Sbloccavano i telefonini Tre, denunciati

Sono in 30 le persone finite sotto inchiesta perché dedite ad un'operazione diffusissima su tutto il territorio nazionale: abilitare i telefonini UMTS di Tre per l'uso con altre SIM


Roma – Lo chiamano “sblocco del cellulare” ed è un’attività che qualcuno pubblicizza persino su giornali e riviste, attività che però ha condotto all’intervento della magistratura con l’identificazione e la denuncia di 30 persone in diverse regioni d’Italia.

Agli indagati si contesta un’operazione peraltro assai diffusa su tutto il territorio nazionale, ovvero l’abilitazione dei cellulari distribuiti da Tre per l’uso con altre SIM: come noto l’operatore vende sul mercato cellulari UMTS a buon prezzo per acquisire nuovi clienti che li devono utilizzare con le sole SIM fornite da Tre. Da qui il ricorso di moltissimi allo “sblocco”, affinché con quegli stessi cellulari sia possibile utilizzare i servizi UMTS degli altri operatori, generalmente più economici.

Questo il quadro nel quale Tre ha deciso di sporgere denuncia contro gli “sbloccatori”. In realtà, viste le nuove normative in materia, ad essere interessati dal provvedimento non sono soltanto coloro che hanno provveduto a rimuovere il lock sulla SIM ma anche chi, pagando 25 o 30 euro, ha chiesto e ottenuto lo sblocco: per loro si ipotizza il reato di ricettazione, come appunto previsto dalle leggi antipirateria.

In particolare, ha spiegato ieri la Polizia Postale che si è incaricata delle indagini, le denunce riguardano accesso abusivo a sistemi informatici nonché detenzione e diffusione abusiva di codici per accedere a tali sistemi,

Nella sua denuncia, Tre aveva segnalato – spiega una nota della PolPost – come “l’illecita rimozione dell’operator lock” possa “essere espletata in vari modi, a seconda della marca e del modello del telefono” e, in particolare: inserimento di un codice mediante tastiera del videofonino; collegamento del videofonino, mediante apposito cavo USB ad un personal computer collegato ad internet con cui “scaricare” l’apposito software; collegamento del videofonino ad una clip con istallato il software di sblocco.

“Di fatto, quindi – continua la nota – come espressamente dichiarato dalla parte lesa, tali servizi e/o dispositivi operano attraverso cd “tool” software e/o dispositivi hardware che, mediante connessioni ai terminali (via cavo e/o via internet), modificano il codice di controllo del meccanismo dell’operator lock, alterandolo o disattivandolo definitivamente, andando, pertanto ad incidere sul sistema telematico costituito dai terminali (videofonini) – da una parte – e dalla rete UMTS di 3 – dall’altra, attraverso la manipolazione e l’alterazione del cosiddetto “flex file” del terminale”.

Alle denunce sono seguite perquisizioni domiciliari per i 30 indagati in Abruzzo, Campania, Lazio, Lombardia, Toscana, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e Veneto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Lo conoscete?
    http://www.aros.org/sembra interessante... :)
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Lo conoscete?
      - Scritto da: Anonimo
      http://www.aros.org/

      sembra interessante... :)Sì, è molto interessante! Io ho un PC giusto con i componenti che dovrebbero funzionare lì (Scheda nvidia, audio SB Live, scheda di rete realtek), appena riattivo il PC nuovo questo lo dedicherò tutto ad Aros, e magari ci sviluppo pure qualcosina! ;)TAD
  • Anonimo scrive:
    Non sopporto i PC x86
    Non ne posso piu' dei PC x86!Sono delle porcate immonde!Processori che consumano e scaldano come piastre elettriche per arrostire la carne. E ci vogliono ventole dalle dimensioni assurde con la conseguenza che in casa tua non puoi giocare, ascoltare musica Architettura arcaica e dove si usa un core RISC (AMD) ha bisogno di un traduttore x86.I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le batterie non durano nulla.Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in piu'. Ma su portatili top e molto costosi.Se penso che il basso assorbimento e' una caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomia gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV mobile dura a malapena 2-3 ore.E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86 sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza globale di un computer e' molto piu' importante e un sistema RISC ben progettato e' molo piu' efficiente nel complesso e da un feedback all'utente tramite il sistema operativo che e' diverso da un PC assemblato con componenti di vario tipo, specie con un sistema operativo scadente come windows.Perche' i sistemi operativi alternativi sono tutti superiori a windows come infrastruttura di base e come prestazioni. Anzi come caratteristiche tecniche e coreografiche alcuni sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di Longhorn che deve ancora uscire.Basta guardare ai MacOSX e perfino le GUI per Linux ormai sono piu' avanti come per esempio il KDE 3.4 che e' stato alleggerito e ottimizzato ed ha funzioni che su WinXP devi aggiungere con decine di utility esterne. Per non parlare dell'architettura di BeOS e QNX.Il mondo wintel ci prende per il sedere da un ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti e sul monopolio del software e dei formati per continuare a mantenere questa condizione.L'unica speranza e' che con l'era della XBox360 Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma certamente ci sara' un passaggio ad architetture CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la diffusione di motherboard e componenti del costo simile al mondo x86 ma per PowerPC.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporto i PC x86
      Il problema è che il mercato dell'informatica generica ci guazza felice all'interno di questo porco mondo x86 e di sicuro non si sposterà tanto facilmente su altri sistemi (probabilmente non basterebbe una crisi energetica generale a convincere uno spostamento di massa).Il segreto per cambiare le cose è che i sistemi alternativi si muovano a proporre un nuovo mercato da sfruttare così da attirare utenti ed investimenti cosa che però puntualmente non accade.Le tre sorelle del mondo unix (Sun,SGI e IBM) s'accontentano di produrre server e workstation cad limitando così il numero di chi potrebbe interessarsi ai loro sistemi.Apple a quanto pare s'accontenta di produrre workstation per la grafica e l'audio tralasciando enormi fette che finiscono nel mondo windows (e colpa di questo è anche lo scarso rapporto potenza/prezzo dei suoi sistemi più economici).La Be è fallita di brutto perchè credeva che bastava creare un os spettacolare per attirare la gente ed alla fine la sua unica fonte di software è stata bebits e Amiga le sta andando dietro ciulando però chi ha creduto in lei vendendo a prezzi spropositati un pc del 15/18 con una cpu diversa convinta che se il mondo del lavoro una volta viveva felice con i sw su amiga ora sia disposta a fare lo stesso buttando dalla finestra tutte le novità che sono uscite dopo perchè finalmente è possibile emulare il vecchio.Questa è all'incirca l'ottica della situazione attuale, per serie che se le cose vanno avanti così è solo perchè la concorrenza demerita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporto i PC x86
      i G5 sono raffreddati a liquidi e vanno al 60% della frequenza degli x86 piu' velocipiu' Mhz piu calore e' ovvio
      I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla
      CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le
      batterie non durano nulla.
      si ma un portatile g4 e' l'equvalente di un p3
      Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in
      piu'. Ma su portatili top e molto costosi.costano quanto un powerbook qualsiasi
      Se penso che il basso assorbimento e' una
      caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie
      i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomia
      gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV
      mobile dura a malapena 2-3 ore.
      un portatile pentium 3 ha una batteria progettata 5 anni fa..con le batterie di oggi farebbe il doppio
      E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86
      sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza
      globale di un computer e' molto piu' importante e
      un sistema RISC ben progettato e' molo piu'
      efficiente nel complesso e da un feedback
      all'utente tramite il sistema operativo che e'
      diverso da un PC assemblato con componenti di
      vario tipo, specie con un sistema operativo
      scadente come windows.
      a livello di performance pure il pc e' ancora inarrivabile a parita di prezzo da qualsiasi PPC
      sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di
      Longhorn che deve ancora uscire.era una critica a x86 o a microsoft?poi come fai a dire che quello che c'e' oggi e' superiore a una cosa che deve ancora uscire???????
      Il mondo wintel ci prende per il sedere da un
      ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti
      e sul monopolio del software e dei formati per
      continuare a mantenere questa condizione.
      ma costa pocoguarda una ps3 o una xbox 360mostruosamente piu' potenti di un g5, vendute a un prezzo che oscillera fra 3-400 dollariun g5 costa 10 volte tantoAnche Jobs lucra sulla stupidita di quelli che vogliono sentirsi di nicchia a tutti i costi
      L'unica speranza e' che con l'era della XBox360
      Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per
      il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma
      certamente ci sara' un passaggio ad architetture
      CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che
      esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la
      diffusione di motherboard e componenti del costo
      simile al mondo x86 ma per PowerPC.
      A ms non frega niente di PPCse lo facesse sarebbero solo problemi legali per lei..sai quanti fan apple inaserebbero i forum dicendo che MS sta contaminando la "loro" bellissima architettura?e sai che fine farebbe OSX?MS su ppc sarebbe la morte di AppleIl fattore costo non lo fa la diffusionema il venditoree Jobs e' uno che non ha a cuoire il bene dei suoi utentiperche' per definizione PPC costa meno ed e' piu' semplice da produrre
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sopporto i PC x86
      - Scritto da: Anonimo
      Non ne posso piu' dei PC x86!non che ne sia proprio entusiasta

      Sono delle porcate immonde!ma tu esaggeri

      Processori che consumano e scaldano come piastre
      elettriche per arrostire la carne. E ci vogliono
      ventole dalle dimensioni assurde con la
      conseguenza che in casa tua non puoi giocare,
      ascoltare musica

      Architettura arcaica e dove si usa un core RISC
      (AMD) ha bisogno di un traduttore x86.

