SCO: ecco il sito anti-Groklaw

Il nuovo sito mette a disposizione informazioni sulle cause che contrappongono SCO ad IBM e ad altre società legate a Linux. Un necessario contrappeso, sostiene SCO, all'informazione pro-Linux diffusa da Groklaw.net


Lindon (USA) – Il sito che avrebbe dovuto debuttare lo scorso novembre con il nome di prosco.net, è stato lanciato da SCO Group nelle scorse ore come sezione del proprio sito istituzionale.

Con la nuova risorsa, chiamata SCO IP , la società di Lindon ha messo a disposizione del pubblico informazioni e documenti relativi alle sue famose cause, tuttora in corso, in cui reclama la proprietà intellettuale di diverse porzioni di Linux.

Lo scorso anno SCO aveva preannunciato il varo di un sito che potesse controbilanciare l’informazione fatta dal noto Groklaw.net , la più importante fonte d’informazione sulle vicende legali che riguardano SCO e Linux. Una fonte notoriamente schierata dalla parte della comunità open source e, come tale, prima della lista sul libro nero di SCO.

“Fino ad oggi non c’è stato alcun sito che abbia correttamente riportato il nostro punto di vista in merito ai contenziosi legali che ci vedono protagonisti”, aveva affermato lo scorso ottobre Darl McBride, CEO di SCO. “È ora che la gente senta anche la nostra campana”.

Dall’home page di SCO IP è possibile accedere a cinque sottosezioni del sito, ciascuna dedicata ad una diversa causa: SCO contro IBM , SCO contro Novell , SCO contro AutoZone , SCO contro DaimlerChrysler e Red Hat contro SCO . Ogni sezione contiene una sintetica descrizione della causa, utile soprattutto per comprendere a colpo d’occhio l’oggetto del contendere, e il testo di mozioni, memo, verbali e disposizioni del tribunale. Paradossalmente, SCO ha ammesso di aver preso parte di questa documentazione proprio dal contendente Groklaw.net.

Nel prossimo futuro l’azienda conta di aggiungere a SCO IP un calendario delle udienze, alcuni link a risorse legali e le risposte ai quesiti più comuni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ora capisco...
    ...l'improvviso peggioramento del mio Win ME dopo che disattivando i servizi più inutili e fatti coi piedi avevo ridotto i crash a livelli quasi accettabili...
  • Anonimo scrive:
    Si potrebbe usare quest'altra !
    http://exuberant.ms11.net/98sesp.htmlA proposito, nessun volontario per la traduzione in italiano ?BrUtE AiD
    • Anonimo scrive:
      Re: Si potrebbe usare quest'altra !
      Si potrebbe anche usare questa:CTRL+ALT+CANCA:
      format c:ed abolire per Decreto Legge Win9x/Me !
    • Anonimo scrive:
      Re: Si potrebbe usare quest'altra !
      Qualcuno la Gia Usata ?è compatibile col win98se versione italiana ?E diventa Più Stabile e sicura ?Chi sà ma tutti i sistema anno sempre i maledetti Bag.
  • Faboski scrive:
    nessun attacco se il pc e' crashato
    Cito dall'ariticolo: «"al momento non siamo a conoscenza di alcun caso in cui un utente di Windows 98/Me abbia subito un attacco a causa di questa vulnerabilità".»e grazie al ca**o«Secondo quanto segnalato da alcuni utenti di Windows 98/Me, l'aggiornamento può in certi casi generare crash di sistema o un generale rallentamento del PC.»se nn funziona il pc.. uno come fa ad avere attacchi.. solo quelli isterici...ma sono completamente fuori... :s
    • Presid. Scrocco scrive:
      Re: nessun attacco se il pc e' crashato
      Leggi bene l'articolo, prima!
      Cito dall'ariticolo: «"al momento non siamo a
      conoscenza di alcun caso in cui un utente di
      Windows 98/Me abbia subito un attacco a causa di
      questa vulnerabilità".»Significa che non ci sono stati attacchi in computer in cui NON è stata installata la patch difettosa (e dove la vulnerabilità è ancora presente) e quindi se ne può fare anche a meno - E IL COMPUTER GIRA BENE, NON CRASHA SENZA PATCH.
      ma sono completamente fuori... :sNon credo.... ;)
      • Pokayoke scrive:
        Re: nessun attacco se il pc e' crashato
        Soprattutto non c'è bisogno di attaccarlo...Ci pensa già la patch a far funzionare male il computer!!!Oramai anche i viruswriter possono andare in pensione, basta aspettare che micro$oft rilasci le sue patch!!!(idea) ...tra poco troveremo in girpo un nuovo tipo di virus che ti installa le patch di winzoz per rallentarti il computer!!! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: nessun attacco se il pc e' crashato
      - Scritto da: FaboskiChissa come mai un 3d dal titolo "nessun attacco se il pc e' crashato" non l'hai postato nella news sul kernelo di linucs.Ci stava bene uguale...
      • Anonimo scrive:
        Re: nessun attacco se il pc e' crashato
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Faboski
        Chissa come mai un 3d dal titolo "nessun attacco
        se il pc e' crashato" non l'hai postato nella
        news sul kernelo di linucs.
        Ci stava bene uguale...Bho, magare non crashano :-)
  • Anonimo scrive:
    LO SAPEVO!
    E' da due settimane che cerco di capire qualcosa di quella patch, dopo un paio d'ore il computer mi si rallenta fino diventare inservibile, lo sapevo che era quella!
    • Anonimo scrive:
      Re: LO SAPEVO!
      E' il colmo... anzichè patchare il sistema , lo piantano del tutto.. così sì che non si corrono rischi ;-)) non ho parole...Cmq ecco cosa fare ai malcapitati (come me) che pensano sia importante applicare sempre le patch rilasciate:una volta installata la patch, aprire RegEdit o altro programma di manomissione del registro di configurazione ed eliminare la chiave[HKEY_LOCAL_MACHINESoftwareMicrosoftWindowsCurrentVersionRunServices]"Kb891711"="C:\WINDOWS\SYSTEM\KB891711\KB891711.EXE"In questo modo si evita che la patch venga eseguita all'avvio, consentendo al sistema di funzionare ""correttamente"".lUcA
      • Anonimo scrive:
        Re: LO SAPEVO!
        Sì il problema è che probabilmente il sistema poi resta scoperto, anche se fa davvero strano che per una patch si usi un processo separato- Scritto da: Anonimo
        E' il colmo... anzichè patchare il sistema , lo
        piantano del tutto.. così sì che non si corrono
        rischi ;-)) non ho parole...
        Cmq ecco cosa fare ai malcapitati (come me) che
        pensano sia importante applicare sempre le patch
        rilasciate:

        una volta installata la patch, aprire RegEdit o
        altro programma di manomissione del registro di
        configurazione ed eliminare la chiave

        [HKEY_LOCAL_MACHINESoftwareMicrosoftWindowsCur
        "Kb891711"="C:\WINDOWS\SYSTEM\KB891711\KB89171

        In questo modo si evita che la patch venga
        eseguita all'avvio, consentendo al sistema di
        funzionare ""correttamente"".

        lUcA
    • Anonimo scrive:
      Finalmente patchata
      Era ora
  • Anonimo scrive:
    ma dai
    cito:"...sottolineando tuttavia come al momento non siamo a conoscenza di alcun caso..."beh si, sono tante le cose di cui non siete a conoscenza.
Chiudi i commenti