Robot con vista a 360 gradi

Un gruppo di ricercatori ha messo a punto uno speciale occhio omnidirezionale che potrà consentire alla prossima generazione di robot di orientarsi meglio e pianificare percorsi ottimali


Roma – Fornire ai robot una visione omnidirezionale. E’ questo l’obiettivo di un ambizioso progetto portato avanti da un gruppo di ricercatori americani e concretizzatosi, di recente, nello sviluppo di un “occhio” elettronico, “Argus eye”, composto da nove telecamere digitali.

In un articolo apparso sull’autorevole rivista New Scientist è stato spiegato come l’occhio passi le immagini digitali ad un computer via onde radio: qui uno speciale software è in grado di combinare insieme le immagini delle nove telecamere e calcolare le giuste traiettorie per consentire al robot di “orientarsi” e raggiungere la meta prefissata.

Gli scienziati sostengono che questo sistema può migliorare sensibilmente la capacità dei robot di muoversi fra gli ostacoli: se infatti gli uomini sono in grado di orientarsi, oltre che con la vista, anche con l’udito, l’attuale generazione di robot può spesso contare unicamente su di un solo “occhio” e alcuni sensori di pressione e movimento. Uno studio pubblicato nel 1998 dall’Università del Maryland ha provato matematicamente che se i robot potessero vedere in tutte le direzioni non necessiterebbero di alcun altro sensore di navigazione.

Sviluppare un occhio elettronico omnidirezionale come quello messo a punto dal gruppo di scienziati americani richiede lo sviluppo di un software per l’analisi delle immagini molto sofisticato: esso ha infatti il compito di fornire al robot una visione del mondo circostante a 360 gradi e calcolare distanze e traiettorie.

I ricercatori sostengono che l’Argus eye verrà ulteriormente sviluppato e, in seguito, prodotto in volumi: l’obiettivo è riuscire a ridurne sufficientemente i costi per proporlo, in futuro, anche sui robot domestici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Coltellino svizzero
    Linux e' IMHO il coltellino svizzero che consente allo sviluppatore/integratore di affrontare problemi diversi a costi hardware/software ragionevolimolti pensano che mettera' in crisi l'occupazione nel sofware io dopo 17 anni che bazzico il settore ...dico di NOil 99% degli sviluppatori non sviluppa OS o programmi tipo Office il 99% degli sviluppatori sviluppa applicazioni su misura nei campi piu' disparati della attivita' umana dai sistemi di sicurezza ,a un radar ,all'autronica ,alla domotica,al cam e all'onnipresente contabilita' fatturazione magazzinoIl cliente medio si lamenta (e' a ragione) che strumenti base come word processor ,foglio di calcolo siano pagati a parte rispetto al sistema operativo mentre e' compresivo se gli fai pagare anche salata una procedura automatica per la stampa delle etichette secondo parametri da lui specificatiSecondo me l'OPEN SOURCE e' proprio questo ...condividere lo sviluppo e gli strumenti di base ....affinche' ogniuno possa farne cio' che vuole per risolvere i problemi REALI ....che danno il PANE al 99% degli sviluppatori del pianetamente fino ad oggi l'1% si arricchiva alle loro spalle ...scrive uno che ha PAGATO UN VISUALSTUDIO 1.01.500.000 Lire per fare quattro stupidaggini ...senza parlare dei 2.000.000 L per Ms Small Business Serveroggi lavora e guadagna felicemente con Linux + MySQL+Php+ApacheSalutiOpenSorcePino Pallino
    • pippo75 scrive:
      Re: Coltellino svizzero

      oggi lavora e guadagna felicemente con
      Linux + MySQL+Php+Apache
      [OT]A casa io uso XP homeal lavoro sulle 2 macchine ho windows 95 :-)ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Coltellino svizzero
        - Scritto da: pippo75

        oggi lavora e guadagna felicemente con

        Linux + MySQL+Php+Apache



        [OT]

        A casa io uso XP home

        al lavoro sulle 2 macchine ho windows 95 :-) ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^si... le macchine del caffè...
        • Anonimo scrive:
          Re: Coltellino svizzero
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: pippo75


          oggi lavora e guadagna felicemente con


          Linux + MySQL+Php+Apache






          [OT]



          A casa io uso XP home



          al lavoro sulle 2 macchine ho windows 95
          :-)

          ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

          si... le macchine del caffè...Io ho invece un 270
        • pippo75 scrive:
          Re: Coltellino svizzero




          al lavoro sulle 2 macchine ho windows 95
          :-)

          ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

          si... le macchine del caffè...due torni da circa 250/300 milioni l'uno (il prezzo preciso non lo conosco)ciao
          • pippo75 scrive:
            Re: Coltellino svizzero

            due torni da circa 250/300 milioni l'uno (il
            prezzo preciso non lo conosco)

            ciaovalori espressi in lire.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Coltellino svizzero

      Linux e' IMHO
      il coltellino svizzero che consente allo
      sviluppatore/integratore
      di affrontare problemi diversi a costi
      hardware/software ragionevoli
      le conclusioni non rispettano la premessadici che il coltellino svizzero e' linuxe poi dici che si puo' far pagare una procedura ad hoc anche parecchi soldi, visto che e' customizzata sulle necessita del cliente.E l'open source non e' di ostacolo a questo modo di lavorare.Tutto giustoTI sfugge pero' che open source non e' linuxp meglio, non soloposso sviluppare software open source anche su windowso su ogni altra piattaformna esistentequindi linux di per se non e' assolutamente necessarioconsiderando il fatto che spesso adottare linux vuol dire far cambiare piattaforma ai clientimolto meglio allora farsi dare qualche lira in piu' per lo sviluppo, e farglielo sulla piattaforma che loro gia POSSIEDONO, conoscono e usano ogni giornociao
  • exsinistro scrive:
    Re: Chi produrrà software ?
    - Scritto da: zanac

    Aggiungo: se posti domande come queste
    significa due cose, la prima che non hai mai
    letto nulla sull'argomenti, la seconda che
    neppure hai fatto la fatica di cercare
    risposte a queste domande.E secondo te che cosa sta facendo se no cercare risposte a queste domande?Sei un bel tipo tu èh?
    • zanac scrive:
      Re: Chi produrrà software ?
      - Scritto da: exsinistro
      E secondo te che cosa sta facendo se no
      cercare risposte a queste domande?

      Sei un bel tipo tu èh?Usare i motori di ricerca mai, neh? :D
  • Mechano scrive:
    Re: Chi produrrà software ?
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao a tutti,
    vorrei fare una domanda forse per alcuni
    ridicola.
    Ipotizzando che un giorno tutto il software
    esistente sia opensource, free , ecc.. ma
    chi produrrà più il software ?
    O, per essere più precisi, chi farebbe più
    degli sforzi talvolta notevoli per metter in
    piedi una software house?Sai come funziona Unix?E' un insieme di mattoncini creati in 30 anni. Cron, Bind, Bourne Shell, at, grep ecc.Un sistemista? Deve scrivere un programa che faccia manutenzione e backup, cosa fa? Non scrive nessun programma ma fa degli script shell che richiamano exp (per il DB), tar, gzip, li infila nel cron per essere eseguito ogni giorno.Su Winzozz come fai? Hai un programma apposito a cui spiegare cio' che devi fare, anche facile, non lo metto in dubbio. Se non avessi questo programma dovresti essere un programmatore e te lo dovresti scrivere. Con Unix hai messo insieme tante risorse gia' esistenti (mattoncini) per fargli fare quello che vuoi.Cosa centra questo con quello che dici.Il freesoftware e' come quei mattoncini della filosofia di Unix/Linux.Ossia nella maggiorparte dei casi hai disponibili liberamente (con i sorgenti) e spesso gratuitamente (ma non necessariamente) una miriade di strumenti con i quali costruire applicazioni nuove. Librerie di funzioni e classi, programmi e comandi per gli scopi piu' disparati.Io sto scrivendo un programma di gestione di un'anagrafe, si basa su database mysql, sfrutta apache come webserver e il linguaggio e' php, sfruttera' OpenOffice.org per la conversione dei documenti, visualizzatori liberi di pdf o sxw ecc. Tutto e' disponibile liberamente e anche gratuitamente.Io sono oltre meta' dell'opera perche' grazie all'esistenza di un buon DB gratuito e ad altri strumenti, questi non li devo riscrivere da me. Le librerie di funzione PEAR per il php sono tanti mattoncini da mettere insieme pr velocizzare il mio lavoro dato che gia' forniscono classi per l'autenticazione e tanti esempi di cosine che mi potrebbero servire.Il lavoro di programmazione con tanti strumenti liberi si riduce ad un assemblaggio di mattoncini gia' pronti. Quindi paradossalmente il lavoro del programmatore non e' piu' cosi' pesante e gravoso da dover essere remunerato. Il tempo per la manutenzione e i servizi alle aziende alle quali fornisco questo programma unione di mattoncini preesistenti, quello me lo faccio pagare.Il software libero non uccide nessuno, rende disponibile conoscenza utile alla risoluzione di problemi, conoscenza che viene sfruttata da chi sa come sfruttrla e si fa pagare per questo.Se l'azienda alla quale serve un programma e' in grado di prendere da se questi strmenti liberi e metterli insieme per ottenere cio' che le serve forse e' l'unica cosa che sta antipatica a chi sviluppa software closed, anche perche' costoro si vedono soffiare questo predominio dal software liberamente disponibile e assemblabile da chiunque.Quindi i programmatori "closed" si rodono solo per la fine del loro predominio e monopolio grazie solo ad un'oscurita della conoscenza che viene mantenuta segreta.E' un modo diverso di vedere le cose. Un modo che a me piace e dovrebbe piacere a tutti i piccoli programmatori anche quelli closed, perche' toglie dalle mani delle poche grosse aziende del settore il predominio assoluto su tutto, che viene pagato 1/10 del suo valore.In questo modo si rimette in gioco tutto, e tutti possiamo guadagnarne qualcosa non solo in termini monetari ma anche "in" conoscenza...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
    • gian_d scrive:
      Re: Chi produrrà software ?
      grandissimo!!!!:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi produrrà software ?