      I portatili x86 scaldano da paura anche se sulla
      CPU c'e' scritto mobile, ma soprattutto le
      batterie non durano nulla.portatili recenti durano anche 5/7 ore in pieno utilizzo

      Solo dal centrino iniziano a durare qualcosa in
      piu'. Ma su portatili top e molto costosi.come i portatile mac
      Se penso che il basso assorbimento e' una
      caratteristica di quasi tutte le CPU RISC specie
      i PowerPC. I Mac ibook hanno 5-6 ore di autonomiavedi sopra
      gia' da molto tempo, quando un Pentium III e IV
      mobile dura a malapena 2-3 ore.

      E le prestazioni? Si apparentemente una CPU x86
      sembra macinare piu' calcoli, ma l'efficienza
      globale di un computer e' molto piu' importante e
      un sistema RISC ben progettato e' molo piu'
      efficiente nel complesso e da un feedback
      all'utente tramite il sistema operativo che e'
      diverso da un PC assemblato con componenti di
      vario tipo, specie con un sistema operativo
      scadente come windows.e adesso cosa c'entra ms?era un attacco (per altro patetico agli x86 o a ms)

      Perche' i sistemi operativi alternativi sono
      tutti superiori a windows come infrastruttura di
      base e come prestazioni.????? Anzi come
      caratteristiche tecniche e coreografichecoreografiche?l'hai scambiato per un baletto? alcuni
      sono molto piu' avanti di Win Xp e perfino di
      Longhorn che deve ancora uscire.e tu come fai a saperlo?hai la macchina del tempo?
      Basta guardare ai MacOSXguarda caso.... e perfino le GUI per
      Linux ormai sono piu' avanti come per esempio il
      KDE 3.4 che e' stato alleggerito e ottimizzato ed
      ha funzioni che su WinXP devi aggiungere con
      decine di utility esterne. Per non parlare
      dell'architettura di BeOS e QNX.

      Il mondo wintel ci prende per il sedere da un
      ventennio, e contano sull'ignoranza degli utenti
      e sul monopolio del software e dei formati per
      continuare a mantenere questa condizione.be vedi un pò che post producono gli utenti mac (tu) e capirai che il mondo mac non è messo poi tanto meglio

