Se il terrorismo corre sulla Rete

Secondo la CIA non solo Al-Qaida può sfruttare Internet. Il rischio di attentati tradizionali ed elettronici simultanei


Roma – Esiste un pericolo reale legato alle attività terroristiche online? Lo sostiene con forza un nuovo ennesimo rapporto che la CIA ha consegnato al Senato americano e lo affermano, con sfumature diverse, anche gli esperti europei che di questa materia hanno discusso a Londra.

Secondo la CIA, occorre tenere presente che l’organizzazione che fa capo a Osama Bin-Laden è solo uno dei soggetti terroristici che potrebbero sfruttare il cyberspazio per condurre attacchi o per amplificare l’eco di una propria azione. Altri gruppi, come Aleph, dispongono di fondi miliardari e, sempre secondo la CIA, possono ben dotarsi o già sono dotati di strumenti informatici di primo livello.

“Questi gruppi – sostiene il rapporto della CIA – hanno accesso in tutto il mondo e facilmente ad informazioni su armi non convenzionali, incluse quelle nucleari, via internet”. Un’affermazione che da un lato preoccupa i sostenitori della libertà di informazione e dall’altro non rappresenta una novità: già prima dell’11 settembre le istituzioni scientifiche americane avevano iniziato un’opera di “monitoraggio” delle proprie pubblicazioni online divenuta, dopo gli attentati di New York, anche opera di “auto-censura”. Quest’ultima nessuno sa quanto efficace… Il 18 ottobre 2001, peraltro, i presidente della National Academies affermarono che “restrizioni sono chiaramente necessarie per la salvaguardia di segreti strategici ma il libero flusso è necessario per accelerare il progresso della conoscenza tecnica e migliorare la comprensione delle potenziali minacce”.

