoi un'opinione spassionata da un
            romano, utente 360/365 dei mezzi pubblici ATAC,
            non c'è proprio paragone fra l'efficienza della
            mobilità emiliana e il servizio da terzo mondo
            che è reso a Roma...e' anche vero che e' un attimino piu' difficile organizzare trasporti pubblici per una metropoli come Roma rispetto a piccole citta' come Bologna o Ferrara (cio' non toglie che Veltroni, come Rutelli prima di lui, abbia gettato benzina sul fuoco)
          • Anonimo scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            - Scritto da: Anonimo
            ma soprattutto, il razzismo lo puoi
            toccare con mano.Ah perché a Roma non c'è il razzismo nooooooooooo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            Questa è bella, buffone ;)Voi burini terroni ve la sognate una citta' come Bologna, siete abituati a vivere nella spazzatura- Scritto da: Anonimo
            Io sono di Roma, ed emigrato per lavoro proprio
            melle città (Boologna prima e Ferrara poi) che tu
            ai citato quale termine di paragone: posso dirti
            con estrema franchezza che si vive decisamente
            meglio a Roma.
            I servizi lasciano a desiderare anche qui, non
            credere, ma soprattutto, il razzismo lo puoi
            toccare con mano.
            Hanno una falsa cordialità, ti danno del tu, ma
            prova ad esprire le tue idee.......ti
            risponderanno sempre che sei del sud e con ciò
            chiudono il discorso.
            Cordialmente.
            Mauro.
          • DomFel scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            - Scritto da: Anonimo
            Questa è bella, buffone ;)

            Voi burini terroni ve la sognate una citta' come
            Bologna, siete abituati a vivere nella spazzatura
            Non pensavo esistessero ancora co**ioni polentoni come te. I leghisti cosi' li metterei volentieri a fare gli "operatori ecologici"...=pulire la me**a prodotta dalla mia citta' (ROMA).Cordiali saluti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Roma città da terzo mondo
            tienitela la tua Bologna sborone e mettitela a pannolino come vuole Cofferati, dove dopo le 21 di sera non ti puoi neanche fare una birra...tipico esempio di libertà comunista però!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Non è vero
      Premessa: abito a Roma e non sono politico nè dipendente comunale.Le risorse messe in campo dall'amministrazione comunale per il sociale sono aumentate nel giro di pochi di 4 volte. Quelle per la cultura invece sono raddoppiate.Il Sindaco ha costruito il passante nord-ovest, ha acquistato e messo in funzione 200 nuovi autobus proprio nel 2005, ha acquistato i nuovi treni per la metro A, ha iniziato la costruzione di corsie preferenziali su varie vie dove prima gli autobus perdevano corse per la cattiva abitudine degli automobilisti di parcheggiare dappertutto, ha ottenuto l'inizio dei lavori per la metro C, ha liberato il centro storico dalle auto.Purtroppo l'Italia è il paese dei privilegi, pretendono tutti l'immunità. Quando le regole si fanno rispettare ecco che l'automobilista X comincia a dire "Accanimento contro di me", il negoziante Y "Non fate le multe a chi parcheggia in tripla fila davanti al mio negozio", l'abusivo Z "perchè solo a me dovete abbattere l'opera" eccetera eccetera eccetera.Certo Roma ha i suoi problemi ma per la prima volta qualcuno lavora per risolverli. Veltroni gode della fiducia dell'80% dei romani e non è certo per la sua esposizione mediatica (se così fosse Berlusconi non avrebbe perso le elezioni). Perciò io, che pure la sera trovo l'autobus pieno, consapevole che sta lavorando per migliorare anche questo servizio, dico a Veltroni: GRAZIE E CONTINUA COSI'.Cristiano S.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è vero

        Il Sindaco ha costruito il passante nord-ovest,
        ha acquistato e messo in funzione 200 nuovi
        autobus proprio nel 2005, Vogliamo parlare degli autobus? C'è stato un regresso totale rispetto a qualche anno fa. I nuovi mezzi acquistati sono totalmente inutili al traffico di una metropoli quale Roma. E sono stati rifiutati anche dal comune di Milano.Il motivo è presto detto. Sono più grandi e più pesanti, ma hanno meno posti a sedere e soprattutto in piedi dei vecchi autobus gialli. I corridoi interni sono a dire poco angusti. In un attimo si riempiono, ed è difficile scendere. Se ti trovi in mezzo all'autobus ti devi fare strada a spallate.Questo perché? Perrché chi l'ha scelti non aveva presente il traffico cittadino ed il modo in cui si riempiono gli autobus.
        ha liberato il centro storico dalle
        auto.Certamente, ma senza garantire il servizio pubblico per arrivarci. Io in centro ci lavoro, e come ci arrivo? Di autobus non ne parliamo. Di metro neppure. Sei mai stato sulla metro A nelle ore di punta? E' un carro bestiame. Sembra ricordare quei filobus indiani strapieni. Il tutto in barba alle norme di sicurezza, che vietano che un vagone possa essere stipato in quel modo disumano. Ringraziamo i conducenti, perchè una frenata più brusca del normale potrebbe spezzarci l'osso del collo.Andare col motorino? Si, certo, per morire schiantato contro un'auto blu, oppure fare un capitombolo dentro una delle tante buche decorative disseminate artisticamente lungo le strade!
        Perciò io, che pure la sera trovo l'autobus
        pieno, consapevole che sta lavorando per
        migliorare anche questo servizio, dico a
        Veltroni: GRAZIE E CONTINUA COSI'.

