SanDisk lancia i chip antipirateria

L'azienda californiana presenta i primi modelli di schede TrustedFlash. Pensate per contenere canzoni e filmati digitali, le card sono dotate di un sistema DRM basato su specifiche SecureDigital


Sunnyvale (USA) – Capienti, compatte e soprattutto sicure : ecco come sono state presentate le nuove memory card prodotte da SanDisk , leader mondiale nel settore dei supporti di memoria miniaturizzati. La nuova gamma di schede utilizza la tecnologia TrustedFlash , che introduce un sistema per il Digital Rights Management .

Il CEO di SanDisk, Eli Harari, è convinto che le nuove card permetteranno all’azienda di “raggiungere una posizione strategica”: nella corsa all’oro per la mobilità totale , i chip TrustedFlash permettono di implementare controlli antipirateria su software, canzoni e filmati destinati alle piattaforme portatili.

“Realizzare TrustedFlash ci è costato quasi quattro anni di ricerche”, dichiara Harari. Già battezzato “chip antipirateria” dalla stampa internazionale, il prodotto di SanDisk è infatti un microprocessore che esegue operazioni crittografiche in tempo reale. Per quanto riguarda la protezione di audiovisivi, TrustedFlash è compatibile con lo standard NDS, utilizzato per la diffusione di film in formato digitale. Opportunamente “blindati”, i contenuti digitali diventeranno accessibili solo attraverso un regolare pagamento, secondo il modello del pay-per-use.

Le applicazioni di queste nuove schede di memoria guardano soprattutto al ricco mercato della telefonia mobile: software, film ed album musicali fruibili dai terminali mobili. Harari è convinta d’avere in pugno il sistema DRM definitivo e conta sull’appoggio di importantissimi partner, come ad esempio EMI e Samsung , colosso sudcoreano che produce cellulari di ultima generazione.

Anche Yahoo! ha annunciato una partnership con SanDisk: forte di una articolatissima rete di distribuzione, il motore di ricerca ha annunciato l’avvio di un servizio per l’acquisto di musica pienamente compatibile con la gestione dei diritti offerta da TrustedFlash. E vendere musica rientra tra gli obiettivi più importanti di Harari. Il CEO dell’azienda di Sunnyvale spera che le major discografiche possano distribuire direttamente i propri artisti in formato TrustedFlash.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    90 Watt
    Una volta un tizio prese una cpu, ci mise la stagnola sopra a forma di contenitore, ci ruppe un uovo dentro e si fece la frittatona. Era uno dei primi Athlon Xp che 90 Watt non se li sognava neppure. Ora questo tizio cosa s'inventerà ? La pizza ? :D
Chiudi i commenti