Sblocco dei cellulari, la Casa Bianca è a favore

L'Amministrazione dice che lo sblocco del cellulare (e pure degli altri gadget mobile) è cosa buona e giusta. Ma per risolvere la questione occorre passare attraverso DMCA, FCC e Biblioteca del Congresso. Lo stesso vale anche per il Jailbreak?

Roma – I sostenitori USA dello sblocco di cellulari e altri dispositivi mobile conquistano un nuovo, inaspettato alleato nell’Amministrazione Obama, coinvolta nella vicenda da una petizione seguita alla dichiarata illegalità della pratica di sblocco decisa dalla Biblioteca del Congresso qualche settimana fa.

Nello specifico, la Casa Bianca fa riferimento specifico alla petizione che ha raccolto più di 114mila firme, superando il limite fissato dalla Casa Bianca per stabilire la legittimità della richiesta e attivare gli esperti del Governo sulla questione. Gli esperti si sono riuniti, hanno discusso e hanno stabilito che sì, lo sblocco degli smartphone dovrebbe essere legale e chi lo mette in pratica non dovrebbe rischiare di infrangere alcuna legge. Si parla, però, esclusivamente di blocco su uno specifico operatore, sebbene spesso le questioni di sblocco delle limitazioni contrattuali di vincolo e della limitazione nell’accesso a marketplace software differenti da quello “imposto” dalla casa vadano a braccetto.

Scrive R. David Edelman per conto dell’Amministrazione Obama: “Noi crediamo che lo stesso principio andrebbe applicato ai tablet, sempre più simili agli smartphone”. E se l’utente ha pagato per il proprio gadget mobile e non ci sono vincoli di utilizzo o abbonamento, continua Edelman, allora dovrebbe essere in grado di usarlo su qualsiasi network cellulare egli preferisca.

Il cambio di operatore (anche il Jailbreak? sempre di utilizzo libero del proprio device si tratta) andrebbe legalizzato, concede la Casa Bianca, ma “come” tale legalizzazione vada raggiunta è un problema complicato da risolvere: Edelman chiama in causa l’intervento della Library of Congress seguito alla petizione degli utenti, un intervento che descrive il DMCA e la scelta di “eccezioni” annuali alla regola dell’inviolabilità delle protezioni e restrizioni come un processo rigido e imperfetto nel caso dei dispositivi per le telecomunicazioni. Ma, da parte sua, la Biblioteca del Congresso ha già chiarito la propria posizione sulla faccenda: si tratta di una mera questione tecnica, e il suo compito è solo di applicare le regole. In altre parole: se il Governo cambia le regole, la Biblioteca farà la sua parte.

La Casa Bianca evoca dunque alcuni approccio attraverso i quali poter legalizzare lo sblocco, inclusi “aggiustamenti legislativi limitati” e un coinvolgimento diretto della Federal Communications Commission (FCC). Improbabile, viste le intenzioni testé dichiarate, che l’Amministrazione statunitense decida di porre un freno alle conseguenze sempre più stringenti del DMCA e a quello che la EFF definisce come un “ufficiale non eletto in carico della regolamentazione dei dispositivi personali”.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Vogliamo l'iphone 5!
    Se per avere piu' in fratta l'iphone 5 deve crepare qualche scimmia gialla, chi se ne frega! Se ne sono centinaia di milioni, uno in meno non se ne accorge nessuno, anzi i loro capi saranno contenti di sfoltirli un po'.
    • ruppolo scrive:
      Re: Vogliamo l'iphone 5!
      - Scritto da: ruppolo
      Se per avere piu' in fratta l'iphone 5 deve
      crepare qualche scimmia gialla, chi se ne frega!
      Se ne sono centinaia di milioni, uno in meno non
      se ne accorge nessuno, anzi i loro capi saranno
      contenti di sfoltirli un
      po'.Se vuoi spacciarti per il sottoscritto devi imparare a scrivere senza fare errori, usare gli accenti al posto degli apostrofi e soprattutto imparare come si scrive il nome del prodotto per il quale rosichi: "iPhone 5", con la P maiuscola. Altrimenti qualche asiatico ti potrebbe apostrofare come "scimmia bianca", e non avrebbe tutti i torti.Riguardo l'argomento, è palese che in Italia siamo messi molto meglio: da noi i turni disumani non si fanno. Noi abbiamo il "part time". Noi. Noi i "bambini minorenni diciassettenni, sedicenni, quindicenni" che non hanno voglia di studiare li lasciamo cazzeggiare, in compagnia al bar o da soli davanti l'istruttiva TV. Per lavorare c'è sempre tempo. Anzi, oggi c'è MOLTO tempo. Altro che la Cina!
Chiudi i commenti