Roma, software libero ed ecosistemi digitali

Un ciclo di incontri per guardare all'esperienza del Venezuela e di alcune realtà europee

Roma – Cooperazione tra Europa e Venezuela, software libero ed ecosistemi digitali per le imprese saranno le tematiche che verranno affrontate nel corso di due incontri previsti a Roma per i prossimi giorni.

Parte dell’evento ECOySOL ’08, le due giornate di incontri aperte al pubblico saranno dedicate alla presentazione del processo di migrazione del Venezuela verso il software libero e delle esperienze europee di sviluppo di digital business ecosystem, illustrate dai rappresentanti delle diverse realtà locali.

I due incontri si svolgeranno a Roma: il convegno di giovedì si svolgerà presso la Camera dei Deputati, dalle ore 9:30 alle ore 18:30, la conferenza di venerdì si terrà invece presso la Fondazione Lelio Basso dalle ore 16:00 alle ore 19:30. Maggiori informazioni e la possibilità di registrarsi sono offerte sul sito dedicato .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mr.Mechano scrive:
    Fosse gratis
    Fosse gratis o fortemente scontato l'abbonamento ADSL sarei pure disposto ad accettare...Ma non solo pago per la connessione, vengo pure spiato e le mie abitudini rivendute per farne soldi.Così io divento una risorsa ma inconsapevolmente e senza averne un beneficio di alcun genere...
  • pinco pallino scrive:
    facciamogli passare la voglia.
    se si sa che un det provider fa questi giochetti si puo sempre attaccare il provider ed impedirgli di funzionare per piu di 24 ore, ci sono diversi e svariati attacchi che e possibile realizzare verso questi soggetti tali da metterli fuori uso per il tempo necessario a fargli perdere un bel po di soldi. cosi poi vediamo quanto ci guadagnano .io inizierei con una botnet bene assortita......
    • Get Real scrive:
      Re: facciamogli passare la voglia.
      Quello che proponi è illegale.Provaci pure, vediamo cosa resta di te.
    • Mr.Mechano scrive:
      Re: facciamogli passare la voglia.
      No così no...Si può scrivere un programma che spulciando i registri del NIC prenda milioni di siti casuali e si faccia dei brevi websuck gettati in /dev/null.In questo modo la nostra navigazione appare del tutto casuale e sconfusionata e il materiale nelle mani degli ISP risulta inutile.Ci vorrebbe un plugin per Firefox che giri in background quando l'utente lo attiva.
  • uccio2 scrive:
    siti porno
    io guardo sempre siti porno, questo vuol dire che quando vengono gli zii per le feste di natale io avrò sempre e solo banner con i siti porno? e se fossi necrofilo o cinefilo? Ogni volta che faccio vedere il mio meraviglioso Mac collegato al web loro saprebbero i miei gusti grazie ai banner pubblicitari mirati?Ma è fantastico!Se questa invasione della privacy viene concessa anche in Italia io sono pronto a fare un sit-in di protesta, ovunque venga organizzato!!!PS non sono necrofilo/cinefilo/pornofilo!!!!!...o forse si?
  • ilmusico scrive:
    Il mio punto di...
    Il mio punto di vista su Thor e compagnia bella, è che per me, non essendo molto esperto sul piano della conoscenza informatica etc, sarebbe un ammattimento in più... d'altra parte, si potrebbe considerare la cosa da un' altra prospettiva: ' Se vuoi nascondere bene una cosa preziosa, mettila bene in vista: non la notera' nessuno'. Ovvero, più si insiste con varie tecniche di occultamento , in campo informatico, più si rischia di ottenere l'effetto contrario, rispetto a quello desiderato. I miei dati? Sicuramente, gli Ameri-cani, ce l'hanno, in Italia pure e chi altri ancora. Facciano pure! Naturalmente, che qualcuno si intrometta nella mia vita personale, non posso gradirlo ma , realisticamente, non dispongo di conoscenze e mezzi tali , da poter 'rintuzzare i colpi ' ricevuti.Per cui, tirrem innanz. Alla faccia di tutti i ficcanaso.
  • Prisco Mazzi scrive:
    Sì certo, come no
    Se fossero veramente anonimi non avrebbero valore commerciale.
  • buddeddu scrive:
    e le novità?
    vediamola dal punto di vista markettaro:come fai a propormi roba nuova, settori nuovi, se mi profili e poi mi vendi solo la roba nei settori che presumi mi interessino?
    • nemo scrive:
      Re: e le novità?
      - Scritto da: buddeddu
      vediamola dal punto di vista markettaro:

