Scommesse illegali online, nuova operazione a Pescara

La Squadra mobile scopre un vasto network dedicato alla gestione illegale di scommesse clandestine e del gioco d'azzardo via Internet. Sette gli arresti, decine i bar, i netpoint e i circoli coinvolti
La Squadra mobile scopre un vasto network dedicato alla gestione illegale di scommesse clandestine e del gioco d'azzardo via Internet. Sette gli arresti, decine i bar, i netpoint e i circoli coinvolti

Pescara – Eurobet.com ora risulta irraggiungibile, ma fino a ieri era il sito al quale facevano riferimento tutte le persone coinvolte in una organizzazione criminale che raccoglieva scommesse clandestine che da Pescara e provincia venivano immesse via Internet, arrivando a generare un traffico da 50-60mila euro al mese . Su questo giro illecito è piombata ieri la Polizia che ha posto fine a quello che si ritiene essere la più imponente iniziativa criminale di questo genere scoperta in Italia.

A gestire i contatti con il sito inglese ( qui nella cache di Google) secondo gli inquirenti è stato un internet point italiano , di Montesilvano, che avrebbe svolto anche un’attività di diffusione del gioco illegale sul territorio grazie ad una rete di bar, netpoint e circoli che hanno aderito al network illegale. A queste attività commerciali, ha spiegato ieri il comandante della Squadra mobile Nicola Zupo, “era stato assegnato il software e l’hardware necessario per la raccolta delle scommesse, con tanto di password grazie alla quale si accedeva ad un proprio nick e si poteva cominciare a scommettere”.

Account di gioco gestiti in locale dai diversi esercizi ma tutti facenti capo ad Eurobet, spiegano gli inquirenti, in cui i denari puntati dagli scommettitori venivano fatti girare su conti correnti bancari gestiti via Internet. E da lì, con i computer di un tabaccaio di Pescara , quei soldi venivano poi girati ad Eurobet. Gli account, ha spiegato il comandante Zupo, consentivano di offrire ai singoli clienti dei sub-account con i quali questi potevano giocare da casa scommettendo su qualsiasi cosa, dalle partite di calcio a pressoché qualsiasi altro evento sportivo di rilievo.

Una volante La suddivisione dei profitti illeciti, hanno spiegato gli uomini della Squadra mobile, era a cascata. Il 65 per cento di quanto entrava andava ai gestori e ideatori del network clandestino, il 15 per cento veniva consegnato a chi riusciva a procacciare nuove “agenzie di scommesse” illegali sul territorio e a queste, invece, era garantito un introito pari al 20 per cento del totale.

Il blitz effettuato ieri mattina dalla Squadra mobile ha portato dietro le sbarre 7 persone e alla denuncia di altri 18 personaggi che si ritiene abbiano fatto parte della gang. Tra gli arrestati, le due persone che a detta degli inquirenti gestivano l’organizzazione, nonché il gestore di un ristorante pescarese che partecipava al giro illegale e il suo complice, un tecnico informatico con cui venivano raccolte le giocate piazzate via Internet. Insieme a loro sono stati arrestati i gestori del netpoint di Montesilvano e quelli della citata tabaccheria.

Secondo Zupo, nella quasi totalità si tratta di personaggi malavitosi che hanno già precedenti per gioco d’azzardo e che si sono evoluti rivolgendosi ad Internet per mettere in piedi un’attività maggiormente lucrosa . Ad alcuni di loro è anche ascritto il reato di riciclaggio di denaro proveniente da attività illegali.

Alla scoperta di questo “sodalizio criminale” si è arrivati grazie ad una indagine avviata nel 2005 . La Polizia aveva infatti individuato due case da gioco, in cui peraltro si faceva uso di sistemi truccati per truffare i giocatori. Da lì si è risalito alle attività via Internet di questo gruppo di persone, ora accusate formalmente di associazione a delinquere sia per la gestione del gioco d’azzardo illegale sia per l’aver raccolto illegalmente scommesse via Internet.

Giovedì il GIP di Pescara inizierà gli interrogatori degli arrestati.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 04 2007
Link copiato negli appunti