Scuola e disabilità, il Punto Acca

A Roma


Roma – “Partito con l’inizio dell’anno scolastico, il progetto “Punto Acca” è già al suo primo bilancio con la rete delle scuole del XIV e XV distretto. Mercoledì prossimo 8 febbraio (…) oltre novanta insegnanti parteciperanno alla prima giornata di studio e ricerca, per confrontarsi con tutti i partner dell’iniziativa. Il progetto prevede un costante e capillare monitoraggio della realtà romana e l’archivio delle buone pratiche realizzate dalle scuole”.

Recita così la nota con cui Punto Acca, Progetto sperimentale di help desk sull’uso delle tecnologie per l’integrazione scolastica di studenti diversamente abili dà appuntamento tra le 10 e le 12.30 di mercoledì 8 (istituto Manzi, via de Magistris).

“Roma – spiega la nota – con 13.792 studenti disabili iscritti nelle varie scuole di ogni ordine e grado, si conferma la città italiana con la maggiore presenza. Ai grandi numeri corrisponde anche una crescente sensibilità ai problemi dell’integrazione e la capacità di studiare soluzioni adeguate”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luigi Donato scrive:
    Gestionale Personalizzato
    Segnalo una valida alternativa a questo gestionale, sicuramente più economica e soprattutto, personalizzabile al 100%https://www.DonaGest.com
  • Sara Innobit scrive:
    MosaicoX software gestionale onlint
    Buongiorno, vi comunico che è disponibile un gestionale alternativo a Mosaico SA, più aggiornato e innovativo. Si tratta di MosaicoX, un software in cloud che consente di gestire direttamente online il ciclo documentale, il magazzino, le scadenze e molto altro.E' un software flessibile e personalizzabile, grazie al quale ogni azienda ha la possibilità di ottenere uno strumento che si adatta alla proprie esigenze. Su richiesta può anche essere installato sul proprio pc o server. Per maggiori informazioni vi invito a consultare la pagina dedicata sul nostro sito: http://www.mosaicox.it E' possibile provarlo gratuitamente compilando il form presente in questa pagina:http://www.innobit.it/mosaicox_demo.phpPer informazioni: info@innobit.it - 02.89604808Sara Innobit srl
  • Sara Di Miceli scrive:
    IVA 21%
    Buongiorno, comunico a tutti coloro che utilizzano il software gestionale Mosaico SA che Innobit, in occasione dell'aumento dell'IVA dal 20% al 21%, ha rilasciato un aggiornamento per consentire ai propri clienti di modificare i propri dati automaticamente e in piena sicurezza. Consiglio a tutti gli interessati di consultare questa pagina http://www.innobit.it/contenuti/Comunicazione_importante/89.html o di contattarci al numero 02.89604808.Cordiali salutiSara Di MiceliInnobit
  • Sara Di Miceli scrive:
    Mosaico SA 2011
    Buongiorno, vi comunico che il software gestionale Mosaico SA è ora distribuito da Innobit e che è appena stata rilasciata una nuova versione con tante novità. Per visualizzare l'elenco completo delle funzionalità vi invito a seguire questo link http://www.innobit.it/contenuti/Mosaico_SA_2011/24.html
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno cambiato rotta?
    leggete la licenza GPL
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    nel mondo dell'IT windows ha causato lo
    scardinamento di professionisti anziani; guru di
    unix buttati fuori perchè tanto windows si
    installa facilmente.Piano: i vecchi guru unix (pre diffusione linux) erano spesso gente che chiedeva cifre immense solo per alzare il culo dalla sedia.Da questo punto di vista ha fatto molto piu' danno linux, che ha portato ad una certa standardizzazione (al tempo che fu, c'erano diversi unix proprietari, con differenze anche notevoli tra di loro).
  • Anonimo scrive:
    realta' vs opensource 2
    apro sto thread, dopo aver letto l'altro... solo per segnalare che nel "mio" campo (networking) mi sovvengono almeno 3 progetti opensource che sono comunemente usati in ambito internazionale..e sono winpcap (il porting delle pcap per win32, pezzo chiave di ethereal) a firma politecnico di torino e ettercap a firma di 2 baldi giovani milanesi e hping del buon antirez.quindi anche qualcosa di italiano esiste..
  • Alessandrox scrive:
    Re: Hanno cambiato rotta?
    - Scritto da: Bruco
    Mi ricordo qui su PI qualche anno fa quando era
    uscita la recensione del prodotto con
    un'intervaista al titolare della software house.
    Ricordo che il titolare diceva che per loro il
    software doveva essere gratis, e che puntavano
    sull'assistenza per produrre ricavi. Ricordo
    anche che parlava di una futura versione del
    programma in php, che ho aspettato invano fino a
    oggi.
    Mi sarei aspettato la notizia
    dell'implementazione in XUL,
    invece...evidentemente hanno rivisto tutte le
    loro scelte.
    IMHO, decisamente un passo indietro.http://www.teammosaico.biz/it/products/productmosaicox.htm
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    - Scritto da: pane@rita

