Sciopero contro gli SMS troppo cari

Lo propone il coordinamento di Intesa Consumatori che ipotizza un cartello tra i gestori di telefonia mobile per alzare le tariffe a scapito degli utenti. Esposto all'Autorità garante del mercato


Roma – I nuovi piani tariffari dei gestori di telefonia mobile elevano in modo spropositato e ingiusto il prezzo degli SMS, i messaggini di testo che fanno ormai parte della vita quotidiana di milioni di italiani. La denuncia arriva dal coordinamento di Intesa Consumatori , secondo cui il ritocco verso l’alto delle tariffe viene effettuato in un modo che a molti utenti impedirebbe di capire quanto accade.

“E’ noto – scrivono le associazioni del consumo – come gli sms, i messaggini di testo dei telefoni cellulari, siano oramai entrati con prepotenza nella vita quotidiana di tutti, non solo dei giovanissimi. Non è altrettanto noto, però, il percorso che ha seguito il prezzo di tale servizio offerto da tutti i gestori della telefonia mobile”.

Le associazioni hanno rilevato come fino a poco tempo fa il prezzo medio degli sms era di 12 centesimi + Iva . Una tariffa che ora, con i nuovi profili varati dai gestori, è salita a 15 centesimi + IVA . Si tratta di un aumento del 25 per cento che i consumatori definiscono “una enormità”, visto anche che il costo di gestione per la spedizione e la trasmissione di un SMS per l’operatore mobile secondo Intesa non supera 0,1 centesimi di euro.

“Se poi si considera l?alto numero di messaggini inviati ogni giorno in Italia – si legge nella nota diffusa da Intesa Consumatori – si capisce che per i gestori della telefonia mobile tale servizio rappresenta un vero e proprio investimento”. Secondo Intesa l’aumento dei prezzi è una operazione “eseguita magistralmente, al punto che in pochi si sono accorti dell?aumento delle tariffe nel settore”.

“Oggi – continua la nota – l?Intesa dei consumatori svela le carte e si pone un interrogativo non di poco conto: come mai tutti i gestori si sono allineati praticando le stesse tariffe? E dove è finita la concorrenza? E se qualcuno pensasse che ci sia stato un cartello?”
Queste le domande che hanno spinto ADOC, ADUSBEF, CODACONS e FEDERCONSUMATORI a presentare un esposto all’ Autorità garante del mercato per verificare se non vi sia un accordo illegale tra gli operatori mirato a danneggiare la libera concorrenza e, dunque, i consumatori.

“Intesa – continua la nota – si riserva addirittura di indire un giorno di sciopero degli sms nel quale tutti gli utenti verranno invitati ad astenersi dal mandare messaggini per un?intera giornata”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    PS mi volete spiegare come cacchio ha fatto a postare con piu` di 7000 caratteri se il limite e` quello?e` solo un javascript che controlla il limite, e il server poi se ne frega, o cosa?
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    (continua... la prossima volta magari sii piu` conciso eh?)
    Questa maggiore potenza, che è
    un misto di possibilità realizzative e
    semplicità d'uso, se da un lato ha
    diffuso l'utilizzo del computer ad un vasto
    pubblico, dall'altro ha dovuto
    nascondere tutto quanto dietro le quinte,
    dentro la carrozzeria, facendo
    perdere di vista il punto di partenza, cioè
    il passaggio logico per capire
    la logica.Oh, questo e` ottimo!Davvero un'ottima analisi.Con la sola precisazione:non ha DOVUTO, ha spesso VOLUTO.Non e` solo questione di semplicita`, riferendosi alla fattispecie-Windows, e` questione di malizia nel nascondere anche a chi *volesse* capirci qualcosa.
    E' in questo spazio che gli
    stregoni illudono i profanimh? spesso li istigano a andare a tentoni perche` loro stessi non possono fare a meno di andare a tentoni. Guarda, nemmeno i sistemisti della MS sanno cosa fa windows in ogni momento, perche` la complessita` (inutile, per inciso) del sistema ha superato l'umana capacita` di tenere traccia dei dettagli. Ogni membro del personale di sviluppo tiene traccia del proprio ambito, e non sa alla fine cosa succedera` nel prodotto finito, in presenza di condizioni qualsiasi. E` li` che il bug salta fuori. E non c'e` nulla di magico, e` tutto molto stupido e basta. Li facessero piu` semplici e solidi, sarebbe tutto molto piu` a posto.
    Dice di amare l'
    informatica, ma evita il confronto con gli
    Informatici, incontro-scontro che
    genererebbe a lui delusione, in quanto
    innanzitutto non possiede lo stesso
    corpo di teoria. A questo risponde come la
    volpe all'uva, dicendosi non
    interessato, svalutando l'altra cultura. Forse c'e` del vero qui, ma credimi, e` difficile definire:"informatico""scienza informatica""informatica teorica"con certezza.Me le sono sorbite, e sebbene ammetta l'utilita` della base teorica, alla fine l'abilita` pratica, o meglio l'abitudine del cervello a fare quel lavoro che ti ho riassunto, "spezzare un problema", e` spesso preponderante.
    L'hacker somiglia ad un angelo caduto.Devo tagliare.Nah, e` solo un moralista dei nostri tempi.
    L'hacker si considera un guerrieroNah, spesso il termine "warrior" fa solo molto "ganzo".Ma si`, forse qualche hacker si considera davvero tale...Il resto diventa piuttosto filosofico... non saprei sinceramente cosa rispondere sulla questione della carne a brandelli e degli ideali integri.
    aggressività. Se si fermasse a riflettere
    seriamente potrebbe capire che la
    Verità ha molti modi per essere diffusa,Eh no, quelli che devono fermarsi a riflettere sono quegli stessi "dummies" che per propria scelta si considerano "dummies" e idolatrano l'hacker.La verita` e` li' pronta per essere recepita.
    Concentra i suoi sforzi nello
    scovare i problemi, ma poco fa a
    livello di problem-setting e problem-solving
    (presente invece nelle capacità
    progettuali della moderna ingegneria del
    software) e non produce vera
    discontinuità nella Conoscenza. D'altra
    parte, Popper docet, falsificare un
    sistema di idee è molto più facile che
    produrne uno universalmente valido. Gli hacker fanno quello che fanno perche` gli piace farlo,molto probabilmente infischiandosene del Popper, chiunque egli sia. Molti di loro le idee le hanno davvero, pero`, non certo falsificate.
    In definitiva non è un guerriero, ma un
    soldato in un mondo contro il quale
    inveisce e che, paradossalmente, ritiene
    esso stesso fatto di soldati. E` un tizio che "sminuzza" le cose per vedere come sono fatte dentro. Il tuo discorso e` andato parecchio fuori strada in quanto, come i SO moderni, pecca di semplicita`. Quello che primariamente guida l'hacker e` la normalissima, ammirevole curiosita`. Poi dei risultati fa quel che puo'... spesso li condivide perche` considera eticamente giusto farlo.
    I mass-media evidenziano il fascino
    dell'hacker, in qualche modo comunque
    esistente, ma presentano la figura con un
    eccesso di buonismo, dovuto ad una
    scarsa critica del fenomeno. E la massa non
    può fare a meno che salvare il
    criminale dalla condanna senza condizioni,
    scambiano il mago per il genio. Stessa cosa che hai fatto tu. Scambi il mago per un soldato, o chissa` che altro. E non e` poi neanche un mago. E` una persona curiosa, tutto li`.Bella dissertazione, ma troppo complicata per reggersi sulle proprie gambe.
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix (I)
    - Scritto da: Anonimo
    C'era un tempo, un tempo vissuto forse da
    molti, in cui possedere un
    computer era motivo di vanto e celebrazione.
    Al tempo dell'informatica
    oscura, sapere dominare la macchina, seppur
    alla fine assai semplicemente,
    elevava al di sopra dei "comuni" e
    instaurava tra il sapiente e il computer,
    e tra il sapiente e la massa, una
    fenomenologia non diversa da quella della
    magia.mah...questo e` stato piu` che altro costruito sulla figura dei primi programmatori da persone che li osservavano da uhmm... "profani", fra molte virgolette. Sono uno dei pochi qui che te lo puo` confermare. I programmatori raramente hanno cercato la gloria in quanto programmatori, solo che la gente li vedeva armeggiare con quegli affari, e automaticamente li considerava dei genialoidi. Cosa che fra l'altro non e` affatto vera. Ci sono geni in informatica come ce ne sono in tutti gli altri campi, ma non tutti quei tizi erano automaticamente dei geni. Il mito si e` costruito da se`, e poi la gente stessa che lo aveva prodotto ha iniziato a lamentarsene.
    La macchina si presenta agli occhi
    del profano come una scatole
    imperscrutabile, condizionabile ma non
    intellegibile, la si può cioè
    intuire, ma non spiegare razionalmente.Eh... quanti aggettivi assurdi.La macchina e` una cosellina chiamata microprocessore che esegue istruzioni serialmente, una per una. Come un quadro e` una serie di pennellate, ma non necessariamente "imperscrutabile" o cos'altro. Che poi si presenti cosi`, sono affari del profano, qualsiasi oggetto puo` essere quello che tu vedi in esso. Ma e` un tuo giudizio, non una realta` di fatto.
    Il
    mago del computer entra con essa Guarda, scrivere un programma e` molto semplice: *spezza il problema, un'azione complessa, in molte azioni piu` semplici*.E` tutto qui. Tutto.Sembra poi cosi` imprescindibile, illeggibile o cosa?
    spesso antropomorfizzando la macchina stessa
    (come spiegano i teologi, lo
    stesso accade per Dio nella Bibbia). Sta
    lavorando, l'ho caricato troppo di
    lavoro, oggi non va, è stupido.Be', questo succede soprattutto oggi, per via del fatto che i sistemi odierni sono inutilmente complicati e cio` li rende fragili, con molti errorini che alla fine diventano effettivamente incontrollabili. Ma e` come chiedersi perche` il dado ha fatto 6: ha rotolato, rotolato e rotolato e e` finito col 6 sulla faccia superiore. E` difficile analizzare tutte le forze che hanno agito da un punto di vista rigorosamente fisico, cosi` si fa ricorso a: "che culo! ho fatto 6!"... :p
    L'informatichese è un ottimo
    esempio di linguaggio di questo
    tipo, che è collezione non solo di precisi
    codici, cosa che lo renderebbe
    comune a molti altri linguaggi tecnici, ma
    possiede anche la pregevole
    caratteristica di risultare brillante, a
    volte persino divertente.Senti, dire processo ricorsivo invece di "processo che e` costituito da un pezzo di programma che chiama se stesso piu` volte", come dire RAM al posto di "memoria ad accesso casuale ovvero memoria i cui valori si possono leggere e scrivere nello stesso periodo di tempo indipendentemente da dove siano fisicamente piazzati sul supporto"...e` semplicemente piu` corto, non trovi?Poi ci sono i glossari.
    Un po'
    meno a quelli che, nel proseguo, chiameremo
    dummies. Dummy è una parola ...[cut]...
    libro. Chi non sa comunicare è morto. Allora condoglianze, alla faccia della comunicazione.Non ci ho capito una mazza.
    L'informatichese, dicevamo, è un linguaggio
    tecnico. Quello posseduto dai
    "comuni", dobbiamo però precisare, è un
    sub-linguaggio dell'Informatica. (ride)Non esistono "comuni".Guarda, lo diceva anche Einstein che tutti i cervelli hanno lo stesso potenziale intellettivo, mica il primo che passa, tanto per voler proprio elogiare il genio di qualcuno...C'e` piu` semplicemente chi non ha tempo e/o voglia di analizzare che cacchio succede nel computerino, ma del resto io non ho tempo di interessarmi di greco antico...
    La scienza informatica, come
    tutti i grandi ambiti del
    sapere, ha un corpo di teoria notevole, ben
    distinto dal "resto", e dotato
    di un linguaggio assai più ampio.Questa ad oggi sembra una certezza.Ma e` un'affermazione insidiosa.
    In secondo
    luogo l'insieme dei fenomeni,
    delle prassi, degli oggetti e di quant'altro
    a cui l'informatichese fa
    riferimento è sì conosciuto dall'utente
    medio, ma ad un livello di
    conoscenza che più propriamente dovremmo
    chiamare intuizione.Io ho imparato a programmicchiare, 21 anni fa, smontando programmi in basic sul C64 per vedere cosa faceva ogni istruzione presa ed eseguita da sola. Se questa non e` intuizione... non e` forse alla portata di tutti? Mah...Di li` poi da cosa e` nata cosa...
  • Anonimo scrive:
    poh!
    "Un'altra dimostrazione ha riguardato quella che Microsoft chiama Stuff Ìve Seen, una funzione di ricerca sviluppata dal laboratorio di ricerche del colosso che sfrutterà il nuovo file-system WinFS di Windows Longhorn per tenere traccia di tutte le informazioni viste dall'utente e semplificarne la ricerca: il sistema è anche in grado di suggerire - tramite finestre pop-up - indirizzi e-mail, URL e altri dati che l'utente ha già inserito in contesti simili."evviva la liberta` eh?poi chi sarebbe la matrix?suvvia, detta da una multinazionale con tentacoli ovunque e` davvero grossina come panzana, non regge neanche se la racconto al gatto...
  • Anonimo scrive:
    Bill che errore la filosofia è un altra
    Caro bill stai sbagliando ancora, come hai tempi di internet, ricordi, internet non avra futuro, e solo per poco sei riuscito ha far marcia indietro e salire sul treno che ti ha reso ricco e famoso.Ti prego tu che sei il mio mito non rifare l'errore, il sw non vale niente, non ha futuro, c'è sempre da qualche parte uno dei soliti open andatia male, che produrra in salsa open qualsiasi sw closed che uno produce.E triste lo so ma il sw non vale niente, segui l'IBM, lei si che ha capito dove tira il mercato, io ti produco e ti faccio pagar caro l'HW, e per il sw ci sara sicuramente un open debosciato che te lo produrra.
  • Santos-Dumont scrive:
    Windows Reloaded
    Il prossimo capitolo di Matrix secondo Gates & Ballmer?!Nulla di nuovo sotto il sole...:D
    • Anonimo scrive:
      Re: Windows Reloaded
      Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,Spegni-Raiccendi,
    • Skaven scrive:
      Re: Windows Reloaded
      veramente il titolo corretto è Windows Reboot! :)(linux)
  • Santos-Dumont scrive:
    Neo?!...
    Al massimo un porro, o un tumore della pelle.Non scheriamo...Su Morpheus invece ci siamo... Ma inteso come sonno, eh?!
  • Flavioweb scrive:
    Linux, mercato e idee confuse.
    Copio dall' articolo:"La nuova parola d'ordine del boss di Microsoft è seamless computing, una visione che pone il software al centro di una grande piattaforma integrata in grado di astrarsi sulla complessità e sulla varietà dell'hardware e, soprattutto, capace di offrire un punto di contatto "senza cuciture" fra le varie applicazioni e fra i vari dispositivi. "Adesso traduco:"La parola d'ordine che da sempre, praticamente dopo pochissimi mesi dalla sua nascita, accompagna Linux è che sia il kernel che il software che gira "su" di esso può essere utilizzato su più piattaforme snza limiti di hardware o di altro tipo. Qui possono funzionare applicazioni Unix, Linux native, Windows e probabilmente qualsiasi altra cosa si possa implementare.Ha sempre offerto un' "intrefaccia" di comunicazione verso e da le periferiche standard considerando il fatto che chi conosce minimamente i sistemi Unix-Like sa che li tutto è "un file""Qui Billy e company stanno facendo quello che hanno sempre fatto e che, a quanto pare, gli riesce benissimo: vendere una cosa che non hanno, che peraltro non hanno ideato loro e farla passare come una loro innovazione che salverà il mondo.Per quel che riguarda il mercato io voglio DATI ALLA MANO che chiunque legga questo messaggio e può dimostrare di sostentarsi per la maggior parte dei suoi bisogni con la vendita di Windows (anche tutte le versioni messe assieme dalla 1.0 all' XP) lo faccia.Chi guadagna con Microsoft lo fa per l'assisteza che offre ai suoi clienti, non certo perchè vende i suoi sistemi operativi. Il 99% (novantanove per cento) degli utilizzaori di Windows l'ha trovato installato sul proprio PC, e chi l'ha venduto ha guadagnato sul prezzo totale dell' Hardware, non certo perchè c'ha messo su Windows.Il software GPL garantisce comunque un mercato di Sistemi Operativi perchè non è cosa da tutti realizzare una distribuzione Linux completa e funzionante. D'accordo che attualmente tutti i CD delle principali distribuzioni sono scaricabili da Internet, ma se un utente vuole usare seriamente il PC pagando un quarto del prezzo di Windows TUTTE le applicazioni necessarie per un utilizzo PRODUTTIVO del proprio computer, allora 80 euro per un "PowerPack" li spende più che volentieri.Senza contare il momento in cui anche i produttori di PC decideranno di fornire in bundle con i loro "assemblati" anche una copia di Linux preinstallato.Non è fanatismo, è realta. Per far funzionare le macchine serve il software e qui c'è un prodotto libero, economico, verificabile ed affidabile.Se questo è Matrix, ben venga.(linux)
  • Anonimo scrive:
    perche' e' il migliore
    linux e' fra i sistemi + bucati perche' ritenuto migliore da tutti gli esperi di informatica, se uno ruba un qualcosa in un negozio, cerca di rubarlo buono, non scrauso!
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' e' il migliore
      - Scritto da: Anonimo
      linux e' fra i sistemi + bucati perche'
      ritenuto migliore da tutti gli esperi di
      informatica, se uno ruba un qualcosa in un
      negozio, cerca di rubarlo buono, non
      scrauso!no, è il più bucato per il semplice fatto che consente il refacement di un sito in pochi minuti... il che a poco a che vedere con la presunta qualità del pinguinosi potrebbe dire che gli hackers bucano linux così come i ladri entrano in un negozio senza trovare alcuna valida misura di sicurezza
      • paulatz scrive:
        Re: perche' e' il migliore
        A proposito, lo sai che febbraio ha solo 28 giorni, 29 negli anni bisestili?Questo prova in maniera inequivocabile che windows è peggio.
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' e' il migliore
      Questa poi è la sintesi del solito troll. Ma insomma un pò più di praticità e di dati si possono avere? Fammi un pò il piacere, qui non si dovrebbero fare questioni di tifo- Scritto da: Anonimo
      linux e' fra i sistemi + bucati perche'
      ritenuto migliore da tutti gli esperi di
      informatica, se uno ruba un qualcosa in un
      negozio, cerca di rubarlo buono, non
      scrauso!
    • Anonimo scrive:
      RONF RONF
      - Scritto da: Anonimo
      linux e' fra i sistemi + bucati perche'
      ritenuto migliore da tutti gli esperi di
      informatica, se uno ruba un qualcosa in un
      negozio, cerca di rubarlo buono, non
      scrauso!Ecco 'naltro che poi si sveglia tutto sudato ...
    • Anonimo scrive:
      Re: perche' e' il migliore
      - Scritto da: Anonimo
      linux e' fra i sistemi + bucati perche'
      ritenuto migliore da tutti gli esperi di
      informatica, se uno ruba un qualcosa in un
      negozio, cerca di rubarlo buono, non
      scrauso!Perche` la RPC e gli ActiveX ce li hanno messi dei geek di Linux eh?Migliore a fare prima cose che *chiaramente* genereranno falle, e -poi- a tapparle.Ecco dov'e` il migliore.
  • godzilla scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    vedo che molti ti hanno già risposto in maniera esaustiva, cmq voglio dire la mia:hai mai pensato che forse finora hai solo conosciuto dei sedicenti hacker che in realtà erano solo degli imbecilli? o, peggio ancora, hai montato tutto il tuo lunghissimo (non m'importa, ho l'ADSL, ma potevi scriverlo nel titolo) post sul sentito dire?e poi scusami, ma devo dire che tutto mi è sembrato veramente privo di contenuti veri e riscontrabili altrove, nonché sterile e inconcludente.ciaogodzilla
  • Anonimo scrive:
    [OT] TCPA
    ... per linuxhttp://freshmeat.net/projects/enforcer/?topic_id=43%2C143%2C862%2C139
  • francescone scrive:
    Puntuale crociata di dot.net
    Mi sono distratto e mi sono perso l'inizio della puntuale crociata di dotnet contro tutto ciò che si propone come alternativa ad un modello di produzione e distribuzione software che evidentemente predilige, cosa naturalmente legittima. Ma come al solito nessun dubbio, tanta fiducia nelle (sue) verità assolute, e (mi si perdoni) un po' del sano vecchio trolling.==================================Modificato dall'autore il 18/11/2003 16.05.36
  • Anonimo scrive:
    semplicemente RIDICOLO
    no comment
  • Sandro kensan scrive:
    Ma quanti pc ci sono al mondo?
    Mi piacerebbe sapere quanti pc ci sono in area eurolandia e quanti sono in USA, io ho sentito che parlavano alcuni di 100.ooo in italia, stimo quindi in EU un milione.Forse in USa sono un po' di più, diciamo due milioni? venti milioni? In USA sono circa 200 milioni di persone, quindi un pc ogni dieci potrebbe essere verosimile.Con un milione di pc all'anno (partenza per la fine di quest'anno) con linux fornito alla sola Cina (senza contare quello che farà Giappone e Korea) direi che il pareggio è rimandato a pochissimi anni.Concordate?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
      ********************** no ************************
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
      ma rotfl...http://www.pcworld.com/news/article/0,aid,95443,00.asp34 milioni nel primo quadrimestre 2002,32 milioni nel primo quadrimestre 2001ecc eccmi sa che prima di scaldarti tanto ticonviene iniziare a ragionare nell'ordinedelle centinaia di milioni di PC al mondo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?