A fare eco alla CIA è un meeting di Londra dove esperti internazionali hanno affermato nelle scorse ore che il rischio terrorismo esiste anche se non vi sono prove concrete che qualcosa accadrà. Ma si sottolinea l’importanza e la gravità di quanto accaduto nei giorni scorsi con l’attacco denial-of-service ai root server di Internet. E si evidenziano gli scenari possibili e tutti preoccupanti di un attacco terroristico internazionale i cui effetti potrebbero essere moltiplicati da un contestuale attacco cyber alla Rete e alle sue strutture essenziali.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    ma siamo sul pianeta terra?
    Io davvero sono al culmine..Nessuno è più coerente con le sue idee, avete notato? Allora, da una parte abbiamo saddam e bin laden che sono IN ACCORDO con gli USA. Tanto alla fine chi deve morire? Ovviamente gli invasati che purtroppo nei loro paesi vengono trattati come bestie e al momento giusto utilizzati come carne da macello. Ho detto che sono IN ACCORDO perchè è così, mi gioco quello che volete. Se analizzate bene la faccenda, tutto questo porta SEMPRE E SOLO SOLDI nelle tasche di tutti. La borsa crolla gli sciacalli corrono al volo a far razzia di azioni.. "Il mondo industrializzato" (l'occidente) vende armi al medio oriente. Il mediooriente le usa per attaccare chi gliele ha vendute, e chi le ha vendute può giustificare i grossi investimenti in campo militare intascando quindi bustarelle dai produttori di armi. Il mondo fila magnificamente, è un equilibrio perfetto. E io mi incazzo. Sarebbe ora di tornare veramente alla terra e di veder spazzata via tutta la "civiltà" dei nostri giorni. Peccato che sono ateo e non posso sperare nell'avvento dell'apocalisse.. però, magari un meteorite... Bhà, scusate, ma avete presente cosa significa vivere sapendo che le cose vanno così? tutti sanno come vanno le cose, ma nessuno fa niente.E alla fine a cosa ci si attacca? A una mail di saddam... è ridicolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma siamo sul pianeta terra? SI!
      Sì, bravo, vorrei dirti che sei un povero ipocrita, che fa la sua vita in questo paese di merda e non sa o non considera qual'è il vero prezzo che è stato pagato per il pane che mette sotto i denti o per la benzina che infila nel suo serbatoio nel momento in cui lo fa, ma quando lo scopre(!) si scandalizza e si sente in diritto di sollevare critiche grandi come il mondo di oggi: "globali" e poi dimenticarsi di tutto e tornare ai propri egoismi quotidiani.Ma non ti posso dire questo, perché io, come te, come quasi 60 milioni di Italiani, non ce la sentiamo di perdere il nostro piccolo quotidiano. Per cercare cosa? La libertà? La giustizia? La rivoluzione? Sì quella si può fare, ma solo la domenica, quando si esce dallo stadio, incazzati per un rigore che non c'era, incazzati per le ingiustizie dell'arbitro, allora siamo capaci di ribaltare e incendiare automobili e sfondare vetrine di negozi.I palestinesi, i croati, gli afgani, i curdi, i ceceni, sono troppo lontani, non ci toccano da vicino, o forse non meritano (!?) la nostra protesta, la nostra veemenza, la nostra ira per quello che gli accade e gli è accaduto, uguali a quello che saremmo disposti a fare per la nostra squadra del cuore. Certo anche il mio, come il tuo è solo uno sfogo. Le cose che non vanno in questo mondo sono infinite e tutti almeno una volta si svegliano dal loro torpore e si accorgono di questa realtà. Se ognuno di noi però nel suo piccolo, anzi piccolissimo, remasse ogni giorno, tutti i giorni, contro questo fiume in piena, se avesse, nel suo piccolo, tutti i giorni davanti agli occhi quei concetti di fratellanza, libertà, giustizia, onestà, sacrificio che solo pochi grandi uomini e donne nella storia ricordiamo avere avuto, dal nostro piccolo forse potremmo contagiare anche i nostri datori di lavoro, i nostri governanti, un intero paese, un intero mondo, dedito per il momento solo ad accattar quattrini a spese di tutto e di tutti, persino di noi stessi.Percio ti rispondo Sì! NOI siamo sul pianeta terra! Ma NOI chi?
      • Anonimo scrive:
        Re: ma siamo sul pianeta terra? SI!
        - Scritto da: Adesso Basta
        Sì, bravo, vorrei dirti che sei un povero
        ipocrita, che fa la sua vita in questo paese
        di merda e non sa o non considera qual'è il
        vero prezzo che è stato pagato per il pane
        che mette sotto i denti o per la benzina che
        infila nel suo serbatoio nel momento in cui
        lo fa, ma quando lo scopre(!) si scandalizza
        e si sente in diritto di sollevare critiche
        grandi come il mondo di oggi: "globali" e
        poi dimenticarsi di tutto e tornare ai
        propri egoismi quotidiani.Eheheh, mi hai ricordato il finale del film "Finché c'è guerra c'è speranza" con Alberto Sordi :-)
        Ma non ti posso dire questo, perché io, come
        (...)
        I palestinesi, i croati, gli afgani, i
        curdi, i ceceni, sono troppo lontani, non ciI croati? Perché, che tipo di oppressione stanno subendo attualmente i croati?
        una volta si svegliano dal loro torpore e si
        accorgono di questa realtà. Se ognuno di noi
        però nel suo piccolo, anzi piccolissimo,
        remasse ogni giorno, tutti i giorni, contro
        questo fiume in piena, se avesse, nel suo
        piccolo, tutti i giorni davanti agli occhi
        quei concetti di fratellanza, libertà,
        giustizia, onestà, sacrificio che solo pochi
        grandi uomini e donne nella storia
        ricordiamo avere avuto, dal nostro piccolo
        forse potremmo contagiare anche i nostri
        datori di lavoro, i nostri governanti, un
        intero paese, un intero mondo, dedito per il
        momento solo ad accattar quattrini a spese
        di tutto e di tutti, persino di noi stessi.Aggiungo, Se ognuno di noi però nel suo piccolo, anzi piccolissimo, si *informasse* ogni giorno, tutti i giorni...