      Io sto scrivendo un programma di gestione di
      un'anagrafe, si basa su database mysql,
      sfrutta apache come webserver e il
      linguaggio e' php, sfruttera' OpenOffice.org
      per la conversione dei documenti,
      visualizzatori liberi di pdf o sxw ecc.
      Tutto e' disponibile liberamente e anche
      gratuitamente.Ma questi mattoncini da dove vengono?Openoffice era a paga,mento, non vendeva il produttore lo ha dato gratis per uso personale (staroffice), questa ditta poi l'ha presa la sun che ha poi dato tutto gratis (openoffice).Ma ha potuto dare tutto gratis perche' il suo sviluppo economico si basa su altri prodotti (hw e non sw).
      Io sono oltre meta' dell'opera perche'
      grazie all'esistenza di un buon DB gratuito
      e ad altri strumenti, questi non li devo
      riscrivere da me. Perche' qualcuno li ha già scritti, questo è sempre successo e non dipende dal fatto che siano open/closed.
      Il lavoro di programmazione con tanti
      strumenti liberi si riduce ad un
      assemblaggio di mattoncini gia' pronti.
      Quindi paradossalmente il lavoro del
      programmatore non e' piu' cosi' pesante e
      gravoso da dover essere remuneratoSemplicemente perche' usi lavoro di altri programmatori che ti hanno fatto trovare tutto pronto, ma se tolgi questi.....
      In questo modo si rimette in gioco tutto, e
      tutti possiamo guadagnarne qualcosa non solo
      in termini monetari ma anche "in"
      conoscenza...tu scrivi che sei a metà dello scrivere un programma e dici: "Io sono oltre meta' dell'opera perche' grazie all'esistenza di un buon DB gratuito e ad altri strumenti, questi non li devo riscrivere da me ", sono parola tue.Dato che sei cosi' interessato a dare in giro conoscenze a tutti i programmatori ed a questa libertà, dove si puo' trovare questo tuo progetto per studiarlo.Dato che hai usato prodotti gratis spero che il tuo progetto sia gratis.
      • zanac scrive:
        Re: Chi produrrà software ?
        - Scritto da: Anonimo
        Ma questi mattoncini da dove vengono?
        Openoffice era a paga,mento, non vendeva il
        produttore lo ha dato gratis per uso[cut]Openoffice era un esempio, koffice ad esempio è nato da zero ed è eccezionale (così come abiword). Non trollare su queste cose per favore!

        Il lavoro di programmazione con tanti

        strumenti liberi si riduce ad un

        assemblaggio di mattoncini gia' pronti.
        Semplicemente perche' usi lavoro di altri
        programmatori che ti hanno fatto trovare
        tutto pronto, ma se tolgi questi.....E se mia nonna avesse le ruote.... ma per favore!
        Dato che sei cosi' interessato a dare in
        giro conoscenze a tutti i programmatori ed a
        questa libertà, dove si puo' trovare questo
        tuo progetto per studiarlo.
        Dato che hai usato prodotti gratis spero che
        il tuo progetto sia gratis.Scusa, ma che c'è di male nel rilasciare un prodotto open? Spiegamelo perché sono curioso! Hai paura di non poter campare con l'open? Beh, allora puoi iniziare un business ibrido, vedi la trolltech che con la storia delle QT open sotto Linux e closed sui device embedded sta facendo fior di quattrini!
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi produrrà software ?



          Il lavoro di programmazione con tanti


          strumenti liberi si riduce ad un


          assemblaggio di mattoncini gia' pronti.

          Semplicemente perche' usi lavoro di altri

          programmatori che ti hanno fatto trovare

          tutto pronto, ma se tolgi questi.....
          E se mia nonna avesse le ruote.... ma per
          favore!Sai che esistono componenti closed a pagamento per VB e delphi, che semplicemente trascinando un icona dalla toolbar al form ti creano il 90% cad fatto e finito in 5 secondi.Un motore di un database lo puoi creare in 1 secondo.Questo cose non le hanno inventate con l'open source, ma le hanno scritte i programmatori che ci lavorano dietro.Si chiamano librerie, esistono da tanti anni.Ora mi spieghi cosa c'entra il discorso di tua nonna con le ruote oppure devo dire che usi forme fatte senza saperle spiegare.
          Scusa, ma che c'è di male nel rilasciare un
          prodotto open? Spiegamelo perché sono
          curioso! Hai paura di non poter campare con
          l'open? Beh, allora puoi iniziare un
          business ibrido, vedi la trolltech che con
          la storia delle QT open sotto Linux e closed
          sui device embedded sta facendo fior di
          quattrini!Premesso che per quanto mi riguarda potrebbero chiudere tutte le ditte che fanno SW (proprio tutte) che direttamente non sarei colpito, caso mai prima preferirei che fosse disponibile il service pack 2 di xp.Il col computer non ci lavoro, per me è solo un passatempo, quindi non ho da temere niente, forse quello che hai paura sei tu che non riesci a fare concorrenza da solo con i tuoi prodotti e ti devi attaccare a quelli open.poi era "mechano" che difendeva l'open e i prodotti gratis, per coerenza allora che sia lui il primo a dare gratis il suo lavoro.dopotutto ha preso alcuni pezzi a tal costo........
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: Anonimo
            Sai che esistono componenti closed a
            pagamento per VB e delphi, che[cut]Senti, mio caro anonimo, stai parlando con un ex sviluppatore Delphi...
            semplicemente trascinando un icona dalla
            toolbar al form ti creano il 90% cad fatto e
            finito in 5 secondi.E non con un ex sviluppatore Delphi qualsiasi, ma proprio con uno il cui hobby era proprio sviluppare questi componenti! Dato che io non sono un troll anonimo come te mi presento: mi chiamo Vanni Brutto! Sono stato autore tra l'altro di advmenu, praticamente il primo componente per Delphi che permetteva di fare menu seri... all'epoca non sapevo cosa era l'open, e rilasciai quel componente closed, effettivamente in molti comprarono il mio prodotto, ma se tornassi indietro lo rilascierei open! Advmenu è morto, non ho più avuto il tempo di svilupparlo, ma per il fatto che era closed tutti quelli che hanno acquistato da me advmenu non sono più supportati. Si, lo so che con il closed lo fanno tutti, ma io mi sono sentito un verme, e mai più ripeterò una cosa simile!
            Un motore di un database lo puoi creare in 1
            secondo.Queste cose le fai anche con prodotti Open comunque. Uso le QT quotidianamente, e non hanno nulla da invidiare a Delphi.Ma che diamine centrano queste cose con l'open? Stai parlando di librerie, e queste cose esistono da anni!
            Si chiamano librerie, esistono da tanti anni.Ecco, appunto, mi spieghi che diamine centra con il discorso iniziale? Ma perché devi cambiare discorso e parlare di cose che non centrano nulla?
            Ora mi spieghi cosa c'entra il discorso di
            tua nonna con le ruote oppure devo dire che
            usi forme fatte senza saperle spiegare.Semplice, perché volevo farti capire che continui a cambiare discorso (come hai ancora fatto ora) facendo paragoni assurdi (che diamine, se è open è ovvio che potrai sempre creare un nuovo prodotto prendendo codice dal vecchio, perché devi dire "e se non potessi farlo"? Che discorso è? E' open, puoi farlo! Mia nonna non aveva le ruote, non poteva farlo! :))

            Scusa, ma che c'è di male nel rilasciare un

            prodotto open?
            Premesso che per quanto mi riguarda
            potrebbero chiudere tutte le ditte che fanno
            SW (proprio tutte) che direttamente non
            sarei colpito,Bah, per come ti accani a sostenere il closed sembra proprio il contrario... cmq passiamo avanti.
            caso mai prima preferirei che
            fosse disponibile il service pack 2 di xp.Lamentati con la micros~1, non venirti a lamentare con me! :)
            Il col computer non ci lavoro,Io si (purtroppo :P )
            per me è solo
            un passatempo, quindi non ho da temere
            niente, forse quello che hai paura sei tuProprio nessuna paura. Ripeto: sembra che sia tu che hai paura dell'open! Non mi hai ancora detto perché ti sta sulle balle, e non dire che non è vero altrimenti non si capisce il perché dei tuoi discorsi per sminuirlo! (ed ora se dici "ma l'open non mi sta sulle balle" vai pure a nasconderti perché allora sei un troll! discorsi come "queste cose esistono da anni e si chiamano librerie" sono fatti apposta per tirare l'acqua al tuo mulino! Infatti non centravano un figo con il discorso iniziale!).
            che non riesci a fare concorrenza da solo
            con i tuoi prodotti e ti devi attaccare a
            quelli open.Ma chi l'ha detto! Ma cosa dici! Io sono libero di rilasciare open, non mi hai ancora detto perché non dovrei farlo! Vedi che trolli?
            poi era "mechano" che difendeva l'open e i
            prodotti gratis, per coerenza allora che sia
            lui il primo a dare gratis il suo lavoro.Mai detto gratis, qui si parla di open. Vedi che trolli? Dimmi dove ho mai parlato di gratis!E' facile sparare FUD anonimi, caro il mio bel troll. Registrati e identificati!p.s. per la cronaca ora sto portando avanti un progetto il cui fine è quello di creare un clone di partition magic ma open source. Stando al tuo ragionamento dovrei mandarlo a ramengo e lasciare che tutti spendano soldi per quell'orribile e inaffidabile partition magic! Invece no, continuerò il mio sviluppo, alla faccia delle tue vaccate!
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            Non sono quello a cui hai risposto, ma mi intrometto per chiederti una cosa (visto che sei del settore)Ma secondo te ha senso imparare a programmare sotto Linux (come sto tenando di fare io) con la spada di damocle di palladium sulla capocchia ?Io mi faccio un mazzo così oggi e tra qualche anno butto tutto perchè non posso più far girare Linux su un PC...non so se mi vale la pena...- Scritto da: zanac

            - Scritto da: Anonimo

            Sai che esistono componenti closed a

            pagamento per VB e delphi, che
            [cut]

            Senti, mio caro anonimo, stai parlando con
            un ex sviluppatore Delphi...


            semplicemente trascinando un icona dalla

            toolbar al form ti creano il 90% cad
            fatto e

            finito in 5 secondi.
            E non con un ex sviluppatore Delphi
            qualsiasi, ma proprio con uno il cui hobby
            era proprio sviluppare questi componenti!
            Dato che io non sono un troll anonimo come
            te mi presento: mi chiamo Vanni Brutto! Sono
            stato autore tra l'altro di advmenu,
            praticamente il primo componente per Delphi
            che permetteva di fare menu seri...
            all'epoca non sapevo cosa era l'open, e
            rilasciai quel componente closed,
            effettivamente in molti comprarono il mio
            prodotto, ma se tornassi indietro lo
            rilascierei open! Advmenu è morto, non ho
            più avuto il tempo di svilupparlo, ma per il
            fatto che era closed tutti quelli che hanno
            acquistato da me advmenu non sono più
            supportati. Si, lo so che con il closed lo
            fanno tutti, ma io mi sono sentito un verme,
            e mai più ripeterò una cosa simile!


            Un motore di un database lo puoi creare
            in 1

            secondo.
            Queste cose le fai anche con prodotti Open
            comunque. Uso le QT quotidianamente, e non
            hanno nulla da invidiare a Delphi.

            Ma che diamine centrano queste cose con
            l'open? Stai parlando di librerie, e queste
            cose esistono da anni!


            Si chiamano librerie, esistono da tanti
            anni.
            Ecco, appunto, mi spieghi che diamine centra
            con il discorso iniziale? Ma perché devi
            cambiare discorso e parlare di cose che non
            centrano nulla?


            Ora mi spieghi cosa c'entra il discorso di

            tua nonna con le ruote oppure devo dire
            che

            usi forme fatte senza saperle spiegare.
            Semplice, perché volevo farti capire che
            continui a cambiare discorso (come hai
            ancora fatto ora) facendo paragoni assurdi
            (che diamine, se è open è ovvio che potrai
            sempre creare un nuovo prodotto prendendo
            codice dal vecchio, perché devi dire "e se
            non potessi farlo"? Che discorso è? E' open,
            puoi farlo! Mia nonna non aveva le ruote,
            non poteva farlo! :))



            Scusa, ma che c'è di male nel
            rilasciare un


            prodotto open?

            Premesso che per quanto mi riguarda

            potrebbero chiudere tutte le ditte che
            fanno

            SW (proprio tutte) che direttamente non

            sarei colpito,
            Bah, per come ti accani a sostenere il
            closed sembra proprio il contrario... cmq
            passiamo avanti.


            caso mai prima preferirei che

            fosse disponibile il service pack 2 di xp.
            Lamentati con la micros~1, non venirti a
            lamentare con me! :)


            Il col computer non ci lavoro,
            Io si (purtroppo :P )


            per me è solo

            un passatempo, quindi non ho da temere

            niente, forse quello che hai paura sei tu
            Proprio nessuna paura. Ripeto: sembra che
            sia tu che hai paura dell'open! Non mi hai
            ancora detto perché ti sta sulle balle, e
            non dire che non è vero altrimenti non si
            capisce il perché dei tuoi discorsi per
            sminuirlo! (ed ora se dici "ma l'open non mi
            sta sulle balle" vai pure a nasconderti
            perché allora sei un troll! discorsi come
            "queste cose esistono da anni e si chiamano
            librerie" sono fatti apposta per tirare
            l'acqua al tuo mulino! Infatti non
            centravano un figo con il discorso
            iniziale!).


            che non riesci a fare concorrenza da solo

            con i tuoi prodotti e ti devi attaccare a

            quelli open.
            Ma chi l'ha detto! Ma cosa dici! Io sono
            libero di rilasciare open, non mi hai ancora
            detto perché non dovrei farlo! Vedi che
            trolli?


            poi era "mechano" che difendeva l'open e i

            prodotti gratis, per coerenza allora che
            sia

            lui il primo a dare gratis il suo lavoro.
            Mai detto gratis, qui si parla di open. Vedi
            che trolli? Dimmi dove ho mai parlato di
            gratis!

            E' facile sparare FUD anonimi, caro il mio
            bel troll. Registrati e identificati!

            p.s. per la cronaca ora sto portando avanti
            un progetto il cui fine è quello di creare
            un clone di partition magic ma open source.
            Stando al tuo ragionamento dovrei mandarlo a
            ramengo e lasciare che tutti spendano soldi
            per quell'orribile e inaffidabile partition
            magic! Invece no, continuerò il mio
            sviluppo, alla faccia delle tue vaccate!
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: Anonimo
            Non sono quello a cui hai risposto, ma mi
            intrometto per chiederti una cosa (visto
            che sei del settore)Spara! :)
            Ma secondo te ha senso imparare a
            programmare sotto Linux (come sto tenando di
            fare io) con la spada di damocle di
            palladium sulla capocchia ?Bella domanda davvero! :)Premetto subito che se sapessi tutto andrei a fare l'indovino... ;) ;) ;)Seriamente: se vuoi imparare a programmare sotto Linux per cultura personale... beh, non è tempo buttato via assolutamente! Linux ci sarà sempre: Palladium minaccia l'architettura intel, ma Linux potrà ancora girare su altro tipo di hardware (quello della Apple giusto per dire), quindi stai pur tranquillo che Linux non muore con Palladium! Aggiungiamo poi che non è assolutamente detto che Palladium sia quello che molti temono, molto probabilmente Linux continuerà a girare anche sugli intel compatibili, l'unico problema sarà che sarà difficile trovare hardware che potrà essere usato senza bisogno di firme digitali... cmq chi usa Linux già ora deve cercare hardware ad hoc per il proprio OS, quindi non vedo grossi cambiamenti anche in questo.Se invece vuoi imparare Linux con in mente un possibile sbocco lavorativo... beh, qui dipende molto da cosa stai studiando! Se stai imparando php/perl e così via direi che grossi problemi a trovare lavoro non ce n'è (anche se dovrai sicuramente sportarti, ma d'altronde chi fa questa professione sa già che dovrà girare per mezza italia sempre : ).Se invece stai studiando C/C++ e cose simili... beh, in Italia la vedo dura! In germania la situazione è già migliore, ma non di tantissimo purtroppo.
            Io mi faccio un mazzo così oggi e tra
            qualche anno butto tutto perchè non posso
            più far girare Linux su un PC...Ecco, hai detto le due lettere magiche: PC! :)Guarda, Linux gira davvero bene sull'hardware Apple, tanto è vero che quando ho preso il nuovo notebook recentemente ero quasi tentato di prendere un G4, visto che è (o meglio era) l'unico notebook che aveva l'hardware 100% funzionante sotto Linux, compreso bluetooth e wireless. Dico era perché in realtà ho preso un notebook centrino (acer 803lci) per motivi di costo (costa davvero molto meno), ed è supportato appieno pure questo (compreso winmodem/bluetooth... e pure il wireless, anche se con un taccone da paura :)))
            non so se mi vale la pena...Vedi tu, sicuramente studiare non è mai tempo buttato, anzi! :)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?

            E non con un ex sviluppatore Delphi
            qualsiasi, ma proprio con uno il cui hobby
            era proprio sviluppare questi componenti!
            Dato che io non sono un troll anonimo come
            te mi presento: mi chiamo Vanni Brutto! Sono
            stato autore tra l'altro di advmenu,Te ne fa onore.
            praticamente il primo componente per Delphi
            che permetteva di fare menu seri...
            all'epoca non sapevo cosa era l'open, e
            rilasciai quel componente closed,
            effettivamente in molti comprarono il mio
            prodotto, ma se tornassi indietro lo
            rilascierei open! Advmenu è morto, Anche se morto puoi sempre rilasciarlo open, sempre se non lo hai già fatto.
            Ma che diamine centrano queste cose con
            l'open? Stai parlando di librerie, e queste
            cose esistono da anni!"mechano" parlava di usare tanti "mattoncini" per creare un'applicazione, cosa che gli ha permesso di risparmiare tanto tempo e denaro (usando prodotti gratis).Questi mattoncini qui esistono anche senza open, possono essere programmi esterni, librerie (statiche o dinamiche) o altre cose....

            per me è solo

            un passatempo, quindi non ho da temere

            niente, forse quello che hai paura sei tu
            Proprio nessuna paura. Ripeto: sembra che
            sia tu che hai paura dell'open! Non mi haineanche un po, prima usavo commodore, poi sono passato a prodotti ms-dos.Commodore è fallita, mi spiace per i dipendenti, ma per me niente è cambiato.poi......Se il closed dovesse sparire e rimanere solo l'open, nessunissimo problema ad usare quello (basta che mi permette di fare quello a cui sono interessato).
            ancora detto perché ti sta sulle balle, e
            non dire che non è vero altrimenti non si
            capisce il perché dei tuoi discorsi per
            sminuirlo! (ed ora se dici "ma l'open non mi
            sta sulle balle" vai pure a nasconderti
            perché allora sei un troll! discorsi come
            "queste cose esistono da anni e si chiamano
            librerie" sono fatti apposta per tirare
            l'acqua al tuo mulino! Infatti non
            centravano un figo con il discorso
            iniziale!).Il discorso iniziale (non scritto da me) era """l software libero non uccide nessuno, rende disponibile conoscenza utile alla risoluzione di problemi, conoscenza che viene sfruttata da chi sa come sfruttrla e si fa pagare per questo. Se l'azienda alla quale serve un programma e' in grado di prendere da se questi strmenti liberi e metterli insieme per ottenere cio' che le serve forse e' l'unica cosa che sta antipatica a chi sviluppa software closed, anche perche' costoro si vedono soffiare questo predominio dal software liberamente disponibile e assemblabile da chiunque. Quindi i programmatori "closed" si rodono solo per la fine del loro predominio e monopolio grazie solo ad un'oscurita della conoscenza che viene mantenuta segreta.""""La conoscenza utile alla risoluzione dei problemi la danno anche i closed.Prendere gli strumenti ed unirli per ottenere cio' che serve non deriva dal fatto di essere open o closed.Tu hai fatto quei componenti per delphi, anche se non erano open io potevo usarli per includerli nelle mie applicazioni.

            poi era "mechano" che difendeva l'open e i

            prodotti gratis, per coerenza allora che
            sia

            lui il primo a dare gratis il suo lavoro.
            Mai detto gratis, qui si parla di open. Vedi
            che trolli? Dimmi dove ho mai parlato di
            gratis!riporto il testo"""" si basa su database mysql, sfrutta apache come webserver e il linguaggio e' php, sfruttera' OpenOffice.org per la conversione dei documenti, visualizzatori liberi di pdf o sxw ecc. Tutto e' disponibile liberamente e anche gratuitamente.""""