      come fai a propormi roba nuova, settori nuovi, se
      mi profili e poi mi vendi solo la roba nei
      settori che presumi mi
      interessino?perchè tu non ti informi solo tramite la pubblicità ma le cose nuove le puoi scoprire grazie al passaparola o magari proprio sulla pagina che stai leggendo.
  • nemo scrive:
    come faccio a non farmi tracciare
    Riguardo l'articolo finchè mi faranno scegliere mi va bene.Non uso gmail nè webmail (il mio pop3 è hostato da un amico), non mi loggo su youtube, non mi loggo su PI ;), non uso IE/Win se non dietro a firewall che blocca tutto verso l’esterno eccetto http, non uso itunes et similia, non uso il DNS del mio provider ma OpenDNS che certo si prende i miei dati ma almeno so chi sono ed hanno un buon trattamento riguardo la privacy (leggersi gli agreement prima di postare che OpenDNS è un data-harvester come gli altri, lo sono ma almeno i tuoi dati sono tutti li e puoi chiederne la cancellazione ad un solo soggetto), nn uso i servizi avanzati del mio cell, non mando il mio ipod in riparazione alla casa madre, non faccio mai se non in casi eccezionali acquisti con bancomat/carta di credito ma solo contanti, non uso mai la carta fedeltà dei supermercati, etc. etc.Se qualcuno ha da aggiungere alla lista è il benvenuto credo infatti di essermi dimenticato qualcosa
  • Ricky scrive:
    Sistemi a prova di bomba...
    Ma non di Hacker.COme al solito...almeno per il momento un sistema SU STRADA che sia veramente sicuro non esiste.I nostri dati sono USATI IMPUNEMENTE da chi crede di poterci tracciare a suo uso e consumo.Perche' vendere i MIEI dati dovrebbe essere permesso a TERZI? E perche' se i dati sono i MIEI i soldi se li becca un altro?!Vuoi vendere i fatti miei? Bene....PAGA!Se ti dico di no pero' la smetti di farti i cavolacci miei...e non usi i miei dati per i TUOI SCOPI.Scommetto che se nella vita di tutti i giorni uno mi seguisse passo passo tutto il giorno e la notte potrei denunciarlo e vedermi riconoscere la giusta ragione.Sotto la rete no, le cose cambiano...si puo' tampinare una persona sino a sviscerargli i piu' intimi segreti,DI NASCOSTO OVVIAMENTE, ed usare i dati per farci pure dei soldi...A me non pare molto giusto...ma in effetti non ci guadagno nulla.Se mi pagano sicuramente la penserei diversamente :)
    • abcdef scrive:
      Re: Sistemi a prova di bomba...
      Non è detto che il provider sia in grado di sapere quello che stai combinando: www.relakks.com50 Euro all'anno e che facciano pure tutte le statistiche che vogliono.
      • precisino scrive:
        Re: Sistemi a prova di bomba...
        - Scritto da: abcdef
        Non è detto che il provider sia in grado di
        sapere quello che stai combinando:
        www.relakks.com

        50 Euro all'anno e che facciano pure tutte le
        statistiche che
        vogliono.Detto da un abbonato, tieni conto che hai solo spostato la vulnerabilità. Non è il più il provider di connettività (ISP), ma il provider della VPN (relakks, in questo caso).Finchè non si farà il passo successivo, cioè creare una rete di distribuzione che porti buste chiuse invece che cartoline leggibili da tutti, non ci sarà soluzione.Tutte le comunicazioni dovrebbero viaggiare criptate. E già questo lascerebbe aperto il problema che è possibile associare mittente e destinatario. E come ogni spia ti direbbe, sapere che esiste un segreto è metà del segreto.
  • Nilok scrive:
    Ecco l'unico "valore"...
    Ave.Ecco l'unico "valore" che ha goggle e tutti gli altri portali che dicono di fornire dei servizi ma in realtà RACCOLGONO DATI.Una azione di questo genere dovrebbe essere PESANTEMENTE CENSURATA dalla Legge ed ovviamente dovrebbe essere vietato farlo.A presto.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Ecco l'unico "valore"...
      Non rispondo ai registrati che si chiamano "Nilok(troll3)".
      • RObba scrive:
        Re: Ecco l'unico "valore"...
        Mentre attendo l'illegalita di questi comportamenti continuo ad usare freenet...Un modo diverso di usare la rete ma per mia opinione non meno valido....Monitora questo c......e!!!Scusate l'ultimo sfogo ma ci stava troppo bene...
      • eegggiiiààà scrive:
        Re: Ecco l'unico "valore"...
        Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:sia in tema e contribuisca alla discussione in corso
      • nemo scrive:
        Re: Ecco l'unico "valore"...
        - Scritto da: Nome e cognome
        Non rispondo ai registrati che si chiamano
        "Nilok(troll3)".Lol, questa è bella
      • kattle87 scrive:
        Re: Ecco l'unico "valore"...
        l'hai fatto... e non dovresti trattarlo male visto che ha appena accettato di togliere i link ai blog discutendone in maniera civile...
  • Nome e cognome scrive:
    Ad-Block Plus!
    La soluzione già esiste, se tutti se lo installassero per protesta; tutto questo finirebbe presto.... sarebbero costretti a desistere!(idea) ;)...se non lo fanno, così come PI spesso lascia pubblicità invadente e in mezzo agli articoli o flshata cosa che sa bene essere fastidiosa..... beh: notato come si vede bene PI con adblock? :D
    • tmx scrive:
      Re: Ad-Block Plus!
      distinzione:è bello veder i siti puliti e senza pubblicità. però conta che ci devono campare molti siti che non ci chiedono niente, a parte di guardare un paio di banner...la pubblicità mirata di cui qui si parla e che si basa sulla raccolta vera e propria dei dati dell'utente è invece, QUELLA sì, un grave pericolo per la privacy, in quanto nessuno ci può garantire realmente che, una volta raccolti, non vengano venduti "in bundle" i nostri nomi E i nostri interessi.
      • Gino scrive:
        Re: Ad-Block Plus!
        Concordo. La pubblicità è il mezzo di sostentamento per molti siti gratuiti.La si può eliminare mai poi come può coprire le spese il sito?
    • Riccardo Giordani scrive:
      Re: Ad-Block Plus!
      PI con adblock è bellissimo.Prima o poi adblock sarà inutile. E' facile mettere pubblicità non bloccabile.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Ad-Block Plus!
        - Scritto da: Riccardo Giordani
        PI con adblock è bellissimo.

