Sanyo e la batteria dei record

Un'automobile alimentata esclusivamente a energia elettrica ha percorso senza mai fermarsi la distanza che separa Tokyo da Osaka

Roma – Sono occorsi quasi sei mesi alla commisione di Guinness World Record per riconoscere all’azienda giapponese Sanyo il primato per il maggior numero di chilometri percorsi con un automobile ad alimentazione esclusivamente elettrica.

Una Daihatsu Mira appositamente modificata ha percorso lo scorso 17 novembre i 556,6 chilometri che separano Tokyo da Osaka senza dover ricaricare o sostituire le 8320 batterie cilindriche (tipo 18650 ) che compongono il sistema di alimentazione. Nella registrazione del record tuttavia non è stato menzionato il tempo impiegato per il completamento della tratta.

Ciò che negli ultimi anni aveva ostacolato la diffusione di veicoli alimentati solamente con energia elettrica era la scarsa autonomia, ma se l’esperimento compiuto da Sanyo dovesse essere ripetuto con successo l’era delle green car potrebbe non sembrare più così distante. Solo la Toyota Prius ha raggiunto finora un livello di diffusione tangibile: ma si tratta in ogni caso di un modello di automobile ibrida, ovvero a doppia alimentazione.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TADsince1995 scrive:
    Perché mischiare le cose?
    Ragazzi, la fotocamera di un cellulare non potrà mai sostituire quella di una macchina fotografica, fosse anche solo una buona compatta. Se voglio fare una foto ritratto a una persona o fotografare un paesaggio, o un auto in corsa o un fiore a 2 cm dall'obiettivo, lo faccio con una vera macchina fotografica.Ciò non toglie, che avere la possibilità di fare al volo foto decenti con un oggetto che hai sempre a portata di mano è sicuramente piacevole, ti permette di immortalare situazioni e/o eventi imprevisti.
  • sadness with you scrive:
    Mah...
    ...premesso che sono il primo a dire che un cellulare non può sostituire una vera macchina fotografica, posso anche essere d'accordo sul fatto che molte "compatte" hanno una qualità talmente infima da poter essere tranquillamente surclassate dalla camera di alcuni cellulari (o, se preferite, le camere di alcuni cellulari sono tanto buone quanto quelle di alcune compatte).Detto questo, restano ancora alcuni punti "insanabili":-non ho ancora visto un cellulare con uno zoom ottico-l'ottica di una reflex, anche scarsa, è infinitamente migliore-le foto bisogna saperle fare: si possono fare ottime foto anche con cellulari da 2Mpixel (soggetto, inquadratura e uso corretto della luce) e foto terribili pure con una reflex da 3000 Euro
    • andynaz scrive:
      Re: Mah...
      -non ho ancora visto un cellulare con uno zoom ottico il nokia N93 (sucXXXXXre dell'N90) ce l'ha :-)http://en.wikipedia.org/wiki/Nokia_N93
  • pippo75 scrive:
    Nokia potrebbe avere ragione
    Solo dovrebbe specificare che la fascia di prodotti di cui parla è quella terra-terra.Già la compatta stile powershot non è compresa nell'elenco.dopotutto vorrei vedere un telefonino anche con solo la slitta per il flash.
    • ruppolo scrive:
      Re: Nokia potrebbe avere ragione
      - Scritto da: pippo75
      dopotutto vorrei vedere un telefonino anche con
      solo la slitta per il
      flash.[img]http://media.ruppolo.com/iphone_slitta_flash.jpg[/img]
  • Perle ai porci scrive:
    Un pragone?
    Quando avranno raggiunto quello che riesce ad elaborare un occhio umano avranno raggiunto il traguardo.Poi chip nel cervello per vedere in 24D.
  • Enjoy with Us scrive:
    Nokia potrebbe aver ragione!
