SchilliX, OpenSolaris canta live

La disponibilità del codice sorgente di OpenSolaris ha già permesso ad un gruppo di sviluppatori tedesco di forgiare una distribuzione non ufficiale in grado di avviarsi da un supporto ottico o da una memoria USB


Roma – Sono trascorsi solo pochi giorni dal rilascio del codice sorgente di OpenSolaris e già è disponibile la prima distribuzione non ufficiale. Si tratta di SchilliX , un live CD che permette di provare OpenSolaris senza la necessità di installarlo su hard disk.

“L’obiettivo di questa distribuzione è quello di aiutare le persone a scoprire OpenSolaris”, ha affermato Jörg Schilling, uno degli sviluppatori del progetto. “SchilliX è la prima distribuzione ad utilizzare il codice pubblicato sotto la licenza CDDL di Sun”.

SchilliX è stata studiata per avviarsi direttamente da un CD o da una chiavetta USB ma, all’occorrenza, può anche essere installata sul disco fisso e utilizzata dai programmatori per sviluppare e compilare codice per OpenSolaris. Il team di sviluppo sostiene che il boot da hard disk (fino al prompt del log-in) avviene in un tempo non superiore ai 30 secondi.

La neo distribuzione, che è un sistema operativo Unix a tutti gli effetti, include alcune delle avanzate tecnologie di self healing alla base di Solaris insieme a un certo numero di software, tra cui diversi tool di sviluppo, il programma di masterizzazione cdrecord, il download manager wget, e varie shell, tra cui la bash.

La versione 0.1 di SchilliX, disponibile in lingua inglese e tedesca, può essere scaricata sotto forma di codice sorgente e immagine ISO da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti