SCO: usi Linux? Ecco il conto

Dopo aver varato le licenze per l'uso di Linux, SCO ne sollecita l'acquisto da parte degli utenti commerciali del Pinguino. L'azienda inizierà a spedire fatture alle aziende più attive nello sviluppo di Linux


Roma – Manca ancora più di un anno e mezzo alla data della prima udienza che aprirà il processo SCO-IBM , procedimento che si annuncia lungo. Ma SCO non sembra intenzionata ad aspettarne la conclusione prima di chiedere alle aziende di acquistare la licenze d’uso di Linux .

Nel tentativo di persuadere il maggior numero di utenti commerciali di Linux a “mettersi in regola”, SCO si è detta pronta ad assumere una posizione maggiormente attiva e a spedire “il conto a casa” ad alcune delle società che notoriamente sviluppano, vendono e/o usano Linux.

SCO sostiene che la sua fattura , mirata a sollecitare l’acquisto della licenza di Linux, verrà inviata solo a quelle aziende di cui gli avvocati di SCO abbiano attentamente analizzato le attività di business: le aziende più grandi, come HP o Dell, o quelle maggiormente coinvolte nello sviluppo di Linux, come Red Hat e altri grossi distributori, potrebbero essere i primi destinatari della richiesta di pagamento di SCO.

Quella di SCO è una mossa strategica e non certo una boutade, se non altro perché è un modo per avvertire certi big che, se non pagheranno, saranno i primi ad essere trascinati in tribunale.

Michael Dell, CEO e fondatore dell’omonimo gigante dei PC, ha affermato di non avere alcuna intenzione di rivelare a SCO – i cui segugi sono già all’opera – i nomi dei clienti che utilizzano i propri sistemi Linux. Dell ha poi detto di aver notato una certa flessione nella vendita di server Linux fra le grosse realtà aziendali, forse sintomo che le minacce legali di SCO, almeno in qualche caso, sono andate a segno.

Lo scorso agosto SCO ha fissato il prezzo della licenza per Linux a 699 dollari, una cifra il cui pagamento è previsto per ogni processore contenuto all’interno di un server su cui giri Linux 2.4 o superiore. Dopo il 15 ottobre il costo della licenza raddoppierà.

Sebbene alcune società di analisi, fra cui il Gartner , abbiano invitato gli utenti commerciali di Linux a prendere sul serio le minacce di SCO e ad aprire un dialogo con quest’ultima, i difensori di Linux ribadiscono come sia assurdo, da parte di SCO, pretendere soldi sulla base di asserzioni e prima ancora che il tribunale abbia verificato le prove ed emesso un verdetto.

Nel frattempo SCO, sulla scia delle controdenunce presentate recentemente da Red Hat e IBM , ha deciso di attaccare la licenza GPL e di dimostrare – eventualmente davanti ad una corte – che le sue clausole, oltre a non poter scavalcare le leggi in materia di copyright, non hanno alcun valore legale.

Se possibile, la temperatura è salita ulteriormente.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Spam una igiustizia senza regole
    Ciao è molto interessane questo argomento, vorrei saperne da più.1) cosa si intende per spam, è spam se io mi metto a cercare su internet indirizzi che mi possono interessare, e informo inviando un'email dal mio PC???2) ma se così fosse allora dov'è la libertà?? gli elenchi telefonici?? le pagine gialle??? è una questinone di forma, di stile, dicosa??3) dov'è andata a finire lo scopo principale di internet cioè quello di essere tutti allo stesso livello? di poter comunicare al dilà delle possibilità economiche, stanno uccidendo internetCredo che si calpesti il buon senso che è dentro di noi e questo non mi piacesaluti
    • Anlan scrive:
      Re: Spam una igiustizia senza regole
      - Scritto da: Anonimo
      Ciao è molto interessane questo
      argomento, vorrei saperne da più.
      1) cosa si intende per spam, è spam
      se io mi metto a cercare su internet
      indirizzi che mi possono interessare, e
      informo inviando un'email dal mio PC???Si è spam ... per inviare email pubblicitarie DEVI avere il consenso del destinatario. (http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=29840).Le email prese dai siti NON sono utilizzabili per l'inoltro della posta elettronica pubblicitaria: il proprietario del sito infatti (in genere) le mette per permettere a possibili clienti il contatto con lui non per farsi inondare di roba che non ha chiesto.
      2) ma se così fosse allora
      dov'è la libertà?? gli elenchi
      telefonici?? le pagine gialle??? è
      una questinone di forma, di stile, dicosa??In un certo senso è anche una questione di forma: un elenco di indirizzi per poter essere utilizzato (come dice il buon Rodota') deve essere conoscibile da tutti: l'elenco del telefono (quello cartaceo) può essere utilizzato (mi sembra) le pagine gialle elettroniche NO.
      3) dov'è andata a finire lo scopo
      principale di internet cioè quello di
      essere tutti allo stesso livello? di poter
      comunicare al dilà delle
      possibilità economiche, stanno
      uccidendo internetSe intendi con libertà la possibilità di rompermi le scatole con le tue email di cui non mi interessa proprio nulla vale sempre il principio che la tua libertà finisce dove comincia la mia e quindi ...
      Credo che si calpesti il buon senso che
      è dentro di noi e questo non mi piace

      salutiSe dovessimo campare sul buon senso e sulla bontà di intenti delle persone allora non servirebbero regole.Ciao
  • Anonimo scrive:
    ma chi ci crede?!?
    Ci inventiamo un indultino per svuotare le carceri piene di ladruncoli e il Garante si mette a proporre la galera per gli spam!?!? e se uno spamma dall'America lo estradiamo per metterlo in galera in Italia?!?Mi spiace ma questa mi sembra solo MANIA DI PROTAGONISMO :P
  • Anonimo scrive:
    E se lo spam parte dagli USA?
    A cosa serve avere le leggi e le circolari secondo cui anche i reati online commessi dall'estero sono perseguibili, se poi la polizia postale non è messa nelle condizioni (budget, tempo, lingua) di fare una rogatoria internazionale o quant'altro serve per perseguirli? L'Italia con queste leggi potrebbe in teoria lanciare qualche bell'esempio contro spammer internazionali. Ma che io sappia non lo fa... (vedi www.nospam.info)
  • Anonimo scrive:
    spam assassin, altro che rodotà!
    Lascite i politici fuori dalla rete,usate spam assassin con i filtri bayesianiciao ciaomegamix
    • Anonimo scrive:
      Re: spam assassin, altro che rodotà!
      BEN DETTO!
    • Anonimo scrive:
      Re: spam assassin, altro che rodotà!
      Questo è usare il cervello!Io l'ho fatto già da un pezzo e ho risolto il problema.e poi diciamo la verità lo spam è noioso ma non arrecadanni al portafoglio (solo qualche centesimo a quei pochirimasti senza flat).Io invece punto il dito contro i dealer che arrecano danni pesanti.Però il problema è che qui ci sono parecchi interessi economici infatti in questo settore non si fa nulla.Girando in rete si trovano tanti bei programmini anche free per fare dealer e attivare un numero 899 è un gioco da ragazzi.Cerchiamo di preoccuparci delle cose vere.Ciao
  • Anonimo scrive:
    Garanzie e Contro-garanzie
    Se lo spam diventa reato, chi puo' garantire che uno spammatore-estorsorenon mandi delle email A NOME DI qualcun altro?Per danneggiarlo economicamente e legalmente?Lo spammatore e' protetto dall'anonimato, magarispedisce dalla Russia o da altri Paesi balordi, passando per chissa' quali proxy, ma sel'azienda "pubblicizzata" sta in Italianon avrebbe problemi???Quindi verrebbe multata....... ma se cosi fossenon nascerebbe un racket specializzato inspam con finalita' punitive?Se invece si dice: no, l'azienda pubblicizzatanon ha colpa, si punisce solo il mittente (chese ci sa fare e' impossibile da rintracciare)in questo caso, viceversa, chi potra' garantireche spammatore e azienda pubblicizzata non sianoin realta' d'accordo fra loro?In questo modo lo spam continuerebbecome prima, basta che tutti coloro che ne traggonobeneficio dichiarino di "non saperne nulla".....insomma proprio un bel pasticcio.
  • Anonimo scrive:
    Fatemi capire una cosa
    Non riesco a capire una cosa: come faccio a proporre i miei servizi alle altre aziende?Da quando esiste il mondo le aziende si contattano per proporsi servizi e prodotti. Senza questo, l'economia muore.Come faccio dunque da domani a proporre un servizio ad un'altra azienda via email? devo mandare una email per chiedere il permesso di mandare una email per chiedere se interessa il mio prodotto? Teoricamente anche la prima email è spamming visto che qualche delucidazione sul contenuto della mail successiva devo darlo. O no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatemi capire una cosa
      - Scritto da: Anonimo
      Non riesco a capire una cosa: come faccio a
      proporre i miei servizi alle altre aziende?

      Da quando esiste il mondo le aziende si
      contattano per proporsi servizi e prodotti.
      Senza questo, l'economia muore.

      Come faccio dunque da domani a proporre un
      servizio ad un'altra azienda via email? devo
      mandare una email per chiedere il permesso
      di mandare una email per chiedere se
      interessa il mio prodotto?

      Teoricamente anche la prima email è spamming
      visto che qualche delucidazione sul
      contenuto della mail successiva devo darlo.
      O no?Ti prepari un migliaio di letterine affrancate con francobollino da 0.41 euro e le spedisci... invece di fare spendere a me i soldi della connessione per scaricare la tua pubblicità.
      • igorR scrive:
        Re: Fatemi capire una cosa
        una volta preparato il francobollo da 0.41 euro ti mando la mia letterina in cui ti avviso che se accetti ti manderò una email pubblicitaria giusto?tu non paghi la connessione dato che la lettera te la legge il postino, ma ciò non cambia che io ho trattato già i tuoi dati personali e ben + di una email ... ditta, indirizzo ecc ... inoltre qualcuno nella tua ditta si occupa di smistare la posta ed ecco che la mia lettera comporta un lavoro, una perdita di tempo e non si dice che il tempo è denaro?quindi a questo punto non posso mandare lettere, email e nemmeno fax, anche un rappresentante fa perdere tempo quindi nemmeno quello ... beh speriamo che le ditte abbiamo bisogno del mio servizio e che mi chiamino, io sto qui ad aspettare!ma attenzione, non segnatevi il mio numero di telefono da nessuna parte altrimenti vi denuncio!
        • Anonimo scrive:
          Re: Fatemi capire una cosa
          - Scritto da: igorR
          una volta preparato il francobollo da 0.41
          euro ti mando la mia letterina in cui ti
          avviso che se accetti ti manderò una email
          pubblicitaria giusto?
          tu non paghi la connessione dato che la
          lettera te la legge il postino, ma ciò non
          cambia che io ho trattato già i tuoi dati
          personali e ben + di una email ... ditta,
          indirizzo ecc ...

          inoltre qualcuno nella tua ditta si occupa
          di smistare la posta ed ecco che la mia
          lettera comporta un lavoro, una perdita di
          tempo e non si dice che il tempo è denaro?

          quindi a questo punto non posso mandare
          lettere, email e nemmeno fax, anche un
          rappresentante fa perdere tempo quindi
          nemmeno quello ...

          beh speriamo che le ditte abbiamo bisogno
          del mio servizio e che mi chiamino, io sto
          qui ad aspettare!

          ma attenzione, non segnatevi il mio numero
          di telefono da nessuna parte altrimenti vi
          denuncio!Ciao, io effettivamente sono daccordo con te in quanto faccio lo stesso lavoro (vendo un servizio per aziende) e credo che noi (almeno parlo per me) che mando una email ogni 50 / 60 giorni alle aziende possibili clienti (quindi non privati, ma aziende che spesso hanno una email promozione@... e pertanto sono loro che sono interessati a ricevere le mie email e quelle dei miei concorrenti). Ovviamente ho verificato alcuni casi di miei concorrenti che credendomi una'azione da interessata ai loro servizi, mi hanno inviato ben 15 messaggi in 3 giorni (effettivamente questo è spamming).Non mando mai messaggi più grandi di 5-6 Kb. Non sono un dialer che illegamente ti connette a numenri internazionali e costosi. Non faccio pubblicità ingannevole in quanto non uso parole come free - gratis e via dicendo...Non pubblicizzo materiale vietato ai minori, ne illegale.Quindi, chi ci tutela e ci tira fuori dalla mischia, mi sembra che la 'legge' del garante della privacy è un po' massimalista. Non è il caso di fare di tutta un'erba un fascio.giovihp@libero.it se qualcuno fosse interessato al mio messaggio
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatemi capire una cosa
      Non mandarla proprio. Statti buono e non rompere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatemi capire una cosa
      - Scritto da: Anonimo
      Non riesco a capire una cosa: come faccio a
      proporre i miei servizi alle altre aziende?
      Credo che la legge non si applichi alle aziende.
      Come faccio dunque da domani a proporre un
      servizio ad un'altra azienda via email? Da domani? Guarda che la legge esiste dal 1996, non è mica uscita ieri.
      • Anonimo scrive:
        Re: Fatemi capire una cosa
        Era quello che volevo dire nel mio primo messaggio.Vedo che c'è qualcuno che ha capito il punto. Le aziende, quelle corrette, devono lavorare. Questa dichiarazione del garante francamente mi pare davvero troppo massimalista.Bisognerebbe restringere l'illecito a casi specifici (es. vietato inviare 10+ messaggi contemporaneamente) facendo le eccezioni del caso.DG
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatemi capire una cosa
      Signori miei, basta usare il cervellino e capire cosa sia spamming e cosa no. Quando un'azienda vuole inviare una mail per pubblicizzare un proprio prodotto ad un'altra zienda oanche ad un privato può farlo basta che si attenga al buon senso.....e il destinatario nno si sentirà vittima di spamming.PER ESEMPIO:Io azienda ho un prodotto che potrebbe interessare una certa fascia/settore di aziende ok? Mi faccio una ricerca degli indirizzi email o postali di tali aziende, negozi etc....e preparo il mio messaggio da inviare ad ognuno di loro singolarmente indirizzandolo propriamente a quella azienda, poi a quell'altra e poi all'altra....naturalmente devono essere aziende potenzialmente interessate al mio prodotto, se vendo programmi di archiviazione dati inutile che lo mandi allam ail del macellaio no? La manderò alle aziende che gestiscono dati e solo quel tipo di dati trattati dal mio software non altri....e poi la mail o la lettera, la preparo per bene con tutti i dati senza slogan ingannevoli, usando caratteri normali e leggibili (non fantomatiche uscite di caratteri, enormi, strambi e di colori assurdi male accostati. Niente immagini né allegati per essere leggeri....al massimo un link in chiaro e non nascosto per vedere foto, immagini etc da evitare in allegato...è chiaro che per la posta si possono mettere già lì è ovviamente un peso diverso dalla mail. Evitare le email in HTML etc....mandatele solo testo, mettete sempre il nome di un responsabile e tutti i vostri recapiti precisi, non solo un cellulare o solo una mail. Scrivete dalla mail alla quale potete ricevere la risposta....mettete sempre in calce l'avviso che denota la possibilità di comunicarvi lo stop ad eventuali prossimi invii, anche se la vostra nno è una newsletter....siate gentili e non aggressivi......e una volta mandata basta, non ripetete più tale invio, se la persona sarà interessata vi risponderà altrimenti niente finito li. Non rompetegli l'anima con altri invii uguali. Al massimo se avetep aura che l'interessato se ne sia scordato inviate un'altra email dove chiedete soltanto se hanno preso in visione la vostra proposta precedentemente inviata...ma non ripetete la proposta....al massimo la ripeterete se il destinatario dovesse rispondere alla vostra seconda sollecitazione. Ma se tutto tace anche stavolta basta finitela li e cancellate il suo indirizzo.Questo vedrete che non sarà spam e non rischierete nulla, basta un po' di testa nelle cose e il mondo girerà per il verso giusto tutto lì. Quando ricevo mail pubblicitarie nelle modalità che vi ho descritto le accetto....tutto il resto denuncio cancello e filtro.....senza pietà!!In fondo è semplice, no?
      • Anlan scrive:
        Re: Fatemi capire una cosa
        - Scritto da: Anonimo