        Percio ti rispondo Sì! NOI siamo sul pianeta
        terra! Ma NOI chi?Ehm, non ho capito la domanda, in altre parole? :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: ma siamo sul pianeta terra? SI!
        "noi chi?"già... bella domanda... cmq io nel mio piccolo non uso la macchina, anzi, ho 24 anni e non ho preso neanche la patente per questo principio, fregandomene anche delle ragazze che ti guardano male perchè "sei un ragazzo senza la macchina.."Vivrò male e senza tante comodità, ma non me ne frega niente. Il fatto è che se io dico una cosa è perchè la faccio e non per sfogo personale.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma siamo sul pianeta terra? SI!
          - Scritto da: [JARRET]
          "noi chi?"
          già... bella domanda...
          cmq io nel mio piccolo non uso la macchina,
          anzi, ho 24 anni e non ho preso neanche la
          patente per questo principio, fregandomene
          anche delle ragazze che ti guardano male
          perchè "sei un ragazzo senza la macchina.."
          Vivrò male e senza tante comodità, ma non me
          ne frega niente. Il fatto è che se io dico
          una cosa è perchè la faccio e non per sfogo
          personale.Bravo, lo faccio anch'io che sono parecchio piu' decrepito di te.(per lo meno, io ho la patente ma non possiedo ne uso l'automobile)e comunque ieri per andare alla festa di Hallowen della Heineken si e' formata una coda di 2 km all'interno di Milano sull'alzaia Naviglio Pavese...sai che comodita'.viva le biciclette!
        • Anonimo scrive:
          Re: ma siamo sul pianeta terra? SI!
          - Scritto da: [JARRET]
          "noi chi?"
          già... bella domanda...
          cmq io nel mio piccolo non uso la macchina,
          anzi, ho 24 anni e non ho preso neanche la
          patente per questo principio, fregandomene
          anche delle ragazze che ti guardano male
          perchè "sei un ragazzo senza la macchina.."
          Vivrò male e senza tante comodità, ma non me
          ne frega niente. Il fatto è che se io dico
          una cosa è perchè la faccio e non per sfogo
          personale.stessa età, stessa mancanza di auto-patente,dai un'occhiata a questo sito, io nel leggere certe argomentazioni, qualche anno fa, ho fatto anche altre scelte che ho poi scoperto essere coerenti con quel che pensavo.http://www.ebasta.org/can't stop the bikego critical mass!
  • Anonimo scrive:
    Caro Saddam
    Caro Saddam,scusa se ti rispondo solo adesso ma ho avuto molto da fare in questo periodo.Anche tu mi manchi molto Baffettino mio, spero di poterti riabbracciare al più presto, così potremo finalmente coronare il nostro sogno: i miei parenti, malgrado l'ostilità iniziale, sono finalmente d'accordo, possiamo sposarci!A proposito birbante, scommetto che l'hai fatto apposta a lasciare la tua email leggibile a tutti, lo so che ti è sempre pesato il dover mantenere nascosta la nostra relazione: anch'io ho sempre voluto gridarlo al mondo, inciderlo sui grattacieli...ma sai come sono fatti i miei parenti, sono gente all'antica. Comunque è tutto risolto finalmente!Dobbiamo cominciare a pensare alla cerimonia, non credi?So che li detesti, ma dobbiamo invitare anche Bush padre e figlio: prima che i nostri rapporti si guastassero mi sono sempre stati molto vicino nel momento del bisogno, anche economicamente. E poi è merito loro se noi due ci siamo conosciuti: non dimenticherò mai la prima volta che abbiamo dormito insieme nel nostro bunker...Comunque se ti fa star meglio possiamo mettere dell'antrace nei loro inviti, so quanto ti diverta questo giochino degli americani!Per le bomboniere ho visto delle bombe atomiche in argento molto carine, anche se mi hai già detto che per farmi contento vuoi mettere dei grattacieli-accendini con effetti luminosi e grida di terrore registrate: sei sempre così carino con me!Ora però devo proprio scappare, spero di ricevere al più presto una delle tue dolcissime lettere.Un bacione!Per sempre tuoBin Laden
  • Anonimo scrive:
    Guarda caso...
    ...il presunto buco dell'account di posta di Saddam Hussein vieni fuori proprio adesso e guarda caso c'è anche un'e-mail di un biochimico che offre aiuto e guarda caso adesso non si può più accedere all'account per verificare la veridicità di quanto scritto nell'articolo in questione.A quando un articolo sul buco dell'account di posta di Bin Laden (anche quello con Nome utente e Password uguali naturalmente) e la lettura di un'e-mail presente nello stesso dove X (sostituire X con il nemico di turno degli USA da bombardare, in questo momento Saddam Hussein, ma il gioco può essere utilizzato anche con altri in futuro) gli offre supporto logistico e quant'altro alla sua attività terroristica?
  • Anonimo scrive:
    pero', che bel sito.
    chissa' se e' piratato onno'. ragazz, questa si che e' globalizzazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: pero', che bel sito.
      AHAHAHAHAHAH.... questa è veramente bellissima!!!A momenti Bill Gates è più famoso di Bush, quindi se parli di America ti viene in mente il primo piuttosto del secondo, e questi usano un prodotto di mamma Microsoft per fare il sito!!!!AHAHAHAHAHAH.... vabbè, d'altra parte hanno anche le armi americane.....Ciauz.
      • Anonimo scrive:
        Re: pero', che bel sito.
        A me risulta russe e cinesi (ovvero gli stati che si ostinano a difendere l'iraq, altrimenti gli va in ginocchio l'economia se non sanno + a chi vendere armi legali e non)...
  • Anonimo scrive:
    Noooooooo
    Il server irakenowww.uruklink.netgira su una mandrake...Secondo voi hanno comprato il Power Pack o hanno fatto il download dei tre cd?
    • Anonimo scrive:
      Re: Noooooooo
      - Scritto da: ittita
      Il server irakeno
      www.uruklink.net
      gira su una mandrake...

