Russia, patria di grandi programmatori

Lo sostengono gli esperti della Association for Computing Machinery, che hanno conferito l'ambitissimo premio accademico ICPC ad un team di tre giovani studenti russi


San Antonio (USA) – Il verdetto della giuria composta dai membri della Association for Computing Machinery , tra i più importanti enti scientifici del panorama informatico, ha premiato tre studenti russi della Saratov University con l’ambito premio ICPC .

Il trofeo, giunto alla sua trentesima edizione annuale, viene conferito ai migliori programmatori in grado di risolvere entro un certo tempo dieci complessi problemi matematici con l’ausilio di calcolatori elettronici. Gli studenti del prestigioso politecnico russo hanno risolto sei problemi in meno di cinque ore, guadagnando un primo premio del valore di diecimila dollari e numerose periferiche offerte da IBM , sponsor dell’evento.

I russi hanno così battuto i team di colleghi olandesi, polacchi, cinesi e statunitensi. L’età media dei partecipanti, secondo gli organizzatori eccezionalmente preparati ed appassionatissimi, si attesta attorno ai 20-22 anni. “Nella mente di uno di questi ragazzi potrebbe esserci l’inventore della cura per l’AIDS o per il cancro”, ha affermato Doug Heintzman, patron del trofeo ICPC e direttore della divisione Lotus di IBM.

La tipologia di problemi alla base della competizione, che i partecipanti hanno considerato alla stregua di una competizione sportiva , era assai varia ed intensa. Alcuni problemi hanno posto dilemmi d’ordine tecnico, come la realizzazione di un’interfaccia di rete nella maniera più economica possibile, mentre altri hanno richiesto uno sforzo puramente matematico, come il calcolo dei rapporti negli ingranaggi d’un ipotetico orologio.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    chiamato anche il "caxxi vostri locator"
    Americani ma dove è finita la vostra libertà?Nazione libera e democratica vero ?Salvo farvi i caxxi vostri ! 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca

      Americani ma dove è finita la vostra libertà?Guarda che questo e' un prodotto commerciale che ti compri se ti garba e non emenda in alcun modo le leggi costituzionali.
      Nazione libera e democratica vero ?Sicuramente piu' della Cina.
      • soulista scrive:
        Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
        - Scritto da: Anonimo

        Americani ma dove è finita la vostra libertà?

        Guarda che questo e' un prodotto commerciale che
        ti compri se ti garba e non emenda in alcun modo
        le leggi costituzionali.Il problema é che non é il "sorvegliato" a decidere di comprarlo... Queste cose vanno contro i principi base di dignità umana, che dovrebbe valere anche per i minorenni se solo gli adulti non li considerassero oggetti.

        Nazione libera e democratica vero ?

        Sicuramente piu' della Cina.giusto, ma sicuramente stanno andando in pari (e non é la Cina ad allinearsi...)
        • Anonimo scrive:
          Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
          - Scritto da: soulista

          - Scritto da: Anonimo


          Americani ma dove è finita la vostra libertà?



          Guarda che questo e' un prodotto commerciale che

          ti compri se ti garba e non emenda in alcun modo

          le leggi costituzionali.
          Il problema é che non é il "sorvegliato" a
          decidere di comprarlo...Un minorenne ha la sua dignita' di persona, ma non e' libero. Non sceglie cosa mangiare e non sceglie cosa vestire. A volte non sceglie nemmeno la scuola che vorrebbe. Questo mi pare molto piu' grave.
          Queste cose vanno contro
          i principi base di dignità umanaAllora anche dirgli "telefona assolutamente quando arrivi al campeggio" viola i principi base di dignità umana.Tu non tieni conto di dove sono i tuoi figli ora, se ne hai? Sono in casa, sono fuori, tornano, non tornano?I figli hanno anche il diritto di essere protetti e per un genitore e' un dovere.
          che dovrebbe
          valere anche per i minorenni se solo gli adulti
          non li considerassero oggetti.Proprio perche' non sono oggetti probabilmente i genitori i vogliono vivi a casa - e molti hanno ansie.E' molto presuntuoso pensare che gli altri ritengano oggetti i propri figli.Ci sono senz'altro genitori ansiosi al mondo, ed anche pessimi genitori. Ma la gran parte sa distinguere tra un tostapane ed un figlio.


          Nazione libera e democratica vero ?