      Forse in USa sono un po' di più, diciamo due
      milioni? venti milioni? In USA sono circa
      200 milioni di persone, quindi un pc ogni
      dieci potrebbe essere verosimile.mi sa che 6 o 7 ogni 10 è più verosimile
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
      - Scritto da: Sandro kensan
      quattro anni di durata del pc fanno 400
      milioni di pc al mondo.Ma siamo sicuri?Intel: un miliardo di PC nel mondo Sono oltre il miliardo i Personal Computer basati su piattaforma Intel venduti in tutto il mondo. Il colosso statunitense dei semiconduttori e dell?informatica ha infatti comunicato di aver venduto in aprile il suo miliardesimo PC, dopo 25 anni di attività. Il conto è iniziato dall'Atari dotato di CPU Intel 8080 messo in commercio nel 1974. Secondo quanto ha affermato Intel, per ?ripetere? questo risultato, ovvero per raddoppiare il numero dei PC nel mondo ci vorranno solo altri 6 anni
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
        I dati sono quelli, tieni conto poi deipc che vengono buttati, dismessi,si rompono e non vale la pena riparareecc ecc
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
        - Scritto da: Sandro kensan

        - Scritto da: Sandro kensan


        quattro anni di durata del pc fanno 400

        milioni di pc al mondo.

        Ma siamo sicuri?

        Intel: un miliardo di PC nel mondo


        Sono oltre il miliardo i Personal Computer
        basati su piattaforma Intel venduti in tutto
        il mondo. Il colosso statunitense dei
        semiconduttori e dell?informatica ha infatti
        comunicato di aver venduto in aprile il suo
        miliardesimo PC, dopo 25 anni di attività.
        Il conto è iniziato dall'Atari dotato di CPU
        Intel 8080 messo in commercio nel 1974. Intel NON vende né ha mai venduto PC ma processori.L'Atari del 1974 non era un PC, il primo PC (Personal Computer) è stato l'Apple I del 1976. Il primo PC IBM è arrivato 4 anni dopo nel 1980.Ora riparti dai conti, ma lascia stare la storia....

        Secondo quanto ha affermato Intel, per
        ?ripetere? questo risultato, ovvero per
        raddoppiare il numero dei PC nel mondo ci
        vorranno solo altri 6 anniSe non falliscono prima, visto l'andazzo che hanno preso con le vaccate come Extreme e Itaniun.....
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
          - Scritto da: Anonimo
          Intel NON vende né ha mai venduto PC ma
          processori.Questo lo so pure io ma i suoi uP sono montati su schede madri e quindi può avere idea dei pc nel mondo. Comunque mi pare che tu non abbia chiaro l'essenza: la notizia è stata trovata con google e incollata.
          L'Atari del 1974 non era un PC, il primo PC
          (Personal Computer) è stato l'Apple I del
          1976. Il primo PC IBM è arrivato 4 anni dopo
          nel 1980.Bene ma la notizia è sbagliata non c'entra l'Atari la notizia originale parla di un altro computer.
          Ora riparti dai conti, ma lascia stare la
          storia....Mi pari un tantinello offensivo. Se ti fossi preoccupato di vedere i tempi dei post ti saresti reso conto che ho fatto una ricerca e che ho incollato il risultato, quindi lascia stare tu la storia che di tempi non te ne intendi...
          Se non falliscono prima, visto l'andazzo che
          hanno preso con le vaccate come Extreme e
          Itaniun.....La notizia che ho trovato è sballata, non si parla di pc intel ma di pc qualsiasi (amd via, transmeta ecc, ecc)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quanti pc ci sono al mondo?
            - Scritto da: Sandro kensan

            - Scritto da: Anonimo


            Intel NON vende né ha mai venduto PC ma

            processori.

            Questo lo so pure io ma i suoi uP sono
            montati su schede madri e quindi può avere
            idea dei pc nel mondo. Comunque mi pare che
            tu non abbia chiaro l'essenza: la notizia è
            stata trovata con google e incollata.


            L'Atari del 1974 non era un PC, il primo
            PC

            (Personal Computer) è stato l'Apple I del

            1976. Il primo PC IBM è arrivato 4 anni
            dopo

            nel 1980.

            Bene ma la notizia è sbagliata non c'entra
            l'Atari la notizia originale parla di un
            altro computer.


            Ora riparti dai conti, ma lascia stare la

            storia....

            Mi pari un tantinello offensivo. Se ti fossi
            preoccupato di vedere i tempi dei post ti
            saresti reso conto che ho fatto una ricerca
            e che ho incollato il risultato, quindi
            lascia stare tu la storia che di tempi non
            te ne intendi...Vedi come è facile capire fischi per fiaschi? Non sono stato offensivo, o almeno non era mia intenzione. Rileggi la mia "esortazione" con tono calmo e rilassato: l'ho scritta con questo spirito.


            Se non falliscono prima, visto l'andazzo
            che

            hanno preso con le vaccate come Extreme e

            Itaniun.....

            La notizia che ho trovato è sballata, non si
            parla di pc intel ma di pc qualsiasi (amd
            via, transmeta ecc, ecc)Evvualà ;) lo sapevo di aver ragione.... ;)
  • Anonimo scrive:
    winsozz = matrix
    winsozz + office = matrix dentro matrixwinsozz + office + patente europea del pc = matrix dentro matrix dentro matrix
    • Anonimo scrive:
      Re: tuo_cervello = troll
      - Scritto da: Anonimo
      winsozz + office = matrix dentro matrix
      winsozz + office + patente europea del pc =
      matrix dentro
      matrix dentro matrix(troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: tuo_cervello = troll
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        winsozz + office = matrix dentro matrix

        winsozz + office + patente europea del pc
        =

        matrix dentro

        matrix dentro matrix

        (troll)
        che risposta audace ! argomenti più complessi sei capace di farne ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Windows = MATRIX
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          winsozz + office = matrix dentro matrix


          winsozz + office + patente europea del
          pc

          =


          matrix dentro


          matrix dentro matrix



          (troll)



          che risposta audace ! argomenti più
          complessi sei capace di farne ?certo che no!è stato istruito dalle Macchine Succhiasoldi (=M$)e sennò che "raccolto" farebbero a Redmond ??Windows è proprio lo strumento paragonabile a Matrix.
        • Anonimo scrive:
          Re: tuo_cervello = troll
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          winsozz + office = matrix dentro matrix


          winsozz + office + patente europea del
          pc

          =


          matrix dentro


          matrix dentro matrix



          (troll)



          che risposta audace ! argomenti più
          complessi sei capace di farne ?ok... mi farò dare una mano dall'autore del thread
        • lattenero scrive:
          Re: tuo_cervello = troll

          che risposta audace ! argomenti più
          complessi sei capace di farne ?a) L'aggettivo "audace" non è adatto al contesto.b) "argomenti più complessi sei capace di farne" è una bestemmia lessico-gramamticale. A occhio croce se "avesse fatto" argomenti più compessi non li avresti "colti"...Con simpaia :)
  • dotnet scrive:
    Il soft GPL è libero dalla concorrenza
    è un concetto molto sottile e che richiede grande lungimiranza... infatti linux, e in particolare tutto il software GPL, annullerebbe la proprietà, la concorrenza, lo sviluppo, l'evoluzione.Gates e Ballmer non hanno torto, il software cosiddetto "libero" non può di fatto avere un'alternativa, pertanto è come una matrice.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorrenza
      - Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.

      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto "libero" non può di fatto avere
      un'alternativa, pertanto è come una matrice.già , infatti un monopolista pluripregiudicato (agli atti !) per aver inglobato o fatto deliberatamente fallire la concorrenza garantisce MOLTE alternative vero ?... ma va la va ...
      • dotnet scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorrenza
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: dotnet

        è un concetto molto sottile e che richiede

        grande lungimiranza... infatti linux, e in

        particolare tutto il software GPL,

        annullerebbe la proprietà, la concorrenza,

        lo sviluppo, l'evoluzione.



        Gates e Ballmer non hanno torto, il
        software

        cosiddetto "libero" non può di fatto avere

        un'alternativa, pertanto è come una
        matrice.

        già , infatti un monopolista
        pluripregiudicato (agli atti !) per aver
        inglobato o fatto deliberatamente fallire la
        concorrenza garantisce MOLTE alternative
        vero ?... ma va la va ...in ogni caso, se gates agisce illegalmente, non vedo perchè si debba distruggere il mercato con il software sotto GPL...è un po' come se per fermare un individuo imprendibile si spargesse gas nervino a tutti gli esseri viventi del pianeta che si incontrano
        • Anonimo scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorrenza
          - Scritto da: dotnet

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: dotnet


          è un concetto molto sottile e che
          richiede


          grande lungimiranza... infatti linux,
          e in


          particolare tutto il software GPL,


          annullerebbe la proprietà, la
          concorrenza,


          lo sviluppo, l'evoluzione.





          Gates e Ballmer non hanno torto, il

          software


          cosiddetto "libero" non può di fatto
          avere


          un'alternativa, pertanto è come una

          matrice.



          già , infatti un monopolista

          pluripregiudicato (agli atti !) per aver

          inglobato o fatto deliberatamente fallire
          la

          concorrenza garantisce MOLTE alternative

          vero ?... ma va la va ...

          in ogni caso, se gates agisce illegalmente,togli pure il 'se' M$ e stata condannata, che poi per intrallazzi vari non abbia avuto conseguenze è un discorso (di soldi) diverso
          non vedo perchè si debba distruggere il
          mercato con il software sotto GPL...mah ,veramente la GPL non distrugge il metcato, semmai favorisce un mercato di conoscenze (consulenze,programmazione) e non di iconcine colorate (come avviene oggi).
          è un po' come se per fermare un individuo
          imprendibile si spargesse gas nervino a
          tutti gli esseri viventi del pianeta che si
          incontranosi, un pò come M$ con palladium, per fermare 'l'inarrestabile' Linux ti BLINDANO tutto l'hardware dei PC del mondo...
        • debianaro scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
          - Scritto da: dotnet
          in ogni caso, se gates agisce illegalmente,
          non vedo perchè si debba distruggere il
          mercato con il software sotto GPL...il mercato distrutto ? se i software GPL vengono usati alla streguadi prodotti commerciali, è perchè questi softwaresono di buona fattura IMHOdistruggere un monopolista come microsoft ci puo anche stare....
          è un po' come se per fermare un individuo
          imprendibile si spargesse gas nervino a
          tutti gli esseri viventi del pianeta che si
          incontranolo sai che se ti prendono a fumare i cannoni ti possonoarrestare per abuso di sostanze stupefacenti ?
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: debianaro
            - Scritto da: dotnet

            in ogni caso, se gates agisce
            illegalmente,

            non vedo perchè si debba distruggere il

            mercato con il software sotto GPL...

            il mercato distrutto ?
            se i software GPL vengono usati alla stregua
            di prodotti commerciali, è perchè questi
            software
            sono di buona fattura IMHOguarda che qui non si sta parlando di qualità del software...se un giorno studierai una sola lezione di economia ti diranno subito che il tuo benessere lo devi ai bisogni che fino a ieri non avevi e che devono essere soddisfatti dietro il corrispettivo di un prezzo... in sostanza è così.Ergo, il software GPL buono o brutto che sia, porterebbe solo degresso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: debianaro

            - Scritto da: dotnet


            in ogni caso, se gates agisce

            illegalmente,


            non vedo perchè si debba distruggere il


            mercato con il software sotto GPL...



            il mercato distrutto ?

            se i software GPL vengono usati alla
            stregua

            di prodotti commerciali, è perchè questi

            software

            sono di buona fattura IMHO

            guarda che qui non si sta parlando di
            qualità del software...

            se un giorno studierai una sola lezione di
            economia ti diranno subito che il tuo
            benessere lo devi ai bisogni che fino a ieri
            non avevi e che devono essere soddisfatti
            dietro il corrispettivo di un prezzo... in
            sostanza è così.

            Ergo, il software GPL buono o brutto che
            sia, porterebbe solo degresso.si, infatti si vede che 'degressso' c'è alla akamaihttp://uptime.netcraft.com/up/graph/?host=www.microsoft.com
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: debianaro

            - Scritto da: dotnet


            in ogni caso, se gates agisce

            illegalmente,


            non vedo perchè si debba distruggere il


            mercato con il software sotto GPL...



            il mercato distrutto ?

            se i software GPL vengono usati alla
            stregua

            di prodotti commerciali, è perchè questi

            software

            sono di buona fattura IMHO

            guarda che qui non si sta parlando di
            qualità del software...ecco, appunto
            se un giorno studierai una sola lezione di
            economia ti diranno subito che il tuo
            benessere lo devi ai bisogni che fino a ieri
            non avevi e che devono essere soddisfatti
            dietro il corrispettivo di un prezzo... in
            sostanza è così.il mio benessere è dovuto al mio lavoro e al fatto che lo svolgo bene. I miei bisogni lui curo da me, grazie
            Ergo, il software GPL buono o brutto che
            sia, porterebbe solo degresso.questa conclusione portala in offerta al tuo idolo, dotBill. Otterrai sicuramente l'obolo che ti spetta
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo


            il mio benessere è dovuto al mio lavoro e al
            fatto che lo svolgo bene. I miei bisogni lui
            curo da me, grazie
            ... lo so, è dura da accettare
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo





            il mio benessere è dovuto al mio lavoro e
            al

            fatto che lo svolgo bene. I miei bisogni
            lui

            curo da me, grazie



            ... lo so, è dura da accettareè più duro accettare di essere dalla parte di gente così...http://www.ntk.net/ballmer/mirrors.html
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo

            è più duro accettare di essere dalla parte
            di gente così...

            http://www.ntk.net/ballmer/mirrors.htmlguarda che tutti i CEO delle aziende americane hanno comportamenti simili... forse ballmer è un po' pesante per il ballo, ma deve farlo comunque per dovere
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            è più duro accettare di essere dalla parte

            di gente così...



            http://www.ntk.net/ballmer/mirrors.html

            guarda che tutti i CEO delle aziende
            americane hanno comportamenti simili...
            forse ballmer è un po' pesante per il ballo,
            ma deve farlo comunque per dovere ^^^^^Io sono libero di non fare il pagliaccio, uno degli uomini più potenti del Software Proprietario no. Direi che questo dovrebbe far riflettere...
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel

            - Scritto da: dotnet



            - Scritto da: Anonimo





            è più duro accettare di essere dalla
            parte


            di gente così...





            http://www.ntk.net/ballmer/mirrors.html



            guarda che tutti i CEO delle aziende

            americane hanno comportamenti simili...

            forse ballmer è un po' pesante per il
            ballo,

            ma deve farlo comunque per dovere
            ^^^^^

            Io sono libero di non fare il pagliaccio,
            uno degli uomini più potenti del Software
            Proprietario no. Direi che questo dovrebbe
            far riflettere...no, questa è fobia. Ed ogni azienda è libera di scegliersi i propri animatori e venditori. Così come ballmer è libero di dimettersi in qualunque momento.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel



            - Scritto da: dotnet





            - Scritto da: Anonimo







            è più duro accettare di essere dalla

            parte



            di gente così...








            http://www.ntk.net/ballmer/mirrors.html





            guarda che tutti i CEO delle aziende


            americane hanno comportamenti simili...


            forse ballmer è un po' pesante per il

            ballo,


            ma deve farlo comunque per dovere

            ^^^^^



            Io sono libero di non fare il pagliaccio,

            uno degli uomini più potenti del Software

            Proprietario no. Direi che questo dovrebbe

            far riflettere...

            no, questa è fobia. Ed ogni azienda è libera
            di scegliersi i propri animatori e
            venditori. Così come ballmer è libero di
            dimettersi in qualunque momento.bravo ! ballmer è un 'animatore'... niente più...
          • Anonimo scrive:
            RONF RONF

            guarda che qui non si sta parlando di
            qualità del software...

            se un giorno studierai una sola lezione di
            economia ti diranno subito che il tuo
            benessere lo devi ai bisogni che fino a ieri
            non avevi e che devono essere soddisfatti
            dietro il corrispettivo di un prezzo... in
            sostanza è così.

            Ergo, il software GPL buono o brutto che
            sia, porterebbe solo degresso.Ma tutti questi bei addormantati nel bosco .. un bel giorno si sveglieranno ? E se si sveglieranno .. saranno pure sudati ?
          • MrFaber scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            il mercato distrutto ?

            se i software GPL vengono usati alla
            stregua

            di prodotti commerciali, è perchè questi

            software

            sono di buona fattura IMHO

            guarda che qui non si sta parlando di
            qualità del software...

            se un giorno studierai una sola lezione di
            economia ti diranno subito che il tuo
            benessere lo devi ai bisogni che fino a ieri
            non avevi e che devono essere soddisfatti
            dietro il corrispettivo di un prezzo... in
            sostanza è così.Ecco, quindi - ragionando in meri termini economici - basterebbe far capire al consumatore che uno dei suoi bisogni è la libertà garantita dalla GPL.
            Ergo, il software GPL buono o brutto che
            sia, porterebbe solo degresso.Non colgo il senso di questa tua implicazione...
        • Xmasitel scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
          - Scritto da: dotnet

          in ogni caso, se gates agisce illegalmente,
          non vedo perchè si debba distruggere il
          mercato con il software sotto GPL...Ma non è dimostrato da nessuna parte che il sw GPL "distrugge il mercato" come dici te. Anzi, gli sta dando una vivacità notevole, considerando la presenza di un monopolio...

          è un po' come se per fermare un individuo
          imprendibile si spargesse gas nervino a
          tutti gli esseri viventi del pianeta che si
          incontranoQuesto lo fa Palladium con la scusa di fermare qualche pirata da strapazzo...
    • Mechano scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
      - Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.