      L'unica speranza e' che con l'era della XBox360
      Microsoft passi al PowerPC pian piano anche per
      il desktop. Questo non mi fara' amare windows ma
      certamente ci sara' un passaggio ad architetture
      CPU e BUS molto piu' efficienti dello schifo che
      esiste per x86, e finalmente potrebbe esserci la
      diffusione di motherboard e componenti del costo
      simile al mondo x86 ma per PowerPC.vabbe dai la tua sparata pro mac l'hai fatta!ti fermi mai ha riflettere sul fatto che la gente sceglie x86 o windows (visto che sei sconfinato anche negli o.s.) come pure mac ed osx per esigenze e non per fanatismo?
  • gianpietrone scrive:
    Al popolo della Rete!!
    Ho scritto tanti pensieri, con i quali mi schiero contro la SIAE ? contro la RIAA e tutti i poteri monopolistici. Tra questi c?è anche lo Stato che, con le sue forze in campo ha la capacità di portare alla ragione i suoi sudditi. Tra le repliche (tutte in mio favore) c?è ne una che mi ha colpito, recita: (?.?Non quoto. Credo nella tua buona fede, appoggio i tuoi concetti, mi piacerebbe credere, come te, nell'unisono. Ti faccio una domanda semplice semplice: la finanza mi multa, diciamo una fesseria, 5000 euro. la presunta comunità di computer all'unisono è disposta a coprire la multa che io dovrò pagare? Credo proprio di no. Quello sarebbe un modo coerente di gestire una comunità. In realtà siamo cani sciolti chiusi a chiave nelle nostre casette. Loro, dall'altro lato, sono uniti come una loggia massonica, anche quando non si conoscono tra loro.??.). E? vero che, il Potere è unito (nella prepotenza) come in una loggia massonica. La forza del popolo di Internet non sta nell?unione organizzata come può essere un qualsiasi Potere ?costituito?. La forza della Rete sta nel numero elevato di naviganti, tra i quali una grande numero di elementi ha una competenza molto ? molto superiore alla competenza globale delle forze costituire. Di fatto dobbiamo considerare una rapporto di 50-100/1 a favore del popolo di Internet. Quello che succede è che, ogni giorno vengono inventati centinaia di sistemi per: aggirare i controlli (ingiusti) con i quali il Potere si illude di proteggere un gruppo di Lobby. Dobbiamo considerare che, le industrie sono sempre di più sollecitare a sfornare apparecchiature sempre più sofisticate; sistemi di ?salvataggio? sempre più microscopici, con i quali tra 3-5anni, qualsiasi tipo di dato potrà essere archiviato in supporti esterni al Computer. Memorie esterne grandi quanto un chicco di riso, capaci di contenere 10.000 brani musicali o per chi vuole essere un grande ?Pirata?, centinaia di film. Detti supporti esterni al PC, si potranno portare appresso come un ciondolo ? addosso appeso ai testicoli o in qualsiasi parte del corpo per cui nessuna forza di polizia avrà il diritto di intervenire. Quantunque, l?Agente di turno avesse la baldanza di prelevare l?apparecchio, il possessore con un battito di mano o un qualsiasi comando vocale (programmato in precedenza), potrà cancellare il contenuto della memoria in un decimo di secondo ?e così fare sparire di colpo il Reato. Il ?Pirata? altamente tecnico, avrà provveduto a ?salvare? i suoi Files in un secondo supporto che naturalmente, potrà essere fuori di casa sua e che, dopo il controllo potrà sempre recuperare. Una tecnica che non sarà il singolo a mettere a punto ma? le industrie che avranno tutto l?interesse a costruire apparecchi sempre più miniaturizzati e? a prova di controlli a pro di pochi presuntosi e ignoranti monopolisti!!! Quanto scritto finora è solo quello che, io da ignorante riesco a capire. La realtà di domani sarà ancora più fantascientifica.Dunque, Internet rappresenta l?unione delle conoscenze e la solidarietà dei singoli che, come risultato darà le possibilità. Non è chimera pensare che domani ci si potrà coagulare e formare un fondo internazionale di solidarietà, per pagare i 5000? o contravvenzione, un buon Avvocato e tutto ciò che potrà servire a smontare i ?Luridi? brevetti che soffocano la ?conoscenza?. In ultimo voglio dire che, si sta troppo enfatizzando il fenomeno repressivo che, in tutte le nazioni si sono approntati ad hoc in favore delle Lobby musicali ed altro. Io dico che, non bisogna credere che le leggi fasulle debbano essere temute e? noi dobbiamo farci la CACCA addosso. E? vero che, qualsiasi legge E? DISCUTIBILE!!! Se non fosse così non ci sarebbero le aule di Giustizia. Nessuno si potrebbe difendere e di colpo piomberemo in uno stato DITTATORIALE!!! Cari fratelli, io vi dico di essere onesti e ritengo ?ONESTO? chi copia uno ? dieci ? cento brani musicali per proprio uso, non appoggio di certo chi produce migliaia di CD per metterli in commercio, ma? dico: ?Un CD dovrebbe costare massimo 5??. Perché le Major della musica non abbassano i prezzi ed entrano in una sana concorrenza??Saluto tutti Gian Pietro Bomboi.Per dimostrare che agisco a viso scoperto, fornisco nome e cognome e indirizzo di posta.Bomboi45@hotmail.com
    • Anonimo scrive:
      Re: Al popolo della Rete!!
      - Scritto da: gianpietrone
      ?Pirata?, centinaia di film. Detti supporti
      esterni al PC, si potranno portare appresso come
      un ciondolo ? addosso appeso ai testicoli o in
      qualsiasi parte del corpo per cui nessuna forza
      di polizia avrà il diritto di intervenire.Il mio serverino su motherboard mini-itx senza ventola e' nascosto fuori dal mio appartamento, e' piccolissimo, prende i suoi 20w di corrente dalla luce del condominio, e' collegato in wireless e contiene tutti i miei segreti e ci accedo via VNC ed ssh.Poi ho un fido piccolo HD 2,5" con case minuscolo su USB che al volo si stacca e sparisce sopra la caldaia a gas
    • Anonimo scrive:
      Re: Al popolo della Rete!!
      credo che col progresso tecnologico si potrà temporaneamente sfuggire ai controlli delle autoritàma non che si arriverà a creare un fondo addirittura internazionale per pagare Avvocatie nemmeno credo che qualche produttore farà mai beneficienza rinunciando ai suoi guadagni
  • Anonimo scrive:
    Incontrare gli utenti amiga vale la pena
    Bisogna andarci perchè vedere gli amighisti di oggi è interessante e amiga dal 1985 ne ha fatta di strada.L'hardware innovativo non c'è più sostituito da un pc di cinque anni fa con gli stessi difetti hardware dei pc di cinque anni fa con e lo stesso prezzo dei pc di cinque anni fa.Il sistema operativo evoluto è lo stesso di dieci anni fa ma ora si chiama os/4 ha qualche abbellimento in più ma è senza multiutenza, memoria protetta, programmi utili ecc ecc.Il software è sempre quello molto non è più aggiornato e a parte i port da linux è quasi solo shareware compresa l'interfaccia grafica fatta da terze parti che usano quasi tutti i programmi e che si personalizza solo comprando un serial.Sono in quattro gatti e hanno due sistemi operativi amiga su due hardware diversi e costosi ma entrambi gli schieramenti giurano che il loro è il solo vero erede di amiga e gli altri sono dei criminali e pure ladri.Se gli parli di software libero storcono il naso però sognano di avere open office e firefox perchè i loro browser e programmi da ufficio sono fermi al 1996 e sono a pagamento.Scrivono appassionati appelli e fanno petizioni affinchè produttori software e hardware supportino amiga.Hanno sistemi operativi scritti nel tempo libero da appassionati e venduti a peso d'oro.Gli sviluppatori sono osannati come semidei e poco importa se recentemente uno di loro si è bruciato la scheda madre da mille euro scrivendo un flasher che da os/4 permette di aggiornare il bios (le schede madri amiga non hanno il safe bios update, toglie il brivido) per loro resta un eroe attorno a cui aggregarsi.I loro computer costano un migliaio di euro e se ci sono difetti di progettazione bisogna spedirli per posta a una ditta che li ripara altrimenti niente dma e problemi con le pendrive.Hanno siti web di fantainformatica dove scrivono che i pc sono finiti e il vero futuro è amiga, che windows e linux sono orribili sono scomodi e che i veri informatici lavorano bene anche con l'amiga1200 e c1text.Bisogna per forza andare a conoscerli perchè sono personaggi pittoreschi e siccome il produttore degli amigaone è sempresull'orlo del baratro rischiamo che si estinguano troppo presto!Ci vediamo alla fiera!
    • Giambo scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
      - Scritto da: Anonimo(troll4)(troll3)(troll2)(troll1)(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
        Bella sta panoramica della situazione dell'Amiga di oggi.Però oltre a quelle cose non hai detto che l'amiga attorno a sè è piena di flammoni incalliti perditempo!!!!come mai questa mancanza? :) Turrican^
    • Anonimo scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
      Ok, ti sei sfogato allora? Come va ora, meglio? ;)Varthall
    • ikir scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
      Complimeti per aver distorto la realtà dei fatti! Per correggere tutte le inesattezze che hai detto ci sarebbe da riscrivere tutto il post... dunque evito. Spargi pure FUD, Amiga non è morta fino ad ora e non penso che tu possa far troppi danni. Divertiti, se questo ti fa star meglio, siamo tutti contenti! Significa che noi amighisti serviamo ancora a qualcosa :-)==================================Modificato dall'autore il 20/05/2005 16.03.42
    • Anonimo scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
      peccato che chi sha scritto questo messaggio è uno che perde il tempo della sua vita a scrivere su tutti i forum amiga.. e basta.. :|forse perchè nel mondo pc è il nulla..
    • Anonimo scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la pena
      .... :@
    • samo79 scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
      - Scritto da: Anonimo
      Bisogna andarci perchè vedere gli amighisti di
      oggi è interessante e amiga dal 1985 ne ha fatta
      di strada.
      L'hardware innovativo non c'è più sostituito da
      un pc di cinque anni fa con gli stessi difetti
      hardware dei pc di cinque anni fa con e lo stesso
      prezzo dei pc di cinque anni fa.
      Il sistema operativo evoluto è lo stesso di
      dieci anni fa ma ora si chiama os/4 ha qualche
      abbellimento in più ma è senza multiutenza,
      memoria protetta, programmi utili ecc ecc.
      Il software è sempre quello molto non è più
      aggiornato e a parte i port da linux è quasi solo
      shareware compresa l'interfaccia grafica fatta da
      terze parti che usano quasi tutti i programmi e
      che si personalizza solo comprando un serial.
      Sono in quattro gatti e hanno due sistemi
      operativi amiga su due hardware diversi e costosi
      ma entrambi gli schieramenti giurano che il loro
      è il solo vero erede di amiga e gli altri sono
      dei criminali e pure ladri.
      Se gli parli di software libero storcono il naso
      però sognano di avere open office e firefox
      perchè i loro browser e programmi da ufficio sono
      fermi al 1996 e sono a pagamento.
      Scrivono appassionati appelli e fanno petizioni
      affinchè produttori software e hardware
      supportino amiga.
      Hanno sistemi operativi scritti nel tempo libero
      da appassionati e venduti a peso d'oro.
      Gli sviluppatori sono osannati come semidei e
      poco importa se recentemente uno di loro si è
      bruciato la scheda madre da mille euro scrivendo
      un flasher che da os/4 permette di aggiornare il
      bios (le schede madri amiga non hanno il safe
      bios update, toglie il brivido) per loro resta un
      eroe attorno a cui aggregarsi.
      I loro computer costano un migliaio di euro e se
      ci sono difetti di progettazione bisogna spedirli
      per posta a una ditta che li ripara altrimenti
      niente dma e problemi con le pendrive.
      Hanno siti web di fantainformatica dove scrivono
      che i pc sono finiti e il vero futuro è amiga,
      che windows e linux sono orribili sono scomodi e
      che i veri informatici lavorano bene anche con
      l'amiga1200 e c1text.
      Bisogna per forza andare a conoscerli perchè sono
      personaggi pittoreschi e siccome il produttore
      degli amigaone è sempre
      sull'orlo del baratro rischiamo che si estinguano
      troppo presto!
      Ci vediamo alla fiera!Il commento anonimo è stato redatto per caso da un noto tizio che ha un nick di 5 lettere la cui prima lettera è la 19esima dell'alfabeto inglese ? :-D==================================Modificato dall'autore il 20/05/2005 21.00.39==================================Modificato dall'autore il 20/05/2005 21.01.06
    • Gabriele Favrin scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la pena
      Gentile anonimo,la prossima volta che vorrai commentare la situazione Amigati prego di firmarti, inserendo inoltre una fotocopiascannerizzata della tua carta di identita' affinche' taluni"amighisti" non pensino che si tratti di qualcun altro,viste certe loro ossessioni...Ecco, io intitolerei questo post "quando i bambini fanno'troll'!" perche' sono sinceramente senza parole di fronteal comportamento di persone che leggendodelle critiche al loro computer invece dicontrobattere con argomenti (e si che di spazio ce n'era,visto che l'anonimo ha commesso alcuni macroscopici errori)hanno ben pensato che in Internet puo' esserci una solapersona che critica Amiga. Mi sembra di leggere la posta diZZap!Ebbene, l'anonimo non sono io e trovo altresi' vergognosoessere coinvolto in una discussione senza nemmeno saperlo magia' che ci siamo faccio la mia parte per offrire alpubblico di PI una verita' piu' obiettiva sulla storiaAmiga. Piu' obiettiva di quella proposta dall'anonimo e piu'obiettiva di quella di chi conosce solo il vocabolo "troll"in risposta a qualunque commento (a proposito, non hoscritto io neppure il commento nell'altro thread...).Sul sito Amiga.it (di cui sono onorato webmaster e host) e'disponibile, sotto Creative Commons, un'edizione da molteparti ritenuta fra le piu' complete e documentate dellastoria Amiga dal 1985 a oggi. Sebbene un po' troppoottimista in certi passaggi, il documento propone successi einsuccessi, problemi e pregi. Mi pare la risposta miglioretanto all'anonimo quanto a chi ha cercato di trolleggiare,forse perche' gli mancano gli argomenti per dialogare.http://www.amiga.it/storia/La storia arriva all'autunno 2004 ma presto pubblicheremo unaggiornamento con le novita' degli ultimi mesi, sia quelleliete sia quelle meno liete.Spero con questo contributo di aver offerto un servizioutile a chi ci legge e vuole farsi un'idea obiettiva dellasituazione Amiga nel 2005. Io ho scritto firmandomi con nomee cognome, perche' questo e' il mio stile e chi mi conoscelo sa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Incontrare gli utenti amiga vale la pena
        [sbadiglio] 8)
        • samo79 scrive:
          Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
          Infatti almeno io ho detto la 19esima lettera, non era il tuo stile infatti ;-)Davvero pensi che argomentare servirebbe con chi apre un post da anonimo con questi toni ?
          • Gabriele Favrin scrive:
            Re: Incontrare gli utenti amiga vale la

            Davvero pensi che argomentare servirebbe con chi
            apre un post da anonimo con questi toni ?Rispondere come avete fatto equivale ad avvalorarela tesi dell'anonimo agli occhi di chi leggee non e' addentro alla situazione Amiga.Paradossalmente ho difeso piu' io l'immaginedi Amiga rimandando a un documento che spiegaconcretamente cosa c'e' di vero e cosa di nonvero nelle parole dell'anonimo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
            - Scritto da: Gabriele Favrin

            Davvero pensi che argomentare servirebbe con chi

            apre un post da anonimo con questi toni ?

