Scioperi a Freedomland

L'azienda dei Set Top Box cambia rotta e decide di licenziare, insorgono i lavoratori


Roma – All’ormai lunga lista di aziende della “new economy” costrette a ridimensionarsi in cerca di nuovi obiettivi si è aggiunta anche Freedomland che sta mettendo in pratica le decisioni prese lo scorso 21 gennaio che dovrebbero portare l?azienda ad occuparsi della produzione di video digitali, un mercato che dovrebbe fiorire nei prossimi anni.

Secondo il piano di ristrutturazione l’azienda si trova ora a dover licenziare 23 persone, poco più di un terzo della forza lavoro complessiva di Freedomland. I lavoratori hanno però annunciato una serie di scioperi non condividendo la linea scelta dalla società che, secondo i lavoratori, viene portata avanti in “totale assenza di un piano industriale credibile e di mancanza di strumenti alternativi”.

Freedomland offriva terminali di accesso ad Internet tramite il televisore, i noti Set Top Box, che pare non abbiano riscontrato grande interesse sul mercato.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    minchia che notizia...
    nessun altro commento...
    • Anonimo scrive:
      Re: minchia che notizia...
      Oltretutto si sono sprecati... UN (UNO - 1) Xbox, wow!La vera notizia è la tichieria di MS?
      • Anonimo scrive:
        Re: minchia che notizia...
        - Scritto da: fearandil
        Oltretutto si sono sprecati... UN (UNO - 1)
        Xbox, wow!

        La vera notizia è la tichieria di MS?Non offendere, che altrimenti la ritirano dal mercato.
Chiudi i commenti