            E' facile sparare FUD anonimi, caro il mio
            bel troll. Registrati e identificati!Lo faro'.
            p.s. per la cronaca ora sto portando avanti
            un progetto il cui fine è quello di creare
            un clone di partition magic ma open source.
            Stando al tuo ragionamento dovrei mandarlo a
            ramengo e lasciare che tutti spendano soldi
            per quell'orribile e inaffidabile partition
            magic! Invece no, continuerò il mio
            sviluppo, alla faccia delle tue vaccate!No, fai bene, il discorso era che fine farano i programmatori che lo fanno per professione se tutto diventerà open e free (http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=471103)?il discorso dall'inizio:Viene chiesto se tutto diventerà open e free ci sarà spazio per i programmatori professionisti e come questi verranno pagati?Rispopsta1: """Il lavoro di programmazione con tanti strumenti liberi si riduce ad un assemblaggio di mattoncini gia' pronti. Quindi paradossalmente il lavoro del programmatore non e' piu' cosi' pesante e gravoso da dover essere remunerato."""Quindi i programmatori (che programmano per lavoro) devono farlo gratis (lavoro non renumerato).Rispondo io chiedendo, ma tu lo fai gratis?Rispondi tu, chiedendomi cosa c'e' di male nel rilasciare open.Rispondo io, dicendoti, dato che "mechano" parla di lavoro cosi' leggero da non essere remunerato, che sia lui il primo ad non essere remunerato come programmatore e poi parli per gli altri.Se volete lavorare gratis solo perche' è leggero, benissimo fatelo, ma non venite a dire che anche gli altri lo facciano.Parlo di lavoro non di hobby.Ripeto la frase clou (non scritta da me):"Quindi paradossalmente il lavoro del programmatore non e' piu' cosi' pesante e gravoso da dover essere remunerato.Ma voi lavorate come programmatori senza essere remunerati, indipendetemente dal fatto che poi sia open o close il lavoro che svolgete.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            Mi permetto di dire come la vedo io.Il programmatore è un po' come un sarto: gli si paga l'arte della programmazione. Se usa Open o Closed penso che incida solo sul prezzo finale. Per esempio, un grafico che usa Photoshop includerà anche il costo del programma che ha usato dato che l'ha pagato salato. Se invece usa The Gimp, potrà defalcare il costo del programma, ma resta sempre l'onorario per il lavoro svolto. Che poi sia facile o meno non ha importanza visto che è in grado di farlo. Altrimenti il committente si fa da se il software no?! Se commissiona un programmatore vuol dire che non sa programmare e gli serve un dato programma "su misura", perciò non vedo perchè con l'Open source si faccia la fame. Se io decidessi di imparare a programmare, che faccio? Uso Visual studio? Bene, non ho soldi, quanto costa il programma? Penso un bel po'. O lo pirato e non si fa o rimango ignorante. Con l'Open source posso disporre subito degli strumenti per imparare e perchè no, fare.Scusate il disturbo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: zanac
            p.s. per la cronaca ora sto portando avanti
            un progetto il cui fine è quello di creare
            un clone di partition magic ma open source.
            Stando al tuo ragionamento dovrei mandarlo a
            ramengo e lasciare che tutti spendano soldi
            per quell'orribile e inaffidabile partition
            magic! Invece no, continuerò il mio
            sviluppo, alla faccia delle tue vaccate!sei l'autore di QTparted??? Be' se è così ti do una stretta di mano virtuale... complimentoni!! Veramente un ottimo lavoro!ciao :)
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: Anonimo
            sei l'autore di QTparted??? Be' se è così ti
            do una stretta di mano virtuale...
            complimentoni!! Veramente un ottimo lavoro!Si, sono proprio io :D'fettivamente vado piuttosto orgoglioso di qtparted, mi sta dando parecchio soddisfazioni, e pensare che è nato per scherzo.... ma questa è un'altra storia! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: zanac
            - Scritto da: Anonimo

            sei l'autore di QTparted??? Be' se è così
            ti

            do una stretta di mano virtuale...

            complimentoni!! Veramente un ottimo
            lavoro!
            Si, sono proprio io :D

            'fettivamente vado piuttosto orgoglioso di
            qtparted, mi sta dando parecchio
            soddisfazioni, e pensare che è nato per
            scherzo.... ma questa è un'altra storia! ;)Per curiosità ho visto sul sito che hai il box per le donazioni, ma quanti più o meno effettuano una donazione?
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: Anonimo
            Per curiosità ho visto sul sito che hai il
            box per le donazioni, ma quanti più o meno
            effettuano una donazione?Non molto, fin'ora solo 3 donazioni di numero da agosto... tutte sui 10 ?uro come cifra.Ho ricevuto più donazioni in hardware (qualche hard disk usato per fare prove)... :)Cmq considera che QTParted è un progetto molto giovane e ancora non è incluso nelle principali distribuzioni!Non credo ad ogni modo che se lo avessi rilasciato closed avrei ricevuto molti più soldi, anzi! La tendenza per l'utente è quella di cercare un crack.
          • il_guru scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            ops ho scritto il messaggio prima senza leggere questo.... :s comunque complimenti, un ottimo programmae comunque sei gia incluso in debian e knoppix (almeno in queste lo ho visto e usato) direi non male
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: il_guru
            comunque complimenti, un ottimo programmaGrazie grazie :)
            e comunque sei gia incluso in debian e
            knoppix (almeno in queste lo ho visto e
            usato) direi non maleIn Debian non è ancora incluso, anche se in via del tutto non ufficiale mantengo il pacchetto per SID sull'homepage di QTParted. Manca un mantainer ufficiale per Debian in pratica... io non ho il tempo di farlo molto semplicemente!Per quanto riguarda Knoppix sapevo che è incluso... cmq voglio sottolineare che QTParted è ancora alpha software, ovvero funziona, ma non posso garantire che sia bugfree (tanto per dire anche oggi ho fixato un paio di problemi nella versione CVS). Ad ogni modo tengo a sottolineare come ancora nessuno ha perso dati per colpa di QTParted (cosa che non si può certo dire per prodotti più blasonati) e che i problemi che ho corretto fin'ora sono tutte stupidaggini minime.... l'autore di ntfsresize stesso mi ha confidato in un'email che distribuisce ai suoi conoscenti cd con knoppix+qtparted e dice loro di usare la mia GUI per ridimensionare partizioni NTFS, in quanto è più pratico di ntfsresize da riga di comando :)Guarda caso infatti recentemente nelle FAQ di ntfsresize ha aggiunto questa frase:[cut here]Several softwares, like Mandrake's DiskDrake and Vanni Brutto's QTParted, integrated ntfsresize a very easy and safe to use way. Please use them unless you have good reasons not to do so.[cut here]Segno che ritiene sia diskdrake sia QTParted prodotti maturi... cmq come ho detto io non sono così ottimista, e sono consapevole che i problemi sono sempre in agguato! Poi quando si parla di manipolare le partition table.... beh, tutto può accadere! :DVa beh, mi fermo qui perché sono pieamente OT, e sicuramente in molti mi staranno mandando a quel paese... :)
          • il_guru scrive:
            [OT]Re: Chi produrrà software ?

            p.s. per la cronaca ora sto portando avanti
            un progetto il cui fine è quello di creare
            un clone di partition magic ma open source.
            Stando al tuo ragionamento dovrei mandarlo a
            ramengo e lasciare che tutti spendano soldi
            per quell'orribile e inaffidabile partition
            magic! Invece no, continuerò il mio
            sviluppo, alla faccia delle tue vaccate!ha qualcosa a che fare con qtparted?
          • zanac scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: il_guru
            ha qualcosa a che fare con qtparted?Si, sono l'autore nonché il principale sviluppatore (non più l'unico, mi sta aiutando un francese).... vedi altro messaggio nel thread ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi produrrà software ?

            Il col computer non ci lavoro, per me è solo un passatempo ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^questo spiega tutto...
          • Mechano scrive:
            Re: Chi produrrà software ?
            - Scritto da: Anonimo
            poi era "mechano" che difendeva l'open e i
            prodotti gratis, per coerenza allora che sia
            lui il primo a dare gratis il suo lavoro.
            dopotutto ha preso alcuni pezzi a tal
            costo........E lo sara'·E' mia intenzione rilasciare tutto quello che sto facendo, opensource e farmi pagare su assistenza e personalizzazioni "esotiche".Sara' tradotto in varie lingue da "amici" di altri paesi europei e potra' essere diffuso presso le P.A. di tutta Europa allargando la base d'installato e il numero di persone che potranno avere bisogno di assistenza.Per chi non vorra' mettere su server e strutture si potra' dare in outsourcing, o da me o da altri che sapranno come metterlo su e farci assistenza.E si puo' partecipare tutti insieme al suo sviluppo, ovviamente rilasciando le modifiche...--Ciao. Mr. Mechano
  • pippo75 scrive:
    Re: Chi produrrà software ?
    - Scritto da: Anonimo
    O, per essere più precisi, chi farebbe più
    degli sforzi talvolta notevoli per metter in
    piedi una software house?

    Il guadagno lo si farebbe con i servizi ?

    Ma ne siete sicuri ?Dando qualcosa in piu' rispetto al prodotto gratis e facendo pagare le licenzeSuse docet.Posono vivere anche con i servizi, ma non è detto che siano sufficienti e poi per fornire servizi devi avere una buona struttura di organico.Poi devi considerare che un tuo concorrente puo' dare lo stesso servizio senza dover recuperare il costo dello sviluppo, quindi partiresti in negativo.

