Samsung fa volare le DDR SRAM

Il produttore coreano ha sviluppato un nuovo tipo di memorie DDR SRAM che ha definito le più veloci al mondo. Il target di mercato sono i computer hi-end


Seoul (Corea del Sud) – Samsung ha annunciato lo sviluppo di quella che l’azienda definisce la più veloce memoria SRAM al mondo. Basata sulla tecnologia Double Data Rate 3 (DDR3) SRAM, il nuovo chip di memoria è stato fabbricato con un processo a 90 nanometri ed è in grado, secondo il colosso coreano, di operare a velocità di 1,5 Gbit/s e ad un voltaggio di 1,2 volt.

Grazie alla nuova tecnologia “cell”, il chip SRAM di Samsung misura solo 0,79 micron quadrati e permetterà, nel prossimo futuro, di costruire moduli di memoria molto più piccoli degli attuali.

L’azienda ha già mostrato prototipi dei propri chip di memoria da 32 Mbit e, per la seconda metà dell’anno, si è detta pronta ad iniziare la produzione in volumi di versioni a 72 Mbit.

Con le sue super-SRAM Samsung conta di rivolgersi al mercato dei server e delle workstation hi-end.

A differenza delle memorie DRAM, che hanno un tempo di accesso intorno ai 60 nanosecondi, le memorie SRAM forniscono tempi tipicamente inferiori ai 10 nanosecondi. Purtroppo quest’ultimo tipo di memorie ha un ciclo di vita inferiore alle DRAM e prezzi assai più elevati: è per questo che generalmente vengono impiegate solo come memorie cache.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • usu scrive:
    Antenna GPS per Palm Asus
    :'(buongiorno a tutti, ho la necessità di acquistare la sola antenna bluetooth per il mio palm, mi sono rivolto al centro dove ho acquistato tutto il pacchetto (palm-navigator3....) mi hanno dato la spendida notizia che non vengono vendute singolarmente ma unitamente al nuovo programma...alla modica cifra di 200?....Aiuto...è mai possibile che per un singolo articolo debba riacquistare tutto il pacchetto?grazie a chiunque abbia qualche indicazione da darmi:'(:
  • usu scrive:
    Antenna GPRS palm Asus
    buongiorno a tutti, ho la necessità di acquistare la sola antenna bluetooth per il mio palm, mi sono rivolto al centro dove ho acquistato tutto il pacchetto (palm-navigator3....) mi hanno dato la spendida notizia che non vengono vendute singolarmente ma unitamente al nuovo programma...alla modica cifra di 200?....Aiuto...è mai possibile che per un singolo articolo debba riacquistare tutto il pacchetto?grazie a chiunque abbia qualche indicazione da darmi
  • Anonimo scrive:
    APPELLO UTENTI INSODDISFATTI ASUS...
    Faccio un APPELLO rivolgendomi a tutti gli utenti ASUS insoddisfatti che hanno il proprio Notebook in assistenza e non gli viene riconsegnato.Personalmente mi sento preso in giro dalla Asus e dalla Teknema in quanto non mi danno alcuna informazione sul mio notebook da oltre 20 giorni lavorativi.Così, presupposto che l'unione fa la forza, possiamo citare in giudizio la Asus Italia nonchè la Teknema per diversi motivi.Quello che vi chiedo e di unirci per affrontare un unico procedimento Giudiziario nei confronti delle suddette Ditte.Uniamoci.....
    • Anonimo scrive:
      Re: APPELLO UTENTI INSODDISFATTI ASUS...
      Anch'io ho il tuo stesso problema! con la scusa che manca la scheda madre in magazzino del mio notebook è da più di 20 giorni che aspetto il portatile!Sono daccordo con te ....uniamoci!La mia mail è:thinkbig2k@NOSPAMkatamail.com
  • pablo scrive:
    L3D dove è lo slot aggiuntivo Ram
    questo è il mio dubbio amletico ho un asus L3196 che appartiene ad una di queste tre serie o a tutte e tre.Il problema e' questo: ha acqistato una ram aggiuntiva sicuro del fatto che il mio portatile avesse 2 slot di memoria di cui uno occupato dalla ram fornita standard da 256-mb e un altro slot a disposizione.Questo mi viene confermato dal sito asus e dal manuale che c'era nella scatola del notebook (imballata originale asus al momento dell'acquisto). Ora con la mia nuova ram, apro lo sportellino che dovrebbe contenere gli slot.......e me ne trovo 1 solo !!!!!!!. Qualcuno sa se magari l'altro slot si trova da qualche altra parte ==???? grazie
    • Anonimo scrive:
      Re: L3D dove è lo slot aggiuntivo Ram
      Semplice.... non c'è!!!Anch'io ho lo stesso problema con un L3.Quello che sicuramente possiamo fare è rimandare i notebook indietro e reclamare la restituzione dei soldi perchè il notebook NON è CONFORME alle specifiche di vendita.UNIAMOCI IN UNA AZIONE DI GIUDIZIO...
    • Anonimo scrive:
      Re: L3D dove è lo slot aggiuntivo Ram
      io l'ho trovato per caso......si trova sotto la tastiera, sotto ad un pannellino in acciaio sulla destra.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: AIUTO!!!!!!!!!!!!
    non preoccuparti anche a me succede e ormai c'ho fatto l'abitudine. Ho provato a chiedere ma niente. Inoltretutto il mio l2000 ha bruciato 2 alimentatori e mi sono accorto che togliendo la batteria funzionava tutto. Allo SMAU a Milano mi hanno trattato malissimo quando gli ho detto che erano lenti in riparazione. Morale della favolo mai più Asus
  • Anonimo scrive:
    ASUS CHE VERGOGNAAA!!!!
    Ho acquistato un portatile ASUS della serie L3 nell'aprile del 2003 ora per la terza volta dovrei mandarlo in riparazione sotto garanzia per lo stesso problema: compare una riga nera sull'LCD in corrispondenza delle cerniere io presuppongo che le cerniere esercitano troppa forza sul display che quindi si spacca....l'lcd lo hanno sostituito già due volte ma le cerniere noooo!!!ed inoltre il portatile è stato a Milano un mese per volta!!! Ho parlato con il Sig.Crispiatico il quale dice che è impossibile che siano le cerniere e che l'lcd si spacchi e tantomeno che abbiano sostituito l'lcd per ben due volte...constatata la sua arroganza e indisponibilità nei confornti dei clienti mi son rivolto ad un'unione dei consumatori ma mi hanno detto che con il contratto di garanzia ASUS non si può che inviare la macchina in riparazione. Son stufo di questa ditta...vorrei sapere chi è che dice che è affidabile, seria e leader nel settore...ma che settore?quello delle fregature? Mi raccomando non acquistate prodotti ASUS non ne vale la pena!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: ASUS CHE VERGOGNAAA!!!!
      D'accordo con te, anche io non acquisterò mai più prodotti asus (sono un rivenditore di informatica, a me è successo che non hanno nè riparato nè sostiuito un palmare difettoso (lcd) perchè secondo loro si era rotto sedendoci sopra, quando invece il difetto è stato prodotto davanti ai miei occhi dalla mia cliente che aveva solo premuto con lo stilo in dotazione sul pannello lcd.Adesso mi chiedono anche le spese per il rinvio del prodotto e la diagnosi (secondo me non lo hanno neanche aperto) anzi ne sono sicuro, oltre il danno la beffa.
  • Anonimo scrive:
    Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
    Sono la proprietaria di u notebook Asus A2810 comprato il 23 marzo 2004. Dopo una sola settimana ha manifestato un difetto di accensione per il quale è stato mandato alla casa madre dal rivenditore. Il difetto è stato imputato alla scheda madre che deve essere sostituita. Per farla breve il mio computer si trova nei laboratori della ditta da 45 giorni senza che nessuno mi sappia dire quanto ancora devo aspettare. Nel frattempo io non posso usare un prodotto che ho profumatamente pagato e nessuno dalla Asus risponde alle mie e-mail e ai miei fax di reclamo. Mi chiedo se possa essere questo il comportamento di una ditta che si defisce seria e professionale. Non credo che comprerò oiù prodotti Asus in futuro dal momento che mi sento totalmete presa in giro da un'azienda che non sembra avere alcun interesse nel curare i rapporti con la clientela.
    • Anonimo scrive:
      Re: Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
      ma se non siete buoni ad usarli i pc o i portatili non li comprate che è meglioio ho avuto portatili asus e acer, e mai un problema, ho sempre comprato schede madri asus, mai avuto problemipoi certo, se trattate i pc e i portatili come elettrodomestici, sbattendoli ovunque, facendoci cascare l'acqua sopra (o altri liquidi), facendoli riempire di polvere, trasportandoli in giro accesi rischiando di rovinare l'hd, e altre cose che ho visto fare da un sacco di persone, poi non vi lamentate se non funziona, dentro i pc mica ci sono i criceti che girano dentro la ruota, ci sono componenti elettronici DELICATISSIMInon potete immaginare quante volte mi è capitato di sentire gente che lavore all'assistenza tecnica lamentarsi perché gli mandano sempre roba che si è rotta per stupidità dell'utente, non perché fatta maletempo fa stavo in un centro commerciale, una pretendeva che gli venisse sostituito un cellulare in garanzia, perché aveva il display rotto, alla domanda "come si è rotto il display", ha risposto "perché cercavo di smontare la batteria, e il cellulare mi è caduto mentre la smontavo, quindi non è colpa mia, perché il cellulare mi è caduto mentre levavo la batteria messa troppo stretta" e questa è solo uno degli episodi più allucinanti che mi sono capitatinon penso che la asus sia tenuta a garantire per la stupidità degli utenti
      • Anonimo scrive:
        Re: Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
        Carissimo, anche io ho sempre acquistato schede madri asus e non avevo mai avuto problemi (ne ho comprato sicuramente più di te perchè sono un rivenditore) ma sui palmari e sui notebook il discorso è ben diverso, ho avuto diversi problemi di assistenza e altro, se è vero che ci sono utenti non prorpio onesti è anche vero che tanti che lo sono ti posso assicurare che hanno lo stesso problemi!!!! purtroppo dopo la cattiva esperienza con un palmare ho deciso che non acquisterò più prodotti asus.hanno lesinato su un palmare (che non hanno sostituito ingiustamente in garanzia) ma ci hanno già rimesso molto di più perchè i miei 25/30 mila euro all'anno di prodotti asus non li avranno più. saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
      manda uan raccomandata con ricevuta di ritornoad asus italy via piero gobetti 2/B20063 cernusco sul naviglio intimando la restituzione nel notebook entro 15 giorni altrimenti agirai in guidizio.buona fortuna io aspetto da 4 mesi
    • Anonimo scrive:
      Re: Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
      Sono un'altro cliente Asus e mi aggiungo ai tanti delusi.Ho il portatile (in garanzia) in riparazione da 18 giorni e chiedo solo di sapere qual'è il difetto e i tempi previsti di consegna...o non ottengo risposte o mi viene detto (a volte con tono scocciato e poco gentile) che "...sarà nostra cura contattarla..." (questo sia da asus che dalla società teknema)Mi sento preso in giro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Assistenza Asus:5 giorni?? magari!!
      Ciao a tutti!Caspita sono senza parole! Volevo comprare un notebook ed ero abbastanza ispirato da Asus, sia come offerta che come sicurezza.Ho guardato su vari siti per trovare opinioni e devo dire che riuscivo a trovarne solo di buone (ma come ho fatto?). Poi tutti mi consigliavano Asus o Sony. Insomma ho preso un modello della serie M6800Ne e quando mi è arrivato tutto contento l'ho acceso: un pixel bruciato. Ora mi rendo conto che rispetto a tutto quello che ho appena letto, voglio dire un pixel bruciato non è nulla in confronto, tuttavia la delusione è stata tantissima per non parlare poi quando ho letto la garanzia. Ho mandato una mail per informazioni e non ho avuto risposte. Il mio rivenditore ha chiamato Asus ma la risposta è che si lavano le mani. Sono davvero deluso!E' davvero bruttissimo puntare su qualcosa che sembra tanto affidabile e poi trovarsi subito una pugnalata dietro la schiena!Poi con quel che costa un portatile hanno anche il coraggio di venirmi a dire che fino a 4-5 bad pixel l'lcd è considerato funzionante in maniera accetabile!?Quel che è bello è che proprio ora che ho comprato il notebook riesco a trovare critiche negative di questo tipo....Sono proprio senza parole. Termino qui il mio sfogo!Un saluto a tutti
  • Anonimo scrive:
    Dov'è la risposta ASUS ??
    Ciao, sono anche io uno sfortunato acquirente di un notebook ASUS. Anche io ho avuto delle risposte dall'assistenza a dir poso ridicole per non dire ASSURDE!! Qualcuno mi indica, percortesia, dov'è questa lettera dell'assistenza di cui tanto si parla in questo form? Vorrei farmi 2 risate anche io.
  • Anonimo scrive:
    Cavallette e Colossi
    Il problema sta solo nel fatto che non siamo capaci di farci rispettare in quanto clienti, acquirenti, soncumatori, pagatori insomma.Il cliente è merce rara, ASUS come altri dovrebbero saperlo.Ma loro sono i colossi, e noi le piccole cavallette.Succede pero' che anche le cavallette, se si uniscono, possono essere una piaga d'Egitto.Per capire cosa intendo basta vedere cosa sta succedendo all' ADSL di Infostrada ferocemente criticato nei newsgroup e in picchiata di vendite.Meditiamo, cavallette, meditiamo... (= diffondiamo la vicenda nei newsgroup, ad esempio)
  • Anonimo scrive:
    Calo di qualità
    Io lavorando in un negozio di informatica ho potuto notare una cosa, che non vale solo per i notebook asus, ma per qualsiasi prodotto: i prezzi continuano a scendere e insieme a loro anche la qualità delle periferiche.Ci sono stampanti da 40 euro che si rompono solo a guardarle. Anche se i notebook sono ben più costosi di 40 euro il discorso in proporzione è lo stesso.Mi dispiace doverlo ammettere ma i guasti negli ultimi tempi sono di molto aumentati, soprattutto di hard disk.Per quanto riguarda i pixel bruciati tutte le case produttrici fanno così, quando qualcuno parla di volerselo fare cambiare dal rivenditore non capisco perchè tutta questa cattiveria verso di noi che purtroppo non c'entriamo nulla, sono i costruttori che dovrebbero essere puniti. e Dovrebbero cambiarli. Sostituire un lcd per un rivenditore sarebbe una grossa perdita finanziaria, una casa produttrice neanche se ne accorgerebbe...
    • Anonimo scrive:
      Re: Calo di qualità

