Safari 4 incontra il grande pubblico

Apple ha rilasciato la prima beta pubblica del suo nuovo browser, Safari 4, reputandolo già sufficientemente stabile e completo per poter essere provato da tutti i curiosi. Uno sguardo all'interfaccia e alle principali funzionalità
Apple ha rilasciato la prima beta pubblica del suo nuovo browser, Safari 4, reputandolo già sufficientemente stabile e completo per poter essere provato da tutti i curiosi. Uno sguardo all'interfaccia e alle principali funzionalità

Sono trascorsi otto mesi da quando Apple rilasciò agli sviluppatori la prima versione di test del suo nuovo browser, ed oggi Safari 4 è finalmente pronto per essere provato dalle masse. L’occasione è data dal rilascio della prima beta del browser , che Apple non ha esitato a schiaffare nella home page di Safari invitando tutti gli interessati a scaricarla e testarne con mano le migliorie e le novità.

il browser La casa della Mela definisce il suo pargolo “il browser più veloce e innovativo del mondo”, spiegando poi che i “cavalli” di Safari 4 sono erogati dal suo nuovo motore JavaScript Nitro (ex Squirrelfish), a suo dire capace di fornire performance 30 volte superiori a Internet Explorer 7 e 3 volte superiori a Firefox 3. Per i test, Apple si è avvalsa dei due benchmark standard iBench e SunSpider, già da tempo usati dai laboratori indipendenti per confrontare le performance dei principali motori JavaScript presenti e futuri.

Safari 4 abbraccia le più recenti tecnologie standard del Web, come HTML5 e CSS3 , ed apre dunque la strada ad applicazioni web più complesse e sempre più vicine al look and feel di quelle desktop. Il browser di Apple è stato tra i primi a superare il test Acid3 , principale indice del livello di conformità di un browser a standard quali CSS, JavaScript, e XML, ed è ancora uno dei primi, insieme all’imminente Firefox 3.1, a supportare le applicazioni web in modalità offline .

L’interfaccia grafica non ha subito grossi stravolgimenti, sebbene balzino subito all’occhio almeno due novità: la prima è il posizionamento delle tab in cima alla finestra , in stile Google Chrome, e non più sotto la barra dei preferiti come nelle precedenti release di Safari; la seconda è il raggruppamento di tutti i menù in due soli punti di accesso, in stile Internet Explorer 8. È ora presente anche un tasto “+” per creare istantaneamente una nuova tab: queste possono essere scambiate di posizione come già avveniva nella precedente versione, ma adesso per trascinare una scheda è necessario cliccare sull’apposita linguetta zigrinata in alto a destra. Per creare una nuova finestra è invece sufficiente trascinare una tab sopra al desktop.

L’altra importante novità dell’interfaccia di Safari 4 è la capacità di adattarsi al look di Windows XP e Vista , utilizzandone anche i font nativi: finalmente il testo delle pagine web apparirà dunque identico a quello di tutti gli altri browser per Windows, senza più i tanto criticati font con effetto “grassetto”.

A Safari 4 piacciono un mondo le anteprime delle pagine web: sotto forma di una matrice di anteprime 2D vengono proposti i 24 siti più visitati dall’utente, richiamabili attraverso la funzione Top Sites ; e sotto forma di anteprime 3D è invece possibile scorrere e cercare i siti web contenuti nella cronologia e nei bookmark. Quest’ultima funzionalità, chiamata Cover Flow , è già ben nota agli utenti di iPod e iTunes, dove è utilizzabile per sfogliare le cover degli album di musica.

Integrata con Cover Flow è poi la funzione Full History Search , che permette di ricercare parole chiave tra i contenuti e gli URL delle pagine visitate di recente e di visualizzarle all’interno della sopraccitata interfaccia 3D.

Da citare, infine, la funzione Full-Page Zoom , capace di ingrandire i contenuti di una pagina web senza degradazione della qualità e mantenendo inalterato il layout della pagina, e le funzioni di autocompletamento intelligente implementate sia nella barra degli indirizzi che in quella delle ricerche.

Secondo Apple, Safari 4 non farà felici soltanto gli utenti consumer, ma anche gli sviluppatori , che potranno servirsi di numerosi tool per effettuare il debugging del codice, ottimizzare le performance e la compatibilità di pagine e web application, ed esaminare i database offline.

Tutte le funzionalità contenute in Safari 4, che Apple afferma essere oltre 150, sono descritte in questa pagina del sito della Mela.

In redazione si è riusciti ad installare con successo Safari 4 Beta anche sotto Windows 7, dove il browser di Apple non ha mostrato incertezze né apparenti incompatibilità.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 02 2009
Link copiato negli appunti