Se l'odissea ADSL si chiama Burocrazia

Difficile ottenere l'ADSL se i meccanismi amministrativi si inceppano, al punto che è persino impervio determinare cosa sia accaduto. Malversazioni? La colpa è di un mercato ADSL monopolizzato


Roma – Gentile redazione di Punto Informatico, oramai sono giunto a scomodare anche Voi per un problema che si protrae da circa 7 mesi (14 Aprile primo contatto). 7 mesi fa infatti ho richiesto ad Infostrada l’attivazione di una linea ADSL. In un primo momento mi era stata preventivata una attesa di circa 15 giorni e fin qui tutto OK.
Successivamente l’attesa è stata protratta a 30 giorni perché, essendo io in possesso di una linea ISDN, i tempi vengono dilatati (e anche qui non ho nulla da obiettare) per la necessità della costruzione di una linea analogica parallela a quella standard (tale linea parallela mi era già stata installata per la precedente ADSL che ho avuto in prova con Telecom).

Trascorsi i 30 gg Infostrada mi avverte che ci sono degli intoppi nell’attivazione. Successivamente gli intoppi vengono identificati con problemi con Telecom. Allora chiamo Telecom e vengo a sapere che per Telecom io sono già in possesso di una linea ADSL attiva. In realtà io ero stato possessore dell’ADSL in prova di Telecom che però mi era stata disattivata alcuni mesi prima.

Superato il problema, Infostrada mi chiede altri 20 gg di attesa…attendo 20 gg, poi me ne vengono richiesti altri 15… Quindi, ennesima chicca, non riesco più a parlare con i telefonisti di Infostrada usando il telefono di casa e devo per forza chiamare con il cellulare, mezzo con il quale trovo costantemente la linea libera… Come ben sappiamo la pazienza ha un limite e giunto a metà Settembre invio la richiesta di rescissione del contratto per l’attivazione ADSL a Infostrada, che giunge a destinazione il 3 ottobre.

Per non rovinare la media, il contratto viene rescisso il giorno 5 Novembre, un mese dopo l’arrivo della raccomandata. Probabilmente molta gente richiede di rescindere contratti e quindi è difficile gestire tutte queste richieste. A questo punto chiedo l’attivazione della linea ADSL a Telecom.

Ma le peripezie non sono mica finite! Infatti benché il mio contratto con Infostrada sia stato rescisso, la mia nuova situazione contrattuale non è ancora stata aggiornata nei terminali Telecom (dai quali risulta che io sto ancora chiedendo l’ADSL a Infostrada) perchè Infostrada non ha ancora avvertito la compagnia rivale.

Poichè non solo l’unico in questa situazione (me lo ha detto più di un telefonista Telecom) e poichè è sempre difficile gestire un problema con una compagnia telefonica ho pensato di rivolgermi a Voi sperando nella vostra competenza.

Concludo dicendo che se già non capisco il trascorrere di 6 mesi per NON attivare l’adsl ancora meno capisco il trascorrere di un mese per avvertire Telecom che il contratto è stato rescisso! Ma non siamo nell’era di Internet? E’ mai possibile che per aggiornare il database di una compagnia telefonica ci vogliano mesi? I loro computer con cosa funzionano: caldarroste?

Aspettando e sperando in un vostro aiuto vi saluto e vi auguro un buon lavoro!

Daniel Francescon

Gentile Daniel
segnaliamo senz’altro la tua situazione a Wind-Infostrada ma è bene sapere che il tuo caso è solo l’ultimo di una caterva che riguardano Telecom Italia e gli operatori concorrenti. Situazioni che proprio questi ultimi hanno più volte denunciato pubblicamente e dovuti alle enormi difficoltà che incontrano nell’interfacciarsi con la burocrazia amministrativa dell’operatore dominante.

Se è vero che spesso e volentieri emergono problemi nella “trasmissione dell’informazione” all’utente sullo status dell’abbonamento ADSL, è anche bene prendere atto di quale sia il mercato italiano e chiedersi perché tutti gli operatori si trovano, alla prova dei fatti, a rivendere servizi venduti loro da Telecom, che è anche loro concorrente. Una situazione che si riverbera pesantemente su tutti noi.

