SanDisk: Vista tarpa le ali ai dischi flash

Il boss di SanDisk accusa Microsoft di non aver ottimizzato a sufficienza il suo Windows per l'uso dei dischi a stato solido, con la conseguenza che i produttori sarebbero costretti a progettare controller flash più complessi e costosi

Roma – Vista è stata la prima versione di Windows a supportare nativamente i dispositivi di memoria flash, sfruttandoli – con tecnologie come ReadyBoost e ReadyDrive – per incrementare le performance del sistema. Eppure il CEO di SanDisk , Eli Harari, sostiene che Windows Vista non solo non sia ottimizzato per i dischi a stato solido (SSD), ma ne stia persino rallentando la diffusione sul mercato.

SanDisk: Vista tarpa le ali ai dischi flash Secondo Harari, il più recente sistema operativo desktop di BigM fornisce performance deludenti con gli SSD di nuova generazione , ed in modo particolare con quelli basati su memorie NAND flash di tipo multi-level cell (MLC), che richiedono una gestione più sofisticata delle operazioni di lettura/scrittura.

“In Vista, le performance degli SSD sono al di sotto delle reali esigenze del mercato, ed il motivo è che Vista non è ottimizzato per gli SSD”, ha dichiarato Harari. “Di conseguenza, la prossima generazione di controller dovrà sopperire ai deficit di Vista”.

Seppure affermi di possedere una tecnologia di gestione dei dischi flash all’avanguardia, il boss di SanDisk sostiene che le limitazioni di Windows Vista hanno costretto la sua azienda a progettare controller ancor più sofisticati e costosi , necessari per bypassare le lacune del software e sfruttare appieno le performance della sua prossima generazione di SSD.

I primi drive flash di SanDisk ad integrare i nuovi controller arriveranno sul mercato nella prima metà del prossimo anno, ed avranno capacità di 128, 160 e 256 GB. Queste soluzioni, destinate soprattutto ai notebook, dovrebbero fornire un rapporto prezzo per gigabyte quasi dimezzato rispetto a quello attuale.

Lo sfogo del CEO di SanDisk non ha trovato consenso unanime fra gli esperti del settore . C’è infatti chi ritiene che non è compito del sistema operativo supportare nativamente le tecnologie emergenti, soprattutto considerando che quando Vista è nato, il 99% dei PC utilizzava ancora hard disk magnetici; ed oggi questa percentuale è scesa di poco.

“Se i produttori di SSD vogliono che i loro prodotti sostituiscano gli HDD, è loro compito sviluppare driver che possano essere installati nei sistemi preesistenti e che forniscano benefici reali”, ha commentato Tony Smith, redattore di The Register . “Lagnarsi che è colpa di Microsoft non aiuta”. Altri fanno inoltre notare che il supporto alle memorie flash fornito da altri sistemi operativi, come Linux e Mac OS X, non è migliore di quello integrato in Vista.

La tecnologia MLC
I chip NAND flash MLC sono in grado di memorizzare più bit all’interno di una singola cella di memoria, consentendo così ai produttori di incrementare la densità di archiviazione delle memorie flash senza ricorrere a processi produttivi più costosi.

Generalmente i chip MLC forniscono performance inferiori ai più costosi Single-Level Cell (SLC), ma sotto questo aspetto l’evoluzione tecnologica sta facendo veri passi da gigante: Samsung , ad esempio, lo scorso maggio ha presentato un SSD basato su memorie MLC capace di fornire 200 MB/s in lettura e 160 MB/s in scrittura, sopravanzano agevolmente le performance dei più veloci hard disk oggi sul mercato. Proprio negli scorsi giorni Super Talent ha annunciato nuovi SSD basati su chip MLC che, in taluni casi, raddoppiano la velocità di scrittura dei precedenti modelli, portandola a 80-100 MB/s.

Sebbene più economici da produrre, i chip flash MLC richiedono controller più sofisticati rispetto a quelli SLC, soprattutto perché devono gestire un più elevato numero di errori di lettura/scrittura. Per loro natura le memorie MLC sono poi maggiormente esposte al problema della longevità, che oggi si aggira intorno ai 10-20mila cicli di riscrittura. Ciò ha costretto molti produttori ad implementare la tecnologia wear levelling , che prolunga la vita dei chip flash distribuendo omogeneamente le scritture su tutte le celle di memoria disponibili: questo evita che il sistema operativo scriva sempre sulle stesse celle, accorciandone rapidamente la vita utile.

