Scopri se il suo cellulare è spento

La tedesca Gate5 si butta su un servizio capace di scoprire lo stato del telefonino di un altro utente con un SMS. Ma solleva nuovi timori sulla privacy


Roma – “Perché tieni spento il cellulare?” Quante volte gli utenti di telefonia mobile hanno sentito questa frase da parte di amici e parenti e quante volte hanno cercato le scuse più diverse (“non prendeva”, “era scarico” e via dicendo)? Ora la società tedesca Gate5 sostiene di aver trovato il modo per impedire ad un utente di “nascondere” lo stato del proprio cellulare.

Sfruttando il servizio che Gate5 chiama SMS-Ping è dunque possibile inviare un SMS capace di sfruttare alcune particolarità della rete GSM per sapere se un cellulare è acceso o meno. Una “interrogazione” che non viene registrata dal telefonino che viene “contattato” e che dunque avviene all’insaputa del suo proprietario.

Il funzionamento sul lato utente è piuttosto semplice, visto che la notifica sullo stato del cellulare interrogato arriva come risposta all’SMS. Si tratta di una funzionalità che solleva, evidentemente, alcuni allarmi relativamente alla privacy nell’uso del cellulare.

Secondo Gate5 il servizio demo che aveva messo in piedi per consentire di provare il servizio è stato letteralmente preso d’assalto, al punto da dover essere rimosso per evitare un sovraccarico delle risorse messe a disposizione per la sua realizzazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e strano chi apre le porte a linux fa sempre una
    brutta fine.come mai, gradirei una risposta a questo inquietanteinterrogativo su forza opensorciari bsdari linuxari, pronti alla riscossa quando il bill va la caz.... ora cosa avete da dire???
    • Anonimo scrive:
      Re: e strano chi apre le porte a linux fa sempre una
      Ma che dici, il Palm ha un suo o.s. che non è Linux embededd; e poi la chiusura di questo portale, è riportato essere la crisi dei servizi web dot-com.Per inciso sono numerose le aziende che hanno deciso di puntare su PIM con Linux embedded, molte di più di quelle su wince; ed i prodotti stano arrivando sul mercato, dove già alcuni sono presenti.
      • Anonimo scrive:
        Re: e strano chi apre le porte a linux fa sempre una
        - Scritto da: BSD_like
        Ma che dici, il Palm ha un suo o.s. che non
        ?Linux embededd; e poi la chiusura di
        questo portale, ?riportato essere la crisi
        dei servizi web dot-com.scusami ma le mie info sono diverse e indicavano uno sguardo sempre più deciso della palm verso il mondo linux, e in particolar modo attraverso tale portale.
        Per inciso sono numerose le aziende che
        hanno deciso di puntare su PIM con Linux
        embedded, molte di pi?di quelle su wince;
        ed i prodotti stano arrivando sul mercato,
        dove gi?alcuni sono presenti.scusami se è pur vero che più società si rivolgono a linux-embedded come so per applicazioni di custom in ambito industriale.Cosa ben diversa e se le stesse immetterano questi prodotti al grande pubblico vista la scarsa voglia degli sviluppatori di produrre applicativi gratuiti per tale so, e la cronica inaffidabilita e complessita degli applicativi preesistenti, ben lontani dall'essere facilmente usabili da un manager o utenza d'ufficio, che prediligge la semplicità (wince) e l'integrazione con win.
        • Anonimo scrive:
          Re: e strano chi apre le porte a linux fa sempre u
          - Scritto da: infodiverse
          scusami ma le mie info sono diverse e
          indicavano uno sguardo sempre più deciso
          della palm verso il mondo linux, e in
          particolar modo attraverso tale portale. Ah, è per quello che hanno acquisito Be e BeOS?
          scusami se è pur vero che più società si
          rivolgono a linux-embedded come so per
          applicazioni di custom in ambito
          industriale.
          Cosa ben diversa e se le stesse immetterano
          questi prodotti al grande pubblico vista la
          scarsa voglia degli sviluppatori di produrre
          applicativi gratuiti per tale so, e la
          cronica inaffidabilita e complessita degli
          applicativi preesistenti, ben lontani
          dall'essere facilmente usabili da un manager
          o utenza d'ufficio, che prediligge la
          semplicità (wince) e l'integrazione con win.E in italiano?
        • Anonimo scrive:
          Re: e strano chi apre le porte a linux fa sempre u
          È naturale che sempre più aziende guardino a Linux per il mondo embededd, il perchè è ovvio: consuma meno risorse di wince o altri non UNIX-embededd, e resta semplice in versione embededd (In realtà i *BSD mi consumano ancora meno risorse, per uso normale, ma non ci puoi fare un desktop con i *BSD, figurarsi l'embededd).Che vi siano ancora pochi applicativi è vero, ma il mercato è praticamente iniziato da poco, ed è presto per questo, sia l'open, sia le ditte si stanno attivando in tal senzo da tempo; la scommessa è quella di portare sw open e close anche in Linux-embededd, solo open non credo che duri.Hai ragione, quando dici che la maggioranza sono proggetti in culla, molti vedranno il mercato nel 2004-2006, ma il mercato dell'embeddedd, deve ancora espoldere e cercare una sua direzione. Per questo molti si interessano a Linux, oltre che per i consumi; non si sà ancora dove si arriverà, e molto dipende anche dalle tecnologie nella fascia dei PC, e degli elettrodomestici, poichè è con loro che si gioca l'integrazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: e strano chi apre le porte a linux fa sempre u
      - Scritto da: linuxportaiella?forse
      come mai, gradirei una risposta a questo
      inquietante interrogativo su forza opensorciari
      bsdari linuxari, pronti alla riscossa quando il
      bill va la caz.... ora cosa avete da dire???La risposta è che *se* questo fosse vero, sarebbe un problema anche per te, perché è proprio la concorrenza di Linux e di Mac OS X che hanno portato MS a produrre finalmente qualcosa di buono come Win2k e WinXP. Se la concorrenza finisse ti ritroveresti in breve tempo con un altro NT4 e ad aspettare 5 anni per NT5.
Chiudi i commenti