    Mi spiego attualmente il divario fra una compatta e un telefonino è notevole, probabilmente più ampio di quanto non sia il divario fra compatta e reflex.Tuttavia è possibile prevedere che la corsa alla miniaturizzazione dei componenti, possa offrire spazi adeguati a bordo dei cellulari per integrare obbiettivi zoom , magari ad escursione interna e sensori con superficie più ampia, già attualmente alcune compatte sono in grado di registrare filmati 720p in H264 a 30 fotogrammi al secondo e ci sono alcune compatte con dimensioni che non sfigurano con certi smartphone.Staremo a vedere, personalmente fino a quando i costi e la qualità di simili soluzioni integrate non saranno convenienti me ne terrò ben alla larga... a me piacciono gli oggetti funzionali, uno smartphone che fa tante cose (fotografie a 2-3 megapixel a focale fissa, navigatore ma poi scopri che è poco sensibile, telefona ma ha qualche problemino di campo, naviga su internet, ma con tanti limiti e con costi non trascurabili) ma fatte male e costa più della somma dei singoli oggetti che vorrebbe sostituire non fa per me!Oggi come oggi sono interessanti quegli smartphone sotto i 200 euro con schermi dai 2.8 ai 3.5 pollici con GPS, magari con navigatore integrato e gratuito (vedi Nokia), che ti consentono di usarli per la navigazione, per la lettura di libri (certo non sotto il sole) e ovviamente per telefonare... se riusciranno ad integrarci anche un 8-10 Mpixel di foto/videocamera con sensore di dimensioni paragonabili a quelli montati sulle compatte e uno zoom ottico decente e a stare sotto i 250 euro ben vengano!
    • Carlo Rubbia scrive:
      Re: Nokia potrebbe aver ragione!
      Nokia avrà ragione solo se riuscirà a sconvolgere le leggi della fisica così come noi le conosciamo.
    • ruppolo scrive:
      Re: Nokia potrebbe aver ragione!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Mi spiego attualmente il divario fra una compatta
      e un telefonino è notevole, probabilmente più
      ampio di quanto non sia il divario fra compatta e
      reflex.
      Tuttavia è possibile prevedere che la corsa alla
      miniaturizzazione dei componenti, possa offrire
      spazi adeguati a bordo dei cellulari per
      integrare obbiettivi zoom , magari ad escursione
      interna e sensori con superficie più ampia, già
      attualmente alcune compatte sono in grado di
      registrare filmati 720p in H264 a 30 fotogrammi
      al secondo e ci sono alcune compatte con
      dimensioni che non sfigurano con certi
      smartphone.
      Staremo a vedere, personalmente fino a quando i
      costi e la qualità di simili soluzioni integrate
      non saranno convenienti me ne terrò ben alla
      larga... a me piacciono gli oggetti funzionali,
      uno smartphone che fa tante cose (fotografie a
      2-3 megapixel a focale fissa, navigatore ma poi
      scopri che è poco sensibile , telefona ma ha
      qualche problemino di campo, naviga su internet,
      ma con tanti limiti e con costi non trascurabili)
      ma fatte male e costa più della somma dei singoli
      oggetti che vorrebbe sostituire non fa per
      me!
      Oggi come oggi sono interessanti quegli
      smartphone sotto i 200 euro con schermi dai 2.8
      ai 3.5 pollici con GPS, magari con navigatore
      integrato e gratuito (vedi Nokia), che ti
      consentono di usarli per la navigazione, per la
      lettura di libri (certo non sotto il sole) e
      ovviamente per telefonare... se riusciranno ad
      integrarci anche un 8-10 Mpixel di
      foto/videocamera con sensore di dimensioni
      paragonabili a quelli montati sulle compatte e
      uno zoom ottico decente e a stare sotto i 250
      euro ben
      vengano!Come il solito non riesci a risparmiarti le solite figure da ignorante.Se avessi letto l'articolo linkato (ma non puoi, perché è in inglese) avresti capito che sono le leggi della fisica quelle che impediscono l'utilizzo di sensori ampi in volumi ristretti quali quelli di uno smartphone.PS: dovresti anche evitare di contraddirti nello stesso post (ho messo in grassetto le parti in contraddizone)
      • Streamer scrive:
        Re: Nokia potrebbe aver ragione!