        Prima o poi adblock sarà inutile. E' facile
        mettere pubblicità non
        bloccabile.AdBlock ha anche la whitelist per evitare i blocchi di immagini/flash/frames utili, quindi AdBlock funzionerà sempre per bloccare la pubblicità ed evitare di essere aggirato tramite trucchetti. 8)
        • Riccardo Giordani scrive:
          Re: Ad-Block Plus!
          AdBlock riconosce la pubblicità dall'URL. Se l'URL è, ad esempio, "http://host/ ", come fa AdBlock a bloccarlo? Se anche immagini/flash/frames utili vengono pubblicati con URL simili non sarà possibile distinguerli.
          • antonio scrive:
            Re: Ad-Block Plus!
            - Scritto da: Riccardo Giordani
            AdBlock riconosce la pubblicità dall'URL. Se
            l'URL è, ad esempio, "http://host/ ", come
            fa AdBlock a bloccarlo?Dalla posizione sulla pagina. Se non lo conoscete, guardate Element Hiding Helper:https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/4364
          • Riccardo Giordani scrive:
            Re: Ad-Block Plus!
            Questo non lo conoscevo. Sicuramente è molto efficace. Anzi, direi che di più non si può.Però si tratta sempre di creare regole che facciano "match" con i contenuti da bloccare e non con gli altri. Si potrà comunque creare pubblicità non bloccabile facendo in modo che gli attributi varino opportunamente.All'inizio sarà forse un po' laborioso, ma se o quando la diffusione di adblock supererà una massa critica, lo faranno per forza.Poi forse avremo un adblock che filtra in base al contenuto (appoggiandosi ad un server)...Vedremo.
    • Torero scrive:
      Re: Ad-Block Plus!
      - Scritto da: Nome e cognome
      La soluzione già esiste, se tutti se lo
      installassero per protesta; tutto questo
      finirebbe presto.... sarebbero costretti a
      desistere!(idea)Vedere un banner è un inconveniente infimo rispetto al tracciamento perenne. Adblock è utile quanto un kleenex nella cura della broncopolmonite: asciuga il moccio ma non risolve il problema alla fonte.Una possibile soluzione è usare Torhttp://www.torproject.org/
    • Funz scrive:
      Re: Ad-Block Plus!
      - Scritto da: Nome e cognome
      La soluzione già esiste, se tutti se lo
      installassero per protesta; tutto questo
      finirebbe presto.... sarebbero costretti a
      desistere!(idea)
      ;)Per quanto mi riguarda tutto il business della pubblicità online è morto.
  • kattle87 scrive:
    Ah ah ah
    "il meccanismo di anonimizzazione adottato è a prova di bomba." ma li sentite, ci vogliono far passare per fessi oltretutto!!!Che rispetto che hanno... dovrebbe essere illegale una pratica del genere! Almeno poi condividessero gli utili con le vittime della violazione... invece no gli filtrano il traffico perchè han le braccine corte e nn gli portano una banda effettiva decente in casa...Bah... chissà tra quanto spariranno i provider....
    • precisino scrive:
      Re: Ah ah ah
      - Scritto da: kattle87
      Almeno poi
      condividessero gli utili con le vittime della
      violazione... invece no gli filtrano il traffico
      perchè han le braccine corte e nn gli portano una
      banda effettiva decente in
      casa...E' una ragione in più per filtrare... più utenti da vendersi (vendere il traffico dati ha meno valore del traffico web, major a parte, ma è ancora percepito come troppo invadente). Finchè non supereremo l'idea che la pubblicità è gratis e non cominceremo a pagare in esclusiva noi utenti per i servizi che riteniamo di valore, non ci sarà soluzione.Certo che una bella legge che obblighi a scegliere se essere un servizio a pagamento o un servizio gratuito pagato dagli inserzionisti vietando il mix dei due modi sarebbe molto utile per togliere il cavallo di troia che avvelena l'informazione (e piano piano tutti i servizi simili, come l'entertainment, l'edutainment, la politica e, generalizzando, la nostra società tutta).
Chiudi i commenti