        Cristiano S.Allora sei un povero illuso: ai tempi del primo Rutelli ancora qualcosa funzionava; dopo il Giubileo solo il caos. La situazione peggiora di giorno in giorno; intanto Veltroni non se ne stà a Roma a lavorare, ma se ne va a promuovere iniziative per il mondo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è vero
          Quanto facile populismo leggo in queste parole....Madonna santa! :( Scusate ma non posso aggiungere altro in quanto non vivo a Roma....posso solo dire che le nuove norme di costruzione ei mezzi di locomozione cittadina impongono di sfruttare gli spazi in questa maniera: guardate anche i nuovi tram di Milano, infatti...GrazieFabrizio- Scritto da: Anonimo
          Vogliamo parlare degli autobus? C'è stato un
          regresso totale rispetto a qualche anno fa. I
          nuovi mezzi acquistati sono totalmente inutili al
          traffico di una metropoli quale Roma. E sono
          stati rifiutati anche dal comune di Milano.
          Il motivo è presto detto. Sono più grandi e più
          pesanti, ma hanno meno posti a sedere e
          soprattutto in piedi dei vecchi autobus gialli. I
          corridoi interni sono a dire poco angusti. In un
          attimo si riempiono, ed è difficile scendere. Se
          ti trovi in mezzo all'autobus ti devi fare strada
          a spallate.

          Questo perché? Perrché chi l'ha scelti non aveva
          presente il traffico cittadino ed il modo in cui
          si riempiono gli autobus.

          Certamente, ma senza garantire il servizio
          pubblico per arrivarci. Io in centro ci lavoro, e
          come ci arrivo? Di autobus non ne parliamo. Di
          metro neppure. Sei mai stato sulla metro A nelle
          ore di punta? E' un carro bestiame. Sembra
          ricordare quei filobus indiani strapieni. Il
          tutto in barba alle norme di sicurezza, che
          vietano che un vagone possa essere stipato in
          quel modo disumano. Ringraziamo i conducenti,
          perchè una frenata più brusca del normale
          potrebbe spezzarci l'osso del collo.
          Andare col motorino? Si, certo, per morire
          schiantato contro un'auto blu, oppure fare un
          capitombolo dentro una delle tante buche
          decorative disseminate artisticamente lungo le
          strade!

          Allora sei un povero illuso: ai tempi del primo
          Rutelli ancora qualcosa funzionava; dopo il
          Giubileo solo il caos. La situazione peggiora di
          giorno in giorno; intanto Veltroni non se ne stà
          a Roma a lavorare, ma se ne va a promuovere
          iniziative per il mondo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero
            - Scritto da: Anonimo
            Quanto facile populismo leggo in queste
            parole....Madonna santa! :( Permettimi di dire che forse questo è l'unico argomento in cui il populismo è necessario. Chi prende l'autobus, infatti, se non la gente del popolo?Quando l'autobus non è concepito per il popolo, allora non funziona.
      • Anonimo scrive:
        Re: Non è vero
        roma da terzo mondo :| ma ci vivi? sempre la solita storia, ogni articolo che viene pubblicato su punto informatico viene puntualmente criticato da qualche informatico frustrato.Roma è la città piu' bella al mondo, ed io me la godo di giorno e di notte e la possibilità di navigare gratuitamente sdraiati a villa pamphili (che è proprio vicino casa mia) la renderà ancor piu' unica e speciale.p.s io uso il motorino 8) g.d.
        • Anonimo scrive:
          Re: Non è vero

          Roma è la città piu' bella al mondo, sciaoooo belllllllo!!!!!
        • DuDe scrive:
          Re: Non è vero
          - Scritto da: Anonimo
          roma da terzo mondo :|

          ma ci vivi? Io si, non e' terzo mondo ma quasi, a, abito in periferia, non vicino villa pamphili o villa borghese, precisamente parco dell'acquedotto all'appio claudio, per inciso mi sa che il parco della caffarella e' piu' ampio di villa borghese, perche' non farlo li sto coso wifi? a gia' ma i soldi vengono dal centro storico, liberato dalle auto cosi' i politici e i ricchi possono parcheggiare sottocasa, mentre le persone normali devono farsi qualche santo in paradiso a che non becchino multe per divieti di sosta.

