Scotland Yard se la prende con i blog

Le nuove norme di condotta varate dalla Metropolitan Police inducono numerosi poliziotti-blogger a cessare i propri post. Temono ritorsioni. Censura preventiva?


Londra – La Metropolitan Police britannica ha pubblicato un nuovo regolamento sul blogging dei propri dipendenti che sta creando scompiglio. Scotland Yard continua a confermare che non si tratta di un “bavaglio”, ma di una semplice regolamentazione che dovrebbe permettere di non compromettere le attività investigative e il buon nome della polizia .

I blogger poliziotti, però, sono preoccupati per questa presa di posizione, ed alcuni hanno già deciso di chiudere i loro spazi online temendo il licenziamento. “Non ho commesso nessun crimine. Non ho compromesso nessun tipo di operazione. Non ho ricevuto alcun pagamento per ciò che ho pubblicato sul mio blog. Tutte le opinioni che ho espresso sono mie. A questo punto però la mia famiglia viene prima e quindi smetterò di aggiornare il blog, con grande rammarico e tristezza”, ha dichiarato l’autore di World Weary Detective .

Le nuove norme sono il frutto del lavoro del Management Board della MP. Le linee guida fanno espressamente riferimento agli effetti dannosi provocati dalla pubblicazione di libere opinioni del corpo di polizia. Si sostiene anche che non si può “vendere” l’esperienza acquisita fin quando si lavora nella polizia né, come già è scritto nei contratti di assunzione, è lecito divulgare informazioni sulle indagini in corso o sui sistemi di sicurezza adottati dalle forze dell’ordine. Un provvedimento disciplinare, che nei casi più gravi può portare al licenziamento, attende chi sgarra.

Ma la blogosfera inglese si agita, tantopiù che non ci sono blog tenuti da poliziotti che violino platealmente le nuove regole: ciò che si teme, e che teme chi li sta già chiudendo, è che possano comunque essere impugnati e provocare conseguenze sul piano lavorativo.

L’esempio di World Weary Detective, a breve, sarà seguito da numerosi poliziotti-blogger. “La parola giusta è ipocrisia. Nella polizia ci viene costantemente ricordato il rispetto della diversità e dei diritti umani, poi quando si tratta di esprimere la propria individualità si viene puniti”, ha confermato un altro blogger.

Il blogging, ormai, sembra essere percepito ancora come un pericolo da parte di numerosi enti ed aziende nei paesi democratici. In passato alcun blogger hanno pagato care le loro opinioni, perdendo il posto di lavoro o subendo denunce.

“I blog si dimostrano come un’ottima soluzione per far avvicinare la polizia ai cittadini, molto di più di quanto riescano a fare le campagne sui media tradizionali”, ha dichiarato un altro blogger che ha voluto mantenere l’anonimato. Conferma la tesi anche David Hockney, membro del UK Independence Party della MPA. “I blog hanno permesso di far comprendere la confusione creata dalla nuove leggi sulla droga. Non bisognerebbe tarpare le ali all’informazione, anche se non ufficiale”, ha dichiarato Hockey.

Ma le affermazioni di un altro blogger, rilasciate durante un’intervista a BBC, sono forse le più esaustive. “Scrivo sul mio blog perché non vi è modo di comunicare agli ufficiali ciò che non funziona. Possiamo offrire anni di esperienza alle persone, più di quanto possano fare i senior manager con le loro carte”, ha sentenziato il poliziotto, ex blogger.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Se in Italia venisse applicata...

    vaglielo a dire a loro, visto che per loro non
    siamo in democrazia, quando si possono permettere
    di bruciare mezza Milano e di uscire dal
    commissariato indenni 3 giorni dopoe pensa pure che c'e' chi truffa migliaia di risparmiatori con la borsa e non ci mette piede e chi corrompe e concute e riceve cariche pubbliche in premioe altri condannati per percosse e resistenza a pubblico ufficiale in manifestazioni altrettanto dure siedono tra i banchi di alcuni partiti secessionistivero che e' curioso il mondo ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Che bel regime!!!!!
    Esatto meglio fare come i comunisti..perchè esportare la democrazia solo dove ci fa comodo...lasciamo che crepino nei loro regimi tutti quanti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Se in Italia venisse applicata...
    vaglielo a dire a loro, visto che per loro non siamo in democrazia, quando si possono permettere di bruciare mezza Milano e di uscire dal commissariato indenni 3 giorni dopo
  • NSA scrive:
    Re: Che bel regime!!!!!
    - Scritto da: EdGreen
    Ah come mi piacciono i sauditi!!! Quattro
    pidocchi che affamano tutta la popolazione
    dell'arabia saudita, per andare in giro con le
    ferrari d'oro...e noi pure che facciamo affari
    con loro e permettiamo a questi regnanti di
    godersela...ma in fondo siamo tutti amiconi!! Poi
    veniamo a scoprire che i Saud , da bravi
    medievali wahabbiti, hanno finanziato i movimenti
    fondamentalisti di mezzo islam, madrasse su
    madrasse....E i nostri potenti ovviamente zitti
    in quanto gli fà tutto comodo....

