Sbarca in Italia il MotoKRZR K3

Motorola annuncia il debutto della tecnologia e un design accattivante in formato supersottile. Per un telefono tutto italiano

Milano – Motorola annuncia l’arrivo in Italia del MotoKRZR K3, un cellulare presentato con caratteristiche di “alta velocità e alte prestazioni” che è stato… concepito in Italia.

Il nuovo telefono, spiega il produttore americano, è frutto del Centro Ricerca&Sviluppo Motorola di Torino, che in 9 mesi, con l’utilizzo soprattutto di simulazioni virtuali, ha sviluppato un telefono leggero e di dimensioni compatte. Si tratta di un UMTS/HSDPA dotato di videocamera interna VGA (per le videochiamate) ed esterna da 2 Megapixel con zoom digitale 8x.

Il nuovo dispositivo Per la realizzazione di questo telefono sono stati impiegati materiali come vetro, alluminio e magnesio.

Tra le applicazioni presenti, la mobile TV e le indicazioni turistiche delle “Rough Guide”. Disponibile nei negozi al prezzo di 390 euro, IL MotoKRZR K3 vanta le seguenti caratteristiche:
– Connettività a banda larga tramite le tecnologie UMTS/HSDPA e gprs CLASSE 12
– Cattura e riproduzione video MPEG4
– Streaming audio/video (3GPP)
– Tastiera di navigazione dedicata
– Tecnologia wireless Bluetooth stereo integrata (classe 2)
– Fotocamera digitale da 2 megapixel con zoom 8x
– 50 MB di memoria utente
– Videogiochi J2ME® e screen saver precaricati
– Download di temi, suonerie, immagini e animazioni
– Lettore musicale integrato che supporta Midi, MP2, AAC, AAC +
– Riconoscimento vocale avanzato indipendente dalla pronuncia
– Grande display da 2 pollici, TFT QVGA da 320×240 pixel a 260K colori
– Messaggistica: MMS, SMS, EMS
– Mini-USB avanzata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Simone Moro ha videobloggato over 8000
    Si è appena conclusa la sua sfida su K2 e K3, oltre a concedere puntualmente interviste ha caricato video e bloggato tramite un collegamento satellitare turaya e la piattaforma web2.0 realizzata da RMG Connect...ecco il link del videoblog: www.extremehd.nete un comunicato: http://magazine.excite.it/news/1374/Ecco_il_blog_piu_alto_del_mondo
  • MeX scrive:
    scrivetegli un messaggio...
    ... così se non è arrivato a metà magari torna indietro...
  • Anonimo scrive:
    Big Luciano
    Ed io che pensavo fosse stato Moggi!!!
  • Anonimo scrive:
    record degli eco-vandali
    Ecco cosa sono i psuedo alpinisti dell'Everest.Gente che coinvolge guide locali in escursioni dall'esito spesso infausto e che nel migliore dei casi torna indietro vivo ma scaricando quintali di spazzatura in quota a perenne ricordo della loro patetica volonta' di poter inserire nel curriculum vitae la scalata all'Everest. Fa' sempre colpo sugli HR ottenebrati che cercano il "vincente con propensione al rischio".Per questi meschini interessi economici la peggior feccia di avventurieri sta' trasformando il tetto del mondo in una discarica con annesso cimitero.E ho letto che c'e' gia' qualche "ricercatore" che ha realizzato un bel mini-inceneritore per esportare il modello diossina + nanopolveri anche lassu, a perenne ricordo della stupidita' dell'uomo della nostra epoca.
    • Anonimo scrive:
      Re: record degli eco-vandali
      - Scritto da:
      casi torna indietro vivo ma scaricando quintali
      di spazzatura in quota a perenne ricordo dellaLe cose da un po' pre fortuna sono cambiate: ci sono molte attenzioni a lasciare pulita la montagna.Dal mio paese sono partite diverse spedizioni negli ultimi anni, alcune delle quali con lo scopo specifico di "ripulire il tetto del mondo".
  • Anonimo scrive:
    Parlava spesso...
    con Giancarlo Santalmass a Hellzapoppin
    • Anonimo scrive:
      Re: Parlava spesso...
      Pensando a Simone Moro mi vengono in mente i racconti che fa di Anatolij, il kazako morto sull'Annapurna.Una vera amicizia.
Chiudi i commenti