          sempre la solita storia, ogni articolo che viene
          pubblicato su punto informatico viene
          puntualmente criticato da qualche informatico
          frustrato.Io sono informatico non frustrato e che ha la fortuna di lavorare in un posto dove posso parcheggiare, ho provato a pigliare l'autobus, peccato che ci metto 40 minuti a fare la stessa strada che fo' con la macchina ( la strada e' una sia per la macchina che per il bus )
          Roma è la città piu' bella al mondo, ed io me la
          godo di giorno e di notte e la possibilità di
          navigare gratuitamente sdraiati a villa pamphili
          (che è proprio vicino casa mia) la renderà ancor
          piu' unica e speciale.
          Sai piacerbbe a tutti godersela pure di notte peccato pero' che se abiti che so' al tuscolano, o zone limitrofe non puoi, e sai perche'? perche' il cento,trastevere,san-lorenzo sono ZTL ma i mezzi col piffero che ci arrivano, il metro' chiude alle 23 il sabato sera, ma io dico, farlo andare che so' fino alle 2 3 ? a gi' ma poi tocca pagargli il notturno ai macchinisti, peccato che a barcellona metro' a 60 centesimi e funzica pure di notte, mazza che strani gli spagnoli!
          p.s io uso il motorino 8) Auguri, e spera di non cascare dentro a qualche buca

          g.d.
          Io sono sempre dell'idea che prima si dovrebbero risolvere una montagna di problemi pratici e poi dedicarsi alla cultura e menate varie, se non hai un tetto sulla testa o un tozzo di pane, della cultura, di internet e cazzate varie te ne sbatti.Prima metti in grado TUTTI di vivere dignitosamente, poi passa a migliorare la qualita' della vita
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero
            io sto ancora aspettando che riasfaltino qualche strada puttana di eva
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero
            ROma sarà si la citta più bella del mondo, sarà attivata la rete WiFi nelle ville...MA PORCO CAXXO IO ABITO A TOR VERGATA NUOVA ANGOLO CON VIA SANDRO PENNA, A DUE PASSI DALL'UNIVERSITA' TOR VERGATA, DAL C.N.R. E IL GRANDE CENTRO COMMERCIALE E' NON, RIPETO NON HO, COPERTURA ADSL !!!!!!!GRAZIE AL COMUNE DI ROMA E ALLA MONOPOLISTA DI TELECOZZ !!!!!E NON MI VENITE A PARLARE DI VILLE CON IL WIFIVERGOGNA, VERGOGNA E VORGOGNAF/to un cittadito di serie B che paga le tasse- Scritto da: Anonimo
            io sto ancora aspettando che riasfaltino qualche
            strada puttana di eva
          • Anonimo scrive:
            A proposito di Bologna
            Premetto che vivo a Roma e ho un orientamento politico di destra... ma Veltroni ha la mia fiducia perchè a Roma stà facendo bene e quando qualcuno fà bene io non guardo di certo la sua bandiera.Parlando di Bologna, dove l'amministrazione comunale funziona... ti farei parlare con una mia cara amica che vive a bologna per motivi universitari... la quale ha rischiato di essere stuprata solo perchè una sera si è azzardata a uscire da sola dopo le 9, in centro, per comprare delle lenti a contatto in farmacia.Magari gli autobus funzioneranno pure, ma se una ragazza rischia questo a uscire da sola in semicentro alle 9, vuol dire che Bologna è fuori da ogni controllo.
          • Anonimo scrive:
            Re: A proposito di Bologna
            - Scritto da: Anonimo
            Magari gli autobus funzioneranno pure, ma se una
            ragazza rischia questo a uscire da sola in
            semicentro alle 9, vuol dire che Bologna è fuori
            da ogni controllo.Non mi sembra un grande esempio. I maniaci li trovi in tutte le parti del mondo, se è stata sfortunata non è che puoi infangare la città o dire che il sindaco non è bravo perché non c'è un vigile ogni 3 metri.
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero

            Io si, non e' terzo mondo ma quasi, a, abito in
            periferia, non vicino villa pamphili o villa
            borghese, precisamente parco dell'acquedotto
            all'appio claudio, per inciso mi sa che il parco
            della caffarella e' piu' ampio di villa borghese,
            perche' non farlo li sto coso wifi?
            a gia' ma i soldi vengono dal centro storico,
            liberato dalle auto cosi' i politici e i ricchi
            possono parcheggiare sottocasa, mentre le persone
            normali devono farsi qualche santo in paradiso a
            che non becchino multe per divieti di sosta.

            beh non esageriamoil male del centro di roma e' che la gente non ci viveperche' ci sono tutta una serie di luoghi istituzionali inutili e dannosieppure il traffico a piazza venezia e' sempre tantoquindi tutti sti divieti non e' che funzionino poi tanto
            Io sono informatico non frustrato e che ha la
            fortuna di lavorare in un posto dove posso
            parcheggiare, ho provato a pigliare l'autobus,
            peccato che ci metto 40 minuti a fare la stessa
            strada che fo' con la macchina ( la strada e' una
            sia per la macchina che per il bus )