    - Scritto da: Anonimo

    ma non ditemi che hanno sposato

    la causa di stallman, altrimenti mi scompiscio

    dalle risate

    infatti stallman si occupa di free software, non
    di open source

    ciao :)Per chi non conosce bene l'inglese vorrei che venisse spiegato che FREE SOFTWARE e' ben diverso da SOFWARE FREE
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    questi di mosaico hanno azzeccato la mossa al
    momento giusto, ma non ditemi che hanno sposato
    la causa di stallman, altrimenti mi scompiscio
    dalle risateComincia pure a ridere allora, perchè hanno sposato esattamente la causa di Stallman rilasciando il software sotto GPL. ;)A Stallman gliene frega una cippa se il software è gratis o se il mondo intero può partecipare al suo sviluppo, gli basta che il sorgente sia libero e che lo resti ad vitam.
  • Anonimo scrive:
    Re: Open Source ?
    - Scritto da: Anonimo
    Ciao a tutti,
    Ciao
    Mi viene da pensare che la ditta che lo produce
    abbia dato una interpretazione personale al
    concetto di OPEN SOURCE e alla licenza GPL.
    Il concetto di Open Source è di avere i sorgenti disponibili assieme al binario. Secondo me fanno nè più ne meno quello che la licenza gli permette di fare.
    1) il programma è scritto in Delphi che
    notoriamente non è open e deve essere acquistato
    (ad eccezione di una versione che però non è
    usabile commercialmente)
    Qui ti hanno già risposto. L'uso di strumenti chiusi non preclude l'utilizzo di una licenza aperta.
    2) utilizza librerie non open che devono essere
    acquistate per poter compilare il programma
    Come sopra, l'importante è che i sorgenti del programma distribuito sotto GPL vengano forniti assieme al binario.
    3) se il software è opensource con licenza GPL
    dovrebbe essere possibile scaricarlo, valutarlo,
    modificarlo, ecc. [....]Questa purtroppo è una convinzione che hanno in molti ed è assolutamente errata. La GPL impone solamente di fornire i sorgenti del software assieme ai binari. Se tu consenti a chiunque di scaricare il software dal tuo sito, allora devi fornire i sorgenti a chiunque. Se vendi il tuo programma (o lo regali) a uno o più clienti allora devi fornire i sorgenti solo a loro. In pratica puoi trovare qualcuno che l'ha già comprato e fartelo duplicare, è legale.
    4) Il programma utilizza (almeno fino alla
    versione 7) archivi PARADOX che non sono open
    ??? non ho capito bene ma penso che valga quanto detto per i punti 1 e 2.Sulla qualità del software non mi esprimo, mai provato.Ciao, Carlo
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno cambiato rotta?
    - Scritto da: Anonimo
    Be avran capito che con l'Open Source non si
    mangia....a differenza di chi sostiene il
    contrario...
    o sei sponsorizzato o nisba.