      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto "libero" non può di fatto avere
      un'alternativa, pertanto è come una matrice.Diciamo che il software libero e' conoscenza allo stato puro, dovrebbe essere un bene dell'umanita' libero e riu-utilizzabile, ossia con dei diriti inalienabili cosi' come lo dovrebbe essere l'aria e l'acqua, perche' necessari alla vita, la conoscenza e' necessaria all'intelletto umano.Il software libero distruggera' un mercato, quello del lucro infinito sull'atto creativo su beni astratti come il software e lo spostera' sui servizi ed altro.Diciamo che potrebbe essere la fine di un'industria, nulla di nuovo in fondo come e' successo piu' volte in passato, tranne che per il fatto che la cosa non va giu' a chi fa parte di quell'industria e ci lucra spudoratamente e criminalmente, come Microzozz ed altre...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • dotnet scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
        - Scritto da: Mechano

        Il software libero distruggera' un mercato,
        quello del lucro infinito sull'atto creativo
        su beni astratti come il software e lo
        spostera' sui servizi ed altro.no, il danno più grosso lo farebbe soprattutto alle piccole e medie softwarehouse, le quali non potrebbero più investire in grossi progetti... Guardiamo la realtà ogni tanto, e rendiamoci conto che per il software pseudo-libero non circola alcun denaro o ricchezza, né come vendita diretta del prodotto e nemmeno come vendita dei servizi correlati.Il mondo del software "libero" è statico, non scuote il mercato, quindi porterebbe solamente squilibri economici alla società.Se proprio avete invidia di bill gates, prendetevela con lui e la microsoft... ma lasciate lavorare tutti gli altri... e soprattutto non fermate lo sviluppo con le vostre utopie
        • Anonimo scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
          - Scritto da: dotnet

          - Scritto da: Mechano



          Il software libero distruggera' un
          mercato,

          quello del lucro infinito sull'atto
          creativo

          su beni astratti come il software e lo

          spostera' sui servizi ed altro.

          no, il danno più grosso lo farebbe
          soprattutto alle piccole e medie
          softwarehouse, le quali non potrebbero più
          investire in grossi progetti... beh , oggi non lo possono fare perchè M$ le 'schiaccia'
          Guardiamo la realtà ogni tanto, e rendiamoci
          conto che per il software pseudo-libero non
          circola alcun denaro o ricchezza, né come
          vendita diretta del prodotto e nemmeno come
          vendita dei servizi correlati.??? hai una esperienza un pochino limitata...
          Il mondo del software "libero" è statico,
          non scuote il mercato, quindi porterebbe
          solamente squilibri economici alla società.si, vallo a dire a tutti i programmatori di netscape finiti senza lavoro per colpa di M$ che il loro problema è la GPL...
          Se proprio avete invidia di bill gates,
          prendetevela con lui e la microsoft... ma
          lasciate lavorare tutti gli altri... e
          soprattutto non fermate lo sviluppo con le
          vostre utopieva bene, allora impiega tempo e risorse con un prodotto sw e poi, quando M$ ne produce uno simile che mette 'di default' in windows vedi che fine che fai...
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo

            va bene, allora impiega tempo e risorse con
            un prodotto sw e poi, quando M$ ne produce
            uno simile che mette 'di default' in windows
            vedi che fine che fai...ma credi davvero che le piccole e medie imprese investono in nuovi browser o player ???le piccole e medie softwarehouse creano soprattutto gestionali e software di contabilità ai quali microsoft non sarà mai interessata.mentre conosco molte aziende che pur di non pagare alcun programmatore, preferiscono scaricare i gestionali gratuiti in GPL che girano in Rete... E tu questo me lo chiami evoluzione e sviluppo ?Se sei uno studente universitario non noterai mai questi dettagli, ma quando un giorno deciderai di lavorare nel settore informatico e della programmazione, allora sarà tutto più chiaro
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            ma credi davvero che le piccole e medie
            imprese investono in nuovi browser o player
            ???

            le piccole e medie softwarehouse creano
            soprattutto gestionali e software di
            contabilità ai quali microsoft non sarà mai
            interessata.Almeno per ora...

            mentre conosco molte aziende che pur di non
            pagare alcun programmatore, preferiscono
            scaricare i gestionali gratuiti in GPL che
            girano in Rete... E tu questo me lo chiami
            evoluzione e sviluppo ?1) Li prendono e li modificano secondo le loro esigenze, per cui da un prodotto possono nascere molti filoni2) Chi t'ha detto che non li pagano anche se sono GPL?3) Ti pagano per installarlo questo sw

            Se sei uno studente universitario non
            noterai mai questi dettagli, ma quando un
            giorno deciderai di lavorare nel settore
            informatico e della programmazione, allora
            sarà tutto più chiaroNon sono quello di prima, io lo faccio già e la mia esperienza mi dice che le tue sono opinioni non riscontrate dai fatti :p
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel

            3) Ti pagano per installarlo questo sw
            ma che grande soddisfazione professionale :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel



            3) Ti pagano per installarlo questo sw



            ma che grande soddisfazione professionale :Dse sei abituato al windows installer non sai nemmeno cosa voglia dire installare un sw...
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: dotnet



            - Scritto da: Xmasitel





            3) Ti pagano per installarlo questo sw






            ma che grande soddisfazione professionale
            :D

            se sei abituato al windows installer non sai
            nemmeno cosa voglia dire installare un sw...l'importante è che io riesca ad installare il programma, non è il mezzo... mentre tu sei sempre libero di giocare e smanettare con i pacchetti RPMgioca... gioca...
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: dotnet





            - Scritto da: Xmasitel







            3) Ti pagano per installarlo questo
            sw









            ma che grande soddisfazione
            professionale

            :D



            se sei abituato al windows installer non
            sai

            nemmeno cosa voglia dire installare un
            sw...

            l'importante è che io riesca ad installare
            il programma, non è il mezzo... mentre tu
            sei sempre libero di giocare e smanettare
            con i pacchetti RPM

            gioca... gioca...Ma non eri tu a parlare di "soddisfazione professionale"?
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel


            Ma non eri tu a parlare di "soddisfazione
            professionale"?soddisfazione nel creare, vendere e guadagnare e non nello smanettare con strumenti convenzionali.Saranno pure più ardui, ma i sistemi di installazione in linux sono comunque convenzionali... e se un'installazione vale l'altra, allora preferisco installare con install shield, più che perdere tempo per delle operazioni che nel 2003 pretendo siano scontate.
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel





            Ma non eri tu a parlare di "soddisfazione

            professionale"?

            soddisfazione nel creare, vendere e
            guadagnare e non nello smanettare con
            strumenti convenzionali.E in che modo la GPL ti toglie queste soddisfazioni? A me sembra che il FS esalti queste cose, ti dà davvero la possibilità di fare quello che vuoi, dalla modifica alla riprogettazione di programmi già esistenti senza sobbarcarti l'onere di rifare ciò che qualcun altro ha fatto al posto tuo. Prodotti davvero utili perchè basati su standard accettati da tutti. Questa è soddisfazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: dotnet





            - Scritto da: Xmasitel







            3) Ti pagano per installarlo questo
            sw









            ma che grande soddisfazione
            professionale

            :D



            se sei abituato al windows installer non
            sai

            nemmeno cosa voglia dire installare un
            sw...

            l'importante è che io riesca ad installareil che non è detto visto il livello medio di conoscenza dell'utenza...
            il programma, non è il mezzo... mentre tu
            sei sempre libero di giocare e smanettare
            con i pacchetti RPM

            gioca... gioca...no, io uso i *.tgz e quando non ci sono uso i *.tar.gz o *.tar.bz2 e compilo (dopo avere letto la documentazione).funziona !
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

            l'importante è che io riesca ad installare
            il programma, non è il mezzo... mentre tu
            sei sempre libero di giocare e smanettare
            con i pacchetti RPMapt-get install nomeprogrammaoppureyum install nomepacchetto ....per gli aggiornamenti:apt-get updateapt-get upgradeLi lanci, continui tranquillamente a lavorare e lui ti aggiorna il sistema e i programmi.....più facile di così...CiaoGianni
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel



            3) Ti pagano per installarlo questo sw



            ma che grande soddisfazione professionale :DGuarda che lo puoi modificare, ci puoi fare quello che vuoi, e questo la soddisfazione te la da. Ma tu stavi parlando di mercato non di soddisfazione personale.
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel

            Guarda che lo puoi modificare, ci puoi fare
            quello che vuoi, e questo la soddisfazione
            te la da. Ma tu stavi parlando di mercato
            non di soddisfazione personale.non mi interessa modificare mozilla, openoffice e tutto il resto gratis... si finisce prima a farli da capo che studiare i sorgenti altrui, questa si che è vera soddisfazione (anche economica)
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            non mi interessa modificare mozilla,
            openoffice e tutto il resto gratis... si
            finisce prima a farli da capo che studiare i
            sorgenti altrui, questa si che è vera
            soddisfazione (anche economica)AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHQuesta è bellissima :D:D:D:D:DDove l'hai imparata l'informatica? Sul manuale delle Giovani Marmotte?Concetto di riuso... dice niente questo termine???
          • Mechano scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel

            sorgenti altrui, questa si che è vera

            soddisfazione (anche economica)
            AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

            Questa è bellissima :D:D:D:D:D
            Dove l'hai imparata l'informatica? Sul
            manuale delle Giovani Marmotte?
            Concetto di riuso... dice niente questo
            termine???Io comincio a pensare che questo individuo sia un troll, ma prima ancora un lamer. Ci sono piccole cose, come il non sapere che l'installazione di software per aziende e P.A. e la fornitura di servizi ecc. che mi fanno pensare ad un utente casalingo o ad uno sviluppatore di una piccola azienda che non ha visibilita' sui progetti e sviluppa solo piccole sezioni.Mi sembra pure che gli sia stata inculcato un po' di marketing e nozioni di economia e managerialismo e che non conosca altro che quello.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Mechano scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel



            3) Ti pagano per installarlo questo sw



            ma che grande soddisfazione professionale :DSe fai software generici o programmi per la massa, ha senso quello che dici.Ma se fai software gestionali l'installazione non e' una cosa banale.Va personalizzata in base ai moduli che hai prodotto e fornisci al cliente, in base al suo nome, la sua partita iva, il numero di uffici e tantissimi altri parametri che se non correttamente configurati possono non farti funzionare il programma. L'installazione e soprattutto la formazione non sono cose banali nei gestionali e nei software per la pubblica amministrazione. Anzi sono sicuramente le cose piu' remunerative rispetto alla vendita del software vero e proprio.Spesso ci si puo' unire la vendita di hardware come server, palmari, stampanti termiche per formati particolari, lettori di barcode, schede proprietarie, multiport, ecc. ecc. Anche questi da installare e configurare e fargli la manutenzione.C'e' tanta roba e tu la sminuisci da incompetente delle problematiche derivanti dalla vendita di software...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            va bene, allora impiega tempo e risorse
            con

            un prodotto sw e poi, quando M$ ne produce

            uno simile che mette 'di default' in
            windows

            vedi che fine che fai...

            ma credi davvero che le piccole e medie
            imprese investono in nuovi browser o player
            ???
            e tu credi davvero che se potessero farlo non si creerebbero altri posti di lavoro ?
            le piccole e medie softwarehouse creano
            soprattutto gestionali e software di
            contabilità ai quali microsoft non sarà mai
            interessata.in quello specifico campo si gioca spesso con l'integrazione ad office (M$)esempio : http://www.mc-system.it/gestionale.htm

            mentre conosco molte aziende che pur di non
            pagare alcun programmatore, preferiscono
            scaricare i gestionali gratuiti in GPL che
            girano in Rete... E tu questo me lo chiami
            evoluzione e sviluppo ?conosco molte aziende che sono costrette a usare office piratato perchè non hanno i soldi , e tu questolo chiami sviluppo ?

            Se sei uno studente universitario non
            noterai mai questi dettagli, ma quando un
            giorno deciderai di lavorare nel settore
            informatico e della programmazione, allora
            sarà tutto più chiaroè molto difficile che una azienda rinunci ad un programmatore SOLO perchè trova sw GPL in rete... diciamo che il sw GPL può essere preso dalla rete e modificato a livello di codice per rispettare le esigenze dell'azienda stessa.
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo

            in quello specifico campo si gioca spesso
            con l'integrazione ad office (M$)

            esempio :

            http://www.mc-system.it/gestionale.htm
            beh, questa te la potevi risparmiare. Quello è il tipico gestionale stato sviluppato con tecnologia Office, ma questo non lo lega affatto ad esso... e tanto meno porta denaro a microsoft
            è molto difficile che una azienda rinunci ad
            un programmatore SOLO perchè trova sw GPL in
            rete... diciamo che il sw GPL può essere
            preso dalla rete e modificato a livello di
            codice per rispettare le esigenze
            dell'azienda stessa.purtroppo è oramai all'ordine del giorno... mi spiace solamente vedere aziende che pur di risparmiare un solo centesimo, perdono mesi a far funzionare il gestionale scaricato dal web e soprattutto affidando la missione alla segretaria di turno...
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            in quello specifico campo si gioca spesso

            con l'integrazione ad office (M$)



            esempio :



            http://www.mc-system.it/gestionale.htm



            beh, questa te la potevi risparmiare. Quello
            è il tipico gestionale stato sviluppato con
            tecnologia Office, ma questo non lo lega
            affatto ad esso... e tanto meno porta denaro
            a microsoft


            è molto difficile che una azienda rinunci
            ad

            un programmatore SOLO perchè trova sw GPL
            in

            rete... diciamo che il sw GPL può essere

            preso dalla rete e modificato a livello di

            codice per rispettare le esigenze

            dell'azienda stessa.

            purtroppo è oramai all'ordine del giorno...
            mi spiace solamente vedere aziende che pur
            di risparmiare un solo centesimo, perdono
            mesi a far funzionare il gestionale
            scaricato dal web e soprattutto affidando la
            missione alla segretaria di turno...e dopo mesi persi cosa fanno ? sodomizzano la segretaria o si decidono a prendere un programmatore ?
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo

            e dopo mesi persi cosa fanno ? sodomizzano
            la segretaria o
            si decidono a prendere un programmatore ?continuano a lavorare con la carta... oppure scelgono di affidarsi ad un programmatore, ma soltanto dopo aver sprecato tanto tanto tempo bello sviluppo !
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Anonimo



            e dopo mesi persi cosa fanno ? sodomizzano

            la segretaria o

            si decidono a prendere un programmatore ?

            continuano a lavorare con la carta... oppure
            scelgono di affidarsi ad un programmatore,
            ma soltanto dopo aver sprecato tanto
            tanto tempo

            bello sviluppo !appunto ! dopo aver sprecato tanto tempo spero si accorgano che vale la pena prendersi un programmatore (e continuare a sodomizzare la segrataria :D )
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            Senti, ma che aziende frequenti tu? Guarda che le cattive compagnie non ti fanno bene :D
          • BlueSky scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

            le piccole e medie softwarehouse creano
            soprattutto gestionali e software di
            contabilità ai quali microsoft non sarà mai
            interessata.Ma davvero? Ma dai... e pensare che l'azienda per cui lavoro è un partner Microsoft che fa assistenza e vendita proprio di un gestionale Microsott: Navision.
            mentre conosco molte aziende che pur di non
            pagare alcun programmatore, preferiscono
            scaricare i gestionali gratuiti in GPL cheDavvero? Io invece ne vedo molte che un prodotto se è gratis non lo guardano neanche, indipendentemente dal fatto che sia ottimo. A parte questo, anche i programmi rilasciati con la GPL possono essere a pagamento.
            Se sei uno studente universitario non
            noterai mai questi dettagli, ma quando un
            giorno deciderai di lavorare nel settore
            informatico e della programmazione, allora
            sarà tutto più chiaroSono sia uno studente universitario, che un programmatore, e devo dirti che il modello closed-source comunque non mi convince affatto.Secondo me non hai nemmeno mai letto la licenza GPL, vero? O, forse, come me, a suo tempo hai letto una traduzione sbagliata.Fai una nuova ricerca con google, ed informati meglio.
        • Mechano scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
          - Scritto da: dotnet
          no, il danno più grosso lo farebbe
          soprattutto alle piccole e medie
          softwarehouse, le quali non potrebbero più
          investire in grossi progetti...

          Guardiamo la realtà ogni tanto, e rendiamoci
          conto che per il software pseudo-libero non
          circola alcun denaro o ricchezza, né come
          vendita diretta del prodotto e nemmeno come
          vendita dei servizi correlati.Ma che dici?E' proprio con l'open source che si riaprono le porte per i piccoli!!!Tu hai una visione abbastanza distorta di quelle che sono le possibilita' dell'opensource. Non ho idea di chi ti metta in testa certe cose.Il vero boom dell'open source lo si avra' nella Pubblica Amministrazione il prossimo biennio.Proprio grazie all'opensource si puo' convincere la P.A. ad acquistare servizi da piccole aziende.Tutto per il momento e' monopolizzato dalle grosse aziende che arrivano in pompa magna mostrando i loro bilanci e i loro libri paga e con belle scatole colorate, meeting di commerciali e manager in giacca e cravatta e poi vendono procedurine progettate molto artigianalmente internamente. Anzi spesso lo sviluppo di queste procedure e' talmente chiuso che all'interno di linee di prodotti diversi della stessa azienda ci sono soluzioni diverse per fare la stessa cosa (esempio la stampa di report o i modelli personalizzati).Il software opensource permette a singoli programmatori che conoscono le problematiche del software aziendale e per la P.A. di tirare fuori programmi da rilasciare su siti internet affittati. Una procedura come quelle web based in php+apache+mysql la metti su in versione DEMO in un server con 20MB pagato 25 euro all'anno presso qualsiasi hosting provider. E quindi pubblicizzarla via mail e posta senza avere una struttura comemrciale vera e propria.Il fatto di essere opensource permette a chi la vede di scaricarla e provarla, volendo anche di non pagarla se ha il know how interno per farla funzionare.Ma se non l'ha chiamera' certamente l'autore per migliorarla e adattarla alle proprie esigenze oltre a farla funzionare e richiedere vari servizi, la formazione per esempio. Oppure per le piccole aziende e P.A. che non hanno possibilita' di una rete interna anche di affittarla usandola via Internet dietro pagamento di un canone.Senza contare che per i progetti opensource anche di singoli individui o piccoli gruppi di programmatori, si possono aprire le porte a finanziamenti di ogni genere, spesso anche statali per procedure che la P.A. commissiona, finanzia e poi riutilizza su tutto il territorio.Guarda che i grandi gruppi come Engineering, Finsiel ecc. si stanno preparando a questo boom proprio abbandonando i settori di nicchia e di piccole procedure proprio perche' saranno presto invasi dall'opensource, dedicandosi ai grossi contratti di service da 5 a 15 miliardi (di vecchie lire) per anno, biennio o triennio. Tempo nel quale viene riprogettata un'applicazione a livello provinciale o piu', partendo dalle specifiche fornite dal cliente e non rilasciandola o riutilizzandola solo in parte per altri. Quindi forse utilizzeranno e daranno alcune cose opensource ma il ricavo dei proventi sara' spostato sul progetto globale che non sulla vendita dele procedure vere e proprie.E' uno spreco enorme per le P.A. non avere i sorgenti quando invece potrebbero riutilizzare molto dell'opensource che altre P.A. hanno commissionato prima.L'opensource e' convincente perche' resiste alla morte dell'azienda produttrice, proprio perche' se ne hanno i sorgenti. L'opensource non lega il committente indissolubilmente al produttore del programma e permette al primo di dare un calcio nel sedere al secondo e rivolgersi ad altri per la continuazione del progetto.L'opensource permette alle grosse aziende tradizionali e P.A. di dare fiducia anche alle piccole startup dell'IT e perfino a singoli programmatori geniali perche' il codice sorgente fa da garanzia alla sparizione di queste entita' che prima invece tendevano a legare il committente non dandogli altro che licenze d'uso. Causando sfiducia e ricerca di figure piu' solide che pero' giustamente hanno costi piu' alti.L'opensource mette a disposizione anche di piccole aziende del software, una miriade di lavoro in forma sorgente gia' pronto da riutilizzare per non dover reinventare la ruota e quindi non c'e' bisogno di capitali ingenti e tempi lunghi per nuovi progetti, basta solo un po' di tempo da dedicare in giro tra Google, Slashdot, Freshmeat. Assemblare un po' di algoritmi e programmi e adattarli per il cliente a cui lo venderemo sotto forma di installazione, formazione, contratti annuali di assistenza e personalizzazioni ad hoc, magari anche con la rivendita, installazione e configurazione dell'hardware.Io con l'anno nuovo mi ci buttero' a capofitto e sto studiando sodo per tirare fuori alcune procedurine di nicchia per il mondo delle P.A. della Sanita'. E dalle ricerche che ho fatto ho trovato librerie di funzioni, sistemi di stampa, conversione, creazione di PDF e tante cose che mi hanno permesso di essere gia' adesso prima della fine di novembre a meta' dell'opera!Anzi mi potrebbero servire un paio di dipendenti/collaboratori...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Tetsuo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Mechano
            Anzi mi potrebbero servire un paio di
            dipendenti/collaboratori...Urp!!!In qulale parte del mondo ti trovi??;)
          • Mechano scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Tetsuo

            - Scritto da: Mechano

            Anzi mi potrebbero servire un paio di

            dipendenti/collaboratori...

            Urp!!!
            In qulale parte del mondo ti trovi??

            ;)Con Internet non importa.Sei in gamba con php, javascript, css, mysql, apache e linux?--Ciao. Mr. Mechano
          • Tetsuo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

            Con Internet non importa.
            Sei in gamba con php, javascript, css,
            mysql, apache e linux?
            Diciamo che me la cavo.(oltre al fatto che è il mio lavoro)ciao Paolo
          • Anonimo scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Tetsuo


            Con Internet non importa.

            Sei in gamba con php, javascript, css,

            mysql, apache e linux?



            Diciamo che me la cavo.
            (oltre al fatto che è il mio lavoro)

            ciao Paolopotevi semplicemente chiedergli se era rimasto all'età della pietra con php & C.e poi mysql è davvero una pietà
          • Mechano scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Anonimo
            potevi semplicemente chiedergli se era
            rimasto all'età della pietra con php & C.

            e poi mysql è davvero una pietàPotresti anche dare un'occhiata alle nuove versioni di PHP e il motore Zend2, le estensioni a oggetti e le librerie di classi pronte come PEAR.Potresti anche dare un'occhiata a cosa sta per arrivare con la versione 5 di mysql...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • Anonimo scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
        Oleeeeeeee !!!!!:-) - Scritto da: Mechano

        - Scritto da: dotnet

        è un concetto molto sottile e che richiede

        grande lungimiranza... infatti linux, e in

        particolare tutto il software GPL,

        annullerebbe la proprietà, la concorrenza,

        lo sviluppo, l'evoluzione.