        PER ESEMPIO:
        [cut]
        In fondo è semplice, no?Quello che tu hai descritto è solo un modo "gentile" per non apparire "troppo invadente" al destinatario. Però ti dimentichi sempre che (http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=272444) :"Chi intende utilizzare le e-mail per comunicazioni commerciali e promozionali senza mettere in atto comportamenti illeciti deve tenere presente che:"-è necessario il consenso informato del destinatario. Gli indirizzi e-mail recano dati personali e il fatto che essi possano essere reperiti facilmente su Internet non implica il diritto di utilizzarli liberamente per qualsiasi scopo, come per l?invio di messaggi pubblicitari: in particolare, i dati di chi partecipa a newsgroup, forum, chat, di chi è inserito in una lista anagrafica di abbonati ad un Internet provider o ad una newsletter, o i dati pubblicati su siti web di soggetti privati o di pubblici per fini istituzionali. Gli indirizzi e-mail, insomma, non sono ?pubblici? nel senso corrente del termine;-il consenso è necessario anche quando gli indirizzi e-mail sono formati ed utilizzati automaticamente mediante un software, senza verificare se essi siano effettivamente attivati e a chi pervengano, e anche quando non sono registrati dopo l?invio dei messaggi;-il consenso del destinatario deve essere chiesto prima dell?invio e solo dopo averlo informato chiaramente sugli scopi per i quali i suoi dati personali verranno usati: vale dunque la regole dell?opt-in, cioè del accettazione preventiva di chi riceve le e-mail, non del rifiuto a posteriori (opt-out);In pratica, pur con tutte le tue cautele, se qualcuno ti addita come spammatore... ha ragione punto.
  • Anonimo scrive:
    Domandina facile facile...
    Ma se inviassi migliaia di e-mail tramite un robot che compone in automatico migliaia di indirizzi a caso, di fatto non sarei in possesso di alcun archivio.Di che potrei essere accusato (oltre che di rompere i cosiddetti)?Perchè di fatto non gestisco dati personali di nessuno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Domandina facile facile...
      - Scritto da: Anonimo
      Ma se inviassi migliaia di e-mail tramite un
      robot che compone in automatico migliaia di
      indirizzi a caso, di fatto non sarei in
      possesso di alcun archivio.La legge parla di trattamento dei dati. E' molto difficile invare mail senza trattare un indirizzo, ad esempio generarlo ed inserirlo in una porzione di codice per la spedizione.Ed infatti scuse di questo tipo sono state respinte dal garante.
    • ryoga scrive:
      Re: Domandina facile facile...
      Se non erro, non si parla di gestione di dati personali, ma di privacy.Se mi arriva una email che non ho richiesto e questa email mi ha rotto i cosiddetti, posso denunciare chi me l'ha mandata, non perche' ha la mia e-mail nel suo archivio, ma perche' si e' permesso di rompermi le OO senza che io avessi dato alcun consenso.Credo che questo sia chiaro a tutti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Domandina facile facile...

      Ma se inviassi migliaia di e-mail tramite un
      robot che compone in automatico migliaia di
      indirizzi a caso, di fatto non sarei in
      possesso di alcun archivio.
      Di che potrei essere accusato (oltre che di
      rompere i cosiddetti)?Ti piacerebbe brutto spammer maledetto hehehe invece basta e avanza per attivare contro di te una procedura per unsolicited mailing. Spero che ti capiti
  • Anonimo scrive:
    BRUTTI SPAMMER DI CACCA IN GALERA !!!
    Siete una piaga sociale peggiore della peste.Vio odio con tutto me stesso, vi voglio vedere in galera, anzi no, nelle segrete incatenati per il collo senza un filo di luce e continuamente torturati.Vergogantevi e andate a cercarvi un lavoro serio LAZZARONI !!!!
  • markoer scrive:
    Re: E lo spam dall'estero?
    Non credo che un garante *italiano* possa fare molto. Il diritto internazionale applicato all'informatica è qualcosa di molto complicato.Tuttavia se ti leggi la legge sulla privacy, a proposito della detenzione di archivi informatici, si parla anche della loro detenzione all'estero.ciao
  • Anonimo scrive:
    Il garante non fa le leggi!
    Allora a chi ci i deve rivolgere?
    • Anonimo scrive:
      Re: Il garante non fa le leggi!

      Allora a chi ci i deve rivolgere?Ti è arrivato uno spam? denuncia penale presso la magistratura e pensano loro al resto
      • Anonimo scrive:
        Re: Il garante non fa le leggi!
        - Scritto da: Anonimo



        Allora a chi ci i deve rivolgere?

        Ti è arrivato uno spam? denuncia penale
        presso la magistratura e pensano loro al
        restoNon credo sia così facile, altrimenti lo farebbero tutti! E se lo facessero tutti, ci sarebbero migliaia e migliaia di pratiche aperte...Il fatto che ora ci sia anche il carcere come pena potenziale mi fa piacere. Appena cominceranno le prime multe alte e i primi arresti, credo che la cosa diminuirà (almeno lo spero)
  • Anonimo scrive:
    B2B
    qualcuno ha capito se è spam che un'azienda mandi una (1) mail informativa sui propri prodotti a un'altra azienda prendendo l'e-mail dal suo sito pubblico??secondo me questo non lo ha ancora capito nessuno...
    • markoer scrive:
      Re: B2B
      - Scritto da: Anonimo
      qualcuno ha capito se è spam che un'azienda
      mandi una (1) mail informativa sui propri
      prodotti a un'altra azienda prendendo
      l'e-mail dal suo sito pubblico??

      secondo me questo non lo ha ancora capito
      nessuno...Se tu gli telefonassi o ti presentassi di persona, presentandoti come un agente di un servizio o di un prodotto, e offrendo quello che vendi, commettersti un reato? Io credo di no.Dipende parecchio secondo me da *come* e *cosa* si fa.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: B2B
        Infatti....e che mi dici dello spam via fax ????come al solito leggi e buon senso non vanno a braccetto.Certo che Rodotà sa come comparire in home page :)
    • Anonimo scrive:
      Re: B2B
      - Scritto da: Anonimo
      qualcuno ha capito se è spam che un'azienda
      mandi una (1) mail informativa sui propri
      prodotti a un'altra azienda prendendo
      l'e-mail dal suo sito pubblico??Nel momento in cui una azienda espone l'indirizzo email nel proprio sito, e' evidente che chi lo usa non possa essere accusato di spamming. Men che meno se si invia l'informativa ad un solo indirizzo
    • Anonimo scrive:
      Re: B2B
      - Scritto da: Anonimo
      qualcuno ha capito se è spam che
      un'azienda mandi una (1) mail informativa
      sui propri prodotti a un'altra azienda
      prendendo l'e-mail dal suo sito pubblico??

      secondo me questo non lo ha ancora capito
      nessuno...E' semplice da capire, secondo me tutto è tranquillo e senza problemi se si fa così:Io azienda ho un prodotto che potrebbe interessare una certa fascia/settore di aziende ok? Mi faccio una ricerca degli indirizzi email o postali di tali aziende, negozi etc....e preparo il mio messaggio da inviare ad ognuno di loro singolarmente indirizzandolo propriamente a quella azienda, poi a quell'altra e poi all'altra....naturalmente devono essere aziende potenzialmente interessate al mio prodotto, se vendo programmi di archiviazione dati inutile che lo mandi allam ail del macellaio no? La manderò alle aziende che gestiscono dati e solo quel tipo di dati trattati dal mio software non altri....e poi la mail o la lettera, la preparo per bene con tutti i dati senza slogan ingannevoli, usando caratteri normali e leggibili (non fantomatiche uscite di caratteri, enormi, strambi e di colori assurdi male accostati. Niente immagini né allegati per essere leggeri....al massimo un link in chiaro e non nascosto per vedere foto, immagini etc da evitare in allegato...è chiaro che per la posta si possono mettere già lì è ovviamente un peso diverso dalla mail. Evitare le email in HTML etc....mandatele solo testo, mettete sempre il nome di un responsabile e tutti i vostri recapiti precisi, non solo un cellulare o solo una mail. Scrivete dalla mail alla quale potete ricevere la risposta....mettete sempre in calce l'avviso che denota la possibilità di comunicarvi lo stop ad eventuali prossimi invii, anche se la vostra nno è una newsletter....siate gentili e non aggressivi......e una volta mandata basta, non ripetete più tale invio, se la persona sarà interessata vi risponderà altrimenti niente finito li. Non rompetegli l'anima con altri invii uguali. Al massimo se avetep aura che l'interessato se ne sia scordato inviate un'altra email dove chiedete soltanto se hanno preso in visione la vostra proposta precedentemente inviata...ma non ripetete la proposta....al massimo la ripeterete se il destinatario dovesse rispondere alla vostra seconda sollecitazione. Ma se tutto tace anche stavolta basta finitela li e cancellate il suo indirizzo.Questo vedrete che non sarà spam e non rischierete nulla, basta un po' di testa nelle cose e il mondo girerà per il verso giusto tutto lì. Quando ricevo mail pubblicitarie nelle modalità che vi ho descritto le accetto....tutto il resto denuncio cancello e filtro.....senza pietà!!In fondo è semplice, no?
      • Anlan scrive:
        Re: B2B
        - Scritto da: Anonimo