Un saluto, in bocca al lupo,
Lamberto Assenti

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pasquy scrive:
    assistenza
    rivolgiti all'unione consumatori te lo sostituiscono al volo..è già successo a un mio amico e per evitare brutte pubblicità gli hanno dato un notebook di pari valore commerciale in sostituzione.ciao
  • Elwood_ scrive:
    ciao Einstein
    i postato il listino Apple del 2001 non sei un troll sei...ti continuavo a prendere per il sedere e non te ne sei accortoe mi hai pure scambiato per un altroe dai degli idioti agli altri:Dah beh se lo dici tu allora!
  • Elwood_ scrive:
    IMHO NON FATE COME LE LAVATRICI!
    Secondo me parliamoci chiaro IMHO Agli affaroni, in special modo sui notebook non c'ho mai creduto...in specialmodo se confrontiamo i prezzi tra i toshiba, gli HP e gli Ibm (che ritengo i migliori)e credo che risparmiare lo si può fare su una lavatrice o su un forno, ma credo che "risparmiare" su queste cose sia molto pericoloso...Affidarsi sul rapporto-qualità prezzo delle volte è molto più sconveniente di quanto si creda, ora andare a risparmiare su 150 euro o magari 200, può sembrare buona cosa, finchè poi non accadono queste cose putroppo.Ora se ci pensate bene, e confrontando i prezzi, e parliamoci chiaro un pentium 4 centrino o una scheda madre, alla fin fine per le case ha lo stesso prezzo... ma scusate vi siete chiesti ma come mai che i prezzi toshiba, sono nettamente minori rispetto ad altri?e qui non parliamo di scarpe ma di laptop...Qualcuno penserà : il nome... seee il nome, innanzitutto come ripeto i prezzi hw sono comunque allo stesso livello di tutti, certo che però (e virgoletto il però) SE i pezzi MAGARI (e virgoletto pure il magari) fossero di qualità non del tutto allo stesso livello delle case che vi fanno spendere e qualitativamente alla lunga dassero i problemi da voi evidenziati direste che è stato un buon affare? NO! Appunto Si pagate qualcosa in più ma quel nome ti da poi dei vantaggi che alla lunga ti migliorano la vita... Il consiglio quando comperate un laptop, non fate come i frigoriferi o le lavatrici, o peggio le scatole di pelati...Ragionate su i vantaggi anche che le case IMPORTANTI, vi danno... non basate la vostra spesa su leggende metropolitane o perchè il nipote del vicino (che è un ESPERTONE) Vi consiglia quel modelloControllate sui forum come questo ad esempio o sui forum di assistenza e fate le dovute considerazioni del casoMolte volte chi più spende, meno spende... anche di tempo, telefonate e spedizioniRseriesmente vostro ELWOOD
    • Anonimo scrive:
      Re: IMHO NON FATE COME LE LAVATRICI!
      - Scritto da: Elwood_
      Ragionate su i vantaggi anche che le case
      IMPORTANTI, vi danno... non basate la vostra
      spesa su leggende metropolitane o perchè il
      nipote del vicino (che è un ESPERTONE) Vi
      consiglia quel modello.Non credere alle leggende metropolitane?E allora dovresti comprare solo portatili Apple...oltretutto Linux ci gira meglio che su qualunque altra macchina.
      • Elwood_ scrive:
        Re: IMHO NON FATE COME LE LAVATRICI!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Elwood_

        Ragionate su i vantaggi anche che le case

        IMPORTANTI, vi danno... non basate la
        vostra

        spesa su leggende metropolitane o perchè
        il

        nipote del vicino (che è un ESPERTONE) Vi

        consiglia quel modello.


        Non credere alle leggende metropolitane?
        E allora dovresti comprare solo portatili
        Apple...oltretutto Linux ci gira meglio che
        su qualunque altra macchina.lasciamo perdere gli apple... per quanto riguarda linux ti dico che la compatibilità tra i notebook IBM e linux va alla grande ( i thinkpad ad esempio sono in quanto a compatibilità i migliori)Ma forse non mi sono spiegato adeguatamente bene... io dico che il concetto di spendo bene- spendo meglio lo trovi al sidis non in un negozio di informaticaPoi se uno vuole spendere poco e avere tutto faccia purema chi è causa del suo mal...Ciauz!
        • Elwood_ scrive:
          sei un troll senza alcun dubbio !

          Arancione? Mi sa che sei fuoristrada,
          colorati non li fanno più da anni..... ;)Sai è l'ultima cosa della Apple che ho visto ringraziando iddio :D



          ah be certo rispetto alle 1400-1500

          euro



          degli IBM un affarone ! :D Apple iBook G3 500 CD Euro : ? 1.389,99 Apple iBook G3 600 COMBO Euro : ? 1.784,99 Apple iBook G3 600 TFT COMBO Euro : ? 2.179,99 Apple PowerBook 800 ATI COMBO Euro : ? 3.675,62 Apple PowerBook G4 550 COMBO Euro : ? 2.574,84 Apple PowerBook G4 667 Airport Combo Euro : ? 2.999,58 Apple PowerBook G4 667 ATI COMBO Euro : ? 2.999,58 Dov'è il modello che dicevi troll?mamma mia un mattone proprio :D


          Ma lo hai mai messo in uno zaino un

          notebook


          IBM? La IBM fa mattoni improponibili
          come


          portatili, a meno che tu non abbia uno


          sherpa....ThinkPad R40Peso: 2.8Kg mamma mia che mattoni :D

          I mattoni come li chiami tu funzionano

          benissimo



          E grazie, se può pesare 10 chili riesco a
          farlo anch'io un portatile funzionante.
          Mi ricordo ancora il brufolo rosso in mezzo
          alla tastiera.....Troll event! detected
          Cosa hai letto? C'è scritto chiaramente
          nell'altro post:

          "Per la cronaca le altre due soluzioni sono
          l'Alti3000 SGI (cluster server)..."Cosa centra troll con i laptop? cos'è un amico tuo troll questo?
          Dove ha scritto che è un laptop?
          Non sai trollare e va bene, ma non sai
          neanche leggere...per scrivere come fai, hai
          qualcuno a cui dettare? :)E dove stava scritto che questo era un commento sui server SGI? su una lettera che parlava di di notebookFai notare sempre più la tua ACUTA INTELLIGENZA! :DTu oltre a non saper leggere non ci arrivi proprio ma non ti sforzare che ti sudano i piedi...
          PS: e comunque non hai risposto perché non
          conosci neanche l'inglese. Infatti hai
          preferito non quotarlo....trollone che non
          sei altro.L'Inglese lo conosco ma tu probabilmente nemmeno l'italiano sai leggere visto che il tizio in questione (amico tuo forse) ha pensato che per installare linux ci volesse un server della SGI credo che sia molto intelligente anche lui come te!
          Te lo traduco io: i Linux user dell'expo
          hanno dichiarato che i portatili Apple fanno
          un c*lo così ai notebook x86....
          Non i Mac user ma i Linux user....Troll event detected
          trollone...non sarai mica il "genio" che
          parlava di miMix in un altro forum? ;)Ah ma sei tu il tizio che leggevo e che sparava una serie di immani idiozie. (su mimix) insieme a quell'altro.. ah ora capisco...chiudo la questione per evidente inferiorità intellettiva (ovviamente da parte mia :D)
          • Anonimo scrive:
            Re: sei un troll senza alcun dubbio !
            Hai postato il listino Apple del 2001 :) :) :) non sei un troll, sei un idi0ta. Ciao miMix, il mondo Linux sarebbe molto meglio senza gente come te.....
  • emerod scrive:
    PE'92: le cose non cambiano
    Mi chiamo Elena Paviotti e volevo segnalare che il servizio fornito da Progetto Elettronica '92 e' sempre lo stesso.Io ho mandato presso di loro un Gericom Supersonic M6T a meta' giugno 2003 per la ventola rotta e altri problemi salutari al monitor ed al masterizzatore...Il 5 di agosto mi e' stato restituito sempre pero' con la ventola rotta. Nuovo rientro e nuova attesa.Ora e' il 2 settembre ed il portatile e tutt'ora in "attesa ricambi"...Vorrei invitare tutti quelli che hanno avuto dei disservizi con PE92 a contattarmi in modo da unire i nostri sforzi in questo senso.Ciao Elena
  • Anonimo scrive:
    non solo toshiba
    assistenza.... provate a leggere le condizioni di assistenza di un notebook ASUS... sono inquietanti...Andrea
  • lauraflowers scrive:
    Toshibe colpisce... un'altra volta!
    Nel mese di novembre il lettore DVD del mio notebook Toshiba smise di funzionare. Dopo aver fatto i controlli software di rito e aver provato a reinstallare i driver, credendo che fosse un problema hardware, ho portato il mio computer (ancora in garanzia) al negozio dove l?avevo acquistato perché venisse spedito al servizio di assistenza tecnica. Era il 27 novembre.Dopo qualche giorno ho provato a telefonare A progetto Elettronica 92 per sapere a che punto era la riparazione (sul sito Internet di PE 92 affermano di poter soddisfare il cliente in max 5 gg. lavorativi). Mi viene detto che il nuovo lettore DVD è arrivato e che il computer sarà pronto per il fine settimana. Ritelefono il venerdì ? ogni telefonata viene a costare piuttosto cara, poiché si deve attendere in linea per 10-15 minuti prima di trovare un operatore disponibile ? e mi viene detto che il computer è pronto e verrà spedito il lunedì (9 dicembre). L? 11 dicembre mi reco al negozio e mi sento dire che non è arrivato. Prendendomela mentalmente con il corriere provo a telefonare a PE 92 e mi sento rispondere che il computer è ancora sotto test. Il giorno successivo, avendo ormai capito che se volevo rivedere il mio computer prima delle feste dovevo darmi molto da fare, telefono e chiedo di parlare con un tecnico. Questo, a quanto pare, non è possibile. Vengo lasciata in attesa (di nuovo) e dopo un po? l?operatrice mi informa che il lettore DVD è stato cambiato ma ancora non funziona. Dopo circa mezz?ora ricevo una telefonata dal negozio con le ultime novità: hanno cambiato il lettore DVD ma ancora non funziona, pensano che sia un problema software, chiedono il permesso di formattare il computer ? al prezzo di 160 euro!!Il lunedì successivo, ormai furiosa, telefono nuovamente (poiché quelli del negozio non erano riusciti a contattare PE92 ? quando devi occuparti dei clienti è un po? difficile aspettare al telefono un quarto d?ora!). Cercando di non prendermela con la malcapitata operatrice di turno (va da sé che ogni volta parli con una persona diversa) le dico che posso occuparmi io del ripristino ? gratis! L?impiegata fa una breve indagine e mi informa che il DVD NON è stato cambiato perché non aveva niente e dice che se desidero provvedere io alla formattazione, mi rispediranno il computer il giorno dopo. Il mercoledì successivo, esattamente quattro settimane dopo, il Toshiba arrivava al negozio. Ebbene, ho eseguito la formattazione e tutto funziona. Avevano ragione loro. Ma perché raccontarmi tante storie? Perché metterci così tanto tempo? E soprattutto, perché chiedere soldi per reinstallare il sistema operativo?Ho scritto a Toshiba Europe e Toshiba Japan; se mi risponderanno ve lo farò sapere.
  • Anonimo scrive:
    TOSHIBA COLPISCE ANCORA!
