Scuola italiana, un'ondata di PC

Il ministero dell'Istruzione pubblica il rapporto 2004 sull'informatica nelle scuole. Un rapporto secondo cui aumentano i PC, la diffusione di internet e le connessioni wireless. Con un occhio all'open source
Il ministero dell'Istruzione pubblica il rapporto 2004 sull'informatica nelle scuole. Un rapporto secondo cui aumentano i PC, la diffusione di internet e le connessioni wireless. Con un occhio all'open source


Roma – Il MIUR, il ministero dell’Istruzione, ha appena pubblicato i dati del rapporto 2004 sulle tecnologie informatiche nelle scuole italiane, una rilevazione dalla quale emergono secondo gli esperti del ministero alcuni sensibili miglioramenti che si starebbero verificando nel rapporto tra computer, internet e scuole.

“Si tratta – spiegano al ministero – del più recente rapporto analitico sulle tecnologie nelle scuole italiane, dal quale emerge ad esempio l’aumento della disponibilità dei personal computer nelle scuole, passati da un rapporto di 1:28 nel 2001 a 1:10,9 nel 2004, oppure la disponibilità della connessione ad Internet in oltre l’85% degli istituti italiani, la presenza di oltre 23.000 laboratori di informatica nelle scuole italiane di ogni ordine e grado e il cablaggio Wireless presente in oltre 700 istituzioni scolastiche”.

Il MIUR parla dunque di “balzo in avanti” e sottolinea l’importanza della crescente diffusione delle nuove tecnologie nella didattica nelle scuole elementari, laddove in passato erano gli istituti tecnici superiori i principali beneficiari degli strumenti messi a disposizione delle scuole.

Di grande importanza vengono anche ritenuti i programmi di formazione che hanno coinvolto soprattutto con l’e-learning quasi 200mila docenti, programmi che dovranno continuare a spron battuto anche nei prossimi anni secondo i progetti del MIUR.

“Per ultimo – si legge nell’abstract del rapporto – tale pubblicazione evidenzia lo stretto rapporto fra innovazione tecnologica nella scuola ed ampliamento delle dotazioni informatiche nelle famiglie, stimolando un ciclo virtuoso di utilizzo delle dotazioni multimediali non solo per favorire l’apprendimento nelle ore di lezione in classe, ma anche per sfruttare pienamente in orari extrascolastici le potenzialità offerte dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Tale utilizzo a tutto campo delle tecnologie informatiche verrà favorito inoltre dal progressivo estendersi dell’uso di libri elettronici , di supporti multimediali nella didattica, di prodotti software open source ai quali è dedicato il penultimo capitolo di tale relazione”.

Il rapporto e gli altri materiali relativi sono disponibili a partire da qui .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 09 2004
Link copiato negli appunti