      Mi dispiace doverlo ammettere ma i guasti
      negli ultimi tempi sono di molto aumentati,
      soprattutto di hard disk.Nel 90% dei casi questo e' dovuto ad un raffreddamento insufficiente dell'hard disk.Gli hd di nuova generazione scaldano molto di piu' rispetto a quelli di qualche anno fa e devono essere adeguatamente raffreddati.Se guardi le specifiche tecniche dei principali costruttori vedrai che la temperatura massima di funzionamento non puo' superare 50° C (misurata al centro del coperchio superiore del disco).Per capire quanto sia facile raggiungere questo limite basta pensare che dopo una sessione di acquisizione video, un hd raffreddato con 2 ventole sfiora i 40° C....
      Sostituire un lcd per un
      rivenditore sarebbe una grossa perdita
      finanziaria, una casa produttrice neanche se
      ne accorgerebbe...Dipende da quanti sono gli LCD da sostituire... ;-)Le rese attuali parlano del 70% dei pannelli con difetti...
  • supermiki scrive:
    Difetto cosmetico trascurabile
    Vorrei esprimere un mio giudizio sull'opinione della Asus Italia (e di altre case produttrici) riguardo questo difetto "cosmetico trascurabile".Al momento di acquistare un prodotto come un Notebook non c'è scritto da nessuna parte né fuori la confezione né sul sito Internet che se ci sono meno di 5 pixel bruciati il difetto non viene riparato. Far cadere sui consumatori un accordo tra case produttrici di Pannelli LCD e quelle dei portatili è un aspetto che non deve assolutamente avere a che fare con l'utente finale.D'altra parte questa politica della Asus come delle altre case produttrici è palesemente contraria al codice civile che prvede esperessamente che un prodotto o presenta un difetto oppure non lo presenta e pertanto la stessa ammissione della casa madre di un difetto "cosmetico trascurabile" è comunque una ammissione che tale difetto esiste e come tale andrebbe riparato.Tale politica consente alle casi madri di scoraggiare il 95% degli utenti dall'intentare cause legali contro di loro, ma per esperienza personale so che nel caso in cui qualcuno ha la pazienza ed il denaro per proseguire puntualmente e "per gentile concessione" la riparazione avviene per evitare un "pericoloso" precedente legale nei loro confronti.D'altra parte è ormai prassi comune da parte delle grandi aziende (statali e private) di erigere un muro di gomma tale da scoraggiare dall'intentare cause legali per difetti di valore minimo, ma che comunque esistono.Pertanto mi sembra quantomeno ridicolo, in questo caso particolare, affermare da parte della Asus di avere a cuore la soddisfazione degli utenti. Se ci fosse veramente tale intenzione sarebbe più indicato da parte della Asus stanziare una cifra per la sostituzione dei Pannelli LCD difettosi piuttosto che sprecare giri di parole su riviste del settore cercando di prendere in giro iconsumatori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Difetto cosmetico trascurabile
      E' proprio come dici tu secondo me...bravo!Cmq è veramente una cosa triste....
    • Anonimo scrive:
      Re: Difetto cosmetico trascurabile
      I produttori di pannelli LCD (e di conseguenza anche quelli di notebook) dicono che con gli attuali processi produttivi solo circa il 30% degli schermi che escono dalla fonderia e' immune dal fenomeno dei pixel difettosi.Benissimo, capisco il loro problema tecnico, ma a questo punto la soluzione e' semplice, i pannelli LCD devono venire testati accuratamente in fabbrica per stabilire il loro livello di difettosita', e poi:LCD con 0 pixel difettosi: costo 100LCD con 1 pixel difettoso: costo 95. . . . . LCD con X pixel difettosi: costo YIn questo modo uno sa che cosa compra e puo' sceglliere in base al rapporto qualita'/prezzo...Oppure obbligate il negoziante a farvi vedere il notebook (o lo schermo LCD da tavolo) acceso e poi contrattate il prezzo in base ai difetti eventualmente riscontrati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Difetto cosmetico trascurabile
        - Scritto da: Anonimo

        LCD con 0 pixel difettosi: costo 100
        LCD con 1 pixel difettoso: costo 95
        . . . . .
        LCD con X pixel difettosi: costo Y

        In questo modo uno sa che cosa compra e puo'
        sceglliere in base al rapporto
        qualita'/prezzo...http://support.fujitsu-siemens.de/KnowHow/GB/Normen/Grafik/LCD-Display_Pixel_Klassen_ISO-13406-2.htmIn genere quindi uno di Classe 1 costa piu' di uno Classe 3.Anche se uno di Classe 1 mediocre costera' di piu' di uno di Classe 3 magari di migliore qualita', e per combinazione senza neanche un subpixel difettoso.L'unico modo per essere sicuri (senza vederlo) e' comprare un ottimo LCD di Classe 1 Io personalmente ho un ottimo LCD di Classe 3 con zero difetti. 900 Euro per 17 pollici. (equiv. 18 di un CRT).Non l'ho visto prima, sono stato fortunato. Pero' e' Eizo.Burp.
      • Anonimo scrive:
        Re: Difetto cosmetico trascurabile
        Da venditore di un grosso punto vendita di Pc italiano, posso dire che bisogna essere piu' obbiettivi nell'analizzare la realtà. Purtroppo quando si compra un oggetto che non funziona o funziona solo in parte si è dispiaciuti e non si puo' che parlar male di cio' che abbiamo acquistato; purtroppo per poter affermare che un prodotto o una marca fanno pena, bisogna avere dei dati statistici rilevanti e significativi alla mano. Non si puo' credere che il proprio negativo episodio vissuto rappresenti la generalità o lo standard qualitatitvo di un azienda o di un prodotto. Due anni fa acquistati un'automobile nuova: una VW GOLF; dopo 60 km di percorrenza l'auto si fermo' senza accennare a ripartire. Mi fu restituita dopo 10gg. Secondo voi questo episodio è sufficiente per affermare che la VW Golf è una macchina pessima? Le riviste specializzate e i dati statistici confermano il contrario.Nel caso specifico, dei notebook Asus, posso dirvi che ne sono stati venduti migliaia (oggi Asus è tra i primi 5 al mondo come vendite di notebook) e da venditore ne ho venduti tantissimi: posso assicurarvi che non hanno mai dato piu' problemi di quelli che puo' dare un Compaq o un Toshiba o un Acer.Pixel "bruciati"? ....per ovviare a cio' l'unica soluzione concreta è ordinare il prodotto che si desidera via Internet con consegna a casa: in caso di qualche Pixel difettoso lo si rimpacchetta per bene e si chiede il dirittto di recesso; altrimenti si chiede al venditore nel punto vendita di mostrarcelo acceso (ipotesi di ben piu' difficile attuazione, per vari motivi, ma non perchè si voglia essere scortesi)
  • carlobassetti scrive:
    la clientela ASUS
    pur avendo in fin dei conti comprato NB solo COMPACQ e DELL avevo sempre guardato con interesse le macchine ASUS.Probabilmente è proprio tra gli "smanettoni", o tra gente comunque esperta (tipo i frequentatori di questo sito) che ASUS doveva cercare i suoi clienti migliori.Parliamoci chiaro, quando da più giovinetti si pasticciava con le mani nel computer aperto, e si comprava (tra i primi) il componente da auto-assemblarsi, ASUS con le sue schede madre era "ROBBA BUONA".Ora è proprio nella comunità degli utenti avanzati che si leggono le cose peggiori... e anche grazie ad un brillante intervento della DIVISIONE MARKETING di ASUS :-)E' dal giorno in cui win95 non si impiantò durante la prima dimostrazione del buon Bill che non vedevo un simile AUTOGOL..... e poi quella storia dell'HD... ma per piacere.........
  • Anonimo scrive:
    ASUS ?? BASTA LA PAROLA....
    Complimenti!!! Avete perso sicuramente un sacco di clienti che avrebbero volentieri investito in una società che presenta prodotti a prezzi apparentemente competitivi..Dovreste vergognarvi, spero che il mercato tagli fuori dai giochi quelli come voi che si permettono, oltretutto in un forum come questo, di prendere in giro i clienti.Vergogna!!
  • Anonimo scrive:
    customer satisfaction
    "Sebbene tra i principali obiettivi della nostra Azienda vi sia quello di assicurare un livello di Customer Satisfaction rispondente ai più elevati standard"Classica terminologia da markettaro venditore di salami della niu economi. ma ritirati te e la customer satisfaction, e impara almeno un briciolo di quello che vendi. siete la vergogna della tecnologia.
  • Anonimo scrive:
    dal sito ...
    http://www.asus.it/inside/corporatemission.htmno comment
    • Anonimo scrive:
      Re: dal sito ...
      hahahanon so cosa fosse scritto in quella pagina e non penso sia la mia connessione che fa i capricci....la pagina non c'è più!evidentemente vi era scritto qualcosa di davvero..."no comment"beh...sto leggendo tutti i messaggi e sono sempre più perplesso!COMPLIMENTI ASUS! CONTINUA COSI'! SEI MITICA!
  • Anonimo scrive:
    Lo 0,00004%
    Prenderò un portatile da voi, non lo pagherò e per giustificarmi dirò che in fondo la cifra che mi chiedete non è che lo 0,00004% del vostro fatturato.E se proprio sarò costretto, vi pagherò in conchiglie. Il mio portafoglio supporta solo questa forma di pagamento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Lo 0,00004%
      HAHAHAHAHAHAStrepitosooooooo!Certo che girare qua dentro è davvero divertente! La realtà è così stupefaciente che non puoi che riderci sopra!Beh, almeno qualcuno sta imparando a ragionare come Asus!Impariamo tutti! Loro si che trattano bene i clienti!
  • Anonimo scrive:
    La storia dei pixel e' una truffa
    Certo.. anche un buchetto in una camicia Armani da 500 euro è un piccolo danno cosmetico.. eppure la cambianoComunque, se mi capitava e non me lo cambiavano li portavo davanti al giuduice di pace.. loro e i loro pixel !
    • Ekleptical scrive:
      Re: La storia dei pixel e' una truffa

      Comunque, se mi capitava e non me lo
      cambiavano li portavo davanti al giuduice di
      pace.. loro e i loro pixel !Guarda che vale per TUTTI i produttori!Su TUTTE le garanzie dei monitor LCD ti danno un minimo di pixel bruciati per la sostituzione!Nessun produttore di rimpiazza il monitor per un solo pixel bruciato!!! NESSUNO!Se vuoi esser sicuro fatti vedere il comp o il monitor prima di comprarlo, o fai a meno dell'LCD o del portatile.O spera di non aver sfiga....
      • Anonimo scrive:
        Re: La storia dei pixel e' una truffa

        Se vuoi esser sicuro fatti vedere il comp o
        il monitor prima di comprarloEsatto, altro che e- di qua e- di la, b2c di su e di giù, o il negoziante mi dimostra che è buono o se lo tiene lui!
      • Anonimo scrive:
        Re: La storia dei pixel e' una truffa
        Hei arroganza!Se non sei ancora stato tanto sfortunato da beccarti anche solo un pixel bruciato ti conviene tacere!Se hai comprato un notebook e ti sei beccato almeno un pixel bruciato ti conviene tacere!Chiunque non si svegli con i soldini capitati per caso sul comodino si sentirebbe insoddisfatto se con quel che costa comprasse un notebook e si trovasse un pixel bruciato!Se i produttori non sono in grado di garantire il funzionamento corretto di TUTTI i pixel che compongono un lcd, beh, allora cambino lavoro.Saluti
  • Anonimo scrive:
    Vergogna!
    Disco fisso OTTIMIZZATO per windows?Ma chi li assume i tecnici alla ASUS, Nonna Papera?Vergogna.
    • Anonimo scrive:
      Asus, non ti sei regolata!
      Questo solo per sottolineare che le risposte date da uno che non ci capisce nulla dell'argomento non fanno altro che peggiorare la situazione, peraltro già abbastanza precaria.Come qualcuno sottolineeava, avete usato il perfetto linguaggio da venditori, nel posto sbagliato e al momento sbagliato. Quì c'è gente che ne capisce, e anche molto più di voi, e non potete pensare di darla a bere a nessuno. Questo forum vale 1000 volte più che una pagina pubblicitaria.La storia del disco rigido non ha precedenti... pensare che un sistema operativo che fa girare milioni di server in tutto il mondo possa danneggiare un HD è semplicemente da idioti, e denota scarsa conoscenza dell'argomento.Il discorso della batteria danneggiata e PAGATA l'avete bellamente saltato a piè pari, visto che non avete argomenti per controbattere. Avete la coscienza sporca.Cosa vi costa ammettere che 1 prodotto su 5 esce male dalla fabbrica? Vi costa tanto sostituirlo? Non credo.Male che va, potreste mandare qualche tecnico o qualche responsabile a cogliere la cicorietta in giardino, vista la preparazione tecnica, e investire soldi con gente che lavora e che sa il fatto suo.E compratevi un dizionario. La parola UMILTA' è ben spiegata, e leggerne il significato non vi farebbe affatto male.Vi dovreste vergognare per quello che avete scritto, ma saranno i fatti a dare ragione a chi la ha veramente.Che schifo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Vergogna!

      Disco fisso OTTIMIZZATO per windows?
      Ma chi li assume i tecnici alla ASUS, Nonna
      Papera?
      Vergogna.Confermo: VERGOGNA, per l'ignoranza e l'arroganza.Utente ASUS Notebook (con HD ottimizzato per ReiserFS su GNU/Linux)
  • Anonimo scrive:
    Utente linux? Portatile IBM
    Non so quasi nulla di Linux, ma dalle notizie che sento in giro e da esperienze di amici penso che per un utente di linux la marca di notebook che da meno problemi è la IBM, soprattutto come supporto dell'hardware da parte di linux.
  • Anonimo scrive:
    mi ricorderò...
    Ogni volta che mi troverò a dover scgliere un prodotto ASUS rispetto ad uno della concorrenza mi ricorderò di questa disquisizione sugli HD e gli OS...... :) Certo che se ASUS paga fior di quattrini sta gente che da ste risposte.... mamma mia... ma ci vengo io al suo posto a meta dello stipendio che date a sto qui.... e che io sono un ingnorante.... :)astalavista....Ema
    • Anonimo scrive:
      Re: mi ricorderò...
      Anche io mi ricorderò. Il mio prossimo notebook sarà sicuramente un Asus! Peracottinux installatelo sulla playstation.
      • Anonimo scrive:
        Re: mi ricorderò...
        - Scritto da: Anonimo
        Anche io mi ricorderò. Il mio prossimo
        notebook sarà sicuramente un Asus!
        Peracottinux installatelo sulla playstation.Se vuoi ti sbologno volentieri il mio ... ha solo 4 mesi di vita. C'è già installato xp, ed ha prestazioni eccezionali !!!
      • Anonimo scrive:
        Re: mi ricorderò...