    Si chiama realtà
    "Milano - Whag S.r.l. ha rilasciato la nuova versione 8.0 di Mosaico Sorgenteaperto, un gestionale il cui codice viene distribuito sotto la licenza GNU GPL."
  • Anonimo scrive:
    Free Software
    Free Software... conta di più l'uomo o la macchina? i posti di lavoro o l'ipotetico avanzamento tecnologico? : il computer salverà il mondo? : Stallman avrà una ragazza di aspetto decente? egli si laverà una volta l'anno? : Linus riuscirà a mantenere i diritti sul suo Linux? ai suoi figli consiglierà di fare i panettieri e non gli esperti di computer science? : L'informatica è finita per gli sviluppatore/progettisti ed è solo più un passatempo come giocare a carte? : in pochi anni lo sapremo :'(
  • pane@rita scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    ma non ditemi che hanno sposato
    la causa di stallman, altrimenti mi scompiscio
    dalle risateinfatti stallman si occupa di free software, non di open sourceciao :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    Guarda io uso il software opensource, però devo ammettere che quello che dici è vero, ma solo per l'Italia. Da noi gli imprenditori non hanno la mentalità per fare strategie a livello europeo, sia col software open che con quello proprietario.
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    Sinceramente pagare un'aggiunta ad un programma così non ne vale la pena... piùttosto acquisto un programma più completo a pagamento...Ps. nessuno vuole le cose gratis, ma almeno cerca di offrire qualcosa di serio...no un prodotto che non puoi usare senza richiedere cose in più... si richiede almenu una base... cosa che con mosaico non ho trovato...
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo

    Al contrario io vedo la diffuZione della
    mentalita' garantista di avere i sorgenti, la
    diffuZione di unix e dei buoni sistemisti unix
    con un livello di conoscienze alto, buttando
    invece fuori quei cacciavitari che vivono
    reinstallando windows 2 volte l'anno.ho visto tempo fa un reportage sulla condizione economica in recessione degli USA.nel mondo dell'IT windows ha causato lo scardinamento di professionisti anziani; guru di unix buttati fuori perchè tanto windows si installa facilmente.
    Allo stesso apache abbiamo molti contributi
    italiano, in molti software open ci sono
    collaborazioni da parte di italiani, del resto
    esistono grossi progetti che siano solo di una
    nazione ?forse il tipo intendeva a progetti che lui percepisce come nati in italiano o sviluppati solo da italiani...credo che ignori che presso sourceforge c'è un grosso crm in lavorazione... magari la parte in italiano (traduzioni) non è molto vistosa.e lo sviluppo non si capisce se lo stia facendo un italiano... così la sua percezione è che gli italiani non facciano niente :)
    Piu' di una ditta creano portali web utilizzando
    xoops o phpdd, offrendo inoltre delle
    personalizzazioni via plughin a pagamento...ma stocazzo di plughin!!! PLUG-INsenza h!!! (eh!! mi avete fatto incazzare!)ok, scusate. :)
    Molti di questi plughin aaaaaaaaaaaaargh
    riguardano vari aspetti
    delle gestioni ufficio; come tutti i programmi
    che si basano su plughin e' sufficiente fare un
    test MD5 sul programma principale per assicurarsi
    che nessuno ci abbia infilato "sorprese".:)e non solo "installare"certo, come faccio a sapere che invece quello che mi "personalizza" non sta facendo le "sorprese" ?:)
    Qui e'
    normale fare di questi controlli sui programmi
    usati dalla contabilita', il rischio che vengano
    trovate modifiche non ufficiali in questo caso e'
    molto alto e porta a completa perdita di fiducia
    nel fornitore.del resto come fai, da cliente, a volere personalizzazioni e poi voler controllare se ci sono sorprese?hai bisogno di diventare tu stesso esperto.
    Se e' per quello anche le aziende che usano
    closed spesso l'hanno scaricato da internet,
    passando per il mulo... ok non per tutti ma se
    dovessi fare una percentuale direi il 70-80%eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeesattooo:)si vedrà col DRM e il TCPA come andranno le cose :)probabilmente l'informatica tornerà un po' seria.costi controllabiliprodotto in mano all'acquirentecompetenza necessaria e obbligatorialicenze umanecooperazione internazionalee fica per tutti ok ok ok ho capitoooo cià ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    Secondo me la realtà in breve è questa:


    1 - A nessuna Aziena da piace sviluppare



    da piace?




    open


    source, perchè nessuni darebbe i suoi
    sorgenti a



    nessuni?




    tutti e gratis





    2 -Molte aziende si sono buttate nell'open

    source


    solo per moda..sullo stile della new economy
    per


    raccimolare un po di soldi ....