    http://www.raisethehammer.org/images/bush_saud.jpg
    http://www.wumingfoundation.com/images/rumsfeld-sa

    Saddam andava punito, loro invece no e sapete
    perchè??? Perchè quello stupido di Saddam aveva
    tentato di cambiare i petroldollari in
    euro..ahiahaihaai pessima mossa!!!! Se non faceva
    quell'errore ( più quello della prima guerra del
    golfo ) a quest'ora poteva sorridere insieme ai
    Saud e all'amicone Musharraf.
    Due pesi due misure.Come ti permetti di offendere gli amici di famiglia del presidente del nostro presidente italiano?
  • Anonimo scrive:
    Se in Italia venisse applicata...
    ...una legge simile, tutti gli anarchici e i frequentatori dei centri sociali finirebbero in galera
  • Sandino scrive:
    Re: Che bel regime!!!!!
    - Scritto da: Anonimo
    che è .. dobbiamo ranzare pure loro ?

    dopo gli americani sono imprialisti amigo ..
    e poi ... si ranza solo la gente che fa comodo ...

    non si può "portare la domocrazia " a tutto il
    mondo

    :Dsolo che i gringos fanno la guerra al terrorismo ignnorando volutamente i sauditi, quella alle dittature ignorando i sauditi...sara perche ci sono interessi economici?
  • Anonimo scrive:
    Re: Che bel regime!!!!!
    che è .. dobbiamo ranzare pure loro ?dopo gli americani sono imprialisti amigo ..e poi ... si ranza solo la gente che fa comodo ...non si può "portare la domocrazia " a tutto il mondo:D
  • CoD scrive:
    Re: Che bel regime!!!!!
    Quoto in pieno il tuo messaggio.Finalmente qualcuno che parla con cognizione di causa.Il fatto che i sauditi siano fondamentalisti wahabiti e' di vitale importanza: l'80% (se non piu') dei fondamentalisti proviene direttamente o indirettamente dall'arabia saudita.Ogni anno questo paese spedisce centinaia di predicatori in giro per il mondo, che vanno a parlare alla gente che il Corano non lo sa leggere (cioe' il 90% dei fedeli musulmani) e piu' precisamente alla gente che si trova in situazioni disagiate e precarie.E' facile trovare terreno fertile in una comunita' di persone non riconosciute dal paese che le ospita, guardate con sospetto ad ogni angolo di strada e senza nemmeno il diritto di costruirsi una moschea con i loro soldi su un terreno regolarmente acquistato con una colletta (qui a Genova e' successo)Personalmente ritengo che l'unico modo per mettere davvero i bastoni tra le ruote (delle ferrari) ai sauditi sia muoversi su tre fronti contemporaneamente:1) riconoscere pari diritti a chi vive nella nostra societa', pur proveniendo da altre culture2) spingere per una maggiore alfabetizzazione (anche araba) che porterebbe a poter leggere il Corano in proprio3) colpire i predicatori di fondamentalismi
  • EdGreen scrive:
    Che bel regime!!!!!
    Ah come mi piacciono i sauditi!!! Quattro pidocchi che affamano tutta la popolazione dell'arabia saudita, per andare in giro con le ferrari d'oro...e noi pure che facciamo affari con loro e permettiamo a questi regnanti di godersela...ma in fondo siamo tutti amiconi!! Poi veniamo a scoprire che i Saud , da bravi medievali wahabbiti, hanno finanziato i movimenti fondamentalisti di mezzo islam, madrasse su madrasse....E i nostri potenti ovviamente zitti in quanto gli fà tutto comodo....http://www.raisethehammer.org/images/bush_saud.jpghttp://www.wumingfoundation.com/images/rumsfeld-saddam.jpgSaddam andava punito, loro invece no e sapete perchè??? Perchè quello stupido di Saddam aveva tentato di cambiare i petroldollari in euro..ahiahaihaai pessima mossa!!!! Se non faceva quell'errore ( più quello della prima guerra del golfo ) a quest'ora poteva sorridere insieme ai Saud e all'amicone Musharraf.Due pesi due misure.
Chiudi i commenti