            Rispondere come avete fatto equivale ad avvalorare
            la tesi dell'anonimo agli occhi di chi legge
            e non e' addentro alla situazione Amiga.
            Paradossalmente ho difeso piu' io l'immagine
            di Amiga rimandando a un documento che spiega
            concretamente cosa c'e' di vero e cosa di non
            vero nelle parole dell'anonimo.[sbadiglio].
          • Gabriele Favrin scrive:
            Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
            - Scritto da: Anonimo

            [sbadiglio].Senti anonimo, le parole che hai scritto all'iniziodi questo thread sono in parte esatte e in parte no.Fattene una ragione e la prossima volta cercadi essere piu' preciso e magari di firmarti, OK?Ah, un piccolo aggiornamento non presente su Amiga.it (loinseriremo nella storia di Amiga quando le cose sarannochiarite): e' di questi giorni la notizia che MAI Logic, ildesigner hardware delle schede vendute da Eyetech sotto ilnome di AmigaOne, verserebbe in cattive acque anche per viadi due cause penali perse contro propri partner commercialiestranei al mondo Amiga.Se queste notizie saranno confermate (per ora si tratta diVOCI) Amiga Inc avra' bisogno di una nuova piattaformahardware su cui far girare OS4. Le possibilita' non sonomolte: cercare asilo sul Mac (soluzione caldeggiata da moltima da altrettanti osteggiata per il timore che Apple possaporre dei veti) o sull'altra piattaforma compatibile Amiga,il PegasOS di bPlan. In questo caso le resistenze sono piu'di tipo politico che tecnico.Resta escluso o comunque improbabile il passaggio a x86 cheagli occhi di Amiga Inc avrebbe solo effetti negativi sulbusiness legato ad Amiga, come spiegato chiaramente (e conpassaggi a mio avviso sconcertanti) in questo articolo:http://www.intuitionbase.com/static.php?section=it_The_Case_For_PPCCome sempre, spero di aver fornito un'informazione utile achi ci legge ed e' estraneo alla scena Amiga.
          • Anonimo scrive:
            Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
            - Scritto da: Gabriele Favrin
            - Scritto da: Anonimo



            [sbadiglio].

            Senti anonimo, le parole che hai scritto
            all'inizio
            di questo thread sono in parte esatte e in parte
            no.
            Fattene una ragione e la prossima volta cerca
            di essere piu' preciso e magari di firmarti, OK?

            Come sempre, spero di aver fornito
            un'informazione utile a
            chi ci legge ed e' estraneo alla scena Amiga.[doppio sbadiglio] Scusate, non resisto. sto tizio e' veramente soporifero....[sbadiglio]
          • Anonimo scrive:
            Re: Incontrare gli utenti amiga vale la
            La butto lì: tentare un accordo con IBM per delle future schede g5 magari custom invece tentare strade suicide quali:sviluppare su x86passare al pegasos (che non è tanto meglio dell' A1)passare al mondo mac (apple che rilascia le specifiche dei suoi sistemi ? si come no)cercare un nuovo partner della ban.... pronto a vendere schede basate su hw di scarto???
    • Pompotron scrive:
      Re: Incontrare gli utenti amiga vale la pena
      - Scritto da: Anonimo
      Bisogna andarci perchè vedere gli amighisti di
      oggi è interessante e amiga dal 1985 ne ha fatta
      di strada.
      L'hardware innovativo non c'è più sostituito da
      un pc di cinque anni fa con gli stessi difetti
      hardware dei pc di cinque anni fa con e lo stesso
      prezzo dei pc di cinque anni fa.
      Il sistema operativo evoluto è lo stesso di
      dieci anni fa ma ora si chiama os/4 ha qualche
      abbellimento in più ma è senza multiutenza,
      memoria protetta, programmi utili ecc ecc.Magari la merda di Pc e sistemi operativi che c'è in giro oggi prendessero qualche esempio dall'efficienza degli Amiga di allora...==================================Modificato dall'autore il 22/05/2005 18.03.23
  • Anonimo scrive:
    Perche' retrocomputing nel titolo?
    La manifestazione si propone principalmente di presentare NUOVE tecnologie alternative, il retrocomputing e' solo una parte aggiuntiva della fiera:"Codex Alpe Adria 2005 will cover the latest alternative computing news, add a glimpse of the past, and let people show and see hardware and software."Non mi dispiacerebbe veder presentate in fiera gli annunciati moduli cpu per AmigaOne con G4 a 1.4 GHz ;)Varthall
    • Anonimo scrive:
      Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
      Sinceramente non mi spiacerebbe vedere un AmigaOne aggiornato al 2005 a prezzi concorrenziali (1000 euro l'A1 attuale non li merita, è carrozzato peggio di un pc d'ufficio) ed un rappresentante di Amiga Inc che illustri una volta in maniera chiara quali sono gli obbiettivi e progetti futuri del mondo amiga oltre a fare giochi per palmari e progettare una "nuova" piattaforma solo per farla girare con l'emulatore del 68k.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
        la pianti di trollare? :
        • Anonimo scrive:
          Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
          Non sono questo favrin e non trollo, semplicemente chiedo chiarezza visto che non mi spiacerebbe un giorno comprarlo un nuovo Amiga e visto che costa (capito ? costa, vuol dire che bisogna sborsare pecunia, danaro, soldi) mi farebbe piacere conoscerne il motivo augurandomi che non sia solo una motivazione da illuso integralista.Visto che nessuna piattaforma al mondo sopravvive senza un mercato sarebbe interessante conoscere quello amiga per il presente e soprattutto il futuro. E se questa curiosità, sacrosanta, toglie i puntelli alla traballante dreamland amighista che tutt'ora deve mendicare un browser web decente (figuriamoci quindi programmi professionali o similtali aggiornati) causando le ire di qualche illuso integralista allora si spiegano molte cose sui perchè il mondo amiga è rimasto isolato dall'universo dell'informatica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
            - Scritto da: Anonimo
            Non sono questo favrin e non trollo,Allora sei seyia? :D
            semplicemente chiedo chiarezza visto che non mi
            spiacerebbe un giorno comprarlo un nuovo Amiga e
            visto che costa (capito ? costa, vuol dire che
            bisogna sborsare pecunia, danaro, soldi) mi
            farebbe piacere conoscerne il motivo augurandomi
            che non sia solo una motivazione da illuso
            integralista.Se hai mai usato un amiga hai gia' una motivazione per comprarne un altro..
            Visto che nessuna piattaforma al mondo sopravvive
            senza un mercato Freebsd non ha mercato eppure sopravvive.
            E se questa curiosità, sacrosanta, toglie
            i puntelli alla traballante dreamland amighista
            che tutt'ora deve mendicare un browser web
            decente (figuriamoci quindi programmi
            professionali o similtali aggiornati) causando le
            ire di qualche illuso integralista allora si
            spiegano molte cose sui perchè il mondo amiga 5 anni fa dicevano la stessa cosa di linux, poi s'e' visto quel che s'e' visto. Comprati il pegasos che e' meglio.;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
            Il fatto è proprio questo, a suo tempo non ho avuto un amiga quindi sono più libero da sentimentalismi e più pratico nel sapere cosa volere da un sistema. E cmq anche l'avessi avuto non starei ora a sbavare per un pc scassato con una cpu diversa, mi saprebbe solo di presa in giro e di commercialata.ps non sono seyia ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
            azz "?" malefico cmmq non sono sto qui
          • Anonimo scrive:
            Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
            - Scritto da: Anonimo
            Il fatto è proprio questo, a suo tempo non ho
            avuto un amiga quindi sono più libero da
            sentimentalismi e più pratico nel sapere cosa
            volere da un sistema. E cmq anche l'avessi avuto
            non starei ora a sbavare per un pc scassato con
            una cpu diversa, mi saprebbe solo di presa in
            giro e di commercialata.Indubbiamente anche io preferirei provarlo prima, la sensazione di presa in giro e di commercialata cel'ho praticamente con tutti i SO moderni, dopo aver provato quello che poteva fare un Amiga quasi 20 anni fa.
            ps non sono seyia ?(amiga)
          • Anonimo scrive:
            Re: Perche' retrocomputing nel titolo?