    po'




    Abbiamo anche il saputello!!!!A me sembrano cose banali, non e' lui saputello, sei tu ignorante...
  • Anonimo scrive:
    Re: Hanno cambiato rotta?
    - Scritto da: Bruco
    Mi ricordo qui su PI qualche anno fa quando era
    uscita la recensione del prodotto con
    un'intervaista al titolare della software house.
    Ricordo che il titolare diceva che per loro il
    software doveva essere gratis, e che puntavano
    sull'assistenza per produrre ricavi. Ricordo
    anche che parlava di una futura versione del
    programma in php, che ho aspettato invano fino a
    oggi.
    Mi sarei aspettato la notizia
    dell'implementazione in XUL,
    invece...evidentemente hanno rivisto tutte le
    loro scelte.
    IMHO, decisamente un passo indietro.Be avran capito che con l'Open Source non si mangia....a differenza di chi sostiene il contrario...o sei sponsorizzato o nisba.Si chiama realtà
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Secondo me la realtà in breve è questa:

    1 - A nessuna Aziena da piace sviluppare

    da piace?


    open

    source, perchè nessuni darebbe i suoi sorgenti a

    nessuni?


    tutti e gratis



    2 -Molte aziende si sono buttate nell'open
    source

    solo per moda..sullo stile della new economy per

    raccimolare un po di soldi ....

    po'
    Abbiamo anche il saputello!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo



    2 -Molte aziende si sono buttate nell'open


    source solo per moda..sullo stile della new


    economy per raccimolare un po di soldi ....



    Siamo sicuri che tu avresti saputo fare di

    meglio...

    Considerazione tua....lascia il tempo che
    trova...come la considerazione 2 , del resto :)



    4 - Ce l'hanno menata con l'assistenza per
    fare


    business con l'open source, la realtà è che su


    1000 download ti contatta forse 1 azienda ad


    essere ottimisti.....



    E' normale in ogni pubblicita' che solo una

    piccola parte di pubblico sia attratta.

    No qui si tratta della diffuzione di una
    mentalità "a scrocco" tutto gratis , perchè
    pagare? è una considerazione tua e lascia il tempo che trova.secondo me ci sono molti che scaricano e pensano di usare senza intermediari... e invece non riescono :)
    Raccimolare un po di info sui forum, un
    po di info dall'amico etc etc...questo lo fai con
    il software che dovrebbe "poratare avanti" la tua
    azienda??? ma daiicosa credi che facciano migliaia di migliaia di persone col software craccato? Lo usano moltissime aziende e lo saie come fanno quando non sanno come fare? ;-) [ cut cose che non so ]


    8 - L'open source contribuisce alla [...]
    Be allora vai nelle aziende che utilizzano open
    source come freeware etc etc non sanno nemmeno
    che significa open source...neanche tu, allora :)
    sanno solo che
    l'hanno scaricato da internet...ok non per tutti
    ma se dovessi fare una percentuale direi il
    70-80%Se riescono ad usare il prodotto, bene. Se il prodotto non basta dovranno contribuire al prodotto.Chi ha creato il prodotto, lo usa, comunque.tu magari sviluppi un software OS e ci lavori, guadagni con quel lavoro. E intanto gli altri che vogliono contribuiscono e come te non guadagnano direttamente con lo sviluppo, ma con l'uso del prodotto finale a cui tutti hanno contribuito. Non contribuisce nessuno? Comunque tu puoi usare il prodotto, come tutti gli scaricatori-gratuiti chi svipuppa in questo modo non ha nulla in contrario; se tu ne hai, non sviluppare open; però sviluppa meglio di chi sviluppa open. produci qualcosa di migliore e la gente userà quello ... ti chiedo solo di non creare documenti closed. Qualsiasi altra tecnologia closed comunque ne risentirà e così tutto l'IT
    2 sistemi operativi??? ma che stai dicendo hai
    mai visto i tipi che installano ad esempio
    mosaico???
    Io ne ho conosciuti almeno 5 o 6...lasciamo
    eprdere va...e le "web agency" che propongono
    mambo???
    Dai siamo realisti!!! a me piacerebbe che fosse
    il contrario ma non è cosi.i clienti sono contenti?hanno quel che vogliono o sono insoddisfatti?Se sono soddisfatti, direi che il resto era fumo, fuffa, fiocchetti e inutilità ad alto, altissimo prezzo.
    Io non sono repositore :)eh no.dato che questa parola non esiste :)
    di nessuna verità, ah.ok."depositario" :)
    ho solo
    espresso il mio parere, parere che nasce da
    quello che vedo tutti i giorni in giro nelle
    aziende.ogni giudizio è formato in parte da quello che vediamo e in parte da come noi riteniamo che sia quel che vediamo.il classico... bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno :)
    Ho solo chiesto ad altre persone del settore come
    la vedevano!!!diciamo che quando uno parte così aggressivo è normale che trovi scogli un po' più appuntiti, nella discussione ;-)
  • Bruco scrive:
    Hanno cambiato rotta?
    Mi ricordo qui su PI qualche anno fa quando era uscita la recensione del prodotto con un'intervaista al titolare della software house. Ricordo che il titolare diceva che per loro il software doveva essere gratis, e che puntavano sull'assistenza per produrre ricavi. Ricordo anche che parlava di una futura versione del programma in php, che ho aspettato invano fino a oggi.Mi sarei aspettato la notizia dell'implementazione in XUL, invece...evidentemente hanno rivisto tutte le loro scelte.IMHO, decisamente un passo indietro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo

    eprdere va...e le "web agency" che

    propongono mambo???Cos'hanno che non va se lo studio del caso suggerisce l'uso di un sistema simile?
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo

    certo ma qui è + facile..perchè c'è la

    moda..quanti "programmatori" sono nati
    nell'epoca

    della new economy?? qualità?? avevo amici che

    facevano i magazzinieri(con tutto rispetto) in
    15

    giorni son divendati web designer in 25

    programmatori asp....

    Ecco, appunto, i leggendari "sparagestionaliVB"
    nelle varianti "ueb disaigner asp/vbscript" che
    fanno copia incolla da html.it e fanno il
    portale. Poi quando vedono linux e linguaggi più
    seri ecco che si terrorizzano e inneggiano contro
    l'open source. E il bello è che si fregiano
    dell'appellativo di "programmatori". A questo
    punto preferisco di gran lunga i cacciavitari.

    Ma spariranno presto.Certo che si con .Net sono andati in pappa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che non stiamo giocando a chi ha ragione e
    chi torto....
    poi...trai le tue conclusioni in modo
    offensivo...sparagestionali in VB provincetta
    italiana...Se ti scaldi tanto, evidentemente lo sei uno sparagestionali VB.
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo me la realtà in breve è questa:
    1 - A nessuna Aziena da piace sviluppareda piace?
    open
    source, perchè nessuni darebbe i suoi sorgenti anessuni?
    tutti e gratis

