Samsung e gli SSD esagerati

La coreana presenta nuovi dischi a stato solido per il settore enterprise. Veri e proprio mostri di capienza equipaggiati con i chip NAND tridimensionali di ultima generazione

Roma – Novità importanti in arrivo da Samsung sul fronte dello storage a stato solido, con nuovi chip di memoria NAND flash e dischi SSD dotati di capacità da primato – i più capienti “hard disk” al mondo, sostiene l’azienda – ancorché indirizzati ai clienti aziendali dotati di una capacità di spesa ben superiore a quella di un qualsiasi cliente mainstream .

La prima novità a stato solido di Samsung è costituita da die di memoria flash da 256 gigabit (32 gigabyte), unità basate sull’uso di NAND tridimensionali anche noti come V-NAND e costituite da 48 diversi strati di chip MLC (Multi Level Cell) a 3-bit per cella (TLC) in un singolo die.

Samsung presenta i nuovi chip di memoria come V-NAND flash di terza generazione, un’evoluzione che è arrivata a 48 strati dopo i 24 usati nel 2013 e i 36 del 2014; le V-NAND da 256 Gb raddoppiano la densità dei chip NAND Flash convenzionali (128Gb), tiene a precisare Samsung.

Per dimostrare le capacità e la robustezza della sua (nuova) tecnologia di memoria flash, la corporation sudcoreana ha prevedibilmente presentato anche nuove unità di storage SSD dalle capienze a dir poco esagerate: PM1633a , il non plus ultra della nuova linea di SSD, arriva a offrire 16 terabyte circa di spazio (con 15,36TB di capienza effettiva) nel tradizionale form factor da 2 pollici e mezzo.

Prestazioni? I nuovi SSD ne hanno da vendere, suggerisce Samsung , e per dimostrarlo ha presentato – in occasione della conferenza Flash Memory Summit – un server equipaggiato con 48 SSD PM1633a per un totale di 768 Terabyte di storage, 2.000.000 IOPS (operazioni I/O al secondo) contro i 10.000-90.000 IOPS degli SSD consumer. Il prezzo dei nuovi SSDè per ora ancora ignoto, e sicuramente molto salato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tasya Flanella scrive:
    grazie XXXXXXXXX!
    La nostra piattaforma cloud stava a fare la muffa, ma con i dati che volontariamente ci ripassate col vista9 faremo soldi a palate con la profilazione.
  • Osvy scrive:
    MA CHE CAVOLO STA FACENDO IL MIO WIN7?..
    Vedo che mi chiede di riavviare. Ah già, martedì scorso era il patch-day.Ok, do' un occhio alla cronologia aggiornamenti, vedo per 4 volte questa voce, dal 6/8:"aggiornamento a Windows 10 Home" - non riuscitoE MENO MALE CHE NON TI E' RIUSCITO: MA CHI TE LA MAI CHIESTO???CI MANCHEREBBE ALTRO CHE MI RITROVO CON WIN 10 A "FARGLI IL TESTER"...ma questo sono più scemotti del solito?(dice: perché usi Win? perché non ho tento per farne a meno, già provato Apple e Linux, tranquilli...). Saluti
  • Microsoft scrive:
    In verità vi dico
    In verità vi dico, io vi profilo. O)[img]http://thumbs.dreamstime.com/t/il-sacerdote-sta-dando-una-benedizione-38593434.jpg[/img]
    • pecorella smarrita aka cantinaro scrive:
      Re: In verità vi dico
      Padrino come sempre lei ha ragione, comunque bastava comprare l' originale e nessuno li avrebbe profilati, invece sono andati giù di torrentz pesante. Se la sono cercata.
  • prova123 scrive:
    A breve toglieranno il tasto di poweron
    sarà un acXXXXXrio inutile che si può guastare e semplificherà la vita dell'utonto che non dovrà fare lo sforzo anche di dovere pensare ad accendere il computer. Tra l'altro ai computer serve solo l'ibernazione. L'unico vincolo è di avere un gps su per il cul* in modo che possano verificare che l'utente che utilizza il computer sia quello autorizzato, ma lo faranno solo per la sua sicurezza.
    • Truciolo scrive:
      Re: A breve toglieranno il tasto di poweron
      I comandi del sistema operativo con Linux arrivano da una shell e dal propio propietario, con windows 10 arrivano direttamente da Redmond tramite internet, bisogna trovargli un altro nome non sono piu' sistemi operativi classici (terminale e' troppo generico) ma sono sistemi informatici semiliberi telecontrollati in remoto dal propio fornitore tramite rete WAN, potremmo abbreviarlo in SISTS. sistemiI. informaticiS. semiliberiT. telecontrollatilascio al forum trovare altri nomi plausibili magari piu' orecchiabili
      • prova123 scrive:
        Re: A breve toglieranno il tasto di poweron
        cloud based ? :)
        • Truciolo scrive:
          Re: A breve toglieranno il tasto di poweron
          - Scritto da: prova123
          cloud based ? :)dico la miaTelecontrollo e' una parola che mette paura ma inquadra esattamente la situazione, cloud invece e' una parola che ti frega come la parola ecosistema per indicare un lock-in, oppure uscendo dall'informatica come la parola verde per indicare un tipo di benzina "una parola ingannevole ideata dal marketing per far cadere gli utenti nel tranello dei software offerti come servizio, che spesso li privano del controllo delle loro attività informatiche"
          • prova123 scrive:
            Re: A breve toglieranno il tasto di poweron
            Ma se parli di telecontrollo ti guardano con lo sguardo nel vuoto e con il sorriso da ebete stampato in faccia ... loro non hanno speranza, ma è giusto così.
  • Tasya Padella scrive:
    strategia di marketing
    Abbiamo un' enorme piattadorma craudde vuota, abbiamo comprato interi cargo stracarichi di conteiner con hdd cinesi, per fortuna ci pensa vista 10 a riemXXXXX gh. Dopo il flop del mobile e del SaaS ci tocca andare di profilazione.
Chiudi i commenti