        Anche per me potrebbe aver ragione. Ma è più o meno un 50 e 50 di possibilità, e questione di tempo.Probabilmente, se fossimo nel 1996, avremmo detto che per la legge della fisica sarebbe assurdo pensare ad un telefonino con lo schermo OLED a colori, uno spessore di un paio di cm, il navigatore satellitare a colori con le mappe, la connessione più veloce di un 56k, 8GB di memoria, sensore per foto da 5MP, una mini batteria....e mettete tutto l'altro.Qualche zoom "liquido" è già stato inventato.L'unica incognita è sapere quando qualche produttore avrà voglia di metterlo sul mercato e svilupparlo ulteriormente.
        • Redpill scrive:
          Re: Nokia potrebbe aver ragione!
          - Scritto da: Streamer
          Anche per me potrebbe aver ragione. Ma è più o
          meno un 50 e 50 di possibilità, e questione di
          tempo.
          Probabilmente, se fossimo nel 1996, avremmo detto
          che per la legge della fisica sarebbe assurdo
          pensare ad un telefonino con lo schermo OLED a
          colori, uno spessore di un paio di cm, il
          navigatore satellitare a colori con le mappe, la
          connessione più veloce di un 56k, 8GB di memoria,
          sensore per foto da 5MP, una mini batteria....e
          mettete tutto
          l'altro.
          Qualche zoom "liquido" è già stato inventato.
          L'unica incognita è sapere quando qualche
          produttore avrà voglia di metterlo sul mercato e
          svilupparlo
          ulteriormente.Ok è vero le previsioni a lungo termine sono sempre difficili, anche se qui si fanno più che altro a breve termine. Però, pur ammettendo una certa ignoranza in campo fotografico , le lenti non sono parte fondamentale della qualità fotografica? E non hanno più o meno le stesse dimensioni da una vita? Io vedo le fotocamere già di fascia semi-professionale che hanno obbiettivi di dimensioni ragguardevoli e ovviamente una qualità e versatilità superiore alle compatte. Come si può sostituirle con un dispositivo che è grande quanto una compatta ma ha già tantissimi altri compiti da affrontare?Non credo che l'elettronica e la miniaturizzazione di chip e sensori possa arrivare a soppiantare tutto così facilmente.
          • Xenon scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            Quoto Redpill.Sebbene fare qualche foto "decente" al volo quando sono in giro e sfortunatamente non ho la macchina fotografica sotto mano non mi dispiacerebbe. Certamente bisogna sempre scendere a compromessi con il piccolo formato dei cellulari.
          • Streamer scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            Sì, è vero, le ottiche hanno da anni quelle forme e dimensioni, ma tutto cambia, stanno arrivando le lenti liquide: http://www.digitalcamerainfo.com/content/Scientists-in-Singapore-Create-Liquid-Lens-that-Zooms-Without-Electricity-.htmhttp://blogs.zdnet.com/emergingtech/?p=639http://www.google.it/search?hl=it&q=zoom+liquid+lens&meta=&aq=f&aqi=&aql=&oq=&gs_rfai=Ribadisco che secondo me ormai è solo questione di tempo e anche le ottiche che conosciamo oggi avranno vita dura.Mi piace sperare che Nokia abbia già messo in produzione qualche smartphone con lenti liquide.
          • Christian scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            Parlando dal punto di vista puramente teorico, penso che la lente di per se non abbia per forza necessità di esistere: l'informazione che esce dalla lente non è maggiore di quella che ci entra, pertanto un sensore evoluto sarà in grado di soppiantare anche la lente.Immagino che il sensore dovrà rilevare non più solamente intensita luminosa, ma presumo anche direzione, fase e altre caratteristiche.L'effetto della lente a quel punto sarà solamente una elaborazione numerica sui dati rilevati dal sensore.
          • jayjay77 scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            certo.. e l'otturatore e il diaframma dove li metti? La profondità di campo dipende dalla grandezza del sensore.. un aps-c non ha paragoni in quanto a qualità rispetto ad un aps tradizionale (full frame) già con gli aps-c diventa difficile fare ritratti come si deve perchè hanno una profondità di campo minima troppo elevata.. figuriamoci con un sensore microscopico...e poi "l'informazione che esce dalla lente non è maggiore di quella che ci entra" certo nulla si crea nulla si distrugge tutto si trasforma.. è il come si trasforma che cambia.. pensa a quello che succede con i filtri polarizzatori ad esempio.. nessun programma è in grado di ricreare lo stesso effetto di un polarizzatore fisico.. perchè questo interviene direttamente sulla sorgente del segnale (la luce) mentre le elaborazioni funzionano su una misurazione del segnale.. quindi parte dell'informazione del segnale di partenza si perde nella sua misurazione...La lente agisce sulla luce e sulle prospettive.. o credi forse che fare uno zoom digitale abbia lo stesso effetto che zommare con un obiettivo?