    2 -Molte aziende si sono buttate nell'open source
    solo per moda..sullo stile della new economy per
    raccimolare un po di soldi ....po'
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Secondo me la realtà in breve è questa:
    1 - A nessuna Aziena da piace sviluppare open
    source, perchè nessuni darebbe i suoi sorgenti a
    tutti e gratis
    l'opensource (il codice) esiste e non è nato dal nullaquel codice non è dio, non si è autogenerato, qualcuno lo ha scritto e nessun animale è stato ferito o ucciso durante la produzione
    2 -Molte aziende si sono buttate nell'open source
    solo per moda..sullo stile della new economy per
    raccimolare un po di soldi ....se prima non lo facevano, hanno affiancato al vecchio modo un nuovo modoquindi vecchi soldi + nuovi soldi = + soldiscelta opinabile? scelta loro.non la vuoi fare?non farla.
    3 - Chi "vende" Open Source in genere lo fa con
    software di altri, intendo scritto da altrisi vede che lo sa fare; si vede che agli "altri" sta bene, si vede che loro non lo sanno vendere, non gli interessa venderlo per vari motivi , vendono quello che riescono personalmente a gestire si vede che quello che lo vende comunque lo ha fatto proprio, lo conosce, lo apprezzaaltrimenti il cliente prima o poi se ne accorgerà
    4 - Ce l'hanno menata con l'assistenza per fare
    business con l'open source, la realtà è che su
    1000 download ti contatta forse 1 azienda ad
    essere ottimisti.....forse i download li fanno altre aziende che si fanno pagare con l'assistenza.gente che non sta li seduta e va a prendere il cliente?ovvero il download forse non lo fa il cliente finale
    5 - I progetti open source servono alle aziende
    per avere sotware gratis e per i programmatori
    per approfittare del lavoro altrui spacciandolo
    per proprionon solole aziende possono cooperare per avere strumenti a minor prezzo, ma tutte pagano con del lavoro.se non rilasciano le modifiche MA LE USANO SOLO LORO, sono fatti loro, lo puoi fare tu e loro.Se invece le modifiche le fanno e le danno ad altri, sono pubbliche e rilasciate, secondo la licenza!
    6 - Guardate i progetti open source in giro
    (italiani) non esistono gruppi di sviluppo...vergogna; ma è davvero così?ne sei sicuro?
    c'è
    l'azienda che ha il prodotto e tutti che
    scaricano....e basta..nessun contributo da parte
    de programmatori!!!!forse non credono in quel prodotto, non sono competenti, non sono interessati, il progetto è mal gestito... chi lo sa.tu hai una certezza, ma non so quanto sia fondata.
    7 - Altra barzelletta è che uno si scarica il
    prodotto Open Source ne crea dei "moduli" e li
    rende disponibili a tutti....cavolata ...se li
    tiene ben strettivedi punto sopra.dipende da dove va quel sw; lo usano per sé o lo rivendono?se lo usano per sé significa che il cliente ha bypassato la softwarehouse, ma questo significa comunque lavoro per programmatori!e se le modifiche le ha prodotte la tal softwarehouse quando le da al cliente deve dare anche la sorgente!
    8 - L'open source contribuisce alla svalutazione
    del software qualitativa?non credo.
    e crea la convinzione sempre piu
    radicata che "IO HO DIRITTO AL SOFTWARE GRATIS!!"
    0:" ma perche devo pagare per il software???"perchè devi pagare per conoscere la storia, la matematica, la geometria e quel che hanno scritto Carducci, Manzoni, Tasso e Dante? Non devi! Siamo esseri umani, non SOLO commercianti.Quando fai del lavoro ti viene pagato, altrimenti non farlo oppure gòdine, perchè non ci sono altri motivi per farlo.Io non chiedo più a nessuno di farmi un programma. Io chiedo che me lo faccia e mi LASCI LA SORGENTE con pieno diritto d'uso. Gli pago il suo lavoro, quello che ha fatto per me, quello che ha fatto in quel tempo, con la competenza che ha acquisito, quella necessaria a fare quel lavoro. Ci metti 2 settimane? Ti pago quelle. E FINE. Mi serve una modifica? Se sei stato bravo la fai tu, altrimenti prendo quello che ho COMPRATO e la faccio fare ad un altro. = CONCORRENZA = QUALITA' del servizio
    9 - La nascita di tanti personaggini, che
    installato e fanno i consulenti con prodotti open
    source, Skills=0 si vede che i clienti sono soddisfatti cosìse sai fare di meglio, come qualsiasi altro venditore passi e dici "io so fare meglio! e VE LO DIMOSTRO!"se invece loro amano il personaggino continueranno ad amarlo perchè l'amore è cieco. Alcune persone trovano una persona affidabile e gli danno fiducia anche per come è, per le relazioni lavorative che hanno con questa.
    solo danni uh?
    e svalutazione del
    lavoro dei professionisti dell'ITA mio avviso i cazzuti, se sono più cazzuti, spuntano, emergono comunque. E ti tocca pagarli per forza perchè sanno e fanno quel che altri non sanno.E quindi li paghi quel che c'è da pagare.C'è poi chi ha sempre guadagnato troppo perchè prendeva molto per fare quel che QUALSIASI PERSONAGGINO oggi sa fare.Ovvero installare ed andarsene.Se la tireranno di meno o di più?Magari di più :) Perchè sanno fare di più :)Certo, meglio se se la tirano di meno, fa più voglia chiamarli :)
    Potrei continuare mah
    ma mi piacerebbe capire come la
    vedete voi!!!dopo una sparata simile... davvero sei convinto che TI PIACE CAPIRE? :)Forse hai ragione ... io la vedo così: ci sono alcune persone che dicono: ci serve uno strumento; creiamolo, usiamolo per il nostro lavoro, manuteniamolo insieme, miglioriamolo insieme. Lo strumento cresce? Bene, nel mio lavoro lo userò, guadagnando, e suddividendo il carico delle difficoltà con gli altri che hanno bisogno delle stesse feature di cui ho bisogno io.Gli stronzi ci sono dappertutto. Se non condividono le modifiche non puoi mica ucciderli :)Vorresti? ;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Chiamarlo gestionale è una parola troppo
    grossa... tante parole, ma ora della fine non ho
    trovato nulla di buono... poi vuoi cose in più...
    bene, li paghi, che cavolo di progetto open è...
    :@Scusa dove c'è scritto che open source = gratis?
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source