        Anche io mi ricorderò. Il mio prossimo
        notebook sarà sicuramente un Asus!
        Peracottinux installatelo sulla playstation.Perchè no? Anche sulla tua X-box!
  • Anonimo scrive:
    "pixel bruciato"
    non penso sia così difficile eliminare questo difetto dalle catene di assemblaggio, basterebbe controllare passo passo il prodotto sia da occhio umano che meccanico e scartare i difetti, solo che non lo fanno xchè sarebbe troppo "dispendioso" per le aziende produttrici!!??Purtroppo mi è capitato un monitor LCD da 1200euro con un bel pixel bruciato al centro dello schermo, non ho fatto altro che andare dal rivenditore e incaxxarmi come una bestia e sono riuscito a farmelo sostituire, ma non tutti sono stati fortunati come me, poi sarà solo un fatto estetico, ma avere un "pixel bruciato" da parecchio fastidio e sentirsi dire che attualmente non c'è la tecnologia per eliminare il problema... già è vero.. siamo nel 2003 .. mandiamo i robot su marte e non abbiamo le tecnologie ...
    • Anonimo scrive:
      Re: "pixel bruciato"
      Non ci sono le tecnologie per produrre LCD senza pixel bruciati... e per questione di costi non possono buttar via tutti quelli con pochi pixel bruciati.I processori venuti "malino" si relegano a frequenze piu' basse... per gli LCD grandi alternative non ce ne sono.Comunque se anziche' pagare 1200 euro ne paghi 12000 e puoi avere la garanzia di non avere pixel bruciati :)
      • Flavioweb scrive:
        Re: "pixel bruciato"

        Comunque se anziche' pagare 1200 euro ne
        paghi 12000 e puoi avere la garanzia di non
        avere pixel bruciati :)Visto che hai citato i processori che vengono regalati a frequenze più basse e quindi, forse non te ne sei accorto,anche ad un prezzo inferiore.Perciò:1 pixel bruciato = -10% del costo2 pixel bruciati = -15% del costo3 pixel bruciati = -20% del costo4 pixel bruciati = -30% ecc....E non dirmi che sono stato pesante con le percentuali,fammi vedere a spendere 1200 euro per un monitor epoi lavora con 4 "buchi neri" a centro schermo...Non è giusto che chi compra una macchina perfettamentefunzionante la debba pagare come chi la compra un HWdifettoso.Mai sentito parlare di supporti "Bulk" ???
  • Anonimo scrive:
    8 notebook asus - 6 con problemi
    Ho comprato un paio d'anni fa 8 notebook asus S8200 per automatizzare la forza vendita. Li ho scelto sia per le caratteristiche (ultraleggeri da 1,7 kg) sia per la tradizionale affidabilità dei prodotti asus (motherboard).Situazione ad ora:- 1 portatile con audio inutilizzabile poi riparato in garanzia- 2 portatili su cui è stato cambiato HD (purtroppo fuori garanzia)- 1 portatile cambiato lo schermo (fuori garanzia per un costo di circa 500 euro)- altri 2 portatili con lo stesso problema dello schermo nero. Visto i precedenti i portatili sono stati riciclati come desktop, con un monitor standard.- su altri 2 portatilli comincio ad avere i sintomi del problema al video (sfarfallamento, qualche volta il video rimane nero...)Esito: non so se la prossima volta comprerò Asus
  • Anonimo scrive:
    Vendo Asus, però.....
    sono un rivenditore di prodotti Asus a San Marino e sono perla verità abbastanza soddisfatto del prodotto. Per fortuna in tre anni non mi è mai capitata una serie di disgrazie simile a quella raccontata ma ho rilevato diverse pecche nel servizio assistenza..(Guarda caso).Innanzi tutto l'assistenza in 5gg lavorativi è una chimera. Per prima cosa ci vogliono 2 o 3 gg. per avere una risposta altelefono e farsi assegnare un numero di rientro(RMA)Visto che si telefona ad un numero verde(!?!), spendere tantisoldini x sentire un nastro registrato ed attendere invano in linea, dà una immensa soddisfazione!Seconda cosa MAI lasciare accessori nel notebook(espansione ram x esempio). Come x magia non tornerà maipiù a casa vostra.La situazione di un pixel bruciato mi è capitata 10-12 volte incirca 300 portatili venduti, ultimamente sulle ultime serie non èpiù verificata. I notebook spediti in assistenza in totale per varie magagne non superano le 10 unità(fortunato).C'è da dire una cosa: cerco di intevenire personalmente sututte le macchine e risolvere i problemi in negozio piuttostoche sbattermi a telefonare,imprecare, spedire,aspettare,ricevere (15gg circa in totale).Ovvio che non posso intervenire all'interno del NB, pena ildecadimento della garanzia(2 anni).Conclusione: mi è successo solo una volta di sostituire un notebook al cliente dopo 8 mesi dalla data di acquisto.Era stato inviato in assistenza x non so quale difetto ed era stata sostituita la M/B interna. Tornato con la piastra madre nuova non funzionava la scheda di rete (test OK del piffero).Il cliente lo usava in maniera massiccia e continua ed ho preferito sostituirlo(lo uso io!!!).Una ultima cosiderazione e chissà che qualcuno non conosca la risposta: san Marino è stato estero d'accordo, ma xchè non vogliono fare Asus Point a san Marino a negozi che vendono molto bene i loro prodtti, parlano italiano e dialetto romagnolo, pagano in euro come in Italia, comprano i NB in Italia???Scandaloso questo comportamento da parte di Asus Italy, prima ti invitano LORO al matrimonio, poi ci ripensano e ti mandano a quel paese...MAH!!!Recita il loro depliant: Prima di acquistare un computer portatile, chiedi consiglio a chi se ne intende!Spero non sia lo stesso che ha risposto da asus Italia al signor Pisati.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vendo Asus, però.....
      Li vendi ancora?Io ho un asusL2000 con il pannello lcd rotto?Le spese di riparazione sono molto alte.Che fare.Vendi notebook Asus L2000 usati!ciao la mia e mail gerfal@tiscali.it
  • Anonimo scrive:
    CHE CA**ATA!!!
    "Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale"MA COSA DITE! Roba allucinante... veramente... resto basido davanti a certe frasi... questa è una scusa bella e buona! Roba da ridere...un settore danneggiato E' danneggiato, punto... come se installando winsux i cluster tornassero magicamente a posto... incredibile, complimenti per la disinformazione, caro Sig. Fabrizio Crispiatico!
    • Anonimo scrive:
      problemi e problemi
      io ed un mio amico abbiamo comprato 2 portatilil3196 e l3182, dopo poco tempo sono stati spediti perche a tutti e 2 si erano rotti i displaydopo un altro mese dopo essere ritornati dall'assistenza i 2 display si sono rotti nuovamente e sono stati rispediti nuovamente, inoltre quando il mio pc è ritornato il lettore floppy non funziona piu ed inoltre la batteria dura solo 20minuti. Mentre il mio amico si ritrova con il display rottoORA NON SIAMO NERI MA SCUSATE IL TERMINE INCAZZ.... e per finire siamo presi in giro dal call centre poiche' perde le pratiche e per inviare uno stupido codice rma ci mettono delle eternita.Ora spero che ci diate un aiuto voi di punto informaticoPS perche una persona deve spendere dei soldi per inviare un portatile in garanzia, se il difetto è dovuto all'azienda???
  • Anonimo scrive:
    Asus serie L2000 e l'uscita TV
    E dell'uscita TV della serie L2000 che c'è ma .... praticamente NON FUNZIONA ??? Dovrebbero esplicitarlo nelle caratteristiche tecniche di questo notebook o quantomeno riconoscerlo al CostumerCare.Asus ... Asus ... stiamo perdendo di vista la qualità ....Un EX simpatizzante di Asus
    • mromeo scrive:
      Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV
      Hai provato ad abilitarla? Sicuramente si, anch'io ho avuto problemi per attivarla, ma solamente perch'è non avevo letto il manuale... (è stata la prima volta in vita mia che ne ho avuto bisogno...sigh!) Comunque dopo le prime ore di impasse, il mio L2 ha sempre funzionato benissimo... tranne che per l'applicazione del service pack di XP, che prontamente ho rimosso. Comunque, lungi da me farti cambiare idea, considero sempre Asus quale primaria, ed unica, scelta per l'acquisto del mio hardware. Ad oggi ho funzionanti, nella mia azienda, ben 14 computer basati su MB Asus... a partire da una VX97 alla più recente P4S8X, con una P2BLS overcloccata ad 1Ghz, e nessuna, e confermo nessuna, mi ha mai lasciato in panne.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV
        sicuramente le mb sono ancora all'altezza della fama, così come i lettori CD che spesso leggono dischi che nemmeno il masterizzatore che li ha fatti riesce, il problema è che approfittando della bontà di questi componenti, spesso rifila bidoni. E' il caso di una scheda video che con i driver allegati... non è mai andata. Se ho voluto vedere qualcosa ho dovuto scaricare i detonator, ma, ripeto, non per migliorare prestazioni ma per farla andare! (ovviamente con il certificatissimo win98)Per uno che spende 600000 lire mi sembra un servizio un pò scarsettino!
        recente P4S8X, con una P2BLS overcloccata ad
        1Ghz, e nessuna, e confermo nessuna, mi ha
        mai lasciato in panne.
        Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV
        - Scritto da: mromeo
        Hai provato ad abilitarla? Sicuramente si,
        anch'io ho avuto problemi per attivarla, ma
        solamente perch'è non avevo letto il
        manuale... (è stata la prima volta in vita
        mia che ne ho avuto bisogno...sigh!)
        Comunque dopo le prime ore di impasse, il
        mio L2 ha sempre funzionato benissimo...
        tranne che per l'applicazione del service
        pack di XP, che prontamente ho rimosso. Il SO installato è XP col SP1, l'uscità S-Video funziona main pratica non funziona ! :-) Mi spiego ....Il segnale video esce, ma sul televisore, vedo il desktop conuna grossa cornice nera che rende di fatto tale funzionalità inutile. La cornice andrebbe tolta agendo sul setup della scheda video (la sis 850 mi sembra) ... peccato però che nei drivers i menu siano disabilitati.Tu sei riuscito a risolvere questo problema ? ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV

          Il segnale video esce, ma sul televisore,
          vedo il desktop con
          una grossa cornice nera che rende di fatto? Strano ma a me questo non accade, come ne ho l'occasione (questa sera, al mio ritorno a casa) ci darò una occhiata...mmm a ben pensarci forse è il mio televisore che automaticamente si adatta...alle dimensioni dell'immagine. Ti farò sapere...Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV
            - Scritto da: Anonimo
            dell'immagine. Ti farò sapere...
            CiaoGrazie !! :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Asus serie L2000 e l'uscita TV
      Lo vendi?
  • Ekleptical scrive:
    Ma quale produttore supporta Linux??
    ..o BeOS, Unix vari, OS2, che ne so io?Qualunque produttore di portatili vi risponderà: "non volete usare il Windows presintallato (con i driver ad-hoc) e testato? affari vostri, arrangiatevi!"Al supporto tecnico normalmente vi dicono genitlmente di attaccarvi al tram anche se passate ad un nuovo Windows, rispetto a quello presintallato!!Se conoscete qualche produttore che si comporta diversamente sarei felice di saperlo!Non è un problema di Asus, vale per tutti!Mi pare una polemica inutile!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale produttore supporta Linux??

      Non è un problema di Asus, vale per tutti!
      Mi pare una polemica inutile!Peccato che qui si stia facendo rotta verso risposte che imputano danni fisici ad un sistema al sistema operativo utilizzato...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale produttore supporta Linux??
      Anni addietro, mi occupavo di notebook, in termini di distribuzione.Visto che Linux era qualcosa di "intrigante" e crescente nell'interesse comune, visto che le distribuzioni dei vari Linux erano presenti in allegato alle riviste e che cominciavano ad avere un'interfaccia userfriendly che aiutava l'installazione, pensai che era valido investirci sopra, tanto per qualificare un brand di nicchia, ma proprio per questo più dinamico a rispondere ed investire...Proposi ad uan rivista del settore (intendo settore Linux/Unix) di aver un esemplare in prova, per farci delle verifiche, veder sino a che punto era valido, compatibile, versatile e quant'altro. Proposi di farlo ed in presenza di eventuali problemi mi sarei attivato per ricercare risposte presso il costruttore. Aveva quindi soprattutto una funzione "esplorativa".Evidente che un piccolo ritorno poteva esserci in termini pubblicitari (ma avrebbe potuto esserlo anche in termini negativi!), ma visto il "nulla" di quei tempi, mi sembrava anche una forma di servizio agli utenti meno smaliziati, autonomi, o semplicemente per quelli più...curiosi.Mi fu risposto che non si occupavano di hardware...Non era così: altri prodotti e singole periferiche furono valutati di quel tempo ed anche dopo. Ad ogni modo rispetto appieno la loro scelta, come ovvio.Il punto che intendo esporre è: non date sempre addosso al costruttore, che innanzi tutto vende, ha questo come scopo, e per stare in piedi non deve vender due o tre pezzi, ma far fronte ad una struttura che produca profitti.Guardiamoci ogni tanto anche tra noi e vediamo se quando ci è possibile far del nostro meglio, collaborare, diffondere conoscenza, verificare fino a che punto siamo in grado di sostenere certe tesi, ..diamo seguito alla nostra insoddisfazione in termini concreti.Sparare su Asus va ...bene, ma poi scendendo nel concreto, di bestialità tra le cose scritte qui ce n'è èpiù di qualcuna. A me, ad esempio sorprende sempre e comunque l'atteggiamento dicloro che lasciano trasparire che ..."io so, invece voi, ma tanto non val neanche la pena perderci tempo a spiegare..."E poi magari, il vuoto dietro!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quale produttore supporta Linux??

        Il punto che intendo esporre è: non date
        sempre addosso al costruttore, che innanzi
        tutto vende, ha questo come scopo, e per
        stare in piedi non deve vender due o tre
        pezzi, ma far fronte ad una struttura che
        produca profitti.