La tecnologia wear levelling contribuisce significativamente ad incrementare la complessità dei controller flash, ed è probabilmente una delle cose che SanDisk vorrebbe vedere implementa via software, a livello di sistema operativo. Microsoft l’accontenterà?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Guido Angeli scrive:
    Venite fuori
    Tutti voi che "io non ho niente da nascondere! di cosa dovrei preoccuparmi?" . Perché non commentate?
    • The Bishop scrive:
      Re: Venite fuori
      - Scritto da: Guido Angeli
      Tutti voi che "io non ho niente da nascondere!
      di cosa dovrei preoccuparmi?" . Perché non
      commentate?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Wolf01 scrive:
      Re: Venite fuori
      Semplicemente non ho niente da nascondere, però se vogliono farsi i cazzi miei appena trovo una di quelle cose poi la trovano loro rotta :D
    • Mosquito scrive:
      Re: Venite fuori
      sono troppo intenti a cercare biglietti aerei per il giappone per scoprire finalmente grazie al software NEC qualse sia il prodotto definitivo che desideravano da sempre.cmq se vuoi saperla tutta dopo mesi passati in asia (xingang, cina) sto davvero capendo quanto da quelle parti siano diversi e quanto a dire il vero tutta questa paranoia per la pervasività della tecnologia sia infondata.ciò che deve spaventare veramente IMHO non sono i mezzi con i quali possiamo essere tracciati e controllati ma la nostra partecipazione alla creazione delle regole condivise che governano l'uso (proprio od improprio) che si fà di questi mezzi.come dire: il tecnico che deve settare l'aggeggio è un povero cristo come noi, così lo è anche l'ingengere che lo ha progettato ed il grafico che disegna la pubblicità che ti sparano apposta per te, chi fa la differenza è ciascuno di noi nelle piccole cose di ogni giorno qualunque cosa tu stia facendo, non le decisioni di un politico o di una lobby che invece in prima battuta sembrano essere quelle determinanti, chi decide davvero come vanno queste cose siamo tutti noi giorno per giorno, essere in un paese di un miliardo di persone ed annusare questa consapevolezza nell'aria è stato uno schockma è ancora un pensiero abbozzato, ora ho bisogno di assorbire ancora un po lo schock culturale che si prova a stare 6 mesi in asia, poi chissà magari pubblicherò qualcosa sull'argomento.
    • Guido Angeli scrive:
      Re: Venite fuori
      - Scritto da: Guido Angeli
      Tutti voi che "io non ho niente da nascondere!
      di cosa dovrei preoccuparmi?" . Perché non
      commentate?prima o poi inventeranno adblock pure per i supermercati..... spero.oppure più semplicemente il supermercato on line.
  • ndr scrive:
    complimenti
    complimenti per la censura operata sui post, è in linea con la politica trattata dall'articolo. continuate su questa strada, in fondo il confronto costruttivo è prerogativa di maturità e professionalità.
  • ndr scrive:
    L'attacco pubblicitario...
    ..."a sferrare l'attacco pubblicitario"...MA PER FAVORE...Va bene divertirsi a provocare i troll, i flamers e quant'altro, ma se per farlo devi scrivere queste str***ate dimostri poca fantasia e una superficialità poco consona al mestiere che svolgi......L'articolo in sè può anche essere interessante, te ne do atto, ma infarcirlo di vaccate è un po' come scarabocchiare disegni osceni sulla finestra di un convento...Buon lavoro.
  • Manuel Nibale scrive:
    E Bill Kaulitz dei Tokio Hotel?
    Che spot gli saranno proposti, uomo o donna?Potrebbero usarlo come tester per il sistema! :)Adesso mi beccherò qualche insulto da una bimbominkia, sicuro...
    • exMetallica scrive:
      Re: E Bill Kaulitz dei Tokio Hotel?
      Non credo che delle ragazzine bazzichino da queste parti, sei salvo !
    • Marco Marcoaldi scrive:
      Re: E Bill Kaulitz dei Tokio Hotel?
      Potrebbero usarlo come cavia per il nuovo dildo anale formato gigante (70cm x 33).HA ragione Pino Scotto !!! E' proprio un frocio disegnato a tavolino !
  • George Orwell scrive:
    Big Brother is watching you !!
    Teleschermi e Psicopolizia...A quando la stanza 101 ???
  • d1360 scrive:
    Un favore ...
    ... dove posso recuperare una versione più grande e leggibile dell'immagine che avete inserito all'inizio dell'articolo?Grazie.
    • Tizio Incognito scrive:
      Re: Un favore ...
      - Scritto da: d1360
      ... dove posso recuperare una versione più grande
      e leggibile dell'immagine che avete inserito
      all'inizio
      dell'articolo?

      Grazie.Sul sito linkato della nec c'è questa, ma è in giapponese.[img]http://www.nec.co.jp/press/ja/0807/images/1701-01.jpg[/img]Edit: era in un altro link.[img]http://www.crunchgear.com/wp-content/uploads/2008/07/untitled-1-560x305.jpg[/img]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 luglio 2008 09.15-----------------------------------------------------------
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Buongiorno ....
    e casomai non vi rivedessi... buon pomeriggio, buona sera e buona notte! ;D
Chiudi i commenti