            Sai piacerbbe a tutti godersela pure di notte
            peccato pero' che se abiti che so' al tuscolano,
            o zone limitrofe non puoi, e sai perche'? perche'
            il cento,trastevere,san-lorenzo sono ZTL ma i
            mezzi col piffero che ci arrivano, il metro'non dire cazzateintanto la ztl alle 18 chiudesolo trast e' chiusa venerdi e sabato fino alle 2 di nottee non entrano neanche i residenti che non hanno il permesso (sono solo 2 a famiglia)e poi roma non e' solo s.lorenzo o trastevereio a trastevere ci abito sopra e non ci vado maise vuoi arrivi li vicino (max 1 km) parcheggi e entri a piedi e ti assicuro e' meglio per tuttitrastevere ha 2000 anninon era pensata per le automobilima per le persone a piedi!
            chiude alle 23 il sabato sera, ma io dico, farlo
            andare che so' fino alle 2 3 ? a gi' ma poi tocca
            pagargli il notturno ai macchinisti, peccato che
            a barcellona metro' a 60 centesimi e funzica pure
            di notte, mazza che strani gli spagnoli!
            barcellona e' grande quanto lo stadio olimpicoe non sorge su delle rovine di alto valore storicofosse per me bucherei tuttoma non sempre si puo'
            Io sono sempre dell'idea che prima si dovrebbero
            risolvere una montagna di problemi pratici e poi
            dedicarsi alla cultura e menate varie, se non hai
            un tetto sulla testa o un tozzo di pane, della
            cultura, di internet e cazzate varie te ne
            sbatti.se ritieni la cultura una menata non risolverai mai nullaricordati che caravaggio, il piu' grande artista della storia, e' morto povero e ricercatoeppure non ha masi smesso di dipingerenon aveva ne tetto ne tozzo di panee se non fosse stato innamorato di quell'arte oggi il mondo TUTTO sarebbe piu' poverovivere meglio vuol dire anche vivere in un posto in cui il massimo della vita non e' la casa con il parquet, ma un bel museo GRATIS dove posso vedere la statua di paolina bonaparte finche' non ne posso piu'i romani avevano capito che ci vogliono panem et circensisnoi che ci crediamo meglio ce lo scordiamo tutti i giorniil problema + grosso e' quale cellulare nuovo comprare
            Prima metti in grado TUTTI di vivere
            dignitosamente, poi passa a migliorare la
            qualita' della vitaMarx sarebbe d'accordo con tema all'atto pratico ha fallito, per orail livellamento verso il basso porta solo a rimanere tutti in bassoporta ad accontentarsinon serve a nullabisogna dare speranza che il futuro sia migliore perche' la gente si impegni a migliorare
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero

            il metro' chiude alle 23 il sabato seraLa metro A chiude il Sabato sera a 00.30, che poi viene sostituita da gli autubus MA1 e MA2 che effettuano lo stesso percorso....informiamoci..
          • Anonimo scrive:
            Re: Non è vero
            - Scritto da: Anonimo

            il metro' chiude alle 23 il sabato sera

            La metro A chiude il Sabato sera a 00.30, che poi
            viene sostituita da gli autubus MA1 e MA2 che
            effettuano lo stesso percorso....

            informiamoci..

            Informati tu, andandoci sopra.Prendili alla stazione Termini: anche di giorno feriale, dopo mezzanotte. Più pericoloso del Bronx, più pericoloso della periferia di Mosca all'una di notte, più pericoloso di un sobborgo di Bangkok.Non mi va di rischiare la vita per Veltroni; piuttosto preferisco prendermi la multa con la macchina.
          • DomFel scrive:
            Re: Non è vero
            - Scritto da: Anonimo

            Informati tu, andandoci sopra.
            Prendili alla stazione Termini: anche di giorno
            feriale, dopo mezzanotte. Più pericoloso del
            Bronx, più pericoloso della periferia di Mosca
            all'una di notte, più pericoloso di un sobborgo
            di Bangkok.Bravo, informati e non fare paragoni stupidi. Nel Bronx non ci sei mai stato e non hai potuto notare che il 99% della gente per strada (POCA) ha un pezzo in tasca, ne' tantomeno a Bangkok dove i cinesini Kung Fu sono piu' mafiosi dei napoletani, ne' hai mai visto i brutti ceffi che girano a Mosca che ti potrebbero far fuori e neanche li vedresti.A Roma chi e' che ti fa paura? Un paio di marocchini e due albanesi con qualche smania di rompere le palle? Armati di uno spray se non sai usare le mani o di un coltellino. Io per un anno a New York ne ho sempre avuto uno in tasca, Mosca e' piena di agenti e non ti rompe le palle nessuno se non le rompi prima te, e a Bangkok se non ostenti i soldi che hai passi inosservato tra i 3000 abitanti per km quadrato.Termini? Ti fa paura? Addirittura mia mamma e' riuscita a stendere uno zingaro che le ha provato a rubare il portafogli in metro, se non ci riesci te allora opterei per una palestra...
    • Anonimo scrive:
      Re: Roma città da terzo mondo