    Circa due mesi fa, ho comprato un portatile Toshiba 1900-203 e dopo il primo giorno di utilizzo, la macchina si è spenta improvvisamente. Il problema si è ripetuto anche le successive volte, così ho deciso per la sostituzione. dopo più di due settimane ho riavuto una nuova macchina che neanche a dirlo aveva lo stesso identico problema!!! Così ho chiamato la Toshiba per richiedere una ulterirore sostituzione della macchina ma mi è stato risposto che siccome era passata più di una settimana dall'acquisto non era più possibile sostituirla ma c'era solo la riparazione in garanzia... Allora mi è toccato mettere in mezzo un legale per chiedere la risoluzione del contratto di acquisto... a questo punto la Toshiba è ritornata sui suoi passi e mi ha permesso di ricambiare la macchina una seconda volta. A tutt'oggi sto ancora aspettando il nuovo notebook. Comunque se il nuovo portatile che mi arriverà presenterà ancora difetti chiederò definitivamente la risoluzione del contratto (questa si può fare entro otto giorni dall'acquisto di un prodotto, però se viene cambiato gli otto giorni ricominciano dalla data di acquisizione del nuovo prodotto) e in più chiederò i danni alla Toshiba visto che ho perso un semestre all'università più i tantissimi viaggi fatti per andare al punto vendita per i vari resi. Invito tutti quelli che avranno i miei stessi problemi a fare altrettanto!
  • Anonimo scrive:
    Attenzione ai notebook ASUS serie L2000 !!!
    Se vi interessa un corretto utilizzo dell'uscita s-video .... lasciate perdere !! :-(C'è' ma funziona in modo pessimo (immagine a scacchettoni circondata da una spessa cornice nera).E l'assistenza fa finta di nulla ... (date un occhio su dejanews.
  • Anonimo scrive:
    Stesso Problema risolto così....TENTATE ANCHE VOI.
    Ciao,io ho avuto lo stesso problema con un Toshiba 1800-814 acquistato a febbraio 2002 per un cliente: spegnimento dello schermo LCD e spesso di tutto il PC, improvvisamente ed in modo casuale.Prima di mandare il PC in assistenza (purtroppo HP a parte che ritira il prodotto a casa e ne fornisce uno in sostituzione in 5 giorni [verificato da me] ,la latitanza dei centri assistenza è cosa comune), ho provveduto così:1) aggiornamento di TUTTI i driver del sistema ed in particolare quello della scheda grafica(win XP).2) Aggrionamento del BIOS della macchina.2) Installazione del Service PAck 1 per Windows XP.Il difetto è scomparso e non si ripresenta più ormai da 5 mesi. PRobabilmente almeno nel mio caso si trattava di un Bug nella gestione del risparmio energetico (Bios + Win XP).
  • Anonimo scrive:
    TOSHIBA VS PE92
    NOTEBOOK TOSHIBA 2180 CDT aziendale, spedito fuori garanzia fine settembre rientrato metà novembre.Da notare che il difetto era il floppy segnalato al momento della spedizione.Risultato per la sostituzione del floppy:2 mesi + 260 euro (valore 20 euro) = MAI PIU' TOSHIBADistinti saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: TOSHIBA VS PE92
      Anche noi abbiamo avuto un'odissea simile per colpa di PE92. Il portatile, un SATELLITE ST6100 nuovo di zecca, è stato inviato e rispedito per ben 5 volte in assistenza e ad ogni ritorno presentava un difetto diverso. Morale della favola, dopo quasi sei mesi, funziona quasi tutto e ci accontentiamo di non poter utilizzare il bluetooth, pur di avere un portatile quasi funzionante.
  • Anonimo scrive:
    Comp*q + Prog*E*92
    Mando in riparazione in 2 giorni cambiano la scheda madre,ora non si accende piu il monitor......Secondo me i pezzi che smontano li mettono su altri computer fintanto che sono sicuri che non vanno, cioè quando lo stesso pezzo gli torna 2 o tre volte forse lo buttano...
  • Anonimo scrive:
    compaq ... uguale esperienza
    07/01/2002 - data di acquistoLa maggior parte dei film in DVD vengono visualizzati a scatti tanto da renderne impossibile la visione.24/06/2002 - (1) sostituzione lettore DVD 4x: legge CD, non legge DVD25/06/2002 - (1) sostituzione lettore DVD 4x: legge CD, non legge bene DVD26/06/2002 - (2) sostituzione lettore DVD 4x: legge CD, legge DVD03/07/2002 - (3) sostituzione lettore DVD 4x:, legge CD, legge DVD16/10/2002 - (1) sostituzione lettore DVD 4x: legge CD, non legge DVDil centro di assistenza viene autorizzato da COMPAQ a sostituire il lettore DVD 4x un 8x21/10/2002 - (2) sostituzione DVD 4x con lettore DVD 8x: legge CD, legge DVD23/10/2002 - il lettore DVD 8x legge il CD ma non il DVD04/11/2002 - (4) sostituzione lettore DVD 8x e motherboard15/11/2002 - ritiro del notebook riparato16/11/2002 - prima accensione e verifica: il lettore DVD 8x legge il CD ma non il DVD______________________________nota:(1) il componente sostitutivo è arrivato difettoso(2) il componente sostitutivo è risultato difettoso dopo alcuni giorni di test(3) il componente sostitutivo viene prelevato da portatile del tecnico di assistenza(1-2-3) concessionario COMPAQ autorizzato solo per interventi esterni (lettori CD, DVD, ...)(4) centro di assistenza diretto che fa riferimento a PROGETTO ELETTRONICA 92______________________________Ora la macchina è stata prelevata direttamente da PE92, ma nutro seri dubbi sul fatto che questo possa essere l'intervento definitivo, soprattutto dopo aver letto i messaggi del forum.Guido
    • Anonimo scrive:
      precisazione
      Tutti gli interventi contrassegnati con (1-2-3) sono stati eseguiti entro il 2° giorno lavorativo come previsto dalla garanzia.L'ultimo intervento, come documentato, 15 giorni per avere la macchina ancora rotta.Ora mi aspetto almeno altri 7 giorni ...E' possibile che questi centri di assistenza siano organizzati così male da non rispettare mai i tempi di consegna?Guido
  • Anonimo scrive:
    stessa 'orrida' esperienza