          Sicuramente piu' della Cina.
          giusto, ma sicuramente stanno andando in pariSognare e' bello :)
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca

            Allora anche dirgli "telefona assolutamente
            quando arrivi al campeggio" viola i principi base
            di dignità umana.
            Tu non tieni conto di dove sono i tuoi figli ora,
            se ne hai? Sono in casa, sono fuori, tornano, non
            tornano?
            I figli hanno anche il diritto di essere protetti
            e per un genitore e' un dovere.
            Sono d'accordo con te solo se uno puo' disabilitare il dispositivo. In fin dei conti il minorenne puo' anche decidere di non telefonare quando arriva al campeggio.Paghera' poi le conseguenze delle sue azioni ma e' una sua scelta
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            - Scritto da: Anonimo

            Paghera' poi le conseguenze delle sue azioni ma
            e' una sua sceltaOrco piffero se le pagherà... 8)
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            - Scritto da: Anonimo


            Allora anche dirgli "telefona assolutamente

            quando arrivi al campeggio" viola i principi
            base

            di dignità umana.

            Tu non tieni conto di dove sono i tuoi figli
            ora,

            se ne hai? Sono in casa, sono fuori, tornano,
            non

            tornano?

            I figli hanno anche il diritto di essere
            protetti

            e per un genitore e' un dovere.



            Sono d'accordo con te solo se uno puo'
            disabilitare il dispositivo. In fin dei conti il
            minorenne puo' anche decidere di non telefonare
            quando arriva al campeggio.
            Paghera' poi le conseguenze delle sue azioni ma
            e' una sua sceltaSi ma e' una scelta che il genitore non intende dare al figlio (non telefonare intendo) Tant'e' che lo punira'.Quindi non e' lo strumento il problema, ma coercizione.Ti voglio far notare anche i vantaggi pero'.Il genitore non tormenta piu' il figlio con l'obbligo delle telefonate, evitando stress e contrasti, pero' sa dove si trova comunque, controllandolo discretamente, e il figlio crescera' sereno e senza appresioni dei genitori.Insomma, non e' questo strumento la fonte di ogni male e non va visto solo come una forma di controllo indisponente sui figli.E' la vecchia solfa del coltello che serve per spalmare il burro o per uccidere e che dipende da chi lo impugna? Si lo e'.Chi lo impugna qui il coltello?Una volta tanto non un governo o una societa' di marketing, ma un genitore, qualcuno che vuole bene al controllato e che ha effettive esigenze e doveri di controllo.Mi sembra che questo possa fare la differenza nell'uso dello strumento.
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            Facciamo così: se io fossi stato controllato probabilmente non avrei fatto uso di droghe.Firmato Mick JaggerFate un pò voi, ma rifletteci veramente...ho usato apposta esempi "forti"
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            Ma c'è anche chi ha raggiusto gli "stessi risultati" stando sempre sotto controllo: Michael JacksonMa non mi sembra che tra le due rockstar ci siano altri punti di contatto, a parte quello appunto dell'obbiettivo sociale raggiunto (nel mondo sembra conti solo quello).Uno è diventato un uomo geniale (nel suo genere), e l'altro è talmente strano da essere genio
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            V'è poi un altra cosa su cui riflettere: Il mondo è sempre più paranoico...provate a pensare perchè.Se non volete che i vostri figli facciano esperienze, legateli. La verità è tutta qui.Nella Bibbia c'è scritto: "la vera vita va a braccetto con la morte", è forte da pensare associata all'amore che si ha per un figlio, ma una vita da paranoico...Per una volta pensate a riflettere come se foste in punto di morte, e provate a pensare cos'è veramente importante nella vita.Ho provate a leggervi "Narciso e Boccadoro" o "Demian" di Hesse, e probabilmente vi renderete conto che qualcosa v'è sfuggito dalle mani in sto mondo di "grandi fratelli"
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            E capisco cosa vuol dire credere di riuscire a controllare le esperienze dei figli, io mi sentirei in grado di farlo, ma non sarebbe così anche per le nostre vite? E sono veramente così perfette? avete tutti realizzato i vostri sogni? o qualcosa (ma giusto qualcosina) sfugge? Date retta a me, o aiutate la vita a crescere vostro figlio, o vi sostituite ad essa negandole la vita.Tanto l'importante è sopravvivere. Perchè, non si sa...ma l'importante è che lo si faccia.Una vita passata sull'orlo di un burrone a lottare per la sopravvivenza, nella speranza di fare 6 al superenalotto...e vaiiii.Ma forse avete ragione voi. si, anzi, sicuramente. sono io che sono strano. continuate così
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            - Scritto da: Anonimo
            E capisco cosa vuol dire credere di riuscire a
            controllare le esperienze dei figli, io mi
            sentirei in grado di farlo, ma non sarebbe così
            anche per le nostre vite? E sono veramente così
            perfette? avete tutti realizzato i vostri sogni?
            o qualcosa (ma giusto qualcosina) sfugge? Date
            retta a me, o aiutate la vita a crescere vostro
            figlio, o vi sostituite ad essa negandole la
            vita.
            Tanto l'importante è sopravvivere. Perchè, non si
            sa...ma l'importante è che lo si faccia.
            Una vita passata sull'orlo di un burrone a
            lottare per la sopravvivenza, nella speranza di
            fare 6 al superenalotto...e vaiiii.