        Gates e Ballmer non hanno torto, il
        software

        cosiddetto "libero" non può di fatto avere

        un'alternativa, pertanto è come una
        matrice.

        Diciamo che il software libero e' conoscenza
        allo stato puro, dovrebbe essere un bene
        dell'umanita' libero e riu-utilizzabile,
        ossia con dei diriti inalienabili cosi' come
        lo dovrebbe essere l'aria e l'acqua, perche'
        necessari alla vita, la conoscenza e'
        necessaria all'intelletto umano.
        Il software libero distruggera' un mercato,
        quello del lucro infinito sull'atto creativo
        su beni astratti come il software e lo
        spostera' sui servizi ed altro.
        Diciamo che potrebbe essere la fine di
        un'industria, nulla di nuovo in fondo come
        e' successo piu' volte in passato, tranne
        che per il fatto che la cosa non va giu' a
        chi fa parte di quell'industria e ci lucra
        spudoratamente e criminalmente, come
        Microzozz ed altre...

        --
        Ciao.
        Mr. Mechano
        mechano@punto-informatico.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
      - Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.

      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto "libero" non può di fatto avere
      un'alternativa, pertanto è come una matrice.ehm, non vorrei darti una brutta notizia, ma qui non si sta parlando di gpl, ma di linux. nessuno ti vieta di scrivere sw per linux con sorgente chiuso e venderlo salato: ti compri le qt con nonmiricordochelicenza, ti scrivi il tuo programma e vendi solo l'eseguibile.gates e ballmer ce l'hanno ma prevalentemente con linux, mi sembra evidente, d'altronde i programmi gpl esistono anche per win e molti li usano.ciao,raist
    • Anonimo scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorrenza
      possibile che tu ad OGNI notizia vai contro sta benedetta gpl?non hai proprio altro di cui parlare?
    • dotnet scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
      - Scritto da: Anonimo

      Balle: Internet stesso è un prodotto della
      libertà di svilupu rappresentata dal codice
      e dagli standard liberi.gli standard liberi ci sono sempre stati... di certo non li ha inventati Internet... così come il copyright, visto che infatti non posso liberamente giocare con i siti web altruiinternet deve il suo sviluppo (per il 98%) al P2P e alla pornografia... diciamoci la verità di tanto in tanto...altro che standard liberi e codici sorgente
      • Xmasitel scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
        - Scritto da: dotnet

        internet deve il suo sviluppo (per il 98%)
        al P2P e alla pornografia... diciamoci la
        verità di tanto in tantoqualche link?
        • dotnet scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
          - Scritto da: Xmasitel

          - Scritto da: dotnet



          internet deve il suo sviluppo (per il 98%)

          al P2P e alla pornografia... diciamoci la

          verità di tanto in tanto

          qualche link?...dimenticavo, internet e il web devono lo sviluppo anche ai dialer (che finanziano, direttamente o indirettamente il 90% di siti e portali)
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel



            - Scritto da: dotnet





            internet deve il suo sviluppo (per il
            98%)


            al P2P e alla pornografia... diciamoci
            la


            verità di tanto in tanto



            qualche link?

            ...dimenticavo, internet e il web devono lo
            sviluppo anche ai dialer (che finanziano,
            direttamente o indirettamente il 90% di siti
            e portali)A parte che i dialer sono tutti o quasi per Windows, ma ti ripeto la domanda di prima:qualche link?
          • dotnet scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: Xmasitel


            A parte che i dialer sono tutti o quasi per
            Windows, ma ti ripeto la domanda di prima:guarda che il 99,99999 di utenti internet sono anche utenti windows
            qualche link?segui con costanza e spirito critico PI
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
            - Scritto da: dotnet

            - Scritto da: Xmasitel





            A parte che i dialer sono tutti o quasi
            per

            Windows, ma ti ripeto la domanda di prima:

            guarda che il 99,99999 di utenti internet
            sono anche utenti windowsTi sei dimenticato un paio di 9 altri...


            qualche link?

            segui con costanza e spirito critico PIVa bene, allora dammi il link della notizia di PI dove si dice che Internet è soprattutto siti Porno, dialer e P2P e non è scambio di informazioni, affari, conoscenze e tecnologie.Ma non ce l'hai questo link, vero?
    • pikappa scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorrenza
      - Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.In che modo? nessuno obbliga nessuno a sviluppare sotto GPL, tant'è che molti software commerciali portati su linux non hanno mai cambiato licenza, ti posso fare l'esempio di Maya, che costa un patrimonio ma è un ottimo prodotto, e difficilmente si potrà fare togliere via mercato chessò da Blender, che tra l'altro è stato salvato proprio dalla GPL.Se un prodotto è di qualità farà successo, saranno probabilmente i soliti quattro talebani a non rendersene conto, ma quel software venderà anche se esiste una sua controparte libera.
      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto
    • Anonimo scrive:
      Vedi amico...
      Vedi caro amico non tutti sono come te o la pensano con il tuo stesso concetto. Questa uniformità non può esistere soltanto perchè tu lo pensi. Nè tu, nè ballmer nè gat?$ avete il diritto di distruggere coloro che non la pensano come voi. Noi non vogliamo distruggere voi, semplicemente avere la libertà di scegliere. Forse questa libertà vi distruggerebbe per conseguenza, ma è l'evoluzione umana che in tal caso determinerà l'estinzione di questo modo di fare.Ma da gat?$ ho visto denigrazione, accuse, boicottaggi. Ho visto molta tracotanza che per quel che mi riguarda può essere anche fondata, per carità!Ma se è così sicuro del fatto suo perchè non si limita ad affrontare la sfida con i mezzi che ha? Beh io credo che non sia affatto sicuro dei suoi mezzi e abbia necessità di uccidere il neonato prima che sia troppo forte. E' segno di debolezza, non di forza. I russi fecero lo stesso ai tempi dell'afganistan, ma vennero sconfitti lo stesso.Io sono tra colori i quali contribuiscono allo sviluppo di software libero e non sono il solo che fa tutto ciò. Solo perchè non sono pagato tu credi davvero che io impegni me stesso meno di quanto faccia tu? Sbagli e sbagli di grosso. Non tutti sono assetati di denaro. Lo faccio perchè credo nella libertà di comunicazione, di espressione e di conoscenza. E siamo in migliaia e migliaia. Gente con le spalle larghe.L'umanità ha avuto millenni di sviluppo. Millenni in cui la proprietà di intelletto non esisteva su alcunchè, eppure, si andava avanti lo stesso, nonostante tra le altre cose le conoscenze fossero limitate a poche persone. Un'esempio stupido ma che può servireNon la immagino la scoperta del fuoco a "codice chiuso", che ti dicano accendilo sempre con la stessa legna, o solo con le pietre focaie. Dunque cosa ha più possibilità di essere migliorato? Se conosco il suo funzionamento domani potrei scoprire che un tipo di legna brucia meglio, o brucia per più tempo con meno calore, lo adatto alle mie esigenze.Se fosse stato "chiuso" quanto sarebbe progredita la civiltà umana? Poco. Molto poco.Bene, io penso che la storia insegni molto. Io invece applicherò ogni mia idea ad un software libero perchè tutti possano cambiarlo, modificarlo, adattarlo alle proprie esigenze e far tutto ciò che credono.Ma ciò non significa che io non possa guadagnare, GNU non è gratis. Più che altro il fatto è che questo sistema si abbatte su una classe privilegiata che vorrebbe star tranquilla, il cui solo interesse E' IL DIO DENARO a più non posso. Sarebbe costretta a ridimensionarsi. Questo si che impedisce lo sviluppo e il progresso.- Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.

      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto "libero" non può di fatto avere
      un'alternativa, pertanto è come una matrice.
    • BlueSky scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

      annullerebbe la proprietà,delle idee?
      la concorrenza,quale? Mah... vediamo un po'... Linux (rilasciato con la gpl): decine di distribuzioni, almeno 5 (RehHat, Suse, Mandrake, Xandros, Lindows) vendono delle proprie versioni con software personalizzati, servizi ecc.Windows: un solo produttore con oltre il 90% del mercato, il quale non disdegna l'uso di mezzi sporchi per conservare la sua posizione.Quale modello ha ucciso la concorrenza? Quale modello è più attivo invece?
      lo sviluppo,di applicazioni migliori? mi sembra sia proprio il contrario. Vedi quanto sono migliorati i principali programmi licenziati con la gpl nell'ultimo anno.I programmi con sorgente closed-source invece, raggiunta una posizione dominante vengono migliorati poco e modificati prevalentemente per renderli incompatibili con le versioni precedenti, allo scopo di raccimolare altri soldi spingendo la gente a fare aggiornamenti. (vedi Office)
      l'evoluzione.come prima.
      • dotnet scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
        - Scritto da: BlueSky
        I programmi con sorgente closed-source
        invece, raggiunta una posizione dominante
        vengono migliorati poco e modificati
        prevalentemente per renderli incompatibili
        con le versioni precedenti, allo scopo di
        raccimolare altri soldi spingendo la gente a
        fare aggiornamenti. (vedi Office)questa è economia e sviluppo... è dura ma è così, ed è anche questo che ti da il benessere nelle società occidentali==================================Modificato dall'autore il 18/11/2003 16.47.52
        • BlueSky scrive:
          Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

          questa è economia e sviluppo... è dura ma èChe? ma hai letto quello che ho scritto? Cambiare qualche icona di un programma ed il formato del file per spingere (obbligare) la gente a cambiare prodotto, senza averlo migliorato, è sviluppo?
          così, ed è anche questo che ti da il
          benessere nelle società occidentaliil benessere di chi? Dei pochi che possono godere dello sfruttamento della gente. Tutti gli altri si impoveriscono. Che bello eh?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren

      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione. l'unica cosa che distruggera' la GPL sara'l'unica azienda che ne ha il terrore.... e tu dovrai, presto o tardi, cambiare nick.
    • zanac scrive:
      Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
      - Scritto da: dotnet
      è un concetto molto sottile e che richiede
      grande lungimiranza... infatti linux, e in
      particolare tutto il software GPL,
      annullerebbe la proprietà, la concorrenza,
      lo sviluppo, l'evoluzione.

      Gates e Ballmer non hanno torto, il software
      cosiddetto "libero" non può di fatto avere
      un'alternativa, pertanto è come una matrice.Se ti dico questa frase ti sta bene?"W il software commerciale di tutti (open o closed che sia)"
      • dotnet scrive:
        Re: Il soft GPL è libero dalla concorren
        - Scritto da: zanac
        - Scritto da: dotnet

        è un concetto molto sottile e che richiede

        grande lungimiranza... infatti linux, e in

        particolare tutto il software GPL,

        annullerebbe la proprietà, la concorrenza,

        lo sviluppo, l'evoluzione.



        Gates e Ballmer non hanno torto, il
        software

        cosiddetto "libero" non può di fatto avere

        un'alternativa, pertanto è come una
        matrice.

