Scrutinio elettronico, cronache romane

Ne parla in un breve racconto redatto durante lo scrutinio di ieri Emmanuele Somma, fellow FSF e rappresentante di lista in uno dei seggi a Roma dove era stata attivata la procedura elettronica


Roma – Appare molto grave la situazione della sperimentazione dello scrutinio elettronico nel seggio in cui sono stato nominato (Roma sezione 244, quella dove voto) in cui le operazioni di scrutinio manuale non hanno comportato alcun problema rilevante e sono fluite molto velocemente con la completa disponibilità di tutti i componenti del seggio, compresi i 4 rappresentanti di lista presenti (nessun voto contestato). Invece lo scrutinio elettronico è risultato affetto da numerosi intoppi di natura tecnologica e organizzativa , tali da pregiudicare in modo assoluto una eventuale ulteriore utilizzazione negli stessi termini della procedura fin qui vista. Nessun problema appare per i risultati del voto, conteggiato con procedura manuale.

Innanzitutto l’operatore informatico è presente al seggio senza alcun decreto di nomina, come previsto dalle apposite circolari ministeriali. Alla mia richiesta di visionare tale decreto di nomina mi è stata mostrata la fotocopia di un contratto di lavoro interinale, che avrebbe dovuto, secondo la società informatica contattata al telefono, sostituire il decreto di nomina. Peraltro non era disponibile nessuna attestazione di assegnazione formale degli operatori al particolare seggio o plesso, esistendo solo genericamente un elenco (in cui l’operatore di seggio non figurava) di tutti gli operatori impiegati nel processo di rilevazione elettronica.

Dopo la mia richiesta di apporre nel verbale la presente opposizione, il presidente di seggio ha ragionevolmente deciso di procedere comunque con la rilevazione informatizzata, in parallelo a quella manuale. Però a quel punto ci è stato comunicato che il sistema non era funzionante e che quindi era necessario bloccare le operazioni di scrutinio per due ore per attendere l’arrivo di un nuovo sistema funzionante. Di fronte alla richiesta di non bloccare completamente e per un tempo rilevante lo spoglio ma continuare solo con il sistema manuale, come peraltro previsto dalle circolari ministeriali in caso di indisponibilità dei sistemi elettronici, il computer si è magicamente rimesso a funzionare.

Al termine della rilevazione del Senato, gli operatori informatici hanno proceduto ad inserire nel programma i risultati dello scrutinio manuale cliccando tante volte in veloce successione. Il programma, differentemente da quanto comunicato in precedenza, prevedeva oltre il computo parziale dei voti lista per lista anche una tabella di riepilogo in base alla quale gli operatori modulavano i click come necessario a raggiungere i totali della tabella di scrutinio manuale.

Prima della stampa di conformità è stato da me verificato che per un errore d’inserimento, 7 voti erano stati conteggiati ad una lista (SOCIALDEMOCRAZIA) invece che ad una differente (I SOCIALISTI). Gli operatori, ottenendo informazioni da questi pannelli di verifica parziali, hanno provveduto a modificare la schermata in modo da aggiustare la situazione per ottenere dal presidente la conformità.
Solo di fronte alle mie rimostranze (anche queste riportate nel verbale), sono rapidamente ritornati sui propri passi per ripristinare l’errata situazione precedente.

Ciò che è peggio, l’attività degli operatori informatici appariva completamente separata e non immediatamente controllabile dagli altri componenti del seggio, in particolar modo dal presidente del seggio, visto da un lato la necessità di avere competenze informatiche per seguire le operazioni e dall’altra la possibilità da parte degli operatori di compiere azioni non direttamente comprensibili, avendo accesso alla tastiera, ai dispositivi di memorizzazione di massa e a procedure di modifica dei dati non direttamente visualizzabili. Inoltre il continuo movimento dell’operatore di plesso all’interno della sezione di scrutinio rende completamente impossibile assicurarsi che ulteriori modifiche non potessero essere avvenute da computer all’esterno del seggio stesso.

Anche nelle altri sezioni del plesso la rilevazione informatica ha avuto problemi rilevanti.

Dal punto di vista informatico ed organizzativo la rilevazione elettronica dello scrutinio, nel seggio da me direttamente presidiato, può considerarsi un esperimento banale, progettato con pressapochismo istituzionale e assoluta incompetenza tecnologica, realizzato per mimare le procedure manuali senza alcun approfondimento specifico tecnologico. Una sperimentazione che ha significato un aggravio rilevante della procedura manuale, e che, sotto un accurato presidio professionale, rappresenta un totale e sostanziale fallimento dei propri obiettivi. Sulla base del giudizio espresso ogni evoluzione può solo rappresentare un passo pericoloso verso la perdita della facoltà di verifica del voto democratico.

Se questo è una parte, piccola, del prossimo voto elettronico, allora va profondamente ripensato.
Da questa posizione, e per ora, non posso fare di più. Adesso torno nel seggio a verificare la Camera.

