Samsung e il PC a forma di tubo

Assomiglia molto a un Mac Pro, ma è un prodotto con ambizioni diverse. È un passo dei personal computer verso nuovi design e un futuro diverso?

Milano – A una prima occhiata, il nuovo ArtPC Pulse di Samsung pare familiare : la forma cilindrica e la disposizione delle porte di input/output sono molto simili a un prodotto che è già sul mercato da qualche anno, il Mac Pro di Apple . Ma sbaglierebbe chi ritenesse che l’azienda coreana si è lanciata in una competizione diretta col PC desktop di Cupertino: nel caso di ArtPC Pulse è questione di estetica e design, più che di un prodotto pensato per fungere da workstation di un professionista.

Samsung ArtPC Pulse

Sono diversi gli aspetti che rendono chiaro quale sia il pubblico di riferimento di Samsung: la connettività, pur ampia, è centrata su quattro porte USB Type-A e una Type-C, ci sono jack audio, ethernet e HDMI, mentre mancano connessioni più veloce come la Thunderbolt che costituisce invece uno dei piatti forti dell’offerta Mac Pro. Molto diverso anche l’allestimento hardware: processori Core i5 e i7 di sesta generazione , storage SSD da 256GB (disponibile come optional anche un secondo disco, tradizionale, da 1 terabyte), RAM da 8 o 16GB. La scheda grafica è una Radeon RX460 con 2GB di RAM dedicata: un prodotto adatto a giocare fino alla risoluzione 1080p, ma che incontrerebbe qualche difficoltà ad andare oltre.

Siamo quindi distanti dai processori da 12 core che equipaggiano il pur ormai datato Mac Pro: anche per questo l’ArtPC Pulse è più snello, e incorpora un’altra differenza sostanziale con il prodotto Apple. Lo chassis incorpora un altoparlante generoso, firmato Harman Kardon , che unito alla luce blu che illumina il cilindro rende il prodotto decisamente adatto a fare bella mostra di sé in un salotto o su una scrivania di uno studio caratterizzato da mobili di design moderno. Infine, dovrebbero essere disponibil anche dei moduli di espansione – anche se non è ben chiaro come dovrebbero funzionare.

Samsung ArtPC Pulse

Anche il prezzo è molto differente da quello del Mac Pro: il nuovo ArtPC Pulse di Samsung parte da 1.199 dollari (questo il prezzo di listino su Amazon), mentre il modello con a bordo il quad-core Core i7 costa 1.599 dollari . Al cambio attuale sono circa 1.080 euro per il modello Core i5 e appena meno di 1450 euro per il fratello maggiore: un prezzo comunque sostanzioso ma che è giustificato dal design originale . È un trend che va affermandosi, questo dei form-factor originali per i PC: un modo come un altro per trovare nuove nicchie nelle quali i desktop possano sopravvivere nell’era dei dispositivi mobile a ogni costo.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Grouf scrive:
    Mamma che...
    palle sta turchia. e lasciateli stare nel loro novello medioevo col loro dittatorello wannabe e chi se ne frega. contenti loro.
    • rico scrive:
      Re: Mamma che...
      Abbastanza d'accordo: Ma, durante il golpe, vedi dei militari sfilare e ti dici: "NO, un altra volta no". Così scendi in strada e manifesti per colui che dovrebbe essere il più democratico.Poi vieni tradito e messo in galera, anche se hai solo messo fuori il naso da casa tua.
  • sandogat scrive:
    meritocrazia
    E la merkel regala a quella mer@a umana di erdogat qualche miliardo di euro (soldi nostri).Ma pensandoci bene se li merita, visto che lo str@nzo ha il sostengo del popolo bue che lo osanna.E noi ci meritiamo una europa forzata quando non era il giusto momento, grazie anche a una prode testa di caxxo (autore anche delle quote latte, che affliggono gli agricoltori da decenni), piena di XXXXXXXXX che alternativamente si fanno corrompere o non sanno cosa fare o hanno rigurgiti imperialisti (tipo gb).Tempi oscuri stanno avanzando.
    • marx scrive:
      Re: meritocrazia
      credo la turchia possa tornare utile per filtrare gli immigrati. Ce ne sono qualche milione nei campi profughi con un piede in europa. Non è così semplice.
Chiudi i commenti