            Comprati il pegasos che e' meglio.;)I Pegasos I e II sono già belle macchine con DDR e AGP, e il prossimo Pegasos 3 sta per colmare il Gap hardware col PC.Finalmente PCI-X DDR2 e SATA su una macchina Amiga :D ;) http://www.morphos-news.de/index.php?lg=en&nid=1076&si=1Seguono immagini della piattaforma Freeserve, nata dalla collaborazione fra Freescale e bPlan, chiamata anche in codice Pegasos 2.5, che servirà agli sviluppatori per realizzare il Pegasos 3 (Notate il connettore SerialATA dell'HD), e un link a un forum sullo stesso argomento.http://www.pegasosppc.com/image.php?id=1499http://www.pegasosppc.com/image.php?id=1487http://www.morphzone.org/modules/newbb_plus/viewtopic.php?topic_id=3525&forum=11
    • Seiya scrive:
      Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
      innanzitutto, non è carino chiamarmi in causa o spacciarsi per me!!!A differenza di certi fanatici anonimi per A1 o OS4, che temono dal farsi riconoscere, io come vedete mi firmo, come mi firmo su altri forum.!La prossima volta cercate di essere più seri e invece di far firnta di essere altri, siate voi stessi, che non c'è nulla di male ad usare un nick.Cmq potete confrontare il mio ip per vedere chi è il vero Seiya qui :DPer il resto della discussione:Roftl==================================Modificato dall'autore il 27/05/2005 10.15.05
      • Seiya scrive:
        Re: Perche' retrocomputing nel titolo?
        ah aggiungo che questo Seiya (io) è Cristiano Cherchi che appartiene al gruppo di Notizie Amiga e di AmigaPage (www.amigapage.it) dove per chi non lo sapesse portiamo in italiano tutte le news Amiga che ci sono in giro.Seyia è il nick che uso solo sulla chat ircnet #amigaita==================================Modificato dall'autore il 27/05/2005 10.20.37
  • Anonimo scrive:
    Per i nostalgici dell'amiga.
    C'è questo file manager per linux che somiglia tantissimo a quello che si usava per l'amiga. Se volete fare un tuffo nel passato provatelo.http://www.boomerangsworld.de/worker/
    • Anonimo scrive:
      Re: Per i nostalgici dell'amiga.
      Grazie, ma preferisco usare l'originale DOpus sull'AmigaOne ;)Varthall
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Per i nostalgici dell'amiga.
      - Scritto da: Anonimo
      C'è questo file manager per linux che somiglia
      tantissimo a quello che si usava per l'amiga. Se
      volete fare un tuffo nel passato provatelo.
      http://www.boomerangsworld.de/worker/Lo uso regolarmente!!! E' praticamente identico al DiskMaster e al Directory Opus dell' Amiga!!! Sigh!TAD
    • Numero28 scrive:
      Re: Per i nostalgici dell'amiga.
      - Scritto da: Anonimo
      C'è questo file manager per linux che somiglia
      tantissimo a quello che si usava per l'amiga. Se
      volete fare un tuffo nel passato provatelo.
      http://www.boomerangsworld.de/worker/noooo, figata!
  • TADsince1995 scrive:
    Grazie redazione!!!
    Grazie di cuore per questo articolo! Ho appena aperto l'homepage e mi sono visto davanti la mitica boing bag amighista, un tuffo al cuore. Farò di tutto per esserci, anche se sono parecchio lontano...Un ricordo di quando l'informatica era curiosità, sperimentazione, passione, comunità, coding prima che diventasse tutto un antivirus, un service pack e una licenza capestro. Guardacaso proprio oggi pomeriggio avevo aperto un vecchio cassettone nella mia stanza in cui sono custoditi numeri storici di Supercommodore64, Amiga Magazine e i pazzeschi "Computer Dossier" (chi se li ricorda?) datati 1984.Grazie Amiga, grazie commodore, ci hai regalato un miracolo che non si è più ripetuto e mai si ripeterà. E il fatto che ancora oggi esistano splendide manifestazioni come questa fa capire quanto il mondo dell'informatica sia stato contaminato e massificato negli ultimi 10 anni. Ringrazio il cielo di avermi permesso di vivere quegli anni pioneristici e un po' romantici, cosa che purtroppo i ragazzini di oggi non conosceranno mai.TAD since 1995Amiga Rulez Forever(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)(amiga)
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      ma vaaaaa"che mai si ripeterà" ... ma che ne sai?disfattista
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        - Scritto da: Anonimo
        ma vaaaaa


        "che mai si ripeterà" ... ma che ne sai?

        disfattistaNon sono disfattista... Ma obiettivamente non è possibile che oggi esca fuori una macchina che sia quello che nel 1985 è stato amiga. Quando i PC più potenti e costosi arrivavano a 16 colori in 320x200 amiga viaggiava a 4096 in 640x512. Quando i pc al massimo facevano beep, amiga aveva suono digitale stereo a 4 canali gestiti da un coprocessore indipendente dalla cpu. Aveva un sistema operativo multitasking (che Windows ha avuto 10 leggasi DIECI anni dopo) che girava con 256 KILObyte di Ram, mentre Win95 quanta ne voleva??? In più chipset per lo spostamento di grafica e per la generazione di poligoni (l'antesignano delle moderne GPU grafiche, ma VENTI anni fa).10 anni di vantaggio tecnologico. E' come se oggi uscisse una macchina con la potenza che i PC avranno tra 10 anni, ti lascio solo immaginare.Se commodore avesse avuto dei commerciali bravi come quelli di Micro$oft, oggi M$ e Windows sarebbero un tenero ricordo del passato...TAD==================================Modificato dall'autore il 20/05/2005 1.47.51
        • Anonimo scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          Quoto e concordo : è incredibile pensare a ciò che ha buttato nel secchio la grande C= ....Saluti,Piwip.s. sai cosa si vocifera su alcuni newsgroup ? Che la Apple in qualche modo ha dato una spintarella alla Commodore luno il baratro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            Bè, in realtà le incompetenze del management Commodore degli ultimi tempi (chi degli amighisti che leggeva amiga magazine o commodore gazette non ha mandato colpia John di Lullo e Mehdi Ali) era autonomamente capoace di fare casini, ma questo tipo di spinte nel baratro ricordano di piu' un modo di fare tipico di altre case di software piu' a nord, direi dalle parti di Seattle...:P...anche perche' ai tempi apple aveva il suo dominio ancora incontrastato nel business del DTP e programmi come photoshop illustrator e soprattutto xpress ne erano esclusiva proprietà oltre che passaggio quasi obbligato per qualsivoglia brochure o rivista, visto che la stragramde maggioranza delle fotounità postscript erano comandate via appletalk...
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            Già è vero, me le ricordo ancora le parole di John Di Lullo:"un'Amiga 1200 non può competere con un 386sx..." :s Si commenta da sola quest'affermazione... E dire che una macchina del genere se ben sostenuta si sarebbe venduta da sola... CiaoOT: sbaglio o l'architettura dell'XBOX360 ricalca la gestione della memoria dell'Amiga, una memoria centrale condivisa da CPU+GPU, se si a questo punto vai di causa per violazione...:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            Si, è vero. Se la si fosse costruita piccola come l'A600 e fosse stato possibile dotarla di serie di un disco rigido da 3,5", avrebbe avuto molto più successo. Ma anche come è stata costruita, non è che abbia fatto schifo. Di utenti entusiasti all'epoca ce n'erano, anche quando la Commodore precipitò. Ad oggi, ben carrozzate, ce ne sono molte funzionanti !Saluti,Piwi
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: Anonimo
            Quoto e concordo : è incredibile pensare a ciò
            che ha buttato nel secchio la grande C= ....