        Guardiamoci ogni tanto anche tra noi e
        vediamo se quando ci è possibile far del
        nostro meglio, collaborare, diffondere
        conoscenza, verificare fino a che punto
        siamo in grado di sostenere certe tesi,
        ..diamo seguito alla nostra insoddisfazione
        in termini concreti.D'accordo.Io comunque credo che un produttore onesto che volesseassumersi le proprie responsabilità, leggi: "Dobbiamovendere e guadagnare il più possibile, quindi invece di acquistare i componenti con i quali assembliamo i nostriportatili da un produttore che ci garantiva un affidabilità del99%, ci siamo rivolti, pagando il 70% di quanto chiestoci dalprecedente fornitore, ad un altro che però non garantisce laperfetta funzionalità di tutte le parti dei componenti forniti",avrebbe sicuramente risposto in maniera differente e senzatentare, non riusciendo, ad incolpare un SO piuttosto che un altro. Stesso discorso si può fare per il testing delle macchine chepoi vengono messe in commercio.Ammettere che il problema della tastiera era un problema diprogrammazione del firmware del bios vuol dire che quandosi sono trovati davanti il primo "prototipo" del notebook chesarebbe poi stato prodotto in serie su grande scala, non dicoche non siano stati in grado di capire se il "programma" cheavevano messo nel bios sarebbe stato in grado di gestirecorrettamente la tastiera,. ma non si sono neanche presi labriga di perdere un minuto della propria vita per premeretutti i tasti e controllarne il funzionamento."Riguardo il disco rigido che a suo insindacabile giudizio risulta guasto, vorrei solo ricordarle che il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O. Microsoft con i quali riesce ad esprimere le migliori prestazioni dovute anche ad un programma di certificazione Microsoft LOGO seguito da nostro ufficio RD."Avrebbe fatto una migliore figura scrivendo:"Non vogliamo perdere tempo con sistemi operativi di nicchiacome Linux, FreeBSD, Unix o simili, quindi non abbiamotestato il portatile con tali software.Noi dobbiamo vendere,non abbiamo tempo da perdere !"L'avrei apprezzato di più.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale produttore supporta Linux??
      Ad esempio i portatili fujitsu-siemens:http://www.fujitsu-siemens.com/partner/linux/linux.shtm
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quale produttore supporta Linux??
      Sulla carta tutti supportano Linux, ormai basta andare in edicola e spuntano pinguini ovunque, anche sulle riviste taglio e cucito, ma nella pratica le cose sono diverse.Provate ad andare da HP o Compaq o Dell che cantano le lodi dei loro PC che supportano linux e provate a comprare un PC senza Windows . . . vi sentirete dire: e no il PC ha gia' incluso nel prezzo il costo della licenza di Winzoz XP e non puo' essere venduto separatamente.Ricapitolando:1) Intanto cacci il granone per una licenza di un OS di cui a me personalmente no frega niente2) Se vuoi cambiare OS, hai comunque speso i soldi, e i driver o il supporto per un'altro OS sono a carico tuo e se non funziona peccato l'etichetta diceva certificato per WinzozzBella roba !!!!! . . . . sapete cosa vi dico che tutti qiesti grossi e grassi costruttori di PC sono tenuti per le palle dalla Microsoft . . . e per quanto mi riguarda che vadano a FARSI FOTTERE !!!!!!
  • h9 scrive:
    sarà!
    mi spiace per questo responsabile che sta facendo sicuramente il suon lavoro ma... da tempo circolavano vocisulla qualità degli asus.Un povero cristo al quale spetta solo il compito di staccare un assegno per l'acquisto dove può trarre suggerimenti ed informazioni su quale prodotto scegliere?Da tutto ciò che parla del prodotto, anche una piccola informazione nel meccanismo mentale che presiede alla fase "scelta commerciale" ha importanza strategica, spesso un venditore può parlare per ore (vietatissimo nel marketing) ma basta una mezza frase o un gesto per vanificare l'esito della trattativa.Non so quante vendite una lettera come quella del consumatore ha fatto perdere all'ausus, nè penso sia bastato l'impegno che ci ha messo quel responsabile commerciale a rispondere per neutralizzare gli effetti.Chiedo (non solo all'ausus), vale la pena di costringere un cliente acquisito, potenziale fautore o vanificatore di future vendite indotte, a scrivere una lettera così?Quanto avrebbe risparmiato l'asus se al secondo o terzo rientro in assistenza avesse fatto trovare una lettera di scuse con un portatile uguale nuovo nuovo?. Magari avrebbe presentato gli stessi problemi ma il cliente se ne sarebbe guardato bene dal lamentarsi pubblicamente, se non altro per il servizio post ricevuto.Nessuno ha sentito parlare del "valore aggiunto post vendita"? Meglio provvedervi, perchè in un mercato come il nostro di prodotti qualitativamente standardizzati (altrimenti una azienda ne uscirebbe subito) il post vendita sarà la nuova frontiera in cui tutti ci misureremo.E poi... per favore, risparmiateci quel passaggio di ISO Microsoft, o vogliamo perdere anche i possibili clienti che non amano Billi?
    • Anonimo scrive:
      Re: sarà!
      Quanti clienti hanno perso per la lettera di Pisati? Penso pochi, una cattiva esperienza si puo' giustificare.Penso ne abbiano persi molto di piu' con la LORO lettera.
  • Anonimo scrive:
    Ecco perche' solo Windows
    Questi portatili funzionano solo con Windows, perche'?Perche' un utente Windows non e' capace di leggere i log e rendersi conto che l'hard disk sta morendo.Invece, quando scoppia del tutto gli possono dire che ormai e' fuori garanzia, che ripararlo costa troppo, che c'e' il portatile nuovo che ha la nuova versione di Windows, ti facciamo anche lo 0.000000000000001% di sconto (tanto l'utente Windows ha poca dimestichezza con i numeri, crede anche che l'LCD abbia SVARIATI milioni di pixel, non tra 1 e 2).L'utente Windows ha anche poca dimestichezza con i newsgroups/forums etc., e quindi gli si puo' raccontare che il suo e' l'unico caso sfigato, su svariati milioni di portatili che vanno benissimo.All'utente Windows, se prende la scossa toccando il computer, si puo' raccontare che e' perche' ha le mani bagnate, e che gli e' andata bene, se avesse usato Unix ed altri sistemi operativi illegali e meno sicuri avrebbe preso 220 volts invece di 5.Gli utenti Windows, quando vedono 5 pixel bruciati, e' perche' devono cambiare lo sfondo del desktop, perche' quello vecchio e' consumato.Se ad un utente Windows si brucia la batteria, e' perche' non ha aggiornato il firmware o, se lo ha fatto, lo ha fatto male.Ecco perche' Windows e' piu' redditizio....
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco perche' solo Windows
      Non l'utente, ma l'utOntO.Non iniziamo a dire che gli utonti stanno solo su windows e gli utenti solo su Linux e sistemi alternativi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco perche' solo Windows
      avendo sicuramente più di 5 pixel bruciati puoi sicuramnete farti cambiare il cervello con un modello più avanzato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco perche' solo Windows
      -
      Ecco perche' Windows e' piu' redditizio....E' più redditizio perchè se una casalinga ti fa vedere il suo Windows che non funziona tu gli suggerisci di reinstallare tutto, magari con FreeBSD e fargli 120 ore di lezione per insegnarle i rudimenti facendoti pagare 60? l'ora.Ecco perchè è più redditizio, perchè non lo sai usare....
  • Anonimo scrive:
    Futuro oscuro....
    se e' questo il livello di competenza tecnica che hanno raggiunto alla Asusprevedo per loro tempi neri
  • Anonimo scrive:
    Bene, se mai comprerò un portatile...
    so di quale marca NON sarà.
  • Akiro scrive:
    potevano evitare di rispondere
    ...facevan più bella figura!" Questo perché un solo pixel bruciato su un totale di svariati milioni di punti, viene considerato un difetto cosmetico trascurabile. Ad esempio, la percentuale di difettosità nel suo caso può ricondursi ad un ordine dello 0,00004%"
  • Anonimo scrive:
    Interpreto....
    Quando parla di disco fisso designed for Windows non è che magari intendeva dire che, ASUS realizza e ottimizza driver per il chipset che dà l'accesso al disco specifici per Windows mentre in caso di Linux si usano driver generici meno performanti....
    • TeX scrive:
      Re: Interpreto....
      - Scritto da: Anonimo

      Quando parla di disco fisso designed for
      Windows non è che magari intendeva dire che,
      ASUS realizza e ottimizza driver per il
      chipset che dà l'accesso al disco specifici
      per Windows mentre in caso di Linux si usano
      driver generici meno performanti....L'interfaccia è uno standard ATA. Se ASUS per risparmiare utilizza un'interfaccia non standard (non credo proprio...) e fornisce driver solo per Windows allora che lo dica. Ammetta pure che i suoi portatili sono virtualmente incompatibili con nuovi sistemi operativi (anche della Microsoft) e con nuove unità disco. Ragione in più per non comprarli...Comunque, ripeto, non ci credo. E' solo una balla raccontata come gustificazione...
      • Anonimo scrive:
        Re: Interpreto....
        - Scritto da: TeX

        - Scritto da: Anonimo



        Quando parla di disco fisso designed for

        Windows non è che magari intendeva dire
        che,

        ASUS realizza e ottimizza driver per il

        chipset che dà l'accesso al disco
        specifici

        per Windows mentre in caso di Linux si
        usano

        driver generici meno performanti....

        L'interfaccia è uno standard ATA. Se ASUS
        per risparmiare utilizza un'interfaccia non
        standard (non credo proprio...) e fornisce
        driver solo per Windows allora che lo dica.
        Ammetta pure che i suoi portatili sono
        virtualmente incompatibili con nuovi sistemi
        operativi (anche della Microsoft) e con
        nuove unità disco. Ragione in più per non
        comprarli...
        Comunque, ripeto, non ci credo. E' solo una
        balla raccontata come gustificazione...
        Roba del tipo ....con Windows funziona l'il DMA ( o ultraDMA come preferite) mentre con Linux no........
        • TeX scrive:
          Re: Interpreto....
          - Scritto da: Anonimo.....
          Roba del tipo ....con Windows funziona l'il
          DMA ( o ultraDMA come preferite) mentre con
          Linux no........Con Windows funziona l'udma mentre con Linux pure... e allora ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Interpreto....
            - Scritto da: TeX

            - Scritto da: Anonimo
            .....

            Roba del tipo ....con Windows funziona
            l'il

            DMA ( o ultraDMA come preferite) mentre
            con

            Linux no........

            Con Windows funziona l'udma mentre con Linux
            pure... e allora ?
            Dipende dal chipset. Per alcuni non e' detto cheil supporto Linux ci sia o sia stabile, o la modalita'S.M.A.R.T. supportata.Comunque anche funzionasse in PIO1 (e se uno vuole gli installa e lo usa con il DOS 6.2) non gli si può imputare ilfailure dell'hard disk.
  • TeX scrive:
    Due curiosità....
    "il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O. Microsoft""Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale."Ma se uno utilizza Interix o Windows Services for UNIX, il portatile funziona bene o male ????"Questo perché un solo pixel bruciato su un totale di svariati milioni di punti, viene considerato un difetto cosmetico trascurabile."Immagino che anche una sola locazione bruciata della RAM, in mezzo a centinaia di milioni di altre, oppure un transistor della CPU bruciato, in mezzo a decine di milioni di altri, siano da considerarsi difetti trascurabili ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Due curiosità....
      - Scritto da: TeX
      Immagino che anche una sola locazione
      bruciata della RAM, in mezzo a centinaia di
      milioni di altre, oppure un transistor della
      CPU bruciato, in mezzo a decine di milioni
      di altri, siano da considerarsi difetti
      trascurabili ?Un transistor bruciato nella CPU o una locazione di memoria RAM danneggiata pregiudicano il funzionamento di tutto il pezzo in quanto non c'e` modo di evitare che vengano utilizzate (anche se per la memoria credo che in effetti sia possibile farlo, almeno con linux).Un pixel bruciato non ti impedisce di usare l'intero LCD
      • Anonimo scrive:
        Re: Due curiosità....

        Un transistor bruciato nella CPU o una
        locazione di memoria RAM danneggiata
        pregiudicano il funzionamento di tutto il
        pezzo in quanto non c'e` modo di evitare che
        vengano utilizzate (anche se per la memoria
        credo che in effetti sia possibile farlo,
        almeno con linux).
        Un pixel bruciato non ti impedisce di usare
        l'intero LCDSe per quello neppure 5 pixel. In realta' una voltati cambiavano gli LCD perfino per 1 solo pixel. Oragli LCD sono molto piu' consumer. Quindi a seconda dei produttori quello che puo' variaree' il numero di pixel totali e quelli consecutivi bruciati, 5, 6, 3,ma 1 pixel credo che non te lo copra piu' nessunagaranzia. Su 1 pixel se questo si presentadall'inizio credo si possa comunque far valere il diritto di recessoentro otto giorni dalla data d'acquisto.Ciao.
      • TeX scrive:
        Re: Due curiosità....
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: TeX

        Immagino che anche una sola locazione

        bruciata della RAM, in mezzo a centinaia
        di

        milioni di altre, oppure un transistor
        della

        CPU bruciato, in mezzo a decine di
        milioni

        di altri, siano da considerarsi difetti

        trascurabili ?

        Un transistor bruciato nella CPU o una
        locazione di memoria RAM danneggiata
        pregiudicano il funzionamento di tutto il
        pezzo in quanto non c'e` modo di evitare che
        vengano utilizzate (anche se per la memoria
        credo che in effetti sia possibile farlo,
        almeno con linux).
        Un pixel bruciato non ti impedisce di usare
        l'intero LCDVero. Ma allora il discorso 1 su n-milioni (oppure lo 0.0000X %) non ha alcun senso....
      • Anonimo scrive:
        Re: Due curiosità....

        Un transistor bruciato nella CPU o una
        locazione di memoria RAM danneggiata
        pregiudicano il funzionamento di tutto il
        pezzo in quanto non c'e` modo di evitare che
        vengano utilizzate (anche se per la memoria
        credo che in effetti sia possibile farlo,
        almeno con linux).
        Un pixel bruciato non ti impedisce di usare
        l'intero LCDBeh, se avessi 2-3 pixel bruciati al centro dello schermo mi girerebbero le cosiddette... e credo girerebbero anche a te e al Sig. Fabrizio Crispiatico... eppure la garanzia non copre... su certe cose non si può tollerare nemmeno lo 0,0000000000000000000000000004% di errore... un conto è un cluster su hd, a me non crea problemi, tanto non si usa... ma vedere un puntino blu nello schermo è moooooolto più fastidioso...
    • Anonimo scrive:
      Re: Due curiosità....
      - Scritto da: TeX
      [...]

      "Questo perché un solo pixel bruciato su un

      totale di svariati milioni di punti, viene

      considerato un difetto cosmetico

      trascurabile."

