Scrive a Gates, che risponde con una Xbox360 nuova

Gli aveva scritto via email per un problema con la sua nuova console. Utente affezionato di Xbox era deluso da una questione tecnica. Bill non ci ha pensato due volte e gli ha regalato una nuova console

Roma – Scrivere a Bill Gates può servire a risolvere i propri problemi videoludici. Se n’è accorto un utente di Xbox360 che ne ha parlato al Consumerist , a cui ha spiegato di essere stato uno dei primi a comprare la Xbox360 quando è arrivata sul mercato. E ha raccontato il trattamento riservatogli da Microsoft, e dai suoi massimi dirigenti.

la firma di william “Ho avuto problemi non appena tirata fuori la console dalla scatola – spiega – e dopo settimane di discussioni con il servizio di customer care sono stato contattato dai loro dirigenti. Entro una settimana i miei problemi sono stati risolti e mi hanno mandato un sacco di cose gratuite, come giochi e controller. Due anni dopo, rieccomi con lo stesso problema. Questa volta ho scritto sia a Bill Gates che a Kathleen Hogan (Corporate Vice President, Worldwide Customer Service, Support and Customer and Partner Experience)”.

“L’ho fatto ieri – continua – 24 ore più tardi sono stato contattato dal customer care e una nuova console mi sta arrivando.
Avevo fatto qualche ricerca e individuato gli indirizzi di entrambi, che vi inoltro a vantaggio dei lettori”. Indirizzi che, per la cronaca, sono khogan@microsoft.com e billg@microsoft.com.

Non è detto che scrivere direttamente a Bill Gates serva a tutti, spigola CrunchGear , ma almeno in un caso ha funzionato, “ed è bello sapere che Gates ogni tanto dà un’occhiata alla sua posta elettronica”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andrea scrive:
    Universita italiane = alto livello
    Nonostante la propaganda dei film americani, le universita' USA sfornano grandi ignoranti (io ho studiato informatica la, mi sono laureato a 22 anni, e i miei esami sono stati tutti basati su quiz a crocette). Ritengo invece, lavorando ora con ingegneri ed informatici italiani, che questi siano molto, MA MOLTO piu' preparati di me, non sulle procedure e consocenze pratiche dell'oggi, ma sul modo di ragionare, di pensare, di razionalizzare i problemi e di risolverli brillantemente.So peraltro che anche i russi su questo sono degli assi. I loro matematici, informatici ed ingegneri sono assolutamente tra i migliori del mondo (non a caso, hanno mandato un satellite e poi un uomo nello spazio per primi).Quindi non credo che ne gli italiani siano messi male (come formazione) ne i russi. Il problema pero' e' che poi nel mondo del lavoro, gli usa ci superano alla grande per innovazione, oltre che per stipendi e possibilita' di carriera.Andrea
  • Undertaker scrive:
    Scuola russa e scuola italiana
    "i ragazzi usciti dall' universitá russa sono i piú preparati in matematica ed informatica"Sarebbe intreressante fare un confronto con i bulli analfabeti usciti da quel fallimentare carrozzone della "scuola italiana"
    • pino scrive:
      Re: Scuola russa e scuola italiana
      per essere interessante dovresti confrontarli con quelli uscite dalle università italiane di matematica/informatica... se guardi le superiori russe magari son asini come noi in matematica
    • gaspare scrive:
      Re: Scuola russa e scuola italiana
      analfabeti? Forse c'e' un po' di invidia nelle tue parole... comunque ha ragione il Sig. Kaspersky: in Russia la matematica e la crittografia sono le migliori facolta' che una persona possa frequentare. Per l'informatica, credo che un ph.D in America sia invece di gran lunga superiore..
      • Darshan scrive:
        Re: Scuola russa e scuola italiana
        La preparazione superiore degli americani è una leggenda...autolimentata dai loro telefilm...probabilmente i migliori ingegneri sono gli indiani o quelli del nord europa
    • andrea scrive:
      Re: Scuola russa e scuola italiana
      Nonostante la propaganda dei film americani, le universita' USA sfornano grandi ignoranti (io ho studiato informatica la, mi sono laureato a 22 anni, e i miei esami sono stati tutti basati su quiz a crocette). Ritengo invece, lavorando ora con ingegneri ed informatici italiani, che questi siano molto, MA MOLTO piu' preparati di me, non sulle procedure e consocenze pratiche dell'oggi, ma sul modo di ragionare, di pensare, di razionalizzare i problemi e di risolverli brillantemente.So peraltro che anche i russi su questo sono degli assi. I loro matematici, informatici ed ingegneri sono assolutamente tra i migliori del mondo (non a caso, hanno mandato un satellite e poi un uomo nello spazio per primi).Quindi non credo che ne gli italiani siano messi male (come formazione) ne i russi. Il problema pero' e' che poi nel mondo del lavoro, gli usa ci superano alla grande per innovazione, oltre che per stipendi e possibilita' di carriera.Andrea
  • TheGynius scrive:
    Bell'articolo
    Sono uno che ha usato AVP per anni. Lo scorso anno ho gongolato per l'offerta di AOL di offrire gratuitamente Active Virus Shield, ovvero una versione light del Kaspersky.Oggi sono sempre più tentato a comprarlo, ma per ora tengo duro con gli antivirus free (Avast!).Sapere il tipo di personaggio che sta dietro a tutto questo é una bella scoperta :D
Chiudi i commenti