            Saluti,
            Piwi

            p.s. sai cosa si vocifera su alcuni newsgroup ?
            Che la Apple in qualche modo ha dato una
            spintarella alla Commodore luno il baratro.che scemenza... la apple solo 1 anno dopo il fallimento della commodore era nel baratro anch'essa e sarebbe fallita se jobs non fosse tornato e non avesse creato il miracolo imac.Da Commodore non uscì nessun "imac" salva azienda, anzi, l'amiga 1200 fu un vero disastro, usciva già vecchia in partenza...Molto è da attribuirsi all'impossibilità di "costuirsi tutto in casa" e moltissimo dall'attività schiacciasassi di microsoft che dopo win95 non ha disstrusse tutta la concorrenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: Anonimo
            Da Commodore non uscì nessun "imac" salva
            azienda, anzi, l'amiga 1200 fu un vero disastro,
            usciva già vecchia in partenza...Aggiungo che la commodore ha sempre fatto poca pubblicità a i suoi prodotti. La pubblicità televisiva martellante l'ha iniziata solo il cdtv, quando ormai era già con un piede nella fossa. I manager della Commodor dicevano "Gli amiga si vendono da soli"..... grosso errore.
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            Da notare che l'ho semplicemente letto ... io non trovo conferme e non penso nulla. Del resto, all'epoca, ero piccolo !Piwi
        • The Raptus scrive:
          Ciao!
          ... So che ti ricordi di me.Quoto e straquoto, ma ... la speranza è l'ultima a morire. Adesso si lavora solo su console, ma prova ad immaginare il cuore di una PS2, con un micro al top comeil CELL, unito a qualche GPU "rivoluzionaria" (... io mi ricordo che dovevano esserli i transputer della INMOS, programmabili in OCCAM). Non mollare mai, almeno nei sogni.SOprattutto per sopravivere quando, pagati come dei mandriani tosapecore, ci prostituiamo con macchine da sottosviluppati e OS ridicoli.Un saluto a tutti!
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Ciao!
            - Scritto da: The Raptus
            ... So che ti ricordi di me.Certo! :)
            Quoto e straquoto, ma ... la speranza è l'ultima
            a morire.
            Adesso si lavora solo su console, ma prova ad
            immaginare il cuore di una PS2, con un micro al
            top comeil CELL, unito a qualche GPU
            "rivoluzionaria" (... io mi ricordo che dovevano
            esserli i transputer della INMOS, programmabili
            in OCCAM). Concordo. Sarebbe bellissimo, ora che è uscita la ps3 pensavo proprio a quanto sarebbe stimolante poterci attaccare una tastiera e installarci un sistema operativo (Linux?) per svilupparci qualcosa e tornare a fare un po' di sano hacking. ;) Un po' come si faceva con l'asmone sull' amiga! Però mi chiedo: ok, metti che esce una macchina paurosa e avanti coi tempi, ma quanto ci metterebbero i pc a raggiungerla? Pochissimo...
            Non mollare mai, almeno nei sogni.Questo mai, ci ho provato, ma è impossibile se hai vissuto quei tempi. Io con una certa cautela, ad AmigaONE e AmigaOS4 ci credo. Se commodore fosse sopravvissuta probabilmente Amiga avrebbe assunto questa forma. Se oggi un Amiga deve esistere non potrebbe essere altro che A1 e OS4, oltre all'incredibile e interessantissimo AROS. Spero solo che Hyperion ed Eyetech si diano una smossa a risolvere i vari problemi... Dopo di che sicuramente ne acquisterò uno.
            SOprattutto per sopravivere quando, pagati come
            dei mandriani tosapecore, ci prostituiamo con
            macchine da sottosviluppati e OS ridicoli.Non puoi immaginare l'orrore quando ho scoperto la gestione della memoria a basso livello degli x86... (segmenti!? :| offset!? :|:| indirizzi logici e fisici!??! :|:|:| modalità protetta!?!? :|:|:|:| BRRR!!! Tutte pezze messe una sopra l'altra e nascoste dal SO per coprire un'architettura arcaica e mantenerla retrocompatibile forzandone l'evoluzione. Meno male che al giorno d'oggi ste cose il programmatore non le vede più...) Solo quello basterebbe a dire che Amiga era fantascienza. Per non parlare di Windows, mio Dio salvaci... :'(
            Un saluto a tutti!Ciao!TAD
        • pjt scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          - Scritto da: TADsince1995
          Non sono disfattista... Ma obiettivamente non è
          possibile che oggi esca fuori una macchina che
          sia quello che nel 1985 è stato amiga. Quando i
          PC più potenti e costosi arrivavano a 16 colori
          in 320x200 amiga viaggiava a 4096 in 640x512.
          Quando i pc al massimo facevano beep, amiga aveva
          suono digitale stereo a 4 canali gestiti da un
          coprocessore indipendente dalla cpu. Aveva un
          sistema operativo multitasking (che Windows ha
          avuto 10 leggasi DIECI anni dopo) che girava con
          256 KILObyte di Ram, mentre Win95 quanta ne
          voleva??? In più chipset per lo spostamento di
          grafica e per la generazione di poligoni
          (l'antesignano delle moderne GPU grafiche, ma
          VENTI anni fa).Oggi una macchina così in vantaggio sui suoi tempi non potrebbe più esere creata autonomamente da un gruppo di sperimentatori, perchè gli investimenti necessari sarebbero proibitivi, notevolmente maggiori (come ordine di grandzza) rispetto al passato. Purtroppo.... :(
          Se commodore avesse avuto dei commerciali bravi
          come quelli di Micro$oft, oggi M$ e Windows
          sarebbero un tenero ricordo del passato...Non solo i commerciali: è stato tutto il management ad alto livello dell'azienda a non aver sfruttato il successo, adagiandosi sugli allori, senza creare niente di nuovo, anzi bloccando lo sviluppo del nuovo (vedi AAA bloccati praticamente pronti oppure la 4091 venduta ad altri). Una grossa perdita per tutti :'( Ciao
        • GrayLord scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          - Scritto da: TADsince1995
          Non sono disfattista... Ma obiettivamente non è
          possibile che oggi esca fuori una macchina che
          sia quello che nel 1985 è stato amiga. Confidiamo in quel che profetizzano Gibson e Sterling: se la Honosenday entro il 2020 se ne esce con un microdek a contatto neurale diretto allora avremo qualcosa di comparabile al salto che fu' Amiga.;-)
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Grazie redazione!!!

            Confidiamo in quel che profetizzano Gibson e
            Sterling: se la Honosenday entro il 2020 se ne
            esce con un microdek a contatto neurale diretto
            allora avremo qualcosa di comparabile al salto
            che fu' Amiga.

            ;-)Esatto! :) Hai reso perfettamente l'idea!TAD
        • Anonimo scrive:
          Re: Grazie redazione!!!

          sistema operativo multitasking (che Windows ha
          avuto 10 leggasi DIECI anni dopo) che girava con
          256 KILObyte di Ram, mentre Win95 quanta ne
          voleva??? In più chipset per lo spostamento di
          grafica e per la generazione di poligoni
          (l'antesignano delle moderne GPU grafiche, ma
          VENTI anni fa).
          ho capito ma non si puo' confrontare tutto con windows a sto mondoqnx gira multitasking preemptive in 4kb di kernele l'os di amiga se lo mangia a colazionecmq c'e' sempre qualcuno che dice che "non si ripetera mai piu" e puntualmente viene smentito
          • HotEngine scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: Anonimo
            ho capito ma non si puo' confrontare tutto con
            windows a sto mondo
            qnx gira multitasking preemptive in 4kb di kernel
            e l'os di amiga se lo mangia a colazioneSei tu che non hai afferrato bene. Qui si parla di hardware non di software. Il multitasking era solo quel tocco in più tanto per far capire a che livello era già allora l'amiga.
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: HotEngine
            - Scritto da: Anonimo


            ho capito ma non si puo' confrontare tutto con

            windows a sto mondo

            qnx gira multitasking preemptive in 4kb di
            kernel

            e l'os di amiga se lo mangia a colazione

            Sei tu che non hai afferrato bene. Qui si parla
            di hardware non di software. Il multitasking era
            solo quel tocco in più tanto per far capire a che
            livello era già allora l'amiga.E cmq qnx avrebbe dovuto essere il SO degli amiga di Gateway
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!

        "che mai si ripeterà" ... ma che ne sai?
        disfattistaNon è questione di disfattisto, è la triste realtà. Non ci sono più spazi per fare i pionieri. Un'altra Amiga? Un'altra Fidonet? Mera utopia ...
    • Giambo scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      - Scritto da: TADsince1995

      [...]
      Amen ...Amiga, per me, coincide anche con la mia giovinezza, la spensieratezza, le demo incredibili di Tristar, Red Sector e D.O.C. (Chi se la ricorda, questa :) ?). Le bollette del telefono spaventose a causa delle BBS prima e di fidonet poi, i primi programmini in Amiga Basic, SEUCK, Arexx, C, assembly ...E poi l'hardware che diventava obsoleto dopo anni e non mesi, l'esaltazione di fronte all'idea di un 68030 della GVP con una frequenza di clock di 25Mhz ("Venticinque Megahertzt ?!? Chissa' come schizza il Workbench !") o di fronte ad un HD da 80MB ("In 80MB ci posso salvare il mondo !").Oddio, mi vien da piangere, meglio se smetto :'( ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        - Scritto da: Giambo

        - Scritto da: TADsince1995



        [...]



        Amen ...

        Amiga, per me, coincide anche con la mia
        giovinezza, la spensieratezza, le demo
        incredibili di Tristar, Red Sector e D.O.C. (Chi
        se la ricorda, questa :) ?).eheh, Doctor Mabuse Orgasm Crackings, con il mitico coder Unknown e il musicista Frog (ahhh, che bella Demons, ogni tanto me la guardo ancora oggi),la rivista Penis, ecc.ecc. :) Le bollette del
        telefono spaventose a causa delle BBS prima e di
        fidonet poi, i primi programmini in Amiga Basic,
        SEUCK, Arexx, C, assembly ...
        E poi l'hardware che diventava obsoleto dopo anni
        e non mesi, l'esaltazione di fronte all'idea di
        un 68030 della GVP con una frequenza di clock di
        25Mhz ("Venticinque Megahertzt ?!? Chissa' come
        schizza il Workbench !") o di fronte ad un HD da
        80MB ("In 80MB ci posso salvare il mondo !").

        Oddio, mi vien da piangere, meglio se smetto :'(
        ...spesso anche a me :((amiga) (linux)(c64)
        • Giambo scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          - Scritto da: Anonimo

          Amiga, per me, coincide anche con la mia

          giovinezza, la spensieratezza, le demo

          incredibili di Tristar, Red Sector e D.O.C. (Chi

          se la ricorda, questa :) ?).

          eheh, Doctor Mabuse Orgasm Crackings, con il
          mitico
          coder Unknown e il musicista Frog (ahhh, che
          bella
          Demons, ogni tanto me la guardo ancora oggi),
          la rivista Penis, ecc.ecc. :)Urka, un buongustaio :) La demo con i diavoletti era la mia preferita ...

          Oddio, mi vien da piangere, meglio se smetto :'(

          ...

          spesso anche a me :(

          (amiga) (linux)(c64)Come diceva un tale in questo thread, con Linux provo le stesse sensazioni, ma piu' "sbiadite", non sono quelle forti e esaltanti di (Gulp!) quasi 20 anni fa'.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Grazie redazione!!!

