Scambiare file sì, ma con lo spot

La canadese ChumCity Interactive è tra i primissimi produttori di materiali video ad adottare tecnologie che consentono di creare file da distribuire anche su Gnutella e compagnia bella. File con l'allegato pubblicitario
La canadese ChumCity Interactive è tra i primissimi produttori di materiali video ad adottare tecnologie che consentono di creare file da distribuire anche su Gnutella e compagnia bella. File con l'allegato pubblicitario


Toronto – C’è una via remunerativa al file-sharing per i produttori di contenuti digitali e la prima ad averla intrapresa è la casa di produzione canadese ChumCity Interactive.

ChumCity , infatti, ha accettato di integrare i propri video da far circolare liberamente via Internet con la tecnologia sviluppata da J!VE Media Technologies, azienda canadese del gruppo International Bioanalogic Systems, che associa contenuti digitali a spot pubblicitari.

L’idea è semplice. Il video ChumCity può essere “letto” con il player della J!VE, ma presto anche con i maggiori player multimediali in circolazione, e può passare di mano in mano senza problemi per il produttore. Assieme al video c’è la pubblicità, in un pacchetto indivisibile, che viene dunque proposta all’utente assieme al video ChumCity.

All’interno di ogni file così distribuito, dunque, ci saranno spot e link a pagine web sponsor. Lo spot ha il compito di ripagare il produttore che ha, di conseguenza, tutto l’interesse a far girare i suoi file il più possibile.

Sebbene sia ancora presto per capire se un meccanismo del genere possa funzionare su larga scala, di certo si tratta di una delle prime soluzioni che l’industria produttrice di contenuti digitali ha individuato per cavalcare il file-sharing anziché tentare di impedirlo.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 04 2001
Link copiato negli appunti