      Immagino che anche una sola locazione
      bruciata della RAM, in mezzo a centinaia di
      milioni di altre, oppure un transistor della
      CPU bruciato, in mezzo a decine di milioni
      di altri, siano da considerarsi difetti
      trascurabili ?Hahhaa fantastico!! Grande TeX.Chris
    • mromeo scrive:
      Re: Due curiosità....
      Non so se c'entri molto nel thread, ma nel mio caso (Asus L2D) avevo anch'io un pixel blu...solo che, con la mia profonda conoscenza tecnica dell'hardware e dell'elettronica ho dato quella che a Roma si chiama "schicchera" sul pixel incriminato..e da allora ha ricominciato a lavorare !Mah! Valli un po a capire 'sti pixel..
      • Anonimo scrive:
        Re: Due curiosità....

        si chiama "schicchera" sul pixel
        incriminato..e da allora ha ricominciato aHAHAHA,non avevo il coraggio di postare il mio messaggio, ma adesso posso farlo. Ho un CompaQ Armada da 3 anni abbondanti (gran mulo!) e fin dalla consegna ha un pixel che all'accensione del computer è spento, ma "schiccherando" sulla cassa in corrispondenza del pixel esso "si alza e comincia a camminare".Questo è necessario a quasi tutte le accensioni e purtroppo non compare la finestra tipo "attiva la schiccherata in automatico".ciaoCarlo
        • Anonimo scrive:
          Re: Due curiosità....
          ..è che sicuramente anche il tuo monitor ha pixel "pigri", probabilmente saranno dei pixel extracomunitari che hanno inserito nella catena di montaggio per risparmiare qualcosa sulle tasse, d'altronde con lo 0,0004% di lavoranti illegali nessuna legge li potrà punire... eppoi tanto oggi c'e' il condono!!
  • Anonimo scrive:
    Windows?
    Ok se l'atteggiamento di ASUS verso altri sistemi operativi non Windows e' quello di chiusura, espresso in questa risposta, ho capito che non comprero' e consigliero' a nessuno i loro notebooks.
  • Anonimo scrive:
    Ma ho letto bene?!?
    Ma chi è questo incompetente?E' questo il supporto tecnico che offrono ad un problema?Suggerisco al malcapitato di scaricarsi il tool adatto al prorpio hd, di verificare tracce e settori, e di mandare il log alla ASUS.
    Riguardo il disco rigido che a suo insindacabile giudizio
    risulta guasto, vorrei solo ricordarle che il notebook è un
    dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O.
    Microsoft
  • Anonimo scrive:
    Ragazzi, certo che......
    Certo che ASUS con questa mail si è tirata proprio una bella mazzata sulle ............... PSEddai MODERATORE, mica l'ho scritto "palle " !!! :D
  • Anonimo scrive:
    Ho un NB Asus e mi trovo bene, ma..
    .. che c@##o di risposta!Ho preso un Asus L2480 un anno fa perchè era tra i pochi a montare all'epoca un athlon (1600+) e perchè aveva una mucchio di porte, ed il combo: è il mio unico PC di casa.Io penso che esistano modelli sfigati e basterebbe ammetterlo.. con tutti i soldi che fanno, eviterebbero di farsi "nomi" di questo tipo per l'assistenza!Ammettere che il danno al disco potrebbe derivare dal fatto che il SO fa lavorare troppo l'hard disk è come ammettere che hanno montato un HD che non è adatto, diversamente da tutti gli altri, a fare il suo mestiere...FWIWbye| Marco
  • Anonimo scrive:
    Che str**zata!!!
    Cito: "Riguardo il disco rigido che a suo insindacabile giudizio risulta guasto, vorrei solo ricordarle che il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O. Microsoft [...] Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale."Che cavolata!!! Stai a vedere adesso che il pinguino se li inventa, i settori illeggibili. E poi cos'è l'hard disk certificato per windows, una novità? Che faccia tosta a dare una risposta del genere...Matteo
    • Anonimo scrive:
      Re: Che str**zata!!!
      Questi pensano di avere a che fare con la signora Fernanda che va a comprare le bistecche.Il problema e' che chi ha scritto questa cosa non ha la minima consapevolezza di offendere l'altrui intelligenza (il che la dice lunga....).
      • Anonimo scrive:
        Re: Che str**zata!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Questi pensano di avere a che fare con la
        signora Fernanda che va a comprare le
        bistecche.ROTFL!Te la immagini la signora Fernanda al telefono con l'helpdesk ASUS: - "Bongiorno, signuri'... c'ho lu coso, qqui, comme se chiama... lu cumpiùte, qui, che me dice... dice... boh, me dice 'na cosa strana, che non riesce a legge un disco... ma perché ce posso mette dentro pure li dischi, come su lu grammofono?"
  • Anonimo scrive:
    ASUS, via, brutto!!!
    Proprio ieri stavo pensando di chiamare il mio futuro primogenito ASUS, ma dopo aver letto tutto ciò ...
  • TeX scrive:
    Pensavo di acquistare un portatile....
    Non so di quale marca lo comprerò, ma di certo so di quale marca NON lo comprerò....sia per la scarsa qualità che per l'incompetenza del servizio assitenza...Anche perchè uso Linux non vorrei che questo venga utilizzato come scusa per rifiutare eventuali interventi in garanzia (la storia del disco "certificato Microsoft" è una farsa....).Tanto per andare sul sicuro eviterò anche di acquistare qualsiasi altra periferica di questa marca. Non vorrei mai che, a causa del mio sistema operativo Linux, "non esprima il massimo del suo potenziale"...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pensavo di acquistare un portatile....
      ho un asus lk8420 da un annetto, winxp home preinstallato, mandrake 9.0 e red hat 7.2tutto funziona perfettamente e manco a dirlo le applicazioni "confrontabili" (es. open office) girano meglio sotto linux che sotto winal contrario l'altro notebook che usiamo in ufficio (acer) ha avuto parecchi problemi ed è andato 2 volte in assistenza.acer bacata? no, pezzo sfigato.e su larga scala ovviamente aumentano il numero.mi sembra che alcuni si stiano aggrappando ad una uscita "poco felice" (non competente in ambiti unix-like? poco informato?) tanto per il gusto della polemica sterile.in concreto la asus ha dato la disponibilità al 3° rientro del notebook per visionarlo, e questa mi sembra la cosa che interessa maggiormente all'utente.per il resto non ho visto il prodotto e non posso dire niente.mi occupo di assistenza informatica e molto molto molto spesso un utente non soddisfatto tende a ingigantire le cose.ripeto non ho idea del difetto, potrebbe essere anche il singolo notebook molto molto bacato, ma eviterei di parlare con toni catastroficid. - Scritto da: TeX
      Non so di quale marca lo comprerò, ma di
      certo so di quale marca NON lo
      comprerò....sia per la scarsa qualità che
      per l'incompetenza del servizio assitenza...

      Anche perchè uso Linux non vorrei che questo
      venga utilizzato come scusa per rifiutare
      eventuali interventi in garanzia (la storia
      del disco "certificato Microsoft" è una
      farsa....).

      Tanto per andare sul sicuro eviterò anche di
      acquistare qualsiasi altra periferica di
      questa marca. Non vorrei mai che, a causa
      del mio sistema operativo Linux, "non
      esprima il massimo del suo potenziale"...
      • TeX scrive:
        Re: Pensavo di acquistare un portatile..
        - Scritto da: Anonimo....
        mi sembra che alcuni si stiano aggrappando
        ad una uscita "poco felice" (non competente
        in ambiti unix-like? poco informato?) tanto
        per il gusto della polemica sterile.Attenzione: il mio discorso non era questo. Per me potevano anche rispondere che non avevano la più pallida idea di cosa fosse Linux o Unix. Gli avrei magari ritenuti ignoranti, ma nulla di più. Il mio discorso è che non mi fido di un'assistenza che, di fornte ad un problema hardware di una macchina (raro o ricorrente che sia) , sfrutta la banalissima scusa del software per negare un malfunzionamento o addirittura per appiopparne la colpa al cliente (non è questo il caso ma succede...). Ho usato il termine generico software e non sistema operativo perchè tante volte mi è capitato di sentire risposte che certi malfunzionamenti (chiaramente di tipo hardware...) di computer con Windows sarebbero provocati dalla diffusa (e secondo me lecita) pratica di installare/disinstallare programmi di tutti i tipi. Pratica che (a mio avviso scandalosamente) può magari produrre malfunzionamenti nel sistema operativo, non di certo nell'hardware. Ti ho fatto questo esempio proprio per svincolarmi dal discorso Linux vs. Windows...
  • Anonimo scrive:
    La mia esperienza negativa con asus
    Vi sconsiglio vivamente di comprare un notebook asus, riassumo in estrema sintesi tutti i problemi che ho avuto con un portatile pagato quanto quelli di altre marche e che vale molto molto meno...1. Nel primo anno, mentre è ancora in garanzia, si scassa l'hard disk e la batteria. Il primo viene sostituito, la batteria no perchè non è coperta da garanzia. Il monitor si spegne da solo, ma siccome succede solo a volte, all'assistenza non lo rilevano. Cmq l'intervento di garanzia dura più di due mesi.2. Poco fuori da garanzia, diciamo un mese (diciamo pure che se me lo avessero ridato in un paio di settimane probabilmente si sarebbe rotto in garanzia) si brucia il processore. All'assistenza mi chiedono... un milione e trecentomilalire. E mi dicono pure: "se si rompeva la scheda madre o il monitor, erano due milioni, le è andata bene".Ora un momento di pausa: il portatile l'ho pagato quattro milioni, va bene far pagare l'assistenza, ma qui fate un po' la somma delle sole tre suddette componenti, già siamo a 5 milioni e tre... mi sembrano un po' ladruncoli e in effetti quel centro di assistenza mi ha dato non pochi problemi in seguito ma questa è un'altra storia.3. Dopo mesi di forzata inattività (non guadagno, sono mantenuto, un milione e trecentomila lire per riparare un portatile che aveva comunque la batteria scassata e il monitor che si spegneva ogni tanto, e che poteva rompersi in qualunque momento, non me la sentivo), riesco a trovare una ditta che può rivendere a 500 mila lire un processore per portatili alla mia società di informatica.Stiamo parlando di un portatile che montava il mobile intel pII 333 mhz. Acquisto per mezzo milione questo pII266, e nel rimontarlo (a parte che nel guasto oltre al processore, si è fuso anche il modulino di ram sottostante) mi accorgo del perchè si è bruciato il processore (ma ormai troppo tempo era passato, non ho avuto la forza morale di fare una causa): il processore era mal dissipato, la pasta termoconduttiva che doveva collegare il processore alla parte interna del case ... era pochissima!!! E fra la barretta di metallo apposita e il processore c'era uno strato di aria.Con questo si poteva spiegare anche il seguente fenomeno: nonostante il calo di frequenza, il nuovo processore scaldava molto di più.5. Dopo aver ricomprato la ram, sono andato avanti per un anno senza problemi. A parte la batteria, il monitor che si spegneva, e il case DI PLASTICA DI PESSIMA QUALITA' che si era spaccato vicino le giunture del monitor a causa dell'uso. E il floppy che dopo qualche mese ha cominciato a malfunzionare.6. Nelle vacanze di natale, il secondo processore si è fuso. Naturalmente butterò il portatile, ma una cosa è certa: non comprerò mai più un asus! E soprattutto, comprerò portatili con 3 anni di garanzia (ce ne sono di molte marche).
  • Anonimo scrive:
    quanti pixel!!!
    "...un solo pixel bruciato su un totale di svariati milioni di punti..."STIKA!!! svariati MILIONI... .. i portatili asus escono con un lcd 3200x1600??? :)
    • Anonimo scrive:
      Re: quanti pixel!!!
      in effetti, penso che per ogni "pixel" visibile a schermo, esista più di un "elemento fisico" bruciabile, qualcosa come ad esempio R, G e B. Se uno dei tre è bruciato, il pixel è comunque difettoso, perchè quando deve riprodurre un colore con R, poniamo, quel componente non emette, e tu vedi in quel punto solo la somma dei vlaori G e B.1024*768*3=2.366.208per un 17" (la critica era verso gli schermi lcd in generale)1280*1024*3=3.932.160FWIWbye, Marco
    • Anonimo scrive:
      Re: quanti pixel!!!
      Fatti tre conti tre:uno schermo medio è di 1024 x 768 (colonne, righe)ciascun punto ha tre colori e se ne può "bruciare anche uno solo (se tutti e tre fossero accesi avresti tre punti, non uno...)Quindi 1024 x 768 x 3 = 2 359 296quindi se sono al massimo 5 corrisponde a 2.12* 10 -4, circa 2 decimillesimi in termini percentuali..Detto questo, anche a me sembra che 5 siano troppi e ritengo che se ASUS li portasse a 2 sarebbe tutto sommato molto più appagante, coerente con i risultati medi di questi tempi ed anche con quelli della concorrenza.Dire 5 significa non voler sostituire alcuno schermo, allo stato attuale!friscom
  • Anonimo scrive:
    FantaInformatica
    "vorrei solo ricordarle che il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O. Microsoft con i quali riesce ad esprimere le migliori prestazioni dovute anche ad un programma di certificazione Microsoft LOGO seguito da nostro ufficio RD.Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale."Mio Dio.......Ma questa gente legge quello che scrive ?????Ma che diavolo può interessare il "suo potenziale", quando stiamo parlando di un hdd difettoso ???Oppure il portatile funziona " in potenza", nel senso che se và è un colpo di fortuna ( e solo con OS M$, ovviamente ...) .Ma 'stò tipo si è fatto di coca ( o di fanta .... ), fino a scoppiare prima di scrivere quella e-mail degna di un bambino colto con le mani nella marmellata ??Tra le altre cose il servizio assistenza di Asus è sicuramente scarso, criticato su molti fronti. A me che sono rivenditore non hanno MAI risposto ad alcune e-mail ( 4 per l' esattezza ) in cui chiedevo lumi su un accessorio indicato sul manuale della serie TERMINATOR e mai trovato in commercio .....Bella faccia davvero !Ribelle
  • Anonimo scrive:
    straordinario! I pc sono "fatti per ws"
    questa mail è utilissima.questo accerta che il mondo dell'informatica , anche nell'hardware è MICROSOFTIZZATO
    • Anonimo scrive:
      Re: straordinario! I pc sono "fatti per
      Veramente bellissima. Questo significa inoltre che in ambito scientifico i PC Asus d'ora in poi saranno scartati. Io lavoro all'Universita' e qui ovviamente si usa Unix/Linux perche' funzionano a differenza di Windows.Penso che non compreremo mai piu' Asus per l'Universita' di Parma.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    i miei soldi non valgono -0,00004%
    Come è possibile che i miei soldi valgano sempre al 100% anche dopo svariati decenni?Non funzionano mai a meno del 100% del loro valore (quindi non mi venite a parlare di svalutazione e inflazione: il pc OLTRE a svalutarsi, ha anche un funzionamento del 0,00004% in meno sul totale)
  • Anonimo scrive:
    ASUS ? quando il marchio è diabolico...
    Premesso che la cosa da fare per il nostro amico era di rimandare subito indietro il notebook quando c'era il pixel roto usando il diritto di recesso. (10 gg )Prima di acquistare un prodotto Asus andate a vedere sul loro sito che tipo di assistenza tecnica danno sul loro forum e capirete perchè non bisogna comprare altro da Asus che non siano schede madri (ma ce ne sono di migliori).Il forum tecnico semplicemente non esiste !Sono GLI UTENTI FINALI CHE FANNO I TECNICI e si risolvono i problemi tra di loro. L'ho scoperto anchio quando sono impazzito per fare andare una scheda video "all in one".Grazie alla fama delle loro schede madri hanno spacciato schede video e notebook per prodotti di qualità ma sotto il marchio non c'è nulla.Sono dei cialtroni e la loro risposta ne è la prova Lucamax
    • kubu scrive:
      Re: ASUS ? quando il marchio è diabolico...
      - Scritto da: Anonimo
      Premesso che la cosa da fare per il nostro
      amico era di rimandare subito indietro il
      notebook quando c'era il pixel roto usando
      il diritto di recesso. (10 gg )Vatti a rileggere meglio la lettera
      • TeX scrive:
        Re: ASUS ? quando il marchio è diabolico
        - Scritto da: kubu