    Vi scrivo in riferimento alle storie sulle riparazioni dei notebook Toshiba da parte di Progetto Elettronica 92.Anch'io ho vissuto l'"avventura" - perche' di questo si tratta - con il mio Satellite 5100-201 acquistato il 16 luglio 2002 ed improvvisamente guastatosi dopo 78 giorni - il 2 ottobre -...ho provveduto, quindi , ad inviarlo al centro di assistenza... bene dopo 36 giorni - il 6 novembre -, dei quali 26 lavorativi, mi e' ritornato con gli stessi problemi e non solo... si avete capito e letto bene: AVEVA PIU' PROBLEMI RISPETTO A PRIMA DELLA RIPARAZIONE!!!Dopo tale spiacevole fatto, ho chiamato direttamente il centro di assistenza per il successivo ritiro, avvenuto la settimana scorsa - con una settimana di ritardo rispetto ai tempi convenuti!!! - ... adesso spero solo che non si verifichi la stessa situazione di un mese fa. La cosa "afasciante" e' il fatto che, leggendo queste lettere, si puo' notare che su modelli diversi si presenta lo stesso problema, cioe' quello dello spegnimento del monitor LCD. Spero che qualcuno a Toshiba Italia o in altra sede competente prenda atto di tutti questi fatti (sia per quanto riguarda il centro assistenza che per i difetti seriali) e provveda alle opportune azioni atte al risolvere questa SCANDALOSISSIMA SITUAZIONE!!!!. PS: per non tralasciare niente io penso di continuare per via legale nel momento in cui riesco a trovare il contratto di garanzia scritto, cosi' da poterne verificare effettivamente tutte le clausole. Ciao e buon lavoro a tutti... sempre che il vostro notebook non sia in riparazione!!!
  • Anonimo scrive:
    Stessa esperienza
    Ho avuto la stessa disavventura quest'estate con un notebook Satellite 1900-101 nuovo di zecca (comprato ad aprile), l'ho spedito a riparare a fine luglio e l'ho riavuto ad inizio ottobre.La cosa più irritante è che per riuscire a conoscere lo stato della riparazione ho dovuto minacciare azioni legali: il numero a cui si doveva chiedere informazioni risultava perennemente occupato - anche alle 2 di notte! - e alle email non rispondeva nessuno.Toshiba e PE92, se li conosci li eviti.
  • Anonimo scrive:
    Per precisionee correttezza
    Ciao a tutti,Sono Roberto, quello che ha scritto la notizia. Le cose stavano così all'11 di Novembre. Gioved' 14 Novembre ho ricevuto una telefonata, nella quale PE92 mi informava della loro decisione di cambiarmi il notebook, con uno nuovo (da quanto ho capito, non erano riusciti a venirne a capo). Ad oggi il nuovo notebook non è ancora arrivato, continuiamo ad aspettare.Volevo ringraziare Punto Informatico per aver pubblicato la notizia.Grazie a tutti e buon lavoro.Roberto
  • Anonimo scrive:
    Mi hanno chiesto 60 euro per un preventivo...
    Come da titolo, ho mandato una email ai signori (signori?) dell'assistenza toshiba italia per chiedere un preventivo per la sostituzione del display di un notebook toshiba, e mi è stato risposto che non potevano darmi questa informazione via email, che dovevo richiedere un preventivo ufficiale dal costo di 60 euro.Morale della favola, sto cercando di vendere il mio toshiba per comprare qualcos'altro!
  • Anonimo scrive:
    per toshiba è la regola
    è capitata la stessa cosa a me due anni fa, per fortuna poi si è risolta, ma l'attesa è stata di 4 mesi di aventi e indietro, altro che i 5 giorni lavorativi.Ad un mio amico invece con HP gliel'hanno cambiato in una settimana, e non è la prima volta che sento parlare bene di HP, qualcuno conferma?
    • Anonimo scrive:
      Re: per toshiba è la regola
      Confermo:5 portatili, 2 toshiba e 3 hp che si sono rotti quelli di hp riparati in 2/3 giorni al massimoquelli di toshiba 2/3 settimane e 2 su 3 sono tornati indietro con difetti. Uno è stato spedito 3 volte!
      • Anonimo scrive:
        Re: per toshiba è la regola - precisazione.
        Da quello che ho sentito (leggende metropolitane?) sembra che il problema no sia toshiba, ma elettronica 92. Mi spiego: ho colleghi e colleghe chelavorano all'estero (francia, germania e GB) e molti usano toshiba. Nessuno ha avuto eo ha saentito di avventure del genere con il servizio di assistenza.
  • Anonimo scrive:
    toshiba mi ha deluso e non lo comprerò mai più
    Anch'io ne ho passate molte con toshiba e la sua assistenza. Ora me lo sto tenendo cosi', con un gancio del monitor rotto e lo schermo che ogni tanto perde un colore (quando si scalda troppo).Comunque dovevi aspettartelo che non avrebbero fatto niente in una settimana, visto che i tempi della loro assistenza sono di molto piu' lunghi (da quel che ho visto si parla di settimane se non di mesi).E non è vero che si comportino così solo con i privati, ti garantisco che si comportano così anche con le aziende, e non proprio piccole.Un consiglio? Beh il mio consiglio che mi sono dato è quello di non comperare più un toshiba.Io almeno la prossima volta compererò un IBM. E pensare che ero in dubbio ai tempi tra un IBM ed un Toshiba. Ho fatto la scelta sbagliata, ma come si dice: il cerino si sfrega una sola volta.
  • Anonimo scrive:
    PE92
    la societa' di assistenza per i notebook Toshiba non e' nuova a questi trattamenti, mi e' capitato qualcosa di simile 2 anni fa (ma ho dovuto aspettare 3 mesi tutti in una volta!), in questo periodo ho continuato a leggere nelle riviste specializzate lamentele dirette a Progetto Elettronica 92 (anche il nome e' brutto!).Quindi se comprate toshiba e avete la sfortuna di avere un notebook difettoso rassegnatevi a starci senza per un bel po'...
  • Anonimo scrive:
    Cosa fare in questi casi
    La materia è attualmente regolata dal D.L. n. 24 del 2-2-2002, che recepisce molta legislazione Europea nel campo.Per saperne di più, il testo, con alcuni commenti:***************************************************************Innovazioni legislative in tema di garanziaper la vendita di beni di consumoarticolo a cura dell'Avv. Piero Catelani di Firenze(segue: testo del decreto) Con il recente Decreto Legislativo n. 24 del 2.2.2002 lo Stato Italiano ha recepito, in materia di vendita e di garanzie di beni di consumo, alcuni principi statuiti a livello comunitario.Tale normativa segna un ulteriore e decisivo passo a favore di una maggior tutela del consumatore.Innanzitutto una precisazione: la normativa, e la relativa tutela, si applica a tutti i consumatori, con la sola esclusione di coloro che effettuano acquisti per scopi imprenditoriali o professionali; pertanto, per fare un esempio, si applicherà a chiunque compri un pennello o della vernice, ad eccezione però di chi svolge attività di imbianchino.Il decreto sancisce l'obbligo del venditore di consegnare beni conformi al contratto di vendita e chiarisce che