          • Foy scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            - Scritto da: jayjay77
            [...] La lente agisce sulla luce e sulle prospettive..
            o credi forse che fare uno zoom digitale abbia lo
            stesso effetto che zommare con un
            obiettivo?Ih ih, mi commuovo a pensare a quelli che credono che sia davvero così... :D
          • Streamer scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            però non si parla di zoom digitale, perchè le lenti liquide dovrebbero permettere lo zoom ottico.Dico dovrebbero perchè si conoscono le intenzioni ma all'atto pratico non ne ho visto il funzionamento.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 aprile 2010 17.49-----------------------------------------------------------
          • Logan.III scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!

            un aps-c non ha paragoni in quanto a qualità rispetto ad un aps
            tradizionale (full frame) No no aspetta, stai facendo confusione tra i formati.Full Frame = 24 x 36mm (pellicola fotografica/cinematografica)i formati APS (Advanced Photo System), inventati verso la fine dell'era analogica, invece sono i seguenti:APS-H (Alta Definizione) 30,2 x 16,7mm (rapporto 16:9)APS-C (Classico) 25,1 x 16,7mm (rapporto 3:2 come il full frame)APS-P (Panoramico) 30,2 x 9,5mm (rapporto 3:1 per panoramiche)Tutti i formati APS sono "ridotti" rispetto al full frame, almeno questo è ciò che si intende nella fotografia tradizionale, riportata quindi anche a quella digitale.Come dici tu, con un Full Frame hai una profondità di campo notevole rispetto ad un APS-C e come dici tu un sensore piccolo (MOLTO più piccolo di un APS) ha una profondità di campo tendente all'infinito.Proprio per questo è impossibile avere una buona foto da un sensore ridotto, se per "buona" intendiamo con controllo di profondità di campo che ovviamente incide sulla bellezza di una buona foto.
          • jayjay77 scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!
            yes ho fatto confusione con i nomi dell'aps... cmq il senso era quello
          • chrjs scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!

            nessun programma è in grado di ricreare lo stesso
            effetto di un polarizzatore fisico.. perchè
            questo interviene direttamente sulla sorgente del
            segnale (la luce) mentre le elaborazioni
            funzionano su una misurazione del segnale..Esattamente: i sensori attuali recuperano solamente pochissima informazione: ad esempio non possono valutare la direzione dei segnali luminosi, ma solamente l'intensità punto per punto.Per questo non è proprio possibile effettuare elaborazioni numeriche che simulino in qualche modo l'effetto della lente, anche se so che la NASA aveva effettuato diverse elaborazioni numeriche sui segnali imperfetti dell'Hubble, prima che l'ottica fosse riparata, ottenendo correzioni notevoli.Quando i sensori saranno in grado di fornire più informazioni, le lenti diventeranno inutili.
          • Logan.III scrive:
            Re: Nokia potrebbe aver ragione!

            Mi piace sperare che Nokia abbia già messo in
            produzione qualche smartphone con lenti
            liquide.La lente non è assolutamente l'unica cosa che fa "bella" una fotografia.Una cosa assolutamente importante è la dimensione del sensore.Per dimensione non intendo i megapixel, intendo la dimensione fisica.E' un problema tutto fisico questo, che riguarda profondità di campo, circolo di confusione, focali, quantità di luce in entrata, apertura del diaframma, la struttura della lente è solo l'ultima delle variabili in gioco.Il mio nokia N82 ha una Carl Zeiss Tessar 2.8/5.6 con tanto di flash allo Xenon ma... Nonostante faccia belle foto è IMPOSSIBILE avere una profondità di campo di poco inferiore a quella tendente all'infinito.. :-)Non per nulla nei matrimoni si usano macchine a medio formato, la cui pellicola è pari a 56x56mm e non è un caso che si debba usare un formato così grande!Ok la tecnologia.. ma le leggi della fisica non possiamo superarle!Nota: Se invece stiamo parlando di "qualità" delle foto in termini di nitidezza e di megapixel (che per me non è sinonimo di qualità) allora va bene tutto ciò che è stato scritto sopra...