    Se tutto il software sarà libero e gratuito
    per quale motivo un'azienda dovrebbe pagarvi
    tanti euro per un lavoro fatto su un
    software gratis ?Le ditte danno un prodotto gratis solo quando questo non determina loro la fonte di guadagno primario.
  • Anonimo scrive:
    Re: Chi produrrà software ?
    - Scritto da: Anonimo
    Il guadagno lo si farebbe con i servizi ?

    Ma ne siete sicuri ?Redhat docet
    Se tutto il software sarà libero e gratuito
    per quale motivo un'azienda dovrebbe pagarvi
    tanti euro per un lavoro fatto su un
    software gratis ?ti sei risposto sopra... per i servizi.
  • php_inside scrive:
    A chi interessa un editor php decente
    Navigando in rete ho trovato una bella soluzione in Java, si chiama Eclipse e penso possa fare furore tra i programmatori Php perchè è semplice, modulare e funzionante.Incorpora la visione del database direttamente sul programma stesso, il completamento automatico, il debug e tanto altro.E' portabile e funziona bene. Su http://www.eclipse.org/ trovate il coure del programma, mentre su http://phpeclipse.sourceforge.net trovate i vari plugin.Eclipse è supportata da grandi nomi come Ibm, Redhat, suse e tanti.. da provare, secondo me.Per quato riguarda l'editing in visuale, credo sia roba per inesperti di HTML o apprendisti.Ciaoo
    • debianaro scrive:
      A chi interessa un editor php decente
      - Scritto da: php_inside
      Navigando in rete ho trovato una bella
      soluzione in Java, si chiama Eclipse e penso
      possa fare furore tra i programmatori Php
      perchè è semplice, modulare e funzionante.si confermo eclipse lo utilizzo molto spesso quando devo fare delle robette in java tuttavia i plugin di php confesso di non averli mai provati bisogna dargli un'occhiata :) ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: A chi interessa un editor php decent
      - Scritto da: php_inside
      Per quato riguarda l'editing in visuale,
      credo sia roba per inesperti di HTML o
      apprendisti.Questa boiata te la potevi anche risparmiare. Persone come Lynda Weinman, David Siegel, Matthew Pizzi, ed altri nomi eccellenti del web design italiano ed estero, lavorano costantemente e quotidianamente utilizzando prodotti professionali come Dreamweaver, Golive, Flash ed altri che conoscerai benissimo come il vecchio Homesite. Oggigiorno il 75% del develop si ha grazie all'editing visuale, spesso necessario, a meno che non si tratti di realizzare la paginetta della scuola.
      • php_inside scrive:
        Re: A chi interessa un editor php decent


        Per quato riguarda l'editing in visuale,

        credo sia roba per inesperti di HTML o

        apprendisti.

        Questa boiata te la potevi anche
        risparmiare. Persone come Lynda Weinman,
        David Siegel, Matthew Pizzi, ed altri nomi
        eccellenti del web design italiano ed
        estero, lavorano costantemente e
        quotidianamente utilizzando prodotti
        professionali come Dreamweaver, Golive,
        Flash ed altri che conoscerai benissimo come
        il vecchio Homesite. Forse hai ragione, non ho reso chiaro il concetto, mi spiego meglio. Il Dreamweaver è utile nel caso in cui hai bisogno di capire e vedere il risultato finale e realizzare qualcosa infretta... io mi riferivo più che altro alla realizzazione di siti web dinamici, quindi php.Ad esempio, quando realizzo qualcosa in php, l'html lo scrivo tutto a mano oppure mi faccio mandare il layout del sito dal mio grafico per farmi un'idea di come deve venire il tutto.
  • gian_d scrive:
    Re: Chi produrrà software ?
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao a tutti,
    vorrei fare una domanda forse per alcuni
    ridicola.[cut]il software libero non intende uccidere il software proprietario ma semplicemente difendere una libertà di sceltatu fai una fotografia che identifica lo sviluppo del software con i piccoli sviluppatori, magari quelli che lavorano su commissione. IMHO penso che in questo settore siamo arrivati alla frutta, le strade sono aperte solo per le grosse software house in grado di proporre una minestra fondamentalmente riscaldata grazie al marketing e basta. uccidere questo sistema? è impossibile, GNU non si sostituirà mai a Microsoft & co, però la sua esistenza non può che garantire una parvenza di libertà per chi vuole scegliere. E senza uccidere alcun mercato, anzi forse proprio rivitalizzandolo con nuove soluzioni che non siano il solito programmino riformato nella facciatama è così difficile da capire? è così difficile capire che netscape l'ha uccisa microsoft quando non c'erano alternative e non mozilla?
    • diegoitaliait scrive:
      Re: Chi produrrà software ?
      Ragazzi debbo ammettere che questi dubbi, mi hanno non poco assilato anche a me, e la verita' ancora adesso sono diviso con le vostre due visioni.Per e verissimo che la nuova corrente che si e' venuta a creare con linux, ha permesso al mondo dell'informatica di rinnovarsi e non poco, basti pensare, che dopo win98SE, che ritengo uno delle migliori relase, di windows, abbiamo dovuto aspettare non poco per winxp, che non era la solita minestra scaldata (Me su tutti), ma chiedo anche se le grandi aziende non ne aprofitteranno, e daranno il ben servito a tutti quelli che si sono fatti in quattro per portare avanti questa filosofia.Oppure se linux non diventera' altro che un nuovo windows, quando quest'ultimo verra sconfitto, dopo tutto sempre Nomi come IBM, Hp, ecc... i stanno dietro e loro voglio guadagnarci e non poco.Certo per adesso stiamo parlando solo a livelli molto teorici, e percio' aspettiamo e che dio ce la mandi buona.ps: non sono molto d'accordo con te sul fatto di netscape, in quanto anche quest'ultima, si e' data non poche zappe sui piedi.
      • gian_d scrive:
        Re: Chi produrrà software ?
        - Scritto da: diegoitaliait
        Ragazzi debbo ammettere che questi dubbi, mi
        hanno non poco assilato anche a me, e la
        verita' ancora adesso sono diviso con le
        vostre due visioni.è normale avere dubbi, non è normale avere solo certezze

        Per e verissimo che la nuova corrente che si
        e' venuta a creare con linux, ha permesso al
        mondo dell'informatica di rinnovarsi e non
        poco, basti pensare, che dopo win98SE, che
        ritengo uno delle migliori relase, di
        windows, abbiamo dovuto aspettare non poco
        per winxp, che non era la solita minestra
        scaldata (Me su tutti), ma chiedo anche se
        le grandi aziende non ne aprofitteranno, e
        daranno il ben servito a tutti quelli che si
        sono fatti in quattro per portare avanti
        questa filosofia.questa è già una risposta ad un dubbio: ci sarebbe stato questo miglioramento di Windows senza qualche spina nel fianco? Eppure non mi sembra che la vitalità del software libero degli ultimi anni abbiano messo in seria crisi microsoft, magari...
        Oppure se linux non diventera' altro che un
        nuovo windows, quando quest'ultimo verra
        sconfitto, dopo tutto sempre Nomi come IBM,
        Hp, ecc... i stanno dietro e loro voglio
        guadagnarci e non poco.GNU-Linux non può cadere in questa trappola, la difesa sta proprio nella GPL. Al contrario, ci sono i grossi nomi che hanno capito che anche l'open può essere un business senza necessariamente fare opera di volontariato. Questo l'hanno capito in IBM, in HP, Sun ecc. o i vari "piccoli" che rispondono al nome di Red Hat o SuSe. Solo zio Bill si è trincerato in questa battaglia alla conquista del predominio assoluto. gli altri poi sono quaquaraqua che navigano sulla cresta dell'onda di mamma microsoft
        ps: non sono molto d'accordo con te sul
        fatto di netscape, in quanto anche
        quest'ultima, si e' data non poche zappe sui
        piedi.beh, la mia era una battuta buttata lì tanto per tirare un esempio, le cose sono in realtà molto più complesse. ciò non toglie che il male maggiore di netscape si chiama Internet Explorer nel momento in cui è stato saldato a windows.
  • dotnet scrive:
    Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
    stiamo assistendo in diretta allo sviluppo di un software che, come scritto nell'articolo, potrà essere ridistribuito con i sorgenti gratuitamente...perchè?in italia ci sono molte piccole software house che sviluppano editor per il web e codice in genere... bene (cioè male)... queste aziende smetteranno di sviluppare tali soluzioni per dedicarsi ad altrochi svilupperà altre soluzioni?esisterà più concorrenza vera?... insomma, il freesoftware portato a tali conseguenze porterà vantaggi solo a Lindows e a pochissimi altri... vedrete...fermiamo il freesoftware dei pochi !W il software commerciale di tutti (open o closed che sia)
    • Anonimo scrive:
      Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
      una domanda .....ma lo sviluppo economico, della societa', delle conoscenze ...etc...etc.... si ottiene facendo tutti lo stessa cosa (leggi software), oppure ottimizzando il sistema e facendo tutti cose diverse, collaborando ove possibile, utilizzando quello che e' gia' stato fatto da altri e quindi potendosi dedicare a nuove opportunita', e ottimizzando il sistema ?mi rendo conto che la domanda e' retorica, ma in effetti per me (e per moltissimi altri, si calcola che in Italia oggi gli utilizzatori di software libero siano piu' di 3 milioni) la risposta e' scontata !!WIWA il software libero !
      • dotnet scrive:
        Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
        - Scritto da: Anonimo
        una domanda .....

        ma lo sviluppo economico, della societa',
        delle conoscenze ...etc...etc.... si ottiene
        facendo tutti lo stessa cosa (leggi
        software), oppure ottimizzando il sistema e
        facendo tutti cose diverse, collaborando ove
        possibile, utilizzando quello che e' gia'
        stato fatto da altri e quindi potendosi
        dedicare a nuove opportunita', e
        ottimizzando il sistema ?

        mi rendo conto che la domanda e' retorica,
        ma in effetti per me (e per moltissimi
        altri, si calcola che in Italia oggi gli
        utilizzatori di software libero siano piu'
        di 3 milioni) la risposta e' scontata !!