tale conformità va valutata non solo con riferimento all'uso normale del bene, alla descrizione fatta dal venditore, alle caratteristiche pubblicizzate ed a quelle di beni dello stesso tipo sui quali può ragionevolmente formarsi il convincimento del consumatore, ma anche con riferimento a particolari usi richiesti dal consumatore stesso, purché espressi chiaramente al venditore e da questi accettati, anche con fatti concludenti.La normativa vincola pertanto il venditore alle informazioni pubblicitarie ed alle dichiarazioni in generale effettuate al consumatore durante tutte le fasi precedenti all'acquisto.In linea generale (salvo alcune piccole e marginali eccezioni) la normativa sancisce il principio di responsabilità del venditore in caso di difetti di conformità del prodotto venduto. In tal caso inoltre, con portata notevolmente innovativa, offre al consumatore la possibilità di scegliere tra le seguenti possibilità: la riparazione del bene acquistato, la sua integrale sostituzione, una riduzione del prezzo od infine la risoluzione del contratto.La decisione spetta sempre al consumatore, con l'unico limite che non potrà pretendere la sostituzione del bene qualora questa sia eccessivamente onerosa per il venditore (in tal caso spetterà solo la riparazione). Naturalmente sia la riparazione che la sostituzione saranno a carico integrale del venditore.Ugualmente importante è il principio secondo il quale sia la riparazione che la sostituzione devono avvenire entro un termine congruo dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore. Quale ulteriore garanzia viene offerta al consumatore la possibilità di chiedere la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto anche qualora la riparazione o sostituzione non sia stata effettuata entro un termine congruo.In buona sostanza la normativa, seppur riferendosi ad un concetto certamente variabile (la "congruità" del tempo necessario per le riparazioni), ha comunque posto un freno alla discrezionalità del venditore nell'effettuare tali riparazioni.Il Decreto Legislativo afferma inoltre che la responsabilità del venditore sussiste qualora il difetto di conformità si manifesti entro due anni dalla vendita; il periodo di garanzia, spettante per legge su ogni acquisto, viene pertanto innalzato a due anni. In tal caso il consumatore ha comunque l'obbligo di denunciare, a pena di decadenza, il difetto al venditore entro due mesi dalla scoperta.Pertanto su ogni acquisto effettuato dopo l'entrata in vigore del Decreto Legislativo (e dunque dopo il 23 marzo 2002), spetterà comunque una garanzia legale per due anni (a prescindere dalla durata della garanzia "convenzionale" offerta dal venditore). L'unico vincolo per il consumatore, come detto, sarà quello di denunciare il difetto tempestivamente, ossia entro due mesi dalla scoperta.(Avv. Piero Catelani) Alcune importanti modiche del Codice Civile in materia di vendita e di garanzie dei beni di consumo (D.L. 2 feb 2002, n.24) DECRETO LEGISLATIVO 2 febbraio 2002, n.24Attuazione della direttiva 1999/44/CEsu taluni aspetti della vendita e delle garanzie di consumo(Gazzetta Ufficiale n. 57 del 8-3-2002- Suppl. Ordinario n.40)IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICAVisti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;Vista la legge 29 dicembre 2000, n. 422 (legge comunitaria 2000), ed in particolare l'articolo 1, commi 1 e 3, e l'allegato B;Vista la direttiva 1999/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 maggio 1999, su taluni aspetti della vendita e delle garanzie dei beni di consumo;Visto l'articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400;Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 21 novembre 2001;Acquisiti i pareri delle competenti commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 1 febbraio 2002;Sulla proposta dei Ministri per le politiche comunitarie e delle attivita' produttive, di concerto con i Ministri degli affari esteri, della giustizia e dell'economia e delle finanze;E m a n ail seguente decreto legislativo:Art. 1.Disciplina della vendita dei beni di consumo1. Dopo il paragrafo 1 della sezione II del capo I del titolo III del libro IV del codice civile e' inserito il seguente paragrafo:"1-bis. - Della vendita dei beni di consumo.1519-bis (Ambito di applicazione e definizioni).Il presente paragrafo disciplina taluni aspetti dei contratti di vendita e delle garanzie concernenti i beni di consumo. A tali fini ai contratti di vendita sono equiparati i contratti di permuta e di somministrazione nonche' quelli di appalto, di opera e tutti gli altri contratti comunque finalizzati alla fornitura di beni di consumo da fabbricare o produrre.Ai fini del presente paragrafo si intende per:a) consumatore: qualsiasi persona fisica che, nei contratti di cui al comma primo, agisce per scopi estranei all'attivita' imprenditoriale o professionale eventualmente svolta;b) beni di consumo: qualsiasi bene mobile, anche da assemblare, tranne:1) i beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti secondo altre modalita' dalle autorita' giudiziarie, anche mediante delega ai notai;2) l'acqua e il gas, quando non confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantita' determinata;3) l'energia elettrica;c) venditore: qualsiasi persona fisica o giuridica pubblica o privata che, nell'esercizio della propria attivita' imprenditoriale o professionale, utilizza i contratti di cui al comma primo;d) produttore: il fabbricante di un bene di consumo, l'importatore del bene di consumo nel territorio della Unione europea o qualsiasi altra persona che si presenta come produttore apponendo sul b
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa fare in questi casi
      In questi casi non c'è nulla da fare. Si deve semplicemente prendere atto che il proprio notebook è sfigato:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa fare in questi casi
        - Scritto da: alberto