      Secondo voi hanno comprato il Power Pack o
      hanno fatto il download dei tre cd?C'è l'embargo, li avranno scaricati...
  • Anonimo scrive:
    eheheh
    Ci ho provato, ma hanno cambiato la password :((;)
  • Anonimo scrive:
    biochimica
    beh, deve cercare di difendere il proprio paese da chi vuole rubargli il petrolio
    • Anonimo scrive:
      Re: biochimica
      - Scritto da: carmine
      beh, deve cercare di difendere il proprio
      paese da chi vuole rubargli il petrolioah si? dici che e' un problema di benzinai? e quindi, si bombardano i curdi con l'iprite? mah.
      • Anonimo scrive:
        Re: biochimica
        - Scritto da: Lock One


        - Scritto da: carmine

        beh, deve cercare di difendere il proprio

        paese da chi vuole rubargli il petrolio

        ah si? dici che e' un problema di benzinai?
        e quindi, si bombardano i curdi con
        l'iprite? mah.Anche i turchi ammazzano e discriminano i curdi, ma gli USA mica gli invadono e gli inglesi e gli americani mica ci volano sopra in difesa. A proposito, la No - Fly Zone non è una risoluzione Onu, ma un iniziativa autonoma anglo-americana. E per di più gli aerei anglo-americani bombardano non quando attaccati (altrimenti non bombarderebbero mai ovviamente), ma quando sono anche solo inquadrati dai radar. Ovvero l'iraq non a nemmeno il diritto di controllare cosa vola su quello che, in fondo, e suo territorio. Insomma, "non guardarmi o ti sparo".Come risultato, sarò facilissimo, quando servirà, far finta che alcuni aerei che andranno a bombardare il mar rosso o il sud della giordania o israele siano aerei provenienti dall'iraq.
        • Anonimo scrive:
          Re: biochimica
          Pienamente d'accordo. Tanti stronzi sono dalla parte americana. Non sanno o non vogliono sapere com'è la situazione, perchè hanno la testa nei media, e quello che gli dicono è sempre la verità. I "Cattivi" sono gli arabi o in generale i non appartenenti alla "santa e superiore civiltà occidentale".
          • Anonimo scrive:
            Re: biochimica
            - Scritto da: binladen@alqaeda.af
            Pienamente d'accordo. Tanti *cut*eh si, esistono i *buoni* ed i *cattivi*, vero? e poi esiste pure la befana e babbo natale. e alla fine esistono quelli senza argomenti che insultano, qualificandosi come persone. moderatore, e la ics?
          • Anonimo scrive:
            Re: biochimica
            c'è chi ha la testa nei media e chi ha la cacca nel cervello
          • Anonimo scrive:
            Re: biochimica
            - Scritto da: Alex
            c'è chi ha la testa nei media e chi ha la
            cacca nel cervelloE chi ha cervello e sta sempre dalla parte "giusta" ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: biochimica
          - Scritto da: Bibo
          Anche i turchi ammazzano e discriminano i
          curdi, ma gli USA mica gli invadono e gli
          inglesi e gli americani mica ci volano sopra
          in difesa. A proposito, la No - Fly Zone non
          è una risoluzione Onu, ma un iniziativa
          autonoma anglo-americana. E per di più gli
          aerei anglo-americani bombardano non quando
          attaccati (altrimenti non bombarderebbero
          mai ovviamente), ma quando sono anche solo
          inquadrati dai radar. Ovvero l'iraq non a
          nemmeno il diritto di controllare cosa vola
          su quello che, in fondo, e suo territorio.
          Insomma, "non guardarmi o ti sparo".
          Come risultato, sarò facilissimo, quando
          servirà, far finta che alcuni aerei che
          andranno a bombardare il mar rosso o il sud
          della giordania o israele siano aerei
          provenienti dall'iraq.Senti sono d'accordo con te su quasi tutto.Per sulla questione di sparare quando si viene tracciati dai radar è più controversa. Perchè puntare un aereo con un radar militare significa dare alla contraaerea la possibilita di mirarlo e abbatterlo[cosa per altro leggittima visto che quell'aereo in quel momento ha di fatto invaso il tuo spazio aereo], ed è quindi naturale rispondere immediatamente per evitare di essere colpiti subito dopo.Resta il fatto che le missioni di volo anglo americane oltre che illeggitime sono quasi sempre solo delle provocazioni volte a cercare queste micro conflitti per poter poi bombardare.E resta il fatto che se loro bombardano il sito adducendo la motivazione di essere stati inquadrati non abbiamo altro modo oltre che di fidarci della loro parola notoriamente inaffidabile per sapere se è vero.Probabilmente molti dei siti che vengono bombardati settimanalmente da 10 anni in Iraq non avevano nemmeno un radar. Spesso gli angloamericani sono andati a bombardare costruzioni petrolifere e civili appena ricostruite col solo scopo i tenere in ginocchio l'economia irachena.I crimini di Hussein contro i kurdi sono terrrificanti ma sicuramente di quelli all'occidente non gliene importa una sega se non di poterli usare come pretesto.Tutto queso è possibile perchè i vecchi radar si fanno tracciare, se tirassero fuori qualche ra
          • Anonimo scrive:
            Re: biochimica