        WIWA il software libero !e chi dovrebbe ottimizzarlo il sistema ? ... visto che non si guadagna un gran che con il software gratis...devi essere lungimirante per capire che il sistema fondato dallo Stallman va bene fin quando è ridotto...imho non esisterebbe tanto software al mondo se fosse tutto libero e gratuito... la proprietà è una legge di natura e la conoscenza e la sua diffusione non dipendono assolutamente dall'open source......e poi tu credi davvero che conoscere gli scontati algoritmi di NVU per la formattazione HTML equivale a "diffondere cultura e conoscenze" ???no... questa è solo una mossa maldestra di Lindows
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
          - Scritto da: dotnet
          proprietà è una legge di natura ...Trovo il resto opinabile ma su questa affermazione mi permetto di dissentire, parlo in termini antropologici ovviamente e non in termini politici o ancor peggio basandomi su una cultura."La proprietà *non* è una legge di natura" questa definizione è equivalente a dire che "esiste almeno una cultura al mondo sottoposta a condizioni naturali che possiamo ritenere "normali" che non ha questa caratteristica".La dimostrazione di questo "teorema" è semplice, la proprietà (di tipo terriero) non è patrimonio di nessuna cultura: Indiani d'america, zingari, popoli d'europa di millenni fa, ecc, ecc.La proprietà (di tipo conoscitivo) è sempre stata un patrimonio delle comunità, vedi il fuoco, vedi il ferro, vedi la carta, ecc, ecc, mai personale.La proprietà come casa è comunitaria in molte società.Si può andare avanti a lungo ma spero che ti sua utile per modificare il tuo concetto di naturalità e quello di proprietà.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
            - Scritto da: Sandro kensan

            La proprietà (di tipo conoscitivo) è sempre
            stata un patrimonio delle comunità, vedi il
            fuoco, vedi il ferro, vedi la carta, ecc,
            ecc, mai personale.
            ma cosa c'entra la conoscenza e la cultura con un prodotto software (Nvu) gratis made in Lindows per fare pagine web e distruggere qualsiasi tipo di concorrenza ?
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
            C'entra con lo sviluppo. Poi sta a Macromedia e alle altre fare in modo che il loro prodotto attragga di più la gente: è uno stimolo per loro :-)Ma anche se non fosse, di per sè rappresenta sviluppo e questo è sempre stato una cosa buona ;-)Chi ammazza la concorrenza è chi approfitta della sua condizione di monopolio (leggi... non voglio aprire flame), ma le killer application non sono mai state di per se stesse un male
          • Anonimo scrive:
            Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo

            Chi ammazza la concorrenza è chi approfitta
            della sua condizione di monopolio (leggi...mai studiato economia vero?la concorrenza perfetta si ha quando si vendono prodotti simili a prezzi simili...se uno vende a ZERO, per gli altri non rimane che adeguarsi a quel prezzo oppure chiudere...
          • gian_d scrive:
            Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Sandro kensan




            La proprietà (di tipo conoscitivo) è
            sempre

            stata un patrimonio delle comunità, vedi
            il

            fuoco, vedi il ferro, vedi la carta, ecc,

            ecc, mai personale.



            ma cosa c'entra la conoscenza e la cultura
            con un prodotto software (Nvu) gratis made
            in Lindows per fare pagine web e distruggere
            qualsiasi tipo di concorrenza ?Chiunque è libero di scegliere fra un editor wysiwyg gratuito e frontpage. Se poi Microsoft non riesce a vendere un prodotto facendo valere un eventuale valore aggiunto non mi metterò certo a piangere.Esiste una miriade di editor web, alcuni proprietari, alcuni freeware, alcuni liberi. Non mi sembra che front page o dreamweaver siano minacciati da questa concorrenza.IO preferisco scegliere: su win uso InterDev (pagato) per libera scelta e l'ho preferito ad AceHTML freeware o ad arachnophilia freeware o al composer di mozilla/netscape, mi romperebbe molto invece se fosse stata invece una scelta imposta, perciò sono tra quelli che preferiscono che un aracnophilia o un quanta plus o un bluefish continuino ad esistere.Ben venga il progetto di Lindows, sicuramente non lo userò mai perché preferisco un editor agevolato che mi indenta il codice e mi colori i tag piuttosto che un programma che mi ottimizza il codice per un browser e basta. Perciò mi auguro che sia reso disponibile a chiunque voglia farsi un'home page personale uno strumento che gli consenta di farlo senza doversi necessariamente studiarsi l'HTML o acquistare una licenza per front page o peggio ancora piratarlo.Il software libero non uccide la concorrenza, le dà impulso costringendo chiunque voglia restare nel mercato a offrire prodotti migliori. Se microsoft vuole vincere questa concorrenza che si decida a fare un editor web decente. punto.
          • Anonimo scrive:
            Ma non distrugge la concorrenza!
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Sandro kensan




            La proprietà (di tipo conoscitivo) è
            sempre

            stata un patrimonio delle comunità, vedi
            il

            fuoco, vedi il ferro, vedi la carta, ecc,

            ecc, mai personale.



            ma cosa c'entra la conoscenza e la cultura
            con un prodotto software (Nvu) gratis made
            in Lindows per fare pagine web e distruggere
            qualsiasi tipo di concorrenza ?Perchè scusa, non eri tu che fino a ieri dicevi che la gente non usa prodotti free ma è sempre la microsoft a farla da padrona? La concorrenza è stata già uccisa da microsoft anni e anni fa.
        • Xmasitel scrive:
          Re: Se avete voluto la bicicletta...
          Hai ragione, altro che la ventata di progresso del software commerciale, tipo: - la licenza sui plug-in: IE non userà più i plug-in - il brevetto sui metodi di downloadDevo continuare?Io credo che tu dovresti guardare in faccia la realtà e capire che quello che va bene per il breve termine (una spinta in più allo sviluppo) non è detto che vada bene per il lungo termine (pessima qualità a causa del TTM, idee brevettate e non più usabili o sviluppabili. società d'informatica che spendono più per gli avvocati che per gli sviluppatori, ecc).Ciao
        • debianaro scrive:
          Re: Oh mamma mia
          - Scritto da: dotnet
          e chi dovrebbe ottimizzarlo il sistema ? ...
          visto che non si guadagna un gran che con il
          software gratis...con il software gratis non ci guadagni nulla con il softwareopen source si e pure tanto.....se sei sviluppatore opensource di qualche programmastrategico tipo gnome kde mozilla apache samba ecc ecc ottieni i fondi come consulente da grandi ditte,se sei sviluppatore open source e pure affaristaci fai ancora piu soldi.come si fanno non te lo dira' mai nessuno ma stai pur certoche i servizi a valore aggiunto su linux sono concretiperche dietro ci gira gente consapevole e professionista.ci sono moltissimi case studies che dimostrano quelloche ho detto a cominciare da linuxcare prosa progeny "lindows" montavista (embedded ) thekompany e molte altre ancora...
          imho non esisterebbe tanto software al mondo
          se fosse tutto libero e gratuito... la
          proprietà è una legge di natura e la
          conoscenza e la sua diffusione non dipendono
          assolutamente dall'open source...la proprieta' intellettuale rimane sempre all'autore anche se distribuisci il tuo software GPL mentre la conoscenza intesa come valore aggiunto assume un valore intrisicamente maggiore rispettoa quella che puo avere il team di sviluppo della ACME Srl perche' oltre ad essere condivisain un certo qual modo dispone di piu potenziali sviluppatori con conseguente amuento di visibilita dellostesso.
          • Xmasitel scrive:
            Re: Se avete voluto la bicicletta...
            Anche tu hai fisso il titolo dei post? :-(Come si toglie? AIUTOOOOOOOO
          • gian_d scrive:
            Re: Ma come si fa cadere ancora nei dial
            - Scritto da: Xmasitel
            Anche tu hai fisso il titolo dei post? :-(

            Come si toglie? AIUTOOOOOOOOeheheh....anche tu vittima del mozillone?il mio subject me lo porto appresso da mesi :-D
          • Xmasitel scrive:
            Re: Ma come si fa cadere ancora nei dial
            :DIn realtà mi sono iscritto da poco e (sarà una coincidenza?) mi è successo questa cosa.A dire la verità ho anche capito perchè: mi ha registrato i dati di tutto il form compreso user e pwd e mi frega in questo modo.Non è Mozillone, ma il fratellino FireBird, ma l'ho fregato :DHo scritto un altro post, adesso, quando mi chiede quale dei due mettere mi basta cliccare su cancel ed è come se non esistesse ;-)Ciao
          • gian_d scrive:
            Re: Ma come si fa cadere ancora nei dial
            - Scritto da: Xmasitel
            :D
            In realtà mi sono iscritto da poco e (sarà
            una coincidenza?) mi è successo questa cosa.

            A dire la verità ho anche capito perchè: mi
            ha registrato i dati di tutto il form
            compreso user e pwd e mi frega in questo
            modo.