        In questi casi non c'è nulla da fare. Si
        deve semplicemente prendere atto che il
        proprio notebook è sfigato:-)Non so perchè ti rispondo, forse cado in una provocazione.Leggo (vedo che scrivi di notte, insonnia, coppa America?) e ricostruisco nei tuoi messaggi in questo thread che hai comprato decine di Toshiba, ovviamente top di gamma, e non hai avuto problemi. che Chiaramente quelli che spendono poco devono mettere in computo che il loro computer si rompe, quindi se ne devono fare una ragione; sono sfigati. Se la pensi così, mi fai venire una tristezza... per te ovviamente. Io credo che uno spenda quello che può e abbia il diritto ad avere un prodotto che non gli esploda ogni 3 per 2. Soprattutto abbia il diritto a non sentirsi irriso da nuovi filosofi della legge del più forte.Forse invece ho interpretato male i toui mex, allora ti chiedo scusa per averti giudicato così male.Ciao da Roberto
        • Anonimo scrive:
          Re: Cosa fare in questi casi
          - Scritto da: Roberto B.
          Leggo (vedo che scrivi di notte, insonnia,
          coppa America?) Forse la spiegazione è banale: lavoro di notte.
          hai comprato
          decine di Toshiba, ovviamente top di gamma,
          e non hai avuto problemi. No, non erano modelli top.
          quelli che spendono poco devono mettere in
          computo che il loro computer si rompe,Quelli che spendono poco e nello stesso tempo pretendono certe prestazioni, si.
          Io credo che uno spenda quello che può e
          abbia il diritto ad avere un prodotto che
          non gli esploda ogni 3 per 2. vedi sopra
          Soprattutto abbia il diritto a non sentirsi
          irriso da
          nuovi filosofi della legge del più forte.Secondo me l'utente dovrebbe sentirsi preso in giro da chi gli consiglia di risolvere il problema rivolgendosi alle associazioni dei consumatori e ai loro legali.
          Forse invece ho interpretato male i toui
          mex, allora ti chiedo scusa per averti
          giudicato così male.Mah, non saprei. Ciao.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cosa fare in questi casi
      i due anni valgono per la garanzia legale ma non per quella commerciale visto che molti vendor continuano a mantenerla il termine a 12 mesi (mi è capitato di controllare le condizioni di diverse marche di stampanti inkjet). Mi chiedo quali siano i parametri per distinguere una non conformità del bene, rispetto a quanto stabilito dal contratto di vendita, da un guasto ricandente in condizioni di garanzia "commerciale"...
      • Anonimo scrive:
        Re: Cosa fare in questi casi
        Quello che conta è ciò che stabilisce la legge.La legge attuale in materia, e cioè il D. L. citato stabilisce che tutti i prodotti per l'home consume (va bene, è inglese, cmq è lo stesso), venduti dal 2/2/2002 hanno una garanzia di 2 anni.Se il costruttore nicchia, una causa lo costringe ai suoi obblighi.Poi, importante: il decreto non dice assolutamente che è il costruttore ad avere gli obblighi delle prestazioni di garanzia, ma il venditore!Difatti in un ultimo acquisto mi è capitato un venditore che per la garanzia mi ha preavvisato di rivolgermi alla Philips (la marca del prodotto); cosa che normalmente farò se ne avessi bisogno per comodità e velocità, ma se dovessero sorgere dei problemi io come consumatore debbo rivolgermi solo al venditore (come ho fatto notare), se la vedrà lui con la Philips.
  • Anonimo scrive:
    Siamo in Italia
    Perchè sei sorpreso ?L'assistenza del tuo PC è una delle migliori in assoluto...italia esclusa ovviamente.All'estero la cosa funziona molto diversamente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Siamo in Italia
      Appunto ... soprattutto in USA il consumatore viene tutelato alla grande e hai sempre diritto alla sostituzione del prodotto anche per il minimo difetto.
  • Anonimo scrive:
    Notebook nuovo
    ho intenzione di prendere un notebook da 1500 1700 euro max, con athlon o p4 a 2ghz e 256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore DVDsu che modello mi devo orientare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      - Scritto da: Mario
      ho intenzione di prendere un notebook da
      1500 1700 euro max, con athlon o p4 a 2ghz e
      256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore
      DVD