      La sera può capitare di aspettare anche un'ora
      per un autobus. Se il giorno è festivo, state
      certi che passano almeno due ore buone.
      E muoversi con l'autobus è necessario a Roma,
      ove non ci sono parcheggi e gli ausiliari del
      traffico scaricano sugli automobilisti, in modi
      inumani e vessatori, le responsabilità
      dell'amministrazione comunale.cominciamo a lasciare la macchina a casaa non rompere i coglioni se quando si scava per la metro si trovano 4 cocci romani ormai di dubbio valore vista la diffusione che c'e' sotto il suolo romanocominciamo a non lasciare la macchina in doppia o tripla fila ostacolando il passaggio altrui (mezzi compresi, che purtroppo a roma sono in maggioranza su ruota)cominciamo ad andare a piedi al bar a prendere il caffe e non in macchinacominciamo a non lasciare in mezzo ai coglioni sti stramaledetti scooteroni cosicche' con uno scooter si occupa il posto di una macchinail problema di roma sono i romaniviziati,pigri,cocciuti e egoistie lo dice un romanol'amministrazione non fa certo tutto cio' che potrebbe le zone blu sono un vero insulto a quei poveracci che sono costretti ad andare a lavorare in quei quartierigli ausiliari degli strozzini che non vedono l'ora di far fioccare le multe tanto per raggranellare qualche soldo in piu'pero' se proprio dobbiamo lamentarci, non lamentiamoci SOLO di Veltroniperche' io ricordo quelli prima di luigente come Signorello o Carraroqueste cose si fanno prima perche' e' piu' facile metterle in praticae' piu' facile dare wi-fi che buttare giu' la tangenziale che fa schifo e creare percorsi alternativie costa molto ma molto menoalmeno si fa qualcosaPerlomeno a testaccio stanno ripulendo lo schifo che si era creato dopo l'ingresso del villaggio globale (chi ci va sa di cosa parlo) facendo chiudere una parte ormai covo di spacciatori e in cui le risse erano all'ordine del giornoanche se probabilmente ci faranno qualche porcheria, almeno ci si potra passare in pace..Veltroni non e' il massimo del sindaco, ok, ma poteva andarci molto peggioRoma non potra' mai essere bologna o Ferrara o Barcellonaste tre citta insieme non fanno il centro storicoparliamo di una citta che va da ostia a nuovo salarioche non era stata pensata per farci vivere tutta sta genteche e' sede di ministeri, uffici pubblici, palazzi istituzionaliper me gia trasferire parlamento, campidolgio e quirinale a pomezia risolverebbe meta dei problemi di circolazione del centro
    • Anonimo scrive:
      Re: un'altra cosa
      La legge sul blocco delle assunzioni nelle pubbliche amministrazioni voluta dal governo centrale ha comportato un drastico ridimensionamento della dotazione organica del Comune. Leggevo l'altro giorno che su 2800 vigili urbani previsti oggi per questo motivo ce ne sono solo 2300. E così per i dipendenti del Comune e dei municipi.
      • DomFel scrive:
        Re: un'altra cosa
        AHAHAHAHHAHAHAH!Ma cos'e' questa smania di avere personale in piu'??? Se facessero lavorare quelle 2300 persone all'80% di quello che dovrebbero realmente fare, dovrebbero licenziarne ALMENO 500... Imbucarsi nel pubblico per non fare una mazza e' troppo comune ormai, non portare esempi cosi' stupidi per favore!Ciaoooooooooooooo
    • Anonimo scrive:
      Re: Roma città da terzo mondo
      - Scritto da: AnonimoMeglio una città senza feste ...con viglilantes in giro ...il primo che fa schiamazzi, o si comporta in modo "non standard" viene pestato e caricato in un cellulare quindi trasferito verso destinazioni ignote ... le uniche manifestazioni ammesse sono quelle organizzate dalla nomenklatura ....dove il ll lider maximo si fa applaudire dalla clack e dai reparti schierati in pompa magna !!!disgusto diarrea e vomito ....IMHO l'unica maniera per mantenere un controllo di una metropoli ..e' proprio portare la "normalità" nelle piazze e nei parchi ..quni benvengano feste, buffoni e netparty sul prato ..per far capire ai balordi che quei posti NON SONO LORO IO il primo maggio del prossimo anno oltre alla birra e al panino e il pallone a villa pamphili mi porto anche il portatile !!!Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Roma città da terzo mondo

        IMHO
        l'unica maniera per mantenere un controllo di una
        metropoli ..
        e' proprio portare la "normalità" nelle piazze e
        nei parchi ..
        quni benvengano feste, buffoni e netparty sul
        prato ..Si, come in Brasile, dove muoiono di fame, ma poi invece di lavorare o studiare passano il tempo a suoare bonghi, a fare la capoeira, a giocare a pallone, ad organizzare il carnevale...Io sono un fiero padano, e mi tengo stretto il mio studio ed il mio lavoro. Tanto diceva Nietzsche
        • DomFel scrive:
          Re: Roma città da terzo mondo
          - Scritto da: Anonimo