        Se ti dico questa frase ti sta bene?
        "W il software commerciale di tutti (open o
        closed che sia)"Certamente. Il problema non è il dare o meno la possibilità di vendere anche i sorgenti... ma bensì venderli e dare la possibilità di regalarli illimitatamente.In pratica con la GPL vendi solo al primo pollo... sempre che il pollo non sia tanto furbo da rivendere il tuo progetto a caro prezzo (realtà oramai quotidiane).L'importante è imho mantenere i diritti commerciali sul prodotto.Potrei infatti dare la possibilità ai miei clienti (da licenza/contratto) di visionare e addirittura modificare i sorgenti per uso interno... ma mai darei la facoltà di regalarli e/o rivenderli come fanno alcune paradossali licenze bsd... e come in pratica avviene con la licenza pubblica generale.
  • Anonimo scrive:
    vuoi vedere che...
    ... cambia davvero qualcosa ?...http://www.bayarea.com/mld/mercurynews/7285339.htm
  • Mechano scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix (2)
    ... SEGUITO
    Verità che vuole diffondere non
    è solo quella insita nelle macchine, ma
    investe anche la società, nei
    confronti della quale sviluppa una cultura
    di rifiuto.
    L'hacker si considera un guerriero (qualche
    gruppo di hacker ha una
    denominazione che comprende la parola
    "warrior"). In realtà non è né
    samurai, né terrorista. Il samurai si fa
    harakiri, tagliandosi il ventre,
    penetrando nella cavità addominale e facendo
    uscire fuori di sé gli
    intestini. E' l'attimo della rivelazione.
    L'hacker potrebbe fare al più l'
    harakiri della conoscenza ma, non dovendo
    necessariamente morire per questo,
    lo ripete troppe volte, ribadendo la stessa
    cosa già detta e quindi scadendo
    nella banalità. Il terrorista fa uso della
    violenza, ma non è
    necessariamente un violento. Ama la sua
    gente e i suoi ideali, che non
    implicano un esercizio continuo della
    violenza. Quando risolve per l'azione
    kamikaze deve dimostrare che questa ha una
    giustificazione. Se l'azione
    finale è la violenza sugli altri e la
    violenza non è necessariamente la sua
    azione abituale, deve palesare che il suoSamurai e terroristi non hanno nulla a che vedre con gli hacker, cosi' come l'harakiri della conoscenza. L'hacker e' spinto da una infinita e insaziabile curiosita', nella ricerca e il desiderio di scoprire e inventare, dalla necessita' di confrontarsi con gli altri e mostrare il risultato del suo estro, per mostrare il prodotto dell'atto creativo. Dicimo anche una certa vanita'.Il Samurai e il terrorista sono mossi da ideali e codici d'onore.L'hacker ha la conoscenza come ideale e la condivisione come codice d'onore.Non ha una missione da svolgere, ma solo una malattia nell'insaziabile curiosita' e sete di conoscenza.
    'hacker ha una filosofia dell'azione piena
    di contraddizioni. Questo è E' spontanea, quindi di contraddizioni ne avra' si qualcuna...
    innanzitutto dovuto al fatto che gli ideali
    di partenza sono carenti di
    profondità. Ma anche ammettendone la bontà
    ideologica, l'azione perderebbe Ancora con gli ideali. L'hacker non ha nessun ideale quindi quello che espleta e' un bisogno fisiologico, non una missione da compiere o un Dio come modello da destituire e prenderne il posto.
    comunque in bellezza, perché esuberante ma
    non animata da nessuna smania
    risolutiva. Concentra i suoi sforzi nello
    scovare i problemi, ma poco fa a
    livello di problem-setting e problem-solving
    (presente invece nelle capacità
    progettuali della moderna ingegneria del
    software) e non produce vera
    discontinuità nella Conoscenza. D'altraQuesto e' vero, perche' l'espletamente di un bisogno fa agire istintivamente e quindi nell'agire dell'hacker non ci sara' mai un piano "precotto" come nell'ingegnerie del software. L'hacker fa quello che gli piace fare. Il problema reale del mondo opensource e' proprio riuscire a catalizzare questa creativita' allo raggiungimento di scopi prefissati e ben ingegnerizzati. Motivo per cui esistono migliaia di editor tutti diversi e poche applicazioni per la produttivita'.
    I mass-media evidenziano il fascino
    dell'hacker, in qualche modo comunque
    esistente, ma presentano la figura con un
    eccesso di buonismo, dovuto ad una
    scarsa critica del fenomeno. E la massa non
    può fare a meno che salvare il
    criminale dalla condanna senza condizioni,
    scambiano il mago per il genio. Grossa bugia. I mass-media sputano sugli hacker dietro consiglio del capitale.L'hacker e' un pericolo per il capitale perche' fornisce prodotti della conoscenza e dell'atto creativo liberamente copiabili e riutilizzabili. Proprio perche' il desiderio di condivisione e' insito nella sua etica. E cio' non va bene a chi sfrutta l'atto creativo per produrre ricchezza. E' opinione diffusa per l'appunto, quella secondo la quale il prodotto dell'atto creativo ossia la conoscenza, dovrebbe essere un bene dell'umanita' e non in possesso di pochi e da poter rivendere.Questo tuo documento, secondo me copiato da altrove, perche' vedo che non rispetta la giustificazione a causa della diversa impostazione di LF e CR, vuole screditare la figura dell'hacker e dice delle bugie immani su quella che e' la vera etica hacker, accoumandolo anche al terrorismo e umiliandolo davanti alla presunta maggiore qualita' dei prodotti dell'ingegneria del software e degli informatici professionisti.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
  • Mechano scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix (1)
    - Scritto da: Anonimo
    C'era un tempo, un tempo vissuto forse da
    molti, in cui possedere un
    computer era motivo di vanto e celebrazione.
    Al tempo dell'informatica
    oscura, sapere dominare la macchina, seppur
    alla fine assai semplicemente, Nel discorso vedo un nesso completamente slegato tra la prima parte e quella inerente gli hacker.Sono un'accozzaglia di concetti messi insieme ma senza una normale relazione tra loro.La riporti un po' come l'ammirazione che ha il profano per il cosiddetto "amico che ci capisce".
    E' in questo spazio che gli
    stregoni illudono i profani, istigandoli ad
    addomesticare la complessità,
    piuttosto che a comprenderla, stimolando la
    duplicazione del mondo in realtà
    e magia, spingendo però per la seconda, dove
    loro possono trovare
    sostenimento alle loro azioni e ingrassare.
    L'hacker realizza un modello comportamentale
    che, se preso come esempio da
    altri, risulta diseducativo nel Metodo.
    ....
    L'hacker si considera uno geniale (se non
    addirittura genio), ma il suo
    considerarsi tale gli deriva dal confronto
    con i "comuni", i quali lo
    idolatrizzano, e con la sua sub-cultura di
    riferimento, che è quella alla ci sono degli errori di fondo molto gravi, oserei dire delle palesi inesattezze.In tutta la letteratura hacker viene ripetuto spesso, che egli non si considera geniale, ma anzi si prospetta nei confronti degli altri hacker come un ignorante.L'atteggiamento e la sete di conoscenza dell'hacker derivano proprio da questo presupposto.
    quale continuamente aspira e nella quale vuole emergere.
    Dice di amare l'
    informatica, ma evita il confronto con gli Informatici,
    incontro-scontro che
    genererebbe a lui delusione, in quanto innanzitutto non
    possiede lo stesso
    corpo di teoria. A questo risponde come la volpe all'uva,
    dicendosi non
    interessato, svalutando l'altra cultura. Altra bugia!L'hacker innanzitutto ha un etica e un codice d'onore. All'interno di questo codice d'onore c'e' il rispetto per gli "anziani". Ossia per gli hacker piu' esperti che sono piu' avanti nel processo dell'acquisizione di conoscenza e piu' abili nel manifestare la loro creativita'.L'hacker ama relazionare e condividere con gli altri, giovani e anziani il risultato dell'atto creativo, confrontarsi con questi e mostragli le proprie intuizioni. Esattamente come accadeva oltre 20 secoli fa con l'Accademia e Platone, gli "illuminati" avevano un luogo fuori dalle porte di Atene per riunirsi in gran segreto e scambiare le intuizioni della loro creativita' allo stesso modo gli hacker hanno slashdot e la rete come luogo nel quale diffondere il risultato del loro atto creativo e unirlo inseme a quello degli altri creando una "accademia globale". La rete per l'acker e' una sorta di mammella a cui attingere conoscenza, forse e' il luogo migliore dove dissetare la propria sete di conoscenza e poter appagare la sua infinita e morbosa curiosita'.
    L'hacker somiglia ad un angelo caduto. La
    cabala ebraica insegna che tutte
    le creature, in quanto emanazioni di Dio,
    aspirano a Dio stesso, senza mai
    raggiungerlo. Dio ha il frutto della vita e
    della conoscenza, gli angeli
    difettano di quello della conoscenza. Gli
    angeli fanno parte di questo
    disegno celeste, anzi ne sono addirittura i
    custodi, ma sanno anche essere
    capricciosi, volubili, ribelli. Allo stesso
    modo l'hacker vive di vita
    riflessa, utilizza qualcosa (il corpo di
    teoria) che gli viene emanato da
    altri (i veri Informatici), nonostante
    questo aspira in alto, ma più che
    lottare per diventare Dio, vuole
    sostituirlo. Date le sue intenzioni è Che vuol dire "piu' che lottare per diventare Dio vuole sotituirlo"? Io la trovo una frase senza senso.Cio' che distingue l'uomo dagli altri animali e' la creativita'. La creativita' e' una prerogativa di Dio, dando libero sfogo allap ropria creativita' si diventa simili a Dio, ma questo inconsapevolmente.L'hacker e' l'esempio di una creativita' prosperosa e dirompente, ma in nessun hacker e' mai esistito il desiderio di sostituirsi a Dio.L'atto creativo dell'hacker deriva dalla curiosita' e dal desiderio di fruttare il dono dell'intelligenza per superare barriere o scoprire e inventare cose nuove. Riuscire in cio' da una sensazione inebriante, sicuramente simile a quella che deve avere avuto Dio quando creo' l'universo, il mondo e le creature in esso spontaneamente prolificate (questa parte mia personalissima interpretazione).L'hacker non fa l'hacker per sentirsi come Dio o sostituirlo, ma alla ricerca della sensazione che la creativita' produce.
    costretto a vivere in una sorta di limbo, si
    esprime attraverso
    dimostrazioni sconcertanti e sempre in
    maniera subdola e impersonale.
    L' hacker si vanta di avere una funzione
    sociale. Anzi di più: è persuaso di
    mostrare una Verità (e questo lo porta alla
    produzione di manifesti e
    vangeli). L'hacker agirebbe come un virus,
    mostrando una infinita e, secondo Non e' assolutamente vero!L'hacker non e' persuaso di mostrare la verita'.Ma di mostrare il risultato dell'atto creativo, ossia dimostrare al mondo cio' che egli ha saputo fare usando l'intelligenza e l'inventiva. Che senso avrebbe creare qualcosa di stupendo e poi non mostrarlo a nessuno.Tanto che si pensa, che la creazione forme d'intelligenza consapevole nell'universo da parte di Dio sia espressamente voluta per avere qualcuno a cui mostrare l'atto ella creazione e stupefarlo!Allora la condivisione della conoscenza con la GPL e tutta la filosofia hacker deriva proprio da questo irresistibile desiderio di mostrare agli altri cio' di cui si e' capaci. Non verita' non sotterfugi portati alla luce.Che poi ci sia indirettamente un lavoro di guardiani da parte degli hacker nei confronti dei "dummies" e' una cosa diversa.Ossia gli hacker sfruttano la loro intelligenza per avvisare il resto del mondo (non hacker) dei pericoli insiti in certe tecnologie e nell'oppressione che possono portare al mondo (vedi Micro$oft, Palladium, Brevetti, ecc.). Ma questo e' venuto dopo, solo da quando il capitalismo e' divenuto piu' agguerrito, e quindi finito il periodo pionieristico degli anni '70 e '80, la creativita' e' stata imbrigliata dal capitale e dal profitto per opprimere i "non tecnici" e usarli come animali da allevamento, cosi' come il pastore periodicamente tosa le pecore e munge le vacche, allo stesso modo l'obsolescenza programmata delle tecnologie asservite al capitale attuata dalle aziende moderne serve a vendere prodotti le cui funzioni frutto di atti creativi, spesso anche inutili ai piu', vengono sventagliate come stupefacenti e necessarie. Vedi ogni nuova versione di Winzozz e di telefonini e di altro hardware.CONTINUA...
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    e aggiungo:non perchè io sia un hacker, al massimo smanettone [lol].ma quando mi chiedono se mi piace programmare rispondo sempre che un pezzo di codice ben scritto è come una poesia digitale. puo' non piacerti la rima, può non piacerti la lingua in cui è scritta, ma come tale va rispettata. altro che mago auronzo al massimo siamo paragonabili a robertetti [guzzantidocet]salutidavex
  • Anonimo scrive:
    la parodia di se stessi
    lol... Bill Gates che rappresenta la libertà, non c'è che dubbio, è humor...
    • Xmasitel scrive:
      Re: la parodia di se stessi
      - Scritto da: Anonimo
      lol... Bill Gates che rappresenta la
      libertà, non c'è che dubbio, è humor...Beh, sai, ultimamente la parola libertà ha cambiato sfumatura: in questo caso, come nella famosa Casa, libertà significa libertà di fare quello che decidono loro ;-)
  • Sandro kensan scrive:
    La fine di in impero...
    Si, ho l'impressione che oggi sia una giornata campale, almeno per me.Le due notizie di oggi hanno una massa critica spaventosa:SCO che affonda sotto i colpi della comunità linara mondiale, questo significa che nessuno avrà il coraggio di scontrarsi frontalmente con gli Hacker del pianeta o i coders o simplicemente gli sviluppatori o con la galassia dei simpatizzanti linux.Due la nazione più importante del mondo ha scelto linux. Più importante perchè compra il maggior numero di pc.Questa è una svolta e di quelle importanti, da qui in poi le cose non saranno più uguali.Buon (linux) a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: La fine di in impero...
      Mi augura veramente che tu abbia ragione.Non ne posso più delle uscite del Pagliaccio di Redmond.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: La fine di in impero...
        - Scritto da: Anonimo
        Mi augura veramente che tu abbia ragione.Aspetta pochi giorni e informati su quanti pc sono passati in mani cinesi, si parla di più di mille al mese, tutti con linux.
        Non ne posso più delle uscite del Pagliaccio
        di Redmond.Io non ho nulla contro Bill, anzi mi sta pure simpatico. Le sue politiche invece sono odiose e il suo finto buonismo non mi piace.Comunque io gli lascio gli USA e mi prendo la Cina, sarà poco democratica ma ha fatto la scelta migliore...Aggiungo che se la Cina compra e compra tanto allora il Giappone e la Korea seguono e si parla di gran parte dell'hi-tech che ha preso la strada linara, sorry ma non ce n'è per nessuno...
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    Leggere il tuo intervento e' stato per me decisamente piacevole, sorprendente, a tratti travolgente.Non posso che dirtelo subito, non condivido quasi in toto il tuo pensiero ma lo rispetto e riconosco una fermo e deciso tentativo di affrontare seriamente il problema.Lode alla forma, lode al metodo ma decisamente non posso lodare le conclusioni.
    L'hacker somiglia ad un angelo caduto. La
    cabala ebraica insegna che tutte
    le creature, in quanto emanazioni di Dio,
    aspirano a Dio stesso, senza mai
    raggiungerlo. Dio ha il frutto della vita e
    della conoscenza, gli angeli
    difettano di quello della conoscenza. Gli
    angeli fanno parte di questo
    disegno celeste, anzi ne sono addirittura i
    custodi, ma sanno anche essere
    capricciosi, volubili, ribelli. Allo stesso
    modo l'hacker vive di vita
    riflessa, utilizza qualcosa (il corpo di
    teoria) che gli viene emanato da
    altri (i veri Informatici), nonostante
    questo aspira in alto, ma più che
    lottare per diventare Dio, vuole
    sostituirlo. A me sembra molto evidente che l'hacker e' in generale un individuo capace di cio' che altri pur desiderosi non possono fare.L'hacker e' genio e sregolatezza, piu' un artista che tecnico, dotato di fantasia e morale.Che questo significhi avvicinarsi a Dio.... mah... decisamente non concordo, ma neppure credo che gli hacker mirino a questo. Piu' in generale forse un hacker ha una visione della vita decisamente libera da vincoli mentali e religiosi e il concetto di Dio forse non gli interessa proprio.
    Date le sue intenzioni è
    costretto a vivere in una sorta di limbo, si
    esprime attraverso
    dimostrazioni sconcertanti e sempre in
    maniera subdola e impersonale. Mi piacerebbe avere qualche esempio di cio' che dici, nella mia esperienza cio' non si e' mai avverato.
    L' hacker si vanta di avere una funzione
    sociale. Anche qui perdonami ma non mi e' mai capitato di sentire un hacker affermare cio' che dici.
    Anzi di più: è persuaso di
    mostrare una Verità (e questo lo porta alla
    produzione di manifesti e
    vangeli).Uno dei pochi soggetti di una societa' moderna priva di stimoli interiori, l'hacker dal mio punto di vista si pone quesiti e cerca risposte in ambiti ben piu' vasti di quelli informatici e lo fa' per lo stesso motivo per cui rompe regole informatiche, cioe' per scoprirne la veridicita', solidita', onesta'.Pensa in modo diverso, sogna e attribuisce a questa parola un significato elevato e non banale.Tutto questo suo "lavoro" intellettuale trova una sua naturale evoluzione in quella che tu chiami "produzione di manifesti e vangeli" e che io preferisco pensare come desiderio di confronto con gli altri per scoprire democraticamente la veridicita', solidita', onesta' delle nuove regole o opinioni, quelle che propone e che ha scoperto.
    non animata da nessuna smania
    risolutiva. Concentra i suoi sforzi nello
    scovare i problemi, ma poco fa a
    livello di problem-setting e problem-solving
    (presente invece nelle capacità
    progettuali della moderna ingegneria del
    software) e non produce vera
    discontinuità nella Conoscenza. D'altra
    parte, Popper docet, falsificare un
    sistema di idee è molto più facile che
    produrne uno universalmente valido.
    In definitiva non è un guerriero, ma un
    soldato in un mondo contro il quale
    inveisce e che, paradossalmente, ritiene
    esso stesso fatto di soldati.
    I mass-media evidenziano il fascino
    dell'hacker, in qualche modo comunque
    esistente, ma presentano la figura con un
    eccesso di buonismo, dovuto ad una
    scarsa critica del fenomeno. E la massa non
    può fare a meno che salvare il
    criminale dalla condanna senza condizioni,
    scambiano il mago per il genio. Citi cosi' tanti concetti che e' veramente impossibile risponderti qui. Complimenti davvero, anche solo per la riflessione, che poi non corrisponda al mio pensiero non conta. Sarebbe decisamente preferibile se piu' persone nel mondo usassero il proprio intelletto come fai tu: pensando e rendendo pubblico il loro pensiero.Anche tu a modo tuo secondo me sei un hacker, come loro hai un tuo vangelo, un tuo modo di vedere le cose, decisamente non poco.....Mi ripeto: scriverti qui e' impossibile... ma un sano scambio di idee (non limitato ovviamente a questo argomento ma anche a cio' che vi e' correlato) mi interesserebbe.Per questo ti lascio la mia emal:simone.giuliani@tin.it mailto://simone.giuliani@tin.it
  • Luca Schiavoni scrive:
    MAtrix XP
    quel filmato non lo so, ma questo lo conoscete?ehehe e' molto divertente ;)sia il sito, che il "trailer" da vedere assolutamente!!http://www.matrix-xp.comciao! 8)LucaS
    • Anonymous scrive:
      Re: MAtrix XP
      - Scritto da: LucaSchiavoni
      quel filmato non lo so, ma questo lo
      conoscete?
      ehehe e' molto divertente ;)Clap clap clap, bellissimo!!! ;)Anonymous
      • Anonimo scrive:
        Re: MAtrix XP
        - Scritto da: Anonymous

        - Scritto da: LucaSchiavoni

        quel filmato non lo so, ma questo lo

        conoscete?

        ehehe e' molto divertente ;)


        Clap clap clap, bellissimo!!! ;)

        AnonymousE' vero,infatti usando Windows Xp (alias Matrix-Xp) se non lo configuri bene e disabiliti certi servizi ti ci piovono i peggio troiai dentro!
  • Anonimo scrive:
    se fosse stato il 70 ...
    il filmato finale avrebbe visto Gates nei panni di Trinita' e Ballmer in quelli di "Bambino" , pronti a salvare una comunita' di mormoni dagli abusi del Maggiore Harriman-Torvalds :?bellissimo ....il buon Bill sulla branda trainata dal cavallo con Ballmer che si lava in una tinozza ... ;)elvi3nt0
  • Skin Bracer scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    Sembra il discorso dell'Architetto di Matrix Reload: lungo ed inutile.
  • zanac scrive:
    non è la prima volta...
    ...che Micros~1 fa filmatini demenziali :)L'anno scorso aveva fatto dei filmatini flash spassosimi su visual studio .net, l'edizione italiana tra l'altro doppiata da Elio e le storie tese.Tra l'altro in uno degli episodi (quello di vb.net) un tipo si alzava per aria come Neo (quello di matrix)... per... combattere i bug... :)Cmq fa riflettere il fatto che ormai parlano apertamente di Linux.
    • zanac scrive:
      Re: non è la prima volta...
      ed ecco il link di cui parlavo!http://www.microsoft.com/italy/msdn/vstudio/previous/2002/NetBluesBand/music/msblues/default.aspTroppo folli!
      • Anonimo scrive:
        Re: non è la prima volta...
        - Scritto da: zanac
        ed ecco il link di cui parlavo!

        http://www.microsoft.com/italy/msdn/vstudio/p

        Troppo folli!STRAAAAROOOOOOOOOOOOTFLLLL!!!!:-D:-D:-DP.S: Visualizzato con Mozilla su Slack 9.1! ;-)
  • Anonimo scrive:
    Il baratro si avvicina...
    Per Microsoft e soci... Parlano del 2006 per Longhorn? Con questa velocità di qui al 2006 Linux avrà avuto una diffusione impressionante... E non solo lui, si sarà aperta la strada a tante altre ottime alternative alle pagliacciate M$... Qualche l'esempio?L'ottimo BeOS? E, perchè no, il ritorno dell'Amiga!Il mondo sta cambiando ragazzi, non è giusto che ci sia solo M$...e poi un'altra cosa: si renderanno conto che il 2006 è troppo lontano e faranno uscire Longhorn prima, sarà ovviamente buggatissimo e ci vorranno 5 service pack prima di ottenere un sistema vagamente funzionante... Nel frattempo pure mia nonna avrà imparato a usare Linux. Gratuitamente.
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Il baratro si avvicina...
      - Scritto da: Anonimo
      Nel frattempo pure mia nonna avrà imparato a
      usare Linux. Gratuitamente.Ma possibile che i winari abbiano improvvisamente smesso di rispondere? Sono così carine le news di oggi che non riesco a godermele se non sento un appassionato di win e di bill che mi limità la contentezza...:)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...

        Ma possibile che i winari abbiano
        improvvisamente smesso di rispondere? si sono stufati e sono tornati a lavorare
        • lele2 scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          - Scritto da: Anonimo

          Ma possibile che i winari abbiano

          improvvisamente smesso di rispondere?

          si sono stufati e sono tornati a lavorareno sono impeganati a FORMATTARE
          • Anonimo scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...


            si sono stufati e sono tornati a lavorare

            no sono impeganati a FORMATTAREnon capita da annistudia un po va cosi' la smetti diripetere come un pappagallo quelloche ti dice tu cugggino
      • BillTorvalds scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Sandro kensan

        - Scritto da: Anonimo


        Nel frattempo pure mia nonna avrà
        imparato a

        usare Linux. Gratuitamente.

        Ma possibile che i winari abbiano
        improvvisamente smesso di rispondere? Sono
        così carine le news di oggi che non riesco a
        godermele se non sento un appassionato di
        win e di bill che mi limità la
        contentezza...:)Il problema è che quelli di Redmond si stanno rendendo antipatici perfino agli Winari...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          Scritto da: BillTorvalds

          Il problema è che quelli di Redmond si
          stanno rendendo antipatici perfino


          agli
          • BillTorvalds scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: BillTorvalds



            Il problema è che quelli di Redmond si

            stanno rendendo antipatici perfino



            agli

            Fai pace col libro di grammatica...Perchè ? Secondo te si dice "ai Winari" ? E magari "del zucchero" ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il baratro si avvicina...

      Per Microsoft e soci... Parlano del 2006 per
      Longhorn? Con questa velocità di qui al 2006
      Linux avrà avuto una diffusione impressionante... :-)))
      E non solo lui, si sarà
      aperta la strada a tante altre ottime
      alternative alle pagliacciate M$...
      L'ottimo BeOS? E, perchè no, il ritorno
      dell'Amiga!Ma per farci cosa ? Usare (pochi) programmi (quasi sempre vecchi) senza supporto per tutto l'hardware a disposizione, giusto per darsi un tono di "alternativo" ?
      Il mondo sta cambiando ragazzi, non è giusto
      che ci sia solo M$...E' giusto usare quello che si ritiene più opportuno per le proprie esigenze.
      il 2006 è troppo lontano [cut]
      Nel frattempo pure mia nonna avrà imparato a
      usare Linux. Gratuitamente.Nonnetta in gamba: la voglio vedere a ricompilarsi il kernel periodicamente, a compilarsi le librerie che i vari programmi richiedono, a ricordarsi le password di amministratore ed utente (anche se lo usa solo lei), a dover scegliere l'hardware innanzitutto in base alla possibilità di farlo funzionare sotto Linux (per scoprire che, se va bene, esiste un driver, ma è ancora in fase di sviluppo da parte di un poveretto che non ha tanto tempo da dedicargli...), a rassegnarsi a non poter usare i programmi forniti in dotazione con le varie periferiche/macchine fotografiche,...ad accontentarsi di pochi programmi (relativamente a Windows) che sembrano quelli di Windows vecchi di 3 anni fa, ad avere problemi nello scambiarsi documenti con gli amici nonnetti (la compatibilità completa è un utopia), per non parlare dei programmi ("...se vuoi ho un programma che...ah,no, hai Linux :-( )....ad accontentarsi in generale. Linux sarà ottimo come server o per compiti molto specifici, magari anche con hardware "stagionato", ma prima che faccia le scarpe a Windows per l'utenza home, ne deve passare di acqua sotto i ponti, altro che 2006!Tanto più che man mano che cerca di "rincorrere" la funzionalità di Windows, divenendo sempre più complesso, inevitabilmente si ritrova con i suoi stessi problemi...Simone
      • BillTorvalds scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...

        Linux sarà ottimo come server o per compiti
        molto specifici, magari anche con hardware
        "stagionato", ma prima che faccia le scarpe
        a Windows per l'utenza home, ne deve passare
        di acqua sotto i ponti, altro che 2006!

        SimoneEvidentemente Bill Gates e Steve Ballmer non la pensano come te, visto come si danno da fare per arginare la diffusione del pinguino... :D
      • Giambo scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Anonimo

        il 2006 è troppo lontano [cut]

        Nel frattempo pure mia nonna avrà
        imparato a

        usare Linux. Gratuitamente.