    No qui si tratta della diffuzione di una
    mentalità "a scrocco" tutto gratis , perchè
    pagare? La diffusione di qualcosa di perfettamente legale, al contrario del 99% della roba che gira attorno al software proprietario, che di solito anche tu, ne sono convinto, scrocchi ampiamente, perché pagarlo, vero ? Attenzione, compi reato.Progetti foss di grande valore ce ne sono a centinaia, che hanno soppiantato le strombazzate soluzioni proprietarie, da apache a mysql, da sendmail e postifx a squid, da openoffice a firefox, pertanto stai solo facendo trollaggine di livello infimo
  • Anonimo scrive:
    Re: Open Source ?
    Riguardo ai tool ti hanno già risposto.Per il software che non puoi avere gratis... è perché la GPL non obbliga a dare gratuitamente i programmi.Ti obbliga però a fornire il sorgente alle persone a cui distribuisci il programma.Quindi se tu metti il tuo programma sul tuo sito devi essere in grado di fornire i sorgenti a tutti quelli che lo scaricano.Mentre se invece lo vendi e basta devi fornire i sorgenti solo ai tuoi clienti perché è a loro che lo distribuendo.I clienti però appena avuti i sorgenti possono metterli su un sito e farli scaricare a tutti. Oppure modificarli e creare una versione concorrente del programma.
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Guarda che non stiamo giocando a chi ha ragione
    e chi torto....
    poi...trai le tue conclusioni in modo
    offensivo...sparagestionali in VB provincetta
    italiana...In effetti parlavo esattamente degli amici da te citati : " certo ma qui è + facile..perchè c'è la moda..quanti "programmatori" sono nati nell'epoca della new economy?? qualità?? avevo amici che facevano i magazzinieri(con tutto rispetto) in 15 giorni son divendati web designer in 25 programmatori asp...."
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source