          Io sono un fiero padano, e mi tengo stretto il
          mio studio ed il mio lavoro. Tanto diceva
          Nietzsche
          Bella li' leghista, arriverai a un punto in cui non farai piu' l'ipocrita in rete, e capirai che ti sei perso TANTO dalla vita... In Brasile morti di fame? Forse, ogni tanto capita, ma si arrangiano alla meglio e sai perche'? Perche' hanno un'INTENSA vita sessuale, tanta musica, balli, e tante risate!Prova ad emulare tutto questo in mezzo alla nebbia! Esci, spegni il computer, prenditi un giorno di pausa e vatti a divertire pirl**e!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' vero!
      - Scritto da: Anonimo
      La sera può capitare di aspettare anche un'ora
      per un autobus. Se il giorno è festivo, state
      certi che passano almeno due ore buone.
      E muoversi con l'autobus è necessario a Roma,
      ove non ci sono parcheggi e gli ausiliari del
      traffico scaricano sugli automobilisti, in modi
      inumani e vessatori, le responsabilità
      dell'amministrazione comunale.

      Invece assistiamo alla solita iniziativa
      veltroniana dannosa ed inutile. Per ricchi e
      borghesotti radical-chic, quelli che possono
      permettersi il portatile e il modem wi-fi.

      Abbiamo votato questo sindaco perché la sinistra
      si dice vicina al popolo. Immaginavamo che la
      città cominciasse ad assomigliare a Ferrara o a
      Bologna. Invece Veltroni tutti i soldi
      dell'amministrazione non li ha spesi per
      migliorare i servizi pubblici e l'urbanistica, ma
      per

      -notti bianche
      -concerti e concertoni
      -pseudomanifestazioni culturali radical-chic
      -assunzioni indiscriminate di parassiti nel comune
      -sgombero delle occupazioni e pagamento di
      alberghi per gli occupanti sgomberati (con quei
      soldi si potevano costruire 10.000 case
      popolari), ma che dopo qualche mese sono
      ritornati in mezzo alla strada
      -giornate della memoria
      -iniziative per la pace, per la bellezza, ecc ecc

      Veltroni vergognati, invece di stare vicino alla
      povera gente ti sei trasformato (o sei sempre
      stato) il capo dei conformisti e dei benpensanti.


      Certo, lo so, è più facile sentirsi dire "bravo"
      dal papa o dal rabbino se vai in Bolivia o in
      Israele a schiamazzare
      , oppure se metti una
      cazzo di connessione wi-fi nel parco che non
      servirà ad un cazzo di nessuno. "Oh, iniziativa
      grandissima, Roma su tutti i giornali". MA NELLE
      BIBLIOTECHE COMUNALI E NELLE SCUOLE CI SONO
      POCHISSIMI COMPUTER IN RETE. Il povero di certo
      non si comprerà il portatile e non andrà al parco
      (col rischio di bagnarselo e distrugggerselo con
      la pioggia o con i giochi dei bambini), ma
      proverà in una biblioteca.
      Ma ormai Veltroni è troppo distante dalla gente
      comune per poter capire certe cose.Io abito a Roma, in una zona periferica. Sono d'accordo con te; hai solo dimenticato che ci sono alcuni punti della città dove nessuno pulisce (e dove del resto mancano i cestini della spazzatura). L'immondizia si accumula per decenni. Nel centro storico ci sono più cartacce che monumenti.Ma quale wi-fi nei parchi...
    • Anonimo scrive:
      Re: Roma città da terzo mondo
      continuate a votare questi falsi cattocomunisti e fineremo nella.....
  • Anonimo scrive:
    E quale tracciamento?
    Fantastica questa iniziativa (non ci credo, qualcuno che si muove senza qualche fine di subdolo sfruttamento economico? Non puo' essere vero...) Ma non credo che si arriverà al parco, si aprirà il notebook e via.... che sistema verrà usato per accertare l'identità di chi è connesso? Premetto che, secondo me, se non ci fosse alcun controllo del genere sarebbe l'ideale, sarebbe uno spazio di libertà e anonimato per tutti, ma non ci credo, se non altro perchè arriverebbe MAzza e si legherebbe ai cancelli del parco... Questo punto è rimasto insoluto...
    • Anonimo scrive:
      Re: E quale tracciamento?
      - Scritto da: Anonimo
      Fantastica questa iniziativa (non ci credo,
      qualcuno che si muove senza qualche fine di
      subdolo sfruttamento economico? Non puo' essere
      vero...) Ma non credo che si arriverà al parco,
      si aprirà il notebook e via.... che sistema verrà
      usato per accertare l'identità di chi è connesso?
      Premetto che, secondo me, se non ci fosse alcun
      controllo del genere sarebbe l'ideale, sarebbe
      uno spazio di libertà e anonimato per tutti, ma
      non ci credo, se non altro perchè arriverebbe
      MAzza e si legherebbe ai cancelli del parco...
      Questo punto è rimasto insoluto... Probabilmente ci sarà un'autenticazione user e pass, come dicevo in un altro post, anche perchè se vogliono far pagare in futuro...Magari trovassi Mazza legato ai cancelli del parco!!!!CiauZLuca
      • Anonimo scrive:
        Re: E quale tracciamento?
        forse all'inizio neanche servira' autenticarsi, un po' come faceva fare Fastweb con la TV a migliaia di furbetti....prima te la fanno annusare, poi te la fanno pagare!
        • Anonimo scrive:
          Re: E quale tracciamento?
          - Scritto da: Anonimo
          forse all'inizio neanche servira' autenticarsi,
          un po' come faceva fare Fastweb con la TV a
          migliaia di furbetti....

