SCO esporta le licenze per Linux

SCO esporta le licenze per Linux

L'azienda ora promuove ufficialmente le proprie licenze Linux anche fuori dagli USA. Mosse che potrebbero preludere a nuove querele contro gli utenti Linux, europei compresi
L'azienda ora promuove ufficialmente le proprie licenze Linux anche fuori dagli USA. Mosse che potrebbero preludere a nuove querele contro gli utenti Linux, europei compresi


Roma – SCO Group ha esteso il programma di licenza per gli utenti di Linux a tutto il mondo, Europa inclusa, attraverso le sue filiali e la sua capillare rete di rivenditori. Questo significa che anche le aziende che hanno la propria sede al di fuori degli Stati Uniti, e che utilizzano Linux, rischiano ora di essere trascinate in tribunale con l’accusa di violare i copyright di UNIX.

Sebbene ad oggi SCO non abbia aperto nessuna causa contro gli utenti di Linux, l’azienda ha ribadito proprio di recente la volontà di spiccare le prime denunce: fra i primi bersagli dovrebbero esserci alcune multinazionali americane ed europee .

Le licenze concesse da SCO, del costo “promozionale” di 699 dollari per processore server e 199 dollari per processore desktop, garantiscono “l’uso run-time dei binari di Linux per tutti gli utenti commerciali che utilizzano una qualsiasi versione di Linux basata sul kernel 2.4 o successivo”.

Chris Sontag, senior vice president e general manager della divisione SCOsource, ha affermato che le forme d’ indennizzo degli utenti varate da HP e Novell sono “costose e limitate” e “non garantiscono del tutto contro eventuali conseguenze legali”.

“Programmi d’indennizzo o fondi per la difesa legale non cambiano il fatto che la proprietà intellettuale di SCO sia stata individuata nel sistema operativo Linux”, ha di recente dichiarato Darl McBride, presidente e CEO di SCO. “SCO è determinata a far valere i propri diritti di copyright fino a livello degli utenti finali, cosa che risulterà evidente dalle azioni che intraprenderemo nelle prossime settimane”. Azioni che, come si è detto, dovrebbero interessare anche l’Europa e, in particolare una o più aziende con sede in Inghilterra.

“In qualità di società quotata in borsa, SCO ha la responsabilità di proteggere la propria proprietà intellettuale e di perseguire azioni legali nel caso in cui essa sia violata”, si legge un comunicato diffuso da SCO negli scorsi giorni. “Proprietà intellettuale di SCO è stata trovata all?interno del sistema operativo Linux. SCO ha immediatamente e chiaramente informato gli utenti finali di Linux sulla gravità della violazione di tale proprietà intellettuale. Il 18 novembre scorso, SCO ha quindi annunciato di avere ampliato il mandato a David Boies di Boies, Schiller and Flexner per rappresentare SCO nelle dispute legali con utenti finali che l?azienda pensa saranno avviate entro la metà di febbraio 2004”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 01 2004
Link copiato negli appunti