            Come diceva un tale in questo thread, con Linux
            provo le stesse sensazioni, ma piu' "sbiadite",
            non sono quelle forti e esaltanti di (Gulp!)
            quasi 20 anni fa'.Non è esattamente la stessa cosa... E lo dice un linuxaro affezionato. Se dovessi scegliere oggi cosa far affermare tra linux e amiga sicuramente sceglierei amiga.Linux è fantastico ed è, al momento, il meglio che si può installare in un pc, ma amiga era speciale. E' con amiga che è iniziato il mio odio puro verso Windows, ancora prima di conoscere l'esistenza di linux (in verità quando ho iniziato io con amiga di linux usciva il primissimo kernel)TAD
          • carbonio scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            amiga music preservation: http://amp.dascene.net/home.php(amiga)
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        aah, mi sto mettendo a piangere, sul serio che ricordi :'( :'( :'(
        • Giambo scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          - Scritto da: Anonimo
          aah, mi sto mettendo a piangere, sul serio
          che ricordi :'( :'( :'(Un'altro "vecchietto" :) ?Devo mettermi a parlare delle prime esperienza con VIC20 e C=64 (SYS 64738 ) :) ?==================================Modificato dall'autore il 21/05/2005 18.21.35
          • Anonimo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: Giambo
            Un'altro "vecchietto" :) ?
            Devo mettermi a parlare delle prime esperienza
            con VIC20 e C=64 (SYS 64738) :) ?Nah, direi che mettere l'icona di NoFastMem come avatar puo` bastare... ;)*corregge il quote nella risposta per riflettere il cambiamento nel post originale, facendo la parentesi chiusa con ) *==================================Modificato dall'autore il 21/05/2005 18.34.52
          • pippo75 scrive:
            Re: Grazie redazione!!!

            Un'altro "vecchietto" :) ?
            Devo mettermi a parlare delle prime esperienza
            con VIC20 e C=64 (SYS 64738 ) :) ?

            se non sbaglio il c64 partiva con una schermata blu :-)ciao
          • Giambo scrive:
            Re: Grazie redazione!!!
            - Scritto da: pippo75

            Un'altro "vecchietto" :) ?

            Devo mettermi a parlare delle prime esperienza

            con VIC20 e C=64 (SYS 64738 ) :) ?

            se non sbaglio il c64 partiva con una schermata
            blu :-)Ach, Microsoft copia proprio tutto :-) ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        - Scritto da: Giambo
        Amiga, per me, coincide anche con la mia
        giovinezza, la spensieratezza, le demo
        incredibili di Tristar, Red Sector e D.O.C. (ChiBe', pero` i demo stupefacenti (con tutto il rispetto per quelli) c'erano anche su PC prima che arrivasse l'olocausto (che alcuni chiamavano Windows95)... molti di quelli di Assembly (la competizione) facevano non di rado cascare le braccia nel chiedersi "come cacchio avesse fatto".
        telefono spaventose a causa delle BBS prima e di
        fidonet poi, i primi programmini in Amiga Basic,
        SEUCK, Arexx, C, assembly ...Bastava AMOS: troppo fuori dai canoni per avere il successo che avrebbe meritato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      Non posso che concordare con TAD, con Raputs.Da ex-dipendente Commodore Italiana posso dire che Tecnici e sviluppatori erano un tutt'uno, una sinergia unica e a livello mondiale. La cooperazione con West Chester e gli ingenieri di Amiga era massima tra tutti noi. Io ero il riferimento italiano per Amiga Support, e spesso la nostra voce si è alzata per contrastare le direttive commerciali che arrivavano dalle Bahamas (sede fiscale di Commodore). Putroppo cadevano nel vuoto. Per perifrasare una nota battuta: "ho visto cose che nessuno occhiio umano ha potuto vedere..." M vi posso dire che Amiga non è morta. Anzi la comunità p ancora viva, io il mio Amiga 1000 insieme a Amiga 4000 li uso ancora. IP sono solo "chiacchere e distintivo".Tralascio poi i dettegli tecnici di AmigaOS.... Aneddoto: Prima che arivasse un ominio da seattle, ex M$, in commodore si usavano gli Amiga per i lavori di ufficio (e un System 36 di IBM). Quando al posto del suo Amiga500 con HD, il direttore tecnico di allora si è trovato un PC, continuava a lamentarsi della lentezza e che non potesse fare due cose contemporaneamente, tipo formattare in dischetto e lavorare con ProCalc (tipo Lotus 123, precursore di excel)... Un saluti a tutti gli amighisti incalliti. Ettore
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        Ciao Ettore, sei un mito!non è che il 2 luglio farai un salto a Udine, così ci si vede?Mario
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!

        Un saluti a tutti gli amighisti incalliti.
        EttoreGrazie, e ricambio il saluto!Sono un vecchio amighista che soleva scrivere assembly con il suo fido A1200 (SENZA HD, pensavano a tutto i floppy) e che rimpiange ancora AmigaDOS con le sue intuition library e compagnia. Un OT per inciso: con Linux sto ritrovando un po' di serenità, ma certo la nostalgia è forte..... ;-)CIAOOO!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Da ex-dipendente Commodore Italiana [CUT]Dico solo una cosa: provo una incredibiile, immarcescibile, smisurata, incontenibile galattica [etc,etc] ] INVIDIA INVIDIA INVIDIA INVIDIA INVIDIA INVIDIA [continua.. come le duracell :) )
        M vi posso dire che Amiga non è morta. Anzi la
        comunità p ancora viva, io il mio Amiga 1000
        insieme a Amiga 4000 li uso ancora. IP sono solo
        "chiacchere e distintivo".[continua da sopra...] INVIDIA INVIDIA INVIDIA INVIDIA [continua...] (peri il 1000 ed il 4000)Ho un A1000 (non funzionante), due A1200 con due acceleratrici (funzionanti), due A500 con espansioni (funzionanti) ed una CD32 (parzialmente funzionante, il lettore cd non va)

        Tralascio poi i dettegli tecnici di AmigaOS....