          prima te la fanno annusare, poi te la fanno
          pagare!Dicono che all'inizio danno 1 ora di collegamento, senza autenticazione come la calcolano?
          • Anonimo scrive:
            Re: E quale tracciamento?
            Forse tracceranno la comunicazione con un account guest creato al momento e con durata X oppure ti snifferanno user e pass da amministratore per "autenticarti in anonimo"......già mi immagino chi usa linux ed affini con
            :p :DPaolo
          • Anonimo scrive:
            Re: E quale tracciamento?
            Basta vedere l'indirizzo MAC (univoco mondialmente) della scheda di rete...cambiare il mac via software non è molto semplice...
          • Anonimo scrive:
            Re: E quale tracciamento?
            - Scritto da: Anonimo
            Basta vedere l'indirizzo MAC (univoco
            mondialmente) della scheda di rete...

            cambiare il mac via software non è molto
            semplice...Si lo so, ma vedrai che metteranno l'account con password di sicuro.
          • DomFel scrive:
            Re: E quale tracciamento?
            - Scritto da: Anonimo
            cambiare il mac via software non è molto
            semplice...Cambiare il MAC via software e' impossibile. Puoi fare il cloning, ma la periferica comunichera' che sta facendo cloning e che quindi non e' il suo MAC, quindi non funzionerebbe comunque (sapessi tra VoIP ed Xten quanto mi stanno facendo dannare qui' negli USA...).Se ti connetti WiFi in aeroporto, appena provi ad accedere ad una pagina verrai reindirizzato alla home page del fornitore del servizio e farai un login con nome utente e pwd temporanei pagando con carta di credito per tot tempo (1hr=3euro normalmente). Qui' negli USA nel 90% degli aeroporti il WiFi e' gratuito, e se giri con la macchina nelle grandi citta' non c'e' un punto in cui non becchi ALMENO 3 reti non protette (quindi magari sono 5 in totale...). E' una pacchia il war driving qui'! ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: E quale tracciamento?
      - Scritto da: Anonimo
      MAzza e si legherebbe ai cancelli del parco...
      Questo punto è rimasto insoluto... Mazza ha gia' provveduto a far chiudere tutte le porte sicuro.. Solo porta 80 nattati proxati e super controllati,peggio che a casa..Perche' pensavi di usare il mulo dal parco ??
  • Anonimo scrive:
    Al parco non va bene
    D'inverno uno non sta al parco col pc.D'estate neanche perché c'è troppa luce, la temperatura è troppo alta, entrano gli insetti nel computer, i ragazzi si fanno i gavettoni e magari il pc si rovina per due schizzi d'acqua.Ma poi cioè non vi sentite dei nerd a stare al parco col computer? A me lì l'ultima cosa che verrebbe in mente è di voler usare una rete wifi, massimo massimo mi porto l'ipod e ascolto la musica mentre sono stravaccato al sole.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al parco non va bene
      io invece preferirei essere affaccendato con una bella ragazza...di mani ne ho solo due e sarebbero su di lei quindi non saprei con cosa comandare il mouse eh eh eh o forse si...mmm no, decisamente no.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al parco non va bene

      Ma poi cioè non vi sentite dei nerd a stare al
      parco col computer? A me lì l'ultima cosa che
      verrebbe in mente è di voler usare una rete wifi,
      massimo massimo mi porto l'ipod e ascolto la
      musica mentre sono stravaccato al sole.wè wè... parli di nerd agli altri tu che hai l'ipod, segno distintivo dei nerd!!! (geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Al parco non va bene
      al parco va più che bene!!!sai a quanta gente basta il pc e la rete per lavorare e studiare?!?!?!?!?!Io ci proverei, non assicuro i risultati ma ci proverei...
      • Anonimo scrive:
        Re: Al parco non va bene
        - Scritto da: Anonimo
        al parco va più che bene!!!
        sai a quanta gente basta il pc e la rete per
        lavorare e studiare?!?!?!?!?!
        Io ci proverei, non assicuro i risultati ma ci
        proverei...Non so quel parco lì, ma dove vado io le formiche ci sono eccome...e non so se ricordate quell'articolo sui portatili e le formiche che si infilavano dentro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Al parco non va bene
      - Scritto da: Anonimo
      D'inverno uno non sta al parco col pc....Ma da quel che ho capito dall'articolo è l'unico modo per aggirare l'attuale legge, col cavillo che il parco è un luogo "circoscritto".
      • Anonimo scrive:
        formiche
        mi sa ke le formiche stanno ben lontante da un portatile di questi tempi visto ke rischierebbero di arrostire al volo....
        • Anonimo scrive:
          Re: formiche
          - Scritto da: Anonimo
          mi sa ke le formiche stanno ben lontante da un
          portatile di questi tempi visto ke rischierebbero
          di arrostire al volo....Ti sbagli, sono attirate dal calore. Io ho il giardino davanti e ogni tanto arriva l'invasione delle formiche che tentano di entrare tramite un tubo esterno che porta direttamente nella caldaia, dove muoiono in numero impressionante.
      • Anonimo scrive:
        Re: Al parco non va bene
        - Scritto da: Anonimo
        Ma da quel che ho capito dall'articolo è l'unico
        modo per aggirare l'attuale legge, col cavillo
        che il parco è un luogo "circoscritto".Pure casa mia e' un luogo circoscritto!
  • Anonimo scrive:
    Si ma...
    Voi scrivete:Come funziona il Wi-Fi promesso dall'amministrazione comunale di Roma? Quali tecnologie vengono impiegate? Come si finanzia? PI ne parla con i promotori, e mette a nudo la via romana al wireless---------------------Le domande da fare invece sono:- Quali standard di sicurezza vengono adottati ?!- Quali chiavi di criptazione vengono impiegate ?!- Quale autenticazione si utilizza ?!- Il tempo di navigazione di 1 ora verrà stabilito in base al MAC address ?!- Gli utenti connessi saranno a rischio sicurezza ?!Siete un quotidiano INTERNET/INFORMATICO o no ?!Saluti,SithDrew.
    • Anonimo scrive:
      Re: Si ma...
      - Scritto da: AnonimoNon ti preoccupare ora ti rispondo io!