        PER ESEMPIO:
        [cut]
        In fondo è semplice, no?Quello che tu hai descritto è solo un modo "gentile" per non apparire "troppo invadente" al destinatario. Però ti dimentichi sempre che (http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=272444) :"Chi intende utilizzare le e-mail per comunicazioni commerciali e promozionali senza mettere in atto comportamenti illeciti deve tenere presente che:"-è necessario il consenso informato del destinatario. Gli indirizzi e-mail recano dati personali e il fatto che essi possano essere reperiti facilmente su Internet non implica il diritto di utilizzarli liberamente per qualsiasi scopo, come per l?invio di messaggi pubblicitari: in particolare, i dati di chi partecipa a newsgroup, forum, chat, di chi è inserito in una lista anagrafica di abbonati ad un Internet provider o ad una newsletter, o i dati pubblicati su siti web di soggetti privati o di pubblici per fini istituzionali. Gli indirizzi e-mail, insomma, non sono ?pubblici? nel senso corrente del termine;-il consenso è necessario anche quando gli indirizzi e-mail sono formati ed utilizzati automaticamente mediante un software, senza verificare se essi siano effettivamente attivati e a chi pervengano, e anche quando non sono registrati dopo l?invio dei messaggi;-il consenso del destinatario deve essere chiesto prima dell?invio e solo dopo averlo informato chiaramente sugli scopi per i quali i suoi dati personali verranno usati: vale dunque la regole dell?opt-in, cioè del accettazione preventiva di chi riceve le e-mail, non del rifiuto a posteriori (opt-out);In pratica, pur con tutte le tue cautele, se qualcuno ti addita come spammatore... ha ragione punto.
  • Anonimo scrive:
    password in entrata
    modificare il funzionamento email, aggiungendo un nuovo tipo, l'email privata. I messaggi vengono accettati dal server solo se la password in entrata è giusta. Altrimenti cancellati, o rispediti al mittente. Ovviamente bisognerebbe comunicarsi in altro modo la password, ma per comunicazioni con amici e conoscenti andrebbe benissimo.Per email pubbliche invece ci vorrebbe una maggiore sicurezza del mittente, con annesso database spam con filtro automatico prima di accettare il messaggio.Infine, ahimé, inserire un costo per email. Anche infimo (1 euro cent ogni 10 messaggi), ma sicuramente diminuirebbe il problema. Mi sembra che tutto il sistema email non regga più. Non è certo stato pensato per una tale mole di messaggi inutili.Personamente ne ricevo più di 50 al giorno solo di spam, a cui si aggiunge un numero anche maggiore dei virus (sobig com my detail, approved e wicked screensaver sta letteralmente impazzando), nonché quelli ancora più fastidiosi dei server che rispondono dicendo che gli hai mandato un virus (ma il mittente è ovviamente falso).Ho filtri sul server e spamkiller, riesco a ridurre notevolmente il problema, ma ormai penso che non basti.
  • Anlan scrive:
    Basterebbe...
    ... attivare solo alcuni dei check che ormai (quasi) tutti i mail server mettono a disposizione.Noi abbiamo ridotto del 95% lo spam ricevuto dai nostri clienti (e a volte provocato) così:a) rifiuto del messaggio se il dominio originante non ha un record MXb) rifiuto del messaggio se il mail server di provenienza non ha un reverse DNSc) attivazione RBL d) per chi usa i nostri server come SMTP in uscita limitazione del numero di destinatari per messaggio e del numero dei messaggi per giorno;I contro sono :- per il punto a) quasi nessuno dal momento che in pratica sono rifiutati tutti i messaggi che hanno mittenza da domini inesistenti- per il punto b) si incappa nella approssimazione di tanti sysadmin che non sanno nemmeno come si imposti e a chi si chieda l'impostazione di un reverse DNS record per il/i proprio(i) mail server. Inoltre è possibile incappare nel fatto che alcuni utenti (pochi per la verità) utilizzano mail server locali collegati in dial-up. Sono comunque casi minoritari nei grandi numeri- per il punto c) sono ben noti a tutti i problemi legati ai server RBL degli ultimi giorni.In ogni caso con un po' di buon senso e un po' di statistica si riescono ad ottenere buoni risultati.Certo per piccoli ISP come noi è piuttosto facile.
  • Anonimo scrive:
    Come si denuncia?
    :) finalmente si sono decisi a fare questa legge !!!ma come si fa a fare una denuncia? Qualcuno lo sà?
    • Anonimo scrive:
      Re: Come si denuncia?
      - Scritto da: Anonimo
      :) finalmente si sono decisi a fare questa
      legge !!!

      ma come si fa a fare una denuncia? Qualcuno
      lo sà?http://www.maxkava.com/spam/
  • Anonimo scrive:
    sanzioni esagerate
    ricevo migliaia di email di spam all'anno.. sia al lavoro che a casa.ok ..lo odio.. mi da fastidio..mando un sacco di accidneti agli spammer... ma 3 anni di carcere sono troppi.- Non ammazzano nessuno. Anzi forse se ammazzassero quacuno beccherebbero meno! Sono solo delle email! on si può far perdere 3 anni di vita ad una persona, nonchè getterla magari in disgrazia economica per così poko... è assurdo e spropositato. Come del resto tanti altri sanzioni per reati ifnormatici.. non c'è una logica. senza scendere nei particolari.. tutti sappiamo che in italia il primo problema non è lo spam..eppure reati molto peggiori vengono puniti con molto molto meno. ricordatevi che un giorno potrebbe succedere pure a voi di venire accusati per spam.. o per violazione di copyright.. o per qualsiasi altra cavolata..sta diventando pericolosissimo tutto online.. il caso della RIAA dovrebbe farci capire la logica degli industriali e di chi con internet ci ricava soldi: SOLDI SOLDI E SOLO SOLDI nessuno spazio per l'umanità.
    • Anonimo scrive:
      Re: sanzioni esagerate
      - Scritto da: Anonimo
      on si può far perdere
      3 anni di vita ad una persona, nonchè
      getterla magari in disgrazia economica Sono d'accordo sulla prima affermazione.
      ricordatevi che
      un giorno potrebbe succedere pure a voi di
      venire accusati per spam.. o per violazione
      di copyright.. o per qualsiasi altra
      cavolata.Perchè dovrebbe succedere? Non sono cose che capitano per caso, bisogna farle apposta; non è che per sbaglio si possono inviare 10.000 o 100.000 e-mail con un messaggio promozionale. E' come dire: un giorno potrebbe capitare anche a voi di ammazzare qualcuno o di rubare qualcosa...
    • horusbird scrive:
      Re: sanzioni esagerate
      In realta' la galera e' sproporzionata come sanzione, a mio avviso sarebbe sufficiente un salata multa purche' sia fatta a tutti e subito. Non credo sia cosi' difficile risalire (per la polizia postale ovviamente) a coloro che spammano e nel giro di pochi giorni multarli esemplarmente!Mi arrivano molte spam di siti italiani ed e' sufficiente fare un whois per sapere chi e' lo spammatore. Gli si chiude il sito e gli si fanno pagare 5000 euro di multa, difficilmente seguitera' quindi nella sua stupida azione.Diverso e' per gli spammatori piu' seri... li l'intervento deve essere fatto via provider, credo che un provider si accorga se per un pop passano 100.000 messaggi tutti uguali e da qui a bloccare quell'e-mail di partenza sarebbe un secondo. O sbaglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: sanzioni esagerate

      agli spammer... ma 3 anni di carcere sono
      troppi.- per me sono troppo pochi
    • ryoga scrive:
      Re: sanzioni esagerate

      agli spammer... ma 3 anni di carcere sono
      troppi.- Sai dei danni ( oltre al tempo che si perde ) che fanno queste email di spam?1°) Il tempo e' danaro2°) Queste email sono peggiori dei virus (un virus pesa pochi kb...queste mail anche diverse decine )3°) Intasamento dei server, rallentamento della rete4°) Iscrizione alle black list di alcuni domini colpiti, i quali, riproducono, un effetto che molti account regolari, si trovano tagliati fuori dall'inviare email normali a persone protette da server anti-spam3 Anni di galera sono fin troppo pochi( e poi volete darne 10 ad uno che ha modificato un virus )
      • Anonimo scrive:
        Re: sanzioni esagerate
        son di nuovo io..il fondatore del topic..in risposta alla prima domnda: "perkè dovrebbe capitare a me se non lo facico volontariamente" ..beh ..c'è tanta gente inc arcere innocente.. gli sbagli giudiziari son all'ordine del giorno.. o anche magari qualke tranello messo a punto adovere da qaulke altra persona per incastrarti.in risposta al: "per me son troppo pochi".. beh non me la sento di commentare la demenzialitàin rispota al fatto del"fanno eprdere soldi e denaro"..concordo.. però allora è il caso di Multare .. la sanzinoe deve essere proporzinoale.. non è già ridicolo che in italia un disperato che ruba qualke milione si fa anni di galera e gli assassini sono sempre a piede libero? ..già la cerceri nn funzionano.. se ci mettiamo anche tutti gli spammer.. a nostre spese per lo +.. allora sarebbe il collasso.. m
        • Anonimo scrive:
          Re: sanzioni esagerate
          e volevo aggiungere..se scarikare mp3 ..applicazioni..diventerà perseguibile come lo spam.. allora si ke saremo nei guai!! chi di noi non meriterebbe il carcere? addio libertà su internet.. già molta se ne è andata via in questi anni..
          • Anonimo scrive:
            Re: sanzioni esagerate
            - Scritto da: Anonimo
            e volevo aggiungere..se scarikare mp3
            ..applicazioni..diventerà perseguibile come
            lo spam.. allora si ke saremo nei guai!! chi
            di noi non meriterebbe il carcere? addio
            libertà su internet.. già molta se ne è
            andata via in questi anni..Per favore, non confondiamo la libertà con l'anarchia. Non si possono ledere i diritti degli altri in nome della libertà.
          • Anonimo scrive:
            Re: sanzioni esagerate
            non confondere anarchia con terrorismo alloraanarchia è autocontrollodi certo non abbiamo bisogno che il governo metta le mani ache dentro internet..è già TROPPISSIMO presente altrove..e + che altro lo è in maniera inadeguata. è un governo di vecchi..gente vecchia..con idee vecchie..e così è dapperutto..e sarà per sempreamen
        • Anonimo scrive:
          Re: sanzioni esagerate
          State semplicemente dicendo un sacco di cazzate. :@Non sono uno spammer ma a questo punto ci diventero' molto volentieri. Razza di fascisti con la puzzetta sotto il naso. Andate a lavorare e occupatevi di cose piu' importanti invece di perdere tempo qui' a dire cazzate.
  • Anonimo scrive:
    Ma dove??
    Ma dov'e' la novita'?Questo lo si sapeva gia' da molto tempo..E' come con la patente a punti.Tutti a parlare di cinture di sicurezza;sono obbligatorie gia' da molti ,molti anni....mah. Ciao
  • Anonimo scrive:
    Compro ... e rifiuto.
    Mi arriva una mail di spam, vado sul sito e compro qualcosa con pagamento contrassegno. Purtroppo ho poca memoria e sbaglio a scrivere l'indirizzo. Oppure metto l'indirizzo giusto ma respingo il pacco (diritto di ripensamento per acquisti fuori da locali commerciali).Come mi dispiace far perdere tempo e soldi agli spammatori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Compro ... e rifiuto.
      Anche io facevo cosi',ma mi e' costato MOLTO caro!Fare un' ordine,anche via Internet,equivale a firmare un contratto.Il diritto di recesso vale si,ma bisogna accettare la merce e poi restituirla.Io ho dovuto pagare la merce ordinata e tutte le spese legali (molte!!).Per cui,sconsiglio!Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Compro ... e rifiuto.

        Fare un' ordine,anche via Internet,equivale
        a firmare un contratto.
        Il diritto di recesso vale si,ma bisogna
        accettare la merce e poi restituirla.
        Io ho dovuto pagare la merce ordinata e
        tutte le spese legali (molte!!).Per
        cui,sconsiglio!Caro spammatore, sei parecchio ignorante in materia legale... e noto che ti rode fare pacchi e pagare spese di spedizione a vuoto. Se mi dici il tuo sito ti ordino qualcosa :-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: Compro ... e rifiuto.

        Il diritto di recesso vale si,ma bisogna
        accettare la merce e poi restituirla.Falso. Rifiuti e basta (leggi185/99 ,190/01)
        Io ho dovuto pagare la merce ordinata e
        tutte le spese legali (molte!!).Caro il mio spammatore hai dovuto pagare confezione del pacco e spedizione a vuoto
        • Anonimo scrive:
          Re: Compro ... e rifiuto.
          Il problema e' che mandare un pacco costa un paio di Euro e fare spam conviene lo stesso....E' la legge dei grandi numeri!Cordialita'
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            - Scritto da: Anonimo
            Il problema e' che mandare un pacco costa un
            paio di Euro Sei rimasto indietro con le tariffe: adesso spedire un pacco ordinario contrassegno costa minimo 7 euro. Senza contare il tempo e il materiale per l'imballaggio. E la rottura di palle di vedersi ritornare il tutto.Direi il comprare & rifiutare non è una cattiva idea
        • Anonimo scrive:
          Re: Compro ... e rifiuto.
          Spammer o no,ha ragione...http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=40722
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            - Scritto da: Anonimo
            Spammer o no,ha ragione...

            http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapraticLa legge parla di ricevimento e non di accettazione dei beni come vorrebbe far credere lo spammer. Tu ricevi il pacco e lo rifiuti (o se preferisci non lo accetti)=============Il diritto di recessosi puo' effettuare senza alcuna penalita' e senza specificarne il motivo entro 10 giorni lavorativi.Per i benia partire dalla data del ricevimento degli stessi etc etc============
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            Infatti...entro giorni lavorativi da quando lo hai accettato.Vai du it diritto che un avvocato sta proprio scrivendo di questo argomento.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            E tu diro' di piu';devi anche rimborsare le spese di trasporto in quanto non sono una penalita', ma una costo reale.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.

            E tu diro' di piu';devi anche rimborsare le
            spese di trasporto in quanto non sono una
            penalita', ma una costo reale.Citi un thead senza averlo seguito sino in fondo ... a me sembra di leggere altro. :-)
          • ryoga scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            Mi venga a prendere in Uzbekistan allora :)Se metto indirizzo falso ( l'indirizzo del mio cassonetto dei rifiuti ), il postino scrivera' sul pacco " Indirizzo inesistente ", il tipo paghera' il doppio delle spese di trasporto e cosi imparera' a fare spam.Cmq attenti che se vedo bruciare qualcosa ( coda di paglia rulez ), chiamo subito i pompieri :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.

            Se metto indirizzo falso ( l'indirizzo del
            mio cassonetto dei rifiuti ), il postino
            scrivera' sul pacco " Indirizzo inesistente
            ", il tipo paghera' il doppio delle spese di
            trasporto e cosi imparera' a fare spam.scommetto che scegli anche la modalità di spedizione più costosa. cattivo cattivo cattivo
          • Terra2 scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.

            La legge parla di ricevimento e non di
            accettazione dei beni come vorrebbe far
            credere lo spammer. Tu ricevi il pacco e
            lo rifiuti (o se preferisci non lo accetti)In parole povere è sufficiente non passare in posta a ritirare il pacco o rimandare indietro il corriere, giusto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Compro ... e rifiuto.
            Ma signori, Nel mondo saranno due gli spammer fessi che vendono per contrassegno, e semmai sono italiani sfigati che vorrebbero fare spamming senza sapere di farlo......I veri spammer, si fanno pagare subito e prima altro che storie....prima pagate poi non vi arriva nulla, o se vi arriva vi arriva il pacco (in senso napoletano del termine).Se uno è spammer mica è fesso che ve lo manda in contrassegno, e se fosse una cosa regolare mica farebbe lo spammer farebbe l'azienda seria.....se guardate cosa pretendono di vendere gli spammer sono solo porcai e cazzatelle..... e per questo usano lo spamming per tentare di vendere a qualche fesso che compri, proprio perchè sanno bene la robaccia che vendono e che non venderebbero niente con modalità normali e corrette.Quindi il tempo ce lo perdete voi a fare l'ordine e a rifiutare il pacco nel caso in cui davvero arrivi, e ammesso che qualche spammer fesso ve lo mandi in contrassegno....e in tal caso chi ci rimette sarebbe la presunta azienda che vuol tentare la vendita via spam, e non lo spammer che viene "assunto" da un'azienda per questo servizio....lui raccoglie le mail e spamma per conto di....mica manda pacchi e o roba sapete..? Pensateci prima di fare bischerate e perdere il vostro tempo ancor più di quello che già vi ha fatto perdere lo spam!!
  • Anonimo scrive:
    Infatti oggi..
    .. ho ricevuto solo 50 messaggi, invece che i 51 che ricevo di solito.La legge non serve a niente senza la collaborazione dei provider.LookOut
    • Anonimo scrive:
      Re: Infatti oggi..
      - Scritto da: Anonimo
      .. ho ricevuto solo 50 messaggi, invece che
      i 51 che ricevo di solito.

