Scozia, 30anni di rughe in un clic

L'amministrazione scozzese ha deciso d'informare i cittadini del problema dell'invecchiamento demografico grazie ad un software che invecchia il volto degli utenti di almeno 30 anni. Perché si rendano conto di cosa li aspetta
L'amministrazione scozzese ha deciso d'informare i cittadini del problema dell'invecchiamento demografico grazie ad un software che invecchia il volto degli utenti di almeno 30 anni. Perché si rendano conto di cosa li aspetta

Edimburgo (Regno Unito) – Uno dei grandi problemi delle società moderne è il cosiddetto invecchiamento demografico : la presenza sempre più massiccia di anziani in rapporto al totale della popolazione rischia, in futuro, di destabilizzare i delicati e sempre più onerosi equilibri dei sistemi di assistenza pubblica. L’amministrazione scozzese ha deciso quindi di prendere il problema di petto e di dar vita ad una campagna d’informazione decisamente insolita, basata su un applicativo online che “invecchia” le immagini degli utenti.

Il progetto, chiamato Sharing Experience , richiede il riempimento di un questionario e l’invio di una foto del volto . Il sistema, una volta ottenuta la foto, la modifica con una serie di filtri grafici che ne alterano le caratteristiche in maniera da simulare il processo di invecchiamento biologico. Secondo la BBC , l’applicativo permette di vedere il proprio volto “invecchiato di almeno 30 anni”.

Entro pochi minuti dal riempimento del questionario, che richiede dettagli metrici sulle proporzioni del volto , il sistema invia la foto elaborata direttamente all’indirizzo di posta elettronica dell’utente. I risultati sono pressoché sconcertanti: “Non si può dire che non sia sorprendente”, ha detto la giornalista Louise Andrew dopo il suo primo esperimento con la “macchina dell’invecchiamento”. Una sua foto “invecchiata” è visionabile a questo indirizzo .

“La Scozia sta invecchiando”, ha detto il ministro delle politiche sociali scozzesi Malcom Chisholm, “e questa applicazione online permette ai cittadini ed alle istituzioni di capire esattamente come sarà la Scozia del futuro”. Nel 2004, stando ai dati diffusi dalla BBC, il 16% della popolazione aveva un’età superiore ai 65 anni: lo stesso segmento demografico, secondo le ultime previsioni, sarà oltre il 25% della popolazione entro il 2031. Il problema affligge anche l’Italia, che insieme al Giappone detiene il record mondiale di “paese più anziano”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 05 2006
Link copiato negli appunti