Sciopero contro gli SMS troppo cari

Lo propone il coordinamento di Intesa Consumatori che ipotizza un cartello tra i gestori di telefonia mobile per alzare le tariffe a scapito degli utenti. Esposto all'Autorità garante del mercato
Lo propone il coordinamento di Intesa Consumatori che ipotizza un cartello tra i gestori di telefonia mobile per alzare le tariffe a scapito degli utenti. Esposto all'Autorità garante del mercato


Roma – I nuovi piani tariffari dei gestori di telefonia mobile elevano in modo spropositato e ingiusto il prezzo degli SMS, i messaggini di testo che fanno ormai parte della vita quotidiana di milioni di italiani. La denuncia arriva dal coordinamento di Intesa Consumatori , secondo cui il ritocco verso l’alto delle tariffe viene effettuato in un modo che a molti utenti impedirebbe di capire quanto accade.

“E’ noto – scrivono le associazioni del consumo – come gli sms, i messaggini di testo dei telefoni cellulari, siano oramai entrati con prepotenza nella vita quotidiana di tutti, non solo dei giovanissimi. Non è altrettanto noto, però, il percorso che ha seguito il prezzo di tale servizio offerto da tutti i gestori della telefonia mobile”.

Le associazioni hanno rilevato come fino a poco tempo fa il prezzo medio degli sms era di 12 centesimi + Iva . Una tariffa che ora, con i nuovi profili varati dai gestori, è salita a 15 centesimi + IVA . Si tratta di un aumento del 25 per cento che i consumatori definiscono “una enormità”, visto anche che il costo di gestione per la spedizione e la trasmissione di un SMS per l’operatore mobile secondo Intesa non supera 0,1 centesimi di euro.

“Se poi si considera l?alto numero di messaggini inviati ogni giorno in Italia – si legge nella nota diffusa da Intesa Consumatori – si capisce che per i gestori della telefonia mobile tale servizio rappresenta un vero e proprio investimento”. Secondo Intesa l’aumento dei prezzi è una operazione “eseguita magistralmente, al punto che in pochi si sono accorti dell?aumento delle tariffe nel settore”.

“Oggi – continua la nota – l?Intesa dei consumatori svela le carte e si pone un interrogativo non di poco conto: come mai tutti i gestori si sono allineati praticando le stesse tariffe? E dove è finita la concorrenza? E se qualcuno pensasse che ci sia stato un cartello?”
Queste le domande che hanno spinto ADOC, ADUSBEF, CODACONS e FEDERCONSUMATORI a presentare un esposto all’ Autorità garante del mercato per verificare se non vi sia un accordo illegale tra gli operatori mirato a danneggiare la libera concorrenza e, dunque, i consumatori.

“Intesa – continua la nota – si riserva addirittura di indire un giorno di sciopero degli sms nel quale tutti gli utenti verranno invitati ad astenersi dal mandare messaggini per un?intera giornata”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 11 2003
Link copiato negli appunti