      La legge non serve a niente senza la
      collaborazione dei provider.
      La legge non serve a niente senza la collaborazione dei cittadini. Cominciamo a denunciare gli abusi al Garante e non limitiamoci a cancellare le e-mail e ad assuefarci all'ineluttabilità delle cose.
  • Anonimo scrive:
    Fatta la legge... trovato l'inganno !
    Questo voul dire non che non ci arriveranno più messaggi pubblicitari, ma semplicemente che ci spammeranno con robe del tipo "Vorresti ricevere informazioni riguardo a questo prodotto o servizio ?"E` questa la soluzione ? Mah !
    • ryoga scrive:
      Re: Fatta la legge... trovato l'inganno !
      No, perche' gia' col sol fatto di averti spedito la mail (non richiesta = spam ), puoi denunciarli.Nella mail in genere non ti arriva il negozio elettronico, ma info su dove trovare un prodotto.Richiederti se puo' interessarti quel prodotto o quel genere di prodotto, e' la stessa identica cosa
      • Anonimo scrive:
        Re: Fatta la legge... trovato l'inganno !
        - Scritto da: ryoga
        No, perche' gia' col sol fatto di averti
        spedito la mail (non richiesta = spam ),
        puoi denunciarli.

        Nella mail in genere non ti arriva il
        negozio elettronico, ma info su dove trovare
        un prodotto.
        Richiederti se puo' interessarti quel
        prodotto o quel genere di prodotto, e' la
        stessa identica cosaok, allora chiudiamo internet, e torniamo ai segnali di fumo!Se una azienda vuole promuoversi *su altre aziende* via internet come fa?non fa, oppure si rivolge a qualche detentore di dati (che magari li detiene illegalmente)megamix
    • Anonimo scrive:
      Re: Fatta la legge... trovato l'inganno !
      - Scritto da: Anonimo
      Questo voul dire non che non ci arriveranno
      più messaggi pubblicitari, ma semplicemente
      che ci spammeranno con robe del tipo
      "Vorresti ricevere informazioni riguardo a
      questo prodotto o servizio ?"Non ha importanza il contenuto della e-mail: se qualcuno te la manda senza che tu gli abbia dato il tuo indirizzo o senza che tu gli abbia chiesto qualcosa commette un reato.
  • Anonimo scrive:
    Scoperta dell'acqua calda
    Non capisco perchè dare risalto alla cosa.Il Garante di fatto non emana leggi ma da pareri e fa comunicazioni che non hanno valore di legge.Quanto riportato è chiaro: se la legge vieta lo spam, è pur logico che se lo si fa per interesse commerciale esistono già nelle norme in materia che prevedono sanzioni sino alla carcerazione.La dichiarazione ha lo stesso valore di una qualsiasi dichiarazione di qualsiasi cittadino che dice: chi viola le leggi va in galera
    • ryoga scrive:
      Re: Scoperta dell'acqua calda
      Perche' una cosa e' se lo dice un avvocato.Un'altra cosa e' se lo dice un garante, il quale, essendo comunque un organo statale, ha piu' potere di un avvocato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Scoperta dell'acqua calda
      - Scritto da: Anonimo
      Non capisco perchè dare risalto alla cosa.Forse perchè il concetto non è ancora entrato nella zucca degli spammer.
    • markoer scrive:
      Re: Scoperta dell'acqua calda
      - Scritto da: Anonimo[...]
      La dichiarazione ha lo stesso valore di una
      qualsiasi dichiarazione di qualsiasi
      cittadino che dice: chi viola le leggi va in
      galeraBeh insomma... dato che lui è il "garante" si fa... "garante" dell'applicazione delle leggi, e significa che sta dando delle precise indicazioni su dove andrà ad indagare. E' un po' come dire "uomo avvisato mezzo salvato", vale sicurmanete molto di più della dichiarazione di un privato cittadino.ciao
  • luke977 scrive:
    Re: Una guerra...........
    oltre a chi spamma via email si potrebbe fare un pensierino x mettere al rogo chi lo fa' su icq,,, :-@
  • Anonimo scrive:
    gli spammer nostrani hanno paura :))
    allora vuol dire che si va verso la direzione giusta, sono sicuro che tra un po' inizieremo a sentire tesi deliranti su:1- il controllo dell'informazione2- complotto per poter controllare internet 3- violazione del primo emendamento (degli spammer piu' idioti che l'hanno sentito in TV senza rendersi conto che in Italia non ha senso)4- lo spam italiano e' buono, quello estero e' cattivo Grazie al Garante!
    • Anonimo scrive:
      Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
      - Scritto da: Anonimo
      allora vuol dire che si va verso la
      direzione giusta, sono sicuro che tra un po'
      inizieremo a sentire tesi deliranti su:
      1- il controllo dell'informazione
      2- complotto per poter controllare internet
      3- violazione del primo emendamento (degli
      spammer piu' idioti che l'hanno sentito in
      TV senza rendersi conto che in Italia non ha
      senso)
      4- lo spam italiano e' buono, quello estero
      e' cattivo

      Grazie al Garante!
      Chi spamma ed usa un remailer anonimo ed un proxy anonimo:avete voglia di beccarli!Non pigliamoci per il cxlo!
      • Anlan scrive:
        Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
        - Scritto da: Anonimo
        Chi spamma ed usa un remailer anonimo ed un
        proxy anonimo:
        avete voglia di beccarli!
        Non pigliamoci per il cxlo!Non ti preoccupare che se si vuole si pigliano... eccome se si pigliano.
      • ryoga scrive:
        Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
        :D hai ragione....impossibile prenderli...Pero' se sponsorizzano un prodotto da vendere.....il venditore dovra' pur in qualche modo avere un contatto o un indirizzo no? :D
        • Anonimo scrive:
          Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
          Si,ma puo' dire che non e' stato lui a mandare quelle e-mail.E non si puo' dimostrare il contrario.Siamo alle solite....Ciao
          • Mechano scrive:
            Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
            - Scritto da: Anonimo
            Si,ma puo' dire che non e' stato lui a
            mandare quelle e-mail.E non si puo'
            dimostrare il contrario.
            Siamo alle solite....Per tutte le mail che ho ricevuto io da spammers italiani ho sempre scritto all'azienda che voleva vendermi la tal cosa ed ho avuto soddisfazione.Nel senso che ho minacciato di rivolgermi al garante e mi hanno tolto immediatamente dalla loro spamming list...E' uno spasso vederli con la coda tra le gambe. E se non lo fanno, c'e' sempre la prassi di risarcimento. E i 250 euro non sono da buttare...--Ciao. Mr. Mechanomechano@punto-informatico.it
      • Anonimo scrive:
        Re: gli spammer nostrani hanno paura :))
        - Scritto da: Anonimo
        Chi spamma ed usa un remailer anonimo ed un
        proxy anonimo:quando viene creato un remailer la prima cosa che si fa e' controllare che non venga usato per spammare (ed e' facilissimo capirlo) perche' i proprietari rischiano molto, se gli spammatori usano un relay aperto te ne accorgi subito e i proprietari del relay mettono immediatamente a disposizione i log per evitare ulteriori guai
        avete voglia di beccarli!se ci sono le leggi li beccano eccome, se bisogna farlo per sport e' un altro discorso
  • Anonimo scrive:
    E la cassetta delle lettere?
    Quando la proteggeranno?Lì si che sarebbe facile e sicuro beccare il colpevole.Che dite, per estensione qualche giudice potrebbe applicare la stessa norma?Speriamo di si.
    • Anonimo scrive:
      Re: E la cassetta delle lettere?
      - Scritto da: Anonimo
      Quando la proteggeranno?
      Lì si che sarebbe facile e sicuro beccare il
      colpevole.e come? inviare una lettera è la cosa più anonima che esista. Si fa tanto parlare del fatto che si deve impedire l'anonimato in rete, ma tutti accettiamo, perchè ci siamo abituati, alle lettere.inoltre lo spam per lettera si autolimita perchè costa, sicuramente tra carta, stampa etc molto di più di una mail
      Che dite, per estensione qualche giudice
      potrebbe applicare la stessa norma?
      Speriamo di si.
      • Anonimo scrive:
        Re: E la cassetta delle lettere?
        - Scritto da: ishitawa