    certo ma qui è + facile..perchè c'è la
    moda..quanti "programmatori" sono nati nell'epoca
    della new economy?? qualità?? avevo amici che
    facevano i magazzinieri(con tutto rispetto) in 15
    giorni son divendati web designer in 25
    programmatori asp....Ecco, appunto, i leggendari "sparagestionaliVB" nelle varianti "ueb disaigner asp/vbscript" che fanno copia incolla da html.it e fanno il portale. Poi quando vedono linux e linguaggi più seri ecco che si terrorizzano e inneggiano contro l'open source. E il bello è che si fregiano dell'appellativo di "programmatori". A questo punto preferisco di gran lunga i cacciavitari.Ma spariranno presto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Realtà Vs Open Source
    Guarda che non stiamo giocando a chi ha ragione e chi torto....poi...trai le tue conclusioni in modo offensivo...sparagestionali in VB provincetta italiana...bah....discutere(litigare) con te lascia il temnpo che trova..cosi come le tue "affermazioni"....buona fortuna....
  • Anonimo scrive:
    Realtà Vs Open Source
    Secondo me la realtà in breve è questa:1 - A nessuna Aziena da piace sviluppare open source, perchè nessuni darebbe i suoi sorgenti a tutti e gratis2 -Molte aziende si sono buttate nell'open source solo per moda..sullo stile della new economy per raccimolare un po di soldi ....3 - Chi "vende" Open Source in genere lo fa con software di altri, intendo scritto da altri4 - Ce l'hanno menata con l'assistenza per fare business con l'open source, la realtà è che su 1000 download ti contatta forse 1 azienda ad essere ottimisti.....5 - I progetti open source servono alle aziende per avere sotware gratis e per i programmatori per approfittare del lavoro altrui spacciandolo per proprio6 - Guardate i progetti open source in giro (italiani) non esistono gruppi di sviluppo...c'è l'azienda che ha il prodotto e tutti che scaricano....e basta..nessun contributo da parte de programmatori!!!!7 - Altra barzelletta è che uno si scarica il prodotto Open Source ne crea dei "moduli" e li rende disponibili a tutti....cavolata ...se li tiene ben stretti8 - L'open source contribuisce alla svalutazione del software e crea la convinzione sempre piu radicata che "IO HO DIRITTO AL SOFTWARE GRATIS!!" 0:" ma perche devo pagare per il software???"9 - La nascita di tanti personaggini, che installato e fanno i consulenti con prodotti open source, Skills=0 solo danni e svalutazione del lavoro dei professionisti dell'ITPotrei continuare ma mi piacerebbe capire come la vedete voi!!!CiaoRiky
  • Anonimo scrive:
    Open Source ?
    Ciao a tutti, tempo fa ho avuto a che fare con il programma nelle versioni 6.X e 7.X. La versione 8.0 non la conosco.Mi viene da pensare che la ditta che lo produce abbia dato una interpretazione personale al concetto di OPEN SOURCE e alla licenza GPL.1) il programma è scritto in Delphi che notoriamente non è open e deve essere acquistato (ad eccezione di una versione che però non è usabile commercialmente)2) utilizza librerie non open che devono essere acquistate per poter compilare il programma3) se il software è opensource con licenza GPL dovrebbe essere possibile scaricarlo, valutarlo, modificarlo, ecc. Non sono mai riuscito in alcun modo a recuperare l'ultima versione se non tramite l'acquisto.Le versioni precedenti si possono scaricare ma non l'ultima. Se la volete, dovete comprarla.4) Il programma utilizza (almeno fino alla versione 7) archivi PARADOX che non sono openNon mi ritengo assolutamente un esperto di software open source e sono aperto a qualsiasi smentita e/o correzione.Comunque la mia esperienza personale è stata negativa in quanto il programma aveva dei limiti (numero di documenti registrabili limitato ai 128 mb della dimensione massima del Paradox) e alcuni fastidiosi bachi che ne complicavano l'utilizzo.Alla fine ho dovuto rimuoverlo e sostituirlo con un altro programma.La versione 8.0 non ho avuto modo di provarla e pertanto non posso esprimermi in merito. Potrebbe anche darsi che abbiamo risolto tutti i problemi e le incongruenze.CiaoLillo
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    - Scritto da: Anonimo
    Chiamarlo gestionale è una parola troppo
    grossa... tante parole, ma ora della fine non ho
    trovato nulla di buono... poi vuoi cose in più...
    bene, li paghi, che cavolo di progetto open è...
    :@un progetto open source, tipo linux o mysql, none' un progetto gratis, e' un progetto dove qualcunfinanzia qualcosa-
    qualcosa che poi viene resodisponibile, di norma sotto la stessa licenza opensourceda apache ad altri, il fatto che di norma non siatu a tirare fuori soldi, significa solo che tu lavoriper te stesso o che sei tu ad usare il softwareed a FARTI PAGARE da terzi.che poi nessuna "aggiunta" sia disponibile conlo stesso metodo neanche dopo che l'hai pagata.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    Condordo che non sia un gestionale, va bene, ma una cosa non la capisco....perchè secondo te le cose che vuoi in piu te le dovrebbero fare gratis????tu lavori gratis???Ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Strano modo di fare Open Source
    Chiamarlo gestionale è una parola troppo grossa... tante parole, ma ora della fine non ho trovato nulla di buono... poi vuoi cose in più... bene, li paghi, che cavolo di progetto open è...    :@
  • Anonimo scrive:
    Strano modo di fare Open Source
    questi di mosaico hanno azzeccato la mossa al momento giusto, ma non ditemi che hanno sposato la causa di stallman, altrimenti mi scompiscio dalle risate
Chiudi i commenti