        - Scritto da: Anonimo

        Premesso che la cosa da fare per il nostro

        amico era di rimandare subito indietro il

        notebook quando c'era il pixel roto usando

        il diritto di recesso. (10 gg )

        Vatti a rileggere meglio la letteraBeh, il diritto di recesso è indipendente dai pixel bruciati...
  • Anonimo scrive:
    linux al rallenatatore ...
    io ho gli stessi problemi con un computer aquistato da pochi giorni(con il loghetto Microsoft certified :(....), un p4 2500 con scheda madrea asus A7S333, 1gb di ram e 2 hd da 80 gb maxtor 7200con il winxp preinstallato funziona a manettama con red hat è un mulo e cmq vige una certa instabilità generale.... stò impazzendo .... ho un p2 600 con lo stesso identico sistema .... in confronto è un missiletra l'altro sono 2 giorni che cerco di trovare i driver linux per la scheda di rete integrata(qualcuno ha qualche link =) che oltretutto mi dava errori di comunicazione pci andando in confitto con la scheda video .... anchessa integrata .... ho risolto questo problema disattivando la scheda audio e applicando una sb128 che avevo in casa .....
    • Anonimo scrive:
      Re: linux al rallenatatore ...
      - Scritto da: Anonimo
      io ho gli stessi problemi con un computer
      aquistato da pochi giorni(con il loghetto
      Microsoft certified :(....), un p4 2500 con
      scheda madrea asus A7S333, 1gb di ram e 2 hd
      da 80 gb maxtor 7200
      La 'S' nella sigla delle mobo ASUS significa SIS ('V' =
      VIA, A =
      ALI, M =
      AMD, N=NVIDIA). Per Linux tutti i chipset nuovi (salvo i vecchi 630) basati su SIS sono da evitare come la peste... non ci sono driver, quando cisono sono instabili, e come se non bastasse la SIS, nonsolo non li scrive, ma non rilascia molte specifiche in modoche altri li possano scrivere. Se avessi preso la versionebasata su VIA A7V333 non avresti questi problemi...E' un peccato, perche' non sarebbe male vederefunzionare gli Xabre sotto XFree86 in DRI. Ovviamente none' un problema di ASUS ma della SIS.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    ASUS davvero un problema!
    Dopo la risposta del sig. Crispiatico, rimango senza parole. Volevo contattare ASUS per lo stesso problema che e' emerso al sig. Pisati. Io sono un rivenditore di Brescia, e ho avuto lo stesso problema con due clienti, dei quali uno un avvocato che giustamente si e' rivalso su di me. Stesso problema di batterie dalla durata inesistente, stesso modello , con in piu' problemi relativi a schianti del sistema operativo ..... pensate un po' usando Word. Alla faccia della certificazione Microsoft. Oppure e' certificato solo il sistema operativo?. A questo punto, mi trovo con un portatile ASUS sul groppone, un cliente "adirato", (l'altro era un amico e se l'e' tenuto) . Buon lavoro ASUS.
  • Anonimo scrive:
    Personalmente ho scritto ad Asus TW
    Penso che l'unica cosa da fare oltre a non acquistare i loro prodotti sia scrivere ad Asus TW chiedendo di poter avere a che fare con un "Support Manager" che svolga nella maniera più corretta le sue funzioni.Io l'ho fatto e spero che non sarò il solo.Si può usare anche l'ind email italy_support@asus.com.tw da atri pubblicato su questo forum.Saluti a tutti.Marco A.
    • Anonimo scrive:
      Re: Personalmente ho scritto ad Asus TW

      italy_support@asus.com.tw da atri pubblicato
      su questo forum..... e così ti risponde crispiatico! :-)quella è la mail del centro di milano, come puoi vedere dal sito asus.itd.
  • Anonimo scrive:
    Portatile costruito per O/S Microsoft???
    Sig. Crispiatico,Nonostante il Suo tono formalmente cortese, la Sua risposa al Sig. Pisati sfiora veramente il ridicolo.Il culmine sfocia con la Sua infelice frase "con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale"...Forse Lei spera di prendere in giro dei novizi nell'uso del PC... Ma ciò che ha detto è veramente ridicolo!Perchè??? Per due motivi:1) La certificazione per O/S Microsoft è una garanzia IN PIU' che funzioni con quei O/S... Ma se i Vostri portatilozzi NON VANNO BENE con altri sistemi operativi, DOVETE SCRIVERLO FUORI DALLA SCATOLA, anzichè tirar fuori queste baggianate come un coniglio dal cappello a cilindro.2) Lei meglio di me sa che una cosa è le PRESTAZIONI ed una cosa è il DANNO FISICO di cui il Pisani parla... NESSUN sistema operativo è in grado di danneggiare FISICAMENTE un disco.3) Lei parla di "garanzia dei produttori" per quanto riguarda il display LCD... A me risulta che NESSUN produttore di HD costruisca HD specificamente per un sistema operativo, quindi la sua risposta è una sonora presa in giro del Vostro malaugurato acquirente.Andiamo avanti con altre chicche.4) E' capace di far di conto??? No, perchè lei parla di "Questo perché un solo pixel bruciato su un totale di svariati milioni di punti, viene considerato un difetto cosmetico trascurabile.". Non per altro, ma un monitor 1600x1200 pixel ha 1.920.000 pixel. "Svariati milioni" vuol dire "molti", quindi "grande quantità" (cito il Garzanti). Non solo quindi "svariati" vuol dire ben più di 2, ma un monitor 1600x1200 non ne ha neanche DUE MILIONI!!! Da sganasciarsi dalle risate, se non fosse da piangere.5) "Riguardo i tasti
    e < che non funzionano" avete risolto con una patch... Bravi... complimenti!!! Peccato che se aveste dei beta testers come tutte le aziende SERIE, questo difetto sarebbe dovuto saltar fuori PRIMA della commercializzazione del prodotto...6) "Ovviamente con la velocità delle realtà informatiche di oggi può capitare che successivamente all'uscita di un prodotto hardware, escano prodotti software che potrebbero generare lievi incompatibilità con il portatile stesso"... Ma scusi... LEI STESSO DICE CHE IL PORTATILE E' CERTIFICATO WINDOWS??? E poi salta fuori che ci sono "incompatibilità lievi"??? Che "escano prodotti software"... Ma si parla dell'O/S che voi vendete con il portatile... MA MI FACCIA IL PIACERE!!!7) "Sperando di annoverarla ancora tra i nostri clienti"... Lei neanche sospetta quanti ne avete persi con questa assurda risposta a giuste argomentazioni di un cliente.Certo che non avrete più neanche me come cliente, colgo l'occasione per porgere distinti saluti.Marcostragnagn@libero.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Portatile costruito per O/S Microsoft???
      - Scritto da: Anonimo
      [...]
      4) E' capace di far di conto??? No, perchè
      lei parla di "Questo perché un solo pixel
      bruciato su un totale di svariati milioni di
      punti, viene considerato un difetto
      cosmetico trascurabile.". Non per altro, ma
      un monitor 1600x1200 pixel ha 1.920.000
      pixel. "Svariati milioni" vuol dire "molti",
      quindi "grande quantità" (cito il Garzanti).
      Non solo quindi "svariati" vuol dire ben più
      di 2, ma un monitor 1600x1200 non ne ha
      neanche DUE MILIONI!!! Da sganasciarsi dalle
      risate, se non fosse da piangere.Mmmmm... d'accordo con il resto, ma qui devo darti torto. Dimentichi che un pixel e' formato in realta' da 3 sub-pixel indipendenti, ciascuno comandato da un transistor. Il limite per la sostituzione del display e' quindi di 2 pixel (interi) bruciati oppure di 5 sub-pixel (come nel caso citato).Solo una precisazione...
    • Anonimo scrive:
      Re: Portatile costruito per O/S Microsof
      - Scritto da: Anonimo

      .... "Svariati milioni" vuol dire "molti",
      quindi "grande quantità" (cito il Garzanti).
      Non solo quindi "svariati" vuol dire ben più
      di 2, ma un monitor 1600x1200 non ne ha
      neanche DUE MILIONI!!! Da sganasciarsi dalle
      risate, se non fosse da piangere.Numeri che fanno girare la testa! Ing. Cane
      • Anonimo scrive:
        Re: Portatile costruito per O/S Microsof
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        .... "Svariati milioni" vuol dire "molti",

        quindi "grande quantità" (cito il
        Garzanti).

        Non solo quindi "svariati" vuol dire ben
        più

        di 2, ma un monitor 1600x1200 non ne ha

        neanche DUE MILIONI!!! Da sganasciarsi
        dalle

        risate, se non fosse da piangere.

        Numeri che fanno girare la testa!

        Ing. Canemille mille di mille...
    • Anonimo scrive:
      Re: Portatile costruito per O/S Microsoft???

      1) La certificazione per O/S Microsoft è una
      garanzia IN PIU' che funzioni con quei
      O/S... Ma se i Vostri portatilozzi NON VANNO
      BENE con altri sistemi operativi, DOVETE
      SCRIVERLO FUORI DALLA SCATOLA, anzichè tirar
      fuori queste baggianate come un coniglio dal
      cappello a cilindro.tutto più o meno condivisibile, ma se un prodotto viene progettato fregandosene di linux e co (come il 95% dei prodotti informatici) mica te lo devono scrivere!sulla scatola di tutti i prodotti vengono indicati i requisiti hw e/o sw minimi. se linux non c'è non hai la garanzia che funzioni, come per esempio i winmodem. si riesco a far andare in qualche modo, ma non lavorano correttamente.e chi lo compra sa che funzionerà con windows.d.
      • Tony Sarnano scrive:
        Re: Portatile costruito per O/S Microsof
        - Scritto da: d.
        sulla scatola di tutti i prodotti vengono
        indicati i requisiti hw e/o sw minimi. se
        linux non c'è non hai la garanzia che
        funzioni, come per esempio i winmodem. si
        riesco a far andare in qualche modo, ma non
        lavorano correttamente.Palle. Una cosa sono i winmodem un'altra l'interfaccia ATA che è standard e per cui tutti i S.O. forniscono adeguati driver.Affermare diversamente è molto peggio che ammettere l'esistenza di un difetto in un esemplare particolarmente sfortunato.Se questa è l'azienda, l'unica mi sembra BOICOTTARE ASUS .Ho già scritto in un precedente post che, dopo avere letto la sconcertante lettera di risposta del sig. Crispiatico, non sarò mai più tra i loro clienti.
  • Anonimo scrive:
    Proprio oggi dovevo comprare un Asus...
    ...e invece ora, dopo che ho letto questa bella lettera sugli hard disk rovinati da quei cattivoni dei sistemi Unix... se lo scordano proprio!
    • Anonimo scrive:
      Re: Proprio oggi dovevo comprare un Asus
      BRAVO!Se lo meritano. Il sig. Crispiatico e la Asus non hanno il senso della dignità. La storia degli HDD rovinati da Unix è sconcertante.- Scritto da: Anonimo
      ...e invece ora, dopo che ho letto questa
      bella lettera sugli hard disk rovinati da
      quei cattivoni dei sistemi Unix... se lo
      scordano proprio!
  • Anonimo scrive:
    servizio supporto asus
    direi che la cosa migliore èmandare le considerazionirelative a questa perla dirisposta a italy_support@asus.com.tw(già io l'ho fatto)c'e' da dire che su nessun sitoasus si cita che occorre farfunzionare i prodotti asus solocon sw MS, cosa che inveceperlomeno da quanto si evincedalla suddetta rispostadovrebbe essere doverosamentecitato
  • Anonimo scrive:
    Asus? No, grazie.
    Stavo pensando di acquistare un notebook ed avevo anche preso in considerazione l'offerta di Asus. Ora, viste le disavventure dell'amico e soprattutto l'allucinante lettera di risposta, posso dire che il mio portatile NON sarà un Asus.
  • Anonimo scrive:
    Non comprate Notebook Asus !
    Se funzionano correttamente con un solo sistema operativo vuol dire che sono progettati cosi' male che e' meglio evitarli ed affidarsi a qualche altro marchio.Magari, in seguito ad un guasto, i "tecnici" della Asus potranno accampare come scusa che e' stato fatto funzionare durante un viaggio in treno su di un pendolino, mentre "il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i treni intercity con i quali riesce ad esprimere le migliori prestazioni"!---Luca
    • Anonimo scrive:
      Re: Non comprate Notebook Asus !
      Secondo me Asus e' un buon marchio.Qui il problema mi sembra la totale incompetenza di Asus ITALIA.Mandiamo e-mail di protesta direttamente alla casa madre.Se ci va bene licenzieranno tutti gli incompetenti di Asus ITALIA.
      • kubu scrive:
        Re: Non comprate Notebook Asus !
        - Scritto da: Anonimo
        Secondo me Asus e' un buon marchio.
        Qui il problema mi sembra la totale
        incompetenza di Asus ITALIA.
        Mandiamo e-mail di protesta direttamente
        alla casa madre.
        Se ci va bene licenzieranno tutti gli
        incompetenti di Asus ITALIA.Sono daccordo con te.Ho visto molti notebook Asus e mi sono sembrati ottimi.E' anche vero che non li ho mai visti funzionare con Unix/Linux ma non credo proprio che il sistema operativo possa influenzare la resa della macchina. La verità è che i "commerciali", prima di esprimersi in merito, dovrebbero informarsi meglio con i "tecnici".
        • Anonimo scrive:
          Re: Non comprate Notebook Asus !
          - Scritto da: kubu
          - Scritto da: Anonimo

          Secondo me Asus e' un buon marchio.