        e come? inviare una lettera è la cosa più
        anonima che esista. Si fa tanto parlare del
        fatto che si deve impedire l'anonimato in
        rete, ma tutti accettiamo, perchè ci siamo
        abituati, alle lettere.
        inoltre lo spam per lettera si autolimita
        perchè costa, sicuramente tra carta, stampa
        etc molto di più di una mailE soprattutto costa solo a chi spedisce, al contrario dello spam che costa a chi lo riceve...
        • Anonimo scrive:
          Re: E la cassetta delle lettere?
          Come beccare chi fa pubblicità nella mia cassetta delle lettere?In genere, se c'è scritto "questa settimana alla giesse..." non credo che lo abbia mandato qualcun altro...Pubblicità anonima nella cassetta delle lettere non ne ho ancora vista.
        • Anonimo scrive:
          Re: E la cassetta delle lettere?
          [..]
          E soprattutto costa solo a chi spedisce, al
          contrario dello spam che costa a chi lo
          riceve...a me che ricevevo mi è costato che la cassetta troppo piena mi ha fatto uscire delle bollette che, rovinandosi, hanno avuto la necessità di una riemissione.Ho perso molto tempo.Posso andare dal garante?
    • markoer scrive:
      Re: E la cassetta delle lettere?
      - Scritto da: Anonimo
      Quando la proteggeranno?
      Lì si che sarebbe facile e sicuro beccare il
      colpevole.
      Che dite, per estensione qualche giudice
      potrebbe applicare la stessa norma?
      Speriamo di si.Ma che stai a dì?
  • Anonimo scrive:
    Un primo passo verso il controllo totale
    Io l'avevo scritto tempo fa, ma la caccia alle streghe e il seppur giusto fastidio per lo spam ricevuto, ci hanno portato a un delirio collettivo ani-spam che ora è stato strumentalizzato da chi vuole controllare la Rete.Riflettete per favore prima di scatenare altre guerre, la fuori c'è chi non vede l'ora di normare Internet e messaggi come questi non potranno più essere scritti senza aver paura di sequestri e galere....non è fantascienza.http://www.scrivi.com/pubblicazioni.asp?id_pub=72404Marco Uno PuntozeroLeggete un po' due vecchi messaggi:Vi sembra giusto risarcire lo spammato? C'è gente che ha pensato di vivere di questo lavoro... Per fare ricorso al garante bisogna inviare una raccomandata con la stampa (!!!) della mail criminosa. Il garante si riunisce e decide sulla base della sola stampata! niente controlli sui logs e niente controlli sul mittente. Se qualcuno decidesse di vivere di questo, potrebbe impunemente (e redditivamente) vivere di finto spam. Basta andare a iscrivere il proprio nome in qualche mailing list (ci scommetterei che funzionerebbe anche inventandoselo di sana pianta) e via... dopo qualche giorno incominciano ad arrivare le mail da mandare al garante. Andate a vedere nel forum di Max Cavazzini (sedicente guerriero antispam) www.maxkava.com/forum/forum.asp?FORUM_ID=6 Leggete bene gli articoli e troverete un nutrito gruppo di utenti che si dedicando assiduamente all'attività di "denunciatori pagati". Quando qualcuno posteggia sul mio posto per andicappati, la multa la pagano al comune, non a me. Non ultimo, lo spam è tutto uguale? Quello fatto tra aziende è da considerare alla stessa stragua di quello fatto ai privati? Internet è un mezzo libero, non facciamoli legiferare così facilemente... anche perchè in genere le "loro" leggi sono orientate a normare e imbrigliare questo fantastico (chissà ancora per quanto) metamondo di libertà. --------------------Uno) Chi controllerà se il cacciatore di spammer farà bene il suo lavoro? La legge italiana impone il pagamento della multa al soggetto "spammato".... E se la finta vittima decidesse di guadagnarsi da vivere inserendo la propria mail presso una form di iscrizione alla newsletter di qualche azienda e poi lo negasse? Così può denunciare l'azienda al Garante e "guadagnarsi" così da vivere con le multe? Due) Lo spam ai privati è da considerare alla stesa stregua di quello fatto dalle aziende alle aziende (b2b)? Un'azienda di viti che manda a tutti i bullonifici una proposta di collaborazione può essere considerato spam? C'è qualcosa che non va o sbaglio? Ai posteri l'ardua sentenza (anche perchè il 5 maggio è dopodomani) Marco Uno Puntozero www.unopuntozero.com
    • Anonimo scrive:
      Re: Un primo passo verso il controllo totale
      Anche perchè chi e come si controlla se si tratta di vero spam?Basta una raccomandata cartacea (!!!) per far scattare la denuncia e spesso anche la decisione del garante (niente logs, niente files... solo carta!)Tutti a rischio galera per prendere qualche spammer...ATTENZIONE, pensare a 4 dimensioni!
    • Shurizen scrive:
      Re: Un primo passo verso il controllo to
      Lol...Dopo i dialeristi delusi adesso arrivano gli spammari preoccupati...Adesso ci direte che avete la Porsche, che reggete l'economia, che siamo solo poveracci...Non esiste spam buono, se per eliminare i cattivi deve sparire qualche neutrale, amen...Vi assumo io!
    • Akiro scrive:
      Re: Un primo passo verso il controllo to
      per adesso si parla solo di carcere per gli episodi più gravi... non penso sia giusto ma non è nemmeno la caccia alla streghe di cui parli poi...e cmq nemmeno di "controllo totale".byezAkiro
    • Terra2 scrive:
      Re: Un primo passo verso il controllo to

      Andate a vedere nel forum di Max Cavazzini
      (sedicente guerriero antispam)
      www.maxkava.com/forum/forum.asp?FORUM_ID=6 Lo spam è una piaga!Se qualcuno decide di combatterla come Max Cavazzini, ovvero, senza spargere 1 grammo di violenza, rendendo pubblico il suo operato in maniera del tutto trasparente e distribuendo conoscenza legali in proposito in modo che chi volesse fare altrettanto possa usufruire della sua esperienza, per me, merita il massimo del rispetto.Se poi riesce a guadagnarci anche, il mio rispetto si moltiplica.Se infine riesce a far guadagnare soldi anche ad altri, il tutto a spese degli spammatori, il mio rispetto cresce a livelli esponenziali.E stai tranquillo, che il giorno in cui ci si potrà arricchire, simulando spam e denunciano innocenti i primi a farlo non saranno i Max Cavazzini, ma gli stessi spammatori e dialeristi che ora ti zeppano la mailbox di schifezze.
    • Anonimo scrive:
      Re: Un primo passo... (BRAVO UNO!)
      bravo UNOhai centrato in pieno il succo della questione(l'esempio dei bulloni)purtroppo:- la gente parla (e adesso scrive anche!) senza riflettere- il garante così come i legislatori non capiscono una mazza di internet e producono solo rumore (è tipico, anche chi fa leggi sulla droga come minimo una canna se la deve fare e che cazzo!)- il problema di quelli che si vantano di essere dei rivoluzionari è che fanno sempre di tutta l'erba un fascio (e poi gli danno foho!)---calma!un unico appunto: perchè vedere sempre il grande fratello (quello di Orwell) dietro a semplice stupidità... è controproducente anche a livello di comunicazione :)comunque hai coltov
  • Anonimo scrive:
    Pericolosissimo!
    Gli spammer spesso non utilizzano il loro vero indirizzo, a volte usano come altri indirizzi della loro lista.Cosa succederebbe se venisse accusato il proprietario di uno di questi indirizzi? Ve lo dico io, sequestro di computer e grane a non finire.Non dite che è l'IP quello che conta.. perchè per la giustizia italiana le cose si chiariscono sempre DOPO! Dopo aver perso tempo, passato guai e soprattutto regalato soldi agli avvocati!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pericolosissimo!
      leggi questo:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=426393
      • Anonimo scrive:
        Re: Pericolosissimo!
        Certo che gli smmatori non li sopporta nessuno, ma occhio è veramente molto pericoloso...Personalmente sono contro tutte le guerre sante nate sotto la spinta emotiva dell'indignazione...Dopo la caccia al dialer vedremo la caccia allo spammatore? :| ma anche :-|
        • Anonimo scrive:
          Re: Pericolosissimo!
          Eccolo lo spammatore che viene allo scoperto.Usa il mio email nel from delle sue mail di spam e poive in giro a insunuare il dubbio che tutti siano cosi cretinie incapaci da accusare il possessore del from e non fare un'indagine sui log delle macchine attraversate perraggiungere quella da cui e' partita l'email.A me personalmente sono arrivati centinaia di messaggidi indirizzo non valido perche' qualche mer**so spammatore ha messo il mio email nel from.Spero proprio che lo becchino e lo sbattano dentro pertre anni e senza sconti!!- Scritto da: Anonimo
          Certo che gli smmatori non li sopporta
          nessuno, ma occhio è veramente molto
          pericoloso...