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: Nokia potrebbe aver ragione!
        Sì, tra un pò vedremo telefonini con obiettivi ottici che si montano sul retro come le reflex XD
    • Foy scrive:
      Re: Nokia potrebbe aver ragione!
      Nokia avrà ragione solo quando riuscirà a far partire una chiamata da una fotocamera digitale. Per come sono intesi ora i sensori di un qualunque cellulare e l'intera ottica, Nokia dovrebbe davvero pensare a fantaobiettivi per poter fare simili affermazioni.
      • jayjay77 scrive:
        Re: Nokia potrebbe aver ragione!
        - Scritto da: Foy
        Nokia avrà ragione solo quando riuscirà a far
        partire una chiamata da una fotocamera digitale.
        Per come sono intesi ora i sensori di un
        qualunque cellulare e l'intera ottica, Nokia
        dovrebbe davvero pensare a fantaobiettivi per
        poter fare simili
        affermazioni.non ancora.. ci sarà riuscita solo quando farà partire una chiamata da una rolleyflex.. o lubitel.. o magari da una Hassenblad! :-)
    • sadness with you scrive:
      Re: Nokia potrebbe aver ragione!
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Mi spiego attualmente il divario fra una compatta
      e un telefonino è notevole, probabilmente più
      ampio di quanto non sia il divario fra compatta e
      reflex.già questo porrebbe fine al tuo ragionamento...
      Tuttavia è possibile prevedere che la corsa alla
      miniaturizzazione dei componenti, ...e questa è la mazzata finale.La foto è "luce"... occorre spazio per far entrare più luce, altro che miniaturizzazione... e un insieme di lenti decente, che non distorga (e anche qui contano le dimensioni)ti sei mai chiesto perché (tipicamente) gli obiettivi migliori delle reflex sono quelli di grande diametro?
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: Nokia potrebbe aver ragione!
        Ad uso professionale le reflex saranno sicuramente l'unica soluzione, ma ad un uso amatoriale la previsione di Nokia non è tanto campata in aria.La miniaturizzazione è possibile basta:1) ridurre il sensore (questa è elettronica e tutto è possibile)2) riduzione della lente, un po più difficile ma non impossibile, si tratta solo di costruire lenti con tecnologie diverse e più precise.Nel lungo termine non vedo questa impossibilità, anzi credo diventerà una cosa molto probabile.Penso che tu possegga un iphone, bene prova a confrontare le foto fatte con la buona camera del melafonino e con una foto fatta con una delle prime compatte di una decina di anni fa. L'iphone stravince.Mai dire mai...
        • ruppolo scrive:
          Re: Nokia potrebbe aver ragione!
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          Ad uso professionale le reflex saranno
          sicuramente l'unica soluzione, ma ad un uso
          amatoriale la previsione di Nokia non è tanto
          campata in
          aria.
          La miniaturizzazione è possibile basta:
          1) ridurre il sensore (questa è elettronica e
          tutto è
          possibile)
          2) riduzione della lente, un po più difficile ma
          non impossibile, si tratta solo di costruire
          lenti con tecnologie diverse e più
          precise.
          Nel lungo termine non vedo questa impossibilità,
          anzi credo diventerà una cosa molto
          probabile.
          Penso che tu possegga un iphone, bene prova a
          confrontare le foto fatte con la buona camera del
          melafonino e con una foto fatta con una delle
          prime compatte di una decina di anni fa. L'iphone
          stravince.
          Mai dire maiE come convinci i fotoni ad entrare nella minuscola lente?
        • sadness with you scrive:
          Re: Nokia potrebbe aver ragione!
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          1) ridurre il sensore (questa è elettronica e
          tutto è possibile)quindi aumentando il disturbo... senza contare che più riduci, meno luce entra...