            Non è Mozillone, ma il fratellino FireBird,
            ma l'ho fregato :D

            Ho scritto un altro post, adesso, quando mi
            chiede quale dei due mettere mi basta
            cliccare su cancel ed è come se non
            esistesse ;-)

            Ciaonaturalmente puoi rimuovere solo i subject, l'ho appena fatto.Penso che la procedura sia la stessa in firebird e mozilla, se così non è fammelo sapere, dovrei accendere un altro pc per verificare. qui non ho firebird
          • gian_d scrive:
            Re: Se avete voluto la bicicletta...
            - Scritto da: Xmasitel
            Anche tu hai fisso il titolo dei post? :-(

            Come si toglie? AIUTOOOOOOOO1) click su modifica preferenze2) click su privacy e sicurezza3) click su password4) click su gestione password memorizzatea questo punto ti compare un popup con l'elenco di quello che è memorizzato nei vari postdata che hai salvato. Elimina i subject che sono salvati (li individuerai benissimo).In questo modo rimuovi i subject e lasci memorizzato nickname e password
          • Xmasitel scrive:
            Re: Se avete voluto la bicicletta...
            - Scritto da: gian_d

            1) click su modifica preferenze
            2) click su privacy e sicurezza
            3) click su password
            4) click su gestione password memorizzate

            a questo punto ti compare un popup con
            l'elenco di quello che è memorizzato nei
            vari postdata che hai salvato. Elimina i
            subject che sono salvati (li individuerai
            benissimo).
            In questo modo rimuovi i subject e lasci
            memorizzato nickname e passwordUguale su FireBird, con l'unica differenza che non devi andare su modifica, ma su tools ;-)
    • Tetsuo scrive:
      Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo
      - Scritto da: dotnet
      stiamo assistendo in diretta allo sviluppo
      di un software che, come scritto
      nell'articolo, potrà essere ridistribuito
      con i sorgenti gratuitamente...

      perchè?In modo da ottenere un prodotto libero che prima non esisteva.Gli sviluppatori verranno pagati per quello che producono.In seguito si avra un prodotto al cui sviluppo potra contribuire tutta la comunita, anche tu ( anche se non credo, visto il tuo odio per il software libero )
      in italia ci sono molte piccole software
      house che sviluppano editor per il web e
      codice in genere... bene (cioè male)...
      queste aziende smetteranno di sviluppare
      tali soluzioni per dedicarsi ad altro

      chi svilupperà altre soluzioni?Quali editor per il web??Non mi dire che tu utilizzi web editor fatti da aziende italiane?Per quanto mi riguarda utilizzo già degli editor liberi per scrivere pagine html. (Quanta Plus, bluefish, vim )
      esisterà più concorrenza vera?Certo....solo che bisognera rimboccarsi le maniche.E' questo che ti spaventa?
      ... insomma, il freesoftware portato a tali
      conseguenze porterà vantaggi solo a Lindows
      e a pochissimi altri... vedrete...?? Cioe?Spiegati meglio?Motiva le tue affermazioni."vedrete" non vuol dire nulla.Esempio:Perche lo sviluppo di un progetto come questo non dovrebbe portare dei benefici a me?
      fermiamo il freesoftware dei pochi !Ma che vuoi......se non ti piace il free software non lo utilizzare. Non rilasciare i tuoi programmi sotto gpl.Oppure vorresti obbligare la gente a non farlo?( anzi potremmo addirittura accettare come leggi i desideri delle multinazionali....così eliminiamo il problema alla radice )
    • pippo75 scrive:
      Re: Il freesoftware ucciderà lo sviluppo

      stiamo assistendo in diretta allo sviluppo
      di un software che, come scritto
      nell'articolo, potrà essere ridistribuito
      con i sorgenti gratuitamente...

      perchè?Per il semplice fato che chi lo produce on ha interessi di lucro in quel programma
      in italia ci sono molte piccole software
      house che sviluppano editor per il web e
      codice in genere... bene (cioè male)...
      queste aziende smetteranno di sviluppare
      tali soluzioni per dedicarsi ad altroO si dedicheranno ad altro oppure dovranno fare un prodotto migliore di quello gratuito.Le ditte che non sapranno adeguarsi, saranno costrette a sparire, funziona cosi' in tutti i mercati liberi e concorrenziali.Proprio nel campo web, netscape che non ha saputo adeguarsi è quasi sparita (comprata poi da AOL).E' la legge di mercato il pesce grande mangia il pesce piccolo.
      esisterà più concorrenza vera?certo
      ... insomma, il freesoftware portato a tali
      conseguenze porterà vantaggi solo a Lindows
      e a pochissimi altri... vedrete...Esistono programmi free per tutte le piataforme, compreso windows, io ad esempio uso "1st page 20002 come editror web.Il Freesoftware esiste oramai da anni.......
      W il software commerciale di tutti (open o
      closed che sia)W il SW commerciale che vale quello che costa
    • Anonimo scrive:
      Quindi "morte al libero mercato"?
      - Scritto da: dotnet
      stiamo assistendo in diretta allo sviluppo
      di un software che, come scritto
      nell'articolo, potrà essere ridistribuito
      con i sorgenti gratuitamente...

      perchè?

      in italia ci sono molte piccole software
      house che sviluppano editor per il web e
      codice in genere... bene (cioè male)...
      queste aziende smetteranno di sviluppare
      tali soluzioni per dedicarsi ad altro

      chi svilupperà altre soluzioni?

      esisterà più concorrenza vera?

      ... insomma, il freesoftware portato a tali
      conseguenze porterà vantaggi solo a Lindows
      e a pochissimi altri... vedrete...

      fermiamo il freesoftware dei pochi !

      W il software commerciale di tutti (open o
      closed che sia)Quindi quello che vorresti tu è una soluzione in cui il libero mercato non esiste, ma invece ciò che si può produrre, e il prezzo a cui lo si deve vendere, è fissato in termini di minimo e massimo per legge?Io ci sto :=)
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    - Scritto da: Anonimo
    Poi ce lo vedo il popolo linaro, avverso per
    principio ai clic, diventare un popolo di
    cliccatori... tutto da ridere...è esattamente questo l'errore che si fa pensando ai "linari".sono un linaro e uso il terminale solo per compilare il kernel...tutto il resto KDE.EnJoY
    • zanac scrive:
      Re: Chi produrrà software ?
      - Scritto da: Anonimo
      è esattamente questo l'errore che si fa
      pensando ai "linari".
      sono un linaro e uso il terminale solo per
      compilare il kernel...
      tutto il resto KDE.Confermo! Ed aggiungo anche che creare frontend grafici per le varie utility a riga di comando è pure molto semplice... manca solo la buona volentà da parte dei programmatori (o forse molto semplicemente mancano proprio programmatori che abbiano tempo di farlo).Ad esempio io sento la mancanza di tool grafici per la gestione del bluetooth sotto Linux (che funziona benissimo, meglio di quell'obrobrio di XP sicuramente, ma ricordari tutta la sequenza di comandi da digitare è assurdo.... e fare script per queste cose è ugualmente assurdo).Cmq a me la riga di comand non dispiace per nulla, anzi, trovo positivo che in Linux si possa sempre usare le due strade (CLI oppure GUI), certo che nella creazione di strumenti per la GUI siamo ancora molto indietro su molti fronti. :(
  • Anonimo scrive:
    razzista...
    - Scritto da: Shurizen
    ... a parte che io considero entrambi i software
    degli utonto-enablers (ovvero che consentono
    a gente che dovrebbe fare altro di dirsi
    degli informatici)....discorsi del genere sono razzisti oltre che stupidi......magari Frontpage si rivolge ad target di battitori di lettere in word... ma per quanto riguarda DW (o anche Golive) sono dei software seri che se usati seriamente ti permettono di lavorare bene e risparmiare tempo...un sito è al 50% programmazione e al 50% immagine e comunicazione, tu forse della prima ne sai qualcosa ma della seconda non capisci un *****!
    • Anonimo scrive:
      Re: razzista...

      ...discorsi del genere sono razzisti oltrerazzisti? tu sei di razza utonto?Secondo me hai sbagliato termine;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: razzista...
        - Scritto da: Anonimo

        ...discorsi del genere sono razzisti oltre

        razzisti? tu sei di razza utonto?
        Secondo me hai sbagliato termine
        ;-)...e il razzismo religioso?... tu sei di "razza" cristiano o mussulmana...?...il razzismo sociale? tu sei di "razza" povero o ricco...?...consulta il dizionario il razzismo non riguarda solo le "razze" in senso stretto...
    • Shurizen scrive:
      Re: razzista...

      ...discorsi del genere sono razzisti oltre
      che stupidi...Accidenti... non pensavo di aver esagerato a tal punto.. forse la barzelletta sull'ebreo, il nero e il cinese che sbagliano paradiso non la dovevo scrivere...Il razzismo è un'altra cosa.
      ...magari Frontpage si rivolge ad target di
      battitori di lettere in word...Bravo. E FrontPage e IE sono la rovina del Web dal punto di vista tecnico e di standard, infatti ce l'ho molto di più col prodotto MS che con quello Macromedia, che produce ottimi pezzi di software anche come qualità.
      ma per
      quanto riguarda DW (o anche Golive) sono dei
      software seri che se usati seriamente ti
      permettono di lavorare bene e risparmiare
      tempo...un sito è al 50% programmazione e al
      50% immagine e comunicazione, tu forse della
      prima ne sai qualcosa ma della seconda non
      capisci un *****!Beh... ti sei espresso in maniera poco educata, ma hai capito.:DComunque chi usa DW per fare qualcosa di diverso dal puro design (vedi UltraDev e porcate simili), si limita a fingersi ciò che non è. E anche questo è incontrovertibile.
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    concordo[snip]- Scritto da: Anonimo
    Come dire la merda e l'oro.

    [/snip]Frontpage è il peggior software di Microsoft.Mi ha sempre fatto schifo ed oltretutto "riscrive" letteralmente il codice a suo piacimento.... fa veramente schifo..... non oso + installarlo..... da rabbrividireDreamweaver è una favola!
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    Infatti non credo che voglia prendersi il popolo linaro... Vuole prendersi quelli che credono di poter fare un sito decente con frontpage :)Ciao,Alberto
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
      - Scritto da: Anonimo
      Infatti non credo che voglia prendersi il
      popolo linaro...
      Vuole prendersi quelli che credono di poter
      fare un sito decente con frontpage :)Io uso Composer di Mz, non so fare siti web ma so fare codice, l'interfaccia grafica insieme all'editor è la soluzione ottima e il capo progettista del Composer sarà pure quello di Nvu, quindi non concordo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    Beh, ma penso che prima di sparare qualcosa del genere si sia informato...Frontpage fa un po' schifetto... con un migliaio di dollari in india te ne fanno 5...Dreamweaver effettivamente è un po' + bellino, ma secondo me si fermeranno ad una via di mezzo.Mica penserete che lo facciano gratis? Lindows è una delle distro + venduta per gli utenti desktop, di utenti desktop di linux ce ne sono (i percentuale) pochi (in confronto ai server...)Il signor Lindows vuole fare un prodotto orientato alla semplicità, esattamente quello che manca a linux, e questo prodotto potrebbe prtargli tanta ma tanta pubblicità.Ciao,Alberto
  • Anonimo scrive:
    HTMLKit
    Che ne pensate??
    • Anonimo scrive:
      Re: HTMLKit
      Io lo uso e mi ci trovo bene. ;)
    • gian_d scrive:
      Re: HTMLKit
      - Scritto da: Anonimo
      Che ne pensate??tempo fa cercavo una versione per linux attraverso google ma mi sono perso in qualche meandro e non l'ho trovata, puoi darmi un link? per ora uso quanta plus e mi trovo abbastanza bene, ma ho letto da qualche parte che HTMLKit è raccomandato dal W3C, il che non è pocoper win uso interdev come editor di testo: mi colora il codice e così giustifico la spesa della licenza di quel pacco di visual studio :-) e non modifica un solo carattere di quello che metto io. una sola volta ho fatto l'errore di salvare dalla modalità wysiwyg una pagina che avevo editato in codice e mi ha stravolto tutto. ok, l'ho riscritta e come si suol dire l'asinello sardo si monta una sola volta. Per il resto è un ottimo editor testuale ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    - Scritto da: Shurizen
    Come farsi bannare un commento quasi serio...E' serio .Se FP è m***a, mica ne ho colpa io.