        Nonnetta in gamba: la voglio vedere a
        ricompilarsi il kernel periodicamente,Perche' dovrebbe ? Quello di serie non va' bene ?
        a compilarsi le librerie che i vari programmiPerche' dovrebbe ? Le librerie fornite in formato rpm non vanno bene ?
        richiedono, a ricordarsi le password di
        amministratore ed utente (anche se lo usa
        solo lei),Povera vecchietta, oramai e' talmente rimbambita che non riesce neppure a ricordarsi la sua data di nascita. Fortuna che Win2K, XP, longhorn, ... non hanno la password di amministratore.Dalla regia mi dicono che si puo' fare pure con Linux ? Mammai mia, dove andremo a finire ...
        a dover scegliere l'hardware
        innanzitutto in base alla possibilità di
        farlo funzionare sotto LinuxIeri sono stato ad unsupermercato: Pieno cosi' di vecchiette che discutevano su Serial ATA e bluetooth.Nessuno che comperava i PC pre-assemblati con Windows o Linux pre-installato ...
        (per scoprire
        che, se va bene, esiste un driver, ma è
        ancora in fase di sviluppo da parte di un
        poveretto che non ha tanto tempo da
        dedicargli...),Ho visto vecchiette talmente rimbambite che comperavano auto ad idrogeno e cercavano di fare il pieno di gasolio !
        ad accontentarsi di pochi
        programmi (relativamente a Windows) che
        sembrano quelli di Windows vecchi di 3 anni
        fa,MI piacerebbe sentire qualche esempio, ma non credo che tu sia tanto coraggioso da farti rivedere dopo questa patetica trollata.
        ad avere problemi nello scambiarsi
        documenti con gli amici nonnetti (la
        compatibilità completa è un utopia),Maicrosoft ha rilasciato le specifiche del formato XML di Office.RTF e' compatibile con tutto.Il formato OpenOffice funziona su numerose piattaforme.Solo il formato .doc e' compatibile (Non troppo spesso) solo con se' stesso.
        per non parlare dei programmi ("...se vuoi ho un
        programma che...ah,no, hai Linux :-( )....Niente dialer, niente Virus ... Che vita triste ...
        Linux sarà ottimo come server o per compiti
        molto specifici, magari anche con hardware
        "stagionato", ma prima che faccia le scarpe
        a Windows per l'utenza home, ne deve passare
        di acqua sotto i ponti, altro che 2006!Solo un paio di anni fa' la Microsoft non prendeva neppure in considerazione Linux. Ora devono fare i buffoni travestiti da Neo e Morpheus per nascondere la paura. Fra altri 2 anni chiederanno l'elemosina agli angoli delle strade.
        Tanto più che man mano che cerca di
        "rincorrere" la funzionalità di Windows,
        divenendo sempre più complesso,
        inevitabilmente si ritrova con i suoi stessi
        problemi...Ma come, non hai fatto che decantare le doti di Windows e ora ammetti che ha problemi che Linux non presenta ?Alla faccia della coerenza ...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          vieni nella mia azienda che ha scelto Open Office, e ti faccio vedere quanto è compatibile! Talmente compatibile che ci siamo comperati un office fuori policy per poter lavorare e aprire i documenti che i collaboratori ci mandano. Prima di scrivere le cose per partito preso, controlla! E' chiaro che se fai documenti estremamente banali, forse uno su due lo apri da Open Office, per gli altri stai fresco!!!!!
          • Mechano scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: Anonimo
            vieni nella mia azienda che ha scelto Open
            Office, e ti faccio vedere quanto è
            compatibile! Talmente compatibile che ci
            siamo comperati un office fuori policy per
            poter lavorare e aprire i documenti che i
            collaboratori ci mandano. Prima di scrivere
            le cose per partito preso, controlla! E'
            chiaro che se fai documenti estremamente
            banali, forse uno su due lo apri da Open
            Office, per gli altri stai fresco!!!!!Che versione?Per la 1.0.2 ti posso credere, forse la 1.0.3 ancora su qualcosa ho da ridire, ma dalla 1.1 le cose sono migliorate tantissimo.Addirittura ad un mio collega ho riparato un complesso foglio Excel che Excel stesso si e' rifiutato da un giorno all'altro di aprire dandolo per corrotto o rovinato.L'ho aperto con OpenOffice 1.1, ha funzionato perfettamente, l'ho risalvato in formato Excel e come per magia il suo Excel 2000 lo ha riaperto come non si fosse mai guastato.--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
          • Anonimo scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: Anonimo
            vieni nella mia azienda che ha scelto Open
            Office, e ti faccio vedere quanto è
            compatibile! Talmente compatibile che ci
            siamo comperati un office fuori policy per
            poter lavorare e aprire i documenti che i
            collaboratori ci mandano. Prima di scrivere
            le cose per partito preso, controlla! E'
            chiaro che se fai documenti estremamente
            banali, forse uno su due lo apri da Open
            Office, per gli altri stai fresco!!!!!adesso capisci perchè M$ 'sopravvive' ?
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Anonimo
        E' giusto usare quello che si ritiene più
        opportuno per le proprie esigenze.No, si usa il più diffuso a livello mondiale.Con il milione di pc all'anno che hanno linux, il più diffuso è entro tre anni o poco più linux...Per le periferiche supportate diciamo che basta usare i prodotti cinesi, oppure taiwanesi oppure quelli giapponesi oppure koreani, devo continuare? (usate l'intelligenza prima di rispondere please)
      • Anonimo scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...


        L'ottimo BeOS? E, perchè no, il ritorno

        dell'Amiga!

        Ma per farci cosa ? Usare (pochi) programmi
        (quasi sempre vecchi) senza supporto per
        tutto l'hardware a disposizione, giusto per
        darsi un tono di "alternativo" ?POCHI PROGRAMMI!!?!?!??! Se parli dell'Amiga non puoi aver detto una cosa più sbagliata di questa! Aminet è stato per lungo tempo il più grande contenitore di software su tutta internet...Assurdo...
        • BillTorvalds scrive:
          Ma secondo voi...
          ...quelli di IBM e NOVELL sono scemi ? ;)
        • Anonimo scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          se vuoi ti passo il mio commodore 64 o apple II. Così sai quanti programmi free hai...siamo seri, please, e parliamo di sistemi operativi business e non giocattoli!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: Anonimo
            se vuoi ti passo il mio commodore 64 o apple
            II. Così sai quanti programmi free
            hai...siamo seri, please, e parliamo di
            sistemi operativi business e non
            giocattoli!!!!Non a caso Windows esiste ancora perchè ci girano i giochi, se non fosse per quelli sarebbe già scomparso nel nulla...Qual è il sistema operativo giocattolo?
      • francescone scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        "E' giusto usare quello che si ritiene più opportuno per le proprie esigenze. "L'unica frase corretta in un mare di inesattezze ed opinioni personali spacciate per dati certi e sicuri. Poi bisogna vedere (soggettivo naturalmente) come si conciliano le proprie esigenze con vere e proprie imposizioni da parte di aziende private e spesso anche dalla politica commerciale discutibile. E' ovvio che che i sistemi non Microsoft non sono perfetti (come se lo fossero i prodotti di Redmond), ma secondo te il lavoro di anni da parte di centinaia di programmatori molto preparati si può sintetizzare nel tuo giudizio banale, superficiale e privo di ogni riscontro al di fuori della propria singola esperienza? Riflettici.
        • BillTorvalds scrive:
          A scanso di equivoci...
          - Scritto da: francescone
          "E' giusto usare quello che si ritiene più
          opportuno per le proprie esigenze. "...secondo voi, io che OS uso ?Saluti, Bill-TorvaldsP.S. : Viva il Multiboot !
          • francescone scrive:
            Re: A scanso di equivoci...
            Certo, le esigenze sono diverse in contesti diversi, anche per lo stesso individuo. Poi le guerre di religione sui sistemi operativi non le concepisco proprio. Ritengo invece che il produttore di un bene può adottare strategie che mi stanno o mi staranno sui coglioni ad un livello tale da essere più importanti (nelle mie scelte) delle caratteristiche tecniche del bene stesso. Ma il tizio del quale ho virgolettato la frase non credo si ponga il problema......
          • BillTorvalds scrive:
            Re: A scanso di equivoci...
            - Scritto da: francescone
            Certo, le esigenze sono diverse in contesti
            diversi, anche per lo stesso individuo. Poi
            le guerre di religione sui sistemi operativi
            non le concepisco proprio. Ritengo invece
            che il produttore di un bene può adottare
            strategie che mi stanno o mi staranno sui
            coglioni ad un livello tale da essere più
            importanti (nelle mie scelte) delle
            caratteristiche tecniche del bene stesso. Ma
            il tizio del quale ho virgolettato la frase
            non credo si ponga il problema......Non ho ben capito... chi sarebbe il "tizio"...:@
          • francescone scrive:
            Re: A scanso di equivoci...
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=483280Quello al quale ho risposto all'inizio. E che secondo me dice un sacco di vaccate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Xmasitel

        Pochi programmi??? Ce ne sono un saccosi... e come no... infatti in linuzzo trovi sempre 12 calcolatrici, 24 pseudo-wordprocessor e una settantina di browser mozilla-like (uno più pesante dell'altro... ma in fondo tutti uguali)
        • Xmasitel scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Xmasitel



          Pochi programmi??? Ce ne sono un sacco

          si... e come no... infatti in linuzzo trovi
          sempre 12 calcolatrici, 24
          pseudo-wordprocessor e una settantina di
          browser mozilla-like (uno più pesante
          dell'altro... ma in fondo tutti uguali)che almeno le specifiche del w3c le rispettano. Poi ci sono quelli più completi e quelli più leggeri. Però mi rendo conto che capire i vantaggi della varietà non è facile...
          • francescone scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            Qui non si tratta di preferire un S.O. ad un altro. E' un fatto di forma mentis: perchè stancarsi ad esercitare una scelta (vincente o meno che sia) quando c'è già chi sceglie per te? Si fa prima a scegliere il più diffuso, in modo acritico. Legittimo, per carità, ma molti sembrano infastiditi dal desiderio altrui di scegliere. E spesso sono pure (sia detto senza generalizzare) cantori del mercato e della concorrenza.
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: francescone
            Qui non si tratta di preferire un S.O. ad un
            altro. E' un fatto di forma mentis: perchè
            stancarsi ad esercitare una scelta (vincente
            o meno che sia) quando c'è già chi sceglie
            per te? Si fa prima a scegliere il più
            diffuso, in modo acritico. Legittimo, per
            carità, ma molti sembrano infastiditi dal
            desiderio altrui di scegliere. E spesso sono
            pure (sia detto senza generalizzare) cantori
            del mercato e della concorrenza.Beh, a me piace cambiare, uso indifferentemente KDE o IceWM (gli altri non mi piacciono) a seconda di quello che mi serve o che ho voglia di usare.Quando mi trovo a dover usare Win XP non ho nessun problema, ma preferisco altro: è pesante come kde e flessibile come IceWM :-)
          • francescone scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            Anche a me piace provare e cambiare. Ho l'impressione invece che questi che non capiscono perchè un tizio voglia provare anche un prodotto che non sia il dominatore del mercato (e che sparano giudizi su sistemi che evidentemente non hanno mai provato) abbiano difficoltà in un'altra operazione: pensare.
        • Anonimo scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Xmasitel



          Pochi programmi??? Ce ne sono un sacco

          si... e come no... infatti in linuzzo trovi
          sempre 12 calcolatrici, 24
          pseudo-wordprocessor e una settantina di
          browser mozilla-like (uno più pesante
          dell'altro... ma in fondo tutti uguali)si ! infatti mozilla e links sono proprio uguali !!! hahahahaha...
    • Anonimo scrive:
      Re: Il baratro si avvicina...
      Infatti siamo proprio su quella strada! Per esempio RedHat ha appena abbandonato il supporto di Linux sul desktop e ha dichiarato che la piattaforma Windows è la migliore (su desktop)
      • Xmasitel scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Anonimo
        Infatti siamo proprio su quella strada! Per
        esempio RedHat ha appena abbandonato il
        supporto di Linux sul desktop e ha
        dichiarato che la piattaforma Windows è la
        migliore (su desktop)Non ci vuole nulla a mollare RH e a passare su qualche altra distro. Quindi non vedo il problema, e non vedo cosa c'entri :p
        • Anonimo scrive:
          Re: Il baratro si avvicina...
          leggiti le motivazioni di RedHat e capirai che la guerra dei desktop non volge certo in direzione Linux...
          • Xmasitel scrive:
            Re: Il baratro si avvicina...
            - Scritto da: Anonimo
            leggiti le motivazioni di RedHat e capirai
            che la guerra dei desktop non volge certo in
            direzione Linux...Usa Linux con kde, è molto più flessibile della GUI M$, ed è semplicissimo da usare. Personalmente ritengo che le prove pratiche valgano più delle parole... poi ognuno sceglie quello che preferisce
      • francescone scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        Un sistema operativo fondato interamente sul free-software, così come un sistema fondato su software open-source, rappresenta un esperimento affascinante e denso di risvolti interessanti. A parte chi è mosso da interessi personali, non si capisce il terrore di molte persone che non vedono l'ora di aggrapparsi a qualche (presunto) passo falso del "nemico".
    • Anonimo scrive:
      Re: Il baratro si avvicina...
      - Scritto da: Anonimo

      Nel frattempo pure mia nonna avrà imparato a
      usare Linux. Gratuitamente.altro che stefen king... potresti scrivere una sceneggiatura direttamente per walt disney !
    • Anonimo scrive:
      Re: Il baratro si avvicina...
      - Scritto da: Anonimo

      Per Microsoft e soci... Parlano del 2006 per
      Longhorn? Con questa velocità di qui al 2006
      Linux avrà avuto una diffusione
      impressionante... dicevate al stessa cosa già nel 1997 riferendovi all'anno 2003... beh se passare dallo 0.4% allo 0.6% in 6 anni tu me la chiami diffusione...Buona fortuna al tuo pinguottero nulla facente
      • BillTorvalds scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Per Microsoft e soci... Parlano del 2006
        per

        Longhorn? Con questa velocità di qui al
        2006

        Linux avrà avuto una diffusione

        impressionante...

        dicevate al stessa cosa già nel 1997
        riferendovi all'anno 2003...
        beh se passare dallo 0.4% allo 0.6% in 6
        anni tu me la chiami diffusione...
        Buona fortuna al tuo pinguottero nulla
        facenteSecondo voi, a chi può convenire un sostanziale fallimento di Linux (a parte i soliti noti) ?Chi può provar compiacimento a scrivere un intervento come quello che ho quotato (ammesso che non sia un Troll) ?
      • Anonimo scrive:
        Permettimi una domanda
        Mi spieghi come fai a far uscire queste cifre?Fin'ora ho visto statistiche che si avvicinano a questi numeri prodotte in base al numero di distribuzioni vendute.Ma a scanso di equivoci non puoi valutare le ditribuzioni vendute per quanto riguarda linux o cmq riguardo il software GPL. Devi contare le duplicazioni, le riviste, le ridistribuzioni di ogni modo e maniera. Spiegami come fai a calcolarle nel modo corretto.Io ci andrei molto cauto con le cifre al posto tuo.- Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo



        Per Microsoft e soci... Parlano del 2006
        per

        Longhorn? Con questa velocità di qui al
        2006

        Linux avrà avuto una diffusione

        impressionante...

        dicevate al stessa cosa già nel 1997
        riferendovi all'anno 2003...
        beh se passare dallo 0.4% allo 0.6% in 6
        anni tu me la chiami diffusione...
        Buona fortuna al tuo pinguottero nulla
        facente
        • Anonimo scrive:
          Re: Permettimi una domanda
          - Scritto da: Anonimo
          Ma a scanso di equivoci non puoi valutare le
          ditribuzioni vendute per quanto riguarda
          linux o cmq riguardo il software GPL. Devi
          contare le duplicazioni, le riviste, le
          ridistribuzioni di ogni modo e maniera.
          Spiegami come fai a calcolarle nel modo
          corretto.Se Micro$oft ha tanta paura e attacca cosi' il mondo Linux, un motivo ci deve pur essere. E secondo me loro hanno ben altri numeri ottenuti pagando una ricerca piu' accurata e soprattutto con migliori previsioni. Con migliori intendo piu' auspicabili non certo migliori per loro, anzi il contrario visto come gli puzzano le mutande...
      • Anonimo scrive:
        Re: Il baratro si avvicina...
        - Scritto da: Anonimo
        beh se passare dallo 0.4% allo 0.6% in 6
        anni tu me la chiami diffusione...balle.non sei in grado di dimostrare queste cifre.Come tutti i win-maniac sei solo in grado di sparare numeri a caso, o al massimo quelli suggeriti presso www.microsoft.com
        • BillTorvalds scrive:
          Win-maniac ?
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          beh se passare dallo 0.4% allo 0.6% in 6

          anni tu me la chiami diffusione...

          balle.
          non sei in grado di dimostrare queste cifre.

          Come tutti i win-maniac sei solo in grado di
          sparare numeri a caso, o al massimo quelli
          suggeriti presso www.microsoft.com
          Win-maniac ? Mi piacerebbe incontrarne uno, se esiste...Non lo sono diventato neanche io dopo tutti questi anni di smanettamenti...:s
  • Sandro kensan scrive:
    Posso ritrollare? vi prego...:)
    Allora pare proprio che ci siano buchi grossi come montagne nei bilanci di SCO (quella! avete capito bene). I linari del mondo la stanno boicottando e... i bilanci cominciano ad avere il colore rosso, forse anche rosso sangue...Silvio di Linux help ha pubblicato la notizia con anche un bel commento dei dirigenti SCO, vi riporto solo una frase:"La campagnia denigratoria e di boicottaggio dei nostri prodotti, messa in atto dalla Comunità Linux ha fatto molti danni al nostro business.Questa azione ha avuto molto successo e probabilmente continuerà a lungo (N.d.M (Nota di Me): Almeno fino a quando loro accuseranno Linux, mi sembra lapalissiano...)."La nota è di Silvio.Grazie e buona prosecuzione...^_^(linux)
  • Anonimo scrive:
    Una parodia di Kill Bill?
    :D (linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    lo sai che non sai cosa e' un hacker?
  • Sandro kensan scrive:
    Posso Trollare con una news?
    Se controllate LinuxHelp o slashdot c'è una notizia che riguarda la battaglia linux vs M$. bene pare proprio che la Sun abbia venduto 1000000 di pc con linux sopra alla Cina.Si parla di contratto già fatto e di consegne già avviate. Preciso che parlo di un milione di pc e preciso che dovrebbero essere dieci volte i pc italiani (così ha detto un commento), tirando a indovinare penso si tratti dell'equivalente dei pc europei, può essere?Altra news di linuxhelp è che il numero di sviluppatori linux iscritti alla IBM è arrivato alla centomillesima iscrizione.
    • Anonimo scrive:
      Re: Posso Trollare con una news?
      - Scritto da: Sandro kensan
      Se controllate LinuxHelp o slashdot c'è una
      notizia che riguarda la battaglia linux vs
      M$. bene pare proprio che la Sun abbia
      venduto 1000000 di pc con linux sopra alla
      Cina.
      Mi sembra un pò esagerato come numero, daccordo che in Cina sono in tanti ma un milione? E poi per fare un milione di computer i cinesi fanno prima a farsi una fabbrica, perchè comprarli da una ditta americana?ciao
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Posso Trollare con una news?
        - Scritto da: Anonimo
        Mi sembra un pò esagerato come numero,
        daccordo che in Cina sono in tanti ma un
        milione? Vero? Infatti è impressionante come numero. Concordo :)ma diciamo che è un pc ogni mille abitanti, va meglio?, un po' come se a Milano ci fossero mille computer o giù di li...Vista così la fornitura è un po' scarsa e mi attendo che il numero salghi nei prox anni.Una decina di milioni sarebbe da attenderselo visto che il loro pil sale del 10% all'anno, magari non subito me tra qualche anno...
        E poi per fare un milione di
        computer i cinesi fanno prima a farsi una
        fabbrica, perchè comprarli da una ditta
        americana?Ci sono tutte le tue risposte su slashdot, i commenti dicono tutto, mi pare ci sia persino l'opinione di uno che ci lavora in Sun. Sono pagine e pagine di commenti: buona lettura...:)
        ciaoCiao ^_^
      • Anonimo scrive:
        Re: Posso Trollare con una news?