          2) riduzione della lente, un po più difficile ma
          non impossibile, si tratta solo di costruire
          lenti con tecnologie diverse e più precise.e magari di trovare nuovi materiali... il "solo" non mi pare molto appropriato... in ogni caso il problema non è quello di miniaturizzare, il problema è che miniaturizzando entra meno luce, quindi meno "informazione"
          Nel lungo termine non vedo questa impossibilità,
          anzi credo diventerà una cosa molto probabile.
          Penso che tu possegga un iphone, bene prova a
          confrontare le foto fatte con la buona camera del
          melafonino e con una foto fatta con una delle
          prime compatte di una decina di anni fa. L'iphone
          stravince.Questo l'ho detto pure io nell'altro post...Resta il fatto che se una persona non vede la differenza tra una compatta e una reflex, ed è convinta che miniaturizzando si riesca a fare meglio (magari perché crede che a maggiore risoluzione corrisponda per forza di cose maggiore qualità), ha già sbagliato qualsiasi premessa per affrontare il discorso... senza contare le altre cose più o meno (in)sensate scritte dopo
      • ruppolo scrive:
        Re: Nokia potrebbe aver ragione!
        - Scritto da: sadness with you
        La foto è "luce"... occorre spazio per far
        entrare più luce, altro che miniaturizzazioneChissà, forse gli esperimenti del Cern permetteranno di creare buchi neri da usare nei cellulari per catturare la luce circostante, deviandola nel cellulare.A parte il buio che si creerebbe intorno (altro che il flash che abbaglia ehehe) e il fatto che a lungo andare il cellulare potrebbe anche catturare e mettere in jpeg il proprietario, non vedo grandi contro indicazioni :D
  • claudio scrive:
    La dimensione del sensore CONTA
    La dimensione del sensore conta:E' il motivo che nessuno sano di mente confronterebbe una compatta samsung da 100 euro e 12Mp con una reflex full frame e 10Mp. L'enorme differenza a favore della FF e' tale...
    • Logan.III scrive:
      Re: La dimensione del sensore CONTA
      - Scritto da: claudio
      La dimensione del sensore conta:
      E' il motivo che nessuno sano di mente
      confronterebbe una compatta samsung da 100 euro e
      12Mp con una reflex full frame e 10Mp. L'enorme
      differenza a favore della FF e' tale...Anche il costo di una Full Frame è tale.. purtroppo.. :-)Hai detto bene, nessuno sano di mente se SAPESSE di cosa stiamo parlando, purtroppo molta (troppa) gente si fa accalappiare dai megapixel..In ogni caso io, nonostante abbia un cellulare per telefonare, ed una macchinetta digitale che uso raramente per snorkeling, continuo a girare con il mio zaino pieno di obiettivi, e con la mia cara vecchia reflex con sensore APS da 10 megapixel...In barba ai fantacellulari megafotografici ed ai loro minuscoli sensori! :-)
      • Flash scrive:
        Re: La dimensione del sensore CONTA
        Mi starebbe bene se il target fossero le attuali compatte economiche, a patto che: l'obiettivo non sia un XXXXX totale, ci siano più modalità dal paesaggio notturno al macro, l'autoscatto, un qualche stabilizzatore, lo zoom ottico, la possibilità di avvitarci almeno un treppiedino portatile, ... insomma una compatta un minimo decente che faccia anche da telefono. I telefoni sono condannati! :D
    • guast scrive:
      Re: La dimensione del sensore CONTA

      La dimensione del sensore conta:Perchè l'obiettivo no ? Anche più del sensore
      E' il motivo che nessuno sano di mente
      confronterebbe una compatta samsung da
      100 euro e 12Mp con una reflex full
      frame e 10Mp.Una full frame per scattare la foto a due facce con l'espressione beota su uno sfondo con l'orizzonte storto ? O una faccia col sorriso tirato mentre deve fingere di divertirsi a natale con i parenti ?E' ovvio che i manager le sparano grosse, ma poi Nokia punterà a sostituire le macchine compatte. Tanto già si vendono più compattine che reflex.
    • sentinel scrive:
      Re: La dimensione del sensore CONTA
      Infatti, per loro è una battaglia persa e nel delirioa mezzo stampa stanno solo cercando di confondere i babbani...;-)
Chiudi i commenti