      su che modello mi devo orientare?

      Un notebook a 2GHz? Per poi downclockare il processore a 700MHz e restare acceso un'ora? Prendi un Athlon desktop o, se proprio vuoi un portatile economico un iBook...
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      Fai attenzione che le schede di rete "integrate" dei portatili wintel succhiano buona parte della CPU.
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo
        Che esperienze hai di questa affermazione?Test e casistiche?Grazie!- Scritto da: latte stremato
        Fai attenzione che le schede di rete
        "integrate" dei portatili wintel succhiano
        buona parte della CPU.
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo
        - Scritto da: latte stremato
        Fai attenzione che le schede di rete
        "integrate" dei portatili wintel succhiano
        buona parte della CPU. Quindi basta scegliere in portatile linamd ed è tutto ok:))
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo
        - Scritto da: latte stremato
        Fai attenzione che le schede di rete
        "integrate" dei portatili wintel succhiano
        buona parte della CPU. Quindi basta scegliere un portatile linamd ed è tutto ok:))
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      - Scritto da: Mario
      ho intenzione di prendere un notebook da
      1500 1700 euro max, con athlon o p4 a 2ghz e
      256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore
      DVD

      su che modello mi devo orientare?

      Prendi un Toshiba. Io in 10 anni ne ho acquistato alcune decine e non ho mai avuto alcun problema.
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo eh certo!
        - Scritto da: alberto


        - Scritto da: Mario

        ho intenzione di prendere un notebook da

        1500 1700 euro max, con athlon o p4 a
        2ghz e

        256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore

        DVD



        su che modello mi devo orientare?




        Prendi un Toshiba. Io in 10 anni ne ho
        acquistato alcune decine e non ho mai avuto
        alcun problema.eh beh certo la lettera ti da certe sicurezze.... ;) e soprattutto questi post a favore dei laptop toshibauna garanzia di acciaio inossidabile
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      - Scritto da: Mario
      ho intenzione di prendere un notebook da
      1500 1700 euro max, con athlon o p4 a 2ghz e
      256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore
      DVD

      su che modello mi devo orientare?

      Scusaaaaaaa! Non avevo letto che al massimo vuoi spendere 1700 euro. Lascia perdere, con questa cifra troverai solo notebook (con le caratteristiche che richiedi) che si rompono subito:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      Mmmmhh, è un consiglio che vuoi, mi pare di capire. Bè, non offenderti, ma se sei lo stesso Mario che ha postato nel thread dei nuovi Celeron, lascia perdere i nootebooks e orientati verso un solida zappa con manico in frassino.. :))
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo
        No, non mi dispiace ma sono un altro Mario,cmq ho chiesto solo un cosiglio, ma noto che la stupidità di molti visitatori di questo sito è molto alta e l'intelligenza molto bassa- Scritto da: Lattenero
        Mmmmhh, è un consiglio che vuoi, mi pare di
        capire. Bè, non offenderti, ma se sei lo
        stesso Mario che ha postato nel thread dei
        nuovi Celeron, lascia perdere i nootebooks e
        orientati verso un solida zappa con manico
        in frassino.. :))
    • Anonimo scrive:
      Re: Notebook nuovo
      Non so se rientra nella tua spesa, ma un DELL, da quello che ho letto in giro, non ne ho esperienza personale, è l'unico con una assistenza post vendita degna di questo nome.Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: Notebook nuovo
        Oppure un acer,io ho usato un acer travelmate P3 per quasi 2 anni, mi si e' "rotto" in piena estate, praticamente quando connettevo il cd/floppy (esterno), non succedeva niente. Chiamo l'acer, dopo alcuni test fatti al telefono (che pero' avevo gia' fatto io), mi dicono di spedirlo a milano, chiedendomi scusa perche', in AGOSTO, ci sono pochi tecnici, quindi ci vorra' un po' di tempo. Ok, lo spedisco, pensando che lo rivedro' a settembre (se va bene). Invece, puf! dopo 6 giorni (compreso un sabato-domenica) ecco che arriva un corriere con un pacco dalla acer per me :PScarto il "regalo" ed ecco il mio portatile con una lettera dove mi si diceva che avevano dovuto cambiare la scheda madre. Lo accendo (credendo che avrei dovuto reinstallare tutto), invece sti poveri tecnici mi avevano pure reinstallato il S.O. con tutti i driver aggiornati!Insomma, io con la Acer mi sono trovato benissimo, compreso l'assistenza. Adesso ho un Compaq, sono 4 mesi che funziona da dio, ma l'assistenza (l'avevo chiamata per sapere se andava linux, e successivamente per avere informazioni su come resettare il contatore del cambio della regione nel DVD) mi ha praticamente liquidato con un'email del tipo "non forniamo assistenza su un SO diverso da quello preinstallato" (questa l'avevo messa in conto), ma praticamente ignorato per quanto riguarda il DVD (ho scritto 3 email, nessuna risposta).La prossima volta mi ripiglio un Acer..Alex
    • Elwood_ scrive:
      Re: Notebook nuovo
      - Scritto da: Mario
      ho intenzione di prendere un notebook da
      1500 1700 euro max, con athlon o p4 a 2ghz e
      256mb ram, scheda rete, porta IR e lettore
      DVD

      su che modello mi devo orientare?

      ma io ti consiglio la series della IBM o anche la HP esistono ottimi modelli anche della casa ma come avrai notato sul post devi fare attenzione alle sicurezze sulla garanziaIBM e HP hanno ancora qualitativamente un livello di assistenza molto elevatoio ho lavorato sugli IBM e non ho avuto mai un problema...ciauz
Chiudi i commenti