Se il Creative Commons è un falso positivo

Cinque video perfettamente in regola rimossi da Vimeo su denuncia dell'antipirateria tedesca. Il software di identificazione ha fallito

Roma – “Vandalismo digitale”: così Mario Sixtus, giornalista e videomaker, ha definito l’operato della Gesellschaft zur Verfolgung von Urheberrechtsverletzungen ( GVU ), società tedesca che rappresenta i detentori dei diritti nella tutela del copyright. La rimozione dei propri video dalle piattaforme di sharing era assolutamente indebita: nessun materiale attinto da fonti protette, tutto rilasciato in Creative Commons per massimizzarne la libera circolazione.

Oggetto del contendere, cinque video caricati su Vimeo, piattaforma che consente ai cittadini della rete di mettere a disposizione informazioni sulla licenza con cui le opere sono rilasciate. Quattro video ad opera di Sixtus , rilasciati sotto licenza Creative Commons , un video, Du bist Terrorist , del regista tedesco indipendente Alexander Lehmann, vincitore di premi e distribuito sotto licenza libera. Sixtus e Lehmann detengono i diritti sulle proprie opere, hanno deciso di riservarsene solo alcuni: ma l’antipirateria tedesca è intervenuta chiedendone la rimozione, rimozione alla quale Vimeo ha provveduto senza battere ciglio.

Ora i video sono tornati ad essere disponibili online, la situazione si è chiarita, GVU ha offerto le proprie scuse . E ha contribuito a ricostruire l’evolvere degli eventi.

GVU si serve di un braccio armato, OpSec Security. Questa azienda utilizza un software che automatizza il processo di individuazione del materiale onlin che viola i diritti dei propri assistiti: è così che GVU può chiedere alle piattaforme che li ospitano di intervenire per rimuoverli. I cinque video sono stati rastrellati da OpSec Security su www.monsterstream.info , un aggregatore di link a risorse streaming disseminate in rete: i video ospitati da Vimeo sono finiti nelle maglie del software nonostante fossero perfettamente regolari.
Si è trattato di un falso positivo, si sono giustificati i tecnici di OpSec Security, di un errore di calibrazione. Ma non esisterebbe alcun tipo di calibrazione, avanzano dubbi gli scettici, nel decidere se un’opera violi o meno il diritto d’autore.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • guast scrive:
    Ma OpenSaprc ?
    Tante domande per OpenSolaris, però per capire se Oracle sta buttando a mare qualche prodotto o l'intera filosofia della Sun fare qualche altra domanda non sarebbe stato male.Per esempio come hanno intenzione di portare avanti lo sviluppo di Sparc ?Che ne sarà del progetto OpenSparc ?
    • anoMIMO scrive:
      Re: Ma OpenSaprc ?
      - Scritto da: guast
      Tante domande per OpenSolaris, però per capire se
      Oracle sta buttando a mare qualche prodotto o
      l'intera filosofia della Sun fare qualche altra
      domanda non sarebbe stato
      male.
      Per esempio come hanno intenzione di portare
      avanti lo sviluppo di Sparc
      ?
      Che ne sarà del progetto OpenSparc ?Mi sa che verrà silenziosamente abbandonato...
      • attonito scrive:
        Re: Ma OpenSaprc ?
        - Scritto da: anoMIMO
        - Scritto da: guast

        Tante domande per OpenSolaris, però per capire
        se

        Oracle sta buttando a mare qualche prodotto o

        l'intera filosofia della Sun fare qualche altra

        domanda non sarebbe stato

        male.

        Per esempio come hanno intenzione di portare

        avanti lo sviluppo di Sparc

        ?

        Che ne sarà del progetto OpenSparc ?

        Mi sa che verrà silenziosamente abbandonato...Se i progetti sono liberamente disponibili, credo che tra un paio di anni saltera' fuori una versione in "salsa di soia" del sopracitato chippettino....
  • digital scrive:
    Open solaris addio!
    E così se ne va anche open solaris...Peccato!Ma il vero peccato è che se oracle vuole implementare i programmo sun non deve necessariamente rilasciare il codice...Sarò pessimista ma prevedo molte cause a distro linux che imiteranno soluzioni oracle!
    • Anonymous scrive:
      Re: Open solaris addio!