            Ma forse avete ragione voi. si, anzi,
            sicuramente. sono io che sono strano. continuate
            cosìE piantala.Non sei l'unico furbo ne' l'unico romantico.Sappiamo il valore delle esperienze e delle liberta'.Non l'unico sei strano, sei solo presuntuoso (e in questo sei certo non sei unico).Qui non c'entra con il controllare l'esperienza dei figli, non c'entra con la realizzazione personale, non c'entra con il legare i figli per non farli fare esperienza.Questo strumento serve a tranquillizzare i genitori apprensivi. Non trasforma di colpo i bambini in cervelli vuoti privi di aspirazioni.Conosci la frase "vai pure in campeggio/al mare/a Parigi ma chiamami quando arrivi?" Te l'avranno detta mille volte i tuoi. Erano paranoici apprensivi che ti volevano legare e contollare le tue esperienze?No, era una forma di controllo certo, ma ti ha negato la vita? Ti ha tarpato le ali? Difficile. Ad un certo punto ti sarai ribellato e non ti fai piu' controllare, ne' comandare.Ecco questo strumento e' l'equivalente moderno di quella forma di controllo che era (ed e') svolto con il telefono.Considerando che c'e' gente che non fa uscire di casa i figli nonostante esista il telefono, il problema di cui ti lagni, non e' in questo strumento, ma nel MODO in cui il controllo e' vissuto dal genitore e come questo si ripercuote sul figlio, con o senza satellitare. Che poi il genitore usi il satellitare, il radar, il detective, il telefono o la zia che segue i figli di nascosto, il problema e' _nelle persone_ e di come bilanciano le loro legittime apprensioni per la salute dei figli e le legittime aspirazioni per l'indipendenza dei figli. Quindi dacci un taglio al tuo tono paternalista che ci vuole spiegare che cosa sia la vita. Quando avremo bisogno di un prete, ce lo cercheremo.
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            Il che vale anche per le tue prediche.La mia è solo un'analisi del mondo. E se devo dire la verità, per quanto capisca la necessarietà di avere un controllo su dove sono i figli (la bambina di dieci anni uccisa per essere mangiata, ad esempio. Notizia dell'ultima ora), capisco anche che il male opposto è meno eclatante ma più diffuso.Purtroppo, e se credi puoi tentare di convincermi del contrario, se non "gridi" nessuno sembra ragionare su ciò che dici. Da qui il tono del mio "pensiero".Di fatto, i bambini hanno bisogno di fare esperienze per poter crescere (e se vuoi bene a tuo figlio non puoi negarlo), e poichè non hanno più spazi dove poter sviluppare il loro carattere (nemmeno gli adulti in questo tipo di società) mi pare eccessivo un costante controllo stile 1984 di Orwell.Forse tu sei uno di quelli che saprebbe moderarsi nell'uso di tali aggeggi, ma sei veramente convinto del bene diffuso che possiamo ricavarne da questi?Qui si tratta di controllare dove LUI decide di andare, e non di dove viene portato. Pensa alla tua vita, alle tue esperienze. Avrai qualche volta sgarrato agli ordini dei tuoi, no? e quelle esperienze hanno avuto una qualche utilità? Non credi che il fatto di sentirsi controllati li possa spingere prepotentemente a cercarsi un'indipendenza totale di pensiero, quando ancora non è il momento (ottenendo il risultato opposto)?Certo, se usato su un neonato, o in certi casi particolari riesco a capirne l'utilità, così come forse anche tu riesci a capire l'utilità di spingere la gente a pensare anche al "contrario".Gente= io e te compresi, ovvio
          • Anonimo scrive:
            Re: chiamato anche il "caxxi vostri loca
            E cmq:-, il
            problema di cui ti lagni, non e' in questo
            strumento, ma nel MODO in cui il controllo e'
            vissuto dal genitore Vedi che ci sei arrivato anche tu? Solo che manca l'incognita di come sarà vissuto dal figlio/a. In ogni senso!E cmq se non sono l'ultimo romantico...ti posso invitare a cena?
Chiudi i commenti