          Personalmente sono contro tutte le guerre
          sante nate sotto la spinta emotiva
          dell'indignazione...

          Dopo la caccia al dialer vedremo la caccia
          allo spammatore? :| ma anche :-|
          • Anonimo scrive:
            Re: Pericolosissimo!
            tu non hai capito bene cosa significhino 3 anni di carcere forse..1) soldi pubblici ancora + sperperati di ora (tanto poi lo mantieni tu !)2) sovraffollamento carceri italiane che son già in condizioni penose3) 3 anni di vita tolti, famiglie distruttee magari chi fa le trasfusioni di sangue infetto da HIV o chi ruba miliardi nelle casse pubbliche non fa nemmeno un giorno di carcere... Ma che stiamo diventando? PECORE! ci dicono di prendercela con i dialeristi e facciamo la guerra santa.. ma chi ci sta dietro i dialer? chi è che prende e percentuali sulla bolletta? le stesse persone che hanon n helpdesk skifoso.. per nn fare nomi!!guardate che prima di internet ci sono valori ben + alti da difendere.. non siate dei nerz!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Pericolosissimo!
      - Scritto da: Anonimo
      Non dite che è l'IP quello che conta..
      perchè per la giustizia italiana le cose si
      chiariscono sempre DOPO! Dopo aver perso
      tempo, passato guai e soprattutto regalato
      soldi agli avvocati!Sono un avvocato, vivo della mia professione e nessuno mi regala soldi. Se qualcuno si rivolge a me per avere assistenza professionale, mi faccio pagare. Tu invece lavori gratis?
      • Anonimo scrive:
        Re: Pericolosissimo!
        - Scritto da: Anonimo
        Sono un avvocato, vivo della mia professione
        e nessuno mi regala soldi. Se qualcuno si
        rivolge a me per avere assistenza
        professionale, mi faccio pagare. Tu invece
        lavori gratis?Lavoro e mi faccio pagare il GIUSTO, e non uso i clienti come se fossero un bancomat.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pericolosissimo!

          Lavoro e mi faccio pagare il GIUSTO, e non
          uso i clienti come se fossero un bancomat.ben detto
        • Anonimo scrive:
          Re: Pericolosissimo!
          - Scritto da: Anonimo
          Lavoro e mi faccio pagare il GIUSTO, e non
          uso i clienti come se fossero un bancomat.Il concetto di "GIUSTO" mi sembra un po' troppo relativo. Ci sono delle tariffe a cui gli avvocati devono attenersi. Mi faccio pagare nel pieno rispetto di queste tariffe, e neanch'io uso i clienti come se fossero un bancomat.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pericolosissimo!
            bah tutto è relativo. voi avvocati avete un'etica tutta vostra che a me FA SKIFO ma che cmq vi potete anche tenere..
  • Anonimo scrive:
    Meno male che si parla di privacy...
    Perchè son convinto che i futuri argomenti mondiali per dichiarare fuorilegge e perseguire peasntemente lo spam saranno squisitamente economici: tempo perso, intasamento di server etc...Meno male che il garante della privacy qui non è solo uan figura retorica: bravo Rodotà!
  • Anonimo scrive:
    Tutti in galera
    in galera
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti in galera
      si tanto le carceri son già messe bene e i conti pubblici non sono nemmeno in rosso.. trall'altro sai chi lo paga il carcere ai detenuti? tu! mantieni anche gli spammer va.. intelligentone
  • Anlan scrive:
    Finalmente !
    .... adesso speriamo solo che comincino a prenderne qualcuno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Finalmente !
      E' chiaro! Lo sanno tutti, anche il garante, che arriva tutto dall'estero. Ma la voglia di massacrare gli spammer ormai è cieca... Al rogo! Al rogo! questa purtroppo è l'unica proposta che si sente in giro... E queste sono le conseguenze: Galera a chi denuncia... Le vendette personali si consumeranno così. con una denuncia per spam...
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente !
        Ovviamente, cosa pretendi da una razza che vive di ignoranza e pregiudizi?Ormai gli uomini vivono in questo modo da millenni e non basta certo una rete per fermare o cambiare le mentalità.
        • Anlan scrive:
          Re: Finalmente !
          - Scritto da: Anonimo
          Ovviamente, cosa pretendi da una razza che
          vive di ignoranza e pregiudizi?Ignoranza e pregiudizi sono probabilmente le caratteristiche della tua razza non certo della mia.
          Ormai gli uomini vivono in questo modo da
          millenni e non basta certo una rete per
          fermare o cambiare le mentalità.E' ovvio che fino a quando esiste gente come te che va "contro" solo per il gusto di esserlo (se si fosse scritto che lo SPAM è legittimo saresti arrivato con il tuo bel post contro per dire che ti rompe le scatole), i nervi saltano. E se qualche bello spammer finisce al gabbio (non mi interessa se solo uno o 100) io sarò almeno un pochino più tranquillo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Finalmente !
        - Scritto da: Anonimo
        Al rogo! Al rogo! questa purtroppo è l'unica
        proposta che si sente in giro... E queste
        sono le conseguenze: Galera a chi
        denuncia... Le vendette personali si
        consumeranno così. con una denuncia per
        spam... tu o se uno spammer oppure uno abituato a prendere cal*i in culo da tutti e non puoi farne a meno, personalmente sarei contento di mandare in galera il tizio che mi ha mandato per sbaglio 2000 messaggi pubblicizzando una vacanza in friuli perche':1- odio la montagna2- ho dovuto cancellare in toto la casella di posta perdendo mail importanti e quindi ho avuto un danno economico 3- lo spammer maldestro nemmeno si e' scusatoe' vero che la maggior parte dello spam viene dall'estero ma quello il mio filtro baesiano lo filtra tutto (ormai ha imparato che eng=spam) e almeno gli spammer stranieri si presentano come tali e non ti mettono l'odioso"il suo indirizzo e' stato preso da archivi pubblici"MA QUALI ARCHIVI PUBBLICI????? Ho usato il mio indirizzo solo su usenet un paio di volte con indirizzo mascherato, merito mezzo chilo di spam al giorno per questo????
        • Anonimo scrive:
          Re: Finalmente !
          Ma perche' tutto questo polverone?Voi vi dimenticate di una sola cosa; SIAMO IN ITALIA!Gli assassini vengono liberati dopo qualche giorno....Ciao
          • markoer scrive:
            Re: Finalmente !
            - Scritto da: Anonimo
            Ma perche' tutto questo polverone?
            Voi vi dimenticate di una sola cosa; SIAMO
            IN ITALIA!
            Gli assassini vengono liberati dopo qualche
            giorno....Il vero problema dell'Italia è che ci sono tanti qualunquisti ignoranti. L'Italia del "piove governo ladro", "si stava meglio quando si stava peggio", "paga sempre Pantalone" eccetera.Per fortuna ci sono anche politici che cercano di fare il loro lavoro sul serio. Non vedo come Rodotà possa perseguire gli spammer fuori dall'Italia, giustamente se la prende con gli italiani che, se sono ancora numericamente meno, è bene comunque ammazzarli da piccoli, quando hanno ancora "i peli del culo a batuffoli".Detto questo, consiglio a tutti un bello spamassassin, e di usare una casella email decente, perché se uno deve cancellare la propria casella solo perché ha ricevuto 2000 messaggi uguali (qualsiasi filtro decente li avrebbe cancellati ancora prima che arrivassero in casella) allora non c'è da fare solo la caccia agli spammer (sacrosanta IMHO), c'è ancora TANTA ma TANTA educazione da fare all'uso e all'"igiene personale" dei propri strumenti informatici essenziali.ciao
Chiudi i commenti