          Qui il problema mi sembra la totale

          incompetenza di Asus ITALIA.

          Mandiamo e-mail di protesta direttamente

          alla casa madre.

          Se ci va bene licenzieranno tutti gli

          incompetenti di Asus ITALIA.

          Sono daccordo con te.
          Ho visto molti notebook Asus e mi sono
          sembrati ottimi.
          E' anche vero che non li ho mai visti
          funzionare con Unix/Linux ma non credo
          proprio che il sistema operativo possa
          influenzare la resa della macchina. La
          verità è che i "commerciali", prima di
          esprimersi in merito, dovrebbero informarsi
          meglio con i "tecnici".Io ne ho visti di funzionare con Linux (era un modello convideo Trident e chipset Intel) e non mi sono sembrati affatto male. Certo non sono i Sony VAIO o i Compaq...Piuttosto sarebbe interessante conoscere la moriadi pixel dello schermo LCD, delle batterie, etc., non solodegli ASUS. Non intendo a computer nuovo, ma dopo unqualche mese d'utilizzo. Sono questi i parametri checontraddistinguono un buon prodotto da uno "sola"...; lealtre caratteristiche generalmente sono comuni atutti gli altri notebook di tutte le altre marche, visto chei chipset sono quei 4 o 5 produttori a farli (Intel, SIS, Ali, etc.),i chipset video pure (ATI, NVidia, SIS, Trident, Savage),gli HD Hitachi, Toshiba, etc.Ciao.Giuseppe.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non comprate Notebook Asus !
      - Scritto da: Anonimo
      Se funzionano correttamente con un solo
      sistema operativo vuol dire che sono
      progettati cosi' male che e' meglio evitarli
      ed affidarsi a qualche altro marchio.

      Magari, in seguito ad un guasto, i "tecnici"
      della Asus potranno accampare come scusa che
      e' stato fatto funzionare durante un viaggio
      in treno su di un pendolino, mentre "il
      notebook è un dispositivo informatico
      prodotto e certificato per i treni intercity
      con i quali riesce ad esprimere le migliori
      prestazioni"!

      ---
      LucaLuca ... 6 grande, mi hai tolto le parole di bocca.P.S.Devo cambiare il portatile,anch'io non comprero' un Asus.
  • DPY scrive:
    E allora niente portatili Asus
    Al responsabile Asus consiglio la lettura almeno della prima parte di http://www.useit.com/papers/webwriting/writing.html: si parla di come scrivere i testi per le pagine web, ma il primo errore di cui parla si applica a qualsiasi cosa, lettere comprese. La raccomandazione principale è di evitare le formalità e il linguaggio da marketing, e parlare solo di fatti concreti. La storia del pixel bruciato è risaputa, ma la spiegazione è corretta. Tuttavia citare la percentuale di pixel difettosi per dire che è bassa non ha alcun senso: se il notebook avesse avuto 5 difetti la percentuale sarebbe salita allo 0,0002%, un valore comunque basso in assoluto, ma il display sarebbe stato scartato nonostante una percentuale di difetti bassissima , perché questi difetti sarebbero stati visibili e fastidiosissimi .
    Riguardo i tasti
    e < che non funzionano, appena
    abbiamo verificato il problema è stata subito
    prodotto una patch (leggi aggiornamento BIOS)
    che ha prontamente risolto.E questo si sapeva già dalla lettera originale. Il passo non spiega come è stato possibile che una macchina costruita in grande serie e, presumibilmente, provata adeguatamente prima dell'inizio della produzione, si sia portata dietro un tale errore di progetto fino agli esemplari definitivi. Le incompatibilità con i software più recenti non spiegano il problema della tastiera, visto che un portatile venduto a fine 2001 doveva essere stato provato già da tempo con gli ultimi sistemi operativi di casa Microsoft, le versioni beta vengono diffuse proprio per quello. Inoltre non si spiega una incompatibilità con un componente legacy come la tastiera, la cui struttura è immutata da vari anni.Ma il capolavoro è il seguente:
    Riguardo il disco rigido che a suo insindacabile
    giudizio risulta guasto, vorrei solo ricordarle che il
    notebook è un dispositivo informatico prodotto e
    certificato per i S.O. Microsoft con i quali riesce
    ad esprimere le migliori prestazioni dovute anche
    ad un programma di certificazione Microsoft
    LOGO seguito da nostro ufficio RD.
    Purtroppo con il sistema operativo UNIX
    potrebbe succedere che il notebook non esprima
    il massimo del suo potenziale.Il che non ci azzecca proprio nulla, visto che un conto è un sistema operativo che non sfrutta al 100% le capacità della macchina, e un conto è un sistema operativo con il quale il sottosistema a disco rigido esibisce gravi problemi di funzionamento. Sarebbe stato molto più semplice e comprensibile dire che il portatile non è stato progettato per funzionare con sistemi operativi diversi da Windows, non era quindi possibile fornire alcuna garanzia in quel modo di funzionamento, e si suggeriva di controllare il disco rigido con un programma diagnostico sotto Windows (financo lo Scandisk) prima di mandarlo in riparazione. Il fatto che il sistema abbia la certificazione Microsoft in questo caso non ha la minima importanza, e ricade nelle affermazioni 'da marketing'.Sulla base di una risposta di questo genere, il mio primo impulso sarebbe quello di scartare i prodotti Asus dai miei prossimi acquisti, anche perché avendo anch'io la necessità di dover far girare sistemi operativi diversi da quello classico, vorrei evitare una macchina dove un sistema *nix potrebbe non funzionare perfettamente, al contrario del mio vecchio P200MMX senza nome, ma con la batteria ancora efficiente, dove invece gira tutto alla perfezione. Non solo, la lettera si compiace di rimarcare il breve periodo di riparazione del primo guasto (3 giorni), ma sorvola direttamente sul fatto che la seconda riparazione abbia richiesto 15 giorni, al contrario dei 5 lavorativi che dovrebbero essere. Come la mettiamo?
    • Anonimo scrive:
      Re: E allora niente portatili Asus

      Sulla base di una risposta di questo genere,
      il mio primo impulso sarebbe quello di
      scartare i prodotti Asus dai miei prossimi
      acquisti, anche perché avendo anch'io la
      necessità di dover far girare sistemi
      operativi diversi da quello classico, vorrei
      evitare una macchina dove un sistema *nix
      potrebbe non funzionare perfettamente, al
      contrario del mio vecchio P200MMX senza
      nome, ma con la batteria ancora efficiente,
      dove invece gira tutto alla perfezione. Non
      solo, la lettera si compiace di rimarcare il
      breve periodo di riparazione del primo
      guasto (3 giorni), ma sorvola direttamente
      sul fatto che la seconda riparazione abbia
      richiesto 15 giorni, al contrario dei 5
      lavorativi che dovrebbero essere. Come la
      mettiamo?Il problema e' che il "customer care" in Italia faschifo. Non solo con i picci (vedi auto, etc.). Saràla nostra mentalità da tirare le "sòle"?Capisco che ci sono individui che pretendono (e hannola faccia tosta) di chiedere che un prodotto vengasostituito dopo che ci sono passati sopra con un trattore, mamai una volta che: "il cliente ha sempre ragione"?Ciao.
  • piso scrive:
    Precisazioni da parte dell'interessato
    Allora allora allora.... =)1) La riparazione in 3 giorni lavorativi e' stata effettuata perche' il portatilemi ero appena arrivato (< di 1 sett di vita) e gia' nn funzionava, ed io mi stavo per trasferire all'estero per 6 mesi, quindi ho chiamato l'assistenza ed ho fatto notare (con tono alquanto stizzito) la situazione...2) per la seconda riparazione HO PAGATOla batteria, cose che nn viene riportato nel msg e che potrebbe portare a pensareche sia stato tutto gratuito3) il fatto che il BIOS debba essere aggiornato FREQUENTEMENTE mi pare chiaramente sintomo di come il prodotto nn sia stato testato estensivamente prima di essere immesso sul mercato4) per il disco e la storia della certificazione Microsoft: AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!!NON HO PAROLE!!!! =)d'altronde al telefono, l'incaricato di Asus che mi aveva chiamato disse (testuali parole):"per quanto riguarda il disco, puo' essere che Unix lo fa lavorare di piu', quindi per questo motivo si e' rotto..."stendiamo un velo pietoso... =)sarebbe stato molto piu' semplici se avessero detto: "ci scusi, il suo modello e' proprio sfigato, glielo cambiamo..."invece hanno scelto la strada peggiore, con un ritorno di pubblicita' negativa senza eguali... bahhhh, ma e' proprio cosi' difficile dire "mi scusi?" =)ciao ciao Paolop.s. vado a dormire che e' tardissimo, domani pero' voglio vedere questo forum esplodere...ciao Punto Informatico =)
    • Anonimo scrive:
      Re: Precisazioni da parte dell'interessato
      Si la scusa che*nix fa lavorare di piu' il disco e' patetica, indica una enorme ignoranza e che loro si stanno arrampicando sugli specchi pur di scaricare almeno parte della colpa dei gusti sull' utente .. e poi ca22arola ! ma e' Windows quello che si deframmenta e fa scrullare il disco all' inverosimile ! Il mio PC Linux in 2 anni di lavoro non ha raggiunto una frammentazione superiore allo 0.6% !!! ma non si vergognano ???
      • Anonimo scrive:
        Re: Precisazioni da parte dell'interessa
        - Scritto da: Anonimo
        Si la scusa che*nix fa lavorare di piu' il
        disco e' patetica, indica una enorme
        ignoranza e che loro si stanno arrampicando
        sugli specchi pur di scaricare almeno parte
        della colpa dei gusti sull' utente .. e poi
        ca22arola ! ma e' Windows quello che si
        deframmenta e fa scrullare il disco all'
        inverosimile ! Il mio PC Linux in 2 anni di
        lavoro non ha raggiunto una frammentazione
        superiore allo 0.6% !!! ma non si vergognano
        ???Che un filesystem faccia lavorare un disco dipiu' di un altro può essere vero: per esempio conext3 lavora di piu' che con ext2 (FreeBSD comunquenon usa nessuno dei due di default). Il fatto e' pero chei filesystem per i quali dovrebbe essere "certificato"sono ben piu' dispersivi (e vogliamo vedere la frammentazionedel file di SWAP in NTFS su XP?)Insomma per causare determinati danni, dovrestiavere lasciato l'hard disk swappare continuamenteper una settimana di fila...Ciao.Giuseppe.
      • Anonimo scrive:
        Re: Precisazioni da parte dell'interessato

        Il mio PC Linux in 2 anni di
        lavoro non ha raggiunto una frammentazione
        superiore allo 0.6% !!! ma non si vergognano
        ???Bisogna anche vedere cosa intende il tuo pc Linux per disco deframmentato: può essere che ci siano tutti i settori pieni adiacenti ma che i singoli file siano spezzettati, oppure non considera la lontananza dei file di sistema più usati dalla posizione di partenza delle testine. Infine avere il file di swap in un altra partizione rende sicuramente una partizione meno deframmentata di un'altra ma la gestione di tale spazio è forse più complicata (scusa l'ignoranza ma la puoi aumentare senza formattare tutto?)
        • Anonimo scrive:
          Re: Precisazioni da parte dell'interessato
          essendo linux un sistema open puoi andare a leggerti la documentazione relativa al filesystem e vedere cosa significa quel 0.6%. Dopo di che scrivi a bill e gli chiedi cosa intente lui quando vfat o ntfs sono al 30%! (30 è un numero a caso normale per ntfs, assurdo per ext2,3 reiser)

          Bisogna anche vedere cosa intende il tuo pc
          Linux per disco deframmentato: può essere
          che ci siano tutti i settori pieni adiacenti
          ma che i singoli file siano spezzettati,
    • MemoRemigi scrive:
      Re: Precisazioni da parte dell'interessa
      Ti ringrazio di aver sollevato il polverone, effettivamente era un po` di tempo che notavo un costante calo di qualita` nei prodotti asus, e dopo questo patetico tentativo da parte loro di giustificarsi credo proprio che mi rivolgero` sempre alla concorrenza in futuro.Buona quella del disco veramente, dimostra la totale incompetenza di chi ti ha risposto.Ciao !
  • Anonimo scrive:
    rottami
    patetico. I venditori di rottami nn sanno piu' cosa dire... io dico: switch.
  • Anonimo scrive:
    Si legge...
    .Riguardo alla vicenda sulla rubrica "lettere" del sito Punto Informatico dal sig. Paolo Pisati, la presente per comunicarvi alcune precisazioni che mi sembrano necessarie e dovute..."Mi sa che qualcuno ha bisogno di un bel corso di grammatica italiana.....veroo Sig. Fabrizio Crispiatico???Che diavolo vuol dire??Ah...e mi associo ai commenti gia fatti dagli altri lettori in proposito dell'HD (per quanto non sia completamente al corrente della vicenda).JURY
  • Anonimo scrive:
    Brava ASUS
    Riguardo il disco rigido che a suo insindacabile giudizio risulta guasto, vorrei solo ricordarle che il notebook è un dispositivo informatico prodotto e certificato per i S.O. Microsoft con i quali riesce ad esprimere le migliori prestazioni dovute anche ad un programma di certificazione Microsoft LOGO seguito da nostro ufficio RD.Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale.ASUS ti comunico uffialmente che con me hai chiuso
    • Tony Sarnano scrive:
      Re: Brava ASUS: abbattiamoci le mani!
      Dico io: ma scherziamo? Disco rigido che esprime le migliori prestazioni con SO Microsoft ?Invece di scrivere panzane del genere, teorie d'accatto che non stanno nè in cielo nè in terra (e sfido a dimostrare il contrario) era molto meglio che Asus non scrivesse alcuna lettera di risposta su PI .Mi spiace, anch'io per molto tempo ho considerato Asus una ditta seria, ma queste affermazioni mi lasciano sbigottito, dal momento che l'interfaccia ATA è standard.Se mi chiamassi De Andreis o Del Rosso mi sentirei profondamente offeso dalla lettera di risposta di Fabrizio Crispiatico. E' evidente che questo signore reputa che i lettori di PI siano degli emeriti imbecilli.Penso che l'unico effetto che può sortire da una risposta come quella data dal sig. Crispiatico sia quello di un boomerang. Che vergogna!Tra parentesi posso testimoniare di avere installato vari tipi di sistemi Unix (SCO e vari Linux con ext2, ext3 e ReiserFS) su PC x86 (certificati "designed for Microsoft Windows", anche con motherboard della Asus): ironia della sorte, a livello di filesystem il divario è notevole... ma sempre a netto sfavore di M$!Purtroppo il logo designed for Unix appiccicato su un PC non l'ho ancora visto, ma finora avevo pensato che ciò fosse dovuto non già a questioni di tipo tecnico bensì meramente commerciale (potenza del marketing di Redmond). Il sig. Crispiatico ci suggerisce invece che sui notebook Asus il logo designed for Windows sta lì ad ammonirci che l'hard disk potrebbe benissimo venir cimito da un diverso sistema operativo, e che questo rientra nella norma. Ahò... annamo bbene! Da oggi la Asus sappia che può considerarmi un EX-cliente a titolo definitivo .
      Riguardo il disco rigido che a suo
      insindacabile giudizio risulta guasto,
      vorrei solo ricordarle che il notebook è un
      dispositivo informatico prodotto e
      certificato per i S.O. Microsoft con i quali
      riesce ad esprimere le migliori prestazioni
      dovute anche ad un programma di
      certificazione Microsoft LOGO seguito da
      nostro ufficio RD.
      Purtroppo con il sistema operativo UNIX
      potrebbe succedere che il notebook non
      esprima il massimo del suo potenziale.


