Santa Alleanza anti-crackers

Tutti per uno, uno per tutti: alcune grosse aziende americane dell'ICT si alleano e formano un super-network per la condivisione di informazioni sulla sicurezza


Arlington (USA) – Dall’esperienza maturata durante gli anni dell’allarme Y2K, alcune grosse aziende del settore ICT hanno dato vita ad un network privato con l’obiettivo di condividere informazioni riguardanti la sicurezza informatica e i cyber-attacchi.

L’iniziativa, spalleggiata dal Dipartimento del Commercio e dall’Associazione per l’Information Technology americani, vede coinvolte più di venti aziende, fra cui Intel, AT&T, Microsoft, IBM e Hewlett Packard.

Questo tipo di reti, che nel gergo industriale vengono definite ISAC (information sharing and analysis centers), sono nate dapprima nel settore finanziario e delle telecomunicazioni e, durante gli anni di preparazione al bug del 2000, la Casa Bianca ne ha incoraggiato lo sviluppo anche nel campo dell’IT, in particolar modo per condividere informazioni riguardo la sicurezza dei sistemi informativi.

Attraverso questa sorta di “extranet” le aziende partecipanti posso condividere in tempo reale informazioni preziosissime sulla sicurezza, da cyber-attacchi a falle appena scoperte, così che tutti gli affiliati al network possano proteggersi preventivamente e studiare soluzioni di difesa comuni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Era ora...
    ... e spero proprio che questo sia solo il primo di una lunga serie di dispositivi ad integrare direttamente LinuxCiao
  • Anonimo scrive:
    Era ora...
    ... e spero proprio che questo sia il primo di una lunga serie di dispositivi ad integrare direttamente LinuxCiao
Chiudi i commenti