      Sarò pessimista ma prevedo molte cause a distro
      linux che imiteranno soluzioni
      oracle!Se utilizzeranno soluzioni quali il Chinese Wall, per il reverse-engineering e la riscrittura, ne dubito (guarda ReactOS).Più che altro, confido in BtreeFS. Speriamo sia finalmente un'alternativa seria al ZFS. Pure Apple sta lavorando a qualcosa del genere.
  • Anonymous scrive:
    Se è così, che muoia...
    Se è così.. allora che OpenSolaris muoia. La community può benissimo riprendersi le idee di Solaris, integrarle in una versione di Linux e mandare definitivamente a *agare Oracle e Solaris. In questa maniera, inoltre, Solaris diverrà sempre più sconosciuto ed inutilizzato.Chi vuoi che si metta a perder tempo con un sistema operativo usato poche aziende al mondo, magari su hardware più unico che raro? Per non parlare dell'hardware.Ah, magari XYZ Inc. superpowa lo usa? E chi se ne frega. E' 1 compagnia su centinaia di migliaia. Non c'è niente di POWA in questo e neanche di sensato.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Se è così, che muoia...
      Concordo, a me dispiace molto ma è meglio chiudere subito invece di trascinare la cosa.Spero solo che gli altri prodotti, in particolare OpenOffice, trovino una via migliore per uscire di scena.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Se è così, che muoia...
        Deve perforza uscire di scena ? Sembra invece che prodotti come virtual BOX e Open office, se li vogliono tenere stretti (anche se hanno un pessimo gusto in fatto d'icone....)
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Se è così, che muoia...
          Se si muove Oracle non può che peggiorare le cose... e purtroppo parlo per esperienza personale.Non solo le icone stonano, mancano molte funzionalità ma almeno è un prodotto gratuito.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            A dire il vero "le mancate funzionalità" lo si sentiva anche da quando c'era sun. Ma dubito fortemente che azzoppino il progetto, sia perchè con la 3.X hanno avuto un boom di diffusione, poi per non parlare che sta venendo su bene...uccidere questo progetto sarebbe da idioti! Certo... potrebbero limitarsi a finaziare il progetto senza dettare strane regole...quelle icone nuove sono orripilanti !
          • iii scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            Se non ricordo male, le icone sono state cambiate per seguire lo standard dei documenti ODT
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            Si ma hanno ricevuto delle critiche riguardante l'usabilità delle icone, infatti nello standard vogliono rintrodurre le icone con colori diversi per applicazione.
        • cantinaro scrive:
          Re: Se è così, che muoia...
          probabilmente si finirà con una versione Open e gratuita di OpenOffice, affiancata ad una commerciale con funzionalità aggiuntive e supporto a pagamento... ovviamente per fare concorrenza a Office di Microsoft. Tutto sommato non sarebbe male avere una suite commerciale, piu' economica di Office e con pieno supporto ai formati odt...Dal punto di vista marketing potrebbe funzionare visto che la gente già conosce OpenOffice e "si fida" ...
          • DarkOne scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            - Scritto da: cantinaro
            probabilmente si finirà con una versione Open e
            gratuita di OpenOffice, affiancata ad una
            commerciale con funzionalità aggiuntive e
            supporto a pagamento... ovviamente per fare
            concorrenza a Office di Microsoft.

            Tutto sommato non sarebbe male avere una suite
            commerciale, piu' economica di Office e con pieno
            supporto ai formati
            odt...
            Dal punto di vista marketing potrebbe funzionare
            visto che la gente già conosce OpenOffice e "si
            fida"
            ...Si tratterà di capire di quanto verrà azzoppata la versione free...perchè è sicuro che si finirà così.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            Non è una buona idea, anche perchè altre suite concorrenti a MS office, hanno sempre avuto problemi a imporsi, nonostanti i prezzi aggressivi, mi ricordo di staroffice che costava una FRAZIONE di Office....
    • barra78 scrive:
      Re: Se è così, che muoia...
      Quoto....Spero in un Fork di oOo e di Vbox, di opensolaris poco mi interessa. Resta la questione Java.... Sun non aveva recentemente rilasciato una VM 100% opensource, riprendendo il lavoro fatto da RH con openJDK? Mysql ha alternative e fork a volontà e non mi preoccupa!Ho capito poco (e ho anche poco tempo per seguire la questione ora!) della denuncia ma spero in una risposta decisa da parte della UE (con bastonate) alle ultime mosse di Oracle...
    • Vindicator scrive:
      Re: Se è così, che muoia...
      - Scritto da: Anonymous
      Chi vuoi che si metta a perder tempo con un
      sistema operativo usato poche aziende al mondo,
      magari su hardware più unico che raro? Per non
      parlare
      dell'hardware.oddio, parlare di solaris e sparc come usato "da poche aziende al mondo" significa che o si è lavorato solo in ambiti di aziende piccole oppure che non si ha idea di cosa si sta scrivendo.discorso ben diverso per opensolaris la cui morte vedo di buon occhio, come già scritto altrove è solo sforzo della comunità open che va nella direzione sbagliata.
      • anoMIMO scrive:
        Re: Se è così, che muoia...
        - Scritto da: Vindicator

        oddio, parlare di solaris e sparc come usato "da
        poche aziende al mondo" significa che o si è
        lavorato solo in ambiti di aziende piccole oppure
        che non si ha idea di cosa si sta
        scrivendo.Quante/quali aziende non so, ricordo solo di aver visto alcune sparute macchine Sparc all'università molto tempo fa! In compenso c'è chi si ingegna a sfruttare la situazione, e cerca di trarre beneficio dalla incertezza generale regnante!http://www.it.redhat.com/migrate/solaris_to_linux/#resources
        • M S scrive:
          Re: Se è così, che muoia...
          Ti dico solo che Telecom (x non parlare di Vodafone) ha il parco macchine composto x il 70% SUN....
          • Vindicator scrive:
            Re: Se è così, che muoia...
            - Scritto da: M S
            Ti dico solo che Telecom (x non parlare di
            Vodafone) ha il parco macchine composto x il 70%
            SUN....Parco server ovviamente e ho come l'idea che abbiamo visto entrambi ciò di cui stiamo parlando. ;)I dipendenti invece usano tutti portatili windows.
Chiudi i commenti