Roma (dice di) procede(re) sulla banda larga

I ministri annunciano nuovi progetti e ostentano sicurezza: il broadband si va realizzando in Italia. Seconda fase della Task force


Roma – Banda larga mon amour. Il Governo italiano fa atto di fede e in poche ore fa arrivare da due diversi ministeri la conferma di progetti e l’ostentazione di sicurezza: sì, il broadband cambierà il volto di questo paese.

Il ministro delle Comunicazioni Maurizio Gasparri e quello all’Innovazione Lucio Stanca hanno ufficialmente avviato quella che viene definita “la seconda fase” dei lavori della Task force sulla banda larga. L’obiettivo della seconda fase è determinare quali debbano essere gli interventi da parte del Governo, quanto debbano essere consistenti e quali debbano essere considerati come progetti pilota.

La prima fase ha permesso di mettere insieme i dati sul broadband ed elaborare raccomandazioni strategiche: informazioni raccolte attraverso l’audizione di circa quaranta esperti, operatori, rappresentanti di pubbliche amministrazioni. Il tutto è ora nelle mani di Enzo Cheli e Giuseppe Tesauro, rispettivamente presidenti dell’Autorità TLC e di quella Antitrust.

E mentre l’Esecutivo lavora, sono ormai diversi i comuni che si danno da fare per velocizzare l’arrivo delle reti broadband nei propri territori di competenza. L’ultimo in ordine di tempo è Venezia, dove è appena stato approvato un piano generale di cablaggio. L’idea è di far partire i lavori all’inizio dell’anno prossimo in collaborazione con gli operatori che vorranno acquisire “quote” della torta veloce veneziana. Secondo Ugo Campaner, assessore ai servizi pubblici di Venezia, “questa iniziativa ha una logica diversa da quelle avviate in altre città, perché vuole favorire la concorrenza tra gli operatori. Cerchiamo inoltre di far sì che non ci sia nessuna discriminazione all’accesso dei servizi offerti dagli operatori”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Non è vero
    che il Wasp chiude.Zeldman ha specificato che sono gli obiettivi ad essere cambiati e che quindi occorre rimodulare e ripensare le strategie di intervento.Se poi consideriamo che la società di Zeldman in questo periodo ha parecchie commesse in cantiere... ecco perché serve una pausa.Non nascondo però che i toni usati per comunicare tale decisione sono stati leggermente impropri, scatenando il panico e la reazione della comunità degli sviluppatori web.
  • Anonimo scrive:
    html standard: guardatelo
    segeuendo il link che propone PI http://www.webstandards.org) e vedendo il codice HTML potete notare la bellezza di un codice scritto come si deve.che bello!!!
  • Anonimo scrive:
    che tristezza infinita
    :-(quando vedo i commerciali vinceresu chi inventa le cose...mi viene una tristezza profonda.io non invento nulla, non sono esperto di nulla ...... ciononostante cerco di comprendere con che mentalità queste cose sono state concepite ... e che mentalità le ha storpiate.:-(zob
Chiudi i commenti