            ginocchio l'economia irachena.
            I crimini di Hussein contro i kurdi sono
            terrrificanti ma sicuramente di quelli
            all'occidente non gliene importa una sega se
            non di poterli usare come pretesto.ovvio,se no avremmo già raso al suola la Turchia.una mia amica è curda, profuga in Italia, mi ha raccontato cose che piango solo a ripensarci, però la Turchia entrare nell'UE.All'occidente non importa una mazza dei curdi.
        • Anonimo scrive:
          Re: biochimica
          Scusa ma si tratta di radar militari. Se ti inquadrano hai al massimo 2 minuti di autonomia prima che una zanzara ti si pianti tra le kiappe...
  • Anonimo scrive:
    Domanda
    Non è illegale andare a leggere la posta (anche quella elettronica) degli altri senza permesso?
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda
      - Scritto da: Curiosoni
      Non è illegale andare a leggere la posta
      (anche quella elettronica) degli altri senza
      permesso?No, se la vittima è un 'nemico' degli stati uniti. Non l'avevi ancoa capito come gira il mondo? :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Domanda
      - Scritto da: Curiosoni
      Non è illegale andare a leggere la posta
      (anche quella elettronica) degli altri senza
      permesso?per non dire che l'hanno pure pubblicata e mezzo mondo (me compreso) ora sta a spernacchiarlo. e a giudicare da quello che stanno accatastando sui suoi confini, questo e' niente. anche lui, pero', che se la stia cercando?
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: Lock One


        - Scritto da: Curiosoni

        Non è illegale andare a leggere la posta

        (anche quella elettronica) degli altri
        senza

        permesso?

        per non dire che l'hanno pure pubblicata e
        mezzo mondo (me compreso) ora sta a
        spernacchiarlo. e a giudicare da quello che
        stanno accatastando sui suoi confini, questo
        e' niente.
        anche lui, pero', che se la stia cercando?sia che figata se Saddam gli fa causa e gli chiede pure i danni!!!voglio però vedere quando và a testimoniare in tribunalesaluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Domanda
          però sarebbe interessante che Saddam o un tribunale "iracheno" usasse stessi metodi e modi dell'FBI....Si, l'FBI, quella che "rapisce" persone che ha già deciso essere colpevoli...Sarebbe veramente da ridere....
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda
            - Scritto da: Gian
            però sarebbe interessante che Saddam o un
            tribunale "iracheno" usasse stessi metodi e
            modi dell'FBI....
            Si, l'FBI, quella che "rapisce" persone che
            ha già deciso essere colpevoli...

            Sarebbe veramente da ridere....salvo poi rilasciarne 4 un anno dopo averli messi nella cacca dicendo "mi sono sbagliato".non è una potenza, è una superprepotenza
Chiudi i commenti