Se i commenti fanno male alla scienza

Popular Science sceglie di negare ai propri utenti la possibilità di commentare gli articoli: un drappello di troll potrebbe bastare a far inabissare il destino della ricerca scientifica. YouTube adotta un approccio più moderato
Popular Science sceglie di negare ai propri utenti la possibilità di commentare gli articoli: un drappello di troll potrebbe bastare a far inabissare il destino della ricerca scientifica. YouTube adotta un approccio più moderato

Non svolgono una funzione di controllo rispetto ai contenuti, riescono a soffocare le discussioni inasprendo i toni e le interpretazioni dei lettori: Popular Science ha deciso di revocare al proprio pubblico la possibilità di commentare gli articoli, ha deciso di farlo nel nome della scienza.

È stata una decisione presa in maniera ponderata, tanto di dimostrazioni alla mano: il celeberrimo magazine di divulgazione scientifica non permetterà più di commentare i nuovi articoli. Perché i commenti non assolvono alla funzione propria dei sistemi di peer review , e avvelenano la missione compiuta dal sito, anche se i bot e coloro che prendono posizione a sproposito sono una minoranza rispetto alla più moderata comunità dei commentatori.

PopSci chiama in causa uno studio recente , in cui si confrontano gli atteggiamenti di due gruppi di lettori di un articolo scientifico, esposti gli uni a commenti educati e composti, gli altri a commenti dai toni fiammeggianti, densi di attacchi personali e di prese di posizione tanto forti quanto ingiustificate. Il risultato della studio ha convinto il magazine: i lettori dell’esperimento che sono stati esposti ai commenti più violenti hanno radicalizzato le proprie opinioni rispetto all’oggetto dell’articolo, indipendentemente dai contenuti dell’articolo stesso. Il meccanismo è implacabile: le opinioni dei lettori diventano opinione pubblica, la quale a sua volta indirizza la sfera di interesse della ricerca scientifica. Osservato ciò, spiega PopSci , “inizierete a capire perché ci siamo sentiti obbligati a premere il tasto off “.

Se il magazine ha deciso di rinunciare ad affrontare la questione, promettendo la possibilità di continuare a dibattere attraverso i social network e su sezioni appositamente dedicate previste solo per alcuni articoli, altri soggetti hanno pensato a risolvere il problema abbracciando soluzioni intermedie. L’ Huffington Post combatte i troll rinunciando all’anonimato, Gawker ha previsto dei filtri personalizzati e ha consegnato ai propri, numerosissimi utenti la responsabilità di gestire le conversazioni nel modo migliore.

Anche Google si è ora mosso in questo senso, svelando delle nuove funzioni per agevolare i dibattiti associati ai video. I commenti saranno vincolati alle identità su Google+, nel tentativo di responsabilizzare gli utenti e soprattutto di far emergere le relazioni fra i partecipanti alle discussioni, valorizzando quelle che si intessono fra le cerchie di interesse. Oltre alla possibilità di gestire con più flessibilità le discussioni private, riservate agli amici, o pubbliche, la piattaforma offre strumenti capaci di agire in maniera più drastica: qualora le nuove funzioni non bastino a far dipanare la conversazione in maniera civile, l’utente potrà controllare in anticipo i commenti relativi al proprio video, innescando un sistema di filtri basati su parole chiave che non lasci scampo ai troll.

filtri su YouTube

Gaia Bottà

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 09 2013
Link copiato negli appunti