      ASUS ti comunico uffialmente che con me hai
      chiuso
  • Flavioweb scrive:
    Piso, hai sbagliato tutto !
    ...te lo dicevo io che invece di fare la tesi di laurea con FreeBSD la dovevi fare sul "Cestino di Windows" - Questo sconosciuto."Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale."Formattalo con una bella "FAT32" e fai uno "ScanDisk",perchè ti ostini ad usare quel cavolo RaiserFS o Ext 3 ???Occhio che qualcuno potrebbe cominciare a dire in giro cheutilizzando i sitemi Unix/like si distruggono gli HD......Vado a vomitare...
    • Anonimo scrive:
      Re: Piso, hai sbagliato tutto !

      Formattalo con una bella "FAT32" e fai uno
      "ScanDisk",
      perchè ti ostini ad usare quel cavolo
      RaiserFS o Ext 3 ???FAT32 ??????? Ormai è obsoleta meglio NTFS nò? :-P
      • Flavioweb scrive:
        Piso, hai sbagliato tutto !
        - Scritto da: Anonimo


        Formattalo con una bella "FAT32" e fai uno

        "ScanDisk",

        perchè ti ostini ad usare quel cavolo

        RaiserFS o Ext 3 ???
        FAT32 ??????? Ormai è obsoleta meglio NTFS
        nò? :-P...si, ma non so se sul mio PC funziona, non è certificatoMicrosoft LOGO...
    • Anonimo scrive:
      Re: Piso, hai sbagliato tutto !

      Occhio che qualcuno potrebbe cominciare a
      dire in giro che
      utilizzando i sitemi Unix/like si
      distruggono gli HD...come sarebbe,non lo sai?freebsd fa grippare i cuscinetti degli hd :)
  • Anonimo scrive:
    Solita lettera para-fondoschiena..
    Come al solito quando il cliente riesce a pubblicizzare, giustamente, la propria avventura sfortunata(?), ecco che la casa produttrice interviene allungando la lingua e parandosi dietro ad hw ottimizzato per x So anziche' y.., offrendo assistenza quando prima ti hanno detto arrangiati.MahCbgb
  • Fred scrive:
    disco fisso per WIndows?
    ops me sa che me son perso qualcosa in giro non mi risulta che i dischi fissi possano funzionare SOLO con sistemi operativi microsoft..... o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: disco fisso per WIndows?
      LOL :D"Purtroppo con il sistema operativo UNIX potrebbe succedere che il notebook non esprima il massimo del suo potenziale."Questa frase chi l'ha pensata? :D
      • leonardo() scrive:
        Re: disco fisso per WIndows?
        - Scritto da: Anonimo
        LOL :D

        "Purtroppo con il sistema operativo UNIX
        potrebbe succedere che il notebook non
        esprima il massimo del suo potenziale."

        Questa frase chi l'ha pensata? :Dssst, non senti questo rumore? gniiiik, gniiiiiiiiiiiik... è l'amico Asus Italy che ancora s'arrampica sugli specchi... :)))
    • Anonimo scrive:
      Re: disco fisso per WIndows?
      - Scritto da: Fred
      ops me sa che me son perso qualcosa in giro
      non mi risulta che i dischi fissi possano
      funzionare SOLO con sistemi operativi
      microsoft..... o no?Per ora funzionano anche con altri sistemi operativi, ma quando arriverà palladium non sò se sarà ancora così.
      • Anonimo scrive:
        Re: disco fisso per WIndows?

        Per ora funzionano anche con altri sistemi
        operativi, ma quando arriverà palladium non
        sò se sarà ancora così.questione di giorni. fai uscire il palladium e poi vedi.cara asus, il mio pc p2 300 con mb e vga asus, con linux è una decina di volte più veloce e più freddo che con winzozz.ma se mi dici che fai i prodotti ottimizzati per winzozz non li compro più.l'errore commerciale di asus (per questo non ho ancora il portatile, non mi va di fare l'Attivissimo (Paolo)) è quello di preistallare winzozz, ma non il 98 (che è quasi usabile), ma XP e ME, che fanno realmente schifo.poi affermazioni assurde come quella che una partizione ext3 sia peggiore di una fat32 o una ntfs (quando è vero l'esatto opposto), sono veramente scandalose e rovinano l'immagine di un'azienda che una volta sembrava seria
        • DPY scrive:
          Re: disco fisso per WIndows?

          poi affermazioni assurde come quella che una
          partizione ext3 sia peggiore di una fat32 o
          una ntfs (quando è vero l'esatto opposto),
          sono veramente scandalose e rovinano
          l'immagine di un'azienda che una volta
          sembrava seriaMah, veramente non mi sembra che la lettera parlasse di file system, né che esprimesse alcun giudizio su di essi. Fermo restando che l'affermazione sui dischi rigidi fosse a dir poco non pertinente, nessuna critica era stata fatta ai file system, e dire che un sistema operetivo potrebbe non girare o non girare correttamente non implica nessuna affermazione sulla qualità dei suoi file system.
          • Anonimo scrive:
            Re: disco fisso per WIndows?
            - Scritto da: DPY

            poi affermazioni assurde come quella che
            una

            partizione ext3 sia peggiore di una fat32
            o

            una ntfs (quando è vero l'esatto opposto),

            sono veramente scandalose e rovinano

            l'immagine di un'azienda che una volta

            sembrava seria

            Mah, veramente non mi sembra che la lettera
            parlasse di file system, né che esprimesse
            alcun giudizio su di essi. Fermo restando
            che l'affermazione sui dischi rigidi fosse a
            dir poco non pertinente, nessuna critica era
            stata fatta ai file system, e dire che un
            sistema operetivo potrebbe non girare o non
            girare correttamente non implica nessuna
            affermazione sulla qualità dei suoi file
            system.Anche perchè dalle affermazioni che fa dubito fortemente che sappia cosa sia un filesystem.....
          • Anonimo scrive:
            Re: disco fisso per WIndows?
            - Scritto da: DPY

            poi affermazioni assurde come quella che
            una

            partizione ext3 sia peggiore di una fat32
            o

            una ntfs (quando è vero l'esatto opposto),

            sono veramente scandalose e rovinano

            l'immagine di un'azienda che una volta

            sembrava seria

            Mah, veramente non mi sembra che la lettera
            parlasse di file system, né che esprimesse
            alcun giudizio su di essi. Fermo restando
            che l'affermazione sui dischi rigidi fosse a
            dir poco non pertinente, nessuna critica era
            stata fatta ai file system, e dire che un
            sistema operetivo potrebbe non girare o non
            girare correttamente non implica nessuna
            affermazione sulla qualità dei suoi file
            system.Francamente la risposta ASUS mi è sembrataun po' confusionaria. Il PC va e viene dal centro di assistenza cadendo a pezzi e questo che fa, risponde che nel secondo casonon gli e' stato fatto pagare l'intervento quando avrebberodovuto. Magari aveva anche il coraggio di dire che l'ha rotto luiperche' ci ha installato su FreeBSD o Linux anziche' Windows.Casualmente ha inoltre glissato sulla qualità e sulla durata ridotta della garanzia della batteria...Comunque il fatto che con Unix (nella fattispecie FreeBSD) il "sistema non esprima ilmassimo del suo potenziale" potrebbe non essereuna affermazione del tutto campata in aria, anche sein questo caso lo è. Spessoin molti chipset (specie gli ultimi SIS), l'UltraDMAo non e' affatto supportato o quando e' supportato e' instabile...; stesso discorso per le schede video. Per esempio se montano una scheda video basata su chipsetSavage4 o Trident (e gli ASUS piu' economici c'e' l'anno) opeggio ancora SIS a memoria condivisa, ti devi dimenticare il supporto di XFree86 per l'accelerazione 3D (a meno di non acquistare server X proprietari, tipo quelli della Xinside [ma a quelpunto i 200? tanto vale spenderli per hardware migliore]),e talvolta perfino per le modalita Xv...Per non parlare dei Winmodem (nonostantealcuni Conexant e alcuni Lucent siano supportatimediante software semi-opensourced). Stesso discorsoper le modalità di ibernazione che nel 90% dei casi nonsono supportate in OS diversi da Windows...L'ideale quando si usa Unix sono quindi i portatili basatisu chipset Intel e scheda video ATI Mobile (fino alla 7500perlomeno e' supportata anche l'accelerazione 3D inmodalita' DRI). Guarda caso' pero' il modello del lettore,un 8470 è proprio basato su chipset Intel 815EP, il cuiUDMA e' pienamente supportato, e chipset video ATI MobileM6, anch'esso perfettamente supportato.Uno comunque puo' comprare una macchina e viaggiaresempre ai 30 all'ora in prima marcia..., ma se ti troviil parabrezza scheggiato da subito e il climatizzatore che dopo6 mesi muore lo si puo' imputare a quello?
    • Anonimo scrive:
      Re: disco fisso per WIndows?
      - Scritto da: Fred
      ops me sa che me son perso qualcosa in giro
      non mi risulta che i dischi fissi possano
      funzionare SOLO con sistemi operativi
      microsoft..... o no?ma dico io, ai responsabili delle pubbliche relazioni, insegnano qualcosina di informatica?
      • Anonimo scrive:
        Re: disco fisso per WIndows?
        premettendo che:linux e' un ottimo sistema operativo puntoper certe cose e' meglio di windows puntoil (anzi i) filesystem di linux e' (sono) probab. piu' performante(i) di quello di windows puntoresta il fatto che Asus (e altre 352 societa' hw) vendono il loro prodotto (in questo caso un portatile) testandolo e quindi VENDENDOLO con un OS Microsoft, con tanto di bollino (designed/built/pasticciated for Windows ##)questo NON vuol dire che linux fa schifo, ne' tantomeno che su quella macchina su gira, ma che loro non assicurano un funzionamento ottimale di quel sistema sulla loro macchina, proprio xche' non e' stata testata a dover con quel sistema.Quindi o vi cercate un portatile con su scritto Designed, Tested and Ultra Performance with Linux (anzi magari vi trovate Designed for RedHat e vi incazzate xche' voi volete metterci una slack), altrimenti vi rassegnate al fatto che il vendor non vi potra' mai assicurare che linux gira da dio sulla sua macchina.Non fate sempre gli estremisti e cercate qualche volta di riflettere, senza offesa
        • Anonimo scrive:
          Re: disco fisso per WIndows?

          Quindi o vi cercate un portatile con su
          scritto Designed, Tested and Ultra
          Performance with Linux (anzi magari vi
          trovate Designed for RedHat e vi incazzate
          xche' voi volete metterci una slack),
          altrimenti vi rassegnate al fatto che il
          vendor non vi potra' mai assicurare che
          linux gira da dio sulla sua macchina.Tralasciando il fatto che il marchietto "Designed for Windows" e' un puro specchietto commerciale e che non influenza in alcun modo l'hardware, *anche se fosse*:La dicitura "Designed for WIndows X" ha un significato diverso da "Not performing with other OS than Windows X".Quindi, se un prodotto NON e' compatibile o ha prestazioni decisamente ridotte (se non addirittura lesive dell'hardware, come ridicolmente sostiene questo personaggio), tali problematiche devono essere chiaramente enunciate sulla scatola, manuale, materiale pubblicitario, siti internet e quant'altro.E non ci sono altre storie.
        • Anonimo scrive:
          Re: disco fisso per WIndows?
          Mi sorge il sospetto, dalle tue osservazioni, che il tuo cervello non abbia il bollino "designed for human intelligence".
          • Anonimo scrive:
            Re: disco fisso per WIndows?
            ahahah bella battuta bravo ma di human intelligence ce n'e' abbastanza, non ti preoccupare, si vede che ne manca a te per capire di cosa sto parlando.
            Tralasciando il fatto che il marchietto "Designed for Windows"
            e' un puro specchietto commerciale e che non
            influenza in alcun modo l'hardware, *anche se fosse*:che sia uno specchietto commerciale e' sicuro, ma non e' detto che in fase di test non venga dato piu' peso al sistema x cui scrivono "designed" piuttosto che alla data distribuzione linux anche xche loro il portatile lo vendono con preinstallato quel dato sistema.
            La dicitura "Designed for WIndows X" ha un significato diverso
            da "Not performing with other OS than Windows X".chiaro, ma loro non te lo assicurano come invece lo fanno x quello x cui e' stato disegnato
            Quindi, se un prodotto NON e' compatibile o ha prestazioni
            decisamente ridotte (se non addirittura lesive dell'hardware,
            come ridicolmente sostiene questo personaggio),sul discorso che sia lesivo dell'hardware hai perfettamente ragione, non ha senso, sul fatto xo' che le prestazioni siano differenti, non c'e' modo di controllarlo visto che sono due sistemi diversi.in ogni caso i portatili ADESSO funzionano discretamente con linux, un po' di tempo fa invece alcuni andavano altri no xche' non tutte le periferiche (scheda video, power management, controller del disco etc..) erano supportate correttamente, io il messaggio del tipo dell'Asus lo leggo in questa maniera, che poi non si possa essere d'accordo e' un'altro discorso, sono pur sempre scelte di business...
Chiudi i commenti