        Aneddoto: Prima che arivasse un ominio da
        seattle, ex M$, in commodore si usavano gli Amiga
        per i lavori di ufficio (e un System 36 di IBM).
        Quando al posto del suo Amiga500 con HD, il
        direttore tecnico di allora si è trovato un PC,
        continuava a lamentarsi della lentezza e che non
        potesse fare due cose contemporaneamente, tipo
        formattare in dischetto e lavorare con ProCalc
        (tipo Lotus 123, precursore di excel)... Solo una curiosità: perche' la C= passò ai pc?
        Un saluti a tutti gli amighisti incalliti. Presente, anche se "Amighista in bianco" per molto tempo :)Saluti,byUlix(Amiga) (Amiga) (Amiga)Amiga lover since 1985(Amiga) (Amiga) (Amiga)
      • Anonimo scrive:
        domanda
        Saluto e m'inchino : non sono mai stato un utente Amiga dei tempi d'oro - ero piccolino : mi bastava il C64 ! Però ho recuperato in questi ultimi anni, procurandomi qualche modello da "esplorare" (A500, A600, A1200, A4000). Vorrei porre una domanda : cosa successe alla filiale italiana quando la Commodore fallì ? Smantellarono l'azienda, continuaste a lavorare per la Tulip, o passaste alla Escom ?Saluti,Piwi
      • The Raptus scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        Mi ricordo (vagamente) di un Ettore dell'assistenza.(Qualche risposta a commodore gazette).Ricordi infiniti.Certo che se A avesse continuato (ma Commodore non aveva i numeri ne la voglia di farlo: è bastato fare un po' di soldi e fregarsene!) adesso 'sta roba qui con cui programmo sarebbe nell'unico posto che le compete.Comunque un'osservazione per tutti: La maggiorn parte di persone che ha posseduto un Amiga (a parte i ragazzini che ci giocavano!) ha incominciato a divertisi sul serio con la programmazione. E solo in quel momento ha amato la macchina (e continua a farlo).Oggi un tal sentimento non lo vedo più: Troppe cose da sapere, troppi problemi insomma ...
    • The_Stinger scrive:
      Che bei ricordi!
      - Scritto da: TADsince1995
      Un ricordo di quando l'informatica era curiosità,
      sperimentazione, passione, comunità, codingHehehe...A chi lo dici!Ho ancora il mio vecchio Spectrum 48K in bella vista a casa ed ogni tanto lo accendo pure :D Che meraviglia!Se ripenso che quando avevo 13 anni progammavo direttamente in assembly su quel trabiccolino mi vengono i brividi!Poi sono passato all'Olivetti M20 della scuola, Floppy da 5 1/4 nel primo drive con il sistema operativo (DOS 2.6) e Floppy da 5 1/4 nel secondo drive con il compilatore TurboPascal !!!!!Hard disk? Che?!?!?!?!E poi le mega sessioni di gioco a casa dell'amico con l'Amiga 500 .Per i seguaci dello Zio Clive (Sir Clive Sinclair) come il sottoscritto: avete già visto questo link?http://zxspectrum.hal.varese.it/E sapete che in Russia producono ancora lo Spectrum in versione "Pompata" (2 Mb RAM e Hard Disk)?! :|==================================Modificato dall'autore il 20/05/2005 10.46.37
      • Anonimo scrive:
        Re: Che bei ricordi!
        E' possibile ! I "cloni russi" sono andati avanti a lungo (Pentagon, Scorpion, etc.) ... ci hanno fatto bei giochi e belle demo.Saluti,Piwi
      • Anonimo scrive:
        Re: Che bei ricordi!
        Mitico Speccy!!! quello sì che era un vero computer!!! :D beh sì in Russia è andato davvero molto lo Spectrum ed è ancora una valida alternativa al pc... si sa che la Russia è indietro di 20 anni al resto del mondo... :-) non mi stupirei se in cina arrivasse lo Spectrum tra 10 anni! ;) :D
      • Anonimo scrive:
        Re: Che bei ricordi!
        sono l'autore del sito... hai ancora i nastri dello ZX? (scusate l'OT)
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Che bei ricordi!
          - Scritto da: Anonimo
          sono l'autore del sito... hai ancora i nastri
          dello ZX? (scusate l'OT)Se parli di quelli delle cassette dell'edicola, io ne ho palate di quelli delle cassette doppia faccia C64-Spectrum.TAD
          • Anonimo scrive:
            Re: Che bei ricordi!
            F A N T A S T I C O ! ! ! puoi contattarmi in privato? http://zxspectrum.hal.varese.it/mail.php te ne sarei infinitamente grato se tu riuscissi a convertirle o al limite prestarmele per completare l'archivio: solo pochissimi nastri mancano all'appello!
        • The_Stinger scrive:
          Re: Che bei ricordi!
          - Scritto da: Anonimo
          sono l'autore del sito... hai ancora i nastri
          dello ZX? (scusate l'OT)Ciao!Complimenti allora!Devo guardare in un paio di scatoloni, forse ne ho ancora un paio.Di sicuro ho i manuali originali e, forse, un paio di riviste con listati vari (ho fatto 3 traslochi ma non ho mai avuto il coraggio di buttarle vie).Controllo e ti faccio sapere tramite l'email sul tuo sito.
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      - Scritto da: TADsince1995
      Un ricordo di quando l'informatica era curiosità,
      sperimentazione, passione, comunità, coding prima
      che diventasse tutto un antivirus, un service
      pack e una licenza capestro.Gia`... grazie per avermi ricordato come mai a volte ho rotto uno scanner, tirato una pedata al case (di quello vecchio: questo e` uno small form) e altre dimostrazioni d'affetto nei confronti dei carrozzoni attuali. :D
      Guardacaso proprio
      oggi pomeriggio avevo aperto un vecchio
      cassettone nella mia stanza in cui sono custoditi
      numeri storici di Supercommodore64, Amiga
      Magazine e i pazzeschi "Computer Dossier" (chi se
      li ricorda?) datati 1984.Esagerato... io ho tenuto solo i MCMicrocomputer e il Nuovo Orione dove avevano pubblicato qualcosa di mio... con la mia smania di semplificazione (contrapposta alla tendenza abituale di farmi le seghe mentali su tutto) l'anno scorso ho "semplificato" anche la mia stanza e messo in soffitta un mucchio di roba. Ora che ho solo un armadio di un paio di metri, il letto, la scrivania e la comodina, sto spingendo l'ottimizzazione degli spazi a limiti mai raggiunti prima...
      Ringrazio il cielo di avermi permesso di vivere
      quegli anni pioneristici e un po' romantici, cosa
      che purtroppo i ragazzini di oggi non
      conosceranno mai.Puo` darsi che tornino... non si sa mai.La tendenza potrebbe oscillare sul lungo periodo: qualcuno potrebbe prima o poi voler davvero ri-semplificare tutto, e i discendenti di PS3 diventare i computer del prossimo futuro... chi lo sa?
    • HotEngine scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      Eh si... Ma... Non ricordate? Non ricordate qual'era quel programmaccio sul dischetto extras che non rispettava nessuno standard di workbench, non usava il sonoro decentemente, non sfruttava il mouse e serviva per programmare? Ma si... AmigaBasic... Oh! E ricordate chi lo produceva? ROTFL. E' rimasta tale e quale ad allora... ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        Gia`. Tristemente simile al QuickBasic, appunto. Aveva la potenza di un tagliaerba diesel alimentato a olio di colza. Purtroppo ci persi anche qualche mese tendando di tirarci fuori qualcosa, prima di scoprire AMOS.
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Grazie redazione!!!
        - Scritto da: HotEngine
        Eh si... Ma... Non ricordate? Non ricordate
        qual'era quel programmaccio sul dischetto extras
        che non rispettava nessuno standard di workbench,
        non usava il sonoro decentemente, non sfruttava
        il mouse e serviva per programmare? Ma si...
        AmigaBasic... Oh! E ricordate chi lo produceva?Sì mamma mia... BRRR!!! :|:|:|:| Microsoft Press fece pure un libro sulla grafica dell' Amiga, pazzesco...
        ROTFL. E' rimasta tale e quale ad allora... ;-)Sì, è il fatto che il Visual Basic sia, ad oggi, il "linguaggio" più usato per fare software su Window$ la dice lunga sullo stato in cui si trova l'informatica oggi! :P:P:PTAD
        • Anonimo scrive:
          Re: Grazie redazione!!!
          - Scritto da: TADsince1995
          Sì, è il fatto che il Visual Basic sia, ad oggi,
          il "linguaggio" più usato per fare software su
          Window$ la dice lunga sullo stato in cui si trova
          l'informatica oggi! :P:P:PBe', dipende dall'ambito. In ambito poverello, si trovano effettivamente un mucchio di programmini VB. In ambito professionale si trovano invece un mucchio di ciofeche VC++. Il problema vero, quello piu` grave, e` che mentre le ciofeche VB sono chiaramente visibili per quel che sono, molte di quelle VC++ sono credute essere applicazioni serie. (:P * 100)
    • Anonimo scrive:
      Re: Grazie redazione!!!
      Nostalgia...Io ho ancora il mio Amiga 2000, espansa a 3 Mega con la BigBang della Hardital, con la scheda Bridge (quella che creava un PC 8086 con CGA usando l'hardware dell'amiga) a cui avevo attaccato un HD MFC da 20 Mega e che, tramite un accrocchio software, era formattato 5 per il DOS e 15 per AmigaOS.Funziona ancora tutto ed è ancora in camera mia.Lo uso ogni tanto per giocare a OneOnOne e Marble Madness..Ripensare alla faccia della gente quando, 1986, con una stampante ad aghi e carta per trattore, facevo striscioni di 20 metri, usando DeluxePrint, mettendo immagini ovunque semplicemte trascinandole con il mouse, con visione immediata (oggi direbbero WYSIWYG), semplicemente dicendo al Preferences di stampa: Larghezza stampa: 9999 pixel..... E gli altri, con PrintMaster (immagini in 5 posizioni fisse, nessuna possibilità di avere una anteprima)non capivano...Per non parlare di DeluxePaint, che ancora oggi rimpiango...Od Octamed, che mi consentiva di eseguire 8 tracce con 8 strumenti in stereo... mentre l'olivetti M20 a scuola faceva ..."Bip"!E la famosa domanda:"Ma in che formato è quell'immagine?". "Ma che domanda, in formato immagine!". Solo dopo capii esattamente la potenza di IFF ILBM...Io che scrivevo usando i fonts e l'anteprima, mentre il resto del mondo usava WordStar su interfaccia a caratteri.Solo quando fui costretto ad uscire dal mio mondo dorato (leggi università e "corsi di alfabetizzazione informatica") mi resi realmente conto del perché gli altri si meravigliavano di cose che a me sembravano normali...Per puntiglio, per l'esame di Programmazione dei Calcolatori era richiesto di scrivere un programma in Modula2 e di farlo girare all'esame.Scrissi un programma con tracciatura dei grafici a colori, musica in sottofondo ed animazioni... ...dovetti portarmi l'Amiga in aula per l'esame, perché in università non ce n'erano, ma la faccia allibita di molti compagni e di qualche professore, non avevano prezzo! ..oltre al tempo perso a spiegare al docente che, no, la pagina grafica non stava all'indirizzo A000, e che, no, non avevo la più pallida idea di a che indirizzo di memoria il sistema operativo avesse messo la mia pagina video e che nemmeno mi importava saperlo. Mi bastava chiedere al sistema operativo che mi restituiva un puntatore a pagina che poi io passavo come parametro.... in un'epoca in cui tutti facevano PEEK e POKE direttamente in memoria.Ah, sull'Amiga scoprii anche per la prima volta, nel 1987, cosa fossero i Virus informatici ed i programmi antivirus..Il caro vecchio SCA Virus...
      Something wonderful has happened
      Your AMIGA is alive !!! and, even better...
      Some of your disks are infected by a VIRUS !!!
      Another masterpiece of The Mega-Mighty SCA !! Essere dieci anni avanti e rendertene conto dieci anni dopo...Luca
Chiudi i commenti