Samsung svela un display da 102 pollici

Con lo sviluppo di un modello di display al plasma da 102 pollici, il produttore coreano afferma di aver spinto la dimensione di questa categoria di schermi verso un nuovo traguardo tecnologico


Tokyo (Giappone) – Ha una diagonale di oltre due metri e mezzo il nuovo titano dei display al plasma svelato negli scorsi giorni da Samsung . Secondo il noto produttore coreano, il nuovo schermo (detto anche PDP, Plasma Display Panel) surclassa tutti i prodotti rivali, incluso il modello da 80 pollici presentato a gennaio dalla stessa Samsung.

Il PDP da 102 pollici ha una risoluzione di 1.920 x 1.080 pixel, una luminosità di 1.000 candele e un contrasto di 2.000 a 1. Secondo il suo produttore, il nuovo display utilizza una serie di tecnologie coperte da oltre 100 brevetti.

Samsung conta di iniziare la produzione in volumi di PDP da 80 e 102 pollici durante la prima metà del prossimo anno. Attualmente la dimensione standard, specie per i televisori al plasma, è di 42 pollici, con un progressivo incremento della diffusione di modelli da 50 e 60 pollici.

Almeno inizialmente, gli schermi al plasma di dimensioni più elevate verranno utilizzati all’interno di supermercati, aeroporti e sale riunioni.

Rispetto alla tecnologia LCD, quella al plasma risulta al momento più adatta per costruire display di grandi dimensioni: è per tale ragione che gli LCD, fino a questo momento, si sono diffusi maggiormente sul mercato dei monitor per PC e dei televisori sotto i 40 pollici.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Cervello in poltiglia?
    Tra poco inventeranno il forno a microonde che funziona senza un vero e proprio forno!
  • Capirossi scrive:
    Re: Latenza?
    bello :)
  • la redazione scrive:
    Re: kiloBIT non kiloBYTE
    Corretto, grazie.- Scritto da: Anonimo

    le attuali reti 3G raggiungono
    velocità nell'ordine delle poche
    centinaia di kilobyte.

    umts fdd per ora raggiunge al massimo
    384kbps cioè kilo bit per second
  • Anonimo scrive:
    Tanto non serve!
    Al prezzo attuale del collegamento anche il solo utilizzo del "vecchio" p800 e' out.Provare a navigare con un telefonino, poi ne riparliamo.Se poi vogliamo dire che sarebbero interessati a farci spendere 300 euro/minuto.. be ditelo!Anziche pompare le celle, perche non abbassare le tariffe di un fattore 100?Forse qualcuno, come me, potrebbe riuscire ad usarle:-)Claudio
  • Anonimo scrive:
    Re: Latenza?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    100 ms sarebbe un risultato
    straordinario.

    Per applicazioni distribuite cosa
    intendi?

    non vorrai mica far girare un cluster

    utilizzando come link una connessione

    wireless?

    Che applicazioni ci serviranno fra 10 anni
    non lo sappiamo ne io, ne tu. Sicuramente
    sarà un qualcosa collegato alle
    tecnologie di grid collegate a Internet2,
    quindi applicazioni distribuite, sistemi
    operativi distribuiti ecc ecc, e non le
    "piccole" applicazioni web odierne. In
    questi casi tra 1 Gbps a 100ms e un 100 Mbps
    a 50 ms, direi che fa più gola il
    secondo.cluster != distruted comptingcluster == parallel comptingPer le applicazioni di calcolo parallelo non si usa neanche Ethernetma switch dedicati a bassa latenza: Myrinethttp://iesk.et.uni-magdeburg.de/Minerva/Gallery/Images/Myrinet.JPGla latenza è dell'ordine dei micro-secondihttp://www.myri.com/myrinet/performance
  • FAM scrive:
    Re: Latenza?
    Devi giocare in rete a Doom 6 mentre sei in metropolitana?
  • Anonimo scrive:
    Re: Latenza?
    - Scritto da: Anonimo
    Immagino che una connessione wireless a
    1Gbps sia utile solo in uno scenario dove vi
    sia la necessita di far girare applicazioni
    fortemente distribuite.

    Bena, la banda non basta. Visto che è
    una rete wireless, le trasmissioni saranno
    soggette a rumore altissimo, qual è
    la latenza di una simile rete?

    Se posso trasferire pacchetti a 1Gbps, ma ho
    un ping medio di 100 ms... non è
    buono!Rwin = Bandwidth x Delay = 12.5 MegaByte
  • Anonimo scrive:
    Re: Latenza?
    - Scritto da: Anonimo
    100 ms sarebbe un risultato straordinario.
    Per applicazioni distribuite cosa intendi?
    non vorrai mica far girare un cluster
    utilizzando come link una connessione
    wireless?Che applicazioni ci serviranno fra 10 anni non lo sappiamo ne io, ne tu. Sicuramente sarà un qualcosa collegato alle tecnologie di grid collegate a Internet2, quindi applicazioni distribuite, sistemi operativi distribuiti ecc ecc, e non le "piccole" applicazioni web odierne. In questi casi tra 1 Gbps a 100ms e un 100 Mbps a 50 ms, direi che fa più gola il secondo.
  • Anonimo scrive:
    kiloBIT non kiloBYTE

    le attuali reti 3G raggiungono velocità nell'ordine delle poche centinaia di kilobyte.umts fdd per ora raggiunge al massimo 384kbps cioè kilo bit per second
  • Anonimo scrive:
    Re: Latenza?
    100 ms sarebbe un risultato straordinario.Per applicazioni distribuite cosa intendi? non vorrai mica far girare un cluster utilizzando come link una connessione wireless
  • Anonimo scrive:
    Latenza?
    Immagino che una connessione wireless a 1Gbps sia utile solo in uno scenario dove vi sia la necessita di far girare applicazioni fortemente distribuite.Bena, la banda non basta. Visto che è una rete wireless, le trasmissioni saranno soggette a rumore altissimo, qual è la latenza di una simile rete?Se posso trasferire pacchetti a 1Gbps, ma ho un ping medio di 100 ms... non è buono!
Chiudi i commenti