    Applicazioni come quelle costano e non
    poco.

    Cosa c'entra? Mica li comprano per
    modificarli!Costano di sviluppo, intendevo.Non mi sono espresso bene :)
    E il costo di sviluppo è solo una frazione
    di una suite Office, di cui hai già un buon
    esempio in OpenOffice.Posso dubitarne ? OO ha levato le gambe da StarOffice, senza quello volevo vedere dove era.
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    - Scritto da: Anonimo
    Ma che bel thread di troll......C'è poco da trollare, cioò che ho scritto è la verità.Offendi perchè non hai argomenti?
    Non avevate nulla da fare mentre.....guardavamo se eri in cantina ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
    - Scritto da: Anonimo
    Frontpage 2003 è tutta un'altra cosa,
    provare per credere.E' il mio lavoro e posso dirti tranquillamente che FP 2003 _non è_ un'altra cosa. :(
    Poi ce lo vedo il popolo linaro, avverso per
    principio ai clic, diventare un popolo di
    cliccatori... tutto da ridere...Dai, mica vero.......:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo


      Frontpage 2003 è tutta un'altra cosa,

      provare per credere.

      E' il mio lavoro e posso dirti
      tranquillamente che FP 2003 _non è_
      un'altra cosa. :(E' anche il mio lavoro (sono un'altro pero', non quello a cui stai rispondendo) e tra FP e DW direi che la qualita' del codice passa da orribile a schifosa.Le indicazioni del W3C, in primis per accessibilita' e leggerezza, sarebbero di non usare 14 livelli di tabelle per fare una qualsiasi stupidaggine, dato che con i fogli di stile e' possibile fare di tutto e di piu', per un risultato migliore.Anche il Javascript di DreamWeaver e' fatto evidentemente per non essere letto, con quelle funzioni inline.Non che JS sia il trionfo della leggibilita', ma addirittura peggiorarlo ...

      Poi ce lo vedo il popolo linaro, avverso

      per

      principio ai clic, diventare un popolo di

      cliccatori... tutto da ridere...

      Dai, mica vero.......:DInfatti e' una cazzata, ma i luoghi comuni aiutano i deboli di mente a far branco :)IMHO eh nw
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Al pari di FrontPage o Dreamweaver
        - Scritto da: Anonimo
        Le indicazioni del W3C, in primis per
        accessibilita' e leggerezza, sarebbero di
        non usare 14 livelli di tabelle per fare una
        qualsiasi stupidaggine, dato che con i fogli
        di stile e' possibile fare di tutto e di
        piu', per un risultato migliore.Ecco, lo sapevo di essere un inabile mentale, io uso solo le tabelle, i css non li so usare. Appena arrivo a tredici livelli mi devo dare una scrollata e studiermi i css. Per adesso vedo di scaricarmi blueFish per os x, poi magari un libro economico in cui ci sia l'abc degli stili nel web.
        Infatti e' una cazzata, ma i luoghi comuni
        aiutano i deboli di mente a far branco :)Questa me la devo segnare, ne avevo bisogno ieri ma sono sicuro che in futuro la materia prima non mancherà...:)
  • Anonimo scrive:
    Ma siamo matti?
    no dico ... siamo matti?I siti web DEVONO essere scritti con il VI ....Cosa me ne faccio di uno strumento per risparmiare tempo e denaro ....W Linux W la CLI W il perdere giornate per installare una scheda video ....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo matti?
      - Scritto da: Anonimo

      I siti web DEVONO essere scritti con il VITorna al corso di taglio e cucito (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo matti?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        I siti web DEVONO essere scritti con il VI

        Torna al corso di taglio e cucito (troll)Ecco il primo pirla che ha risposto.....Complimenti dai del troll ma la tentazione di rispondere è troppo forte ... forse non riesci ad installare un mouse e sei nervoso?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo matti?
        - Scritto da: Anonimo

        Torna al corso di taglio e cucito (troll)ROTFL :-D
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo matti?
      - Scritto da: Anonimo

      no dico ... siamo matti?

      I siti web DEVONO essere scritti con il VINon e' detto, un sito non sempre e' sviluppato da professionisti (ehm... il VI non lo usa piu' nessuno, casomai VIM, anche se io preferisco qualcosa di grafico, come Bluefish :)
      Cosa me ne faccio di uno strumento per
      risparmiare tempo e denaro ....Io nulla, dato che quel denaro magari arriverebbe a me, che la faccio di lavoro :)
      W Linux W la CLI W il perdere giornate per
      installare una scheda video ....Cosa c'entra ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma siamo matti?
      - Scritto da: Anonimo

      no dico ... siamo matti?

      I siti web DEVONO essere scritti con il VI
      ....giusto !
      Cosa me ne faccio di uno strumento per
      risparmiare tempo e denaro ....
      sisi, risparmi molto denato con strumenti M$...
      W Linux W la CLI W il perdere giornate per
      installare una scheda video ....si !
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma siamo matti?
        Ma si hai ragione!Già che ci siamo torniamo al pallottoliere! :-)PS: chiudiamo anche Stalman e Torwalds (scusa l'ignoranza ma non tempo di controllare se si scrivono così, io d'altronde uso X) in manicomio e diamo fuoco a quei computer che restano. (linux)
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma siamo matti?
          - Scritto da: Anonimo
          Ma si hai ragione!
          Già che ci siamo torniamo al pallottoliere!
          :-)
          PS: chiudiamo anche Stalman e Torwalds
          (scusa l'ignoranza ma non tempo di
          controllare se si scrivono così, io
          d'altronde uso X) in manicomio e diamo fuoco
          a quei computer che restano. (linux)bho... se ti va quando ti è passata la sbronza torna che faciamo una discussione seria. :)
  • Anonimo scrive:
    [fire/thunder]bird ......
    Si potrebbe immaginare come un prodotto simile a firebird e thunderbird, ovvero sia, e' un procedimento di distaccamento delle applicazioni della suite mozilla in applicazioni separate.Uniche due differenze:1) aggiunta di molte features rispetto al papa' mozilla-composer2) iniziativa non partita da mozilla.org, (ma con la quale vi e' comunque un legame)con NVU, mozilla ora e' completamente diviso in 3 parti.....non male.ByE (linux)
    • Sandro kensan scrive:
      Re: [fire/thunder]bird ......
      - Scritto da: Anonimo
      Si potrebbe immaginare come un prodotto
      simile a firebird e thunderbird,...Si, nota interessante.il motore di rendering sarà forse il geko o forse si richiederà mz o firebird.
  • Anonimo scrive:
    Quanta
    Come editor mi piace molto quanta, nella prossima release dovrebbe avere anche l´editor visuale. Per php e xml é molto comodo :-)http://quanta.sourceforge.net/Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Quanta
      qualcuno invece ha provato screem??http://www.screem.org
    • gian_d scrive:
      Re: Quanta
      - Scritto da: Anonimo
      Come editor mi piace molto quanta, nella
      prossima release dovrebbe avere anche
      l´editor visuale. Per php e xml é molto
      comodo :-)
      http://quanta.sourceforge.net/

      Salutianch'io mi trovo molto bene con Quanta, però la 3.1 mi sta dando dei problemi:1) se chiudo la sessione lasciandolo aperto mi va in crash al login successivo. con la 3.0 non mi capitava. cmq si tratta di un problemino del piffero visto che posso tranquillamente chiuderlo2) con la 3.0 il copia e incolla usando il drag&drop con CTRL andava bene, invece con la 3.1 non mi funziona, in pratica mi sposta il testo selezionato. questa cosa mi rompe parecchio perché lo uso spessissimo per copiare porzioni di codice ridondanti
  • Anonimo scrive:
    C'e' anche writer/web
    Se il modello di riferimento e' front page (che a me non piace sinceramente ....) writer/web in openoffice 1.1 ci somiglia parecchio,altrimenti bluefish ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' anche writer/web
      azz, bluefish non mi funziona bene, quando vado sul menu "Comandi esterni" va in segmentation faul... bho!!
      • Anonimo scrive:
        Re: C'e' anche writer/web
        Strano, forse nella tua distro c'e' allegato un paccehtto vecchio, a me funziona benissimo. Prova a dare un occhio a:http://bluefish.openoffice.nl/download.htmlCiao, Krecker
  • Anonimo scrive:
    Correzione
    Manca più volte una "e" nel nome "Dreamweaver".
  • Anonimo scrive:
    Bravo!
    ;-)Era ora!
    • Anonimo scrive:
      Re: Bravo!
      si, bell'idea, anche se cmq, composer è già ad un ottimo stato, ma non è di certo una soluzione professionale.Cmq il nome Nvu non mi dice niente.... speriamo lo cambino in qualcosa di più pronunciabile.
      • MaurizioB scrive:
        Re: Bravo!
        - Scritto da: Anonimo
        Cmq il nome Nvu non mi dice niente....
        speriamo lo cambino in qualcosa di più
        pronunciabile.Sarebbe da leggere come fosse enview, non mi sembra cosi impronunciabile...Saluti
Chiudi i commenti