        Mi sembra un pò esagerato come numero,
        daccordo che in Cina sono in tanti ma un
        milione? Non esagera, anzi, si parla di un acquisto futuro di diversi milioni di pezzi. Il prezzo è di 50$ a computer....mi sembra un affare, che dite?Devi pensare che loro sono più di un terzo della popolazione mondiale.Ciao
        • Sandro kensan scrive:
          Re: Posso Trollare con una news?
          - Scritto da: Anonimo
          Devi pensare che loro sono più di un terzo
          della popolazione mondiale.Sono tanti, tantissimi ma sono ancora più di un quinto e meno di un quarto.Noi europei e americani gli facciamo un baffo numericamente...Per fortuna che hanno imparato a fare buoni preservativi altrimenti....:)
    • debianaro scrive:
      Re: Posso Trollare con una news?
      - Scritto da: Sandro kensan
      Se controllate LinuxHelp o slashdot c'è una
      notizia che riguarda la battaglia linux vs
      M$. bene pare proprio che la Sun abbia
      venduto 1000000 di pc con linux sopra alla
      Cina.heheheh si l'avevo letta anchio :) adesso possiamo aspettare il troll windowziano che se ne esce con le sue statistiche (linux)
    • Africano scrive:
      Re: Posso Trollare con una news?
      qualche link diverso del messaggio su slashdot? Come notizia è così grossa che un controllo incrociato è obbligato. I 50$ poi sono solo per le licenze del software non certo per le macchine e per quell'ordine mi sembrano pure tanti.
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Posso Trollare con una news?
        - Scritto da: Africano
        qualche link diverso del messaggio su
        slashdot? Come notizia è così grossa che un
        controllo incrociato è obbligato.Ben detto Africano... Controllo sul kyodo/jazira e su qualche sito cinese (qui non ho i link).Stay tuned...
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Posso Trollare con una news?
        - Scritto da: Africano
        qualche link diverso del messaggio su
        slashdot?Non conosco questo sito ma è sotto cn quindi è cinese e riporta un'agenzia quindi cinese, penso sia una conferma sicura, pur non sapendo nulla del sito.http://www1.chinadaily.com.cn/en/doc/2003-11/18/content_282459.htmBene, si parla però di una prima tranche che va dai mezzo milione al milione, mi pare di avere capito che le cose stanno in modo ancora peggiore per chi non ama linux...Buona giornata...
    • Sandro kensan scrive:
      Questa è la notizia su un sito cn
      The Chinese government plans to ultimately install at least 200 million copies of a non-Windows desktop solution throughout the country. Si parla di 200 milioni di installazioni linux, ma si parla anche di attese. Quindi non è detto si arrivi a questi numeri.Faccio presente che si parla di un pc ogni abitante americano, bambini e neonati compresi...The multiyear agreement with Sun is scheduled to start at the end of 2003 with the installation of approximately 500,000 to 1 million seats per year.Qui invece si parla di certezze, diciamo mezzo milione di pc per anno ad essere pessimisti, e si inizia subito!!!In September, China, Japan and South Korea decided to seek an alternative to Windows as a standard desktop system for their citizens. As part of this push, Chinese programmers developed a homegrown Linux version called Red Flag Linux a few years ago. That software has been touted by Beijing as a secure alternative to Windows. Qui si parla di Red Flag, ovviamente una distro linux prossimamente sui vostri desktop....:)Sun's Java Desktop System is a Windows-like operating system based on Linux and consisting of open-source technologies such as the Mozilla browser, Evolution mail client and GNOME GUI.Una distro linux...:)Ciao.^_^
  • Anonimo scrive:
    Re: Cosa non dice Matrix
    cioè l'assembler deve piacermi per forza?davex
  • BillTorvalds scrive:
    Si rendono ricoli...
    ... e oltretutto questo dare sempre contro a Linux puzzerebbe di bruciato anche al più tonto degli utonti...
  • Anonimo scrive:
    ma và a ciapal an dal cul bill!!!!
    (linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: ma và a ciapal an dal cul bill!!!!
      - Scritto da: Anonimo
      (linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(liin milanese : ma và a ciapala in del cùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù bill
  • Anonimo scrive:
    Beh allora Meglio Matrix!
    Beh allora Meglio Matrix!Beh allora Meglio Matrix!Beh allora Meglio Matrix!Beh allora Meglio Matrix!Beh allora Meglio Matrix!(linux)
  • pikappa scrive:
    voglio il filmato!!!
    Finora ho trovato solo screenshots, voglio l'intero film
  • pikappa scrive:
    Mamma mia sono Deliranti!
    Stanno veramente delirando, ormai sono alla frutta, ma ce lo vedete un Neo che pesa 130 chili?!!!!Che tristezza, ma perchè non fanno meno stronzate?Vale anche per i loro prodotti ovviamente
  • Anonimo scrive:
    http://maicrosoft.italiamac.com
    L'articolo di P.I. e' sicuramente tratto da questo sito:http://maicrosoft.italiamac.com
  • Anonimo scrive:
    Soliti Americani
    [/FIREWALLMODE: on]A parte il fatto che a mio modesto parere Matrix è una gran putt@n@t@, Bill e Ball stanno veramente toccando il fondo.Forse si stanno preparando per il nuovo mestiere: giullari informatici :DNota: forse non hanno mai visto Nirvana di Salvatores, che è un'ottima rappresentazione di come eventualmente sarà il futuro...BrUtE AiD
    • Anonimo scrive:
      Re: Soliti Americani
      prendono per il culo opne scuore perche sanno bene che potrebe rovinarli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Soliti Americani
      concordo anche perchè essendo Matrix "il sistema" (volevo scrivere establishment ma avevo paura di scriverlo sbagliato) questo NON può che essere Windows, mentre il ruolo di ribelli sembra cucito apposta per l'open source (Stallman non sembra uscito da un film pop anni 60?)
    • Anonimo scrive:
      Re: Soliti Americani
      Voi cercate sempre la polemica a tutti i costi. E' un filmato umoristico come molte aziende (americane) fanno. Io personalmente non amo queste americanate da una parte o dall'altra; comunquei commenti che leggo in questo forum sono sempre contro MS. E' pur vero che i vincenti danno fastidio ai perdenti....specialmente dopo le ultimi dichiarazioni del presidente di RedHat.
      • Anonimo scrive:
        Re: Soliti Americani
        E ridagli coi perdenti e con RedHat.Non sò se te ne sei accorto ma non ho parlato di Linux, IO.Linux è un sistema operativo come tanti altri né migliore né peggiore. Il suo (e di molti alti softwares) punto di forza è la filosofia con cui viene sviluppato: l'Open Source, che in ogni caso è e sarà vincente.BrUtE AiD
        • Anonimo scrive:
          Re: Soliti Americani
          Ma preferite allora essere presi per il c--o come fa IBM che cavalca il cavallo open source per poi piazzare i consulenti a 1000 euro al giorno ? Il modello open source non si può reggere senza un modello di business ben preciso e questo ad oggi non c'è. Esistono solo degli squali che sposano questa filosofia per poi piazzare servizi e prodotti tutt'altro che aderenti alla filosofia Open Source!.Alina(utente Mac)
          • Xmasitel scrive:
            Re: Soliti Americani
            - Scritto da: Anonimo
            euro al giorno ? Il modello open source non
            si può reggere senza un modello di business
            ben preciso e questo ad oggi non c'è.Opinioni tue queste... intanto il modello OS tecnologicamente va fortissimo e si sta anche espandendo a una buona velocità, e questi sono fatti.
  • Anonimo scrive:
    L'architetto parla di Zyon-Linux........
    E gia' pensa di distruggerla per il nostro bene.Mah, e pensare che e' pure avvocato. Potrebbe anche evitare di fumare troppo, prima di parlare. Anche perche' ha tutto il giorno per farlo, visto che non fa' un cazzo da anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: L'architetto parla di Zyon-Linux........
      Prima osservazione: Bill Gates non si è mai laureato ma ha frequentato Harvard (dove ha conosciuto Steve Ballmer) per qualche anno.Seconda osservazione: Bill Gates anche se è l'uomo più ricco del mondo, continua a lavorare duramente e da qualche anno è tornato ad occuparsi di prodotti, lasciando a Steve Ballmer il compito di CEO.Mi domando perchè solo qui leggo così tante imprecisioni e pregiudizi: ma prima di scrivere perchè non controllate quello che pensate ??Marco(ex dipendente MS)
      • Anonimo scrive:
        Re: L'architetto parla di Zyon-Linux....
        a ex buffone ma dacci un taglio
        • Anonimo scrive:
          Re: L'architetto parla di Zyon-Linux....
          tu che dai del buffone a me, mi fai proprio ridere! Ti ho solo dimostrato come in realtà i buffoni siete voi che spesso scrivete cose assolutamente false (come il tuo intervento inutile e superficiale).
  • Anonimo scrive:
    Sconfiggeremo la matrice!
    Non pensavo fossero sadomasochisti. =)))
  • Locke scrive:
    Mr Torvalds, bentornato. Ci è mancato.
    Gates come Smith?In effetti il suo software si espande e aggredisce gli altri programmi inglobandoli (comprandoli) o distruggendoli
  • Anonimo scrive:
    Trusted computing antispam
    Ovvio che in un'ottica di hardware e software certificato, che si certifica a livello incrociato, autenticazione e identificazione delle email in arrivo saranno molto piu' semplici. Quindi si va effettivamente verso la fine dello spam.
    • Anonimo scrive:
      Re: Trusted computing antispam
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvio che in un'ottica di hardware e
      software certificato, che si certifica a
      livello incrociato, autenticazione e
      identificazione delle email in arrivo
      saranno molto piu' semplici. Quindi si va
      effettivamente verso la fine dello spam.dicimo pure che si va verso la fine dell'uso 'libero' del PC...
    • Anonimo scrive:
      Re: Trusted computing antispam
      - Scritto da: Anonimo
      Ovvio che in un'ottica di hardware e
      software certificato, che si certifica a
      livello incrociato, autenticazione e
      identificazione delle email in arrivo
      saranno molto piu' semplici. Quindi si va
      effettivamente verso la fine dello spam.Ti riferisci a PC con Palladium?Beh. Il mondo non sara' tutto sotto Palladium.Russia, Asia e speriamo anche Europa (per ora solo qualche isolotto) si stanno affrancando dalla schiavitu' da M$. Il Palladium e' in hardware ma disattivabile... per chi non usa prodotti che lo richiedono (Windows in primis).Se per eliminare la spam chiudi le porte alle mail proveninti dalle isole libere forse ti castri da solo.
  • Giambo scrive:
    Pillole
    Forse Gates si dovrebbe fare un paio di pillole contro la schizofrenia (Se non e' psicosi il suo ribaltamento della realta'-Matrix ...).Magari anche qualcuna per il cuore:http://www.bayarea.com/mld/mercurynews/7285339.htmBeh, un milione di macchine-desktop con Linux non fanno male :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Pillole
      Beh, un bel salto per lo 0,7% dei desktop
    • Anonimo scrive:
      rispolverare una vecchia storia
      visto che stiamo delirando vorrei far notare come secondo gli esorcisti l`inversione della realta` sia un chiaro segno di possessione diabolica, quindi tutti insieme, bill gates e` l`anticristo.
  • Akiro scrive:
    patetico
    la parodia di matrix e tutto il resto mi fanno pensare al tipo venditore ambulante dei racconti che va di paese in paese a vendere ed abbindolare i clienti...praticamente Gates dev'essere un ottimo oratore ed un ottimo commerciale... ma sotto sotto punta solo ai propri interessi; è ovvio che è così in tutto il mondo, c'è poco da stupirsi... ma io sono dell'idea che avere un alternativa in tutto sia l'unica soluzione accettabile per noi _clienti_.A me le cose imposte non vanno molto giu, se a voi sta bene: liberi di non scegliere ; )byez(linux)
    • Giambo scrive:
      Re: patetico
      - Scritto da: Akiro
      la parodia di matrix e tutto il resto mi
      fanno pensare al tipo venditore ambulante
      dei racconti che va di paese in paese a
      vendere ed abbindolare i clienti...A me ricorda una persona con l'acqua alla gola, che e' disposta a mettersi in ridicolo pur di restare a galla ancora qualche attimo.Un giullare caduto in disgrazia, ecco cos'e' ora Bill Gates.Il suo compagno di merende, Ballmer, e' sempre stato un giullare, a lui il destino sembrera' meno amaro :-)
  • Anonimo scrive:
    Non e' possibile


    Alla fine della conferenza Microsoft ha proiettato, come ormai

    tradizione in questo evento, un filmato umoristico che faceva

    la parodia a The Matrix: i due protagonisti, Gates e il suo

    braccio destro Steve Ballmer, interpretavano rispettivamente

    Morpheus e Neo.

    Nella versione di Microsoft, la "Matrice" era popolata da

    consulenti informatici di IBM che vendevano Linux, mentre il

    mondo esterno era rappresentato da Windows, l'entità che -

    afferma Gates nella parodia - "dà la libertà al popolo dell'IT".Ma mio Dio, come si fa a essere cosi' coglioni?Alessandro
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' possibile
      barabà cicì coccò, tre (apple) sul comò
    • Anonimo scrive:
      Re: Non e' possibile e si sei tu il cog.
      - Scritto da: Anonimo


      Alla fine della conferenza Microsoft ha
      proiettato, come ormai


      tradizione in questo evento, un filmato
      umoristico che faceva


      la parodia a The Matrix: i due
      protagonisti, Gates e il suo


      braccio destro Steve Ballmer,
      interpretavano rispettivamente


      Morpheus e Neo.



      Nella versione di Microsoft, la "Matrice"
      era popolata da


      consulenti informatici di IBM che
      vendevano Linux, mentre il


      mondo esterno era rappresentato da
      Windows, l'entità che -


      afferma Gates nella parodia - "dà la
      libertà al popolo dell'IT".

      Ma mio Dio, come si fa a essere cosi'
      coglioni?

      Alessandrobasta leggere il tuo post e si capisce come non esiste limite alla coglionag***il filmino in questione e esilarante ma fa riflettere, fa pensare all'enorme bolla di sapone messa in piedi da ibm e compani.la stessa ibm che propaganda linuzzo, e poi nella pubblicità dei suoi portatili a tutta pagina sui maggiori giornali scrive IBM consiglia WIN XP ecc..onestamente a me pare piu una coglio****ta questa che il filmino di bill.
  • Giambo scrive:
    Spam
    Le dichiarazioni deliranti di Gates sullo SPAM sono come il cacio sui maccheroni:http://news.com.com/2100-7355_3-5107904.html?tag=nefd_popSicurezza o Windows. Scegline una, non puoi avere entrambe.
  • Anonimo scrive:
    Sux Gates! Basterebbe filtro su OE !
    inorridisco!leggere "Per dare un'altra mazzata all'invasione della posta indesiderata il gigante del software propone la tecnologia chiamata SmartScreen, un meccanismo composto da filtri "intelligenti" in grado di apprendere cosa è spam e cosa non lo è: la tecnologia fa già parte di Outlook 2003, MSN e Hotmail, ma Microsoft conta di integrarla nel prossimo futuro in un maggior numero di software e piattaforme, incluso Exchange Server" ...mi fa inorridire!Basterebbe aggiungere un paio di filtri semplici semplici e configurabili ad outlook EXPRESS.Altro che "preoccupazione spam".E amgari preoccupazione virus?Se lo fa mailwasher, lo puoi fare anche tu, se lo fa foxmail, lo puoi fare anche tu. I filtri li, funzionano.E integrare? su su , non blateriamo a vanvera.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sux Gates! Basterebbe filtro su OE !
      - Scritto da: Anonimo
      inorridisco!

      leggere "Per dare un'altra mazzata
      all'invasione della posta indesiderata il
      gigante del software propone la tecnologia
      chiamata SmartScreen, un meccanismo composto
      da filtri "intelligenti" in grado di
      apprendere cosa è spam e cosa non lo è: la
      tecnologia fa già parte di Outlook 2003, MSN
      e Hotmail, ma Microsoft conta di integrarla
      nel prossimo futuro in un maggior numero di
      software e piattaforme, incluso Exchange
      Server" ...

      mi fa inorridire!
      Basterebbe aggiungere un paio di filtri
      semplici semplici e configurabili ad outlook
      EXPRESS.con quei filtri semplici non fermi un tubo e rischi di perdere posta legittima, gli spammer usano centomila astuzie per eludere quei filtri.Probabilmente Gates sta parlando di un sistema bayesano, che comunque non è un'idea nuovissima.Ma anche con un filtraggio efficace, una volta che lo spam è arrivato sul tuo server di posta è già troppo tardi, ha consumato banda e ti ha riempito la casella. Deve essere prevenuto, e solo le blocklist pubbliche usate a livello di MX sono davvero efficaci.
  • Anonimo scrive:
    Dove si scarica!!!???
    Non me ne frega niente della propaganda o delle polemiche, voglio vederlo e farmici due risate :)
  • Anonimo scrive:
    complimenti a PI ...
    gates che indica la pubblicita' di Linux praticocon la distro di mdk ...sembra dire ..... "accattatevillo ..."(linux)
  • Anonimo scrive:
    ziobill ...
    ... perche' non fai la parodia di Sinapse ?
    • Skin Bracer scrive:
      Re: ziobill ...
      - Scritto da: Anonimo
      ... perche' non fai la parodia
      di Sinapse ?
      Parodia di SINAPSE? c'è poco da fare parodia, è la storia della M$, in tutto e per tutto. Per altro il boss della software house che produce SINAPSE assomiglia pure a Guglielmo.Dai, io ci metto il garage, chi mi da una mano a far fare a M$ la fine del film?
  • Anonimo scrive:
    Matrix? Mi sa che non hanno capito il fi
    lm, perchè nel caso la matrice sono LORO.
    Alla fine della conferenza Microsoft ha proiettato, come
    ormai tradizione in questo evento, un filmato umoristico che
    faceva la parodia a The Matrix: i due protagonisti, Gates e il
    suo braccio destro Steve Ballmer, interpretavano
    rispettivamente Morpheus e Neo.
    Nella versione di Microsoft, la "Matrice" era popolata da
    consulenti informatici di IBM che vendevano Linux, mentre il
    mondo esterno era rappresentato da Windows, l'entità che -
    afferma Gates nella parodia - "dà la libertà al popolo dell'IT".Questa è vera e propria manipolazione della realtà.Hanno sfruttato una serie culto, amata dagli informatici per rendersi simpatici.Come se giuda guardando un film su Gesu Cristo si immedesimasse in San Pietro.Secondo me i protagonisti devono essere invertiti.*****"Alla fine della conferenza su Linux, hanno proiettato, come ormai tradizione in questo evento, un filmato umoristico che faceva la parodia a The Matrix: i due protagonisti, Stallman (mh lo so lo so) e Linus, interpretavano rispettivamente Morpheus e Neo. Nella versione reale, la "Matrice" era popolata da consulenti informatici di Microsoft che vendevano Windows, mentre il mondo esterno era rappresentato da Linux, l'entità "dà la libertà al popolo dell'IT".*****Ecco, direi che cosi può andare, che ne dite?Anche perchè
    system WinFS di Windows Longhorn Ditemi se non è Matrix questo..
    • godzilla scrive:
      Re: Matrix? lino e si proprio cosi
      dunque semplicità = menu start = libertà?ma vafffffffffffffff...(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
  • Anonimo scrive:
    Non solo lamers...
    ...ma anche partigiani e ignoranti:Se non c'era l'amico Bill Gates e la MicroMorbida a dar senso e utilità ai personal computer, a rendere veramente lo strumento informatico a portata di tutti, dove vi sareste montati i vostri giocherelli che chiamate "Linux" ???
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo lamers...
      - Scritto da: Anonimo
      ...ma anche partigiani e ignoranti:

      Se non c'era l'amico Bill Gates e la
      MicroMorbida a dar senso e utilità ai
      personal computer, a rendere veramente lo
      strumento informatico a portata di tutti,
      dove vi sareste montati i vostri giocherelli
      che chiamate "Linux" ???non preoccuparti, con palladium non sarà più possibile montare il 'giocherello' linux... contento ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non solo lamers...
      - Scritto da: Anonimo
      ...ma anche partigiani e ignoranti:

      Se non c'era l'amico Bill Gates e la
      MicroMorbida a dar senso e utilità ai
      personal computer, a rendere veramente lo
      strumento informatico a portata di tutti,
      dove vi sareste montati i vostri giocherelli
      che chiamate "Linux" ???Su OS/2. Su GEM. Su qualunque altro sistema non cancellato dalle manovre monopolistiche poco chiare del tuo padrone.Sull'architettura hardware che, così che non pare, è stata creata da IBM, o su Apple, o su Sun, o su Silicon Graphics, o su Amiga, o...Sveglia, giovane. Unix esisteva, come tanti altri sistemi, prima che tu ti sognassi di prendere il tuo Compy con "tanto software per scrivere, giocare e archiviare le ricette della mamma", e Linux è uno Unix.Io lo so che anche all'ECDL ti insegnano (cito testualmente) che "il primo sistema operativo è stato l'MS-DOS, seguito poi da Windows", ma tieni presente che esiste anche un mondo reale, oltre a quello dei comunicati aziendali del tuo idolo. Piuttosto, pensaci un po': se non saltava fuori Linux a fare un po' di paura alla MicroS, questa si sarebbe mai svegliata? Avrebbe mai cercato di migliorare il suo prodotto, come pare stia cercando di fare, o avrebbe continuato all'infinito a rilasciare nuove versioni, sempre uguali ma con il pannello di controllo in un menù diverso, ogni tre anni fino alla fine dei tempi nei secoli dei secoli amen?
      • Anonimo scrive:
        Re: Non solo lamers...
        Ti do ragione sull'ultimo punto. Sicuramente la concorrenza Linux spinge MS a fare prodotti innovativi e migliori. Vorrei comunque fati notare che, prima di XP sicuramente MS non ha investito nel migliorare il sistema operativo desktop visto che non aveva concorrenti, ma lo ha fatto sulle piattaforme server (vedi Windows NT 3.51, NT 4, W2000 e adesso W2003). In generale MS è molto critica sui propri prodotti e cerca costantemente di migliorarli (a volte con successo a volte un po' meno). Invece ti ricordo che Linux ha copiato l'interfaccia utente di Windows XP (e non ha certo introdotto novità e miglioramente), mentre Unix è rimasto più o meno lo stesso da quando lo hanno inventato (a parte X-Windows che è arrivato dopo e che ha avuto une evoluzione estremamente lenta). Quindi consiglierei di essere più cauti nell'afferma che solo MS non migliora i prodotti.
        • godzilla scrive:
          Re: Non solo lamers...
          - Scritto da: Anonimo
          Ti do ragione sull'ultimo punto. Sicuramente
          la concorrenza Linux spinge MS a fare
          prodotti innovativi e migliori. Vorrei
          comunque fati notare che, prima di XP
          sicuramente MS non ha investito nel
          migliorare il sistema operativo desktop
          visto che non aveva concorrenti, ma lo ha
          fatto sulle piattaforme server (vedi Windows
          NT 3.51, NT 4, W2000 e adesso W2003).nel senso che dopo 10 anni di sviluppo finalmente abbiamo un NT usabile? certo, ci mancherebbe altro... vieni a dirlo tu a tutti i miei amici che hanno preso il Blaster per tutta l'estate (e non ti nascondo che molti di essi rimpiangono il 98 che pure di problemi ne ha molti)? cosa intendi per migliorare un prodotto allora?
          In
          generale MS è molto critica sui propri
          prodotti e cerca costantemente di
          migliorarli (a volte con successo a volte un
          po' meno). Invece ti ricordo che Linux ha
          copiato l'interfaccia utente di Windows XPcosa vuoi dire?puoi citare qualche esempio? che ne so, nominare un desktop manager che copia sfacciatamente XP... perché io non l'ho ancora visto, e se l'ho visto è perché era l'utente a modificarlo. in quel modo. avrebbe potuto farlo somigliare anche a OS X volendo. e cmq una cosa è copiare l'aspetto esteriore, un'altra copiare le librerie che lo fanno funzionare, non credi? dunque anche se fosse...
          (e non ha certo introdotto novità e
          miglioramente), mentre Unix è rimasto più o
          meno lo stesso da quando lo hanno inventatonon sono molto d'accordo... http://digilander.libero.it/bunix/it_hist.htmle comunque di UNIX ce ne sono a centinaia, più o meno liberi. di Windows ce n'è solo uno e prodotto da una sola casa (sono due in realtà, ma del primo l'azienda produttrice sta già cominciando a togliere il supporto)
          (a parte X-Windows che è arrivato dopo e che
          ha avuto une evoluzione estremamente lenta).
          Quindi consiglierei di essere più cauti
          nell'afferma che solo MS non migliora i
          prodotti.nessuno dice che non li migliora. è solo che se non sente sul collo il fiato di un concorrente non è molto propensa a farlo. questo dal punto di vista di un'azienda è ampiamente giustificato, ma considerando la sua posizione dominante sul mercato desktop... come la mettiamo se tra 10 anni rimane l'unica e sola produttrice di OS desktop al mondo? credi che per far beneficenza continuerà ad innovare, migliorare e supportare i suoi prodotti al ritmo attuale? e chi glielo farebbe fare? l'amore per l'umanità?ciaogodzilla
        • Mechano scrive:
          Re: Non solo lamers...
          - Scritto da: Anonimo
          Ti do ragione sull'ultimo punto. Sicuramente
          la concorrenza Linux spinge MS a fare
          prodotti innovativi e migliori. Vorrei
          comunque fati notare che, prima di XP
          sicuramente MS non ha investito nel
          migliorare il sistema operativo desktop
          visto che non aveva concorrenti, ma lo haTu dici: "Vorrei comunque farti notare..." e poi confermi quello che ha detto lui?
          fatto sulle piattaforme server (vedi Windows
          NT 3.51, NT 4, W2000 e adesso W2003). In
          generale MS è molto critica sui propri
          prodotti e cerca costantemente di
          migliorarli (a volte con successo a volte unM$ ha migliorato solo dove c'era concorrenza. Infatti! Mi pare banale.Quindi sei daccordo sul fatto che M$ e' un monopolista nel settore desktop e li i sistemi sono rimasti merda, ma ha dovuto investire per migliorare dove non avrebbe venduto una cippa.
          po' meno). Invece ti ricordo che Linux ha
          copiato l'interfaccia utente di Windows XP
          (e non ha certo introdotto novità eLinux non copia nulla! Linux e' un kernel.Gnu/Linux e' un sistema operativo che rispetta certe specifiche Posix quindi simile a Unix.X Window System e' un server grafico che offre una connessione di rete per il disegno di primitive grafiche, su cui si poggiano dei Window Manager (disegnatori di finestre che sfruttano le primitive grafiche di X-Window). QT, GTK, Athena, Motif sono delle librerie grafiche per costruire GUI e dare un'interfaccia coerente a tutti i programmi che le utilizzano. KDE e Gnome sono dei desktop manager con delle loro GUI costityuite da programmi basilari basati su quelle librerie grafiche.L'aspetto del sistema e alcune sue caratteristiche sono date dall'aspetto dei windget e dal modo di funzionare delle librerie GTK/QT ecc.Per tali librerie esistono dei temi grafici ossia raccolte di widgets e icone e sono personalizzabili nell'interazione con la tastiera e col mouse.L'aspetto simil-windows come simil-mac o simil-CDE o simil-amiga e' fornito dal tema di widgets e icone.Quindi a copiare Windows non e' Linux. Ma sono utenti che hanno disegnato widgets e icone e personalizzato l'interfaccia in tal senso creando temi appositi.Poi tali temi sono stati adottati anche da distributori di Linux come Mandrake, RedHat ecc. Per dare un'interfaccia nella quale un utente proveniente da Windows si senta a suo agio.Esistono centinaia di temi diversi per ogni libreria e window manager che non copiano necessariamente l'aspetto di altri sistemi.Quindi se le cose non le sai, sappile! :-PSenno' ci fai la figura dell'ignorante.
          miglioramente), mentre Unix è rimasto più o
          meno lo stesso da quando lo hanno inventato
          (a parte X-Windows che è arrivato dopo e che
          ha avuto une evoluzione estremamente lenta).
          Quindi consiglierei di essere più cauti
          nell'afferma che solo MS non migliora i
          prodotti.Non vedo perche' l'essere rimasto piu' o meno lo stesso per Unix rappresenti necessariamente un difetto.Qualcuno una volta disse: "cio' che funziona non si cambia".Che senso avrebbe avuto reinventare la ruota, Unix e' un insieme di tools e mattoncini orientati al mondo dei files. Assemblando questi mattoncini si ottengono cose piu' complesse, gli si fanno svolgere lavori di ogni genere.Un sistema operativo che ragiona per macro-oggetti necessita di programmi studiati appositamente per ogni scopo.Unix non ha un programma di backup che ogni giorno a tale ora ti prende dei file li comprime e li copia su nastro.Ma ha un archiviatore (tar), un compressore (gzip, bzip), uno schedulatore (cron, anacron), un linguaggio di script nella shell. Tramite questi ti costruisci quello che vuoi per il problema di backup che hai da risolvere.Unix e' rimasto quello che e' per cosi' tanto tempo perche' quello che ha, ha sempre funzionato egregiamente, e non vedo perche' ora c'e' Micropuzz che dice che il mondo deve cambiare, per cui dobbiamo aggiungere stupidi wizard e bug a Unix.Solo l'uomo della strada si lascia abbindolare...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
  • Anonimo scrive:
    Ma LOL....
    Ma quale Neo e Morpheus....Avete presente Boldi e DeSica quando vanno in giro a promuovere il loro ultimo polpettone di Natale?U-G-U-A-L-E !:D
    • php_inside scrive:
      Re: Ma LOL....
      Applauso,mi hai strappato le parole di bocca...."Natale a Redmond"Hahauahuaa...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma LOL....
        - Scritto da: php_inside
        Applauso,
        mi hai strappato le parole di bocca....

        "Natale a Redmond"Oppure un titlo piu' informatico: "Microtrix: Roflations" :D
  • Anonimo scrive:
    Gli utenti Windows dormono
    a quest'ora, perché di giorno lavorano.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gli utenti Windows dormono
      - Scritto da: Anonimo
      a quest'ora, perché di giorno lavorano.Verissimo.Io invece uso Linux, non passo il tempo a resettare il PC, i programmi non crashano, finisco presto il mio lavoro, riposo, e mentre loro dormono io rendo omaggio alle loro veneri ingiustamente trascurate.A ognuno quel che si merita.Tit.
      • Anonimo scrive:
        Re: Gli utenti Windows dormono
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        a quest'ora, perché di giorno lavorano.

        Verissimo.
        Io invece uso Linux, non passo il tempo a
        resettare il PC, i programmi non crashano,
        finisco presto il mio lavoro, riposo, e
        mentre loro dormono io rendo omaggio alle
        loro veneri ingiustamente trascurate.

        A ognuno quel che si merita.

        Tit.Ed io uso Windows perchè è stabile, non crasha mai, è user-friendly, ci lavoro molto bene. Non è che hai scritto questo post perchè ti rode? Ma vattene affanculo, troll (troll)
  • php_inside scrive:
    rido rido, meglio che piangere
    Nella versione di Microsoft, la "Matrice" era popolata da consulenti informatici di IBM che vendevano Linux, mentre il mondo esterno era rappresentato da Windows, l'entità che - afferma Gates nella parodia - "dà la libertà al popolo dell'IT".Ah ah ah ah!!Poverino, non sa più cosa invetarsi per cercare di raschiare un po' di soldi ... Si fa sentire la paura!Ciaoo!
    • Tetsuo scrive:
      Re: rido rido, meglio che piangere
      - Scritto da: php_inside
      Nella versione di Microsoft, la "Matrice"
      era popolata da consulenti informatici di
      IBM che vendevano Linux, mentre il mondo
      esterno era rappresentato da Windows,
      l'entità che - afferma Gates nella parodia -
      "dà la libertà al popolo dell'IT".
      Cavolo.... inizio a provare un po di pena per gli utenti windows...questi due vi prendono pure per il c*lo.veramente... sono sinceroavete la mia compassione.
    • Anonimo scrive:
      Re: rido rido, meglio che piangere

      Poverino, non sa più cosa invetarsi per cercare di
      raschiare un po' di soldi ... Si fa sentire la paura!:-) sentir dare del "poverino" all'umono + ricco del mondo...
      • Mechano scrive:
        Re: rido rido, meglio che piangere
        - Scritto da: Anonimo

        Poverino, non sa più cosa invetarsi per
        cercare di

        raschiare un po' di soldi ... Si fa
        sentire la paura!

        :-) sentir dare del "poverino" all'umono +
        ricco del mondo...
        Sai, si puo' essere poveri anche di "spirito"... --Ciao. Mr. Mechano
  • Anonimo scrive:
    Ecco le prime immagini di GatesMatrix
    http://msmobiles.com/news.php/1652.htmlhttp://www.i4u.com/article848.html..sono alla frutta :|
    • php_inside scrive:
      Re: Ecco le prime immagini di GatesMatrix
      siamo al limite dell'assurdità.Ma bill gates non era un genio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco le prime immagini di GatesMatrix
      Cito dall'articolo: " il mondo esterno era rappresentato da Windows, l'entità che - afferma Gates nella parodia - "dà la libertà al popolo dell'IT"."La libertà di scelta direi che è rappresentata dalla pillola blu, quella con la scritta IBM: direi che la libertà di scelta non te la lasciano mica, windows te lo impongono, per loro stessa ammissione!! (per chi non capisse, guardate il 1°link citato dal post a cui rispondo)
  • Anonimo scrive:
    20 anni fa parlava del Mac...
    "Las Vegas (USA) - Affidabilità, facilità d'uso, coerenza dell'interfaccia utente: su questo un giovane Bill Gates venti anni fa aveva intrattenuto per la prima volta la platea della più importante fiera americana della tecnologia, il Comdex di Las Vegas. E, venti anni dopo..."Verissimo, ma venti anni fa quelle parole erano riferite al Macintosh, Bill all'epoca era uno dei tanti fornitori Apple e produceva Word e Excel per l'unica piattaforma con una GUI che li potesse sfruttare.Vent'anni fa NON parlava di Windows!!!http://maicrosoft.italiamac.com/video/billfischiato.mov.zip
  • Anonimo scrive:
    Che pena, ma non si vergognano ?
    Linux = matrix, Windows Liberta' ?Ma o non si rendono conto davvero di quello che sono o sono proprio delle faccia da c...o visto che se si dovesse fare un paragone simile le parti sarebbero invertite anche perche' quelli dentro matrix (windows) sono tantissimi e quelli fuori (linux) sono poki, ma linux a windows gli sta a fare il c... pian piano...
    • Anonimo scrive:
      Re: Che pena, ma non si vergognano ?
      Esatto, sono proprio delle facce da cu..
    • Anonimo scrive:
      Re: Che pena, ma non si vergognano ?
      Si, hai proprio ragione! Infatti redhat si è appena ritirata dal mercato desktop e il presidente ha dichiarato che windows è la piattaforma migliore per gli utenti di PC. Se secondo te linux sta facendo il c--o a Microsoft, ti consiglio di vedere il fatturato di quest'ultima (in continua ascesa sia per i prodotti desktop che server) e di valutare le cose come realmente stanno e non con pregioudizio.
      • Shurizen scrive:
        Re: Che pena, ma non si vergognano ?
        - Scritto da: Anonimo
        Si, hai proprio ragione! Infatti redhat si è
        appena ritirata dal mercato desktop e il
        presidente ha dichiarato che windows è la
        piattaforma migliore per gli utenti di PC.
        Se secondo te linux sta facendo il c--o a
        Microsoft, ti consiglio di vedere il
        fatturato di quest'ultima (in continua
        ascesa sia per i prodotti desktop che
        server) e di valutare le cose come realmente
        stanno e non con pregioudizio.Bravo Anonimo (e già qui sei coniglio dentro...)!A me dei fatturati, del numero di utenti, del programmino per archiviarti le foto pedoporno che ti va solo su WinBlows, non potrebbe importare di meno.Io uso Linux, e ogni giorno accendendo il PC vedo un sistema operativo stabile, con tutto il software necessario e molto di più, con giochi (Neverwinter Nights e Wolfenstein: ET gli ultimi, non Pong...) e programmi multimediali migliori dei tuoi (Totem e MPlayer visualizzano praticamente TUTTI i formati di file, senza codec o altro; WinSucks Media Player non ha un sistema per scaricare i codec in automatico che funzioni dopo 9 versioni...).Tu dirai, se è così buono, perchè non lo usano tutti?La massa è stupida, le pecore sindacaliste sono troppo occupate a difendere presunti diritti acquisiti per volersi migliorare individualmente... io la penso così, e tu, dove verrai costretto ad andare oggi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Che pena, ma non si vergognano ?

          Io uso Linux, e ogni giorno accendendo il PC
          vedo un sistema operativo stabile,Prova a pulirti gli occhiali...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che pena, ma non si vergognano ?
            Si pero ha ragione, ormai alcuni software per linux sono molto meglio di qualunque alternativa win. Mplayer è un caso su tutti, apre i Wmv, Vivo, i Ram i quicktime, apre tutto, senza scaricare nessun codec, apre gli Avi danneggiati, gli Avi senza index, ricostruisce l'index, fa TUTTO, sotto win servono 12 programmi diversi per ottenere metà dei risultati, e mplayer okkupa 2 mega...Quindi, ok ke XP è un bel sistema, ma se dovessi sciegliere cosa avere a lavoro dubito scieglierei windows.- Scritto da: Anonimo


            Io uso Linux, e ogni giorno accendendo il
            PC

            vedo un sistema operativo stabile,

            Prova a pulirti gli occhiali...
          • Anonimo scrive:
            Re: Che pena, ma non si vergognano ?
            forse volevi scrivere che sceglieresti Linux
          • Anonimo scrive:
            Re: Che pena, ma non si vergognano ?
            - Scritto da: Anonimo
            forse volevi scrivere che sceglieresti LinuxBeh "dubito scieglierei windows" mi pare una negazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che pena, ma non si vergognano ?
        a redhat sono solo dei coglioni e quindi non sono da prendersi in considerazione...Alla redhat prima decidono di storpiare brutalmetne le interfaccie dei 2 desktop maggiori, ossia gnome e kde tra l' altro rendendo inutilizzabile del tutto kde per spingere l' uso di gnome, quando il miglior desktop per linux e' proprio kde, sopratutto per chi migra da windows, bene dopo aver reso i desktop di linux inutilizzabili salta su che linux non e' pronto per il dekstop, poteva dire piuttosto che loro hanno fatto delle cazzate, perche' le distro come suse sul desktop sono in piena fioritura, infatti non hanno storpiato le interfaccie originali dei dekstop.
      • Anonimo scrive:
        Re: Che pena, ma non si vergognano ?
        a redhat sono solo dei coglioni e quindi non sono da prendersi in considerazione... Alla redhat prima decidono di storpiare brutalmetne le interfaccie dei 2 desktop maggiori, ossia gnome e kde tra l' altro rendendo inutilizzabile del tutto kde per spingere l' uso di gnome, quando il miglior desktop per linux e' proprio kde, sopratutto per chi migra da windows, bene dopo aver reso i desktop di linux inutilizzabili salta su che linux non e' pronto per il dekstop, poteva dire piuttosto che loro hanno fatto delle c....e, perche' le distro come suse sul desktop sono in piena fioritura, infatti non hanno storpiato le interfaccie originali dei dekstop.
  • DarKStaR scrive:
    il video???
    sbav... non vedo l'ora di vedere questa clip in giro x internet!! 8)altro che matrix revolutions!!! grande bill! (ps. Cosa nun se fa pe' campa'....) :) :) :) :)
    • Anonimo scrive:
      Re: il video???
      ce l'hai quel video (oramai penso storico) di ballmer che per esaltare la folla zompa da una parte all'altra del palco, urla ecc. ecc. :D
      • DarKStaR scrive:
        Re: il video???
        no.. quello mi manca....ma in compenso ho quello di bill che presenta windows 98 il quale va... in bluescreen!!!! :)mmmittikko! grande bill, grandissimo................ mabbaffanc.. va!!! 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: il video???
          Quella scena è presente nel libro di storia di mio figlio :)))- Scritto da: DarKStaR
          no.. quello mi manca....

          ma in compenso ho quello di bill che
          presenta windows 98 il quale va... in
          bluescreen!!!! :)

          mmmittikko! grande bill,
          grandissimo................ mabbaffanc..
          va!!! 8)
        • Anonimo scrive:
          Re: il video???
          - Scritto da: DarKStaR
          no.. quello mi manca....http://www.stenstad.net/storage/ballmer_dance.mpghttp://www.ntk.net/media/developers.mpg:D :| :'(
  • Anonimo scrive:
    Gates-delirio..........
    Bene, bravo e bis ! Ma per favore lo dica che tutto questo tam-tam sullo spam altro non è che uno dei canali per rifilarci Palladium, il quale, NON ci proteggerà dallo spam.
    • Anonimo scrive:
      Re: Gates-delirio..........
      naturalmente, è vero, ma il 99% delle persone ci crederà.Quando poi si accorgeranno che non ferma un ca... tranne quello che non dovrebbe fermare ..
  • Anonimo scrive:
    gates e ballmer??!
    che danno la libertà al popolo IT?!ma in quale film???ah, doveva essere qualcosa di franco e ciccio... (grandi!)
  • Anonimo scrive:
    come al solito...
    "Mentre Gates rappresentava Microsoft al Comdex, dall'altro lato dell'oceano, in Giappone, Steve Ballmer stava tentando di persuadere il governo e le aziende giapponesi che Linux non è la risposta giusta ai loro problemi di sicurezza"come sempre quando mancano le capacità tecniche, si tratta sottobanco, si gioca sporco...
    • Anonimo scrive:
      Re: come al solito...
      - Scritto da: Anonimo
      come sempre quando mancano le capacità
      tecniche, si tratta sottobanco, si gioca
      sporco...Dalle mie parti si chiamava ungere... B-)
      • Anonimo scrive:
        Re: come al solito...

        Dalle mie parti si chiamava ungere... B-)O calare le braghe e mostrare il culo già bello lubrificato (= Ms tenta di dissuadere il comune di monaco dall'adottare linux)!maxxer
        • BSD_like scrive:
          Re: come al solito...
          Quando il parlamento tedesco discuteva se adottare Linux al posto di win*, la filiale tedesca di M$ in una succulenta lettera inviata al presidente di uno dei 2 rami del parlamento, arrivava ad una velata minaccia di licenziamenti del personale (lasciando ad intendere che non riguardava solo M$, ma anche le aziende tedesche consociate).Alla fine il parlamento tedesco adottò Linux sui server al posto di win*, ma lasciò win* sui desktop.Non sò quanto abbia influito quella minaccia in questa scelta; quello che vorrei è che simili minacce, ventilate o meno venissero adeguatamente punite da un tribunale.
    • Anonimo scrive:
      Re: come al solito...
      - Scritto da: Anonimo
      come sempre quando mancano le capacità
      tecniche, si tratta sottobanco, si gioca
      sporco...Ma che giocare sporco e giocare sporco, sono arrivati proprio alla frutta, è questo il dato di fatto.Giusto con queste ca**ate possono sperare di sembrare migliori... ma... ormai chi ci crede più? Giusto qualche sprovveduto che si lascia affascinare più dall'apparenza che dalla sostanza.
      • Anonimo scrive:
        Re: come al solito...
        giudichi la superficialità degli altri quando tu sei il primo che giudica per partito preso!Comunque non capisco se lavorate tutti dentro uno stanzino con il paraocchi oppure la vostra è solo mala fede. Comunque, contenti voi di adoperare programmi compatibili solo per modo di dire (leggasi Open Office e varianti del caso) e di usare il VI come editor...
Chiudi i commenti