Emmanuele “exedre” Somma (*)
(*) fellow della Free Software Foundation e rappresentante di lista per la Rosa nel Pugno a Roma

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Movielink: come dall'Italia?
    Come fare per accedere a movielink dall'Italia? ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Movielink: come dall'Italia?
      - Scritto da: Anonimo
      Come fare per accedere a movielink dall'Italia?
      ;)Con l'aereo ;)
  • Anonimo scrive:
    gratis? ma in che formato?
    avi?divx?mpg?mov?
    • Anonimo scrive:
      Re: gratis? ma in che formato?
      - Scritto da: Anonimo
      avi?
      divx?
      mpg?
      mov?Ma non li possono dare in più formati? Tanto a loro che gli frega?
      • Anonimo scrive:
        Re: gratis? ma in che formato?

        Ma non li possono dare in più formati? Tanto a
        loro che gli frega?Vabbè che i dischi non costano più tanto, ma serve comunque sempre molto spazio.
    • Anonimo scrive:
      Re: gratis? ma in che formato?
      - Scritto da: Anonimo
      avi?
      divx?
      mpg?
      mov?Leggo sui siti americani che la pubblicità non potrà essere saltata. Quindi li potrai vedere solo con l'ipod, nel loro formato e ovviamente col DRM.
      • Anonimo scrive:
        Re: gratis? ma in che formato?
        non dovrebbe essere proprio così. non c'entra niente ipod o non ipod, da quello che ho letto saranno in flash, un po' come succede con youtube
        • Anonimo scrive:
          Re: gratis? ma in che formato?
          - Scritto da: Anonimo
          non dovrebbe essere proprio così. non c'entra
          niente ipod o non ipod, da quello che ho letto
          saranno in flash, un po' come succede con youtubeBoh quando escono lo sapremo.
          • Anonimo scrive:
            Re: gratis? ma in che formato?
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            non dovrebbe essere proprio così. non c'entra

            niente ipod o non ipod, da quello che ho letto

            saranno in flash, un po' come succede con
            youtube

            Boh quando escono lo sapremo. comunque sia sarà un formato delle palle dalla dubbia qualità artistica per non parlare della portabilitàW.Disney è morto più di 50 anni faQualunque diritto si possa accampare ancora su Topolino (nato nel 1929, fra un po' facciamo 1 SECOLO di vita) ha veramente poco senso di esistereCos'è questa ? La mancia per i poveri ?Consideriamo ormai la banda Disney come Patrimonio dell' Umanità e permettiamo a chiunque sul pianeta di goderne della visione o utilizzo a gratisQuesto sarebbe l'unico uso libero e civile di un prodotto che ha quasi 1 secolo di vita
  • Anonimo scrive:
    per la redazione: sitcom?
    Lost e DH non sono sitcom, sono Drama. Le sitcom sono quelle da 22 minuti con le risate del pubblico: come Friends :)
    • Anonimo scrive:
      Re: per la redazione: sitcom?
      - Scritto da: Anonimo
      Lost e DH non sono sitcom, sono Drama. Le sitcom
      sono quelle da 22 minuti con le risate del
      pubblico: come Friends :)Su Lost sono d'accordo, ma DH è un mix di drama, giallo, comicità, storie d'amore, problemi generazionali...infatti lo preferisco di gran lunga a Lost.
    • Anonimo scrive:
      Re: per la redazione: sitcom?
      - Scritto da: Anonimo
      Lost e DH non sono sitcom, sono Drama. Drammi? lol.
      Le sitcom
      sono quelle da 22 minuti con le risate del
      pubblico: come Friends :)scommetto che studi scienze della comunicazione :| che tristezza
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione: sitcom?
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Lost e DH non sono sitcom, sono Drama.

        Drammi? lol.


        Le sitcom

        sono quelle da 22 minuti con le risate del

        pubblico: come Friends :)

        scommetto che studi scienze della comunicazione
        :| che tristezzaNon sono quello che ha aperto il thread, ma ti sembra normale che tu lo critichi perchè sa qual'è la differenza tra una sitcom ed un telefilm seriale?Mah. mi sa che il prima essere triste sei prorio tu che non rispetti gli altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: per la redazione: sitcom?
      - Scritto da: Anonimo
      Lost e DH non sono sitcom, sono Drama.Lost fa ridere e dalla giungla arrivano le risate finte di un mostro inconsistente e sono tutti amici come in Friends. E i personaggi sono tutti da sitcom, c'e' quello grasso, il buon medico, l'arrogante, la vanitosa, il fratello buono, il tossico redento dalla amicizia, il miracolato, il padre che scopre come essere genitore, il figlio che impara a conoscere il padre, la donna remissiva ma forte, l'uomo scontroso ma dal grande onore, la bella criminale, la donna isterica, lo straniero che parla buffo e il cane mascotte.
      Le sitcom
      sono quelle da 22 minuti con le risate del
      pubblico: come Friends :)E quelle da 23 minuti no? :)
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione: sitcom?
        Secondo me chi segue Lost è una persona che rimane affascinata da qualunque cosa. Io ho visto 6-7 puntate perché mi avevano detto che era BELLISSIMO!!!!! E allora continuavo a vederle sperando in un'evoluzione straordinaria della storia.Invece chi è andato avanti mi ha detto che è una bella presa per i fondelli nei confronti degli spettatori. Nelle puntate ogni volta fa nascere un mistero nuovo e in 2 anni non ne ha svelato quasi nessuno.
Chiudi i commenti