      Le domande da fare invece sono:

      - Quali standard di sicurezza vengono adottati ?!I migliori standard del mondo.
      - Quali chiavi di criptazione vengono impiegate ?!La 2 e la 3
      - Quale autenticazione si utilizza ?!Mah gpg pgp quella roba lì.
      - Il tempo di navigazione di 1 ora verrà
      stabilito in base al MAC address ?!No, credo di no, forse sì, ma non credo.
      - Gli utenti connessi saranno a rischio sicurezza
      ?!Da nessuna parte stai sicuro, il mondo è una jungla ormai.
      Siete un quotidiano INTERNET/INFORMATICO o no ?!Chiedo il 50 e 50poi l'aiuto del pubblicoe poi faccio la chiamata a casa.No vabbe' te lo dico ora perché magari mi hai preso sul serio, ma non so rispondere alle tue domande, sono troppo difficili e acute. Ti consiglio di fare il giornalista hai il piglio giusto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si ma...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        - Il tempo di navigazione di 1 ora verrà

        stabilito in base al MAC address ?!

        No, credo di no, forse sì, ma non credo.nono, lo so io, funziona solo col uindos. :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Si ma...
      per l'ora al giorno penso che si intenda che il servizio sara' attivo una sola ora al giorno.
      • Anonimo scrive:
        Re: Si ma...
        - Scritto da: Anonimo
        per l'ora al giorno penso che si intenda che il
        servizio sara' attivo una sola ora al giorno.In verità non credo proprio... mettere in piedi un'infrastruttura per farla funzionare un'ora al giorno è un po' una stupidataIo credo che si intenda un'ora al giorno per utenteInoltre parlano di un pricing futuro, per cui mi viene da pensare ad un'autenticazione user/pass per accedereProbabilmente iscriversi sarà gratuito inizialmente e poi...SalutiLuca
        • Anonimo scrive:
          Re: Si ma...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo

          per l'ora al giorno penso che si intenda che il

          servizio sara' attivo una sola ora al giorno.

          In verità non credo proprio... mettere in piedi
          un'infrastruttura per farla funzionare un'ora al
          giorno è un po' una stupidata

          Io credo che si intenda un'ora al giorno per
          utente
          Inoltre parlano di un pricing futuro, per cui mi
          viene da pensare ad un'autenticazione user/pass
          per accedere

          Probabilmente iscriversi sarà gratuito
          inizialmente e poi...

          Saluti
          LucaInfatti. A milano anche la rete civica quando iniziò a funzionare dava 30 per gli ospiti e 1 ora per i registrati.
          • Anonimo scrive:
            Re: Si ma...
            Il servizio è gratuito e per questo, per evitare che uno ci faccia la casa, potrà rimanere solo un'ora al giorno.Il servizio sarà attivo per molte ore
    • DomFel scrive:
      Re: Si ma...
      Probabili risposte: - Probabilmente WEP a 64 o 128bit, con chiavi temporanee da un ora fornite al momento del login - Si, l'indirizzo MAC e' la maniera piu' sicura e impossibile da clonare per identificarti in una rete - Nessun rischio, non diciamo cretinate, mai stati in un aeroporto con un portatile??? Login temporaneo a durata di un ora e pagamento con carta di credito su crittazione a 128bit. La prima volta che provi ad accedere ad una pagina web verrai reindirizzato verso l'home page del fornitore del servizio per fare il login. - Si, PI e' un quotidiano informatico, e come tale non prevede domande cosi' basiche probabilmente nei loro articoli.
Chiudi i commenti